Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIL'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tutto DALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

Libro Origini – Iscrizioni record


lunedì 3 luglio 2017
    

Il 2016 è stato un anno record per l'Enci: oltre al notevole aumento delle manifestazioni (esposizioni e prove) con relativi campioni di bellezza e lavoro, le iscrizioni al Libro Origini si sono avvicinate a 170.000.
Sorprendente, in tempi come questi.
E' invece “normale” che il Pastore tedesco sia ancora al primo posto con 16.389 nuove iscrizioni.
Questo cane, allevato e selezionato in Germania dai primi anni del '900, è da sempre considerato il prototipo del cane da lavoro, la razza più indicata a svolgere importanti compiti utilitaristici al fianco dell'uomo: guida per i ciechi, cane da catastrofe, antidroga, da guardia e da difesa. Con alcuni passaggi della sua storia da considerare, diciamo così, fortunati.
Durante la 2° guerra mondiale, sembra che l'esercito tedesco abbia messo in campo più di 7000 cani di questa razza, impiegati come portantini, portaferiti e staffette. Finita la guerra, ebbe inizio l'utilizzo della razza per compiti certo più nobili, come, appunto, la guida per i ciechi. In Germania lo Stato fece addestrare a proprie spese un cane per ogni invalido alla vista per cause di guerra. In Italia, sempre nel dopoguerra, la sua diffusione ha avuto un crescendo impressionante, grazie ad allevatori numerosi e soprattutto capaci.

Anche per il Setter inglese, secondo con 13.966 iscrizioni, tutto nella norma. E' la razza da ferma più diffusa in Italia perché, oltre ad essere uno dei più bei cani da caccia ed essere dotato di notevolissimi mezzi naturali, ha una grande storia. Scriveva Laverack: “... il setter è generalmente il più utile fra i cani che si impiegano nella caccia con il fucile, … perché appropriato a tutti i terreni... infatti il setter non è altro che un epagneul migliorato”. Tutto vero, naturalmente.
Dalle importazioni degli anni '30 del novecento, decise da grandi personaggi come Nasturzio, Cajelli, Colombo e altri, sono arrivati e poi allevati in Italia West Down Towry, Lingfield Mistik, Nice Style Star, con, a seguire, i grandi nomi dei nostri allevamenti. Così la diffusione nel nostro Paese è stata rapidissima, arrivando alle 20.000 iscrizioni negli anni '90.

Al terzo posto, con 10.326 iscrizioni, il Labrador retriever, un ausiliare il cui lavoro consiste nel cercare e recuperare il selvatico ucciso per riportarlo al cacciatore. La sua selezione, mirata ad un preciso obiettivo di utilizzazione venatoria, non ha comunque impedito lo sviluppo di altre qualità positive. Ne è venuto fuori un cane docile, equilibrato e assolutamente non aggressivo. Ecco perché i retriever, oltre ad essere degli ottimi ausiliari da caccia, vengono usati sempre più spesso come cani da guida, da soccorso, e da valanga, oltre che come cani poliziotto e antidroga. Anche se il suo impiego venatorio è sempre più raro, occorre tener presente che necessita di vita attiva, di muoversi all'aperto e in libertà. Un retriever tenuto come cane da appartamento perde di vivacità e di equilibrio, diventando apatico e indolente.

Al quarto posto il Golden retriever. Meno diffuso del Labrador (6.826 iscrizioni), e raramente utilizzato a caccia, ha successo come cane da compagnia per il suo eccezionale carattere e per la straordinaria docilità. Obbediente e mai aggressivo, anche lui ha però assoluto bisogno di movimento e di vita all'aria aperta.
Quinto posto per il Chihuahua (6.676 iscrizioni). Accompagnato dalle leggende del Techichi, da cui deriva, il piccolo “cane giallo” messicano appartiene a una delle razze più antiche che si conoscano. E' diffuso nel mondo in due varietà (pelo corto e pelo lungo), e stranamente si trova rappresentato anche nelle opere del Carpaccio, Longhi e Botticelli. In Europa il Chihuahua ha avuto una certa diffusione dopo la seconda guerra mondiale, con un crescendo che lo ha portato quasi ad eguagliare, nei numeri, il Golden retriever.

