HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
L'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudini In un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO


lunedì 20 marzo 2017
    

Lucio Parodi Dal Laboratorio, all'INFS, all'ISPRA

Le origini

Le origini dell'INFS, oggi ISPRA, risalgono al 1933 quando una convenzione, tra il Ministero dell'agricoltura e delle foreste e la Regia Università di Bologna, diede vita ad un distaccato settore dell'Istituto di Zoologia in attuazione di una norma prevista dal Testo unico per la fauna e la caccia del 1931.

Approvato un nuovo Testo Unico nel 1939, la struttura bolognese prende il nome di Laboratorio di Zoologia applicata alla Caccia, quale organo di consulenza scientifica e tecnica del Ministero dell'agricoltura e foreste, sempre guidato dal suo fondatore Alessandro Ghigi, grande ricercatore e scienziato in zoologia, sino all'anno 1959. Il Laboratorio, con legge del 1967, fu costituito in persona giuridica pubblica e sottoposto alla vigilanza del Ministero. Negli anni successivi con il riordinamento degli enti pubblici e la nuova legge sulla fauna e caccia, la n. 968/1977, cambiò la denominazione in Istituto Nazionale di Biologia della Selvaggina e nel 1978 si trasferì in una vasta tenuta agricola in comune di Ozzano dell'Emilia, precedentemente acquistata sotto la direzione del prof. Augusto Toschi, ove opera tuttora.

Con l'avvento della legge 157/92 assume la denominazione di Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica-INFS e la vigilanza passa dal Ministero dell’agricoltura alla Presidenza del Consiglio dei Ministri ma, soprattutto, vengono meglio definiti il ruolo e i compiti dell'istituto che opera quale organo scientifico e tecnico di ricerca e consulenza per lo Stato, le regioni e le province e la pianta organica passa da 44 a 123 persone con tre primi ricercatori nelle persone di Ettore Randi, Ferdinando Spina e Silvano Toso che poi ne diverrà il direttore. Nel 1995 risultano in servizio 34 dipendenti poi divenuti 45 con 11 assunzioni sempre insufficienti a dar vita alle cinque sezioni decentrate previste dalla legge, ma in compenso poi alcune regioni istituiscono autonomamente gli Osservatori faunistici regionali.

Dopo il Ministro "verde" dell'ambiente Ronchi dal 1996 al 2000, anni passati come sempre nella scarsità dei finanziamenti e nelle solite diatribe tra gli opposti estremismi dei cacciatori e degli animalisti, transitano altri due ministri Bordon del centro-sinistra e Matteoli del centro destra, per arrivare nel 2006 a Pecorario Scanio: ecco subito il colpo di mano dell'estremismo ambientalista; infatti, nella legge finanziaria per il 2007, la 296/2006  viene inserito un comma, il 471, che recita " All'articolo 7, comma 2, della legge 11 febbraio 1992, n. 157, le parole: "e' sottoposto alla vigilanza della Presidenza del Consiglio dei ministri" sono sostituite dalle seguenti: "e' sottoposto alla vigilanza del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare".

Il Ministro visita l’INFS e promette la ripresa dei necessari finanziamenti, ma la promessa non è mantenuta e la ridotta funzionalità del Consiglio d'amministrazione, per la mancata sostituzione dei componenti dimissionari, unitamente alla drammatica situazione finanziaria portano il direttore Toso all'unica scelta possibile: le clamorose dimissioni date nell'ottobre del 2007.

Cambia il governo e all'inizio di maggio subentra nel ministero la Prestigiacomo del centro-destra e arriva il D.L. 5 giugno 2008, poi convertito in legge: stabilisce la nascita dell'ISPRA-Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale ove confluiranno, a seguito del D.M. n. 123/2010, l'APAT-Agenzia per la protezione dell’Ambiente, l'INFS-Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica e l'ICRAM-Istituto Centrale per la Ricerca scientifica e tecnologica Applicata al Mare.

Da chi è governato il nuovo Ente?

-Da un Consiglio d’amministrazione formato dal Presidente e da quattro consiglieri tutti di nomina ministeriale,
-coadiuvato da un Consiglio scientifico presieduto dal Presidente dell’Ente e composto da sei componenti sempre di nomina ministeriale escluso il sesto eletto dai dipendenti.

Come è organizzato?

Lo Statuto, approvato dal Ministero dell’ambiente con decreto del 27 novembre 2013, prevede le strutture organizzative di primo livello:

-Direttore generale, di nomina del CdA 
-Dipartimento per la valutazione, i controlli e la sostenibilità ambientale
-Dipartimento per il Servizio Geologico d’Italia
-Dipartimento per il monitoraggio e la tutele dell’ambiente e per la conservazione della biodiversità.
-Dipartimento del personale e degli affari generali
-Centro Nazionale per la Sicurezza Nucleare e la Radioprotezione

demandando al Consiglio d’amministrazione la definizione delle strutture di secondo livello. Nel dicembre del 2015 il Consiglio, con delibera n.37/CA, approva la definitiva organizzazione dell’Ente completandola con le strutture di secondo livello.
 
