Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
A futura memoria per l'umanità di domaniIl futuro dipenderà da noiInsostenibili sarete voi!Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIL'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

LA CACCIA E' GREEN?


lunedì 26 novembre 2012
    
Cervo Si fa un gran parlare oggi della green economy. Non solo. E' convinzione universale ormai che tutto ciò che è nuovo, è moderno, è politicamente adatto alla società del futuro,  è green. Bene. Se tanto mi dà tanto, anche la caccia del futuro dovrebbe essere green. Secondo me, addirittura, se c'è stato, se c'è, se ci sarà qualcosa di veramente green, questa è proprio la caccia. Intesa, ovviamente, come la deve intendere un cacciatore di quelli veri. Di quelli, senza tempo e senza topos – penso ai cacciatori delle steppe mongole e agli indiani delle praterie, ma anche agli inuit, ai tanti Derzu Urzala,  come ai cacciatori descritti da Ernest Hemingway e da Wilbur Smith, a quelli di Mario Rigoni Stern, a quelli richiamati dalle filosofie di Carlo Petrini – che in sintesi rispondono al paradigma da tempo in uso anche fra di noi, che recita: la caccia è naturale, senza ambiente non c'è fauna, senza fauna non c'è caccia. Ovvero, quei cacciatori che sono i primi a sapere e a professare un ambientalismo ragionato.

Alcune settimane fa, si sono tenuti a Rimini, alla presenza del ministro dell'ambiente, gli Stati Generali della Green Economy (“per fare uscire l'Italia dalla crisi”, si legge; si veda al proposito questo link  - clicca qui -). Non se n'è parlato molto; tuttavia, fra le tante  sfide che da lì sono state lanciate,  non sarebbe male che su alcune ci soffermassimo anche noi che amiamo perderci in riflessioni su ciò che si dovrebbe fare per dare un futuro meno precario a questa nostra bellissima perversione.

Sorvolando sulle misure generali, che interessano più gli economisti del governo dei tecnici, che la gente comune come noi, fra i 70 punti enunciati, quelli che ci potrebbero riguardare anche direttamente sarà bene appuntarceli, quantomeno per acquisirne consapevolezza e valutarne gli indirizzi, affinchè, come al solito,  non ci trovino purtroppo sprovvedutamente impreparati quando diventeranno concreti strumenti di gestione anche delle cose che ci riguardano.

Per esempio: si dovrà porre molta attenzione, quando si passerà dalle parole ai fatti, nel declinare il concetto di “Tutela e valorizzazione dei servizi degli ecosistemi”, volta a ricostituire  “gli stock di capitale naturale, tutelando e valorizzando i servizi forniti dagli ecosistemi, basi indispensabili per il nostro benessere e per il nostro sviluppo economico”.

Perchè, se non si può non essere d'accordo nel tutelare e valorizzare il territorio italiano, soprattutto per  interrompere i processi di degrado e alimentare attività di risanamento e recupero,  dare forza di legge a linee fondamentali che ne tutelino l’assetto, che ne fermino il degrado e il consumo e forniscano i riferimenti per una seria  gestione, bisognerà stare molto attenti quando si passerà a inquadre le soluzioni collegate alla tutela delle aree naturali, che ovviamente per noi non dovrà limitarsi a quelle cosiddette protette, che fino ad oggi – a fronte di un totale fallimento – hanno consentito che sul restante territorio si commettessero le più turpi nefandezze, mascherate non ancora dal termine green, ma da quello più classico, più aulico, di “eco”. “Ecologico”, “ecopolitica”, “ecoballe”, concetti che abbiamo visto che fine hanno fatto sotto le amministrazioni di cotanti (e tracotanti) politici cosiddetti ambientalisti, oggi anche “ecodem”, ma non solo.

