HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani |
  Cerca
ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANA C'ERA UNA VOLTA... LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!! Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italiane TABU' LUPO FIRMAMENTO SOCIAL ALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSO LUPO. ATTENDIAMO LUMI CHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIA Cos’è la caccia La ri-proposta Cuore di beccaccia Cacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardi LA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scoperta CARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODA Osservatori regionali, avanti! Ungulati: una risorsa preziosa La mia prima volta al cinghiale: onore alla 110! Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibile ANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTI TORDI TORDI STANNO TUTTI BENE ETERNA APERTURA TANTE MAGICHE APERTURE CI SIAMO! LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONE LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE ANCH'IO CACCIO MIGRATORIA, MA DI CHI? Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio francese REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO Lasciate la carne ai bambini Uccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi.... CINGHIALI D'UNA VOLTA DATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRA MONTAGNA, 22 ANNI DOPO Elegia per un vecchio signore LA GRANDE BUFALA Animali & Co: un problema di comunicazione LUPO O CINGHIALE? Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo Le allodole, mia nonna e le vecchiette La caccia e gli chef UNGULATI CHE PASSIONE PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA Le beccacce e il lupo QUESTIONE DI PROSPETTIVA La cinofilia ufficiale. Parte seconda con scuse PROBLEMA LUPO Bisturi facili. Cuccioli? No grazie Perché ho scelto il setter inglese? Galletti fa mea culpa Questa è la cinofilia ufficiale C'era una volta il cinghiale Bracconieri di speranze Gip, amor di cacciatore. Il piccolo francese SAVETHEHUNTERS, MATTEO TROMBONI SFIATATI I sistemi elettronici di addestramento GUANO CAPITALE In principio era una Dea C'era una volta l'orso bianco che campava di caramelle UNA TERRA DIVERSA MEMORIE. Da regina a regina informAZione? Iniziazione del cucciolone UNIONE AL PALO? LA PARABOLA DI CECIL CROCCHETTE VEGANE L'ecoturismo fa danni ALLODOLE PER SEMPRE TRUE LIES CI SIAMO? Natura. Madre o matrigna? LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPO UN’APERTURA DA FAVOLA I cuccioli di oggi MACCHE' PREAPERTURA CACCIA, PROVE E VARIA UMANITA' Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiere FORMAZIONE, FORMAZIONE! I cani da ferma oggi Arlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNA Prima informarsi, poi farsi un'opinione Effetto Flegetonte Il cane domestico (maschio) Il valore della caccia Chi è diavolo, chi acquasanta? CANDIDATI ECCELLENTI PUBBLICO O PRIVATO? LA FRANCIA E I MINORI A CACCIA REGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATI Caccia vissuta “Se questa è etica” QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PERO Le contraddizioni dell'Expo QUESTIONE DI CORPO L'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloni Calendari venatori: si riparte DOVE ANCORA MI PORTA IL VENTO LUCI E OMBRE DI UN PROGETTO CANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIO CHIUSO UN CICLO... A patti col diavolo... e poi? BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZO MISTERI DELLA TELE CANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILE E' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SA Tordi e beccacce tra le grinfie della politica Donne cacciatrici piene di fascino predatorio Italiani confusi su caccia e selvaggina Storia di una particella cosmica Vegani per moda Anime e animali MUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur Smith CHI LA VUOLE COTTA, E CHI.... Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsa ZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA! E se anche le piante provassero dolore? PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMA Momenti che non voglio scordare Anticaccia? Parliamone CACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELE CATIA E LA PRIMA ESPERIENZA CHIARI AVVERTIMENTI PIU' VIVA E PIU' AMATA ECCE CANEM DE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTI IL CATALOGO E' QUESTO.... CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIA ISPRA. UN INDOVINO MI DISSE... MIGRATORI D'EUROPA L'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggio MIGRATORISTI GRANDE RISORSA Fauna ungulata e vincolismo ambientale Decreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTRO Ai luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIO SPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHI DOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVE Biodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLA Le specie invasive ci libereranno dall'animalismo EUROPEE: SCEGLIAMOLI BENE La rivoluzione verde è nel piatto La caccia al tempo di Facebook SOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposo COSE SAGGE E MERAVIGLIOSE AMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDO C'ERO UNA VOLTA ALL'EXA QUESTA E' LA CACCIA! EUROPA AL RISVEGLIO TOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLA CACCIA LAZIO: quali certezze? ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTI UNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILE LO DICO COL CUORE IL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E' I veri volontari dell'ambiente DIAMOGLI CREDITO PROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIA Ambientalisti italiani, poche idee ma confuse Anche National Geographic America conquistato dalle cacciatrici Più valore alla selvaggina e alla caccia Il cinghiale di Colombo Porto di fucile - NON C'E' MALE! PAC & CACCIA LILITH - LA CACCIA E' NATURALE Effetto protezionismo Ispra: il caso beccaccia Il grande bluff dei ricorsi anticaccia COME FARE COSA FARE Supermarket society Romantica Tipi di comunicazione: C'E' MURO E MURO Ambientalisti sveglia! Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggiose SPRAZZI DI SERENO POINTER E NON PIU' SOGNO DI CACCIATORE UN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPO RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORI LA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOON ALLA FIERA DELL'EST VOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNA IL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI “Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunistico CACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISI Partiamo dalla Toscana ITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la caccia C’ERA UNA VOLTA… I cacciatori nel regno delle eterne emergenze Gli ambientalisti e la trave nell'occhio Addio alle rondini? L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato) ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI..... SUCCEDE ANCHE QUESTO BASTA ASINI AMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di Diana TOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTO ALLARME DANNI DANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga… STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA “L'ipocrisia delle coscienze pulite” UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALE CACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA' ZONE UMIDE: CHI PAGA? Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA SPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLE La Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’albero A SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo così NEORURALI DE NOANTRI FRANCIA MON AMOUR LA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIA TERRA INCOGNITA L’Italia a cui vorrei fosse affidata la caccia La marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVE COLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI? DIVERSA OPINIONE IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE Opinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!! A CACCIA A CACCIA!!! PROVOCAZIONI Estate di fuoco MISTIFICAZIONI SICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTO Sostenibili e consapevoli! COLPI DI SOLE COLPI DI CALORE Aiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti! TECNOCRATI? NO ESPERIENTI LA RICERCA DIMENTICATA PARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'! Orgoglio di contadino Campagna o città? CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRI CALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERE CONFRONTO FRA GENERAZIONI LA CACCIA CHE SI RESPIRA Rapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNO MUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà? Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga... DELLE COSE DELLA NATURA Cultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'Italia Il nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalisti LA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀ PAC IN TERRIS UCCELLI D'EUROPA GIRA GIRA..... STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNA TOCCA A NOI! CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLO IL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIA VERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTO PROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZA BECCACCE DI BEFANA CACCIA, FASE DUE PROVOCAZIONI DI FINE D’ANNO RICERCA RICERCA SPIGOLATURE DI NATALE Dai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONE NON ERA AMORE Finalmente autunno Il paradosso dell'Ispra IL PIANETA DEI CACCIATORI Le caste animali A CACCIA ANCHE DOMANI A CACCIA SI, MA DOVE? ORGOGLIO DI CACCIATORE Per il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIA APRE LA CACCIA! Amico cacciatore, guarda e passa Riforma sui Parchi in arrivo? E i cuccioli umani? MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATE LA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenza Il Pointer e la caccia Col cane dalla notte dei tempi Contarli, certo, ma come? Questa è una passione! IL PENTOLONE LA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE NON SOLO STORNO QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI La lezione di Rocchetta di Vara BASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITI CORONA L'ERETICO Cacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medaglia Deroghe: non è una missione impossibile AMBIENTALISMO E' CULTURA RURALE Sei il mio cane ALLE RADICI DELLA CACCIA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIA COME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA... BOCCONCINI PRIMAVERA CACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERE COMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIO QUESTIONE DI CALENDARIO