Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Istinto venatorio nell'uomo evolutoSpecie invasive, la prassi è consolidataRiflessioni sull'animalismo anticacciaLa prima beccacciaRicordi di gioventù: le ricariche per piccoli calibriChioccolo, facciamo chiarezzaTortore di gioventùAltro autogol degli anticacciaIncendi, la nostra partePesticidi. Si cambia musica? Slowfood ci contaAmbientalismo alla sbarraEuropa. Una firma per la cacciaQuestione di naso...Roma, i rifiuti, i cinghiali e la PSAAnimalismo e ciberneticaIl lamento del chiurloHa da venì...Cinghiali, Parchi ed effettiva conservazioneCercando DavidStarna. La volta buona?Cominciamo dalle parole d'ordineNoi e le morte stagioniStorie semplici di uomini e animali. Una bellissima giornata di caccia alla lepreAmore beccacciaioCaccia, cane da caccia e beccacceLa lepre di Lilla - Il racconto di una vitaIl mio cane è differenteTravolti da un insolito destino nell'azzurro mare dell'ElbaLa caccia è utile o no?Ode per Lea. Amor di cacciatorePeste suina - un approccio scientifico non c'è!Cos'è la caccia oggi?A che serve?Difendo l'uovo di mia nonnaOnore ai padulini veriViva la campagna vera!Le vere cause della diminuzione di alcuni uccelli comuniSciocchezze muflonicheUn referendum illegaleAddio Wilbur Smith. Principe dell'avventuraMa il pianeta come lo salviamo?Esercizi di memoriaDella caccia di una voltaReferendum. Uno strumento pericolosoIl ritorno delle donniccioleSiamo i garanti della biodiversitàE se dessimo un senso alla Cabina di regia?Quo usque tandem?Se l’agricoltura è un problema*Inglesi fra ferma e guidataQuestione di bicchiereUn legame, tanti valori *Ma quale referendum!Ricordando ColumellaOltre il GulashLo scoglio dei sedici anniFra binocolo e zappaManifesto, Ergo SumQuando la caccia è pura gioiaIl sapore della cacciaOcchio alla pennaLe smanie per il cinghialeFavoleFollie dell'altro mondoParliamo di cose serieMistificazioniPunto (e virgola) sulla migratoriaQuando il cane era lupoL'etica animale, l'etica della caccia e l'etica nella cacciaIo la penso cosìTempi rottiChe il futuro ci sia... MiteCaccia e next generationAvviso ai navigantiCacciatrici, ma quale novità!Come riportare la natura nella nostra vitaLe memorie corteUn sognoLa caccia francese scende in campoDalle Alpi alle piramidi. Un auspicioCaput mundi de che?La caccia e la fabbrica dei sogniIl catalogo è questoIl cane è intelligente?Punto cinghiale. Ma non soloMa vi pare possibile?Paesi tuoiIl cane "appadronato"Una. Un primo passo verso il riscattoCosa non fa la Lipu?Sui cinghiali di RomaAnche i papi nel loro piccolo s'in...dignanoForza ragazzi!No all’estremismo animalistaRecovery HuntE caccia sia!Barbera o Champagne?Ancora a caccia con entusiasmoMeglio quando c’era TiburziFrancia. Così si faConto alla rovesciaPer una costituente della cacciaDi qua e di là dalle AlpiForza cacciatoriUn salutoIl futuro remotoCronache dalla savanaServono ideeAmati sentieriAddio Taddeo!Parchi "U.S.A & caccia"Le verità sepolteLe magnifiche sorti e progressiveBenedetto cinghialeConsiderazioni sulla beccacciaTorniamo intorno al caminoLettere ai tempi del CoronavirusLa lepre del... preteLa penultima spiaggiaViva la campagnaNuove sfidePer un nuovo buongovernoA carte scoperteCovid-19 con prudenza operosaIl mio caro Münsterländer e altre esortazioniRitorno a cinghialandiaTanto fumo e poco...Animali e ParlamentoC'era una volta un saggio. Anzi: tanti saggiBeccacce e tanta passioneLa Sinfonia PerfettaDaini Circeo. Scienza contro panzaTra tofu e fanatismoAnche Manhattan è naturaAmbientalismo: