Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
A futura memoria per l'umanità di domaniIl futuro dipenderà da noiInsostenibili sarete voi!Anche gli ambientalisti calano. Eccome! Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIL'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioni LA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

A UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS francese


lunedì 27 marzo 2017
    

Francia aree protette L’ONCFS-Office National de la Chasse et de la Faune Sauvage, un’efficiente ente pubblico francese al servizio della Biodiversità.


Le origini

L’attuale Office National de la Chasse et de la Faune Sauvage-ONCFS trae le sue origini da un’ordinanza statale dell’anno 1941 che istituì il Consiglio Superiore della Caccia e, contemporaneamente, le Federazioni Compartimentali dei Cacciatori. Compito del Consiglio lo studio e l’elaborazione della politica cinegetica nazionale.

Passano gli anni e nel 1972 ne viene enucleata una parte che prende il nome di Office National de la Chasse i cui rappresentanti provengono per la maggior parte dal mondo venatorio. Si arriva all’anno 2000 quando la legge n. 968 del 26 luglio modifica lo statuto dell’ONC che integra i consiglieri portando i cacciatori in minoranza, lo pone sotto il controllo dei Ministeri dell’Ambiente e dell’Agricoltura e ne cambia il nome in Office National de la Chasse et de la Faune Sauvage-ONCFS. Con le successive leggi del 2003 e del 2005 sono meglio definiti i compiti dell’Ente. Da allora ha subito molti cambiamenti migliorativi e potenziali sino ad arrivare all’ordinanza del 2012 che affida agli agenti la qualifica di polizia giudiziaria.

Nel 2014 prende avvio il dibattito per l’istituzione dell’Agenzia Francese della Biodiversità con lo scopo di promuovere azioni verso uno sviluppo che concili la protezione degli spazi naturali e della loro flora e fauna, a cui dovrebbero essere ricondotte le esistenti strutture pubbliche interessate all’ambiente.
e nel 2016 l’Assemblea nazionale approva la legge istitutiva dell’Agenzia Francese della Biodiversità che assorbe quattro enti esistenti:

-l’Office ntional de l’eau et des milieux aquatiques-ONEMA;
-L’Atelier technique des espaces naturelle-Aten;
-L’Agence des aires marines protégées;
-L’Etablissement des Parcs Nationaux de France;
ma non l’ONCFS ne l’ONF-Office Nationals des Forest contro la cui integrazione si erano levate molte opposizioni. La decisione è stata sospesa e rinviata di due anni quando una relazione del Governo rimetterà la tematica all’Assemblea nazionale.
Ricordo per l’Italia la nascita dell’ISPRA che ha accorpato tre strutture esistenti l’APAT, l’INFS e
l’ICRAM.

Ma quali sono i compiti dell’ente?


Monitoraggio della fauna selvatica e dei loro habitat.
Polizia ambientale volta a controllare il territorio, le aree protette e la caccia.
Studi, ricerca e sperimentazione per la conservazione, la reintroduzione e la gestione della fauna selvatica e dei suoi habitat.
Supporto tecnico alle autorità pubbliche nel valutare lo stato della fauna selvatica e il monitoraggio della sua gestione.
L’evoluzione della pratica della caccia secondo i principi dello sviluppo conservativo e la messa a punto di sistemi di gestione dell’agricoltura rispettosi dell’ambiente naturale.
L'analisi della gestione della fauna selvatica nelle regioni e il miglioramento della qualità dei loro habitat.
L'organizzazione dell'esame e il rilascio della licenza di caccia.

Da chi è governato?

Da un Consiglio d’amministrazione composto da 22 persone:
4 rappresentanti dello Stato
7 rappresentanti delle Federazioni dipartimentali dei cacciatori
2 presidenti di Associazioni di caccia specialistica
2 personalità esperte in materia provenienti dagli Enti locali
2 rappresentanti delle Organizzazioni professionali degli agricoltori e dei forestali
1 rappresentante delle Organizzazioni della proprietà rurale
2 rappresentanti delle Associazioni di protezione della natura
2 rappresentanti del personale;
supportato da un Consiglio scientifico di 12 esperti:
10 personalità del mondo della ricerca e dell’insegnamento universitario qualificati in protezione della natura e della conservazione della fauna selvatica, di nomina ministeriale.
2 dipendenti dell’Istituto specialisti nella materia.

Come è organizzato?

