HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
L'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

Addio alle rondini?


lunedì 13 maggio 2013
    
Rondine I loro nemici sono i campi spremuti a forza di diserbanti, i fumi delle fabbriche, il cemento che divora le campagne. Le vere insidie per uccelli come la rondine, solo per citare la più caratteristica frequentatrice dei nostri cieli a primavera, e per decine di altre specie migratorie, sono la devastazione degli habitat, l'inquinamento e più in generale l'incuria, il disinteresse per l'ambiente ed il paesaggio, oltre che per la cultura delle tradizioni rurali e per la salute del pianeta.

Lo scenario è praticamente lo stesso in tutto lo stivale, con le periferie che si allargano  si restringono gli spazi naturali per i selvatici, sostituiti sempre più da specie che ben si adattano alle città, sempre più sporche e inquinate. Non bastassero le cause antropiche, a dare un'accellerata al tutto ci pensa la natura, con i suoi meccanismi di adattamento tanto più violenti quanto veloci e violenti risultano le modifiche a clima e habitat. Gli uccelli che meglio si ambientano nel  contesto cittadino, che sanno bivaccare tra i rifiuti dell'uomo e approfittano del calore della città, proliferano. Gli esempi sono sotto gli occhi di tutti, basta fare una passeggiata in centro per avvistare in ogni angolo corvi, gabbiani, gazze, storni, piccioni e perfino pappagallini esotici in numeri davvero impressionanti.

Uccelli ultra protetti, specie se in un contesto metropolitano. La legge, nella maggior parte dei casi,  impedisce di agire subito, se non presentando una sequela di scartoffie e certificazioni mai del tutto inappuntabili.  Con quel che può comportare, anche a livello di immagine, un eventuale ricorso al Tar degli animalisti, con annesse campagne stampa sostenute dalle associazioni ambientaliste (che per l'occasione indosseranno le vesti della loro retorica irrazionale) le amministrazioni scelgono di non avventurarsi nei meandri di direttive e deroghe e semplicemente rinunciano a quei contenimenti che, se sistematici, sarebbero in grado di mitigare la sproporzione in termini di quantità tra una specie e l'altra.

Storni, piccioni e cornacchie sempre più prendono il posto di allodolole, passeri, usignoli e rondini, che fino a qualche decennio fa erano i veri protagonisti delle campagne e dei paesini di provincia. C'è una stretta correlazione tra la crescita dei primi, quasi tutti animali opportunisti, e il declino degli altri, uccelli più che altro insettivori, specializzati nel volo su lunghe distanze e quindi migratori. E' una vera e propria guerra, dove gli scontri corpo a corpo sono all'ordine del giorno. I gabbiani attaccano i piccioni, le cornacchie i passeri, i pappagalli le upupe e gli assoli. Ed essendo spesso i primi più grossi,  più aggressivi e assai più numerosi, i secondi soccombono o semplicemente cambiano destinazione.

Gli uccelli in netta crescita sono quelli più furbi e maggiormente inclini all'adattamento, sia in termini di habitat che di alimentazione. Gabbiani e storni, per esempio sono ormai presenti ovunque, con conseguenze immaginabili in fatto di danni alle attività umane, ma soprattutto alle altre specie avicole. Lo storno soprattutto, da grande migratore si sta trasformando in specie stanziale: in molte città, soprattutto del centro sud lo si può trovare tutto l'anno, concentrato in enormi stormi chiassosi e voraci. Da non sottovalutare anche il problema dei pappagalli parrocchetti, in particolare in alcuni quartieri di Roma, dove pochi individui liberati in natura da chi non voleva più tenerseli in casa, si sono moltiplicati, e hanno pian piano occupato il posto delle civette e delle taccole. In drastico calo i passeri autoctoni (probabilmente hanno risentito più degli altri gli effetti dell'inquinamento), le rondini, che non trovano più né cibo né tetti dove nidificare, e l'usignolo, il cui canto melodioso sta diventando ormai un lontano ricordo.  Certamente qualcosa si può ancora fare per rimediare al pasticcio che noi stessi abbiamo creato. Ma per farlo non basta che qualche studioso presenti i suoi dati. Occorre che questi rispecchino una condivisa concezione della gestione della cosa pubblica (quale risulta essere per legge la fauna selvatica), nel senso più alto, ovvero rispettando gli equilibri ambientali e quelli della nostra specie, per una volta magari, integrandoli tra loro.

