Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Uno scatto d'orgoglio per recuperare rispettoLa bellezza salverà il mondoDove vai, se la caccia non ce l'haiNell’anno delle allodole*Tutela biodiversità? Ben venga!Diamoci da fareIeri le tortoreA caccia, ieri, oggi, domaniKC. La scienza bizzarraCaccia futura - Parte l'iniziativa BigHunter "Io ci sono!"L'animalista antiscientificoProviamoci, almenoEmergenze o indulgenze?Forza ragazzi! Forza ragazze!Moriglione, pavoncella e la polvere sotto il tappeto Ambientalisti in discesaLa giusta battaglia dei circhiIl pane … e la cacciaCacciatori e piccoli passiGli animali sono animaliAvanti tutta in EuropaAmbientalista? Sì, cacciatore!QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMOSelvaggina, la via della filieraGiovani. Cacciatori. NaturalistiEuropa Europa!Padule di Fucecchio. Fatti non p.Diamo una mano alla starnaTornare ai tempi della naturaRitorniamo al mitoGreta e la terra I Restoni non sono “quelli che restano”Riprendiamoci la naturaDiscorso sulla coturnice, ma non soloLa piaga dei ParchiBentornata ExaHorror naturaProvocazioni e fermezzaMaestra montagnaSPORT O PASSIONE?Un contratto a uso del manovratoreCol cinghiale al casello, ma non soloCinghiale. Il ricercatore svela la bufalaCambiamenti climatici e migrazioneScelta di campo e arie partenopeeIl nostro futuro è in EuropaLa mia Flyway è differenteIl futuro potrebbe essere la gestione adattativa?Un amoreAmbientalismo de noantriAria fresca e un pensierino alla SerraIl caso Leopold LipuUna sbiadita stellaViva la caccia!Questione di passioneIl mondo che verràIl senso della Lipu per i passeriArmi. Le nuove regoleSi va per l'aperturaLa tentazione di riprovarciIncendi. Il presente, il futuroAmbiente. Vogliamo parlare dei Parchi?SOGNO DI UN'ELISA DI MEZZA ESTATELa nostra frontieraCerusici e norciniSaggezza cinotecnicaUn ministro smarritoMa dov'era la Lipu quando ci rubavano gli habitat?E se si ripartisse dalla pernice?ISTINTO VENATORIO DEL CANE DA FERMAAntibracconaggio, a che punto siamo?Nuovo Governo. Un limite, un'opportunitàCronaca di una passioneDotti, medici e sapientiDiamoci una mossaE' giusto essere amici degli animali, ma oggi è meglio difendere gli uominiOrnitologo sarà lei! - Ornitologia “accademica” vs. Ornitologia “venatoria”Battistoni. Ambientalista cacciatore, con un occhio alla migratoriaEmozioni di una capannistaBruzzone, è ora di riformeCaccia richiamo profondoCalo uccelli e agricoltura. La resa dei conti Le visioni di lupo Gianroberto e i tre grilliniAttesaVaghe stelle del sudLa caccia come la vedo ioELEZIONI 4 MARZO: CHI VOTARE E CHI NOUn primato sconosciutoLa carica degli ungulatiIl sabato del cacciatoreSpeciale elezioni: Un voto per la cacciaAndare a votare e votare beneOH QUANTE BELLE FIGLIE...A testa altaDella beccaccia e del suo patrimonioCi vuole più coraggioDove va la caccia secondo SimonaDove va la caccia? "Lo decidiamo noi"A futura memoria per l'umanità di domaniIl futuro dipenderà da noiInsostenibili sarete voi!Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIOrsi, sono troppi?L'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?E GALLETTI FECE IL SORDOLA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaEUROPEI A META'Donne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMO


lunedì 20 maggio 2019
    



Siamo ancora giovani. Anche noi. Noi che come minimo siamo sugli anta. Ho letto con grande interesse, quasi con commozione, il recentissimo riappello ai giovani apparso su queste pagine.
 
Condivisibile in tutto e per tutto. Credo per questo che sia importante tornare sull'argomento, perchè quei giovani che vorremmo fra le nostre file possano immedesimarsi meglio nel ruolo. E' vero, abbiamo bisogno di nuovi ideali e di nuove competenze. Come dire: uno sguardo convinto verso il futuro. In questi ultimi cinquant'anni tutto è cambiato. Il nuovo che avanza richiede entusiasmo, capacità di vedere lontano, muoversi con competenza nella complessità, credere in se stessi. Sognare. Più o meno, pur in situazioni completamente diverse, quello a cui aspiravamo noi, allora, quando decidemmo, forse inconsapevolmente, che la caccia sarebbe stata una delle ragioni della nostra vita. Forse inconsapevolmente, perchè padre, zio, nonno, bisnonno, vicini di casa, erano solitamente cacciatori. Si cresceva, noi, in quell'ambiente, fin da piccoli. Soprattutto chi stava in campagna. Anche perchè, per andare a caccia, bastava girare l'angolo e c'eri subito.
 