Al sesto posto un rappresentante del Gruppo 3, il Jack Russell, con 5.369 iscrizioni. Anche tutte le razze di terrier sono state selezionate per esclusive esigenze di lavoro e solo in un secondo tempo sono nati nuovi indirizzi selettivi tesi a valorizzare le doti estetiche e di carattere.
La pratica della caccia richiede olfatto, coraggio, temperamento, resistenza; tutte caratteristiche mantenute.
Il reverendo Jack Russell, l'uomo di chiesa inglese appassionato cinofilo e cacciatore, dedicò la sua vita ai terrier, che possono considerarsi prototipi del Fox. Il Jack Russell ha il tipico aspetto di un cane da lavoro, con espressione vivace e simpatica; attivo, agilissimo, e anche lui inserito nella sezione dei Terrier da compagnia, insieme al Toy e allo Yorkshire.
Prendiamo quindi atto che le sei razze più numerose restano le stesse, con variazioni, tutte positive, di poco più dell'uno per cento del Jack Russell, a quasi il diciannove del Golden.
E se a ciascuno di noi è consentito darsi delle spiegazioni sui molti perché, forse qualche considerazione su quelle da caccia sarebbe opportuna.

Tra i continentali il Bracco italiano e lo Spinone sono in crescita, il Kurzhaar è stabile e il Weimaraner fa registrare un aumento del ventotto per cento. E anche qui sarebbe forse opportuno chiedersi quanto e come viene impiegato a caccia.
Perfino il Breton, da sempre in auge, registra un calo vicino al dieci per cento, ma il piccolo epagneul, giustamente considerato fra i più utili cani da ferma, avrà sempre un altissimo livello di impiego.
Restano le razze che una volta erano le più diffuse in Italia, e del Setter è già stato detto, mentre per il Pointer, ancora tristemente in calo, forse ci siamo anche scordati a cosa serve. In compenso ogni tanto un fenomeno, brutto o bello che sia, stravince nelle competizioni che contano, e noi siamo tutti beati e contenti.

Leggi altri Editoriali

29 commenti finora...

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

Mah, io ieri ho sentito anche se per poco l'intervista della canara e il commento. ...mi pare di aver capito 20.000 anche perché hanno sottolineato il percorso che era pieno, ma se così non fosse , meglio, son contento....a me sembra di aver capito così. In ogni caso quella è una mina vacante e l'alleanza con il commenda non mi piace.

da Carlo rm1 09/07/2017 17.11

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

oh Carlo rm1 da dove spuntano le tue 20.000 persone dietro la Rossa? Il Giornale che è di Berlusca dice 2.000 se poi guardi i filmati saranno stati in 200!!!!!! basta non votare Forza Italia e non vanno da nessuna parte!!!!!! Berlusca deve superare Salvini e raccatterebbe cani e porci pur di farlo.

da Leghista doc 09/07/2017 11.21

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

mha carlo, chi può dirlo......io non saprei, a me sembra che gli "animalisti" si sgonfino in verità, o meglio, rimangono gli invasati ma da un pò di tempo ci sono un sacco di persone che conosco e che non sono ne cacciatori ne animalisti, che però dicono di non sopportare più questi ultimi. Poi vero che forza italia dicono sia in crescita, ma qua in liguria per esempio il cenrodestra ha vinto, ma grazie alla lega......forza italia mha, a me sembra che il berlusca tenti di galleggiare e ha capito che un minimo di consenso dagli animalisti lo prende in quanto diciamocelo.....piuttosto fessi.....credo

da bios 09/07/2017 11.17

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

Hai detto bene Vecchio Cedro...in via di estinzione. Ho appena sentito una intervista della Brambilla in testa alla manifestazione animalista di oggi a Roma, circa 20.000 persone. Ha detto che bisogna inasprire e prevedere pene per chi maltratta, uccide animali compresi i selvatici . Non so quanta strada e quanta presa può fare sull'intera opinione pubblica ma lei confida e fa molto affidamento su Forza Italia data in crescita . In futuro credo che potrà fare molto male a noi .