Altro che la caccia. L'impatto dei cacciatori sulle specie avicole (ovviamente qui parliamo di quelle cacciabili, la rondine non lo è) è irrisorio e scientificamente sostenibile, tanto che nemmeno gli ambientalisti sono mai in grado di affermare il contrario e il più delle volte se presentano dati e statistiche nemmeno ci provano, preferiscono aspettare di sentirsi un po' meno razionali e ricorrere al lessico delle fiabe. Ma questo, i cacciatori, lo sanno fin troppo bene.


Cinzia Funcis

Leggi altri Editoriali

32 commenti finora...

Re:Addio alle rondini?

x Marcello 64, altro che colpo gli prende, quando planano sulle stampe e ti vedono.....ma ormai è troppo tardi......ed è un bene che fai alle altre specie della fauna, a me piace tantissimo la caccia alla cornacchia.

da dardo 20/05/2013 7.14

Re:Addio alle rondini?

X tutti i cacciatori fate come mè che una volta al mese prendete gli stampi,capanno di telo e mettete giù una bella "TESA DI CORNACCHIE E GAZZE" e vi posso assicurare che il divertimento è garantito, quando gli uscite dal capanno gli prende un colpo,solo così si riesce a eliminare i nocivi.

da MARCELLO64 19/05/2013 18.38

Re:Addio alle rondini?

x 30_06...........si sicuramente incide,ma da noi in Sardegna siamo pochi con tanto territorio,spesso nn si fà agricoltura,ma solo pastorizia,dove fienili,stalle,ovili,stazzi,sono ancora presenti ovunque,ma la rondine soffre comunque.........penso che la pressione delle cornacchie sia tanto sottovalutata quanto dannosa a tutti i pulli di varie specie...................

da alessandro federighi 18/05/2013 16.28

Re:Addio alle rondini?

L'amico Ezio ha fatto una sintesi molto vicina alla realtà ambientale, da come si evince aumentano enormemente le specie pedratrici, le specie che non sono terricoli e sfoggono ai vari pesticidi, scompaio le specie terricoli e le specie più deboli che devono sopportare la predazione dei corvidi ed ex nocivi.

da Sparviero. 17/05/2013 20.59

Re:Addio alle rondini?

Metterei in prima fila tra le cause la scomparsa dell'agricoltura tradizionale, con la diminuzione id insetti, siti idonei , stalle e fienili che erano puti privilegiati di nidificaizone.

da 30_06 17/05/2013 16.24

Re:Addio alle rondini?

Purtroppo Ezio lo sai com'è la provincia di Torino in materia. La peggiore in assoluto tra tutte le province piemontesi in materia di caccia e contenimento specie opportuniste.

da Giovanni Aiello 17/05/2013 12.56

Re:Addio alle rondini?

VOGLIO SENTIRE COSA DICE TOSO STASERA A BASTIA UMBRA SULLE SPECIE OPPORTUNISTE. PENSO CHE SIA IN CONTRASTO CON QUANTO ESPRESSO DAL SUO COLLEGA GENGHINI (ISPRA)CHE E' PIUTTOSTO CRITICO NEI CONFRONTI DEI PIANI DI ABBATTIMENTO AUTORIZZATI PER IL CONTROLLO DEGLI UNGULATI (E DELLE ALTRE SPECIE OPPORTUNISTE: STORNO, COMPRESO).SE SI VA AVANTI CON L'AUTORIZZAZIONE AD ABBATTERE IL 25% DELI CONTINGENTI, QUANDO LA CRESCITA è MEDIAMENTE DEL 30% è CHIARO CHE IL PROBLEMA GLI AAGRICOLTORI NON LO RISOLVERANNO MAI. NON VENGANO POI A DARE LA COLPA AI CACCIATORI. QUESTO L'HA ANCHE RIPETUTO SALVADORI IN TOSCANA

da PARIGI L. 17/05/2013 11.13

Re:Addio alle rondini?

eh è proprio vero Ezio, se noi italiani non ci fossimo aggiustati da soli in questi anni eravamo già estinti, vista la politica italiana ed i nostri politici....

da dardo 17/05/2013 7.03

Re:Addio alle rondini?

