HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani |
  Cerca
ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANA C'ERA UNA VOLTA... LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!! Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italiane TABU' LUPO FIRMAMENTO SOCIAL ALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSO LUPO. ATTENDIAMO LUMI CHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIA Cos’è la caccia La ri-proposta Cuore di beccaccia Cacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardi LA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scoperta CARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODA Osservatori regionali, avanti! Ungulati: una risorsa preziosa La mia prima volta al cinghiale: onore alla 110! Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibile ANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTI TORDI TORDI STANNO TUTTI BENE ETERNA APERTURA TANTE MAGICHE APERTURE CI SIAMO! LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONE LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE ANCH'IO CACCIO MIGRATORIA, MA DI CHI? Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio francese REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO Lasciate la carne ai bambini Uccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi.... CINGHIALI D'UNA VOLTA DATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRA MONTAGNA, 22 ANNI DOPO Elegia per un vecchio signore LA GRANDE BUFALA Animali & Co: un problema di comunicazione LUPO O CINGHIALE? Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo Le allodole, mia nonna e le vecchiette La caccia e gli chef UNGULATI CHE PASSIONE PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA Le beccacce e il lupo QUESTIONE DI PROSPETTIVA La cinofilia ufficiale. Parte seconda con scuse PROBLEMA LUPO Bisturi facili. Cuccioli? No grazie Perché ho scelto il setter inglese? Galletti fa mea culpa Questa è la cinofilia ufficiale C'era una volta il cinghiale Bracconieri di speranze Gip, amor di cacciatore. Il piccolo francese SAVETHEHUNTERS, MATTEO TROMBONI SFIATATI I sistemi elettronici di addestramento GUANO CAPITALE In principio era una Dea C'era una volta l'orso bianco che campava di caramelle UNA TERRA DIVERSA MEMORIE. Da regina a regina informAZione? Iniziazione del cucciolone UNIONE AL PALO? LA PARABOLA DI CECIL CROCCHETTE VEGANE L'ecoturismo fa danni ALLODOLE PER SEMPRE TRUE LIES CI SIAMO? Natura. Madre o matrigna? LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPO UN’APERTURA DA FAVOLA I cuccioli di oggi MACCHE' PREAPERTURA CACCIA, PROVE E VARIA UMANITA' Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiere FORMAZIONE, FORMAZIONE! I cani da ferma oggi Arlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNA Prima informarsi, poi farsi un'opinione Effetto Flegetonte Il cane domestico (maschio) Il valore della caccia Chi è diavolo, chi acquasanta? CANDIDATI ECCELLENTI PUBBLICO O PRIVATO? LA FRANCIA E I MINORI A CACCIA REGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATI Caccia vissuta “Se questa è etica” QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PERO Le contraddizioni dell'Expo QUESTIONE DI CORPO L'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloni Calendari venatori: si riparte DOVE ANCORA MI PORTA IL VENTO LUCI E OMBRE DI UN PROGETTO CANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIO CHIUSO UN CICLO... A patti col diavolo... e poi? BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZO MISTERI DELLA TELE CANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILE E' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SA Tordi e beccacce tra le grinfie della politica Donne cacciatrici piene di fascino predatorio Italiani confusi su caccia e selvaggina Storia di una particella cosmica Vegani per moda Anime e animali MUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur Smith CHI LA VUOLE COTTA, E CHI.... Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsa ZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA! E se anche le piante provassero dolore? PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMA Momenti che non voglio scordare Anticaccia? Parliamone CACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELE CATIA E LA PRIMA ESPERIENZA CHIARI AVVERTIMENTI PIU' VIVA E PIU' AMATA ECCE CANEM DE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTI IL CATALOGO E' QUESTO.... CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIA ISPRA. UN INDOVINO MI DISSE... MIGRATORI D'EUROPA L'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggio MIGRATORISTI GRANDE RISORSA Fauna ungulata e vincolismo ambientale Decreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTRO Ai luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIO SPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHI DOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVE Biodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLA Le specie invasive ci libereranno dall'animalismo EUROPEE: SCEGLIAMOLI BENE La rivoluzione verde è nel piatto La caccia al tempo di Facebook SOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposo COSE SAGGE E MERAVIGLIOSE AMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDO C'ERO UNA VOLTA ALL'EXA QUESTA E' LA CACCIA! EUROPA AL RISVEGLIO TOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLA CACCIA LAZIO: quali certezze? ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTI UNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILE LO DICO COL CUORE IL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E' I veri volontari dell'ambiente DIAMOGLI CREDITO PROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIA Ambientalisti italiani, poche idee ma confuse Anche National Geographic America conquistato dalle cacciatrici Più valore alla selvaggina e alla caccia Il cinghiale di Colombo Porto di fucile - NON C'E' MALE! PAC & CACCIA LILITH - LA CACCIA E' NATURALE Effetto protezionismo Ispra: il caso beccaccia Il grande bluff dei ricorsi anticaccia COME FARE COSA FARE Supermarket society Romantica Tipi di comunicazione: C'E' MURO E MURO Ambientalisti sveglia! Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggiose SPRAZZI DI SERENO POINTER E NON PIU' SOGNO DI CACCIATORE UN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPO RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORI LA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOON ALLA FIERA DELL'EST VOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNA IL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI “Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunistico CACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISI Partiamo dalla Toscana ITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la caccia C’ERA UNA VOLTA… I cacciatori nel regno delle eterne emergenze Gli ambientalisti e la trave nell'occhio Addio alle rondini? L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato) ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI..... SUCCEDE ANCHE QUESTO BASTA ASINI AMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di Diana TOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTO ALLARME DANNI DANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga… STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA “L'ipocrisia delle coscienze pulite” UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALE CACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA' ZONE UMIDE: CHI PAGA? Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA SPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLE La Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’albero A SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo così NEORURALI DE NOANTRI FRANCIA MON AMOUR LA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIA TERRA INCOGNITA L’Italia a cui vorrei fosse affidata la caccia La marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVE COLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI? DIVERSA OPINIONE IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE Opinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!! A CACCIA A CACCIA!!! PROVOCAZIONI Estate di fuoco MISTIFICAZIONI SICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTO Sostenibili e consapevoli! COLPI DI SOLE COLPI DI CALORE Aiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti! TECNOCRATI? NO ESPERIENTI LA RICERCA DIMENTICATA PARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'! Orgoglio di contadino Campagna o città? CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRI CALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERE CONFRONTO FRA GENERAZIONI LA CACCIA CHE SI RESPIRA Rapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNO MUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà? Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga... DELLE COSE DELLA NATURA Cultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'Italia Il nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalisti LA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀ PAC IN TERRIS UCCELLI D'EUROPA GIRA GIRA..... STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNA TOCCA A NOI! CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLO IL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIA VERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTO PROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZA BECCACCE DI BEFANA CACCIA, FASE DUE PROVOCAZIONI DI FINE D’ANNO RICERCA RICERCA SPIGOLATURE DI NATALE Dai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONE NON ERA AMORE Finalmente autunno Il paradosso dell'Ispra IL PIANETA DEI CACCIATORI Le caste animali A CACCIA ANCHE DOMANI A CACCIA SI, MA DOVE? ORGOGLIO DI CACCIATORE Per il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIA APRE LA CACCIA! Amico cacciatore, guarda e passa Riforma sui Parchi in arrivo? E i cuccioli umani? MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATE LA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenza Il Pointer e la caccia Col cane dalla notte dei tempi Contarli, certo, ma come? Questa è una passione! IL PENTOLONE LA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE NON SOLO STORNO QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI La lezione di Rocchetta di Vara BASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITI CORONA L'ERETICO Cacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medaglia Deroghe: non è una missione impossibile AMBIENTALISMO E' CULTURA RURALE Sei il mio cane ALLE RADICI DELLA CACCIA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIA COME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA... BOCCONCINI PRIMAVERA CACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERE COMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIO QUESTIONE DI CALENDARIO LA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIA PRENDIAMO IL MEGLIO BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA TUTTI A TAVOLA RIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRE LA CACCIA SERVE. ECCOME! METTI UNA SERA A CENA Urbanismo e Wilderness: un confronto impari CONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEET GIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANI IL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in Italia Accade solo in Italia? L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza FRA STORIA E ATTUALITA' Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro “Solo” una passione Tra ideologia e strategia politica IL CATALOGO E' QUESTO TORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTO DA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro Brambilla Italiani ignoranti della caccia CACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNA Ed il giorno arriva DEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE! PRE-APERTURA DI CREDITO Domani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONE Alcune riflessioni sulla caccia in Italia Divagazioni per una rivoluzione culturale La senatrice Adamo va alla guerra PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci) Calendari venatori. Le bugie degli ambientalisti Un'arte chiamata caccia AREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLA Animalismi e solitudini In un vecchio armadio STAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODO Belli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI! Ieri, mille anni fa, io caccio Cosa mangiano gli animali degli animalisti? SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA MOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVO ORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICO Aerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo” ALL'ARIA APERTA! Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIA IPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOI IN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA! RIFLESSIONI DI UN PEONE IL PAESE PIU' STRANO DEL MONDO Fuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALE E Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTO L'Enpa insulta i cacciatori SELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIA America: un continente di vita selvaggia LA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezione LA CACCIA COME LA NUTELLA? LUPO, CHI SEI? Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no? TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGE A caccia con L'arco... A caccia con la storia... Interpretazioni e commenti di nuova concezione 10 domande ai detrattori della caccia IL BRIVIDO CHE CERCHIAMO La caccia come antidoto alla catastrofe climatica Per una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNARO CONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIA Caccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perduta Allarmismo e vecchi trucchetti Ancora Tozzi ? REALISMO, PRIMA DI TUTTO Le invasioni barbariche APERTURA E DOPO. COSA COME QUANDO Piombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquatici Di altro dovremmo arrabbiarci I GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecnici Un rinascimento ambientale è possibile Gelosi e orgogliosi delle nostre tradizioni LA CACCIA SALVATA DALLE DONNE? Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars Venandi Tutto e il contrario di tutto DALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO... IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATO La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova Tutti insieme... magicamente Ambiente: una speranza nella caccia SOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTA La Caccia ha bisogno di uomini che si impegnano LA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDO Il capanno: tra architettura rurale e passione infinita DONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANA EUROPA EUROPA VICINI ALLA VERITA' Beccaccia sostenibile CACCIA E SOCIETA' Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNI PARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidato CACCIA ALL'ORSI ORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORI UN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORI Ridiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevole Il cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia. 157: PENSIERI E PAROLE MA COS'E' QUESTA CACCIA? 157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONE MIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARE CINGHIALI CHE PASSIONE La cultura cinofila ATC DIAMOCI DA FARE Il vitello che mangi non è morto d'infarto! Ripensare la caccia? PER UN FUTURO DELLA CACCIA QUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONA PUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAM Un nuovo corso per gli ungulati Siamo noi le Giubbe Verdi Ruralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina La caccia secondo Giuliano, umorista de La Repubblica Questa è la caccia Il cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumi La cinegetica e la caccia col cane Gestione e tradizione BASTA TESSERE AMAR...TORD E il beccafico perse la via del nord Dimostriamo credibilità Apertura passione serenità editoriale - Fucili italiani come le ferrari Orgoglio di Cacciatore I Tordi e le Beccacce La Caccia è Rock

