Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
CRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIL'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANA CACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

Armi, la civiltà fa la differenza


lunedì 8 agosto 2011
    
Tra le tante sconcertate reazioni all'indomani della tragedia norvegese per mano di Anders Behring Breivik, si è inserita anche l'annosa polemica sulle armi e sulla loro accessibilità da parte dei cittadini. Com'è possibile che uno che vuole passare alla storia come “il più grande mostro dopo la seconda guerra mondiale” possa sparare su una folla inerme e uccidere decine di persone con un'arma legalmente detenuta? Si perchè, nella sua folle lucidità l'attentatore filo-nazista  ha dovuto fingersi sano di mente e operare nel rispetto delle leggi per ottenere le armi utilizzate poi per uccidere a sangue freddo gli ottanta ragazzi riuniti sull'isola di Utoya . E' lui stesso a confessarlo nel memoriale pubblicato dopo la tragedia, in cui, con un certo sadismo, rivela al mondo di come fosse stato tentato di  scrivere “per giustiziare marxisti culturali e traditori multiculturali” nella domanda presentata alle autorità per il possesso del proprio fucile, anziché “per la caccia al cervo”, come poi ha fatto, ingannando tutti sulla sua  buona fede.

Certamente quello che poi è realmente accaduto va ben oltre la nostra immaginazione e non può che lasciarci annichiliti e sconcertati. Non c'è una risposta plausibile alla domanda che abbiamo posto sopra e che ognuno di noi in cuor suo si è fatto, se non ammettere che certe cose sfuggono al nostro controllo, pur meticoloso che sia.

Come rimane senza una spiegazione, tornando ad una simile folle lucidità omicida, il fatto che due attentatori di Al Qaida (o presunti tali) abbiano potuto prendere regolare brevetto in America (ben più difficile che ottenere una banale licenza di caccia) per poi schiantarsi durante un volo di linea contro le Twin tower. Chi avrebbe potuto immaginare che un aereo potesse trasformarsi in una bomba volante in periodo di pace? Lo avevamo visto solo nei documentari in bianco e nero della seconda guerra mondiale, quando l'abitudine al martirio kamikaze diventò una delle armi più micidiali a disposizione del Giappone, ma pensavamo fosse acqua passata. Quelle erano razionali, per quanto tragiche, strategie di guerra, possibili grazie ad un controllo totale dei soldati - e della loro mente - pronti a dare la propria vita per dei principi patriottici.  Questa è pura maniacale follia di un uomo che crede di aver iniziato una guerra contro il multiculturalismo.

Per quanti controlli si possano fare, il pericolo che armi non convenzionali siano utilizzate per compiere omicidi e attentati terroristici è sempre in agguato. Nessuno avrebbe potuto prevedere che  gli enormi quantitativi di fertilizzanti acquistati da Breivik (questa volta fingendosi  imprenditore agricolo) servissero alla produzione di un ordigno rudimentale che ha gettato nel panico un'intera nazione e ucciso una decina di persone in una delle capitali più evolute dell'Europa. Il concetto di “arma” in questo modo si allarga all'inverosimile e diventa così davvero difficile sottoporre ogni tipo di sostanza  a rigorosi controlli di vendita e acquisto.

Venendo a noi, ed è il motivo per cui ne parliamo, qualcuno ha provato a dare la colpa alla caccia. Come Beppe Severgnini che dopo la tragedia, dalle pagine del Corriere della Sera ha voluto far notare che nella pacifica Norvegia esistono qualcosa come 439 mila cacciatori (ovvero uno ogni dieci abitanti, in totale nemmeno 5 milioni) e che le severe norme sulle armi evidentemente non sono bastate a fermare quella follia. Vero. Ma cosa e chi avrebbe potuto impedire ad una mente tanto diabolica di procurarsi illegalmente le stesse armi o di piazzare decine di bombe al fertilizzante in diversi punti della città?

