Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMOSelvaggina, la via della filieraGiovani. Cacciatori. NaturalistiPadule di Fucecchio. Fatti non p.Diamo una mano alla starnaTornare ai tempi della naturaRitorniamo al mitoGreta e la terra I Restoni non sono “quelli che restano” Riprendiamoci la naturaDiscorso sulla coturnice, ma non soloLa piaga dei ParchiBentornata ExaHorror naturaProvocazioni e fermezzaMaestra montagnaSPORT O PASSIONE?Un contratto a uso del manovratoreCol cinghiale al casello, ma non soloCinghiale. Il ricercatore svela la bufalaCambiamenti climatici e migrazioneScelta di campo e arie partenopeeIl nostro futuro è in EuropaLa mia Flyway è differenteIl futuro potrebbe essere la gestione adattativa?Un amoreAmbientalismo de noantriAria fresca e un pensierino alla SerraIl caso Leopold LipuUna sbiadita stellaViva la caccia!Questione di passioneIl mondo che verràIl senso della Lipu per i passeriArmi. Le nuove regoleSi va per l'aperturaLa tentazione di riprovarciIncendi. Il presente, il futuroAmbiente. Vogliamo parlare dei Parchi?SOGNO DI UN'ELISA DI MEZZA ESTATELa nostra frontieraCerusici e norciniSaggezza cinotecnicaUn ministro smarritoMa dov'era la Lipu quando ci rubavano gli habitat?E se si ripartisse dalla pernice?ISTINTO VENATORIO DEL CANE DA FERMAAntibracconaggio, a che punto siamo?Nuovo Governo. Un limite, un'opportunitàCronaca di una passioneDotti, medici e sapientiDiamoci una mossaE' giusto essere amici degli animali, ma oggi è meglio difendere gli uominiOrnitologo sarà lei! - Ornitologia “accademica” vs. Ornitologia “venatoria”Battistoni. Ambientalista cacciatore, con un occhio alla migratoriaEmozioni di una capannistaBruzzone, è ora di riformeCaccia richiamo profondoCalo uccelli e agricoltura. La resa dei conti Le visioni di lupo Gianroberto e i tre grilliniAttesaVaghe stelle del sudLa caccia come la vedo ioELEZIONI 4 MARZO: CHI VOTARE E CHI NOUn primato sconosciutoLa carica degli ungulatiIl sabato del cacciatoreSpeciale elezioni: Un voto per la cacciaAndare a votare e votare beneOH QUANTE BELLE FIGLIE...A testa altaDella beccaccia e del suo patrimonioCi vuole più coraggioDove va la caccia secondo SimonaDove va la caccia? "Lo decidiamo noi"A futura memoria per l'umanità di domaniIl futuro dipenderà da noiInsostenibili sarete voi!Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIOrsi, sono troppi?L'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?E GALLETTI FECE IL SORDOLA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politica Donne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

Un primato sconosciuto


lunedì 26 febbraio 2018
    

 
Il patrimonio faunistico, lo sanno tutti, non si salva chiudendo la caccia, ma garantendo alla selvaggina (fauna selvatica) un ambiente sano e ricco. Il legislatore da sempre ha provato ad adempiere a questo imperativo. Spesso, purtoppo, costituendo (sulla carta)  aree protette, interdette alla caccia e dimenticandosene immediatamente, nella fase successiva che come appunto sappiamo comporta una adeguata gestione virtuosa.

Le direttive, uccelli, habitat, natura, hanno provato a imporre gli stessi obiettivi, purtroppo con lo stesso risultato, culminato quasi sempre col tentativo di chiudere la caccia e dimenticarsi del resto. Secondo le stime, in Italia abbiamo superato il 10% del territorio coperto da aree protette, e questa è una ragione dell'incontrollato aumento degli ungulati, che nei periodi di caccia aperta là  si rifugiano, stante l'anarchia che non di rado vi regna, e la legge che non fa da freno, o quasi, alle speculazioni di tutti i generi, tranne che stigmatizzare ideologicamente la caccia, senza un minimo di oggettività.