LA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIA PRENDIAMO IL MEGLIO BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA TUTTI A TAVOLA RIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRE LA CACCIA SERVE. ECCOME! METTI UNA SERA A CENA Urbanismo e Wilderness: un confronto impari CONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEET GIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANI IL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in Italia Accade solo in Italia? L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza FRA STORIA E ATTUALITA' Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro “Solo” una passione Tra ideologia e strategia politica IL CATALOGO E' QUESTO TORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTO DA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro Brambilla Italiani ignoranti della caccia CACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNA Ed il giorno arriva DEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE! PRE-APERTURA DI CREDITO Domani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONE Alcune riflessioni sulla caccia in Italia Divagazioni per una rivoluzione culturale La senatrice Adamo va alla guerra PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci) Calendari venatori. Le bugie degli ambientalisti Un'arte chiamata caccia AREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLA Animalismi e solitudini In un vecchio armadio STAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODO Belli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI! Ieri, mille anni fa, io caccio Cosa mangiano gli animali degli animalisti? SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA MOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVO ORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICO Aerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo” ALL'ARIA APERTA! Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIA IPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOI IN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA! RIFLESSIONI DI UN PEONE IL PAESE PIU' STRANO DEL MONDO Fuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALE E Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTO L'Enpa insulta i cacciatori SELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIA America: un continente di vita selvaggia LA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezione LA CACCIA COME LA NUTELLA? LUPO, CHI SEI? Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no? TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGE A caccia con L'arco... A caccia con la storia... Interpretazioni e commenti di nuova concezione 10 domande ai detrattori della caccia IL BRIVIDO CHE CERCHIAMO La caccia come antidoto alla catastrofe climatica Per una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNARO CONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIA Caccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perduta Allarmismo e vecchi trucchetti Ancora Tozzi ? REALISMO, PRIMA DI TUTTO Le invasioni barbariche APERTURA E DOPO. COSA COME QUANDO Piombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquatici Di altro dovremmo arrabbiarci I GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecnici Un rinascimento ambientale è possibile Gelosi e orgogliosi delle nostre tradizioni LA CACCIA SALVATA DALLE DONNE? Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars Venandi Tutto e il contrario di tutto DALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO... IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATO La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova Tutti insieme... magicamente Ambiente: una speranza nella caccia SOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTA La Caccia ha bisogno di uomini che si impegnano LA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDO Il capanno: tra architettura rurale e passione infinita DONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANA EUROPA EUROPA VICINI ALLA VERITA' Beccaccia sostenibile CACCIA E SOCIETA' Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNI PARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidato CACCIA ALL'ORSI ORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORI UN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORI Ridiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevole Il cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia. 157: PENSIERI E PAROLE MA COS'E' QUESTA CACCIA? 157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONE MIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARE CINGHIALI CHE PASSIONE La cultura cinofila ATC DIAMOCI DA FARE Il vitello che mangi non è morto d'infarto! Ripensare la caccia? PER UN FUTURO DELLA CACCIA QUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONA PUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAM Un nuovo corso per gli ungulati Siamo noi le Giubbe Verdi Ruralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina La caccia secondo Giuliano, umorista de La Repubblica Questa è la caccia Il cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumi La cinegetica e la caccia col cane Gestione e tradizione BASTA TESSERE AMAR...TORD E il beccafico perse la via del nord Dimostriamo credibilità Apertura passione serenità editoriale - Fucili italiani come le ferrari Orgoglio di Cacciatore I Tordi e le Beccacce La Caccia è Rock