Una struttura centrale, con sedi a Parigi e a Le Parray-en-Yvelines, costituita:

-dalla Direzione generale che si avvale direttamente di cinque uffici compreso quello dei permessi di caccia,
-da due direzioni operative: Polizia con tre servizi, Studi e Ricerche con cinque servizi e sei unità faunistiche specializzate CNERA,
-da tra direzioni funzionali, Risorse umane con tre uffici, Risorse finanziarie con cinque uffici e Sistemi d’informazione con tre uffici.

Una struttura periferica costituita da 10 Delegazioni interregionali che coordinano 90 Servizi dipartimentali, 11 Brigate mobili d’intervento di cinque agenti ciascuna compreso quella specializzata della CITES e 12 Stazioni di studio che gestiscono 33 riserve naturali per una superficie di 62.150 ettari. Queste aree, dove la natura è ancora incontaminata, sono territori privilegiati per la ricerca applicata che forniscono informazioni su come gestire oltre cinquanta specie anche rare.

Il personale

1.710 persone presenti sul territorio per la protezione della Biodiversità e la gestione conservativa della fauna selvatica e dei suoi habitat. Di questi quasi l’80% riveste la qualifica di agenti di polizia che con ordinanza dell’11 gennaio 2012 sono divenuti Ispettori dell’ambiente con la qualifica di polizia giudiziaria; ragruppano anche gli agenti dell’ONEMA (Office National de l'Eau et des Milieux Aquatiques) e gli Agenti dei Parchi Nazionali. La metà dei reati ambientali registrati in Francia sono scoperti e perseguiti dagli agenti dell’ONCFS. Mediamente ciascuna Delegazione interregionale ha in carico 125 agenti e tecnici ambientali, le direzioni vedono impegnati 100 tenici dell’ambiente, i cinque C.N.E.R.A. impegnano 70 ingegneri e tecnici faunistici, la gestione delle 33 riserve naturali 30 persone, i permessi di caccia 25 ispettori, 80 quadri tecnici impegnati nelle altre attività e per finire il personale amministrativo di 156 unità.

Le reti di corrispondenti, una scelta fondamentale

L’Ente, attribuendo una particolare importanza al monitoraggio del patrimonio faunistico, decise nel 1985 di creare delle reti di corrispondenti, strutturate a livello dipartimentale, per 13 gruppi singoli o plurimi che coprono oltre 50 specie di fauna selvatica. Queste reti, costituite da oltre 3.000 persone, cacciatori e naturalisti volontari oltre a personale dell’Ente, formati attraverso appositi corsi con esame finale, hanno un puntuale obiettivo: stabilire nel modo più preciso e il più regolarmente possibile lo stato di conservazione delle popolazioni di specie cacciabili e non e dei loro habitat, attraverso indagini specifiche. Mentre ogni rete ha la sua specificità e il proprio funzionamento, l'organizzazione di base è la stessa ed è oggetto di una convenzione quadro nazionale sulle reti di osservazione di fauna selvatica tra l’Ente e la Federazione Nazionale dei Cacciatori-FNC.

Le tredici reti -Réseau- sono relative a: beccaccia, beccaccini, castoro, lepre, fagiano, pernice rossa, orso bruno, lupo e lince, galliformi di montagna, uccelli di passo, uccelli acquatici, ungulati selvatici, sorveglianza sanitaria della fauna selvatica. Ciascuna rete redige un dettagliatissimo Bollettino informativo, annuale o anche semestrale reperibile sul sito dell’Ente.

Per concludere riporto una dichiarazione di Bernard Lozé, fino al 2016 presidente  del CIC-Consiglio Internazionale della Caccia, oggi presidente onorario: "Come presidente del CIC ho delle relazioni privilegiate con l'ONCFS e i nostri quattro punti prioritai sono: -combattere i crimini contro la fauna selvatica, -promuovere la conservazione della fauna selvatica, --mantenere le ralazioni con le altre organizzazioni nazionali e internazionali , -mantenere la nostra eredità culturale. Creato per iniziativa del mondo cinegetico, l'ONCFS in quarant'anni si è imposto come il primo operatore di Polizia ambientale in Francia e dispone di una conoscenza tecnico-faunistica sul territorio, senza eguali. Ridurre questo ente alla sola missione di Polizia sarà tuttavia un grossolano errore, tanto l'Ente eccelle sul territorio per la ricerca e la conoscenza della nostra fauna, comune o rara, e dei suoi habitat. Le competenze degli "ingegneri" dell'Ente permettono di coprire un campo di investigazioni e ricerche molto largo, dalla migrazioni dei Beccaccini all'espansione del Lupo in Francia come anche la dinamica delle popolazioni di ungulati e il sottile equilibrio agro-silvo-venatorio. La loro azione contribuisce, in questo senso, ad una migliore conoscenza e infine ad una buona e sana gestione del nostro patrimonio naturale. Dobbiamo ringraziarli ed auspicare che all'Ente sia riconosciuto il suo giusto e alto valore".