Meglio sarà se ci si applicherà su problemi ben più concreti, come la tutela delle risorse idriche, per realizzare usi efficienti e migliorare la qualità delle acque. E tanto per non parlare a vanvera, sarà bene ricordare che dell'uso che in Italia se ne fa, dell'acqua, oltre il 70% va a finire in agricoltura. E non quando piove, ma soprattutto quando “non” piove. Perchè quando piove abbiamo visto, anche in questi giorni, purtroppo,  dove va...l'acqua. Poiché, come ricorda puntualmente e a proposito Carlo Petrini, oggi i contadini non la portano più “a spasso per i campi”, l'acqua. Ed è soprattutto lì, nell'agricoltura, modificandone le pratiche ove sarà necessario, che si dovranno incrementare le politiche di risparmio.

Altro riferimento, su cui applicarsi, quello della bonifica dei siti contaminati. Dove altrimenti, poco - e comunque intossicato - crescerà di utile per l'uomo ma anche per gli animali e per la fauna selvatica.

E infine, un occhio di riguardo, un po' di attenzione per favore, anche ai boschi e alle foreste. E' una pena indicibile per noi, che per storia, cultura e tradizione, da cacciatori, abbiamo sempre goduto di queste verdi meraviglie (oggi “green”) e usufruito dei loro frutti, selvaggina compresa, è una pena vedere immiserire decine di migliaia di ettari di castagneti fiaccati da una moschina cinese, querce secolari che muoiono improvvisamente, chilometri di viali di cipressi annichiliti, sentinelle del nostro paesaggio, e infinite altre essenze vegetali delle nostre campagne, che cadono sotto i colpi di parassiti ingrassatisi a causa  dell'incuria, dell'abbandono, ma anche conseguenza di errati piani...”green”.

E la cosa che più fa specie, in questa vicenda, è che proprio da questo manifesto, che vorrebbe tracciare la linea di demarcazione col passato,  con i suoi 70 comandamenti, in filigrana si legge esplicitamente un ammissione di colpa che l'attuale idea di sviluppo – subentrata a quella che per secoli, per millenni ha regolato l'evolversi delle nostre comunità, quella “rurale”, per intendersi, arcaica forse, ma oggi rivitalizzata con il termine di “green” - ha commesso in questi ultimi decenni, in cui ha spadroneggiato l'ideologia ecologista-ambientalista. Simbolo di un tragico fallimento, e ridotta ormai a  squallido animalismo, che fa venire in mente quelle quattro squinzie di Hollywood, zombi col belletto, che per esorcizzare l'inevitabile tramonto, irrompono nei salotti newyorkesi col maialino al guinzaglio.
Parodiate in Italia da chi va in giro con gli asini.
 

Enrico Parretti

Leggi altri Editoriali

12 commenti finora...

Re:LA CACCIA E' GREEN?

Ci sono progetti che per essere compiuti richiedono programmazione, impegno, partecipazione, qualificata volenterosa e preparata e il tempo necessario per essere compiuti. Questi progetti, messi in atto da noi e per noi, per quanto ovviamente validi ed irrinunciabili, passano nell' anonimato e se anche pubblicizzati, difficilmente capterebbero l' opinione pubblica. Diverso, è inserire l' immagine della caccia nei grandi temi sociali, che coinvolgono più o meno, l' ambiente, Come l' ILVA di Taranto, la TAV, la lotta ecologica di certi sindaci contro bruciatori, inquinamento ecc ecc. Per fare questo, d' altro canto, nemmeno servirebbe un grande progetto, nessuna programmazione, nessuna capacità organizzativa ne realizzativa, pochi soldi e pochissimo tempo, per ottenere invece una consistente ricaduta d' immagine ambientale. Sopratutto farebbe capire che la caccia si è svegliata dal suo letargo e dal suo indirizzo, sempre troppo periferico. E' un sistema copiato dall' animalismo, ma è proprio quello che volevo dire, arriviamo sempre dopo, o peggio non arriviamo mai.

da Fromboliere 30/11/2012 21.28

Re:LA CACCIA E' GREEN?