Semmai il computo delle armi in possesso dei cacciatori in quel paese, ma gli illustri commentatori se ne guardano bene da farlo notare, ci restituisce un quadro di gran lunga tranquillizzante sulla sicurezza della caccia: una delle più alte percentuali di armi detenute per numero di abitanti a fronte di uno dei più bassi tassi criminali mai registrati, tanto che in quello stato le pene massime non superano i 21 anni di reclusione. In Norvegia, uno dei paesi più pacifici d'Europa, dove anche principi e governanti non hanno problemi a dichiarare il loro orgoglio di cacciatori, la stagione venatoria è molto più lunga della nostra e  i ragazzi possono avvicinarsi alla licenza già dai 14 anni. La caccia è aperta anche in agosto, quando campagne e boschi si riempiono di turisti (il 65 % dei norvegesi rimane nel proprio paese in vacanza e preferisce il turismo naturalistico), ma nessuno si sogna di creare inutili allarmismi sulla pericolosità delle doppiette, cavalcando fantasmi e paure per trarne vantaggio come fanno invece da noi anche certe associazioni sedicenti ambientaliste, talvolta anche gonfiando i numeri sulle vittime a caccia e dimenticando di far presente che quelle vittime sono quasi sempre tra soli cacciatori (Quest'anno, fra le sempre più rade vittime della caccia, solo una – causa di un tragico e deprecabile incidente – era del tutto estraneo all'attività venatoria).

Perché, allora, da noi, questa gratuita acredine nei confronti della caccia? Che sia una questione di civiltà? Che dipenda dall'italico andazzo dello scaricabarile, per cui coloro che si professano ambientalisti e amici della natura e degli animali, sentendosi corresponsabili dello scempio che quotidianamente si consuma sul nostro territorio, cercano di sviare l'attenzione su un comodo capro espiatorio? Ecco allora che il semplice, a volte semplicotto, cacciatorello nostrano, anello più debole della catena, senza santi in paradiso, diventa la causa di tutte le nequizie perpetrate ai danni della nostra bella Italia.

Ma non è così. Noi lo sappiamo bene. E il civile, pacifico, democratico popolo di Norvegia, che ha la caccia nel cuore, anche nell'esprimere il più grande sconforto per l'immane tragedia che gli è capitata fra capo e collo, è li a testimoniarlo.

Cinzia Funcis

Leggi altri Editoriali

23 commenti finora...

Re: Armi, la civiltà fa la differenza

Pallottola per Ani???Per il tuo va bene un proiettile di cannone.Segui il consiglio di FALCO NERO ma,con i cetrioli,oltre che la bocca riempiti anche qualcosaltro,capito bene DEFICIENTE?????

da Franchi 500 13/08/2011 17.27

Re: Armi, la civiltà fa la differenza

X PALLOTTOLAPERANI (IL TUO) sappi che non si spara solo per sport ma anche per mangiare qualcosa di genuino e gustoso,molti di voi anticaccia non capite un cazzo di cosa è la caccia e pretendete di parlarne,riempitevi la bocca d'insalate di cetrioli e non parlate di cose che non conoscete.

da IL FALCO NERO 11/08/2011 18.09

Re: Armi, la civiltà fa la differenza

non facciamo come al solito di tutta un'erba un fascio,distinguiamo attentamente le categorie...i cacciatori non fanno parte delle categorie di criminali o bracconieri,perchè sono in possesso di un'arma detenuta legalmente e con tanto di porto d'armi e licenza...la realta che le armi si vendono troppo facilmente in italia anche a persone non idonee a tenere un arma e per chiunque fosse in regola come noi cacciatori non avra problemi per nessun ulteriore controllo,che forse a questo punto sara il caso di fare prima che accadano altre stragi anche qui da noi...

da roberto 11/08/2011 13.01

Re: Armi, la civiltà fa la differenza

se anche quelle povere vittime fossero state armate magari non ci sarebbero state tante vittime

da gano 11/08/2011 11.36

Re: Armi, la civiltà fa la differenza

PALLOTTOLAPERANI TE CI PUOI FARE SOLO UN SANO PIPPONE, (MEGLIO SE E' TUA MADRE). REDAZIONE BIGHUNTER, E' INUTILE CHE CHIEDETE MODERAZIONE SE POI NON CANCELLATE I COMMENTI DI QUEL DECEREBRATO INFAME NASCOSTO DIETRO AD UNA TASTIERA

da ANIMALARI INFAMI 10/08/2011 8.49

Re: Armi, la civiltà fa la differenza

REDAZIONE BIGHUNTER MAGAZINE. Ricordiamo a tutti che La redazione Big Hunter concede questo spazio di assoluta libertà a tutti, per un confronto che sia utile strumento di conoscenza e di interscambio, nel rispetto delle altrui idee ed usando un linguaggio consono e civile.

da REDAZIONE BIGHUNTER MAGAZINE 10/08/2011 0.03

Re: Armi, la civiltà fa la differenza

Grande esempio di intelligenza e democrazia di pallottolaecc...!1)Se non va bene la legge(quorum),questa si cambia,cosicché' io posso imporre la mia idea piu'facilmente!2)La regola del quorum piu' basso potrebbe tornare utile anche per altri referendum abrogativi che al pallottola e ai suoi amici di piedi non farebbero tanto piacere.

