Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
L'etica animale, l'etica della caccia e l'etica nella cacciaIo la penso cosìTempi rottiChe il futuro ci sia... MiteCaccia e next generationAvviso ai navigantiCacciatrici, ma quale novità!Come riportare la natura nella nostra vitaLe memorie corteUn sognoLa caccia francese scende in campoDalle Alpi alle piramidi. Un auspicioCaput mundi de che?La caccia e la fabbrica dei sogniIl catalogo è questoIl cane è intelligente?Punto cinghiale. Ma non soloMa vi pare possibile?Paesi tuoiIl cane "appadronato"Una. Un primo passo verso il riscattoCosa non fa la Lipu?Sui cinghiali di RomaAnche i papi nel loro piccolo s'in...dignanoForza ragazzi!No all’estremismo animalistaRecovery HuntE caccia sia!Barbera o Champagne?Ancora a caccia con entusiasmoMeglio quando c’era TiburziFrancia. Così si faConto alla rovesciaPer una costituente della cacciaDi qua e di là dalle AlpiForza cacciatoriUn salutoIl futuro remotoCronache dalla savanaServono ideeAmati sentieriAddio Taddeo!Parchi "U.S.A & caccia"Le verità sepolteLe magnifiche sorti e progressiveBenedetto cinghialeConsiderazioni sulla beccacciaTorniamo intorno al caminoLettere ai tempi del CoronavirusLa lepre del... preteLa penultima spiaggiaViva la campagnaNuove sfidePer un nuovo buongovernoA carte scoperteCovid-19 con prudenza operosaIl mio caro Münsterländer e altre esortazioniRitorno a cinghialandiaTanto fumo e poco...Animali e ParlamentoC'era una volta un saggio. Anzi: tanti saggiBeccacce e tanta passioneLa Sinfonia PerfettaDaini Circeo. Scienza contro panzaTra tofu e fanatismoAnche Manhattan è naturaAmbientalismo: scienza o compassione?FILIERA: i primi passiCinghia - Lex & C.Rural SuasionMeglio i tordiUngulati, questi sconosciutiNessuno tocchi l'ambiente. Ci basta il paesaggioRifacciamoci la boccaLa natura nel mondo delle fiabeDa ieri a oggi. E domani?Uno scatto d'orgoglio per recuperare rispettoLa bellezza salverà il mondoDove vai, se la caccia non ce l'haiNell’anno delle allodole*Tutela biodiversità? Ben venga!Diamoci da fareIeri le tortoreA caccia, ieri, oggi, domaniKC. La scienza bizzarraCaccia futura - Parte l'iniziativa BigHunter "Io ci sono!"L'animalista antiscientificoProviamoci, almenoEmergenze o indulgenze?Forza ragazzi! Forza ragazze!Moriglione, pavoncella e la polvere sotto il tappeto Ambientalisti in discesaLa giusta battaglia dei circhiIl pane … e la cacciaCacciatori e piccoli passiGli animali sono animaliAvanti tutta in EuropaAmbientalista? Sì, cacciatore!QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMOSelvaggina, la via della filieraGiovani. Cacciatori. NaturalistiEuropa Europa!Padule di Fucecchio. Fatti non p.Diamo una mano alla starnaTornare ai tempi della naturaRitorniamo al mitoGreta e la terra I Restoni non sono “quelli che restano”Riprendiamoci la naturaDiscorso sulla coturnice, ma non soloLa piaga dei ParchiBentornata ExaHorror naturaProvocazioni e fermezzaMaestra montagnaSPORT O PASSIONE?Un contratto a uso del manovratoreCol cinghiale al casello, ma non soloCinghiale. Il ricercatore svela la bufalaCambiamenti climatici e migrazioneScelta di campo e arie partenopeeIl nostro futuro è in EuropaLa mia Flyway è differenteIl futuro potrebbe essere la gestione adattativa?Un amoreAmbientalismo de noantriAria fresca e un pensierino alla SerraIl caso Leopold LipuUna sbiadita stellaViva la caccia!Questione di passioneIl mondo che verràIl senso della Lipu per i passeriArmi. Le nuove regoleSi va per l'aperturaLa tentazione di riprovarciIncendi. Il presente, il futuroAmbiente. Vogliamo parlare dei Parchi?SOGNO DI UN'ELISA DI MEZZA ESTATELa nostra frontieraCerusici e norciniSaggezza cinotecnicaUn ministro smarritoMa dov'era la Lipu quando ci rubavano gli habitat?E se si ripartisse dalla pernice?ISTINTO VENATORIO DEL CANE DA FERMAAntibracconaggio, a che punto siamo?Nuovo Governo. Un limite, un'opportunitàCronaca di una passioneDotti, medici e sapientiDiamoci una mossaE' giusto essere amici degli animali, ma oggi è meglio difendere gli uominiOrnitologo sarà lei! - Ornitologia “accademica” vs. Ornitologia “venatoria”Battistoni. Ambientalista cacciatore, con un occhio alla migratoriaEmozioni di una capannistaBruzzone, è ora di riformeCaccia richiamo profondoCalo uccelli e agricoltura. La resa dei conti Le visioni di lupo Gianroberto e i tre grilliniAttesaVaghe stelle del sudLa caccia come la vedo ioELEZIONI 4 MARZO: CHI VOTARE E CHI NOUn primato sconosciutoLa carica degli ungulatiIl sabato del cacciatoreSpeciale elezioni: Un voto per la cacciaAndare a votare e votare beneOH QUANTE BELLE FIGLIE...A testa altaDella beccaccia e del suo patrimonioCi vuole più coraggioDove va la caccia secondo SimonaDove va la caccia? "Lo decidiamo noi"A futura memoria per l'umanità di domaniIl futuro dipenderà da noiInsostenibili sarete voi!Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIOrsi, sono troppi?L'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?E GALLETTI FECE IL SORDOLA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaEUROPEI A META'Donne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