Editoriale

MIGRATORI TRADITI


lunedì 16 maggio 2011
    
Giornata Mondiale Uccelli MigratoriAttraversano continenti, oceani, foreste, volando per  migliaia di chilometri sopra le nostre teste. Lo fanno da milioni di anni, da prima che l'uomo comparisse sulla terra, sterminati secoli prima che l'ingegno creativo dell'Homo Sapiens iniziasse a sfruttarla. L'evoluzione in tutto questo tempo ha insegnato loro a orientarsi sfruttando la luce degli astri, la posizione dei fiumi, il flusso delle correnti e chissà cos'altro.
 
La loro vita, per molti aspetti a noi misteriosa, ci appare come una danza armonica ritmata dal lento e inesorabile susseguirsi delle stagioni.  Primavera dopo primavera  li ritroviamo nei nostri cieli, sotto i nostri tetti, volano affrontando ogni rischio raggiungendo il luogo in cui sono nati e trovano con una perfezione certosina il nido lasciato l'anno prima. Questo ed altri segreti fanno parte di un universo di nozioni e credenze, radicate nella cultura contadina – popolare e tramandate fino a noi grazie a mille proverbi ed espressioni dialettali, segno che la civiltà contadina di pochi decenni fa osservava il cielo con ammirazione, traendone suggerimenti utili per la propria vita e le proprie attività (è a  questa saggezza popolare che si devono le regole “etiche” della caccia, ancora oggi seguite ed apprezzate).

L'uomo del terzo millennio ha smesso di trarre ispirazione dal cielo e si dimostra piuttosto indifferente a ciò che succede ad un palmo dalla propria testa.  E' una questione di prospettiva. Con lo sguardo basso sul pavimento o fisso sui muri bianchi degli uffici e delle proprie abitazioni, non si può contemplare tanta bellezza. E nemmeno accorgersi dei gravi cambiamenti in corso. Se potessimo guardare il mondo con gli occhi degli uccelli migratori, vedremmo un fiorire di cemento, che anno dopo anno riduce inesorabilmente le aree umide ed il manto forestale. Se potessimo volare sulla nostra Italia, un tempo paradiso di habitat così diversi tra loro, così unici nel loro genere e così proliferi di biodiversità,  ci renderemmo conto che gli ambienti indispensabili alla sosta e alla riproduzione degli amati migratori (salvo quelli mantenuti dalla società civile impegnata in Atc e programmi di valorizzazione territoriale – molti dei quali avviati e sostenuti anche economicamente dal mondo venatorio) stanno scomparendo, nonostante il moltiplicarsi di aree protette di ogni genere, isole verdi che assomigliano più a parchi tematici, posti intoccabili e inaccessibili, anche se non certo immuni a speculazioni di ogni tipo (Cinque Terre docet).

Il consumo del suolo ed il suo utilizzo sfrenato, dissennato e irresponsabile, (non è un caso se aumentano frane, smottamenti e alluvioni nel nostro Paese), è il vero nemico dell'ambiente. E all'estero pare l'abbiano capito. Lo ha capito l'Europa, che ha basato i suoi programmi ambientali su una protezione partecipata, incentrata sulla valorizzazione delle tradizioni locali e sulla creazione di una rete di modelli ed azioni interconnessi tra loro (spirito completamente disatteso dalle nostre parti). Ma lo ha capito anche l'Unep (Programma per l'Ambiente dell'Onu), che proprio a questa questione cruciale ha dedicato La Giornata Mondiale degli Uccelli Migratori, una grande iniziativa promossa da due dei principali trattati internazionali interni al programma tematico delle Nazioni Unite: l'Accordo sulla Conservazione degli Uccelli Acquatici Migratori Afro–Euroasiatici (AEWA) e la Convenzione sulla Conservazione delle Specie Migratrici della Fauna Selvatica (CMS).

Cose come l'urbanizzazione massiccia, la deforestazione e l'estrazione di minerali, la bonifica di grandi zone paludose,  specie in un territorio relativamente piccolo e tortuoso come il nostro, portano alla progressiva frammentazione e alla scomparsa di complesse reti ecologiche che regolano la vita degli uccelli migratori. Il danno ambientale che ne deriva è immenso vista la progressiva perdita di delicati presidi vitali ed ecosistemi irriproducibili. Se non c'è garanzia  che sopravvivano questi luoghi, si assottigliano anche le speranze di veder tornare uccelli ormai sempre più rari, che proprio da questi ambienti dipendono per le proprie trasvolate.  

