HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani |
  Cerca
ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANA C'ERA UNA VOLTA... LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!! Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italiane TABU' LUPO FIRMAMENTO SOCIAL ALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSO LUPO. ATTENDIAMO LUMI CHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIA Cos’è la caccia La ri-proposta Cuore di beccaccia Cacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardi LA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scoperta CARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODA Osservatori regionali, avanti! Ungulati: una risorsa preziosa La mia prima volta al cinghiale: onore alla 110! Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibile ANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTI TORDI TORDI STANNO TUTTI BENE ETERNA APERTURA TANTE MAGICHE APERTURE CI SIAMO! LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONE LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE ANCH'IO CACCIO MIGRATORIA, MA DI CHI? Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio francese REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO Lasciate la carne ai bambini Uccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi.... CINGHIALI D'UNA VOLTA DATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRA MONTAGNA, 22 ANNI DOPO Elegia per un vecchio signore LA GRANDE BUFALA Animali & Co: un problema di comunicazione LUPO O CINGHIALE? Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo Le allodole, mia nonna e le vecchiette La caccia e gli chef UNGULATI CHE PASSIONE PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA Le beccacce e il lupo QUESTIONE DI PROSPETTIVA La cinofilia ufficiale. Parte seconda con scuse PROBLEMA LUPO Bisturi facili. Cuccioli? No grazie Perché ho scelto il setter inglese? Galletti fa mea culpa Questa è la cinofilia ufficiale C'era una volta il cinghiale Bracconieri di speranze Gip, amor di cacciatore. Il piccolo francese SAVETHEHUNTERS, MATTEO TROMBONI SFIATATI I sistemi elettronici di addestramento GUANO CAPITALE In principio era una Dea C'era una volta l'orso bianco che campava di caramelle UNA TERRA DIVERSA MEMORIE. Da regina a regina informAZione? Iniziazione del cucciolone UNIONE AL PALO? LA PARABOLA DI CECIL CROCCHETTE VEGANE L'ecoturismo fa danni ALLODOLE PER SEMPRE TRUE LIES CI SIAMO? Natura. Madre o matrigna? LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPO UN’APERTURA DA FAVOLA I cuccioli di oggi MACCHE' PREAPERTURA CACCIA, PROVE E VARIA UMANITA' Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiere FORMAZIONE, FORMAZIONE! I cani da ferma oggi Arlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNA Prima informarsi, poi farsi un'opinione Effetto Flegetonte Il cane domestico (maschio) Il valore della caccia Chi è diavolo, chi acquasanta? CANDIDATI ECCELLENTI PUBBLICO O PRIVATO? LA FRANCIA E I MINORI A CACCIA REGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATI Caccia vissuta “Se questa è etica” QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PERO Le contraddizioni dell'Expo QUESTIONE DI CORPO L'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloni Calendari venatori: si riparte DOVE ANCORA MI PORTA IL VENTO LUCI E OMBRE DI UN PROGETTO CANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIO CHIUSO UN CICLO... A patti col diavolo... e poi? BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZO MISTERI DELLA TELE CANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILE E' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SA Tordi e beccacce tra le grinfie della politica Donne cacciatrici piene di fascino predatorio Italiani confusi su caccia e selvaggina Storia di una particella cosmica Vegani per moda Anime e animali MUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur Smith CHI LA VUOLE COTTA, E CHI.... Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsa ZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA! E se anche le piante provassero dolore? PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMA Momenti che non voglio scordare Anticaccia? Parliamone CACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELE CATIA E LA PRIMA ESPERIENZA CHIARI AVVERTIMENTI PIU' VIVA E PIU' AMATA ECCE CANEM DE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTI IL CATALOGO E' QUESTO.... CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIA ISPRA. UN INDOVINO MI DISSE... MIGRATORI D'EUROPA L'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggio MIGRATORISTI GRANDE RISORSA Fauna ungulata e vincolismo ambientale Decreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTRO Ai luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIO SPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHI DOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVE Biodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLA Le specie invasive ci libereranno dall'animalismo EUROPEE: SCEGLIAMOLI BENE La rivoluzione verde è nel piatto La caccia al tempo di Facebook SOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposo COSE SAGGE E MERAVIGLIOSE AMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDO C'ERO UNA VOLTA ALL'EXA QUESTA E' LA CACCIA! EUROPA AL RISVEGLIO TOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLA CACCIA LAZIO: quali certezze? ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTI UNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILE LO DICO COL CUORE IL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E' I veri volontari dell'ambiente DIAMOGLI CREDITO PROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIA Ambientalisti italiani, poche idee ma confuse Anche National Geographic America conquistato dalle cacciatrici Più valore alla selvaggina e alla caccia Il cinghiale di Colombo Porto di fucile - NON C'E' MALE! PAC & CACCIA LILITH - LA CACCIA E' NATURALE Effetto protezionismo Ispra: il caso beccaccia Il grande bluff dei ricorsi anticaccia COME FARE COSA FARE Supermarket society Romantica Tipi di comunicazione: C'E' MURO E MURO Ambientalisti sveglia! Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggiose SPRAZZI DI SERENO POINTER E NON PIU' SOGNO DI CACCIATORE UN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPO RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORI LA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOON ALLA FIERA DELL'EST VOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNA IL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI “Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunistico CACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISI Partiamo dalla Toscana ITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la caccia C’ERA UNA VOLTA… I cacciatori nel regno delle eterne emergenze Gli ambientalisti e la trave nell'occhio Addio alle rondini? L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato) ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI..... SUCCEDE ANCHE QUESTO BASTA ASINI AMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di Diana TOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTO ALLARME DANNI DANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga… STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA “L'ipocrisia delle coscienze pulite” UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALE CACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA' ZONE UMIDE: CHI PAGA? Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA SPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLE La Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’albero A SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo così NEORURALI DE NOANTRI FRANCIA MON AMOUR LA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIA TERRA INCOGNITA L’Italia a cui vorrei fosse affidata la caccia La marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVE COLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI? DIVERSA OPINIONE IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE Opinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!! A CACCIA A CACCIA!!! PROVOCAZIONI Estate di fuoco MISTIFICAZIONI SICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTO Sostenibili e consapevoli! COLPI DI SOLE COLPI DI CALORE Aiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti! TECNOCRATI? NO ESPERIENTI LA RICERCA DIMENTICATA PARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'! Orgoglio di contadino Campagna o città? CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRI CALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERE CONFRONTO FRA GENERAZIONI LA CACCIA CHE SI RESPIRA Rapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNO MUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà? Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga... DELLE COSE DELLA NATURA Cultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'Italia Il nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalisti LA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀ PAC IN TERRIS UCCELLI D'EUROPA GIRA GIRA..... STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNA TOCCA A NOI! CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLO IL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIA VERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTO PROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZA BECCACCE DI BEFANA CACCIA, FASE DUE PROVOCAZIONI DI FINE D’ANNO RICERCA RICERCA SPIGOLATURE DI NATALE Dai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONE NON ERA AMORE Finalmente autunno Il paradosso dell'Ispra IL PIANETA DEI CACCIATORI Le caste animali A CACCIA ANCHE DOMANI A CACCIA SI, MA DOVE? ORGOGLIO DI CACCIATORE Per il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIA APRE LA CACCIA! Amico cacciatore, guarda e passa Riforma sui Parchi in arrivo? E i cuccioli umani? MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATE LA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenza Il Pointer e la caccia Col cane dalla notte dei tempi Contarli, certo, ma come? Questa è una passione! IL PENTOLONE LA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE NON SOLO STORNO QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI La lezione di Rocchetta di Vara BASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITI CORONA L'ERETICO Cacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medaglia Deroghe: non è una missione impossibile AMBIENTALISMO E' CULTURA RURALE Sei il mio cane ALLE RADICI DELLA CACCIA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIA COME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA... BOCCONCINI PRIMAVERA CACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERE COMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIO QUESTIONE DI CALENDARIO