Caro Dardo, sant'aggiustati è purtroppo il santo più gettonato in Italia. Bisogna fare di necessità virtù.

da Ezio 16/05/2013 15.42

Re:Addio alle rondini?

da noi ci si arrangia caro Ezio, a caccia aperta con le stampe ci si diverte a queste oportuniste.

da dardo 16/05/2013 15.39

Re:Addio alle rondini?

Dateci dentro Alessandro!! Ascolta sto fesso.... Comunque, Giovà, da noi si fanno ancora le battute al nido e con le larsen un po' di respiro alle specie non opportuniste, anche quelle NON cacciabili, lo abbiamo dato. Sai com'è no?? Provincia che vai...

da Ezio 16/05/2013 14.41

Re:Addio alle rondini?

Per quanto riguarda i corvidi, tempo fa si facevano gli abbattimenti al nido. Cacciatori accompagnati da almeno una guardia riducevano di parecchio la consistenzadi questi predatori salvando gli uccelletti canori e altri nidiacei. C'era ovviamente l'obbligo di battere il tronco della pianta per accertarsi che nei nidi non albergava un cuculo o un rapace notturno, cosa che accadeva sovente.Poi si poteva sparare al corvide. Adesso il becero ambientalismo di menti non di certo conscie di quanti danni fanno i corvidi, hanno vietato da anni questa pratica. Uccelli canori e tante altre specie di nidiacei ringraziano questi intelligentoni anticaccia da salotto.

da Giovanni Aiello 16/05/2013 12.58

Re:Addio alle rondini?

Cemento,smog,pesticidi,falcidiano anche lei,ma.......le cornacchie falcidiano i pulli nel nido o appena involati,facendone stragi,come x cardellini,verdoni,passeri,fanelli,ecc.......da noi sono una peste,quest'anno hanno fatto iprimi interventi con coadiutori.......spero che tale lavoro negli anni paghi..........

da Alessandro Federighi 15/05/2013 19.55

Re:Addio alle rondini?

Addio alle rondini. E' un pezzo che chi vive in campagna, almeno dalle mie parti, se n'è accorto. Addio anche ai torcicollo, ai fanelli, ai verdoni, ai cardellini, ai saltimpalo, ai passeri, alle averle, alle allodole, alle starne, alle pernici rosse, ai fagiani..... alle donnole, scoiattoli rossi, ai ramarri, alle farfalle, ai pipistrelli. E' l'ambiente che incide sul successo o meno di una specie. E così, sempre dalle mie parti, in aumento o stabili gazze, cornacchie grigie, gabbiani (a 100 km dal mare), usignoli, codirossi (in particolare lo "spazzacamino"), cinciallegre, codibugnoli, upupe, cuculi, rigogoli, storni, colombacci, beccacce, lepri, cinghiali, caprioli.... L'habitat, soprattutto l'habitat fa la differenza. nel bene o nel male per ogni determinata specie.

da Ezio 15/05/2013 17.12

Re:Addio alle rondini?

Purtroppo se l'ambientalismo non la smette di essere un hobbi per incompetenti l'ambiente nel tempo si ridurrà in uno scempio ireparabile. In merito alle rondini il vero declino, oltre a quanto già detto precedentemente in merito all'inquinamento, é dovuto principalmente per via delle nuove costruzioni, questo è quanto mi risulta da una verifica effettuata in merito, difatti le nuove costruzioni urbani sono costruiti con le terrazze all'ultimo piano circondati di muretti in cemento con l'esclusione delle tegole di terracotta, contrariamente alle case del passato che erano costruite con i tetti coperti di tegole, tegole che permettevano alle rondini l'alloggio per la procreazione, circostanza quest'ultima indispensabile per la moltiplicazione giovanile da sostituire i capi deceduti per età. Difatti che abitate in una città doce esistono case con le tegole vecchio stile scorgerete la presenza delle rondini limitatamente in quella zona.

da Sparviero 14/05/2013 22.06

Re:Addio alle rondini?