Il settore CRA 16 (ex INFS sotto la responsabilità di Ettore Randi con Toso che rimase sino al pensionamento e Piero Genovesi responsabile del settore Servizio consulenza) viene inserito nel Dipartimento per il monitoraggio e la tutele dell’ambiente e per la conservazione della biodiversità costituito da un Servizio per la sostenibilità della pianificazione territoriale, per le aree protette e la tutela del paesaggio, della natura e dei servizi eco sistemici terrestri e da 11 Aree specifiche, delle quali solo le ultime quattro possono riferirsi all’attività dell’ex INFS e sono:

i. Area per i pareri tecnici e per le strategie di conservazione e gestione del patrimonio faunistico nazionale e per la mitigazione di danni ed impatti.

j.    Area per la genetica della conservazione.

k. Area per l’epidemiologia, l’ecologia e la gestione della fauna stanziale e degli habitat

l. Area per l’avifauna migratrice

annacquando i precisi obblighi derivanti dal comma 3 dall’art. 7 della legge 157/92. Ma come è possibile che un Decreto ministeriale ed una delibera del Consiglio d’amministrazione ignorino le disposizioni di una legge tuttora in vigore?

Il personale

Prevista una pianta organica di 1.483 persone, mai completata. Nel 2016 risultano in forza, a tempo indeterminato, 13 dirigenti e 1.134 impiegati, oltre a 120 ricercatori a tempo determinato, così per un totale di 1.267 dipendenti, sempre sotto l’organico previsto.
Dirigenti delle strutture di primo livello in via di selezione e responsabili dei servizi e delle varie aree ancora da nominare.

Ma quali sono i compiti, diretti e indiretti, che l'istituto dovrebbe assolvere?

Non pochi che derivano da leggi nazionali e direttive europee:

-la legge 157/92, che al comma 3  dell'articolo 7 recita:

"3. L'Istituto nazionale per la fauna selvatica ha il compito di censire il patrimonio ambientale costituito dalla fauna selvatica, di studiarne lo stato, l'evoluzione ed i rapporti con le altre componenti ambientali, di elaborare progetti di intervento ricostitutivo o migliorativo sia delle comunità animali sia degli ambienti al fine della riqualificazione faunistica del territorio nazionale,..."

-la Direttiva 92/43/CEE, detta Habitat, che al comma 4 dell'articolo 12 recita:

"4. Gli Stati membri instaurano un sistema di sorveglianza continua delle catture o uccisioni accidentali delle specie faunistiche elencate nell'allegato IV, lettera a). In base alle informazioni raccolte, ........."

-la Direttiva 2009/147/CE, detta Uccelli, già 79/409/CEE, che al comma 4 dell'articolo 14 recita:

"4. Gli Stati membri si accertano che l’attività venatoria, compresa eventualmente la caccia col falco, quale risulta dall’applicazione delle disposizioni nazionali in vigore, rispetti i principi di una saggia utilizzazione e di una regolazione ecologicamente equilibrata delle specie di uccelli interessate e sia compatibile, per quanto riguarda la popolazione delle medesime, in particolare delle specie migratrici, con le disposizioni derivanti dall’articolo 2." (Per noi rendiconto catture con la lettura dei tesserini)

-il Regolamento UE n. 1143/2014, relativo alle specie esotiche invasive, che al comma 1 dell'articolo 14 recita:

"1. Entro 18 mesi dall'adozione dell'elenco dell'Unione, gli Stati membri istituiscono un sistema di sorveglianza delle specie esotiche invasive di rilevanza unionale, o lo integrano nel loro sistema esistente, che raccoglie e registra i dati....."

Ora anche se alcune Regioni, nella completa carenza della vetusta legge 157/92, hanno regolamentato il monitoraggio delle presenze e delle catture di fauna selvatica, l’ISPRA con l'attuale organico (sempre inferiore a quello di legge, comunque insufficiente per dar vita alle previste sedi decentrare e senza una rete di collaboratori-informatori che copra l'intero territorio nazionale) come può assolvere i compiti elencati? In nessun modo!

Persino la famosa Banca Dati Ungulati, edita per la prima volta nell'anno 2001 e poi aggiornata solo otto anni dopo nel 2009, è sempre in attesa della terza edizione e sono trascorsi altri sette anni, mentre i dati degli Stati dell’arco alpino, Germania compresa, sono sempre resi noti l’anno successivo!