LA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIA PRENDIAMO IL MEGLIO BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA TUTTI A TAVOLA RIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRE LA CACCIA SERVE. ECCOME! METTI UNA SERA A CENA Urbanismo e Wilderness: un confronto impari CONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEET GIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANI IL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in Italia Accade solo in Italia? L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza FRA STORIA E ATTUALITA' Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro “Solo” una passione Tra ideologia e strategia politica IL CATALOGO E' QUESTO TORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTO DA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro Brambilla Italiani ignoranti della caccia CACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNA Ed il giorno arriva DEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE! PRE-APERTURA DI CREDITO Domani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONE Alcune riflessioni sulla caccia in Italia Divagazioni per una rivoluzione culturale La senatrice Adamo va alla guerra PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci) Calendari venatori. Le bugie degli ambientalisti Un'arte chiamata caccia AREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLA Animalismi e solitudini In un vecchio armadio STAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODO Belli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI! Ieri, mille anni fa, io caccio Cosa mangiano gli animali degli animalisti? SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA MOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVO ORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICO Aerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo” ALL'ARIA APERTA! Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIA IPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOI IN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA! RIFLESSIONI DI UN PEONE IL PAESE PIU' STRANO DEL MONDO Fuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALE E Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTO L'Enpa insulta i cacciatori SELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIA America: un continente di vita selvaggia LA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezione LA CACCIA COME LA NUTELLA? LUPO, CHI SEI? Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no? TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGE A caccia con L'arco... A caccia con la storia... Interpretazioni e commenti di nuova concezione 10 domande ai detrattori della caccia IL BRIVIDO CHE CERCHIAMO La caccia come antidoto alla catastrofe climatica Per una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNARO CONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIA Caccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perduta Allarmismo e vecchi trucchetti Ancora Tozzi ? REALISMO, PRIMA DI TUTTO Le invasioni barbariche APERTURA E DOPO. COSA COME QUANDO Piombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquatici Di altro dovremmo arrabbiarci I GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecnici Un rinascimento ambientale è possibile Gelosi e orgogliosi delle nostre tradizioni LA CACCIA SALVATA DALLE DONNE? Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars Venandi Tutto e il contrario di tutto DALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO... IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATO La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova Tutti insieme... magicamente Ambiente: una speranza nella caccia SOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTA La Caccia ha bisogno di uomini che si impegnano LA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDO Il capanno: tra architettura rurale e passione infinita DONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANA EUROPA EUROPA VICINI ALLA VERITA' Beccaccia sostenibile CACCIA E SOCIETA' Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNI PARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidato CACCIA ALL'ORSI ORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORI UN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORI Ridiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevole Il cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia. 157: PENSIERI E PAROLE MA COS'E' QUESTA CACCIA? 157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONE MIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARE CINGHIALI CHE PASSIONE La cultura cinofila ATC DIAMOCI DA FARE Il vitello che mangi non è morto d'infarto! Ripensare la caccia? PER UN FUTURO DELLA CACCIA QUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONA PUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAM Un nuovo corso per gli ungulati Siamo noi le Giubbe Verdi Ruralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina La caccia secondo Giuliano, umorista de La Repubblica Questa è la caccia Il cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumi La cinegetica e la caccia col cane Gestione e tradizione BASTA TESSERE AMAR...TORD E il beccafico perse la via del nord Dimostriamo credibilità Apertura passione serenità editoriale - Fucili italiani come le ferrari Orgoglio di Cacciatore I Tordi e le Beccacce La Caccia è Rock