L'esperienza, che diventava presto competenza, te la facevi ovunque, giorno per giorno. Nel borgo, nel rione, in piazza, nel vicolo, si respirava quella magica atmosfera. Dal barbiere era l'argomento clou, intercalato fra le accese dispute sul calcio, a volte sulla politica. Il macellaio, il verduraio, nei tempi giusti esponevano selvaggina. Non pochi nella cerchia integravano il modesto reddito facendo il cacciatore di mestiere. In Maremma, ma anche altrove,  ce n'era una bella scelta. Il civettaio per le allodole, il canaio per il cinghiale, l'uccellaio per i tanti capannisti, il piccionaio per i colombi. I provetti cacciatori di montagna, come i padulani. Gli allevatori di cani da ferma e di quelli da seguita. Noi bambini, curiosi per condizione, imparavamo tutto prima del tempo. Quelle erano le attività in cui ci trovavamo immersi. Quando non c'era la scuola, alcuni anche prima e dopo l'ora di scuola, s'accompagnava il babbo o il nonno e - sotto stretta sorveglianza - ci poteva capitare anche di dare prova di una precoce maestria. I molti deliziosi bozzetti degli illustratori di allora, Lemmi e Norfini su tutti, sono lì, nelle vecchie riviste,  a ricordarcelo. Chi frequenta le fiere della caccia trova ancora sulle bancarelle molti libri del tempo, racconti, saggi, manuali, antologie su cui ci siamo formati, e  che dannoa l'idea di come fosse diverso quel mondo da quello di oggi. Ugolini, Niccolini, Cantalamessa, Barisoni, Ghidini, Noghera, Colombo, Zammarano,  Mazzotti, Pieroni, Garavini, Gramignani, Celano, Lupi, Quadri, Armani, Fioravanti, Bardelli, Nobile. Furono loro i cantori di quella stagione. Rigoni Stern, Gianni Brera, Cibotto,  Ortega, Hemingway, Ruark, su altri livelli letterari. E non mancavano i poeti, quelli dell'Olimpo,  Carducci (Gira su' ceppi accesi/lo spiedo scoppiettando:/sta il cacciator fischiando/su l'uscio a rimirar/tra le rossastre nubi/ stormi d'uccelli neri....),  Pascoli (...Ma i tordi ancor non calano, e non sento/se non il fischio delle ballerine/seguire il solco dell’aratro lento;),  Leopardi (...Odi per lo sereno un suon di squilla,/Odi spesso un tonar di ferree canne,/Che rimbomba lontan di villa in villa./Tutta vestita a festa/La gioventù del loco/Lascia le case, e per le vie si spande;/E mira ed è mirata, e in cor s'allegra.), che la evocarono, la caccia, come parte viva di quel contesto sociale e culturale. Retaggio ancestrale di un modo di vivere radicato nei millenni. Omero, Senofonte, Lucrezio, Virgilio, e mille anni dopo Federico II e ancora poi Lorenzo il Magnifico, ne furono tutti intrisi, naturalisti ed ambientalisti  ante litteram. Il termine greco "eco" è la radice comune di ambiente, casa, economia. Che racchiude in sè le ragioni della nostra esistenza. A cui si ispirarono quell'Henry Thoreau, primo ambientalista moderno, e quell'Aldo Leupold, architravi di un modello di sviluppo che non trova contraddizioni fra tutela del patrimonio naturale e caccia correttamente intesa. Alla maniera degli antichi, alla maniera dei pellirossa, o agli aborigeni australiani come ai pigmei, convinti di questo indissolubile legame, contrariamente a quanto predicano questi profeti di sventura che sbraitano sotto insegne evocative di un ecologismo foraggiato dai peggiori inquinatori del contemporaneo.
 
Cosa voglio dire con questo. Voglio dire che mentre per noi tutto era facile, direi quasi automatico, per i giovani di oggi occorre davvero passione, ma soprattutto è importante condividere il prezioso appello accompagnandolo ad un serio e comune progetto che crei le condizioni affinchè le nuove leve possano percepire almeno i profumi di quell'atmosfera. La loro sensibilità, la loro preparazione,  le loro convinzioni faranno il resto, ma c'è bisogno di una guida illuminata, per aprire i loro cuori alla storia, alla bellezza, all'amore per questa nostra passione, che a volte è anche sofferenza.
 