La caccia e la fabbrica dei sogni


lunedì 4 gennaio 2021
    

 
 
Non c'è dubbio che con l'arrivo del cinema, il mondo è cambiato. Dalla fine dell'Ottocento a oggi il grande schermo ha modificato le nostre abitudini, la nostra vita, i nostri sogni, che spesso attraverso apparati  sempre più tecnologici siamo stati portati a  credere che potessero diventare realtà. Ha ispirato anche la moda, il nostro modo di pensare, influenzando le masse, ponendo un'ipoteca pesante anche sulla verità.

Tanto per non andare lontano, per la caccia, insomma, a proposito di realtà ci troviamo spesso a denunciarne lo stravolgimento, attribuendone cause e colpe alla visione disneyana che da quasi un secolo prevale nell'opinione corrente quando si affronta l'argomento del rapporto fra animali e uomo. Oggi, poi, con il cinema d'animazione sempre più oppressivo, non c'è specie selvatica o domestica che non parla, non piange, non ride, non fa malestri come se fosse un (ridicolo) essere umano. Non è una questione di poco conto, tanto che se non corriamo ai ripari, ci ritroveremo assediati da torme di conterranei che ci contesteranno di attentare alla vita di Duffy Duck, Willy il Coyote, Bunny.

Disney, si diceva, Mr. Walt Disney. Il discusso personaggio, inventore di Topolino e Paperino, che sembra che da giovane andasse anche a caccia. E che poi, dopo aver messo lo schioppo in mano al topo saccente e al papero più famoso e più sfortunato del mondo, segnò una svolta radicale nell'immaginario collettivo di generazioni, sfornando quella lamentosa storia di Bambi. Pur producendo in contemporanea o quasi anche le serie Davy Crockett e Daniel Boone, dove gli eroi erano cacciatori.

Da queste vicende cinematografiche prende spunto un giornalista americano, James A. Swan che scrive di argomenti ambientalisti anche sul National Geografic, per affrontare il tema. O meglio, il problema dell'influenza del cinema sull'idea che i contemporanei si sono fatta della caccia.