Editoriale

IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE


lunedì 24 settembre 2012
    
Nel totale marasma della realtà ambientale italiana, appare sempre più chiaro che l'ambientalismo nostrale ha fallito. I freschi, freschissimi rapporti che in questi ultimi tempi si susseguono danno conto che non è stata, non è e non sarà la caccia a mettere in pericolo la sopravvivenza delle specie selvatiche. Tant'è vero che, se nelle tante liste rosse ci sono alcune categorie di animali selvatici che se la passano meglio,  sono proprio quelli oggetto di caccia. A conferma che il cacciatore, almeno per quello che lo riguarda direttamente, s'impegna a far sì che l'oggetto del suo desiderio abbia un futuro.

Una semplice constatazione dovrebbe mettere definitivamente la classica pietra sopra le tante stupidaggini propalate da decenni: molto di più di un terzo del territorio cosiddetto agrosilvopastorale è interdetto alla caccia. Se anche qui, come denuncia la nuovissima red list italiana, le specie più a rischio sono tre vulturidi, l'aquila del Bonelli, il forapaglie comune e la bigia padovana, ditemi voi come si fa a sostenere ancora con pervicacia che l'attività venatoria è fra le principali cause dell'impoverimento faunistico italiano! Quindi, ripensare la caccia vuol dire soprattutto rifondare l'ambientalismo italiano. Perchè, dunque, non proporsi noi, cacciatori, in prima persona, senza tante sigle, con la nostra esperienza, il nostro impegno, alla guida di un movimento che ha come obiettivo principale la tutela dell'ambiente e della fauna selvatica? E questo, senza rinunciare a nessuna delle nostre prerogative, delle nostre tradizioni, delle nostre aspettative più genuine.

In Francia, pur senza voler peccare di esterofilia, bisogna dire che fin dal 1972 opera un organismo governativo, l'ONCF (Office National de la Chasse e de la Faune Sauvage), che sovrintende a tutte le cose "tecniche" della caccia. In Inghilterra, da oltre settantacinque anni funziona il Game & Wildlife Conservation Trust, con analoghe funzioni; in molti altri paesi d'Europa, succede lo stesso. Sarebbe tanto difficile, a casa nostra, a proposito di modifiche della 157/92, abrogare quell'inutile Comitato tecnico faunistico-venatorio nazionale (art. 8), che in vent'anni non è riuscito a produrre granchè, e che anzi - aldilà della scarsa qualità di certi componenti - è stato lo specchio dell'incapacità tutta nostrana di dare risposte efficaci? E al suo posto, costituire un Ufficio Centrale simile a quello francese? Sarebbe difficile riformare l'ex INFS (art.7), oggi Ispra,  che per mancanza di mezzi e per errati obiettivi denuncia tutta la sua inadeguatezza? Che sia incapace di assolvere ai propri compiti è palese, nel momento in cui lo stesso organo tecnico  dichiara la propria impossibilità a fornire - su richiesta - dati aggiornati sulla consistenza di specie selvatiche. E tuttavia, richiamandosi a un malinteso principio di prudenza, pur non fornendo i dati, anzi proprio per quello, dà parere negativo. Ancora peggio si comporta quando, recentemente,  e soprattutto al di fuori e aldilà delle proprie competenze, rilascia "opinioni" a soggetti terzi non competenti e - ancora più grave - invia motu proprio, senza che nessuno glielo abbia richiesto, una lettera nella quale invita - o vogliamo dire "sollecita", o vogliamo pensare "ordina" - a ridurre ancora di più i tempi di caccia o addirittura a sospenderla.

La cosa, si può immaginare, non finirà qui, perchè chi ha la competenza in materia (regioni) e chi ha il dovere di tutelare i diritti dei cacciatori si farà sentire. Il fatto che ormai in Italia siamo commissariati - dai professori al Governo, a loro volta commissariati dalla BCE - non vuol dire che tutto il paese, tutte le nostre istituzioni democratiche debbano soggiacere a certe confraternite i cui soggetti è difficile distinguere nella specifica funzione, visto che recitano almeno tre parti in commedia, con  funzionari pubblici che fanno parte di organismi associazionistici o che vengono nominati presidenti di parchi, in concorrenza per la verità con dirigenti  di associazioni ambientaliste che usciti  dalla porta, si riaffacciano dalla finestra col ruolo di commissari, con l'assenso implicito del ministero competente, piuttosto incline a porre attenzione a istanze animaliste, che registrano appendici in rete, a supporto  di personaggi ben connotati da una "carrozzeria" con chioma  rosso fiammante.
 