Anche un certo andazzo del mondo agricolo ha le sue belle responsabilità: l'agricoltura intensiva, l'utilizzo di pesticidi e altre sostanze tossiche, la trasformazione del territorio per fare spazio a nuove coltivazioni e nuovi allevamenti, contribuiscono ad un declino inarrestabile di fronte al quale troppo spesso i nostri amministratori chiudono entrambi gli occhi. Qualcuno in un blog di questo portale, all'indomani della presentazione della proposta di Coldiretti e Legambiente sui calendari venatori, dai più considerata penalizzante rispetto alle proposte riferibili ai Key Concepts della Direttiva Uccelli (peraltro piuttosto approssimativi per quanto riguarda il nostro paese), faceva notare che  sarebbe ora che il mondo venatorio cominciasse a sorvegliare e a denunciare con più forza quali danni la cementificazione selvaggia e un certo tipo di agricoltura provocano sulla fauna e sull'ambiente, specialmente quando nelle pratiche agricole si utilizzano diserbanti tossici, magari  all'interno delle Zps. Sostanze che fanno male agli uccelli e che probabilmente intaccano anche la nostra catena alimentare, visto che quei prodotti finiscono sulle nostre tavole.
 
Sarebbe bene anche ricordare per l'ennesima volta che l'attività di quasi un milione di cacciatori non inficia negativamente sulla fauna e che anzi, il costante lavoro di gestione e quello del mantenimento degli ambienti di caccia, sono fattori positivi per l'ambiente e universalmente riconosciuti (come ribadito dalla recente sentenza della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo). E in ogni caso, ove si registrassero pericolosi trend negativi, difficile sarebbe attribuirli alla caccia, visto che la stessa legge 157 prevede dal 20 al 30% del territorio interdetto all’attività venatoria. E in ogni caso, la stragrande maggioranza delle specie cacciabili non segnala sofferenza alcuna. Tranne quella di reperire sempre meno habitat adatti alla propria  permanenza.

Un concetto non deve sfuggire al mondo venatorio: chi si occupa di protezione ad altissimi livelli (ONU, Unione Europea) la pensa esattamente come noi. Crediamoci e facciamoci sentire.

Cinzia Funcis


 
Leggi altri Editoriali

14 commenti finora...

Re:MIGRATORI TRADITI

X gian: non posso che darti ragione. Il guaio, come ho più volte ribadito, é che di Cacciatori, quelli che amano la Natura, ivi compresa la Caccia, sono molto pochi. Si, é vero, i presidenti delle varie AAVV sono eletti dai cacciatori che si preoccupano, nella maggior parte, purtroppo, di due cose: quando e quanto si spara. Altro fattore negativo é che vi é sempre più , per la smania di sparare e non di cacciare, l'esodo all'estero là dove si spara e si abbatte quanto si vuole, senza limiti e senza che si pensi al futuro. Ma se si vuole almeno tentare di dover al più presto la doppietta al classico chiodo, e questa volta per sempre, occorre lottare e non arrendersi. Certo non saremo molti a farlo, ma basta che un po' per volta si parli con pacatezza ma determinazione e con inconfutabili argomentazioni, con parenti, amici, vicini di casa, colleghi di lavoro, conoscenti, forse, pian piano ridaremo la dignità che si merita al cacciatore, faremo capire cosa é la Caccia: quanti sacrifici comporta, quante restrizioni si hanno, quanto sia limitata nel tempo, nei luoghi venabili, nel numero di capi prelevabili, quanto si ama la Natura e come si cerca di proteggerla, soprattutto da leggi sbagliate fatte fare da anticaccia mascherati da animal-ambientalisti e in fine dare una mano a progredire al Partito Caccia Ambiente, unico e solo a difendere incondizionatamente la Caccia. in fine convincere che è solo l'unione che fa la forza: dividersi per campanilismo e/o per partitocrazia, é solo un danno perché così si da una mano agli anticaccia. Al lavoro, allora e non demordiamo mai, semmai contattiamoci per portare avanti la dignità del Cacciatore e difendere la Caccia. Una stretta di mano, Nino

da ninohunter.07@katamail.com 21/05/2011 18.33

Re:MIGRATORI TRADITI

Perchè bisogna essere dei scienziati che è inutile scoprire l'acqua calda! sono tanti anni che questi problemi si discutono senza niente di fatto. Purtroppo siamo rappresentati da inerte Associazioni Venatorie, d'altronde i loro Presidenti sono messi li dai cacciatori, i quali non hanno il coraggio una volta per tutte, di cambiare aria, visti i risultati che ottengono, di questo passo appenderemo il fucile al chiodo molto presto.