Una volta - dice Swan - sul grande e sul piccolo schermo i cacciatori erano degli eroi, dei modelli, oggi  molto spesso sono raffigurati come cattivi, sanguinari, idioti. Chiave di volta del nuovo concetto, il film di Jean Jacques Annaud - The Bear, L'Orso, una pellicola per bambini - dove un maschio di grizzly ferito durante una battuta di caccia, si confronta a più riprese con cacciatori e cani, adotta un cucciolo di orso, orfano di madre, e alla fine, non più inseguito,  per riconoscenza salva dalle grinfie di un puma il giovane cacciatore che lo aveva ferito.  E tutti vissero felici e contenti. Una storia dolciastra che tradisce la realtà. Il grizzly non ha sentimenti umani - sentenzia Swan -  difficile che possa essere altruista,  e spesso i maschi divorano i cuccioli, senza sentirsi in colpa. E - conclude -  i cacciatori non sono persone malvagie.

Come si diceva, con l'avvento delle nuove tecnologie di animazione al computer, sono arrivati tantissimi animali parlanti. Con pellicole di basso (esempio: Babe) e alto profilo, come "Watership down", "La collina dei conigli", che Swan considera ecologicamente e biologicamente accurato. Ne segue una serie di film per ragazzi (Jumanji, Shiloh, Bless the beast and the children), dove il cacciatore quando va bene è uno sbadato, mentre invece nella maggior parte dei casi gli oppositori della caccia sono eroi, concetto che fa il paio con l'opinione sempre più corrente di chi considera sbagliata una corretta gestione degli equilibri faunistici.

Più variegata la realtà nel cinema per adulti. Nel classico "Il cacciatore", un gruppo di reduci dal Vietnam scopre che sparare ai cervi fa emergere inquietanti sensi di colpa. Numerosi film - dice ancora Swan - cominciano con persone che vanno a caccia di animali e , come in Caccia Fatale (1932), in Senza Tregua, in Huntars Blood, per esempio, finiscono per cacciare altre persone. Un abbinamento errato e soprattutto piuttosto pericoloso.

In altri contesti, un idea di caccia snob, abbinata ad ambienti conservatori, aristocratici,  è stata proposta a più riprese per esempio in pellicole come  "The Shooting Party" (Battuta di Caccia - 1984), "The Rules of Game" (La regola del Gioco - 1939), "Shalako" (1968), "The List of Adrian Messenger (I Cinque Volti dell'Asssassino - 1963), "A Handfull Dust" (Il Matrimonio di Lady Brenda -1988): sullo sfondo di complesse battute di caccia, dove avvengono omicidi, crudeltà, sadismo, i cacciatori sono rappresentati come brutti, antisportivi, brutali e a volte sadici. Colpo dopo colpo, l'immagine del cacciatore subisce ripetuti tentativi di messa al bando.

Unica significativa eccezione, o quasi, la si scopre in quel  grande affresco dell'alta società anglosassone, "Gosford Park", diretto da Robert Altman, dove tutto gira intorno a una ottimamamente rappresentato fine settimana di caccia nella tenuta di un Lord. Qui, il regista non cerca assolutamente di far sembrare crudeli i cacciatori, anche se si capisce che alcuni personaggi particapano alla battuta solo per ottenere soldi dal vecchio e ricco padrone di casa. Per contro, "The Naked Prey" (La Preda Nuda, film del 1966 diretto da Cornell Wilde), dà vita al sogno di un attivista per i diritti degli animali. In uno scenario di svolta del 20° secolo, i nativi africani perseguono un white hunter come fosse un animale, e massacrano addirittura il suo cliente che  presumibilmente viene anche mangiato. E in "Powder" (1995), un essere dotato di poteri paranormali  guarisce un cervo ucciso da un cacciatore, considerato alla stregua di un criminale; o in  "Scream" (Chi Urla Muore - 1997) che mette di gli spettatori di fronte a una serie di vittime sventrate: ai sospetti interrogati dagli investigatori viene chiesto se amano la caccia, per il solo fatto  che ai cacciatori piace sventrare la preda. Quando sappiamo tutti che quest'operazione serve esclusivamente per non infettare le carni. 