Editoriale

La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova


lunedì 22 giugno 2009
    
Minetti cattura un caprioloGenova ha fatto molto parlare di sé negli scorsi mesi a causa della eccezionale presenza di cinghiali a ridosso delle zone abitate in particolar modo nella zona del Parco delle Mura, sulle immediate alture della città.
 
I media locali (e nazionali) in quei giorni hanno parlato soprattutto di quella che è stata definita la mascotte dei cinghiali cittadini: Piero, un esemplare più simile ad un grosso maiale troppo peloso, eccessivamente nutrito dagli abitanti del posto e quindi per questo addomesticato.
 
La vicenda di Piero ha creato non pochi problemi alla Polizia Provinciale a cui è stato affidato il ruolo di eliminare i cinghiali in eccesso e di procedere alle catture, il tutto avrebbe dovuto svolgersi nel minor tempo possibile, per evitare ulteriori incidenti con la popolazione su strade e cortili.
 
In più occasioni gli animalisti hanno però intralciato gli interventi della Polizia. Dopo la cattura di Piero come è andata a finire? Qual'è la situazione oggi? Per saperlo la redazione di BigHunter ha contattato direttamente il Commissario Eraldo Minetti, che ha sovrinteso  alle operazioni e che gestisce ancora oggi la situazione dei cinghiali nel genovese.
 
Al di là della cattura di Piero, si è risolta la situazione dei cinghiali nel parco?
 