scienza o compassione?FILIERA: i primi passiCinghia - Lex & C.Rural SuasionMeglio i tordiUngulati, questi sconosciutiNessuno tocchi l'ambiente. Ci basta il paesaggioRifacciamoci la boccaLa natura nel mondo delle fiabeDa ieri a oggi. E domani?Uno scatto d'orgoglio per recuperare rispettoLa bellezza salverà il mondoDove vai, se la caccia non ce l'haiNell’anno delle allodole*Tutela biodiversità? Ben venga!Diamoci da fareIeri le tortoreA caccia, ieri, oggi, domaniKC. La scienza bizzarraCaccia futura - Parte l'iniziativa BigHunter "Io ci sono!"L'animalista antiscientificoProviamoci, almenoEmergenze o indulgenze?Forza ragazzi! Forza ragazze!Moriglione, pavoncella e la polvere sotto il tappeto Ambientalisti in discesaLa giusta battaglia dei circhiIl pane … e la cacciaCacciatori e piccoli passiGli animali sono animaliAvanti tutta in EuropaAmbientalista? Sì, cacciatore!QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMOSelvaggina, la via della filieraGiovani. Cacciatori. NaturalistiEuropa Europa!Padule di Fucecchio. Fatti non p.Diamo una mano alla starnaTornare ai tempi della naturaRitorniamo al mitoGreta e la terra I Restoni non sono “quelli che restano”Riprendiamoci la naturaDiscorso sulla coturnice, ma non soloLa piaga dei ParchiBentornata ExaHorror naturaProvocazioni e fermezzaMaestra montagnaSPORT O PASSIONE?Un contratto a uso del manovratoreCol cinghiale al casello, ma non soloCinghiale. Il ricercatore svela la bufalaCambiamenti climatici e migrazioneScelta di campo e arie partenopeeIl nostro futuro è in EuropaLa mia Flyway è differenteIl futuro potrebbe essere la gestione adattativa?Un amoreAmbientalismo de noantriAria fresca e un pensierino alla SerraIl caso Leopold LipuUna sbiadita stellaViva la caccia!Questione di passioneIl mondo che verràIl senso della Lipu per i passeriArmi. Le nuove regoleSi va per l'aperturaLa tentazione di riprovarciIncendi. Il presente, il futuroAmbiente. Vogliamo parlare dei Parchi?SOGNO DI UN'ELISA DI MEZZA ESTATELa nostra frontieraCerusici e norciniSaggezza cinotecnicaUn ministro smarritoMa dov'era la Lipu quando ci rubavano gli habitat?E se si ripartisse dalla pernice?ISTINTO VENATORIO DEL CANE DA FERMAAntibracconaggio, a che punto siamo?Nuovo Governo. Un limite, un'opportunitàCronaca di una passioneDotti, medici e sapientiDiamoci una mossaE' giusto essere amici degli animali, ma oggi è meglio difendere gli uominiOrnitologo sarà lei! - Ornitologia “accademica” vs. Ornitologia “venatoria”Battistoni. Ambientalista cacciatore, con un occhio alla migratoriaEmozioni di una capannistaBruzzone, è ora di riformeCaccia richiamo profondoCalo uccelli e agricoltura. La resa dei conti Le visioni di lupo Gianroberto e i tre grilliniAttesaVaghe stelle del sudLa caccia come la vedo ioELEZIONI 4 MARZO: CHI VOTARE E CHI NOUn primato sconosciutoLa carica degli ungulatiIl sabato del cacciatoreSpeciale elezioni: Un voto per la cacciaAndare a votare e votare beneOH QUANTE BELLE FIGLIE...A testa altaDella beccaccia e del suo patrimonioCi vuole più coraggioDove va la caccia secondo SimonaDove va la caccia? "Lo decidiamo noi"A futura memoria per l'umanità di domaniIl futuro dipenderà da noiInsostenibili sarete voi!Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIOrsi, sono troppi?L'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?E GALLETTI FECE IL SORDOLA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaEUROPEI A META'Donne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARERomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le Beccacce