Insomma, una lunga serie di pellicole che attribuiscono ai cacciatori le patologie psicanalitiche le più varie, dalla depressione all'impotenza e a infinite ossessioni, in contrappunto con protagonisti dall'animo ambientalista: un film fra tutti "Grey Owl" (1999), diretto dall'ambientalista David Attemborough e interpretato da Pierce Brosnan, uno dei tanti 007,  racconta la storia di un importante naturalista canadese dei primi del Novecento, Archibald Stansfield  Belaney, che si scopre però imbroglione, che  mistificando le sue origini dando a bere che, da meticcio,  era stato cresciuto da una tribù dei Chippewa, con una descrizione ben lontana dalla saggezza di queste popolazioni, per accattivarsi la benevolenza dei bianchi e  rappresentare una fasulla realtà ecologista. Un  film  comunque che è stato un fallimento finanziario, apparso in poche sale e relegato presto nei canali televisivi. Disprezzato dal pubblico, anche perchè dai contenuti fasulli: oggi - a distanza di più di un secolo dalla vicenda narrata - i castori sopravvivono grazie all'industria delle pellicce, e gli indiani mettono trappole, fanno le guide, cacciano.

"Eppure, se Hollywood volesse - sentenzia Swan -  potrebbe investire meglio i suoi soldi in figure di cacciatori appassionati come Theodor Roosvelt (bellissima la storia ambientata in Africa da Wilbur Smith, Il Destino del Cacciatore, edito nello stesso anno) o Glifford Pinchot, grande dirigente forestale della stessa epoca, che dettero vita al movimento conservazionista americano, molto più prezioso sia per gli animali sia per gli uomini. Facile per la Fabbrica dei Sogni descrivere i cacciatori come stupidi o criminali - conclude il divulgatore ambientalista americano - ma non è così nella vita reale.  Sono numerosi gli esempi di cacciatori  illuminati, che si impegnano per esempio per la difesa degli elefanti, come sono sotto gli occhi di tutti i disastri provocati dall'enorme proliferazione di popolazioni animali non più controllate, come i cervi,  o come le oche delle nevi che distruggono  gli habitat della Baia di Hudson, a discapito anche di altre specie che là vi nidificano".

"Chi finanzierà - arriva a chiedersi - un film che possa ottenere lo stesso benefico effetto da quella splendida pellicola -  In mezzo Scorre il Fiume di Robert Redford - che ha riscattato la pesca?".

Ce lo dobbiamo chiedere anche noi, in Europa, in Italia, dove pure i riferimenti di dubbio gusto si sprecano. Chissà se questa crisi epocale che ci sta ancora facendo soffrire, non faccia rinsavire  i nostri governanti, i nostri intellettuali malati anch'essi di buonismo "political correctness", i nostri falsi ambientalisti?

Chi vivrà vedrà!


Antonio Rocca

Leggi altri Editoriali

23 commenti finora...

Re:La caccia e la fabbrica dei sogni

Sig.Cigno..io dove l'avrei offesa?? Inferiore non l'ho detto a lei ma a certi comportamenti... è bravissimo nel gioco delle tre carte.. Ma vedo che continua..ora addirittura sottolinea che devo capire il significato AD Personam e poi,se il.mio intelletto è in grado,magari capirne il significato. Quindi sarei analfabeta ed anche un po corto di ragionamento.. Sorrido del suo tentativo di indottrinamento e sorrido anche delle sue affermazioni da età scolare. La saluto,sono a caccia non posso perdere più tempo con lei.

da Io 11/01/2021 12.42

Re:La caccia e la fabbrica dei sogni

Giacomo Cigno lei è entrato a gamba tesa su di un sito di caccia con tesi preconfezionate mosse da evidente pregiudizio e palesemente diffamatorie e non già per un democratico e civile scambio d’idee e non sia meravigliato se qualcuno di noi poi l’abbia appellato come una persona non del tutto equilibrata. E’ nella figura del cacciatore proteggere e preservare la sua cultura cacciare in modo leale cacciare per onorare il creatore della sue creature messe a disposizione dell’essere umano. Oscurare quanto si va contro il creatore a cui prima o poi gli si dovrà rendere conto ognuno per la propria parte.

da Ric. 11/01/2021 5.32

Re:La caccia e la fabbrica dei sogni

Lei non assomiglia a nessuno di noi , il saggio ha scritto la verità e bretone ha fatto di meglio.

da Luciano 10/01/2021 18.29

Re:La caccia e la fabbrica dei sogni

Aaaa...Giacomì....c e chi ci ha fatto imperi sugli animali...vedi come vuoi knterpretarla....