La concessione fatta catturando il cinghiale Piero ha freddato gli animi più accesi e ci ha consentito di abbattere in quella zona ben 60 dico 60 cinghiali, dovevamo trovare delle soluzioni in fretta perchè i cinghiali hanno una rimonta del 200 per cento e in pochi mesi quei 60 sarebbero diventati 180, oggi via Carso è bonificata, ma i cinghiali permangono numerosi in altri quartieri cittadini nella zona più a ovest, dove continuiamo a lavorare in condizioni oggettivamente difficili se non addirittura impossibili.
Il Parco delle Mura si estende per 800 ettari alle spalle della città. Le operazioni nei quartieri di San Teodoro e Castelletto sono state complicate, siamo riusciti a fare un paio di battute con la collaborazione dei cacciatori (2 squadre, una settantina in tutto) e delle forze dell'ordine che hanno bloccato l'area  permettendo l'abbattimento senza che i cittadini corressero rischi. Le catture si sono svolte attraverso trappole ad innesco automatico e manuale e l'uso di reti sempre all'interno dei quartieri.
 
Come avvengono le operazioni a ridosso delle case?
 
Dove è possibile usiamo il fucile ma non sempre si può, e quando non si può rischiamo sulla nostra pelle, per inciso sono pieno di ecchimosi, dovute ai corpo a corpo con i cinghiali.
 
Come se non bastasse ci si sono messi anche gli animalisti...
 
Abbiamo avuto grossi problemi perchè animalisti si frapponevano tra noi e i cinghiali.
 
Si è trattato di associazioni organizzate o semplici cittadini?
 
Soprattutto associazioni organizzate, in particolare erano presenti gli attivisti della Lav. Alle loro proteste si sono aggiunte quelle dei cittadini, che si attivano nel momento in cui all'improvviso scoprono che attorno alle loro case ci sono i cinghiali. In realtà c'erano anche prima che se ne rendessero conto. Queste persone vedono la natura solo in televisione e non conoscono i problemi della fauna selvatica, manca una percezione generale d'insieme, il che permette per esempio alla gente di continuare a foraggiare i cinghiali, anche se è vietato dalla legge.
 
Il problema del foraggiamento è stato poi anche all'origine della vicenda di Piero ed è simbolo di un rapporto del tutto sbagliato con la fauna selvatica. Vi siete mossi anche in questa direzione?
 
Nel 2000 esortammo l'amministrazione comunale su un problema ben più piccolo ma forse all'origine della situazione d'oggi:  un signore nel genovese dava da mangiare ad un folto numero di cinghiali con gli avanzi di una mensa. Proprio nel 2000 il comune ha vietato il foraggiamento con un'ordinanza, tuttora in vigore, che sanziona chiunque venga sorpreso a nutrire gli animali. Controllare è comunque difficile, perchè bisogna cogliere sul fatto la persona, facciamo il possibile ma è più un problema di educazione ambientale.
Piero in ogni modo non può essere considerato un animale selvatico, è stato da sempre allevato dalle gattare, (letteralmente) è obeso e sicuramente non adatto alla vita selvatica.
 
Ci diceva che dopo la cattura di Piero gli animalisti si sono tranquillizzati. E' proprio andata così?
 
Sì, l'operazione è stata complicata perchè ogni volta che un animale viene sedato non si sa esattamente come andrà a finire. Gli animali corrono diversi rischi, così anche le persone. C'era il rischio di ipertermia ( temperatura troppo alta) dovuta all'esagerato quantitativo di grasso dell'animale, definito "obeso" dal veterinario che ha assistito alle operazioni  (ciò  la dice lunga sulla follia di nutrire gli animali selvatici). Il telo con il quale è stata ricoperta la gabbia serviva a tenere l'animale al buio, poichè il sedativo somministrato è un ipnotico, l'animale non si è mai addormentato del tutto ma è restato in uno stato di semi incoscienza e la luce del giorno durante il trasporto lo avrebbe eccitato, un pericolo per gli agenti.

La complicata operazione è servita più che a sedare Piero, a sedare gli animi degli animalisti. Se non avessimo acconsentito a questa cattura, ci saremmo trovati un serio pericolo di ordine pubblico. La città era spaccata in due e qualcuno è addirittura arrivato alle mani. Dopo la cattura ci hanno lasciato operare.
 
Questa assurda “battaglia” animalista è stata in parte condizionata dalla stampa. I giornali locali hanno buttato acqua sul fuoco?
 
