HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani |
  Cerca
L'AGNELLO E LA CICORIA PER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattere SOSTIENE LARA LUPO, QUANTO CI COSTI A UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS francese ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANA C'ERA UNA VOLTA... LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!! Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italiane TABU' LUPO FIRMAMENTO SOCIAL ALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSO LUPO. ATTENDIAMO LUMI CHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIA Cos’è la caccia La ri-proposta Cuore di beccaccia Cacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardi LA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scoperta CARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODA Osservatori regionali, avanti! Ungulati: una risorsa preziosa La mia prima volta al cinghiale: onore alla 110! Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibile ANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTI TORDI TORDI STANNO TUTTI BENE ETERNA APERTURA TANTE MAGICHE APERTURE CI SIAMO! LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONE LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE ANCH'IO CACCIO MIGRATORIA, MA DI CHI? Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio francese REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO Lasciate la carne ai bambini Uccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi.... CINGHIALI D'UNA VOLTA DATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRA MONTAGNA, 22 ANNI DOPO Elegia per un vecchio signore LA GRANDE BUFALA Animali & Co: un problema di comunicazione LUPO O CINGHIALE? Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo Le allodole, mia nonna e le vecchiette La caccia e gli chef UNGULATI CHE PASSIONE PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA Le beccacce e il lupo QUESTIONE DI PROSPETTIVA La cinofilia ufficiale. Parte seconda con scuse PROBLEMA LUPO Bisturi facili. Cuccioli? No grazie Perché ho scelto il setter inglese? Galletti fa mea culpa Questa è la cinofilia ufficiale C'era una volta il cinghiale Bracconieri di speranze Gip, amor di cacciatore. Il piccolo francese SAVETHEHUNTERS, MATTEO TROMBONI SFIATATI I sistemi elettronici di addestramento GUANO CAPITALE In principio era una Dea C'era una volta l'orso bianco che campava di caramelle UNA TERRA DIVERSA MEMORIE. Da regina a regina informAZione? Iniziazione del cucciolone UNIONE AL PALO? LA PARABOLA DI CECIL CROCCHETTE VEGANE L'ecoturismo fa danni ALLODOLE PER SEMPRE TRUE LIES CI SIAMO? Natura. Madre o matrigna? LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPO UN’APERTURA DA FAVOLA I cuccioli di oggi MACCHE' PREAPERTURA CACCIA, PROVE E VARIA UMANITA' Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiere FORMAZIONE, FORMAZIONE! I cani da ferma oggi Arlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNA Prima informarsi, poi farsi un'opinione Effetto Flegetonte Il cane domestico (maschio) Il valore della caccia Chi è diavolo, chi acquasanta? CANDIDATI ECCELLENTI PUBBLICO O PRIVATO? LA FRANCIA E I MINORI A CACCIA REGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATI Caccia vissuta “Se questa è etica” QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PERO Le contraddizioni dell'Expo QUESTIONE DI CORPO L'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloni Calendari venatori: si riparte DOVE ANCORA MI PORTA IL VENTO LUCI E OMBRE DI UN PROGETTO CANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIO CHIUSO UN CICLO... A patti col diavolo... e poi? BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZO MISTERI DELLA TELE CANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILE E' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SA Tordi e beccacce tra le grinfie della politica Donne cacciatrici piene di fascino predatorio Italiani confusi su caccia e selvaggina Storia di una particella cosmica Vegani per moda Anime e animali MUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur Smith CHI LA VUOLE COTTA, E CHI.... Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsa ZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA! E se anche le piante provassero dolore? PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMA Momenti che non voglio scordare Anticaccia? Parliamone CACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELE CATIA E LA PRIMA ESPERIENZA CHIARI AVVERTIMENTI PIU' VIVA E PIU' AMATA ECCE CANEM DE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTI IL CATALOGO E' QUESTO.... CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIA ISPRA. UN INDOVINO MI DISSE... MIGRATORI D'EUROPA L'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggio MIGRATORISTI GRANDE RISORSA Fauna ungulata e vincolismo ambientale Decreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTRO Ai luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIO SPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHI DOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVE Biodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLA Le specie invasive ci libereranno dall'animalismo EUROPEE: SCEGLIAMOLI BENE La rivoluzione verde è nel piatto La caccia al tempo di Facebook SOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposo COSE SAGGE E MERAVIGLIOSE AMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDO C'ERO UNA VOLTA ALL'EXA QUESTA E' LA CACCIA! EUROPA AL RISVEGLIO TOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLA CACCIA LAZIO: quali certezze? ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTI UNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILE LO DICO COL CUORE IL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E' I veri volontari dell'ambiente DIAMOGLI CREDITO PROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIA Ambientalisti italiani, poche idee ma confuse Anche National Geographic America conquistato dalle cacciatrici Più valore alla selvaggina e alla caccia Il cinghiale di Colombo Porto di fucile - NON C'E' MALE! PAC & CACCIA LILITH - LA CACCIA E' NATURALE Effetto protezionismo Ispra: il caso beccaccia Il grande bluff dei ricorsi anticaccia COME FARE COSA FARE Supermarket society Romantica Tipi di comunicazione: C'E' MURO E MURO Ambientalisti sveglia! Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggiose SPRAZZI DI SERENO POINTER E NON PIU' SOGNO DI CACCIATORE UN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPO RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORI LA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOON ALLA FIERA DELL'EST VOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNA IL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI “Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunistico CACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISI Partiamo dalla Toscana ITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la caccia C’ERA UNA VOLTA… I cacciatori nel regno delle eterne emergenze Gli ambientalisti e la trave nell'occhio Addio alle rondini? L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato) ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI..... SUCCEDE ANCHE QUESTO BASTA ASINI AMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di Diana TOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTO ALLARME DANNI DANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga… STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA “L'ipocrisia delle coscienze pulite” UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALE CACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA' ZONE UMIDE: CHI PAGA? Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA SPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLE La Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’albero A SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo così NEORURALI DE NOANTRI FRANCIA MON AMOUR LA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIA TERRA INCOGNITA L’Italia a cui vorrei fosse affidata la caccia La marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVE COLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI? DIVERSA OPINIONE IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE Opinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!! A CACCIA A CACCIA!!! PROVOCAZIONI Estate di fuoco MISTIFICAZIONI SICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTO Sostenibili e consapevoli! COLPI DI SOLE COLPI DI CALORE Aiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti! TECNOCRATI? NO ESPERIENTI LA RICERCA DIMENTICATA PARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'! Orgoglio di contadino Campagna o città? CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRI CALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERE CONFRONTO FRA GENERAZIONI LA CACCIA CHE SI RESPIRA Rapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNO MUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà? Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga... DELLE COSE DELLA NATURA Cultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'Italia Il nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalisti LA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀ PAC IN TERRIS UCCELLI D'EUROPA GIRA GIRA..... STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNA TOCCA A NOI! CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLO IL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIA VERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTO PROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZA BECCACCE DI BEFANA CACCIA, FASE DUE PROVOCAZIONI DI FINE D’ANNO RICERCA RICERCA SPIGOLATURE DI NATALE Dai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONE NON ERA AMORE Finalmente autunno Il paradosso dell'Ispra IL PIANETA DEI CACCIATORI Le caste animali A CACCIA ANCHE DOMANI A CACCIA SI, MA DOVE? ORGOGLIO DI CACCIATORE Per il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIA APRE LA CACCIA! Amico cacciatore, guarda e passa Riforma sui Parchi in arrivo? E i cuccioli umani? MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATE LA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenza Il Pointer e la caccia Col cane dalla notte dei tempi Contarli, certo, ma come? Questa è una passione! IL PENTOLONE LA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE NON SOLO STORNO QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI La lezione di Rocchetta di Vara BASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITI CORONA L'ERETICO Cacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medaglia Deroghe: non è una missione impossibile AMBIENTALISMO E' CULTURA RURALE Sei il mio cane ALLE RADICI DELLA CACCIA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIA COME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA... BOCCONCINI PRIMAVERA CACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERE COMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIO QUESTIONE DI CALENDARIO LA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIA PRENDIAMO IL MEGLIO BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA TUTTI A TAVOLA RIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRE LA CACCIA SERVE. ECCOME! METTI UNA SERA A CENA Urbanismo e Wilderness: un confronto impari CONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEET GIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANI IL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in Italia Accade solo in Italia? L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza FRA STORIA E ATTUALITA' Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro “Solo” una passione Tra ideologia e strategia politica IL CATALOGO E' QUESTO TORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTO DA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro Brambilla Italiani ignoranti della caccia CACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNA Ed il giorno arriva DEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE! PRE-APERTURA DI CREDITO Domani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONE Alcune riflessioni sulla caccia in Italia Divagazioni per una rivoluzione culturale La senatrice Adamo va alla guerra PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci) Calendari venatori. Le bugie degli ambientalisti Un'arte chiamata caccia AREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLA Animalismi e solitudini In un vecchio armadio STAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODO Belli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI! Ieri, mille anni fa, io caccio Cosa mangiano gli animali degli animalisti? SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA MOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVO ORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICO Aerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo” ALL'ARIA APERTA! Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIA IPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOI IN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA! RIFLESSIONI DI UN PEONE IL PAESE PIU' STRANO DEL MONDO Fuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALE E Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTO L'Enpa insulta i cacciatori SELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIA America: un continente di vita selvaggia LA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezione LA CACCIA COME LA NUTELLA? LUPO, CHI SEI? Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no? TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGE A caccia con L'arco... A caccia con la storia... Interpretazioni e commenti di nuova concezione 10 domande ai detrattori della caccia IL BRIVIDO CHE CERCHIAMO La caccia come antidoto alla catastrofe climatica Per una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNARO CONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIA Caccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perduta Allarmismo e vecchi trucchetti Ancora Tozzi ? REALISMO, PRIMA DI TUTTO Le invasioni barbariche APERTURA E DOPO. COSA COME QUANDO Piombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquatici Di altro dovremmo arrabbiarci I GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecnici Un rinascimento ambientale è possibile Gelosi e orgogliosi delle nostre tradizioni LA CACCIA SALVATA DALLE DONNE? Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars Venandi Tutto e il contrario di tutto DALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO... IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATO La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova Tutti insieme... magicamente Ambiente: una speranza nella caccia SOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTA La Caccia ha bisogno di uomini che si impegnano LA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDO Il capanno: tra architettura rurale e passione infinita DONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANA EUROPA EUROPA VICINI ALLA VERITA' Beccaccia sostenibile CACCIA E SOCIETA' Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNI PARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidato CACCIA ALL'ORSI ORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORI UN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORI Ridiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevole Il cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia. 157: PENSIERI E PAROLE MA COS'E' QUESTA CACCIA? 157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONE MIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARE CINGHIALI CHE PASSIONE La cultura cinofila ATC DIAMOCI DA FARE Il vitello che mangi non è morto d'infarto! Ripensare la caccia? PER UN FUTURO DELLA CACCIA QUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONA PUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAM Un nuovo corso per gli ungulati Siamo noi le Giubbe Verdi Ruralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina La caccia secondo Giuliano, umorista de La Repubblica Questa è la caccia Il cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumi La cinegetica e la caccia col cane Gestione e tradizione BASTA TESSERE AMAR...TORD E il beccafico perse la via del nord Dimostriamo credibilità Apertura passione serenità editoriale - Fucili italiani come le ferrari Orgoglio di Cacciatore I Tordi e le Beccacce La Caccia è Rock