da Wweffe & co 09/01/2021 13.53

Re:La caccia e la fabbrica dei sogni

Sig io, di nuovo: nell'esercito le hanno insegnato psicologia, ma non a leggere. Io ho paralto di insulsi impulsi di certe persone, e lei e i suoi colleghi mi avete dato dell'omosessuale, dell'inferiore, di poter essere scambiato per una specie dannosa e preso a fucilate, dello psicopatico, ed altro ancora. Adesso provi a capire il significato del termine 'ad personam', e ci rifletta così magari ci arriva. Ripeto: nessun problema, l'unica offesa sarebbe se qualcuno mi dicesse che assomiglio a gente come il saggio o bretone, o anche lei. Ma più che altro fatela finita con questo misero vittimismo da persone aggredite: è oltremodo patetico che gente con l'hobby di sparare agli animali, faccia pure la vittima.

da Giacomo Cigno 08/01/2021 21.03

Re:La caccia e la fabbrica dei sogni

Caro sig. Cigno, fatti non fummo per viver come bruti. E non avendo ricevuto risposta, sono sempre più convinto che lei si fa fuori delle belle braciole, non solo lattuga. Ma anche se fosse solo lattuga, penso proprio che se la insaporisca per bene. E non mi dica che lo fa solo per fame.

da Mancuso 08/01/2021 10.29

Re:La caccia e la fabbrica dei sogni

Cigno , fatti una bella camomilla e fila nel letto!!!! Psicopatico !!!

da Antonio 08/01/2021 8.51

Re:La caccia e la fabbrica dei sogni

L uomo fa parte della natura e ha tt il diritto di prelevare e gestire le risorse ,basta ed avanza.

da Annibale 08/01/2021 8.10

Re:La caccia e la fabbrica dei sogni

Chi scrive va a caccia da sempre e continuerà a farlo. Va anche riconosciuto con sincerità che gli animali hanno subito per millenni indicibili sofferenze. Gran parte degli allevamenti intensivi rappresentano una forma vergognosa di tortura al servizio del profitto. Da qui dovremo partire per trovare una possibile legittimazione alla nostra attività, ma come vedo siamo ancora lontani anni luce.

da Voltaire 07/01/2021 22.42

Re:La caccia e la fabbrica dei sogni

Sig.Cigno,abbia pazienza..ma il primo post su questo articolo chi lo ha scritto accusando i cacciatori di avere degli"insulsi impulsi" noi o lei? Carta canta!

da Io 07/01/2021 19.30

Re:La caccia e la fabbrica dei sogni

Sig IO, quello che per primo si è rivolto AD PERSONAM è stato lei verso di me, non il contrario, quindi semmai è lei che adesso tenta di rigirar frittate. Lei mi sembra trump, che continua a dire che ha vinto lui e non si è ancora accorto che ha perso. Sig. Mancuso, è sempre un piacere constatare che chi non si fa alcun problema ad uccidere animali a caccia quindi per passione, poi però è sempre tanto sensibile alla sofferenza di lattuga e carote. Ma forse lei vuol raccontarci che chi va a caccia oggi lo fa per fame?

da Giacomo Cigno 07/01/2021 19.20

Re:La caccia e la fabbrica dei sogni

OK

da A 07/01/2021 18.05

Re:La caccia e la fabbrica dei sogni

Mi chiedo se questo Giacomo Cigno sia un uomo in carne e ossa o un'entità astratta. Glielo chiedo anche a lui, soprattutto per sapere se campa d'aria o - come tutti gli umani, animali fino a prova contraria- quando ha fame si ciba come noi di "esseri viventi". Per mangiare i quali probabilmente ha dato incarico (più o meno consapevolmente, ma questo dipende dalla sua intelligenza)... di togliere la vita? Si potrebbe dire un committente di assassinii. In altre parole, sig. Cignno, lei, la lattuga, la lascia morire nel campo, radici e tutto, o la compra all'Esselunga dopo che qualcun'altro l'ha "uccisa" per lei??