Editoriale

Istinto venatorio nell'uomo evoluto


venerdì 25 novembre 2022
    
 
 
Tutti sanno che nella psiche dell'uomo evoluto coesistono istinto e ragione ma sulla natura dell'istinto e sul rapporto tra la parte "evoluta" del cervello e quella emotiva le opinioni divergono.

La paleoantropologia, la neurofisiologia e l'etologia concordano nel ritenere che nella psiche umana, accanto alla ragione, sopravvive un residuo di natura "animale" (cioè l'istinto) che conserva tuttora i caratteri originari del primitivo cacciatore-predatore, con tutte le sue implicazioni. Il conflitto tra pulsioni istintive e ragionamento essendo connaturato antropologicamente alla natura umana, continua a spiegare il suo influsso sulla vita individuale e sociale.

Esistono tuttavia alcune correnti di pensiero che per motivi etici o religiosi non accettano che nell'istinto dell'uomo sia presente una componente "animale" perché vagheggiano l'utopia di un mondo in cui tutti sono in pace con tutti, ignorando che proprio lo stato di natura è una lotta di tutti contro tutti perché ogni specie per sopravvivere danneggia necessariamente altre specie.

Per capire l'origine e la funzione dell'istinto che è un complesso di azioni e reazioni automatiche, (comune a tutti gli esseri viventi)    formatesi per selezione dei più adatti in funzione di sopravvivenza, (cioè il patrimonio genetico di una specie) esso va storicizzato, cioè bisogna risalire alla preistoria quando la vita di tutti i predatori era difficilissima e precaria.

Secondo la paleoantropologia l'ominide per milioni di anni e fino alla scoperta di armi in grado di compensare la sua deficiente dotazione anatomica (l'uomo fisicamente è il più debole dei predatori), ha dovuto condividere con tutti gli altri predatori, ambiente, modi di vivere, di sopravvivere e di cacciare. Perciò l'ominide è stato a lungo un anello della catena alimentare in quanto predatore ma anche preda di animali più forti di lui.

Allora il tasso di mortalità era altissimo a causa della fame, delle malattie, della perenne lotta con i rivali e con le fiere e in tali condizioni estreme solo gli individui più sani, più forti, più aggressivi e opportunisti, più dotati per la caccia e per la competizione avevano qualche possibilità di raggiungere l'età riproduttiva per trasmettere i propri geni ai discendenti.

Il lunghissimo e strettissimo rapporto di convivenza nelle stesse condizioni tra ominide e predatori in aggiunta ad alcune affinità biologiche (secondo i neurofisiologi la struttura base cerebrale di tutti i vertebrati predatori incluso l'uomo è uguale) spiega perché l'istinto ancestrale predatorio dell'ominide cacciatore sia molto simile a quello di tutti gli altri predatori, con il corredo di socialità, gregarietà, territorialità, volontà di prevalere, ostilità verso i diversi, opportunismo e questo repertorio in parte è tuttora ancora presente nella psiche dell'uomo evoluto perché le modificazioni dell'istinto sono lentissime.

Quanto al rapporto tra la parte evoluta del cervello e quella "animale" va ricordato che l'uomo (unico in natura) è dotato di una sua esclusiva linea evolutiva (lo sviluppo intellettivo), grazie alla quale si deve il successo biologico della specie umana, che ha "costretto" la natura a produrre ciò di cui ha bisogno, ha inventato il fuoco, l'agricoltura, la domesticazione del bestiame, le idee, gli ideali, i valori, le filosofie, l'arte, la scienza, il commercio, le leggi e l'organizzazione statale acquisendo senza limiti esperienze, conoscenze, coscienza di sè e capacità di programmare il futuro.