MA SE BUTTANO GIU I NIDI DALLE CASE PERCHè SPORCANO, DA NOIA IL RUMORE CHE FANNO ECC ECC ANDATE A VEDERE SE LA BRAMBILLA A CASA HA LE RONDINI...... MMM SARà DIFFICILE.... IL GUAIO NON SONO I CACCIATORI MA L'ESSERE UMANO.... E POI RAGAZZI CREDETE CHE FACCIA BENE LA BELLA CEMENTIFICAZIONE DEL NOSTRO BEL PAESE???? è INUTILE CHE DANNO LA COLPA AI CACCIATORI.... GLI ANIMALI SONO SEMPRE MENO PERCHè L'UOMO HA TALMENTE MODIFICATO L'AMBIENTE, CHE GLI ANIMALI NON CI STANNO PIù BENE.... TUTTI GLI AMBIENTALISTI ANDASSERO A VEDERE QUANTE SPECIE DI VOLATILI RIMANGONO MORTI SULLE STRADE E PER I PESTICIDI E INQUINAMENTO....... ALTRO CHE CACCIATORI.........

da IO 14/05/2013 18.45

Re:Addio alle rondini?

Dobbiamo con obbligo dire addio ma non con malinconia anche a quei giornalisti che foraggiati a dovere travisano con i loro falsi scritti la verita'.LANCIAMO il boicottaggiodi quei media che non raccontano, ma inficiano di falsità le notizie!!!!Risolveremmo molti dei problemi sul tappeto.

da BARBA 14/05/2013 13.24

Re:Addio alle rondini?

Caro Remo si vede che i suoi cari si sono accorti che sottospecie di uomo hanno partorito e lo hanno mandato via.Adesso vive costretto in una stanza pieno di odio verso il genere umano, un genere non degno di appartenere a gente come lui.

da W la caccia 14/05/2013 8.35

Re:Addio alle rondini?

caro pier tutto gira al contrario, in italia si guarda al profitto del singolo (politico), parlano e straparlano che il pianeta va in rovina con ecosistemi distrutti ed ambienti cementificati, ed i politici ne parlano nelle loro arringhe per farsi eleggere, e dopo......come al solito prendono per il sedere noi, popolo del verde (cacciatori), ed anche il popolo del protezzionismo totale, (animalari) perchè se un politico ci guadagna, e ci magna dal cemento il giorno dopo l'arringa pro ambiente si è già dimenticato tutto, sta a noi ribaltare il sistema, noi popolo tutto dobbiamo spezzare il dividi et impera, creano le classi per indebolirci, e deriderci dal loro podio, ma come diceva mio nonno anche il ferro fa la ruggine ed arriverà anche il loro tempo...

da dardo 14/05/2013 7.14

Re:Addio alle rondini?

una volta, quando le campagne erano abitate, non c'erano corvidi, volpi, ghiandaie e gazzaladre. I gatti se mangiavano topi di casa erano buone altrimenti erano buone per succulenti secondi piatti... e gli animali riempivano la terra e i cieli. Oggi che si deve investire nelle città perchè le campagne sono degli animali si assiste allo sfacelo del mondo: c'è qualche cosa che gira al contraio???

da Pier76 13/05/2013 21.34

Re:Addio alle rondini?

Grande Dardo!!!

da sololasipe 13/05/2013 18.22

Re:Addio alle rondini?

gogreen.virgilio.it/.../meno-rondini-a-primavera-perche-se-mangiano-afr...LIPU, WWF, LAC, ENPA , animalisti 100% (?), animalari, blackblock , geapress , ne sapete qualcosa?

da cacciaforever 13/05/2013 14.44

Re:Addio alle rondini?

è secoli che i cacciatori dicono no alle cementificazioni, all'inquinamento ed alla sfaciataggine degli animalari, quando ci chiamano in tv (quelle poche volte) mandano rappresentanti federcaccia, i quali di caccia non ne sanno una bella mazza, ameno chè non si parli di fagiano o cinghiale, non abbiamo nessuno che ci difenda a modo sono tutti servi della politica, poi per non parlare di stoppa l'amico degli animali, quello ci fa soldi, credo sia pagato per quei servizzi, altro che amico, sfruttatore mediatico ecco cosa è, e l'opinione pubblica ignorante in materia guarda l'animaletto e si commuove, mentre per le strade abbiamo neri picconatori, rom che rubano anche l'anima, fame e disperazione nelle famiglie, e questi parlano dell'uccellino inerme.......presto l'italia si romperà ed allora preparate l'aereo politici merdosi.

da dardo 13/05/2013 14.29

Re:Addio alle rondini?