da A. Mancuso 07/01/2021 15.23

Re:La caccia e la fabbrica dei sogni

signor giacomo cigno lei è proprio perfetto un grande ma vedo leggendo qua sotto che giudica e giudica e giudica gli altri ....mi chiedo su centinaia di siti lei partecipa proprio a questo,ma dovrebbe saperlo ormai da tempo che parlare con noi esseri inferiori è inutile....cosa ha da condividere con noi nulla eppure entra nel sito dei cacciatori e per quale ragione se non quella di aggredirci.... denigrarci ecc ecc viva la caccia

da Mauro 06/01/2021 22.48

Re:La caccia e la fabbrica dei sogni

Sig.Cigno lei rigira la frittata..vede lei continua ad offendere personalmente dice che non so leggere quindi analfabeta. Atteggiamento tipico il vostro..non tollerate assolutamente il diverso pensiero,ideale e reagite solo offendendo. Per finire le ricordo che la caccia è un'attività legale autorizzata dallo Stato a cui paghiamo fior di quattrini. Continui pure a rodersi il fegato tanto la caccia continua e continuerà.

da Io 06/01/2021 21.28

Re:La caccia e la fabbrica dei sogni

Sig SAGGIO, lei può pensare di umiliarmi dicendo che io sia omoesseuale, lesbica, transgender, bisessuale, ecc. la cosa non mi turba affatto e meno ancora mi umilia. L'unico modo di offendermi e umiliarmi sarebbe dirmi che assomiglio a qualcuno come lei. Sig. IO, forse nell'esercito avrebbero dovuto anche insegnarle a leggere, perchè se secondo lei sono io quello che vorrebbe offendere e umiliare, allora chissà cosa si dovrebbe dire di quello che hanno scritto ad personam i suoi colleghi mary poppins, bretone e saggio, e anche lei, stesso. Secondo lei 'chi aggredisce dimostra debolezza fragilità e poca scaltrezza..paura,per dirla tutta,dovuta al fatto di sentirsi inferiori': ironico, perchè quel che fanno i cacciatori è esattamente quello: aggredire esseri viventi che non ci sarebbe nessun bisogno di aggredire nè di uccidere.

da Giacomo Cigno 06/01/2021 21.12

Re:La caccia e la fabbrica dei sogni

Già come si presenta il sig.cigno la.dice lunga...il suo.essere anticaccia lo.esprime solo offendendo e tentando di umiliare il suo,e solo.suo,avversario.. Ho servito nell'esercito anche in missioni toste,ed oltre ad i segnatci l'arte della guerra,perché esiste purtroppo,siamo stati addestrati ad inquadrare il nostro ipotetico nemico anche psicologicamente..ecco ci hanno sempre insegnato che chi aggredisce,anche solo verbalmente, dimostra debolezza fragilità e poca scaltrezza..paura,per dirla tutta,dovuta al fatto di sentirsi inferiori

da Io 06/01/2021 15.11

Re:La caccia e la fabbrica dei sogni

Mi piacerebbe tanto sapere cosa conosce degli animali il sig. Cigno, di più e meglio di quanto sapevano i nostri nonni, per i quali possedere anche solo 1 capra valeva la quasi certezza di passare l'inverno senza patire troppo la fame. Avrà forse visto decine di documentari fasulli girati dentro pseudo parchi recintati con animali addomesticati? O forse tanti di quei films melensi con animali protagonisti? Un consiglio sig. Cigno, se le dovesse capitare di ammalarsi si curi come si curano gli animali selvatici.

da MarioP 05/01/2021 13.37

Re:La caccia e la fabbrica dei sogni

Gosford Park è un film senz'altro da vedere, per chi ama la caccia, perchè ne rappresenza seppur didascalicamente l'essenza, pur nella dimensione aristocratica anglosassone. Quanto al resto, televisione e mezzi di supercomunicazione di massa stanno rispecchiando un modo di essere e di vedere il mondo, funzionale agli interessi dei grandi gruppi finanziari dominanti, che ci hanno spinto a consumare anche il supersuperfluo. Se una cosa buona questa pandemia ci ha dato è quella di relegarci a casa e farci capire che la stragrande maggioranza delle cose che abbiamo fatto fino ad ora e per le quali abbiamo speso tempo e denaro sono praticamente inutili, o al massimo superflue, appunto. L'impoverimento complessivo, poi, finito lo scudo assistenziale che non può durare in eterno, ci regalerà milioni di disperati che faranno fatica a mettere insieme il pranzo con la cena. La caccia, o addirittura il bracconaggio, diventeranno opportunità di sostentamento. E voglio pensare positivo.