Non c'è dubbio che ne sentiremo riparlare, perchè anche per questo, il nostro paese ha bisogno di forti riforme. Riforme che devono vedere anche noi in prima linea. Perchè, viene da chiedersi, nella necessità di riformare la legge sui parchi, ormai moribondi, dopo vent'anni di cura affidata alle sopraddette confraternite, non rivendicare con forza la nostra presenza negli organismi di gestione dei parchi stessi e di tutte le aree protette? Pretendiamolo, se non vogliamo assistere inerti al bisticcio fra rappresentanti di alcune delle sigle più roboanti dell'ambientalismo paesano e la Federazione dei Parchi che propone almeno di aggiornare gli obiettivi. La nostra competenza, la nostra dedizione, sono indubbie. Il nostro contributo (gratuito, fra l'altro) per un coerente riequilibrio faunistico è ormai di stretta attualità. Solo una cieca visione animalista insiste nel negare l'evidenza.
 

Giuliano Incerpi

Leggi altri Editoriali

37 commenti finora...

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

Che bella sequela di insulti, me li aspettavo Ma per favore non dite cazzate, difendere il patrimonio ambientale...voi!!!! Ma se fate strage di tutto, poi quando fa una bella nevicata subito a vantarvi perchè andate a dar da mangiare alle "povere bestioline. Per rifarvi una coscienza??? O per avere di nuovo "merce" per divertirvi alla prossima stagione venatoria??? Siete ridicoli ed il tempo vi porterà all'estinzione. Negli anni '70 eravate circa 1.700.000, oggi siete si e no 700.000, quindi fra 20, 30 anni vi dovreste essere estinti...BUONA CACCIA A TUTTI

da lupo solitario 01/10/2012 21.13

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

ho lupazzo come ti butta ? hai sempre la alopecia aerata? ( Per la precisione ) Riguardo al mio nome fluttuo tra il +1 e -2 ma convenzionalmente mi faccio chiamare così

da ZERO ASSOLUTO 30/09/2012 22.23

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

... canis latrans...

da Fromboliere 30/09/2012 20.43

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

Lupo solitario.....................................................................................................................

da begallo 30/09/2012 17.36

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

Ohhhh,finalmente un esperto che di escrementi ne capisce,tanto da saper distinguerli!Eh,beh:a ognuno il suo lavoro!Lupo è un esperto di m...da!

da pietro 2 30/09/2012 13.53

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

Lupo te non puoi essere che "solitario" ma chi te vole???. Hanno fatto più le cagate dei cacciatori per l'ambiente che di tutte le vostre associazioni messe insieme. Stammi bene citrullino. Stamani magra, non ho scaricato. Mercoledì riparto.

da Lambe 30/09/2012 9.21

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

bravo Frombo hai ragione mandiamo i bambini a raccogliere le carte delle merendine i fumatori le cicche e quan'altro ma voi cacatori ohhh pardon caccatori ohhh mi sbaglio sempre cacciatori (che fatica) raccogliete i bossoli che lasciate e tutte le vostre cagate che lasciate in giro ciao frombo Ohhh chi si risente lo zero assoluto di "nome " e di fatto...tutto bene spero di no

da lupo solitario 29/09/2012 20.45

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

Il lupo (solitario) perde il pelo ma non le corna

da ZERO ASSOLUTO 28/09/2012 21.44

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

lui ama così tanto la natura che i bossoli, sempre che li veda, non li raccoglie mica, vuole che ci andiamo noi a raccoglierli, ma io non ne butto, quindi vorrei sapere cosa devo raccogliere, perché tutta l' altra spazzatura, se sta nello zainetto, la raccolgo. Mandiamo allora i fumatori a raccogliere le loro cicche, i bambini a raccogliere tutte le confezioni di merendine che buttano... le mafie a raccogliere i trenta milioni di tonnellate di rifiuti che smaltiscono ogni anno. Più che ululati da lupo, mi pare più il verso isterico di un coyone, ohhh pardon... coyote.

da Fromboliere 28/09/2012 10.41

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

Lupo solitario.....il lupo vero dovrebbe offendersi se potesse leggere il commento..strano che persone che si professano ambientaliste , o almeno credo , siano così -violente- nel loro linguaggio....per difendere gli animali non esitano a proferire insulti, minacce, contumelie, improperi, credono di essere i prescelti per salvare il mondo , credono di sapere tutto , ma alla fine sono capaci soltanto di offendere.ma tu -Lupo solitario come ti relazioni con gli altri, a parolacce ?se questo è essere animalisti beh....VIVA LA CACCIA.....