Fino all'avvento dell'agricoltura che ha affrancato l'uomo dall'incubo della fame e dal nomadismo, ogni momento, ogni risorsa, ogni energia, ogni tempo dell'ominide sono state assorbite dalla ricerca del cibo attraverso la caccia, mentre solo dopo avendo acquisito più tempo libero l'uomo, ha potuto liberamente pensare, creare, inventare in una progressione illimitata.

Anticipando le conclusioni, le scienze sociologiche e antropologiche attestano che l'istinto "animale" originario è tuttora in parte presente nella psiche dell'uomo evoluto, con i caratteri violenti del predatore, e che solo con l'evoluzione e il progresso la parte razionale dell'uomo ha cercato di evitare che la violenza endogena    del predatore esplodesse in forme distruttive canalizzandola a tal fine in moduli pacifici e costruttivi, accettati da tutti.

Sotto questo aspetto le leggi, le pubbliche istituzioni, l'apparato giudiziario, il diritto pubblico, i sindacati, le regole della meritocrazia, gli esami i concorsi, sono "invenzioni" della civiltà finalizzati a disciplinare con regole l'ancestrale tendenza a prevalere con violenza.
Di ciò si può trovare riscontro in molti comportamenti umani nei quali emerge la primitiva violenza.

Ad esempio nei casi in cui certi soggetti sono travolti in modo incontenibile dalla pressione, dallo stress, dalla paura, dall'ira, dalla gelosia, dall'etnia e dalla religione, ciò può infrangere le barriere dei loro freni inibitori, ed allora la violenza insensata primitiva torna ad esplodere (guerre, pulizie etniche, genocidi, terrorismo, omicidi, eccessi del tifo sportivo, ecc).

Inoltre molte le attività ludiche o sportive, che pure comportano impegno di tempo, di energie e di denaro, non sono praticate per conseguire beni o servizi concreti, ma solo perché inducono nei praticanti una profonda e appagante sensazione di benessere psico-fisico (comunemente definita "divertimento") che è riconducibile all'istinto in quanto analoga a ciò che si prova quando si soddisfa uno degli istinti naturali fondamentali (fame, sete, sesso, riposo, volontà di prevalere).

L'istinto che è funzionale alla sopravvivenza sfrutta il meccanismo piacere-dolore, per rafforzare rendere più pronta e sicura solo la reazione genetica comportamentale funzionale alla autoconservazione rinforzandola con il piacere che ne consegue, mentre un blocco inibitorio (dolore-paura) dissuade da quella incongrua o rischiosa.

Tutte le pratiche ludiche o sportive hanno poi per effetto un incremento della fisicità (forza, resistenza, coordinazione, controllo del corpo, prontezza di riflessi, destrezza) e un incremento dell'agonismo (canale di sfogo della violenza) qualità tutte che nel tempo erano necessarie al cacciatore primitivo per avere successo e che oggi (quando la sussistenza non dipende dalla caccia ma dal lavoro) non sono più necessarie, ma che l'istinto non ha dimenticato e continua a stimolare.

E' persino superfluo ricordare che tutti gli sport olimpici (lanci, corse, prove di forza e di resistenza ecc) sono una rievocazione dell'abilità e della destrezza indispensabili al cacciatore primitivo per cacciare e per usare con efficacia gli strumenti rudimentali allora in suo possesso.

Se poi riflettiamo sugli sport più praticati (calcio, basket, pallavolo, golf ecc) essi si basano tutti sul controllo delle traiettorie della palla e viene spontaneo ipotizzare che i suoi rimbalzi irregolari, e guizzanti facciano scattare in quella zona del cervello umano nella quale permane l'istinto venatorio, la reazione del cacciatore di fronte alla preda che fugge, e cioè un'evocazione remota ma inequivoca della caccia alla selvaggina.

Quando si parla di caccia non si può dimenticare che per milioni di anni l'ominide è vissuto cacciando e mangiando e perciò la caccia per un lunghissimo tempo non è stata una parte della vita ma è stata la vita stessa, perché ogni momento, ogni energia, ogni risorsa era totalmente assorbita dalle necessità alimentari.