I due giornali cittadini hanno mantenuto una posizione abbastanza corretta anche se una strumentalizzazione c'è stata.  Le notizie sono comunque state imprecise e i media avrebbero dovuto spiegare un po' meglio ai cittadini la situazione. Il problema è che su queste questioni non c'è informazione. A tutti i livelli. In quei mesi ho proposto all'assessore di organizzare incontri con la cittadinanza per spiegare la realtà drammatica  dovuta alla presenza di cinghiali. Occorre spiegare alle persone che i cinghiali sono una risorsa dello Stato di cui esso dispone attraverso la caccia che ne regola l'equilibrio e che se sono troppi vanno eliminati, non possono essere immessi da altre parti (c'è una legge regionale che lo vieta) e non possono essere mantenuti in cattività.
 
Il riequilibrio dei cinghiali permette allo stesso tempo di tutelare altre specie, quali?
 
Mentre si perde tempo a pensare alla salvaguardia dei cinghiali si perdono di vista altre realtà che vanno realmente tutelate. Ci sono situazioni critiche dovute anche e soprattutto alla presenza massiccia dei cinghiali. Nel genovese ci sono alcune specie di anfibi rare che rischiano l'estinzione proprio perchè vengono distrutti i loro siti di riproduzione dai cinghiali che fanno il bagno nelle pozze di fango e negli stagni. Questa abitudine distrugge irrimediabilmente le uova di alcune specie di tritoni e della rara salamandra dagli occhiali.
Le risorse andrebbero utilizzate anche per la tutela e il monitoraggio dei cervidi e del lupo, presente anche qui da poco. Occorre per esempio uno studio per la prevenzione dei danni.
 
Oltre alle catture e agli abbattimenti, avete pensato a misure di prevenzione per scongiurare ulteriori invasioni di campo di questa specie?
 
Abbiamo già ottenuto un grosso risultato installando una cinta  che con soli 600 metri di estensione, riesce a chiudere un fronte di 4 km di parco. La soluzione crea un fronte che preserva molte zone urbanizzate dall'afflusso di cinghiali e  per di più è poco costosa perchè sfrutta mura già esistenti e molto antiche.  Abbiamo inoltre già individuato i confini per ulteriori recinzioni, presentando la proposta all'amministrazione comunale, sulla cui realizzazione però non abbiamo potere decisionale, dipenderà poi dalle disponibilità del comune.
 
Come spiega l'eccessiva proliferazione dei cinghiali degli ultimi periodi?
 
Due anni fa abbiamo avuto una grossissima produzione di ghiande e castagne, tanto che ai tempi ne parlammo anche con la stampa anticipando quello che sarebbe successo. La produzione è stata tale che anche se la scorsa è stata un'annata non così favorevole,  ci si siamo trovati con un aumento esponenziale. Tanto che alcune squadre di cinghialai sono passate da 100 cinghiali solitamente abbattuti ai 350 di quest'anno. Quasi tutte hanno visto raddoppiare gli abbattimenti.  Quest'anno purtroppo la fioritura del castagno è ancora più ricca, rischiamo un grandissimo numero di cinghiali e problemi ancora più gravi.

Eraldo Minetti
Commissario Polizia Provinciale Genova

Leggi altri Editoriali

11 commenti finora...

Re:La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova

quando si sbagliano pronomi e congiuntivi!!!!!!!!!!questo la dice lunga sull'attuale professione giornalistica, sono concesse libertà lessicali che molti nemmeno avrebbero immaginato (e nella redazione di BH c'è qualcuno a cui ai suoi tempi avrebbero interdetto la macchina da scrivere laddove si fosse permesso certi errori e lo puo testimoniare)"o tempora o mores" ad oggi conta di più la notizia che la cronaca e chi la spara più grossa o sensazionale spera nell'audience maggiore e chi se ne frega se la verità è spesso diversa? se collateralmente si nuoce a qualcun altro? Purtroppo la deontologia professionale tanto cara e dovuta in passato, non esiste più tranne che per i Veri Giornalisti, ormai pochi purtroppo perchè il ricambio generazionale è stato inquinato dalla supeficialità. Triste ma vero. Cara redazione Vi prego se sbaglio correggetemi grazie Andrea

da andrea ge 23/08/2010 14.54

Re:La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova

cari amici, ci accusano di essere la causa della presenza degli animali nei boschi.......e io me ne vanto!!! qualcuno proprio non sa a che albero impiccare i cacciatori... perche' se la fauna non c'e', e' colpa dei cattivoni dei cacciatori che ammazzano gli animali (anche se la caccia non c'e' tra nulla e le specie cacciabili non sono affatto in pericolo di estinzione), se la fauna c'e' .... e' sempre colpa dei cattivoni di cacciatori che hannno osato fare qualche ripopolamento quando erano consentiti. Siamo noi cacciatori che abbiamo salvato la biodiversita' sui nostri monti e abbiamo salvato il lupo appenninico dall' estinzione certa, reimmettendo cinghiali, daini, cervi e caprioli!!! ma questo, per certi talebani ignoranti, e' solo un trascurabile dettaglio.