da Carlo rm1 08/07/2017 18.22

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

c'è ancora qualche Cacciatore, ma razza da proteggere perché in via d'estinzione.

da vecchio cedro 07/07/2017 10.18

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

Ci possiamo dare la mano BIOS, facevo coppia con mio padre, poi in solitaria e in silenzio....meglio soli che male accompagnat....me la canto e me la suono . Buona serata

da Carlo rm1 06/07/2017 20.05

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

nono carlo non pensavo avessi le paturnie.....è che sono un pò svanito sto periodo:D......comunque si episodi del genere sono grotteschi!!! diciamo che a me sembrano un pò "apertura della caccia con filini" (per citare un grande appena scomparso)......sisi comunque concordo, io per come la vedo io mi piace cacciare in solitaria, o meglio, in genere andiamo con mio padre o un altro compagno, ci si divide e ci si da appuntamento in due tre posti durante la giornata.....e ognuno col suo cane, a volte esco con tutti e due le "bestiacce" giusto se parto da solo e mi spiace lasciarne uno a cuccia........ma ammetto che da buon ligure sono un pò "orso asociale"...hehe

da bios 06/07/2017 19.29

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

Allora BIOS ti racconto un aneddoto di 3/4 anni fa. Sono arrivato sulla mia piazzola che stava giorno. Sceso dalla macchina ho iniziato le solite operazioni,stivali, cartucce ecc. Nel mentre arriva un gippone e si ferma accanto a me. Scendono due cacciatori e 4 Setter, bellissimi soggetti a vederli. Iniziano pure le operazioni di vestizione di questi Setter ad ognuno un bel per era barchetta con su una scatolina e piccola antennina. Io guardavo mentre uno dei due sintonizzava i cani sul telecomando, cane 1, cane 2...ecc..Più tardi li incrocio nella macchia. Sembrava una giostra, te lo immagini 4 beeper ? A un certo punto un grido.."cane in fermaaa alla tua destra, corri" diceva uno all'altro. Non sapevo se scipparmi i capelli, sbattere la testa a un tronco, ridere...non lo so, giudica tu. E questa la chiamano caccia alla beccaccia. Quei due senza tutta quella roba neanche la strada di casa avrebbero ritrovato. Un saluto

da Carlo rm1 06/07/2017 17.44

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

È una vita che lo dico. BIOS, che credevi che avevo le paturnie ? Eppure c'è gente che vuol negare l'evidenza. Quando tocchi questo tasto si risentono tutti.

da Carlo rm1 06/07/2017 17.24

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

beeper e GPS = fine della Caccia !!!

da springers 06/07/2017 17.17

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

ahh eh belin, allora concordo! io pensavo che intendessi solo il beeper, che in effetti praticamente è un campanaccio HI-TECH e non mi sembrava che influisse così tanto, sisi tutti quegli ammenicoli sono assurdi.....era un pò che non venivo sul forum e mi ero perso questa tua posizione....chiedo venia :D !

da bios 06/07/2017 17.08

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

Non solo Bios...il gps,localizzatore, quello che ti dice la direzione, la distanza dove è fermo il cane e altri dati

da Carlo rm1 06/07/2017 16.10

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

aspetta Carlo....mi manca un pezzo, ma il gps? cioè quelli che che usano per recuperare i cani da cinghiale?......io per elettronica intendevo il beeper.

da bios 06/07/2017 15.35

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

Bios, non è il beeper che fa la differenza ma il gps...lo vieterei. Il beeper è l'evoluzione del campano ed è fastidioso , se il cane batte a corto è indifferente.

da Carlo rm 1 06/07/2017 14.58

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

questa elettronica contribuisce fortemente alla fine della Caccia romantica e di alta poesie:l'abbattimento non è il fine!