Editoriale

Le beccacce e il lupo


lunedì 18 aprile 2016
    

Le beccacce e il lupo Quando gridi “al lupo” è perché il lupo non c’è. Ma quando un giorno il lupo lo vedi per davvero, provi un’emozione che non si può credere! A me è capitato ai primi di Novembre e ve lo voglio raccontare perché è una cosa che probabilmente non si verificherà mai più.
 
Ero andato a caccia sui monti della Lucania: partenza come al solito all’alba con al mio fianco due fedeli Spinone. Affronto un bosco bellissimo e molto esteso, ottimo ricetto per la beccaccia; ma quella mattinata era avara di incontri e nella ampia zona esplorata ne avevo trovato una sola furbissima e pure quella mi aveva dato filo da torcere: fermata quattro volte dalle cagne, si era resa irreperibile nonostante tutti i miei tentativi.
 
Riflessione: ormai il comportamento delle beccacce è molto cambiato, son sempre più rari i casi di animali paciosi e confidenti, arrivano da noi con un diavolo per capello e per fermarle ci vogliono cani superlativi; eppure quest’anno i boschi sono preparati benissimo, il bestiame brado è presente in numero più che sufficiente per creare i presupposti di abbondante nutrimento, ma anche se hanno la pancia piena, loro sono incazzate nere. Perché? Qual’è il motivo di questo cambiamento?
 
Di questo discutevo con gli amici che avevo incontrato al solito fontanile per la colazione: “A meno che – riflettevo – …a meno che i vari sconvolgimenti climatici abbiano influito sulle covate … e quelle che incontriamo qui adesso non sono le beccacce nate nell’anno, ma sono le vecchie, rese esperte dalle precedenti migrazioni e quindi smaliziate e diffidenti”. Se così fosse, che ne è delle giovani beccacce? Son già passate senza che ce ne accorgessimo … o non sono mai arrivate perché distrutte da intemperie ??? (siccità estiva o altri fenomeni negativi)… L’ipotesi d per se ottimistica – perché legata a fenomeni temporanei che riguardano solo il disgraziatissimo 2010 – sarebbe integrata da consolatorie notizie che in alcune zone invece la riproduzione è stata abbondante, così come Giorgio Lugaresi ha constatato in Lapponia: dunque forse le difficoltà hanno coinvolto solo il contingente migratorio diretto alle nostre aree … e magari in Francia, in Spagna o in Grecia il comportamento delle beccacce non è cambiato. Quesiti angosciosi su di un mondo di cui forse stiamo perdendo il controllo!
 
Fatta la breve sosta sotto il peso di questi inquietanti dubbi, abbiamo deciso di cambiare versante della valle per cercare miglior fortuna. Abbiamo percorso un tratturo con i cani a guinzaglio passando accanto ad una mandria di Podaliche al pascolo. Questa razza di vaccine viene tenuta allo stato brado sui monti boscosi del meridione dove è presente da tempi tanto antichi da aver ispirato la leggenda che vuole sia stata qui importata da Ercole in una delle sue fatiche. E se fu così, Ercole ci ha fatto un gran bel regalo per l’insostituibile aiuto che danno non solo nel concimare i terreni, ma anche per la pulizia del sottobosco che – in virtù della insuperabile rusticità – fanno meglio di qualunque altro tipo di bovini; un bosco “mandriato” dalle Podoliche, infatti, ben difficilmente va a fuoco d’estate, perché la loro “bocca buona” bruca anche le essenze erbacee che altri erbivori rifiuterebbero e che diverrebbero una facile esca per disastrosi incendi estivi.
 
Mentre riflettevamo silenziosi su questi fatti, notammo un vitellino che si era allontanato dalla madre e che – evidentemente assorto nelle prime esperienze della sua autonomia alimentare – si era avvicinato ad una radura situata sul nostro percorso, parzialmente coperta da felci. D’un tratto fra l’ondeggiare della vegetazione vedemmo sgattaiolare un animale di ragguardevoli dimensioni, a sua volta tanto intento a spiare il vitello da non essersi accorto della nostra presenza.
 
Ebbene… era un enorme lupo, proprio lì … a poche decine di metri da noi, avvolto nel suo austero manto che lo mimetizzava nel terreno e nelle felci che avevano ormai perso il vivace colore estivo. Allorché avvertì la nostra intrusione, ci rivolse uno sguardo contrariato e, senza compromettere la sua altera dignità, si allontanò al piccolo trotto, indispettivo che la nostra indiscreta presenza gli avesse sottratto una preda da lungo tempo pregustata. Magnifico! Era la mia prima esperienza a tu per tu col fiero brigante a quattro zampe. Più tardi un pastore del posto mi disse che l’anno scorso lui (o i suoi compari) gli avevano ucciso un asino. Proseguii la caccia e verso il tramontar del sole nello spallone contiguo a quello in cui stavo procedendo sentii lo sfrascare di animali in corsa… mentre più oltre si levò un ululato, non lugubre, anzi solenne. Le cagne mi si strinsero dappresso in cerca di protezione.
 