Nei parchi e nelle aree protette alligna e cresce un'altro tipo di fauna protetta, quella che va ad infoltire a dismisura i consigli d'amministrazione, i comitati di gestione, le squadre di consulenti. Quasi sempre è costituita da soggetti che si collocano socialmente alla voce "ambientalisti". A volte senza nessun altro titolo o merito.

Non paghi, gli stessi bussano a cassa millantando crediti di protettori di fauna e ambiente "in proprio". WWF e Lipu si fanno vanto di gestire le cosiddette oasi, con tanto di simbolo all'ingresso. Una goccia nel mare, se si pensa che il Panda  ha al suo attivo 30mila ettari in tutta italia, mentre l'Upupa fa bella mostra di se a guardia di 7mila ettari al massimo. Sostenuti in gran parte dalla mano pubblica, con non poca quota che sembra derivi dal 50% degli introiti delle licenze di caccia che lo Stato assegna (dovrebbe assegnare) per legge alle Regioni per finanziare progetti di conservazione.

Tutto fa, avrebbe detto quello che - appunto - dava il suo contributo personale alla conservazione del livello degli oceani. Ma, onestamente, per la conservazione degli habitat fanno molto di più i cacciatori, che anche in termini quantitativi surclassano di gran lunga sia gli ambientalisti, sia probabilmente anche la mano pubblica nel suo  complesso, se si pensa che solo in Toscana gli istituti faunistici gestiti grazie alla caccia ((ZRV, ZRC, Aziende Faunistico Venatorie, Aziende agrituristico venatorie, Zone Addestramento Cani) coprono oltre 400mila ettari di territorio.

Non sarebbe male se si cominciasse a farlo sapere in giro. Che dite?

Forse potrebbe essere anche questa la carta da giocare con la politica, e con l'opinione pubblica, per far sapere a tutti quanto ci diamo da fare per la conservazione degli habitat, per la tutela del patrimonio faunistico, per la salvaguardia del territorio in genere. Bene lo sanno i sindaci e le autorità dei comuni di provincia, quando ai cacciatori ricorrono per risolvere molte emergenze dovute agli eventi climatici, ai terremoti, agli incendi boschivi, alla cattiva gestione delle rare residue zone umide. Alla sicurezza.

Infatti, il problema non l'abbiamo in provincia, ma nelle metropoli, dove la gente è ormai prigioniera del cemento e l'unica realtà naturale di cui ha percezione diretta la trova sugli scaffali dei supermercati: polli e conigli nel cellofan, uova nelle vaschette, latte in bottiglia, e vino e olio, verdure, frutta, legna da ardere, carbone per il barbecue (sul terrazzo). Senza sapere niente del percorso (a volte di migliaia di chilometri) che questa merce ha fatto per arrivare fino a lì, senza avere un'idea o un confronto sulla fatica, sui costi, sui sacrifici di tutta quella gente che ancora si sporca le mani per fornire benessere a questa massa amorfa di consumatori.

Il mondo è cambiato, ne dobbiamo prendere atto, ma nello stesso tempo ci dobbiamo convincere noi prima di tutti che siamo indispensabili per conservare quel barlume di umanità che per millenni, nel bene e nel male, a contatto con il "naturale" ha tenuto insieme la nostra specie, nel precario equilibrio fra istinto e ragione.

Antonio De Marchi


Leggi altri Editoriali

19 commenti finora...

Re:Un primato sconosciuto

Saro un illuso..........ma vedere che ce già chi ha capito...forse..... tutto mi rincuora ancor di piu di essere nel giusto, ......che tutto ha inizio ed una fine è biologico ......vero!!!.....cmq, come i grandi sognatori.......meglio vivere un illusione di una futuribile realta......che dismessi nell eterna depressione,nulla di personale, ciao.

da Annibale 02/03/2018 11.40

Re:Un primato sconosciuto

è arrivato Bruno il guru della caccia o meglio il Kompagno con le fette di prosciutto sugli occhi e il salame sulle orecchie ! il classico che se il partico comunista ( Renzi & comapny) gli dice che i somari volano ci crede!!! poveri noi!!!