da gian 20/05/2011 18.00

Re:MIGRATORI TRADITI

Cosa succede? Questo editoriale, a mio insignificante avviso, merita maggiore attenzione ed un maggiore dibattito. Inoltre non é questo il posto dove parlare di politica se non relativa all'argomento. Forza cacciatori, esprimete le vostre idee o non siete venatoriamente preparati? Nino

da ninohunter.07@katamail.com 19/05/2011 16.34

Re:MIGRATORI TRADITI

da un primo sondaggio sembra che qualche legnata il partito della BRAMBILLA L'abbia presa

da gano 17/05/2011 12.35

Re:MIGRATORI TRADITI

D'accordo con te,cara Cinzia, ma non sono troppo convinto che la colpa sia di chi applica, sia pure a modo suo, le leggi. Forse la colpa é da ricercarsi anche sulla disgregazione della forza politica e sociale dei cacciatori. Una sola considerazione: se é vero, come é vero, che nel nostro paese ci sono circa un milione di cacciatori, già questa, se unita, mette paura a tutti, se poi consideriamo che ogni cacciatore porti almeno un altro voto .... mamma mia che forza saremo: altro che falsi animal-ambientalisti e/o anticaccia. Una stretta di mano ed un particolare saluto a Massimiliano Betti. Nino

da ninohunter.07@katamail.com 16/05/2011 18.19

Re:MIGRATORI TRADITI

Bello l'editoriale, quello che scrive la Cinzia noi l'ho vediamo tutti i giorni, scomparsa di territorio, case ,capannoni , centri commerciali, il tutto nelle poche aree rimaste intorno alle città, ma si sa i vari assessori mangiano con le costruzioni e edificazioni con la natura non ci mangia nessuno di questi signori, e quindi giù botte alla caccia e ai cacciatori.

da gladiatore 16/05/2011 17.04

Re:MIGRATORI TRADITI

ninohunter l'editoriale ovviamente voleva essere uno spunto da cui partire per riflettere sul fatto che le battaglie della caccia rispecchiano quelle portate avanti da organi istituzionali internazionali che si occupano di ambiente. Che poi le cose in Italia siano diverse, è un dato di fatto ma non è certo colpa dell'Europa o dell'Onu, piuttosto di chi da noi non ne mette in pratica i principi. Infine sul come farsi sentire non voglio certo dare ricette. Ma forse partecipare e fare proprie iniziative come quella dell'Onu potrebbe essere un'idea.

da Cinzia Funcis 16/05/2011 16.58

Re:MIGRATORI TRADITI

(seguito)Non voglio prolungarmi ancora sui parchi, disastri completi della Natura, della superficie non venabile da essi occupati che superano di ben oltre il 60% quello consentito e delle continue limitazioni sulla Caccia create da incompetenti ed incoscienti distruttori della Natura che seggono in parlamento, e che poi ci marciano con aziende inquinanti personali, calpestando i diritti sacrosanti dei cittadini che li hanno eletti.... Concludo chiedendoti precisazioni sulla tua ultima frase: " Un concetto non deve sfuggire al mondo venatorio: chi si occupa di protezione ad altissimi livelli (ONU, Unione Europea) la pensa esattamente come noi. Crediamoci e facciamoci sentire." Ma ONU e UE non consentono la Caccia uguale in tutto il territorio dello Stato Europa? Allora perché in quasi tutte le nazioni europee si caccia a dismisura, senza limitazioni così penalizzanti come quelle che vigono in Italia? L'Italia é o no una Nazione europea? E come dobbiamo farci sentire e per cosa? Una stretta di mano, Nino

da ninohunter.07@katamail.com 16/05/2011 16.13

Re:MIGRATORI TRADITI

Brava Cinzia...queste tue considerazioni sono ancora una volta la prova che se la caccia fosse più "donna", la sensibilità nei confronti dell'ambiente e dei veri problemi che affliggono il mondo venatorio sarebbe superiore, notevolmente superiore.