Potrebbe essere la nuova missione su cui impegnare le nostre attuali dirigenze.
 
E' il momento, credo.
 
Stefano Albricci

 

 

Leggi altri Editoriali

22 commenti finora...

Re:QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMO

Ma lette tante bischerate tutte insieme...la retorica del tempo che fu ci porta verso il baratro. Continuate a rimpiangere un ambiente che IL MONDO AGRICOLO A CUI LECCATE I PIEDI HA DISTRUTTO INESORABILMENTE. Sono morti i campi, sono morte le acque, e stanno morendo anche i boschi ad alto fusto. Fino a quando non comprenderete che questo è il vero nemico , col piffero che vedremo tornare gli acquatici, o la nobile stanziale. ILLUSI!...e incompetenti. Due cose che messe insieme sono molto pericolose.

da Nebraska 26/05/2019 8.38

Re:QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMO

Ma chi ve le racconta codeste cassate!! In Francia le anatre per tutti? Ma chi ve le dice ste fregnacce?? In Italia a parte le valli venete (riserve private!!) le anatre costano come il resto!! Vi state facendo prendere per il c..o come quando fecero gli ATC e vi raccontarono che sarebbero stati la salvezza??

da Ma allora siete duri come le pone verdi!!! 23/05/2019 11.31

Re:QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMO

Rob. anche io sono giovane ma la caccia alle anatre è solo per chi ha molti soldi. il resto si deve accontentare e guardare. mentre in FRANCIA è PER TUTTI

da Paolo 23/05/2019 9.44

Re:QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMO

sandrino meno male che tu hai la testa pensante, ma non ti preoccupare c'è già chi ci vuole imporre le cose dall'alto per farci fare gli spazzini. a breve potresti essere accontentato.-

da claudio 22/05/2019 21.29

Re:QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMO

Siete fuori della realtà. Se aboliscono l’842 resta tutto come ora ...senza art. 842. Lasciate perdere la Francia che è lontana anni luce dall’Italia, siamo il paese di pulcinella, lasciamo tutto com’è che a cambiare si finisce PEGGIO.

da Romolo 22/05/2019 14.50

Re:QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMO

Rocco mio, il fatto è che la caccia e la gestione delle specie cacciabili, in Francia, sono di competenza delle ACCA (organismi che fanno capo ad un'unica comunità locale dei cacciatori (si potrebbero paragonare ai nostri ATC, ma con competenze ben più precise. Non temere, comunque, per la proprietà della selvaggina, come puoi leggere, le cose sono un po' diverse: Les espèces animales et végétales appartiennent, aux termes du I de l'article L.110-1 du Code de l'environnement, au patrimoine commun de la nation. Leur protection, leur mise en valeur, leur restauration, leur remise en état et leur gestion sont d'intérêt général et concourent à l'objectif de développement durable. À travers le régime de protection renforcé des espèces, la France tend à satisfaire ses engagements internationaux et communautaires, tels que la Convention de Bonn, la Convention de Berne ou encore les directives « Oiseaux » et « Habitats ». "pATRIMONIO COMUNE DELLO STATO, cosa comunque ben diversa dal nostro concetto di PROPRIETA' INDISPONIBILE dello stato. Si accettano commenti da giuristi competenti.

da Dura lex (che non è un profilattico) 22/05/2019 14.12

Re:QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMO

Da giovane appassionato di caccia agli acquatici e che studia all'università, credo che la crisi della nostra attività derivi non dai costi che insomma... Risultano affrontabili e al pari di una qualsiasi attività sportiva (cosa che la caccia non è a parere mio). Bensì a una semplice lontananza dei giovani dal rapporto "sano" con la natura e a una nostra pessima immagine pubblica. In famiglia non ho cacciatori, ma sono cresciuto in campagna e per me fruire della risorsa naturale rinnovabile che è la fauna selvatica mi è sempre venuto spontaneo e ciò mi ha portato a fare la licenza a 19 anni e dopo essere arrivato al primo rinnovo e ad essermi fatto in questi anni l'attrezzatura necessaria a svolgere la mia attività non posso che essere la persona più felice del mondo per quelle 10/20 uscite a stagione che il tempo riesce a darmi. Noto però sempre che vi è una grande "distrazione" del mondo venatorio da quali siano i problemi reali e che andrebbero affrontati tempestivamente e in modo corretto. Se la nostra immagine pubblica fa tanto schifo, la colpa non è delle aavv, è di tanti di noi che fanno (e scrivono pubblicamente) stronzate,su questo ci vorrebbe un minimo di onestà e guardare in faccia i problemi, perché a dar la colpa alle associazioni venatorie di fa un po' troppo in fretta. E ricordatevi che politicamente valiamo davvero pochino, quindi forse sarebbe ora di fare un po' di autocritica e di vedere come risolvere il problema... Bellissime le cose dell'articolo 842,o di questo o di quello eh, ma o cominciamo a unirci e a mandare via a calci nel culo le mele marce oppure stiamo freschi e sinceramente a me piacerebbe continuare in futuro ad andare a caccia nei posti meravigliosi in cui sono venatoriamente cresciuto e ai quali sono enormemente affezionato.