La caccia ha favorito la socialità perché l'unione delle forze favorisce la caccia e la difesa; ha imposto un assetto gerarchico alla vita di gruppo perché esige unità di comando e regole per evitare conflitti sulla ripartizione del cibo e la scelta delle donne; ha dato impulso alla comunicazione, poi evoluta in linguaggio articolato; ha indotto alla migrazione quando il territorio di caccia si impoverisce; ha avuto un ruolo culturale perché la caccia richiede un complesso di cognizioni sull'ambiente, sugli animali e le loro abitudini, sulle tecniche di caccia da adeguare al variare delle condizioni; ha promosso l'avvento della società patriarcale nella quale i vecchi vengono alimentati anche quando non sono più in grado di cacciare perché la loro esperienza e il loro sapere sono indispensabili ai giovani.

Il cacciatore guerriero è la figura dominante della società primitiva perché è il più bravo nel procurare il cibo, nella caccia e nella difesa, trasmette i suoi geni ai discendenti, sovrintende all'organizzazione interna, e a riti sociali e religiosi.

In sostanza nessun altra attività umana è paragonabile al ruolo che la caccia ha svolto nella storia dell'umanità e perciò è naturale che la mentalità e l'istinto del cacciatore essendo antropologicamente connaturati alla natura umana siano tutt'ora in grado di svolgere un ruolo evocativo riconoscibile in molte attività umane.

Per avere una dimensione realistica della pratica venatoria, va ricordato che la caccia oggi è consentita in tutti i paesi del mondo (con la sola eccezione della Costarica per motivi interni) e che solo in Europa (senza la Russia per cui mancano i dati) i cacciatori sono più di 10.000.000; e negli USA sono 17.000.000 (mancano i dati per il Sudamerica, l'Asia, l'Africa, l'Australia, la Cina e il Canada) e secondo stime approssimative il numero totale di cacciatori nel mondo è tra i 250 e 300 milioni.

Oggi la caccia vagante con il cane (la forma più diffusa in Italia) è in un forte declino sopratutto perché la selvaggina naturale cacciabile è estinta da oltre mezzo secolo ormai, in parte sostituita da animali di allevamento (di scarso valore venatorio).

Per questo motivo le licenze di caccia sono in costante diminuzione, non c'è ricambio generazionale e ormai molti praticanti sono divenuti più cinofili che cacciatori.

Ciò non ostante una minoranza organizzata di anticaccia da anni cerca di ottenere la sua abolizione sulla base di pretestuosi argomenti recepiti acriticamente da quelli degli animalisti ecologisti.

Per avere un esatto profilo degli anticaccia va chiarito che essi sono concentrati sopratutto nei grandi centri urbani, non sanno nulla della natura e delle sue leggi, non sono mai andati in campagna, non hanno la minima nozione sulla prassi venatoria e la loro immotivata avversione è espressione solo di un becero integralismo che vuole vietare tutto ciò che non piace, sul presupposto che la democrazia consista nella dittatura della maggioranza, mentre la civiltà di un paese si misura proprio dalla tutela delle minoranze .

Gli anticaccia ritengono che gli slogan degli animalisti siano "argomenti forti" e sostengono che la caccia: a) causa una strage indiscriminata di uccelli; b) mette in pericolo la biodiversità; c) che la maggioranza degli italiani è contraria alla caccia; d) che il cacciatore trae diletto dall'uccisione di animali e ciò è ripugnante.

L'affermazione (infondata) sulla strage di uccelli si fonda solo sul numero delle cartucce vendute ogni anno, ma trascura che il 99% di esse non è usato in caccia ma per il tiro sportivo (skeet, trap, percorso di caccia, elica, ecc)
Quanto al timore che cacciare sia un pericolo per la biodiversità esso nasce dall'ignorare che la selvaggina naturale cacciabile è estinta in Italia da oltre mezzo secolo, non a causa della caccia ma a causa dell'antropizzazione del territorio e della chimica usata dall'agricoltura intensiva; ed è per questo che sono estinte o in via di estinzione non solo molte specie di uccelli mai oggetto di caccia (rondini, passeracci, cardellini, usignoli ecc) ma anche molte specie di insetti (rospi, lucertole, formiche, cicale, coleotteri, grilli, farfalle, dorifore ecc) che non hanno nulla a che vedere con la caccia.