Purtroppo non è così facile, Fromboliere. Anche se - riferendoci ai buoni propositi della green economy nostrana - non è difficile certificare il fallimento di tutte le politiche verdognole sostenute dai nostri governi (e quindi da noi tutti, cittadini italiani, me e te compresi) in questi ultimi trenta-cinquant'anni. Per quello che ci riguarda, tuttavia, nel nostro piccolo, non bisognerebbe buttarci giù così. Qualcosa abbiamo fatto, se è vero come è vero che certi territori dove la selvaggina abbonda son meglio di altri proprio perchè noi ce ne siamo preoccupati. Se certe specie oggetto di caccia (e non solo)hanno fatto passi avanti sia per quantità che per qualità,grazie al nostro impegno; se nelle melmose cronache stagionali (alluvioni e calamità di varia natura) la nostra partecipazione volontaria spicca per qualità di organizzazione e quantità di persone impegnante. Anche se, e qui sta il baco, queste cose non riusciamo a valorizzarle e a farle conoscere per promuovere la consapevolezza diffusa che fra i tanti italiani, sul territorio, noi cacciatori siamo più presenti - positivamanet - molto più che di altri di cui si legge spesso sui giornali, ma che mai, dico mai, se n'è trovata traccia quando c'è da rimboccarsi le maniche.

da Mario N. 30/11/2012 16.40

Re:LA CACCIA E' GREEN?

La caccia è un’ attività antica come l’ uomo ma ancora soffre di crisi d’ identità. Se la caccia è green allora sia contro la TAV. Se la caccia è green che allora le associazioni venatorie di Parma si schierino a favore del sindaco Pizzarotti. E anche i cacciatori la finiscano di essere pecore, sballottati dal lupo da una parte e dai cani pastori dall’ altra. Adottino un’ identità al di sopra di ogni corrente, definita in quella logica che è GREEN assolutamente. Senza curarsi di chi hanno a fianco o se e come gli potrebbe tornare utile o essergli dannoso.

da Fromboliere 30/11/2012 10.47

Re:LA CACCIA E' GREEN?

Oppure:1)Imponiamo a noi stessi un'unica associazione. Anche se i numeridicono che per forza la maggioranza è Federcaccia. 2) Portiamo in questa unica associazione anche il nostro dissenso: andiamo meno a caccia e cerchiamo di essere più preparati. basta balle.3)Adoperiamoci perchè fra le priorità, una delle prime cose da fare sia una scuola quadri dirigenti, non (solo) per imparare a spellare il camoscio, ma anche e soprattutto per avere più capacità poliiche. 4) Fra queste capacità, una adeguata dialettica (linguaggio moderno, efficace)e una necessaria istruzione e educazione ad affrontare il mezzo televisivo. Berlusconi prima, renzi oggi dimostrano che questo paga. 5)Sensibilità ambientale, per dimostrare che siamo noi, prima di tutti, a farci carico dei problemi di tutti, denunciando anche gli innumerevoli scempi che finora anche gli ambientalisti hanno fatto finta di non vedere.

da Greg 29/11/2012 14.40

Re:LA CACCIA E' GREEN?

se la caccia si potesse chiudere sarebbe già stata chiusa da mo e il motivo va ricercato che forse a qualcuno in fondo piace e proprio perché qualche cosa di green nella caccia riesce a trovarcelo comunque. C' è gente si diversa da noi, ma poi nemmeno troppo: Ci sono più grillini tra i cacciatori che nel movimento a 5 stelle: non siamo noi quelli che vogliamo una stampa libera, non asservita ed obiettiva che scriva e racconti i fatti come sono? non siamo noi che vogliamo riempire le piazze per manifestare i nostri diritti? non siamo noi che non vogliamo la TAV e la perdita di territori ingoiati dalla cementificazione? non siamo noi che vogliamo l’ acqua pubblica? non siamo noi che vogliamo dirigenti giovani, attivi e dinamici, liberi dal giogo dei partiti e che non abbiano voglia di stare solo seduti su di una poltrona? non siamo noi che vogliamo buttare per aria il sistema degli atc, dei parchi e tutti i depositi giurassici della caccia? Non siamo noi che nell’ ambito nazionale vorremmo introdurre le nostre rappresentanze scientifiche, tecniche e culturali per poterci gestire autonomamente? e non siamo noi, alla fine, che vogliamo le fedine pulite come solo noi le abbiamo? Volete tutto questo? il natale è vicino, scriviamo una letterina e mettiamola sotto l’ albero. Oppure…

da Fromboliere 29/11/2012 12.42

Re:LA CACCIA E' GREEN?

