HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani |
  Cerca
ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANA C'ERA UNA VOLTA... LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!! Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italiane TABU' LUPO FIRMAMENTO SOCIAL ALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSO LUPO. ATTENDIAMO LUMI CHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIA Cos’è la caccia La ri-proposta Cuore di beccaccia Cacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardi LA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scoperta CARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODA Osservatori regionali, avanti! Ungulati: una risorsa preziosa La mia prima volta al cinghiale: onore alla 110! Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibile ANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTI TORDI TORDI STANNO TUTTI BENE ETERNA APERTURA TANTE MAGICHE APERTURE CI SIAMO! LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONE LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE ANCH'IO CACCIO MIGRATORIA, MA DI CHI? Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio francese REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO Lasciate la carne ai bambini Uccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi.... CINGHIALI D'UNA VOLTA DATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRA MONTAGNA, 22 ANNI DOPO Elegia per un vecchio signore LA GRANDE BUFALA Animali & Co: un problema di comunicazione LUPO O CINGHIALE? Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo Le allodole, mia nonna e le vecchiette La caccia e gli chef UNGULATI CHE PASSIONE PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA Le beccacce e il lupo QUESTIONE DI PROSPETTIVA La cinofilia ufficiale. Parte seconda con scuse PROBLEMA LUPO Bisturi facili. Cuccioli? No grazie Perché ho scelto il setter inglese? Galletti fa mea culpa Questa è la cinofilia ufficiale C'era una volta il cinghiale Bracconieri di speranze Gip, amor di cacciatore. Il piccolo francese SAVETHEHUNTERS, MATTEO TROMBONI SFIATATI I sistemi elettronici di addestramento GUANO CAPITALE In principio era una Dea C'era una volta l'orso bianco che campava di caramelle UNA TERRA DIVERSA MEMORIE. Da regina a regina informAZione? Iniziazione del cucciolone UNIONE AL PALO? LA PARABOLA DI CECIL CROCCHETTE VEGANE L'ecoturismo fa danni ALLODOLE PER SEMPRE TRUE LIES CI SIAMO? Natura. Madre o matrigna? LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPO UN’APERTURA DA FAVOLA I cuccioli di oggi MACCHE' PREAPERTURA CACCIA, PROVE E VARIA UMANITA' Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiere FORMAZIONE, FORMAZIONE! I cani da ferma oggi Arlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNA Prima informarsi, poi farsi un'opinione Effetto Flegetonte Il cane domestico (maschio) Il valore della caccia Chi è diavolo, chi acquasanta? CANDIDATI ECCELLENTI PUBBLICO O PRIVATO? LA FRANCIA E I MINORI A CACCIA REGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATI Caccia vissuta “Se questa è etica” QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PERO Le contraddizioni dell'Expo QUESTIONE DI CORPO L'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloni Calendari venatori: si riparte DOVE ANCORA MI PORTA IL VENTO LUCI E OMBRE DI UN PROGETTO CANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIO CHIUSO UN CICLO... A patti col diavolo... e poi? BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZO MISTERI DELLA TELE CANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILE E' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SA Tordi e beccacce tra le grinfie della politica Donne cacciatrici piene di fascino predatorio Italiani confusi su caccia e selvaggina Storia di una particella cosmica Vegani per moda Anime e animali MUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur Smith CHI LA VUOLE COTTA, E CHI.... Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsa ZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA! E se anche le piante provassero dolore? PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMA Momenti che non voglio scordare Anticaccia? Parliamone CACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELE CATIA E LA PRIMA ESPERIENZA CHIARI AVVERTIMENTI PIU' VIVA E PIU' AMATA ECCE CANEM DE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTI IL CATALOGO E' QUESTO.... CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIA ISPRA. UN INDOVINO MI DISSE... MIGRATORI D'EUROPA L'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggio MIGRATORISTI GRANDE RISORSA Fauna ungulata e vincolismo ambientale Decreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTRO Ai luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIO SPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHI DOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVE Biodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLA Le specie invasive ci libereranno dall'animalismo EUROPEE: SCEGLIAMOLI BENE La rivoluzione verde è nel piatto La caccia al tempo di Facebook SOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposo COSE SAGGE E MERAVIGLIOSE AMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDO C'ERO UNA VOLTA ALL'EXA QUESTA E' LA CACCIA! EUROPA AL RISVEGLIO TOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLA CACCIA LAZIO: quali certezze? ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTI UNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILE LO DICO COL CUORE IL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E' I veri volontari dell'ambiente DIAMOGLI CREDITO PROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIA Ambientalisti italiani, poche idee ma confuse Anche National Geographic America conquistato dalle cacciatrici Più valore alla selvaggina e alla caccia Il cinghiale di Colombo Porto di fucile - NON C'E' MALE! PAC & CACCIA LILITH - LA CACCIA E' NATURALE Effetto protezionismo Ispra: il caso beccaccia Il grande bluff dei ricorsi anticaccia COME FARE COSA FARE Supermarket society Romantica Tipi di comunicazione: C'E' MURO E MURO Ambientalisti sveglia! Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggiose SPRAZZI DI SERENO POINTER E NON PIU' SOGNO DI CACCIATORE UN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPO RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORI LA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOON ALLA FIERA DELL'EST VOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNA IL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI “Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunistico CACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISI Partiamo dalla Toscana ITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la caccia C’ERA UNA VOLTA… I cacciatori nel regno delle eterne emergenze Gli ambientalisti e la trave nell'occhio Addio alle rondini? L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato) ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI..... SUCCEDE ANCHE QUESTO BASTA ASINI AMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di Diana TOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTO ALLARME DANNI DANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga… STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA “L'ipocrisia delle coscienze pulite” UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALE CACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA' ZONE UMIDE: CHI PAGA? Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA SPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLE La Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’albero A SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo così NEORURALI DE NOANTRI FRANCIA MON AMOUR LA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIA TERRA INCOGNITA L’Italia a cui vorrei fosse affidata la caccia La marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVE COLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI? DIVERSA OPINIONE IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE Opinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!! A CACCIA A CACCIA!!! PROVOCAZIONI Estate di fuoco MISTIFICAZIONI SICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTO Sostenibili e consapevoli! COLPI DI SOLE COLPI DI CALORE Aiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti! TECNOCRATI? NO ESPERIENTI LA RICERCA DIMENTICATA PARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'! Orgoglio di contadino Campagna o città? CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRI CALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERE CONFRONTO FRA GENERAZIONI LA CACCIA CHE SI RESPIRA Rapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNO MUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà? Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga... DELLE COSE DELLA NATURA Cultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'Italia Il nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalisti LA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀ PAC IN TERRIS UCCELLI D'EUROPA GIRA GIRA..... STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNA TOCCA A NOI! CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLO IL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIA VERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTO PROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZA BECCACCE DI BEFANA CACCIA, FASE DUE PROVOCAZIONI DI FINE D’ANNO RICERCA RICERCA SPIGOLATURE DI NATALE Dai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONE NON ERA AMORE Finalmente autunno Il paradosso dell'Ispra IL PIANETA DEI CACCIATORI Le caste animali A CACCIA ANCHE DOMANI A CACCIA SI, MA DOVE? ORGOGLIO DI CACCIATORE Per il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIA APRE LA CACCIA! Amico cacciatore, guarda e passa Riforma sui Parchi in arrivo? E i cuccioli umani? MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATE LA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenza Il Pointer e la caccia Col cane dalla notte dei tempi Contarli, certo, ma come? Questa è una passione! IL PENTOLONE LA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE NON SOLO STORNO QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI La lezione di Rocchetta di Vara BASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITI CORONA L'ERETICO Cacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medaglia Deroghe: non è una missione impossibile AMBIENTALISMO E' CULTURA RURALE Sei il mio cane ALLE RADICI DELLA CACCIA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIA COME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA... BOCCONCINI PRIMAVERA CACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERE COMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIO QUESTIONE DI CALENDARIO