Non svelerò a nessuno il luogo di quell’incontro col brigante lupo, per essere complice della sua incolumità.

Mario Di Pinto

(tratto da setterfoto.com)

Leggi altri Editoriali

12 commenti finora...

Re:Le beccacce e il lupo

"Sport" hunting is a sickness, a preversion and a danger and should be recognised as such. People who get their 'amusement' from hunting and killing defenceless animals can only be suffering from a mental disorder. In a world with boundless oppourtunities for amusement, it's detestable that anyone would choose to get thrills from killing others who ask for nothing from life but the chance to remain alive.

da Roger 25/04/2016 22.12

Re:Le beccacce e il lupo

Il lupo sarà anche bello, ma qui in Maremma siamo disperati!! Gli allevatori, in un'assemblea che si è tenuta alcuni giorni or sono a Manciano hanno deciso di disotterrare l'ascia di guerra. Sono anni che vengono spesi centinaia di migliaia di euro per progetti inconcludenti e che vanno ad arricchire solo le tasche degli animalari!! Ora basta; legittima difesa delle greggi e chi si avvicina......!!!

da ugus 23/04/2016 20.57

Re:Le beccacce e il lupo

Magari se ti azzanna uno dei cani vedi che cambi idea più che rapidamente...fenomeno!

da 100%cacciatore 21/04/2016 22.56

Re:Le beccacce e il lupo

Tutto è nel modo, tutto è nella misura, caro Mauro. Il concetto errato, soprattutto animalista tipicamente italiano, è che si affronti l'argomento, non solo per il lupo, come se vivessimo in territori selvaggi. Ho esperienze di amici che si sono trovati a contatto con i lupi, ma non solo, in lande sperdute del Canada, o della Siberia, e ti posso dire che l'orrore/terrore per la belva non era disgiunto dalla meraviglia per l'approccio col genuinamente selvaggio. Ho anche, una bella esperienza di lettura, che consiglio, nel capolavoro della letteratura cinese (moderna) che è uscito in Italia col titolo "Il Totem del Lupo". L'esperienza, modesta ma veramente sentita, di questo Mario Di Pinto, se rapportata alle condizioni nostrane, non ha niente da invidiare alle sopradette sensazioni. Il fatto è che, tutti noi, molto spesso, non si tiene conto che a casa nostra non si può parlare di natura selvaggia, e il lupo, quando c'era e dove adesso c'è, lo dobbiamo relativizzare antropologicamente. Pensare a un lupo che vada assolutamente protetto, con tutto quello che c'è da mangiare in italia, con greggi e armenti che hanno un padrone, e cinghiali caprioli e cervi che comunque sono considerati "di proprietà" (cinghialari, selettori, proprietari terrieri ecc.), è un errore clamoroso. Da migliaia di anni, il territorio italiano è sotto tutela delle comunità che lo hanno modellato a loro uso e consumo. Il senso di bellezza che ne traiamo e che ne traggono tutti coloro che godono del "Bel Paese", non può prescindere da questa educazione/formazione culturale, sedimentata nei secoli. Facciamocene una ragione - noi in primo luogo - se vogliamo capire principi profondi che dovrebbero sovrintendere a un riscatto della caccia - e i serafici ambientalisti nostrani, che sperano ancora che la nostra viziata società contemporanea possa proseguire nello "standard" attuale usufruendo solamente di "energie rinnovabili" e godere al contempo di "lupi senza frontiere".

da Ezechiele 21/04/2016 9.54

Re:Le beccacce e il lupo

Ed ecco un'altra persona, oltre agli animalisti, a cui fare pagare i danni del lupo, cioè all'autore di questo articolo.

da Mauro 21/04/2016 8.22

Re:Le beccacce e il lupo

X la redazione. Come mai mi avete obliterato quella parola ( impronunciabile) visto che è entrata nel gerco comune e che cmq era stata pronunciata e non obliterata nell'editoria...io mi sono solo allineato.