da massimo zaratin 16/05/2011 15.22

Re:MIGRATORI TRADITI

Ho letto con molta attenzione il tuo (se posso il tu) editoriale, gentile Cinzia, ma purtroppo, tranne che per poche cose, non mi trova d'accordo. Hai scritto:" L'uomo del terzo millennio ha smesso di trarre ispirazione dal cielo e si dimostra piuttosto indifferente a ciò che succede ad un palmo dalla propria testa ...." Bene se ciò fosse vero, e forse lo é, la causa é da ricercarsi e nella accanita lotta all'Arte Venatoria e quindi ai tempi e luoghi ove é ancora possibile cacciare: che vuol dire anche osservare voli e canti di migratori alati e quindi accorgersi dei cambiamenti dell'habitat che condizionano il comportamento dei migratori che, per fortuna loro, riescono in qualche modo ad adattarsi. E questo lo fanno i cacciatori, non gli ambientalisti!!! Per quanto riguarda le zone umide, dobbiamo dire grazie e alle bonifiche fatte senza criterio e ai parchi che versano in assoluto abbandono. Stessa cosa per quanto riguarda la selvaggia ed interessata distruzione di zone boschive e di incendi dolosi, dove poi viene concessa, a scopo lucroso di pochi, la sempre più crescente edificazione e viabilità. Ed é proprio grazie agli ATC (bubbone sanguisuga dello stato e dei cacciatori) che oggi si ha una maggiore concentrazione di ... cacciatori che invece potrebbero spaziare in maggiore territorio e quindi avere oltretutto una maggiore visione di eventuali danni alla Natura perpetrati da pseudo ambientalisti. Sono d'accordo con te circa: "... Il consumo del suolo ed il suo utilizzo sfrenato, dissennato e irresponsabile...." dovuti ai continui disboscamenti, incendi dolosi e strutture cementizie e stradali indiscriminati (licenze edilizie e stradali date da comuni compiacenti, grazie a certe interessate leggi statali). Poi, per favore, non venirmi a parlate di Unep, AEWA e simili succhia sangue che di tutto si interessano tranne che della Natura e degli animali.(segue)

da ninohunter.07katamail.com 16/05/2011 15.21

Re:MIGRATORI TRADITI

Si proprio un bell'editoriale! Diretto anche a noi cacciaori,sensibili a tutto cio`che ci circonda,natura e animali in primis. Ma come dice Fabrizio dovrebbero sempre polemica.r non fare essere le nostre aavv a farsi sentire a livello politico nazionale ed europeo. E mi fermo qui pe.cchio sono sordell'orer non stare a fare sempre polemica inutile,tanto quelle da que

da colombaccio51 16/05/2011 14.27

Re:MIGRATORI TRADITI

Carissima C. Fungis. ottmo editoriale, chiaro, semplice e diretto, non c'è da aggiugere molto, se non sottolineare l'ultimissima parte: Crediamoci e facciamoci sentire. Complimenti e un caro e sentito saluto

da Nato cacciatore 16/05/2011 11.25

Re:MIGRATORI TRADITI

A FARSI SENTIRE PER PRIME E PIU' FORTE DI TUTTI DOVREBBERO ESSERE LE ASSOCIAZIONI VENATORIE, FEDERCACCIA PER PRIMA.........

da Fabrizio 16/05/2011 10.28

Re:MIGRATORI TRADITI

che dire noi siamo il paese delle banane sbucciate .io abito in appennino in una piccola frazione la casa piu giovane è di cento anni fa e tutto andava bene si manteneva il territorio a fatica ma si manteneva ,poi il comune ha deciso che si dovevano cotruire case perchè aveva fame di soldi .....conclusione ...hanno disfatto mezzo monte la terra non sta piu ferma dove magari si poteva fare tre case ne hanno fatte dieci e adesso sono li che nessuno le vuole perchè fanno schifo l acqua non basta per tutti , sono senza giardino in mezzo ai boschi ve lo immaginate ,ma che gliene frega al comune tanto i soldi per la costruzione gli hanno gia presi. siamo il paese delle banane

da tony 16/05/2011 10.16