LA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIA PRENDIAMO IL MEGLIO BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA TUTTI A TAVOLA RIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRE LA CACCIA SERVE. ECCOME! METTI UNA SERA A CENA Urbanismo e Wilderness: un confronto impari CONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEET GIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANI IL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in Italia Accade solo in Italia? L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza FRA STORIA E ATTUALITA' Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro “Solo” una passione Tra ideologia e strategia politica IL CATALOGO E' QUESTO TORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTO DA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro Brambilla Italiani ignoranti della caccia CACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNA Ed il giorno arriva DEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE! PRE-APERTURA DI CREDITO Domani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONE Alcune riflessioni sulla caccia in Italia Divagazioni per una rivoluzione culturale La senatrice Adamo va alla guerra PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci) Calendari venatori. Le bugie degli ambientalisti Un'arte chiamata caccia AREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLA Animalismi e solitudini In un vecchio armadio STAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODO Belli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI! Ieri, mille anni fa, io caccio Cosa mangiano gli animali degli animalisti? SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA MOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVO ORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICO Aerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo” ALL'ARIA APERTA! Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIA IPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOI IN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA! RIFLESSIONI DI UN PEONE IL PAESE PIU' STRANO DEL MONDO Fuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALE E Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTO L'Enpa insulta i cacciatori SELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIA America: un continente di vita selvaggia LA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezione LA CACCIA COME LA NUTELLA? LUPO, CHI SEI? Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no? TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGE A caccia con L'arco... A caccia con la storia... Interpretazioni e commenti di nuova concezione 10 domande ai detrattori della caccia IL BRIVIDO CHE CERCHIAMO La caccia come antidoto alla catastrofe climatica Per una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNARO CONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIA Caccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perduta Allarmismo e vecchi trucchetti Ancora Tozzi ? REALISMO, PRIMA DI TUTTO Le invasioni barbariche APERTURA E DOPO. COSA COME QUANDO Piombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquatici Di altro dovremmo arrabbiarci I GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecnici Un rinascimento ambientale è possibile Gelosi e orgogliosi delle nostre tradizioni LA CACCIA SALVATA DALLE DONNE? Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars Venandi Tutto e il contrario di tutto DALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO... IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATO La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova Tutti insieme... magicamente Ambiente: una speranza nella caccia SOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTA La Caccia ha bisogno di uomini che si impegnano LA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDO Il capanno: tra architettura rurale e passione infinita DONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANA EUROPA EUROPA VICINI ALLA VERITA' Beccaccia sostenibile CACCIA E SOCIETA' Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNI PARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidato CACCIA ALL'ORSI ORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORI UN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORI Ridiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevole Il cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia. 157: PENSIERI E PAROLE MA COS'E' QUESTA CACCIA? 157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONE MIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARE CINGHIALI CHE PASSIONE La cultura cinofila ATC DIAMOCI DA FARE Il vitello che mangi non è morto d'infarto! Ripensare la caccia? PER UN FUTURO DELLA CACCIA QUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONA PUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAM Un nuovo corso per gli ungulati Siamo noi le Giubbe Verdi Ruralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina La caccia secondo Giuliano, umorista de La Repubblica Questa è la caccia Il cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumi La cinegetica e la caccia col cane Gestione e tradizione BASTA TESSERE AMAR...TORD E il beccafico perse la via del nord Dimostriamo credibilità Apertura passione serenità editoriale - Fucili italiani come le ferrari Orgoglio di Cacciatore I Tordi e le Beccacce La Caccia è Rock