Nel 2018 sarà all'esame dell'Assemblea nazionale, il Parlamento francese, la relazione governativa che potrebbe riaprire l'ipotesi della confluenza dell'ONCFS e dell'ONF nell'Agenzia Francese della Biodiversità: se integrazione dovrà essere è auspicabile che la struttura dell'ONCFS rimanga integra ed eventualmente solo allargato il suo campo di ricerca e intervento.
 

Lucio Parodi
 

 

Leggi altri Editoriali

8 commenti finora...

Re:A UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS francese

Bravo Tafazzi.......cominciamo finalmente , ce l hai un camion???......la merda la procuro io...dagli elefanti ...... destinazione Roma !!!

da Annibale 02/04/2017 9.23

Re:A UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS francese

Puntuale come la primavera arriva l'ennesima sviolanata su quanto è bella la Francia. Volete anche in Italia i calendari venatori approvati dai prefetti ?

da Paride 31/03/2017 18.45

Re:A UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS francese

Verissimo e lo sappiamo, Annibale. Ma se non proviamo a insistere abbiamo definitivamente perso.

da Tafazzi 31/03/2017 14.25

Re:A UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS francese

E quindi(?)........ cos e sto mettere il dito nella piaga in continuazione casomai servisse a destare.......qualche miracolo in qualche mente eccelsa italica che nn avverrà ???..una rivoluzione ??? Aime, solo vergogna!!! Del resto .....anche la sig ra Briano dice....e scrive....i Francesi di qua, i Francesi di la....beati loro aggiungo io, purtroppo son tutte parole al vento anche le sue caro Parodi, che rispetto e stimo per le informazioni che ci da ma il problema è uno solo.......siamo irrimediabilmente italiani.........tutti.......e ben ci sta!!! Poi, per essere meglio compreso immaginandola Ligure.la saluto con ......."Se mae nonna e l aveiva e roe a l ea in carretu"........tae capiu Lucio ???

da Annibale 30/03/2017 1.08

Re:A UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS francese

Lo stato, purtroppo per noi, sono i cittadini. Con tutta la prosopopea che hanno, i francesi, sono davvero un popolo. UNA NAZIONE. Cosa che noi, malgrado i buoni propositi di Cavour, non siamo ancora riusciti ad essere. L'organizzazione del nostro vivere civile è ancora poco...civile. Prevale la furbizia, l'opportunismo, l'assalto alla diligenza. E soprattutto non sappiamo fare gruppo, sistema. La moltitudine dei campanili si rispecchia anche nelle nostre variegate e individualistiche mentalità. Nella caccia è tutto conseguente. Con un a differenziazione geografica marcata.Figlia, l'ho letto anche qui giorni fa, di una cultura della cosa pubblica molto diversa. Dalla Toscana in giù, mi spiace dirlo, è un'altra cosa, e non è razzismo. E' anche vero che al sud sono più liberi, più gaudenti, più fatalisti, ma il divario fra ricchezza e povertà è la prova che le istituzioni sono un utile carro su cui montare per affrancarsi ma anche per considerare le masse come classi subalterne da spolpare.

da Spulp fiction 28/03/2017 8.23

Re:A UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS francese

No! La differenza sta nello stato, uno é assolutamente serio ed impegnato per la migliore gestione, nell'altro l'ignoranza è totale e il concetto di gestione venatoria non interessa a nessuno - compresi cacciatori/aa.vv. - ma interessa solo il ritorno personale.

da vecchio cedro 27/03/2017 12.29

Re:A UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS francese

la differenza è solo una chi ha voglia di lavorare e invece chi ha voglia di cazzeggiare

da luca 65 27/03/2017 11.02

Re:A UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS francese

Spero che legga il Ministro Galletti ed il suo entourage.

da giusva 27/03/2017 9.49