da fabrizio 28/06/2009 19.41

Re:La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova

Eraldo,come al solito dimostri grande competenza e professionalità,grazie per la preziosa collaborazione tua e di tutti quelli che al Righi hanno messo di suo per cercare di risolvere un problema sociale che nessuno prima aveva mai voluto affrontare.

da Adriano ZANNI 25/06/2009 18.58

Re:La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova

come no Pierino, hai ragione. Immettono anche storni, nutrie, colombi torraioli, gazze, cornacchie, gamberi Killer poi comprano a stock quantità industriali di zecche che una per una vengono appiccicate da un'addetto detto " Pierino lo Zeccaiolo" al corpo dei bamby. Lavoro duro quello delle Aziende Faunistiche non trovi....

da Vittorio 25/06/2009 13.06

Re:La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova

perché non fate come Bush? questo fenomeno di presidente una volta disse che per combattere il problema degli incendi, era sufficiente procedere a un vigoroso disboscamento. Voi potreste tagliare tutti i castagni, no?? ooopppsss ma mi viene un dubbio... non sarà mica che i cinghiali proliferano perché vengono immessi sul territorio dalle aziende faunistiche? MA NOOOO NON E' POSSIBILEEEEEEEE!!!!! UAHUAHUAHAHAHAHH!!!!

da pierino_la_peste 24/06/2009 23.07

Re:La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova

Ma è possibile che in Italia riusciamo a trasformare una risorsa in un broblema? La carne di cinghiale è molto richiesta da ristoranti, macellerie e grandi catene di distribuzione e si trova a basso costo, perchè non sfruttare questa situazione?

da martino.f 23/06/2009 16.29

Re:La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova

Credo che il Commissario Minetti abbia colto a pieno il problema quando parla di :" Queste persone vedono la natura solo in televisione e non conoscono i problemi della fauna selvatica." Con i miei complimenti a Lei ed a tutti i suoi collaboratori per quanto ci ha illustrato sugli accadimenti e soprattutto al suo lavoro quotidiano. Un cordiale saluto.

da Silvano B. 23/06/2009 10.34

Re:La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova

Questi pseudo animalisti, verdastri e anticaccia ideologicizzati per esistere , e quindi garantirsi la loro sopravvivenza economica e politica con tutti i privilegi che ne consegue, devono acquisire visibilità, ma come: appunto, facendo un grande "can can" ogni volta che ne hanno l'occasione (a Genova con i cinghiali, nel padovano con le nutrie, nelle varie sagre paesane, secolari, degli uccelli, e così via). Solo in questo modo riescono ad avere una certa visibilità e quindi avere anche quel consenso che permette a loro di sopravvivere! Poverini! Peccato che dell'ambiente, della fauna e della flora a loro interessa solo questo aspetto, tutto il resto è solo ignoranza intesa come non conoscenza dei veri problemi.

da elio52 22/06/2009 21.54

Re:La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova

Com'è che diceva il 'vecchio' Andreotti? Se ricordo: a pensar male quasi sempre indovini. ... e in questo caso, come in altri precedenti, il margine d'errore s'assotiglia sempre più. Con tutti i soldi che abbiamo versato alle nostre associazioni ci si sarebbe potuto comperare alcune pagine sui quoitidiani nazionali per controbattere le solite fandonie anticaccia. Meditate gente, meditate.

da aldorin 22/06/2009 20.09

Re:La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova

REDAZIONE BIGHUNTER MAGAZINE Invitiamo il Sig. Alessandro Pedrelli a reinserire il suo commmento citando la fonte del suo copia-incolla. Cordialità Redazione BigHunter Magazine

da REDAZIONE BIGHUNTER MAGAZINE 22/06/2009 14.57

Re:BigHunter intervista il Commissario provinciale Eraldo Minetti: tutta la verità sui cinghiali di Genova dalla voce dei protagonisti

Certo che dopo la cattura di Piero quelli della LAV hanno lasciato perdere NON C'ERANO PIU' NE GIORNALISTI NE TELECAMERE PER APPARIRE !!!! Questo è l'ambientalismo Italiano deriso da tutta l'Europa!!!

da Luchino 22/06/2009 10.13