da Caponegro 02/03/2018 9.27

Re:Un primato sconosciuto

Annibale, sei un'illuso. Il potere ha una caratteristica biologica. Rinnova se stesso facendo finta di uccidersi. Ovvero, la logica del Gattopardo. Nelle monarchie assolute era previsto anche il regicidio. Che voleva dire che il figlio uccideva il padre. Pensa un po'. Gli illusi siamo noi, che a seconda di come tira il vento ci facciamo trasportare come foglie inanimate nel mucchio dei vincenti. Le foglie secche sono già morte, Leopolda o non Leopolda. E quanto ai parchi, temo che tu non abbia capito niente. Cresceranno, non diminuiranno. Ce lo dice la storia, visto che questa parcomania, soprattutto e particolarmente in Italia, nasce sulla spinta di cacciatori (possidenti) che li hanno favoriti per impedire a cacciatori (nullatenenti) di invaderli a loro piacimento. E' una considerazione amara, ma è così.

da Bruno M. 02/03/2018 8.31

Re:Un primato sconosciuto

Bene!!....io ho il coraggio e l aspirazione al tentare di invertire la rotta, vedrai che rivoluzione nel Parco della Leopolda!!! Vedrai che fuggi fuggi.......dai Parchi !!!! Saluti

da Annibale, Genova ,Migratorista 01/03/2018 19.09

Re:Un primato sconosciuto

Annibale. Le aree protette sono quelle che hanno un riconoscimento giuridico. Basta andare sul sito del ministero dell'ambiente che ce ne rendiamo consapevoli. In alcune regioni, per quello che riguarda la caccia (157= dal 20 al 30% interdette alla caccia (non necessariamente protette), il limite è superato, ma comunque comprende anche aree demaniali. Se vince la Lega, categoria dell'improbabile, non cambia nulla, perche Pierino la dice quasi giusta. Le condizioni in cui versa il paese sono conseguenti alle persone che abbiamo mandato a governare, che - scambisti per caso - orientano o sono orientate da una burocrazia autoriproducentesi, tutti in simbiosi con coloro che le eleggono che siamo noi. Quindi sono lo specchio del paese. La Lega, da quando è nata, si è sviluppata sulla spinta di chi - democristiano del nord est, abituato a non pagare le tasse (non perchè non le doveva pagare, ma perchè godeva di connivenze) - paventava quello che fino ad oggi e anche domani, denuncia dalla bocca di un tribuno come Salvini. Che può andar bene per la caccia (costa poco a lui sostenerla)ma non influisce minimamente sui cambiamenti NECESSARI di questo sistema che oltre ad essere corrotto è anche vecchio. Abbiamo bocciato le riforme con un referendum, condannandoci a un uteriore ritardo che pagheranno i nostri figli. Anche quelli di Salvini. FORSE. Perchè loro il gruzzoletto (inteso come spalle coperte) se lo sono già garantito.

da Iso Pardi 01/03/2018 17.38

Re:Un primato sconosciuto

.......... abbiamo superato il 10% del territorio coperto da aree protette,..........caro De Marchi..........i casi son due.......o io o lei.........viviamo in un altra Italia !!!

da Annibale 01/03/2018 8.36

Re:Un primato sconosciuto

Pierino se oggi in Italia non vince laLega il Paese èfinito e conviene andarsene prima possibile.

da Ultima chance, LEGA 28/02/2018 21.34

Re:Un primato sconosciuto

intanto Italo la nostra linea ferroviaria è stata acquistata da un "negro" !! per cui il futuro è già qui. Ma se ascoltiamo Renzi o Gentiloni sembra che viviamo nel Paradiso terrestre una nazione che per aprire un attività servono 12 mesi mentre in Inghilterra neppure uno !!Dove la pressione fiscale è da Record ( e si chiedono perché le aziende se ne vanno ...a me sembrano imbeccilli) dove tutti rincorrono l'evasione fiscale quando è lo stato che evade con i dipendenti statali che fanno il triplo lavoro e prendono tangenti a destra e manca...e veniamo alla caccia ma avete mai vissuto una gestione di ATC ?? sembra un parlamento dove comandano 20 idioti nullafacenti INDICATI DAL PARTITO OVVIAMENTE che si beccano gettone e stipendio mentre dovrebbe essere tutto volontariato! e cosi andare e dove vorremmo andare CALOLZIO ? con il 5 stelle? Renzi? Gentiloni? liberi e uguali (????) la meloni ? Lega ? Berlusca? indicaci la via....