da Rob 22/05/2019 13.28

Re:QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMO

Su 14 commenti non ce n'è uno che concordi con un altro. Questo la dice lunga sulla concreta possibilità di unire il mondfo venatorio. Troppe teste intelligenti con troppe soluzioni diverse. A questo punto solo l'unità (anche imposta dall'alto se necessario) potrà salvarci altrimenti resteremno in balia di chiunque. Non lo capite, voi teste pensanti?

da Sandrino 22/05/2019 12.52

Re:QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMO

Caro Marcel, sbagli. PRIMO in Italia nessuno dirà mai BRAVO a chi uccide animali per divertimento. SECONDO andare a privatizzare il Patrimonio Faunistico oltre che operazione IMPOSSIBILE politicamente (la maggioranza degli italiani è CONTRARIA) sarebbe CATASTROFICO per la caccia. Ridurrebbe ancora il numero dei cacciatori e li renderebbe POLITICAMENTE IRRILEVANTI. Inoltre renderebbe non remunerativo per gli agricoltori la caccia essendo il territorio italiano (a differenza di quello francese) troppo parcellizzato. CHI TI HA MESSO IN TESTA CODESTA SOLUZIONE VUOLE IL MALE DELLA CACCIA ITALIANA

da Rocco 22/05/2019 11.20

Re:QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMO

La caccia Italiana si salva con i giovani e con le donne e con maggiore responsabilità. Cultura e sensibilità ambientale prima di tutto. La lotta al bracconaggio del ministro Costa e di Mamone Capria sono solo operazioni di distrazione di massa. Dobbiamo invece dimostrare che il nostro impegno per la salvaguardia del territorio è incommensurabile, rispetto al nulla di questi inquinatori col distintivo della Lipu o del WWF. Per la caccia cacciata, la soluzione francese sarebbe l'ideale. Convenzione fra cacciatori e agricoltori per la gestione del patrimonio faunistico. PRIMA DI TUTTO, PERÒ, ABOLIZIONE DELL'ART. 1 DELLA 157. LA SELVAGGINA OGGETTO DI CACCIA DEVE AVERE UN PROPRIETARIO CERTO, TANGIBILE, NON LO STATO.

da Marcel Duchamp 22/05/2019 10.58

Re:QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMO

sergio b. non so cosa intenda precisamente x caccia sociale e per coinvolgimento di proprietari e conduttori dei fondi, spero che la sua idea non sia legata alla proposta fatta da cia che non è sicuramente a favore della vera caccia. credo e spero di aver capito male le sue righe.-

da claudio 21/05/2019 21.55

Re:QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMO

E si,, anch'io penso sia davvero un bel pensiero espresso su carta, ...ma certo che finchè passa l'idea che noi cacciatori siamo peggio dell'isis, forse anche perchè siamo solo dei poveri innocenti trogloditi che non riusciamo (o non vogliamo) a combattere le enormi falsità e calunnie dei nostri detrattori, la vedo dura che i giovani si avvicinino alla caccia,( a meno che non nascano già nella famiglia o nel posto giusto), per non parlare poi della difficoltà di reperire il corso preparatorio all'esame e non perdere quei quattro gatti che invece vorrebbero andarci a caccia

da bughiu 21/05/2019 12.17

Re:QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMO

per fare qualsiasi attività si spende ben di più che per andare a caccia!!! poi mica ce lo ordina il medico!!! basta con la caccia sociale che ci ha rovinato, avanti con una caccia che coinvolga a fondo proprietari e conduttori dei fondi come in tutta Europa!