da begallo 28/09/2012 10.08

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

a quando un bossolo in plastica biodegradabile? sembra una cavolata, ma invece aiuterebbe molto nei rapporti con i contadini. di ambientalisti, in campagna, se ne vedono pochi. non sono strutturati.

da ghigo 28/09/2012 9.09

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

Haughh, lupo solitario, sarà fatto! ma ora ti ringrazio lupo, per il dono della tua pelliccia che presto mi riscalderà dai... livori invernali

da Fromboliere 27/09/2012 22.57

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE???? Allora cominciate a raccogliere i vostri bossoli del cazzo...

da lupo solitario 27/09/2012 22.34

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

nessuno si muove perché a casa tua lo stato sei tu, ma noi non abbiamo casa, siamo in affitto ognuno nei propri atc e gli atc spesso sono pessimi padroni di casa. Per questo dovrebbero sviluppare nuovi concetti, avere idee nuove, agire secondo logiche più ampie, come fossero imprenditori privati...

da Fromboliere 27/09/2012 16.06

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

qualcuno si muove, ma la casta è vasta.... e a volte non t'immagineresti mai gli intrecci.....

da de vinculis 27/09/2012 14.39

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

Ma se sieti o siamo tutti d'accordo su questi fatti accertati, xchè nessuno si muove??

da da Pasquale 27/09/2012 14.22

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

l' ambientalismo non è fallito, è fallita la legalità, in Italia. Prova ad andare a dire ad un produttore biologico che il suo è un sistema fallimentare e, se avrà pazienza di farlo, ti spiegherà che fin dove l' 'Ambiente' esiste, non c' è fallimento...

da Fromboliere 26/09/2012 19.42

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

Concordia assoluta per quanto espresso da Fromboliere,non si deve confondere l'estremismo animalista con l'ambientalismo,guai a perdere il primato di primi custodi della Natura sarebbe una resa incondizionata.

da vittorio cavaliere-bari. 26/09/2012 18.11

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

Il modello ambientalista ITALIANO è sicuramente fallito. Tant'è vero che per salvare le residue bellezze del nostro paesaggio si è dovuto muovere il governo tecnico con il ministro dell'agricoltura e non con quello dell'ambiente. Ovvero sono stati proprio in questi giorni gli agricoltori che hanno sollecitato un ddl governativo per bloccare cementificazione e dissesti, ma ovviamente si insabbierà tutto presto. Scandali, malversazioni, ecoballe napoletane, ponti sullo stretto dimostrano che sono i costruttori, ma anche i chimici, il trasporto su gomma che dettano le leggi sull'ambiente. E le mosche cocchiere dei movimenti ambientalisti e animalisti, almeno in Italia, s'inventano campagne anticaccia una dopo l'altra per distogliere l'attenzione dai veri problemi. Questo è, cari Ecodem. La caccia? I cacciatori? Per ora lasciamo perdere.

da M. Caprarotti 26/09/2012 15.30

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

... l' ambientalismo non ha fallito... è un divenire che ognuno percepisce come sempre più necessario ed è dentro a tutti coloro che la natura la sanno frequentare con amore. Non sono pochi. Noi cacciatori percepiamo solo gli estremismi più fastidiosi, nemmeno per questo ci dobbiamo lasciare intimorire. L' ambientalismo è nostro, ancor prima di chiunque altro. Abbandonare la partita significa chiudere anche con la caccia.

da Fromboliere 26/09/2012 11.38

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

Probabilmente per le stesse ragioni. Da ricercare, a mio avviso, nella natura profonda del nostro essere italiani, o cittadini di questo nostro paese. Sarà il sole, sarà il mare, ma questi siamo. Ambientalisti animalisti cacciatori, avvocati ingegneri artigiani, contadini, preti, ricchi puzzoni o poveri in canna. Un mio vecchio amico diceva che si sperava nello stellone. Ovvero, si viveva alla giornata e quello che la giornata ci dava dovevamo essere abbastanza capaci di coglierlo al volo. Carpe diem, cogli l'attimo, l'attenzione al particulare, o francia o spagna purchè se magna, sono tutti aspetti della nostra costante. Aspetti che si rispecchiano chiaramente in tutti i personaggi della nostra miseranda commedia e che trovano la loro sublimazione nello spettacolo indegno che stanno anche in queste ore rappresentando i nostri politici. Che, non dimentichiamolo mai, sono lo specchio delle nostre miserie, sono il modello delle nostre...virtù.