da Pierino 28/02/2018 8.32

Re:Un primato sconosciuto

Disuniti, appunto. Poltronari, appunto. Litigiosi, appunto. Non fa onore alla caccia. Non fa onore all'Italia, che si trova nelle stesse condizioni della caccia. Abbiamo perso il concetto di popolo. Abbiamo perso il concetto di solidarietà. Ci stiamo tutti attrezzando in trincea per arginare la marea del diverso, che prima o poi arriverà e non passerà da dove lo aspettiamo. Passerà dalle banche, dalle finanziarie, dal web e dai bitcoin. Voglio vedere cosa faremo (cosa farete) quando il nostro padrone occulto (che nel frattempo, in silenzio, con un click avrà comprato anche l'ultimo dei nostri gioielli), questo padrone occulto, forse cinese, forse russo, forse sudafricano o indiano ci manderà a liberarci delle ultime feci semiliquide, residuo dal misero pasto di erbaggi raccogliticci. Cosa gli diremo? Vade retro negro? (se magari sarà giallo o bianco lattato?). Fatevelo raccontare da Salvini. O da Dudù, se vi fa piacere.

da Calolzio 27/02/2018 15.03

Re:Un primato sconosciuto

Aldo,,, hai ragione ma forse verranno a patti coni figli dei tuoi figli - forse - per cui è meglio darsi una mossa adesso e subito! ma chi puo fare questo? i nostri dirigenti di associazioni? ma li avete visti alla fiera dell'EXA e poi in televisione su sky? LA MUMMIE IMPAGLAITE non sanno neppure parlare sembrano degli analfabeti ma sono presidenti ben PAGATI da noi... e non FANNO NIENTE! SERVE UN GIOVANE INCAZZATO CHE NON ABBIA PAURA DI NIENTE UN LEDER CHE AFFRONTI LA COSA CON LE PALLE SENZA PAURA E NOI DOVREMMO SOSTENERLO TUTTI UNITI... e qui casca l'asino--- noi siamo disuniti... FINE!

da Gim 27/02/2018 14.48

Re:Un primato sconosciuto

Ma chiamiamolo pure ricatto. Con certa gente devi essere schietto, deciso, inflessibile. Così si comportano loro (ormai la classe dirigente sguazza nell'emergenza, che è diventata prassi perchè apre spesso tante porte e altrettanto spesso ingrassa certi portafogli) e così dobbiamo ripagarli. E' vero! Nel giro di qualche mese-anno non sapranno più come fare e allora dovranno per forza venire a patti. Aspettiamoli al varco. Con le dovute maniere (che dobbiamo acquisire, perchè al momento abbiamo una classe direigente venatoria largamente inadeguata), potremmo riacquisire anche certe forme di caccia ormai date per perse. Per questo, visto che avremo quasi sicuramente una nutrita rappresentanza in parlamento, sarebbe bene raccomandare i più radicali dei nostri rappresentangti ad affrontare gli argomenti con garbo, con prudenza, ma senza fantasie tardo comuniste o - dio ce ne scampi e liberi - vetero-ambientaliste. La prima legge che verrà sicuramente affrontata sarà la riforma di quella sulle aree protette. La caccia, con termini espliciti, dovrà entrare nell'articolato, ai cacciatori dovra essere riconosciuto un ruolo primario per la gestione. Altrimenti che vadano a remengo.