da Lorenzo G. 05/01/2021 9.06

Re:La caccia e la fabbrica dei sogni

alla fine la caccia vincerà. Questi pseudo animalisti ,vegani , no-vax pagheranno il conto. la Pandemia sta già aggiustando molte cose e èER FORTUNA dando la precedenza all'essere UMANO e non a un animale. Questo Giacomo di sicuro è un omosessuale , con le sue paure , la sua sensibilità di donna-uomo e niente di sicuro cosi si accanisce contro chi ha una sua precisa e chiara IDENTITA' , il cacciatore. Caro Giacomo vivi la tua condizione senza pensare alla nostra come facciamo noi con voi. Rilassati la CACCIA NON FINIRA MAI !

da IL SAGGIO 05/01/2021 8.52

Re:La caccia e la fabbrica dei sogni

La televisione, come il cinema propina alla gente quello che in quel momento vogliono credere , indipendentemente che sia finzione o realtà e nel contempo , approfittando della sua attenzione lo inibiscono di pubblicità , facendo dello spettatore il consumatore ideale di prodotti vari e mentalizzandolo in una direzione a secondo della convenienza che avrà il produttore di beni e il politico di turno. Entrambi cavalcando le emozioni trasmesse, si fanno paladini per la sua ascesa in campo commerciale e politico. Poco importa se quello che si trasmette sia pura fantasia, l’importante è che faccia presa su quella gente, che non conoscendo la realtà delle cose, assimili i concetti trasmessi facendone un pupazzi malleabili, sia dal punto di vista consumistico che politico incapaci di vedere la realtà. Infatti per questa loro tara, detestano la caccia e i cacciatori, chi mangia carne, chi è per la famiglia tradizionale ecc.ecc. Questi invece, proprio perché vivono in un loro limbo, giustificano l’uso di droghe, l’omo sessualità, le adozioni da parte di coppie omo sessuali, l’animalismo becero e radicale, vorrebbero che tutti fossero vegani, votano partiti che non anno ragione di essere tanto sono incapaci e fanno solo danni. ecc. ecc. Non rimane che sperare in un futuro migliore dove le cose vengano viste e interpretate per quello che sono in realtà.

da bretone 05/01/2021 0.37

Re:La caccia e la fabbrica dei sogni

Giacomo Cigno. Ringrazia dio di vivere in Italia. Se tu fossi un tedesco o un cittadino del Nord Europa, col cognome che ti ritrovi potresti essere scambiato per una specie dannosa da prendere a schioppettate. Che paraltro a mio parere è un concetto che ti si confà, visto che sei uno dei tanti, troppi a mio parere, che vivono non nella fabbrica dei sogni ma in quella dei giocattoli, dove si crede che gli animali siano dei pupi parlanti. E pensanti, purtroppo. Non nego che abbiano anche loro un meccanismo pensante, ma come potrebbero averti spiegato non hanno quel pregio/difetto dell'astrazione, che noi, unica specie sulla terra, abbiamo sviluppato e ci consentono di farci delle...idee. A volte sbagliate, come nel tuo caso.

da Mary Poppins 04/01/2021 17.51

Re:La caccia e la fabbrica dei sogni

La sensibilità della gente per fortuna è cambiata e sta ancora cambiando in favore degli animali, non è certo questione di film e hollywood. Più li conosciamo più ci accorgiamo di quante cose non conoscevamo di loro e di tutte le ignominie a cui li abbiamo sottoposti nei secoli e per le quali ci dobbiamo solo vergognare. La caccia oggi è a mio avviso un'attività biasimevole, atta solo a soddisfare gli ancor più insulsi impulsi di certe persone, anche se chi la pratica cerca sempre di invetarsi le più ridicole motivazioni per giustificarla. Chi continua su quella china è destinato a sparire, per fortuna. Questo sig.Swan ha già perso la sua patetica crociata pro-caccia, può scrivere quanti libri vuole e produrre tutti i documentarietti che crede.

da Giacomo Cigno 04/01/2021 17.15