da Carlo rm nord 20/04/2016 10.50

Re:Le beccacce e il lupo

In maremma è più facile trovarle, mio fratello ne ha gia' avuti 2 di incontri, per non parlare del pastore che conosciamo e le sue pecore di incontri altro che...tacci sua

da arturo 19/04/2016 16.57

Re:Le beccacce e il lupo

No, Jamesin , no i cacciatori che cacciano all'estero ma quelli di qui che hanno trasformato la macchia in una giostra. Si, quella percentuale, che va all'estero, non credo che determini queste nuove abitudini delle becche. Quando passano il confine iniziano a martellarle con questi bip bip così che quando arrivano al sud lo credo bene che sono inc@@@ura nere . Per quanto riguarda i lupi fanno solo danni al bestiame brado ....noi siamo più cattivi di lui.

da Carlo rm nord 18/04/2016 17.54

Re:Le beccacce e il lupo

non credo che le beccacce come altri migratori abbiano capito che da noi il martedì e il venerdì è silenzio venatorio. certo è che fa rabbia quando, nel periodo di passo, si perde una giornata buona. questo nelle regioni dove i migratori passano ma non si fermano. al sud, per esempio, almeno in parte,si fermano per tutto l'inverno, sia beccacce, sia tordi o allodole. al nord, capita con le cesene. bisogna accontentarsi. se non ce la facciamo, cerchiamo di ricordarci che la stragrande maggioranza delle vecchie generazioni cacciava solamente intorno a casa e prendeva quello che dava il caso, la stagione, il buon dio.

da albert e. 18/04/2016 17.28

Re:Le beccacce e il lupo

Anche io sarei felice di incontrare un lupo per avere quell'emozione di vedere questo bellissimo animale cacciatore come me, ma non sarei contento di incontrare un branco di lupi ! Per cui bisogna controllarli e mantenere questa specie in numero esiguo, pochi e buoni. Per quanto riguarda le beccacce, direi proprio che non sono d’accordo sul pensare che le beccacce nervose sono quelle dell’anno scorso. Secondo il mio modesto avviso le beccacce giovani che migrano fanno un passaggio velocissimo sul nostro paese per arrivare nei posti di svernamento, fermandosi per brevissime soste maggiormente sui monti più alti, i quali sono stati presi dai parchi che occupano la maggior parte dell’Appennino meridionale. I pochi posti rimasti liberi alla caccia vengono ogni giorno visitati da cacciatori, per cui… Per non dire poi di quei giorni settimanali chiusi alla caccia, dove manco a farlo apposta diventano spesso giorni buoni di passo ma non si può cacciare. Il fatto di beccacce nervose oltre che dalle condizioni stagionali che sono cambiate, secondo me forse dipende anche dal disturbo dei cacciatori che cacciano all’estero perché questo è vero, anni fa a volte ti scoppiavano da sotto ai piedi, prendendo per il culo anche i cani. Poi ognuno la vede secondo le sue esperienze in merito. Resta il fatto che al Nord Italia essendo luoghi più freddi le beccacce da quanto si dice si comportano normalmente,come una volta da noi al sud. Un cordiale saluto

da jamesin 18/04/2016 14.57

Re:Le beccacce e il lupo

E' notizia di oggi, a TG Toscano che stanotte è stato assalito un'altro gregge. La "pastora", esasèperata, impaurita e demoralizzata, ha deciso di lasciare. Questo è il risultato di seguire filosofie ambiantaliste astratte, applicabili al nulla, che tuttavia in Italia hanno attecchito (sostenute soprattutto dai veri inquinatori, le multinazionali) da decenni, per colpa delle quali stiamo perdendo occupazione, innovazione, risorese anche intellettuali.Eppure, già da duemila anni Columella ci insegnava come fare. Un consiglio agli ambientalisti: tornate a studiare, ma rifatevi a Columella e lasciate stare chimici e petrolieri, che ci stanno fregando

da F.P. 18/04/2016 14.27

Re:Le beccacce e il lupo

Bravo,stai solo attento che non ti addenti una cagna intenta a cercare la beccaccia.

da Frank 44 18/04/2016 12.14