Scommetto che il cornutone adesso non scriverà nulla sulla sua pagina di merda, non ci sono cacciatori di mezzo e perciò va tutto bene.Povero scemo figlio di nessuno, una vita di merda passata ad insultare la categoria dei cacciatori, abbandonato da tutti gli amici e anche dai propri cari, un peso per la società, una spesa inutile anche per la caritas, classico caso da suicidio che noi però non auguriamo mai, la vita prima di tutto, anche se disgraziata, inutile e piena di frustrazioni

da Remo 13/05/2013 13.46

Re:Addio alle rondini?

Condivido, sottoscrivo e mi autocensuro!!!!!

da Micheloni Nicola 13/05/2013 13.43

Re:Addio alle rondini?

@ Micheloni Nicola......i luminari del succitato Istituto percepiscono uno stipendio annuo di 100.000 euro.(100.000 : 12 = 8333 euro al mese.......d'altronde devono pur giustificare la loro esistenza.guardassero almeno ogni tanto fuori dalla finestra del loro ufficio....vedrebbero sicuramente qualche storno e qualche piccione......

da cacciaforever 13/05/2013 13.22

Re:Addio alle rondini?

Corvi, cornacchie, taccole e gabbiani stanno distruggendo intere nidiate, ma non solo di rondini.....tra qualche decennio, quando i luminari Ispra, dopo aver preso qualche milioncino di euro per gli studi, decideranno di approfondire la cosa, sara' tardi.....

da Micheloni Nicola 13/05/2013 13.00

Re:Addio alle rondini?

PROVATE ! Provate a guardare le rondini a fine settembre /inizio ottobre, quando in massa se ne vanno.... la scena è questa : un cacciatore le guarda passare--- qualcuno guarda il cacciatore pensando che da lì a poco lo vedrà sparacchiare per divertimento . SONO DECENNI CHE LO HANNO INCULCATO NELLA TESTA DELLA GENTE ;ORA E' MOLTO DIFFICILE CONVINCERE LA GENTE CHE ALLE RONDINI NON SI PUNTA L'ARMA

da Renzo 13/05/2013 12.51

Re:Addio alle rondini?

Primo le rondini non si lamentano quindi non gliene frega nulla a nessuno. Secondo non portano voti. Quindi ancor meno. In piu' non sono trendy. Quarto arrivano quando la caccia è chiusa...quindi nessuno può addossarci la colpa. Conclusione: spariranno dai cieli e nessun verde di professione se ne occuperà mai. Questa è l'Italia....

da A.le 13/05/2013 12.08

Re:Addio alle rondini?

Noi cacciatori siamo consapevoli di quello che stà succedendo intorno a noi, questi editoriali li leggiamo solo noi e qualche animalista ignorante, sono inutili in questo contesto, ci parliamo solo addosso, bisogna che queste denunce finiscano sui media.

da Giusva 13/05/2013 12.00

Re:Addio alle rondini?

dove vivo, fortunamente le rondini sono tornate nei loro nidi .....sicuramente l'habitat è cambiato, sono aumentati in maniera esponenziale i corvidi e gli storni come giustamente scritto.....purtroppo sono aumentati anche gli estremisti animalisti, veri Black Block dell'Ambiente, ..ho visto sabato degli Animalari con uno di loro dentro ad una gabbia che protestavano contro la vivisezione..io ho capito una sola parola :Assassini......urlato a squaricagola ....un passante che non voleva prendere un loro volantino è stato mandato affanculo(scusate il termine)....l'unico dialogo possibile secondo me con questa gente sarebbe a base di legno ben stagionato o nerbo di bue come si usava una volta.......

da cacciaforever 13/05/2013 11.39

Re:Addio alle rondini?

non parliamo di questo che sennò ci danno la colpa: dicono che le ammazziamo noi, o magari che spariamo agli insetti per non far mangiare le rondini... se poi lo legge la Rossa malpelo si inventerà qualche proposta di legge ad hoc

da Pier76 13/05/2013 11.06