da Aldo Fatturi 27/02/2018 8.09

Re:Un primato sconosciuto

Abbiamo adesso l'asso nella manica dicevo...ed è quello dell'incremento dei cinghiali e degli ungulati tutti. In Toscana per l'incremento di questi selvatici da pelo non sanno più come raccapezzarsi e chiedono aiuto alle squadre di cinghialai e dei selezionatori. (Premetto che non vuole essere un ricatto ma una trattativa che richiede solo equità e pari diritti tra cittadini europei). Mettiamo per ipotesi che sul tavolo delle trattative si mette il rifiuto di collaborare per controllare questi selvatici, cosa succederebbe ?? Io credo che la trattativa verrebbe a concludersi con l'ottenimento di una caccia sostenibile come quella che vogliamo (da quanto si legge) la maggior parte dei cacciatori e cioè : tanto per dirne due, parità con la legge delle altre nazioni per quanto riguarda il calendario venatorio e per secondo riforma della legge sui parchi togliendo le aree contigue e riportando rigorosamente il territorio protetto nei limiti del 30% come diceva Ettore. Non credo assolutamente che si sta chiedendo l'impossibile, a mio avviso si chiede solo equità e pari diritti da cittadini cacciatori, il dovere già lo facciamo mettendo mano alla tasca. Un saluto

da jamesin 26/02/2018 19.12

Re:Un primato sconosciuto

Non sarebbe male se si cominciasse a farlo sapere in giro. Che dite?Io concordo pienamente con Jamesin. Scusate ma è una presa in giro? Sono anni che andiamo dicendo che la caccia morirà per mancanza di territorio e voi fate finta che non ne eravate a conoscenza? Lo sapevate(vorrei sperare di si)che in Abruzzo siamo quasi al 60% di aree protette? che nel Lazio siamo al 34%? e lo sapevate che in Campania ormai non è rimasto più terreno venabile? cioè i campani pagano le tasse praticamente per detenere le armi!!! Credo che farlo sapere in giro ormai sia troppo tardi e l'unica soluzione rimane solo quella di riportare le giuste percentuali che prescrive la legge(e voi addetti ai lavori lo sapete molto bene)anche perchè qualcuno potrebbe pensare che ci prendiate in giro.Non dovete fare accordi con chi vuole far morire la ns passione come avete fatto finora e la cosa secondo me che è fondamentale è l'unità tra di noi e voi AA.VV.Saluti

da ettore1158 26/02/2018 17.27

Re:Un primato sconosciuto

Il mondo è cambiato, ne dobbiamo prendere atto...non è il mondo che è cambiato, il sole si alza x tutti la mattina, sono gli esseri umani che sono cambiati, e le mode quelle sciupano tutto! Complimenti x l'articolo

da artuto 26/02/2018 15.56

Re:Un primato sconosciuto

Notizia di ieri da TV locale, che in un'area ZPS del comune di Morconi, Benevento, stanno istituendo un impianto di parecchie pale eoliche, se la spett. DIREZIONE volesse approfondire per farci sapere ? Un saluto

da jamesin 26/02/2018 14.04

Re:Un primato sconosciuto

saggia questa considerazione....speriamo che qualcuno ne faccia tesoro

da marco 26/02/2018 13.18

Re:Un primato sconosciuto

APPERO' LA METÀ DELLE TASSE STATALI DEI CACCIATORI FINISCONO A LIPU E WWF!!! NON NE POSSO PIÙ, IL 4/3 MI RIBELLO.

da Voto a dispetto 26/02/2018 12.05

Re:Un primato sconosciuto

Non sarebbe male se si cominciasse a farlo sapere in giro. Che dite? >>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>Per la verità noi lo stiamo dicendo da circa un decennio ! Ma siamo stati sempre inascoltati da quelli ai vertici della situazione, che leggono i siti di caccia ma fanno finta di non sapere neanche che esistono, tranne qualcuno che la caccia ce l'ha nel sangue sul serio, in special modo la migratoria mooolto penalizzata. Con queste elezioni l'asso nella manica avremmo dovuto tirarlo fuori per fare poker di assi, (caccia, ambiente, parchi, ruralità) ma chissà se lo hanno fatto. Non voglio prolungarmi come al solito spiegando come la vedo io e quello che c'è da fare già da domani, ma credo che come siamo messi male con la caccia e le aree protette ormai è un manifesto grande come un grattacielo. Pace e bene

da jamesin 26/02/2018 11.44

Re:Un primato sconosciuto

Bello e condivisibile l'articolo, ci siamo dimenticati però che se non creano aree protette(leggasi parchi)come fanno ha trovare lavoro e un lauto stipendio i politici trombati, i portaborse, gli amici degli amici???

da Il Nibbio 26/02/2018 11.43