da Sergio B. 21/05/2019 12.06

Re:QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMO

Articolo bellissimo e pienamente condivisibile -

da Stefano De Vita 20/05/2019 22.54

Re:QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMO

Personalmente credo che sia la strada giusta, il nostro futuro sono i giovani, su questo dobbiamo investire e deve essere investito. Le tradizioni devono rimanere vive, dimenticare è vanificare i sacrifici di generazioni e generazioni. Purtroppo ad oggi le distrazioni per i più giovani sono troppe, troppo facili da avere e troppo attraenti per poterle mettere a confronto con il piacere di affondare i tacchi dei propri stivali nel fango, ma sono convinto che se si lavora con passione, il messaggio ai nostri giovani arriverà chiaro e forte.

da Maax Toscana 20/05/2019 22.02

Re:QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMO

Bene gli autori dei libri sopraesposti hanno piazzato una copia dei loro libri in casa mia. manca Travaglini .Citatemi un autore attuale che meriti considerazione.. Se volevi un cucciolo girando un po lo trovavi e ,cane da caccia con passione e metodo.. Ora devi rivolgerti agli allevatori che ti forniscono un cucciolo che sa solo galoppare e fare la grande cerca,figuriamoci il riporto spontaneo,, Gli ATC dove funzionano sono insostituibili.certo devono avere dimensioni subprovinciali e gestire catture ,ripopolamenti autosufficienti e quando possibili in accordo con gli agricoltori anche ripristini ambientali . Il territorio lasciato a se ed alle migrazioni di rapina no,infatti a stanziale prima del 95 non c'era piu' niente.

da T el C 20/05/2019 21.30

Re:QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMO

E bravo questo “ Stefano Albricci” che crede che il futuro della caccia sia tornare agli anni 60 e 70 , anni in cui è stato distrutto praticamente tutto. Che crede che l’esperienza sia uguale alla competenza, mentre chiunque abbia davvero un po’ di competenza ricorda tutti gli sfondoni e i luoghi comuni che giravano proprio al bar o dal parrucchiere. Ma poveri noi....

da Mustang 20/05/2019 20.42

Re:QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMO

A caccia ci si deve andare in pochi, pochissimi. Non può essere attività di massa. In Italia siamo sempre troppi.

da Renzo 20/05/2019 18.01

Re:QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMO

Per andare in palestra, si spendono mediamente 80-100 euro al mese, benzina esclusa. E la caccia costa troppo? Il problema non è quello, ma la mancanza di spazi e di ambiente. Se ci fosse consentito di gestire meglio il territorio forse.. Sarebbe un altra cosa. Caccia libera? Mmm nutro forti dubbi, perché questo modello ha fallito regalandoci solo parchi e parchetti. Forse era meglio una caccia diversa, pensare di continusre su questa strada fallimentare, pendare di. Continuare cosi come se la cosa riguardasse solo altri, beh.. Di ossigeno ce ne rimarrà poco ancora. Occorre avere in coraggio di fare un sakt di qualità, non arroccarci su posizioni consrrvative. Inoltre... Badta con tutte queste aavv, ne serve solo una, che ci rappresenti, non 20 che non rappresentano nessuno se non loro stessi.

da MarcoC 20/05/2019 14.02

Re:QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMO

Per i giovani andare a caccia oggi costa troppo. Dove vai devi pagare. Se la caccia ritorna libera ci può essere una speranza, altrimenti la vedo dura per un giovane. Gli ATC ci hanno dato il colpo di grazia e prima si aboliscono meglio è.

da Giovanni 20/05/2019 12.39

Re:QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMO

Tutto bello e condivisibile, una grande nostalgia di un recente passato che non ritornerà, ma 1) sulle attuali dirigenze di aavv nessuna speranza 2) necessario modificare drasticamente il modello "sociale" della caccia italiana non più sostenibile in un modello più attuale, in analogia delle altre nazioni europee, in cui il mondo agricolo sia protagonista e fortemente cointeressato nella gestione faunistica. Ma la vedo dura per la resistenza al cambiamento del nostro mondo, in primis le aavv, vero nocciolo di arido conservatorismo legato ai piccoli interessi particolari, e all'azione - meglio - non azione, della politica interessata solamente al ritorno elettorale sul breve periodo.Intanto i nostri oppositori vanno alla grande, i cacciatori invecchiano, l'ignoranza gestionale dilaga, la differenza tra noi e l'Europa, anche per la caccia, aumenta. Nulla si fa per la formazione e ... chi è causa del suo mal ...

da vecchio cedro 20/05/2019 10.52

Re:QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMO

La ringrazio per queste bellissime Parole. Persone come Lei dovrebbero avere anche altri spazi a livello Mediatico Nazionale , per poter Aprire gli occhi a chi ci detesta ingiustamente!!

da Alberto Fiumanò 20/05/2019 10.40