In compenso utilizza moltissimo tempo, delle pochissime risorse umane disponibili, per definire in modo minuziosamente dettagliato (i censimenti sono il maggior esempio) le Linee guida per la gestione degli ungulati, rendendo sempre più difficile esercitare l’affermata, irrinunciabile e conservativa caccia di selezione, provocando poi l’adozione, da parte della regione Toscana ma non solo, di un controllo-caccia quasi indiscriminato necessario per la  tutela dell’agricoltura di pregio. Bel risultato!

Come uscire da questa situazione?
 
A mia modesta opinione ci sono due semplici modi:

il primo è quello di istituire, integrando il comma 1 dell’articolo 7 della legge 157 e conseguentemente lo statuto dell’ISPRA, uno specifico e potenziato Dipartimento fauna selvatica vertebrata, escluso i pesci inseriti in altra Area, finanziandolo adeguatamente anche con una modesta parte delle tasse, regionali e statali, versate dai cacciatori;

il secondo è quello di aggiungere un preciso articolo alla legge 157/92, per rendere obbligatoria la raccolta dei data statistici:

“Art. 7 bis Dati statistici
 
1. Le Regioni e le Province autonome, entro 360 giorni dall’entrata in vigore della presente legge anche in attuazione dell’articolo 7 del D.P.R. 8 settembre n.357 e successive modificazioni, degli obblighi derivanti dal regolamento UE n.1143/2014, conformemente alle modalità omogenee di rilevazione e di censimento formulate dall'ISPRA e ratificate dalla Conferenza Stato-Regioni, individueranno le specie da monitorare ed emaneranno regolamenti per la raccolta dei dati statistici relativi al:
a) monitoraggio con censimenti e stime;
b) prelievi con catture vive ed abbattimenti, questi ultimi suddivisi tra prelievo venatorio e controllo, ed alle morti accidentali;

2. Le Regioni e le Province autonome, entro 360 giorni dall’entrata in vigore della presente legge, emaneranno il regolamento per la raccolta dei dati statistici relativi ai danni provocati dalla fauna selvatica:

a) alle produzioni agricole e zootecniche, suddivisi per specie faunistiche e per tipologia di danno.
b) ai danni per incidenti stradali ai veicoli circolanti e comunque alle persone.

3. I dati statistici, che devono riguardare l’intero territorio definito TASP, a norma della legge 157/92, e Aree protette, a norma della legge 394/91, sono raccolti dalle Regioni che li comunicano all’ISPRA, entro il mese di luglio di ciascun anno, per la redazione della Statistica nazionale che trasmessa al MiPAAF e al MATTM deve essere resa pubblica.

4. Per le specie alloctone ed in particolare quelle invasive il monitoraggio deve comprendere anche il territori classificati Centri abitati, cosi come definiti dall’articolo 18 della legge n.865/197.

5. Per gli adempimenti previsti dal presente articolo le Regioni entro 360 giorni dall’entrata in vigore della presente legge istituiscono gli Osservatori faunistici regionali anche quali organi di collegamento e supporto al Dipartimento fauna selvatica dell’ISPRA".

6. Il secondo periodo del comma 2 dell’articolo 7 della legge n,157/1992 è abrogato.”

Vi pare così difficile? Certo che no, ma in un paese dove a distanza di 24 anni dall’approvazione della ormai vetusta legge 157, incredibilmente in parte ancora disattesa e particolarmente proprio per l’articolo 7 che istituisce l’INFS e ne determina competenze e organizzazione, potrebbe esserlo, ma la “neutralità” della proposta, gli obblighi europei e l’interesse per la conservazione, l’incremento e la salvaguardia della biodiversità dovrebbero consentire al Parlamento di superare le solite estreme contrapposizioni anche nell’interesse del mondo agricolo sottoposto, in molte aree di coltivazioni pregiate ma non solo, ad una “pressione” da tempo insostenibile.

Un’ultima considerazione che sorge spontanea: possibile che il Consiglio dell’Ente sia formato di soli nominati dal Ministro senza una minima rappresentanza dei diversi portatori d’interesse nelle politiche dell’Ente, presenti nella società civile?

Lucio Parodi


Allegati per approfondire:
 

Leggi altri Editoriali

11 commenti finora...