da Pietro 2 09/08/2011 16.43

Re: Armi, la civiltà fa la differenza

per PALLOTOLAPERANI, dirti che sei CRETINO è solo farti un complimento; la prossima volta scriviti sul c**o STUPIDO, IGNORANTE e INCIVILE

da Lupus 09/08/2011 13.43

Re: Armi, la civiltà fa la differenza

Il vero problema è FAR CULTURA. Le armi di per se sono dei semplici pezzi di ferro, è chi le ha in mano che fa la differenza. Trovo semplicemente DRAMMATICA questa folle corsa al "disarmo" delle persone oneste, siano esse cacciatori o meno. Ma non l'abbiamo ancora capito che se, ipoteticamente, TUTTTI fossero armati, a NESSUNO verrebbe in mente di far quello che è stato fatto in Norvegia, perché chiunque sarebbe stato in grado di difendersi ? E' un concetto tanto difficile ? Beh, certo, demagocicamente è molto facile prendersela con chi detiene armi additandolo come un potenziale criminale ... Ma vogliamo guardarci un po' in giro ? Prendiamo due estremi : USA e Giappone. In Giappone praticamente nessun cittadino può detenere armi da fuoco, i controlli sono serrati ed anche la stessa criminalità organizzata trova grosse difficoltà ad acquisire armi da fuoco : per questo si sbudellano serenamente a colpi di katana ... Gli USA ? Ah, ma li ci sono stragi di innocenti ad ogni piè sospinto !! Si, bravi, ma dove ? Toh, guarda, nei Campus universitari dove è assolutamente vietato essere armati ! Signori, guardiamo in faccia la realtà : NON è possibile mettersi al riparo da episodi come quello di cui stiamo parlando, è solo possibile cercare di limitarne le conseguenze facendo CULTURA SULL'USO CORRETTO E RESPONSABILE DELLE ARMI, non certo demonizzandole e disarmando gli onesti, che tanto i disonesti (o i pazzi come Breivik) in un modo o nell'altro "strumenti per offendere" li troveranno SEMPRE. Con buona pace del povero illuso PALLOTTOLAPERANI

da OLD_Hunter 09/08/2011 11.39

Re: Armi, la civiltà fa la differenza

x Pallottolaperani Ti auguro di tutto cuore che a prima mattina nell'alzarti quando vai in bagno,accendi la luce e la tua casa ESPLODA,dissolvendosi dalle fondamenta al tetto,mentre la tua lurida carcassa,o di quello che ne resta,sia pasto per le cornacchie,infatti a costoro sono gradite le CAROGNE.

da Spartacus60 09/08/2011 9.25

Re: Armi, la civiltà fa la differenza

X pallottolaspuntata: per fortuna che il titolo dell'articolo parla di civiltà. Proprio il tuo commento dimostra che le persone come te si comportano in modo civile? E voi animalari vorreste imporci la vostra cultura spacciandola per civiltà.Comportamento troppo stupido per meritarsi un commento

da Bekea 08/08/2011 23.44

Re: Armi, la civiltà fa la differenza

http://triskel182.wordpress.com/2011/07/25/quando-la-follia-e-aiutata-dalle-armi-beppe-severgnini/#comment-1056

da Ezio 08/08/2011 18.56

Re: Armi, la civiltà fa la differenza

Purtroppo è vero, abbasseranno il quorum e voci di corridoio parlano dello 0,0001% degli aventi diritto, solo così forse passerà il referendum.....poveri noi.

da Giovanni59 08/08/2011 17.42

Re: Armi, la civiltà fa la differenza

Il dramma non è che un "PALLOTTOLAPERANI" possa esprimere un concetto così privo di fondamento. Il vero dramma è che ci sono ministri della nostra Res Publica ed onorevoli e personaggi pubblici con accesso quotidiano ai mezzi di disinformazione di massa che esprimo tali concetti. :-((

da Ezio 08/08/2011 17.40

Re: Armi, la civiltà fa la differenza

Max60:Il problema di PallottolaPerani, non è questo. Rifletti un po e vedrai che la soluzione al suo problema arriverà. Scusa mai noi ci siamo giocati il culo per persone così?... Credo proprio di si! E allora ben venga un'altra volta l'invasore e che la democrazia venga fatta sparire per sempre, vedrai questi eccelsi come ci difenderanno...