Sostenere che la caccia debba essere abolita perché la maggioranza degli italiani è contraria ad essa rappresenta un autogol, perchè proprio i referendum promossi dagli anticaccia e regolarmente andati deserti dimostrano invece che la grande maggioranza degli italiani è indifferente rispetto alla pratica venatoria.
 
In tema è' quasi superfluo ricordare che l'art. 2 della Costituzione garantisce "i diritti inviolabili" e che l'art. 3 tutela "il pieno sviluppo della persona umana" e perciò la scelta di come impiegare il proprio tempo libero è un diritto individuale di libertà, che ha il suo limite solo nella lesione del diritto altrui.

Se così non fosse si provi ad immaginare cosa accadrebbe se i diritti delle minoranze etniche, religiose, linguistiche, sociali, sessuali, dipendessero dal consenso della maggioranza.

Sostenere poi che il piacere dei cacciatori consiste nel dare la morte agli animali rappresenta un malizioso espediente propagandistico solo apparentemente persuasivo ma in sè falso e deviante.

Infatti quando un'attività complessa si articola in una serie di comportamenti intrinsecamente coordinati e dagli anelli indissolubili di questa catena si estrapola uno solo di essi giudicato avulso dal suo contesto e si estende giudizio su di esso all'intera attività di cui esso è solo parte si compie una disinformazione vergognosa.

La sociologia comportamentale ha chiarito che la dimensione valoriale di ogni singolo atto deve essere rapportata al contesto generale di cui fa parte, perché solo così si può valutare la condizione psicologica dell'agente, ed è questa che rende indifferente o ripugnante il fatto preso in esame.

Dunque è la condizione psicologica dell'agente a dequalificare la materialità dell'atto, e perciò il giudizio su una cuoca che torce il collo ad un galletto è di indifferenza (perchè essa sta preparando il pranzo), mentre se lo stesso atto è compiuto da qualcuno solo per l'efferato godimento di uccidere un essere vivente esso è ripugnante.

Così il soldato che in guerra spara al nemico, priva un uomo della vita, ma non è un omicida: in lui è manca la coscienza e volontà di uccidere un uomo perché nella prassi bellica il nemico è solo un pericolo da eliminare e quindi lo sparo avviene in condizione di indifferenza psicologica rispetto alle sue conseguenze, perchè ciò è coerente con il contesto bellico.

Il cacciatore non va a caccia solo per uccidere (il 99% delle battute si risolve in un nulla di fatto) ma va a caccia per "cacciare" (quale che ne sia il risultato) perché è mosso dall'istinto venatorio dell'antico predatore da cui discende ed è la prassi venatoria che si articola in una complessa sequenza di atti tra loro inscindibilmente connessi al punto che ciascuno di essi da solo perde la sua usuale connotazione naturale essendo solo un anello privo di autonomia della catena di cui fa parte, e perciò lo sparo che (in casi ormai rari) segue all'incontro del cacciatore con la selvaggina non è sorretto dalla volontà di uccidere ma dalla prassi venatoria.

I singoli atti materiali nei quali si articola la prassi venatoria sono compiuti per effetto di un automatismo consuetudinario che innesca nell'animo del cacciatore quella partecipazione emotiva che è l'essenza della caccia, e tutta questa attività materiale è metabolizzata in una dimensione rituale nella quale i simboli sostituiscono la realtà e perciò i profani che giudicano la caccia solo dal suo assetto visibile non riescono a capirne l'essenza.

Per il cacciatore la caccia è un archetipo dell'essenza della vita, una metafora liturgica del ciclo naturale (vita-morte, predatori - preda) che è legge di natura.
Il cacciatore lontano dalla città e dalle strade, nel silenzio della campagna si immedesima nella condizione del suo antenato predatore, torna a misurare il tempo non con l'orologio ma sulle ore di luce e la distanza non in km ma sulla forza delle gambe.