da ghigo 26/09/2012 7.43

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

L'ambientalismo è fallito, ma la Caccia non ha vinto! Perchè?

da vecchio cedro 25/09/2012 17.18

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

Segnalo un link: http://www.stilenaturale.com/news/552/FederBio-allarme-diossina-nelle-uova-cresce-la-vendita-di-biologico-italiano.html Ogni novità importante nasce dal 'mercato' e dai privati che in esso sono inseriti. Anche i prodotti venatori devono entrare in questa logica, rispecchiando nella loro qualità, nel loro certificato di provenienza anche la qualità dell' ambiente che li ha generati. Ambiente e prodotti, sono questi i principi che non solo manterranno viva la caccia, ma che la faranno rinascere. Le tasse che paghiamo, da sole, non rendono il valore che ha la caccia, niente meglio del 'business' la riporterà in auge.

da Fromboliere 25/09/2012 12.44

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

ormai è chiaro.... le diatribe cacciatori-animalambientalisti sono solo frutto di un attento calcolo dei signori della cementificazione e dell'inquinamento, movimentare masse in itaglia per secondi o terzi fini è un classico, basta guardare gl'articoli e le dichiarazione che vengono messe su giornali e tv per capire a che livello è arrivata la bugia in questo paese... e il bello anzi il brutto è che sempre più urbani ci credono!!! il rincoglionimento della specie!!

da fiore 24/09/2012 20.55

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

Il bracconaggio, pur essendo una piaga ovviamente da combattere e mi riferisco a quello vero non alle quisquilie derivate da cervellotiche imposizioni, come dice giustamente Vittorio Cavaliere, rimane comunque l'ULTIMO dei problemi per la fauna. Il problema essenziale era, è e rimarrà che se non c'è habitat idoneo non ci saranno selvatici in generale e selvaggina per i cacciatori regolari, per i bracconieri, per nessuno.

da Ezio 24/09/2012 17.50

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

Mi rendo conto che la parola bracconaggio implica diverse spiegazioni ed altrettanto letture,esprimo la mia posizione,sono portato a sorvolare sulle piccole anomalie troppo spesso conseguenti alle cervellotiche imposizioni dettate da calendari venatori perlopiù inadeguati; al contrario mi mortifica pensare che chi non rispetta le regole più elementari che compongono l'etica del Cacciatore debba non solo gravemente danneggiarci, ma deriderci e soprattutto acquisire immeritata considerazione tanto da essere emulato ed imitato. Non amo la polemica ma all'amico Nino da Bari non posso esimermi di porre una domanda : ad oggi quanti ne ha denunciato?

da vittorio cavaliere-bari. 24/09/2012 16.56

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

il Problema sono le leggi che disciplinano l' attività venatoria, le quali sono state stilate senza nessuna competenza tecnico-scientifica (o quasi), faccio un esempio se per bracconiere si intende una persona che non rispetta per filo e per segno tutte le leggi sulla caccia si và nella direzione sbagliata a mio avviso, bracconiere è chi crea grave danno alle specie animali, catturandone con mezzi evidentemente sbagliati oppure chi cattura specie a rischio per quanto riguarda la solidità delle popolazioni, credo che un conto sia non rispettare le leggi e un altro è arrecare danno all' ecosistema....un esempio parallelo posso farlo sulla pesca (sono pescatore) in Italia è LEGALE catturare una ricciola di 7 cm, si parla di un pesce che raggiunge i 50 kg di peso e così per molte altre specie, è più bracconiere un individuo che prende 3 ricciole da 15 cm pur essendo nella legge, che uno che superi di un kg il peso massimo di pesce catturabile. Per la caccia vale lo stesso discorso, il bracconiere sarà chi non rispetta appieno le leggi solo nel momento in qui queste saranno concepite in maniera seria.......voglio dire qualcuno si sente di definire bracconiere chi magari abbatte uno storno magari vietato nella sua provincia e "aperto" in quella affianco, a causa di vari ricorsi e cavilli burocratici???....bisogna stare attenti a non essere troppo zelanti per lo meno fra di noi....questo era solo il mio parere...saluti a tutti

da Labrax 24/09/2012 16.05

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

"NON SO SE C'ENTRA MA...dove c'è l'habitat ci sono gli animali"... Non è che c'entra ...il nocciolo della questione è tutto li!! Il resto è sostanzialmente aria fritta.