da vecchio cedro 06/07/2017 14.34

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

ciao Carlo rm1, sisi certo convengo che il beeper sia un aiuto non da poco ed è plausibile come affermi un incremento "generale" negli abbattimenti, e in fondo condivido anche la tua posizione a riguardo, io personalmente ho usato il beeper per un pò di tempo, anche perchè me lo regalarono alcuni parenti ad un compleanno, per mia esperienza posso dire che il carniere stagionale non è variato negli anni in cui l'ho usato (alla fine sul mio cane non cambiava granchè, alla fine l'ho tolto perchè quasi quasi mi sembrava fastidioso in ferma).....comunque di fondo direi che il tuo discorso lo condivido, l'unica cosa che ribadisco è che sempre parlando per esperienza personale conosco parecchie "mozzarelle" che imputano la loro "mozzarellagine" al fatto che loro non usano il beeper e gli altri si e quindi fanno tabula rasa, salvo poi scoprire che sono le stesse mozzarelle che 30 40 anni fa partivano al mattino all'alba per cacciare e alle 9 del mattino erano già in osteria

da bios 06/07/2017 14.30

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

?...cioè non sono più indispensabili, tutti possono andare a beccacce anche i più sprovveduti . Sui risultati, io dico questo, se un cacciatore aumenta di un sola unità il suo bottino stagionale grazie all'elettronica -mi sono tenuto basso - moltiplicato per le migliaia che ne fanno uso, pensa che danno hanno provocato. Se nonostante tutto i risultati non cambiano, cosa a cui non credo, allora quella mozzarella di cacciatore è meglio che si riserva una cartuccia per lui visti i soldi che ci ha speso. Saluti Bios

da Carlo rm1 06/07/2017 13.26

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

Caro BIOS, la mia posizione sulle diavolerie la conosci, chissà quante volte me lo hai visto scrivere. Il mio discorso va visto in un contesto globale, i singoli lasciano il tempo che trovano. Devi convenire che oggi a questa caccia ci si dedica un sacco di gente e la stragrande maggioranza tutta dotata di quegli attrezzi . Devi pure convenire che questo modo di rintracciare il cane nel,a macchia ha facilitato di gran lunga il lavoro del cacciatore, altrimenti un cane fermo a 200 metri è introvabile nei tempi utili per il tiro . Devi anche convenire che tali strumenti hanno orientato la scelta del cane....cane galoppatore proprio per sfruttare le potenzialità dell'attrezzatura . A questo punto l'esperienza, la bravura del cacciatore passa in secondo piano. Puoi anche andare in un posto che non conosci....ci pensa il cane a girare e il cacreatore deve solo rintracciare il più presto possibile. Le rimesse che si conoscono con gli anni,la conoscenza delle abitudini della becca non influiscono più molto sul risultato finale.( segue)

da Carlo rm1 06/07/2017 13.13

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

bhe io ho il cane e vado a beccacce, semplicemente perchè non c'è altra selvaggina "selvaggia" che posso cercare col cane, ovvio che andando a beccacce nel 95% delle uscite poi il cane si "specializza" su quello. le diavolerie elettroniche io continuo a dire che sono relative, conosco gente che pigliava 2 beccacce l'anno e col beeper continua a prender 2 beccacce l'anno.......se il cane sta a 2 km può avere anche un gps differenziale, radiotrasmittente e lanciare un bengala.....ma resta a 2 km. spesso ho la sensazione che chi non ha voglia di andare a caccia o non riesce come vorrebbe continui a dire che gli altri riescono perchè usano i beeper vari......mha

da bios 06/07/2017 12.14

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

Carlo rm1 oggi tutti coloro che hanno un cane da ferma dicono di essere beccacciai, ognuno di loro è pieno di diavolerie elettroniche per andare a cercarsi il cane in giro per il bosco....quando poi tutti sanno che il 90% delle beccacce tronfiamente abbattute e fitografate in bocca al cane sono state abbattute alla solita posta sicura....cane seduto ovviamente

da Cani del tempo che fu 06/07/2017 10.49

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

Non è così ovunque, caro tempo che fu. Nel novero infinito del frutto della nostra selezione, rispetto ai pochi benpensanti del tempo che fu, abbiamo anche gente, e non poca, che s'è impegnata a qualificare interessanti correnti di sangue. Non solo per il mangime da polli, ma anche per quello costituito da lombrichi del bosco e grilli e cavallette delle nostre cime. Il denaro inquina tutto, è vero, ma è anche quello che consente - se usato bene - a molti appassionati a coltivare quell'humus particolare che anche oggi dovrebbe renderci orgogliosi.