Le istanze della fame, della sete, del caldo e del freddo, della stanchezza riacquistano la realtà di urgenze fisiologiche e non più di semplici abitudini.

Infine la caccia vagante non può prescindere dalla collaborazione con il cane da caccia e questo rapporto strettissimo non è solo strumentale (individuare i selvatici nascosti nella vegetazione con l'olfatto) ma è in una collaborazione paritetica di due partner: il cacciatore sceglie il terreno da esplorare, e il cane svolge il suo lavoro in piena autonomia pur restando sintonizzato con i desideri del padrone che il cane percepisce attraverso il linguaggio del corpo e così essi costituiscono un "insieme venatorio" nel quale il cane è un imprescindibile compagno di vita e di lavoro.

In conclusione la prassi venatoria trova la sua legittimazione nell'istinto e nella lunghissima tradizione antropologicamente metabolizzata che è entrata a far parte del costume e dei diritti di libertà e la psicologia moderna ha trovato in questo istinto fondamentale dell'uomo una miniera di simboli e schemi che sono tessere del mosaico della psiche umana.
 
 
Enrico Fenoaltea

Leggi altri Editoriali

27 commenti finora...

Re:Istinto venatorio nell'uomo evoluto

MA discriminare i cacciatori non e' reato? augurargli la morte come quel porcone pedofiloo di costanzo non e' reato?

da cci vostra 02/12/2022 18.38

Re:Istinto venatorio nell'uomo evoluto

È tornato il fr0cio represso…

da Rocco 01/12/2022 17.04

Re:Istinto venatorio nell'uomo evoluto

oggi si viene considerati ' arretrati se non si approva la cultura dei piglian gulo tipo matatano il giornalista che si e' sposato con un bel maschione , lo so si e' arretrati incivili e si rischia anche se non si accettano certe porcate!

da w la caccia basta con i fenucchiszozzi 01/12/2022 13.57

Re:Istinto venatorio nell'uomo evoluto

Oggi non si e' evoluti se non lo si piglia di dietro e ci si innamora di un bel maschione di successo. che schifo che orrore!

da Mattano 30/11/2022 14.11

Re:Istinto venatorio nell'uomo evoluto

Noi evoluti lo pigliammarretomazz

da il giusto 29/11/2022 22.01

Re:Istinto venatorio nell'uomo evoluto

non portavano le corna come te , scurnacchiett beccamuort ca sei!

da x giusto 29/11/2022 18.36

Re:Istinto venatorio nell'uomo evoluto

In effetti gli uomini di pablo ,di lupo ,non fumavano non bevevano alcolici ,forse si drogavano mangiando erbe sconosciute ,erano sicuramente onnivori ,ma ce li rappresentavano primitivamente rivestiti di pelli animali. Essendo onnivori vivevano poche decine di anni ,poi pare che la prima organizzazione sociale sia derivata dall'organizzazione di battute di caccia dopo aver affinato armi che oggi definiamo rudimentali ,,Se pablo e lupo 88 si sentono degli evoluti e' semplicemente perche' avranno il frigo sempre pieno e la casa calda ,

da Vito Canevese 29/11/2022 10.47

Re:Istinto venatorio nell'uomo evoluto

Pablo le statistiche dicono che i vegani hanno gravi problemi di salute e mentali tu hai problemi mentali , fatti vedere da uno buono. Lupo 88 l'uomo evoluto è omosessulae come te, noi no...

da il giusto 29/11/2022 7.17

Re:Istinto venatorio nell'uomo evoluto

E chi te l’ha detto?

da X lupo88 28/11/2022 13.06

Re:Istinto venatorio nell'uomo evoluto

L'uomo evoluto non va a caccia.

da Lupo88 28/11/2022 10.20

Re:Istinto venatorio nell'uomo evoluto

certo, ma ricordo che stavano sempre attorno al fuoco del camino col grasso di maiale che colava a dire poco!

da Pablo 27/11/2022 13.24

Re:Istinto venatorio nell'uomo evoluto

Va be’ ma non fa testo. Chi te lo ha detto poi che è stata la carne tra tutte le innumerevoli cause?