da RAPINATORE 08/08/2011 17.28

Re: Armi, la civiltà fa la differenza

pollottolaperani,che cervellino piccolo che ai,del resto da un animalaro cosa c'è da aspettarsi.io penso che quando sei uscito di casa hai scordato di accendere il cervello,ho per caso ai visto cacciatori andare a caccia con mitra,pistole cal 38,e bombe a mano....ma che sto a fa....a risponde a un deficente che non sa nemmeno dove sono i piedi,ho dov'è la testa.....

da max 60 08/08/2011 16.51

Re: Armi, la civiltà fa la differenza

severgnini,invece di scrivere cazzate che in norvegia neanche hanno preso in considerazione,il fatto di accostare la caccia al "matto",dicevo,invece di pensare alla caccia pensi al suo paese che viene commissiariato,e che per salvarci il culo devono intervenire altri paesi.sa quanti disoccupati ci sono,sa quanta gente lavora intorno al mondo della caccia,e lei ne vorrebbe fare ancoa di più....be ,come giornalista "democratico" è un fenomeno.

da max 60 08/08/2011 16.41

Re: Armi, la civiltà fa la differenza

se le armi fossero vietate per tutti (anche per la caccia) sicuramente risulterebbe molto difficile reperirle anche illegalmente. Uccidere poi degli esseri viventi per sport, a me risulta una pratica da deficienti. L'unica soddisfazione è quando un cacciatore spara per errore ad un suo simile (cacciatore). Spero presto che si abbassino i quorum per i referendum e la caccia verrà abolita. Per salutare " in bocca al lupo........crepi il cacciatore!"

da PALLOTTOLAPERANI 08/08/2011 16.40

Re: Armi, la civiltà fa la differenza

Severgnini Lei stavolta ha toppato e di brutto. Non avrei mai pensato che si accodasse a coloro che di caccia parlano male senza conoscerla e solo per avere più ascolto o lettori.

da Silvano B. 08/08/2011 16.04

Re: Armi, la civiltà fa la differenza

Se solo, da cacciatori, quando parliamo con altri che cacciatori non sono, poco ne sanno, e nonostante questo ci criticano, proviamo a ricordare loro che la Norvegia è il più pacifico paese d'Europa, come ovunque esprime casi anche gravi, gravissimi, di violenza, ma nella sostanza è PACIFICO. E questo lo deve alla sua cultura di tolleranza, di quieto vivere, di welfare. Un segreto? I cacciatori sono sei sette volte che in Italia. Probabilmente, con un passaparola diffuso, riusciremmo a convincerne più che di Severgnini.

da Serafino Del Cor 08/08/2011 15.21

Re: Armi, la civiltà fa la differenza

Signori! Pensiamo agli anni di piombo della nostra bella Italia, ai vari attentati di ogni matrice ecc.ecc. Ma quelle persone, ree responsabili andavano tutte a caccia?!... Cari miei, anche a stò giro siamo arrivati alla frutta, ma perchè?...

da RAPINATORE 08/08/2011 13.43

Re: Armi, la civiltà fa la differenza

Cose talmente ovvie che non ci sarebbe bisogno neppure di parlarne un minuto. Invece in Italia bisogna fare dei "libri". E pure inutili, non me ne voglia la bravissima Cinzia Funcis, se poi le leggiamo solo tra di "noi"che, almeno in teoria, non ne avremmo bisogno..... Mentre quello che ha scritto Severgnini chi ed in quanti lo han letto???

da Ezio 08/08/2011 12.28

Re: Armi, la civiltà fa la differenza

Come volevasi dimostrare, dove c'è caccia e dove ci sono cacciatori c'è civiltà, c'è democrazia partecipata, c'è un modo di vivere semplice e collegato ai ritmi della natura. Le mele marce sono dovunque, ma in questo caso, è ormai chiaro a tutti, questo sciagurato aveva dichiarato di essere cacciatore solo per poter acquistare uno strumento che gli sarebbe servito a tutt'altro. Chi ha provato a strumentalizzare per buttarla come al solito nella ignobile gazzarra anticaccia, questa volta ha toppato clamorosamente. Come vediamo proprio in questi giorni, le guerre si fanno con altri strumenti, e i popoli e la gente comune si azzoppano, si umiliano, si uccidono con ben altre armi, che sono quelle dell'alta finanza, degli interessi supernazionali, dei trappoloni da tre soldi che ti buttano in prima pagina il povero untorello, magari cacciatore, per nascondere i loro misfatti, le loro stragi silenziose.

da Kit CARSON 08/08/2011 10.56