da Carlo M. 06/07/2017 8.07

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

Cani da ferma? Provate a nascondere un sacco di miscela per polli in una siepe e fate avvicinare il cane: vedrete una ferma statutaria!!

da Cani del tempo che fu 03/07/2017 18.54

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

Ho sempre avuto sin da bambino bracchi tedeshi e setter inglesi , bracco con il caldo in collina per l'apertura alla stanziale e i setter a novembre a beccacce ,insieme a beccaccini e a quaglie le ultime ormai veramente rare purtroppo

da passatore 03/07/2017 15.26

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

irlandese ,inglese ,ora gordon ,sono i cani che mi accompagnano a caccia.Negli anni 80 con John Nash vivo c'era qualche bel irlandese in giro a cacciava anche bene...Degli inglesi posso solo parlar bene, anche se li trovo ora troppo esaltati, pur avendo avuto una nipote di Arno di val d'Idice, e Dianella,Gordon a distanza di otto anni dal primo questo corre come un pointer,, sangue francese...

da Toninel cacciator ( solo setter) 03/07/2017 12.34

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

irlandese ,inglese ,ora gordon ,sono i cani che mi accompagnano a caccia.Negli anni 80 con John Nash vivo c'era qualche bel irlandese in giro a cacciava anche bene...Degli inglesi posso solo parlar bene, anche se li trovo ora troppo esaltati, pur avendo avuto una nipote di Arno di val d'Idice, e Dianella,Gordon a distanza di otto anni dal primo questo corre come un pointer,, sangue francese...

da Toninel cacciator ( solo setter) 03/07/2017 12.34

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

Io ho avuto setter, ed ora ho due cuccioli, devo dire che in verità mi piacciono i drhathaar (anni fa mio padre ne aveva uno niente male), però devo constatare che dalle mie parti (liguria) i continentali (esclusi i breton generalmente) "pagano" il tipo di terreno, cacciando in appennino con pendenze praticamente da montagna ci se li ritrova sempre troppo "nei piedi",l'ideale sarebbe un bracco "con andatura da inglese" (in proporzione intendo).....mentre un inglese per "piano" che vada a caccia ti ci porta....poi bhe dipende dal collegamento col padrone. Il pointer mi chiedo anche io come mai abbia avuto questo calo....non saprei, a me piacerebbe ma alla fine prendo setter perchè "nella mia cerchia trovo solo quelli"

da Bios 03/07/2017 12.28

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

Bada, degustibus , che io sono per un cane a corto raggio e spoglio di qualsiasi sofisticherie..mi sembra così di rispettare la regina così come la natura ce l'ha data. Riconosco tuttavia le capacità del Setter che non esito a definire un grande ma che,dato il suo temperamento che che se ne dica, nella macchia fitta,mediterranea,sempreverde,senza quelle attrezzature la regina difficilmente !a inquadri.

da Carlo rm1 03/07/2017 12.06

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

Verissimo, Carlo, ma nei nostri boschi vanno forte anche quelli che un tempo si chiamavano restoni, in particolare spinoni, drhathaar, Korthal,insieme a gordon, irlandese, ecc. E poi, dipende dal singolo soggetto. E dal cacciaatore che lo addestra e dalle esperienze che insieme fanno...

da degustibus 03/07/2017 11.30

Re:Libro Origini – Iscrizioni record

Per i cani da caccia,in effetti è così , il Setter sembra quello più diffuso. I cani seguono le esigenze del cacciatore e oggi c'è stato un notevole incremento nella caccia alla beccaccia, beccaccia che viene cacciata con nuove metodologie. Sono lontani i tempi dello spinone, del bracco italiano, dei meticci di queste razze,validissimi ausiliari, oggi bisogna correre, andare di corsa, coprire molto terreno...c'è la concorrenza, e allora chi più versato del Setter? Formidale trasportatore di sofisticate attrezzature oggi di larga diffusione ? Si presta molto bene per questa caccia ed è chiaro che la preferenza dei cacciatori si riversi su questa razza senza nulla togliere alla bravura insita di questo cane...bravo e bello .

da Carlo rm1 03/07/2017 9.18