Re:ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO

verissimo, in francia è un'altra cosa. fatelo sapere, dettagliando il più possibile. però, come leggo anche qui sotto, credo difficile il raffronto fra italia e francia, anche se siamo - dicono - cugini. a confronto, loro hanno più territorio, hanno più campagna, vanno d'accordo con gli agricoltori, pagando il dovuto, non solo i danni. collaborano con le istituzioni, hanno ambientalisti che sanno fare gli ambientalisti, con i ministri, nel caso una donna molto intelligente ed equilibrata, e, come sappiamo tutti, sono francesi. mentre noi, qualcuno se lo dimentica, siamo italiani. con culture diverse e variegate. lombardia e veneto hanno storie secolari con modello austriaco. in toscana, il granduca leopoldo (Pietro Leopoldo Asburgo-Lorena) fu il primo a ipotizzare un moderno modello di costituzione e fu il primo ad abolire la pena di morte. era un austriaco e divenne imperatore del sacro romano impero (vienna 1790). Vorrà dire qualcosa o c'è chi crede ancora che il salvatore sia morto di sonno? Voglio dire, ognuno di noi ha una sua lunga storia, da firenze in giù, qualche differenza la si nota. E il mix nord e sud (coctail garibaldino/savoiardo) questo propone, tanto che anche un notoriamente arrogantello (proveniente da uno statarello di beoni mangiaformaggio) che le cancellerie d'europa hanno messo su una poltrona troppo grande per la sua stazza, si permette di additarci come puttanieri ubriachi.

da Flying Dutchman 23/03/2017 9.34

Re:ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO

la Francia in materia di caccia è molto più libera avevo uno zio francese che cacciava colombacci sui Pirenei nel periodo del passo. Un anno chiusero la caccia per non si sa quale motivo. Sono scesi a Parigi tranquilli ma determinati. hanno riaperto subito. Ecco la differenza tra noi pecore italiane e leoni francesi !

da Mino 22/03/2017 14.25

Re:ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO

Un esempio interessante che produce molto bene da decenni in collaborazione con il mondo venatorio: l'Office National de la Chasse francese. Andate sul suo sito e documentatevi. Da tenere presente che la Francia è tutto un altro mondo, altri cacciatori,altre aa.vv. altra cultura, altro territorio, altri governanti, Europa insomma!

da vecchio cedro 21/03/2017 9.15

Re:ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO

E' possibile che per raggranellare qualche soldo, parte dell'impegno vada a coprire richieste provenienti dall'esterno. Può darsi che funzione come nella sanità. I medici dipendenti di un ospedale hanno la possibilità di esercitare autonomamente in un contesto apposito che chiamano "libera professione". Chissà. Non ne sono sicuro, ma potrebbe essere così.

da Brando 21/03/2017 8.19

Re:ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO

Anche io sono convinto che molti cacciatori ne sanno piu' di ISPRA

da berto 21/03/2017 7.36

Re:ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO

1138 dipendenti e la telemetria satellitare è partita dalla Fidc? Sono del parere che nelle associazioni venatorie ci sono tanti cacciatori volenterosi pronti a collaborare con l'Ispra per avere dei dati scientifici indiscutibili (grazie alla telemetria) in questo modo si ridurrebbero i costi di un organo che ha cambiato nome ma che non riesce a lavorare come dovrebbe

da Johnny 21/03/2017 4.36

Re:ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO

iniziamo a fare le pulci a codesto istituto.....

da secondo me ne vengono fuori delle belle.... 20/03/2017 19.56

Re:ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO

La ricerca è carente in Italia, lo sappiamo. Nel bilancio dello stato la disponibilità procapite è più o meno un terzo della media europea. Perdipiù, come tutto, in Italia, anche le competenze sono gestite in buona parte come fossero potentati. Roma, da più di 2000anni è il centro di gravità permanente della burocrazia e della politica, con una produzione di illeciti che la Corte dei Conti denuncia annualmente. Tuttavia, non succede niente. Il risultato è che da più di duemila anni chi ha uno strapuntino a Roma di solito si considera gestore di un potere (personale) che non intende mollare. Soluzioni? Ormai tutte le centrali di analisi confermano che dopo la bocciatura del referendum c'è poca speranza di cambiamento almeno per i prossimi cinque dieci anni. Bisogna ricominciare tutto da capo. Potrebbe essere l'occasione buona per ribaltare il tavolo. La misura, in certi settori è colma. Manca per ora la gente veramente affamata. Speriamo che qualcuno ci continui almeno a garantire il pane.

da sul ponte svent..... 20/03/2017 14.52

Re:ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO

La vorrei conoscere la pianta organica di ISPRA "Dipartimento per il monitoraggio e la tutele dell’ambiente e per la conservazione della biodiversità" soprattutto le professionalità e le provenienze politiche.

da gino 20/03/2017 13.17

Re:ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO

Condivito il pensiero di Isper.

da Fucino Cane 20/03/2017 10.55

Re:ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO

1138 dipendenti poco facenti ! il solito carrozzone made in italy serbatoio di voti ! la vergogna italiana !!

da isper 20/03/2017 9.42