da Ezio 24/09/2012 15.04

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

NON SO SE C'ENTRA MA...dove c'è l'habitat ci sono gli animali e poi...anche i cacciatori. Dove non c'e habitat non ci sono animali e quindi... E allora perchè non cerchiamo di farlo capire a quegli impostori che addossano tutte le colpe ai cacciatori? Perchè gli ATC anzichè "lanciare animali allevati pronta caccia" non usano parte di quei soldi per stringere accordi con gli agricoltori al fine di creare piccole oasi all'interno delle infinite distese di mais e frumento e soia. Piccoli prati polifiti da sfalciare nei tempi giusti potrebbero regalare selvaggina vera a molti ed in più sarebbero ad esempio per i vari ATC confinanti. Ma anche i cacciatori (ovvero gli ATC) chissà perchè, preferiscono comprare roba da lanciare anzichè sedersi ad un tavolo con le associazioni degli agricoltori e ...LAVORARE. Non so se c'entra ma l'avevop in mente e l'ho scritto

da ALCEDO 24/09/2012 14.45

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

per Obiettivo : siamo tutt'occhi, fai questo elenco che serve come il pane. Cordialità

da jamesin 24/09/2012 14.37

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

Anche io voglio i diritti d'autore, e di cacciatore.....

da jamesin 24/09/2012 14.34

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

Il discorso vale anche per i cacciatori che hanno fatto a gomitate per diventare (attuali o passati) presidenti o direttori di parchi nazionali e regionali ? Se volete vi faccio l'elenco.

da obiettivo 24/09/2012 14.24

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

VOGLIO I DIRITTI D'AUTORE .....

da RENZO 24/09/2012 13.50

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

Per quanto riguarda i bracconieri-cacciatori, basterebbe denunciarli alle autorità competenti invece che condividere la loro compagnia.

da nino da Bari 24/09/2012 11.47

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

"Gli eventi incalzano, il territorio, la fauna selvatica, che sono il nostro patrimonio, hanno bisogno di interventi anche drastici. Diamoci da fare.".... Sono 20 anni che qualcuno, pochi, insignificanti e senza alcun potere, urlano queste cose come lupi in un deserto che ululano alla luna. Nel frattempo milioni di euro sono andati e continuano ad andare in coltellini, cappellini, giubbottini, rmborsi spese, stipendi da favola, ecc ecc ecc ecc ecc ecc ecc

da Ezio 24/09/2012 11.34

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

INCHIESTE! Sig. Incerpi, è questo che dovremmo chiedere alle associazioni: inchieste giornalistiche, come lei ha fatto nel suo editoriale, che portino alla luce le incoerenze le contraddizioni, gli sprechi, ma sopratutto l' inefficacia e le connivenze di un sistema, ambientale, che è affetto, come molti se non tutti, gli altri settori pubblici nel nostro paese. Inchieste che permettano di porci domande su quanti soldi girano in questo sistema,ironicamente verde, da dove provengano e dove vadano a finire, in modo che, forse, qualche magistrato ci dia alla fine delle risposte.

da Fromboliere 24/09/2012 11.16

Re:IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE

Sono concorde totalmente,contestualmente combatterei con più efficacia il bracconaggio che ormai troppo spesso viene ignorato come problema per noi cacciatori,anzi viene emulato e praticato anche da troppi cacciatori che rispondono così alle tante vessazioni procurate dagli anti-caccia. Ormai nel nostro ambiente siamo mal considerati se tentiamo di argomentare questo problema che non può essere più taciuto. Le associazioni venatorie almeno in Puglia hanno perso totalmente il controllo e sono succubi e sudditi di coloro che intendono la caccia a loro insindabile sistema.

da vittorio cavaliere-bari. 24/09/2012 10.31