da X pablo 27/11/2022 9.23

Re:Istinto venatorio nell'uomo evoluto

I miei parenti mangiatori di carne sono morti sotto i 60anni e tutti di infarto o cancro

da Pablo 27/11/2022 8.52

Re:Istinto venatorio nell'uomo evoluto

E chi te l’ha detto?

da X pablo vegan 27/11/2022 8.04

Re:Istinto venatorio nell'uomo evoluto

l'uomo non e' nato cacciatore ma erbivoro

da Pablo vegan 26/11/2022 23.24

Re:Istinto venatorio nell'uomo evoluto

Ringrazio la Redazione per il chiarimento. Un cordiale saluto.

da jamesin 26/11/2022 12.36

Re:Istinto venatorio nell'uomo evoluto

Per Jamesin: il sito www.wehunter.net è stato creato alcuni anni fa da noi sulla base delle richieste dei nostri utenti che desideravano avere una piattaforma per condividere le informazioni sul passo migratorio o semplicemente per chiacchierare in amicizia. E' aperto a tutti, dietro iscrizione.

da Redazione BigHunter.it 25/11/2022 9.00

Re:Istinto venatorio nell'uomo evoluto

La caccia vivra' per sempre.

da cacciatore Napulitano 21/11/2022 9.04

Re:Istinto venatorio nell'uomo evoluto

La caccia è viva W la CACCIA Anche oggi come ieri il cacciatore va a caccia anche per nutrirsi di vera carne buona. Mangiare un tordo, una quaglia, un colombaccio o un beccaccia non c'è carne migliore da potere consumare. La caccia è nata con l'uomo e non può mai morire. Svegliarsi presto la mattina e andare per campi e boschi è una cosa che non si può descrivere, nessuno può immaginare quanto è piacevole. Camminare per diverse ore assieme all'amico più fedele a 4 zampe è un piacere enorme.

da Cacciatori calabresi 20/11/2022 10.34

Re:Istinto venatorio nell'uomo evoluto

X LA REDAZIONE : vorrei cortesemente sapere se il sito da voi esposto WeHunter e' privato o e' gestito da voi grazie.

da jamesin 19/11/2022 21.53

Re:Istinto venatorio nell'uomo evoluto

Il premio 'migliore rosicata' per il momento se lo aggiudica il minchi0ne del post "16/11/2022 14.33", a mani basse. Qualcun altro riesce a fare meglio?

da Oscar 17/11/2022 19.01

Re:Istinto venatorio nell'uomo evoluto

Ottimo contributo

da Flavio Galizzi 17/11/2022 15.44

Re:Istinto venatorio nell'uomo evoluto

Foglia di fico è inutile che ti agiti tanto. C'è tanta tristezza che parla per te. L’autunno fa cadere le ultime foglie che il vento raccoglie portandole al macero.

da Il bacio del cinghiale 17/11/2022 12.57

Re:Istinto venatorio nell'uomo evoluto

È LA LEGGE che consente la caccia in Italia come in tutto il mondo evoluto e non. Le opinioni contrarie sono sempre esistite ed hanno sempre avuto il peso di una scorreggia nel cosmo.

da Fico corbo 16/11/2022 10.28

Re:Istinto venatorio nell'uomo evoluto

Qui nessuno sta cercando giustificazioni, che senso avrebbe? Essendo la caccia una cosa naturale e lecita, non necessitiamo di alcuna giustificazione per praticarla.

da Fabe 16/11/2022 8.33

Re:Istinto venatorio nell'uomo evoluto

Quante balzane e strampalate chiacchiere per cercare di giustificare a se stessi e agli altri un’attività che oggi è solo inutile e biasimevole, vigliacca e ignobile, pericolosa e dannosa per se stessi e per gli altri

da Foglia di fico 16/11/2022 8.22

Re:Istinto venatorio nell'uomo evoluto

Editoriale Bellissimo !!

da La Qualunque 15/11/2022 18.57