La Caccia è green ma purtroppo molti cacciatori NON SONO green!

da vecchio cedro 28/11/2012 16.06

Re:LA CACCIA E' GREEN?

Probabilmente non ci si accorge che, nella nostra immobilità aggravata da litigi e divisioni esasperate per quattro cartucce in più, gli altri - agricoltori, ambientalisti, governo, regioni, Ispra e chi più ne ha più ne metta - vanno avanti. Gli interessi sono enormi rispetto a cui quelli legati alla caccia sono un'inezia. Ce lo vogliamo dire una volta per tutti che ormai siamo sopportati e se non ci muoviamo su un fronte comune con idee che siano accettabili dall'opinione pubblica e da chi comanda, diventeremo come Geronimo?

da B. C. 28/11/2012 11.21

Re:LA CACCIA E' GREEN?

La caccia, come l'agricoltura, sono green se nel rapporto di dare avere prevale il dare. Ovvero, se dalla caccia, come dall'agricoltura, otteniamo di meno di quello che diamo (o diamo di più di quello che prendiamo). Con un occhio alla nostra evoluzione sociale, quando eravamo solo cacciatori, riuscivamo a vivere, anche bene, finchè ci preoccupavamo (i nostri antenati, ovviamente) di mantenere integre le popolazioni. Lo stesso, quando insieme alla caccia, scoprimmo che si poteva favorire la produzione agricola stabilendoci in un territorio adatto. Il fatto è che più si stava bene e più si cresceva di numero e più si cresceva di numero e più si consumava. E allora, succedeva - ma parlo ancora di dieci-ventimila anni fa, come minimo - che quelle terre non bastavano più e i più ardimentosi diventavano pionieri e colonizzavano altre terre fertili. Poi, negli ultimi due tre secoli hanno scoperto il consumismo: prordurre non più per mangiare, ma per "guadambiare", come diceva mio nonno. E allora....

da Gino P. 27/11/2012 17.26

Re:LA CACCIA E' GREEN?

La caccia è sicuramente "green". Non lo è l'agricoltura, anche se può sembrare un paradosso.

da Martino, Bologna 27/11/2012 12.27

Re:LA CACCIA E' GREEN?

Il premio quest'anno se l'è meritato l'animalaro per eccellenza, il precario petulante e fastidioso che imperversa inutilmente sul web da anni,auguri pagliaccio,ahahahaha

da Johnny 26/11/2012 13.46

Re:LA CACCIA E' GREEN?

L'unica cosa certa è il colore " green ", sarebbe a dire siamo al verde per la nostra passione!Coso, l'acqua calda... Oramai non ci resta altro che "ogn'uno per sè e dio per tutti!".

da s.g. 26/11/2012 13.16

Re:LA CACCIA E' GREEN?

Sono battaglie impegnative. Immani per un popolo come il nostro diviso e in perenne conflitto ideologico. Vecchio nell'anima prima che all'anagrafe. Non basta il concetto di rottamazione, serve una vera e propria rivoluzione culturale. E si può fare solo se siamo uniti. La sfida green può essere utile, se - uniti - facciamo prima di tutti due cose. La prima: attaccare le cattedrali animaliste-ambientaliste che vivono di rendite parassitarie a rimorchio del sistema. Che a tutto pensa meno che alla tutela dell'ambiente e della salute dei cittadini. Perchè i nostri cento "amici" parlamentari non hanno ancora sollecitato il governo, le regioni e la Corte dei Conti per sapere quanti soldi dei cittadini (e anche dei cacciatori, Brambilla a parte) vengono erogati a babbo morto (e sperperati) alle lobby ambientaliste perchè stiano buone a cuccia? La seconda: la vera battaglia per l'ambiente, per il territorio, per la cosiddetta "biodiversità", la dobbiamo fare noi. E non siamo all'anno zero. Basterebbe mettere insieme i dati del nostro impegno. Sui fatti siamo in grado di battere tutti. Sveglia.

da F. Reali 26/11/2012 10.10