Editoriale

Effetto Flegetonte


lunedì 6 luglio 2015
    

FresoneIn pieno clima equatoriale, surriscaldati come siamo da Flegetonte, che secondo i paesani di Tsipras è il "fiume di fuoco" dell'Ade, l'inferno, può darsi anche che le considerazioni che seguono appaiano inflenzate da tanta calura.
Tuttavia, a occhio e croce, ormai nella cosiddetta direttiva uccelli, a me sembra che l'unica cosa certa o poco di più sono gli allegati. Quegli elenchi cioè che ad oggi classificano l'avifauna selvatica come particolarmente protetta, cacciabile in tutti gli stati aderenti alla UE, cacciabile paese per paese.

Esisterebbero anche le deroghe, ma con l'aria che tira, le temerarie e meritevoli amministrazioni regionali che  si danno da fare per contemplarle, hanno del gran filo da torcere.
Di questi elenchi, già da qualche mese  imperversa il toto modifiche, su cui si stanno applicando a fondo le associazioni anticaccia - scusate, ma non mi sento più di chiamarle ambientaliste, almeno quelle che operano sul territorio della nostra beneamata Italia - e lo fanno per dimostrare che l'avifauna del paleartico soffre soprattutto per la caccia (adesso hanno scoperto anche che il bracconaggio incide pesantemente, ma i numeri che loro stessi propagandano dicono che al massimo da noi il bracconaggio puo' incidere si e no per uno zero virgola), con lo spocchioso fine di aumentare i vincoli  soprattutto temporali e di ridurre gli elenchi delle già esigue specie oggetto di caccia.

Secondo me lo fanno invece perchè devono distogliere l'attenzione dai loro evidenti fallimenti, dato che gli obiettivi primari della direttiva in oggetto (ma anche quelli della parallela direttiva cosiddetta Habitat) sono  la tutela degli habitat (appunto) e la prevenzione della perdita di quella biodiversità vegetale e animale che per millenni ha consentito la presenza del  prezioso patrimonio avifaunistico sul nostro  territorio. Come si dice: è più facile colpire l'anello più debole della catena, i cacciatori,  piuttosto che le multinazionali della chimica, gli speculatori fondiarii, gli industriali dell'agricoltura senza identità. Quelli che per esempio vorrebbero fare il formaggio senza latte. Quelli che - da quanto si è anche vociferato - si sono fatti scudo di simboli "nature", anche ultranoti, probabilmente pagando laute royalties, per continuare a fare i loro comodi.

Ecco che allora escono roboanti proclami a base di "rapporti" targati sulla situazione degli uccelli comuni in Italia, sulle specie in pericolo, sull'effetto caccia prossimo venturo. Secondo lor signori nefasto.
Di fronte a tanti allarmi che ci riguardano direttamente anche come cacciatori, voi che fareste? Personalmente mi sono voluto documentare, andando alla fonte. E qui, m'ha aiutato anche Bighunter, che devo dire puntualmente pubblica di tutto e di più delle vicende che riguardano la nostra passione. Insomma, apro questi mastodontici rapporti e leggo cose che dai proclami non avevo percepito. Sarà il caldo? Fatto si è che una delle cose che saltano subito all'occhio è il giudizio negativo sulle capacità delle direttive - in questo caso la direttiva Habitat - di opporsi alla perdita di biodiversità. La causa prima? L'agricoltura, con la selvicotura come seconda. Quelle che in questi ultimi decenni hanno sconvolto gran parte dei territori fertili, distruggendo equilibri ecologici frutto di esperienze e saggezze che i nostri contadini si erano tramandate generazione dopo generazione.

A questo punto il caldo mi dà un'accelerazione pazzesca ai neuroni e metto a fuoco d'un tratto due o tre perle che mi sembrano sintomatiche. La prima, che è una domanda: che ci stanno a fare tutti questi parchi e queste aree protette? Che siano stati una scusa per consentire libertà di sconquasso nel restante territorio?  Non sarebbe stato meglio vincolare a dovere (non per la caccia, ma per tutte quelle attività umane veramente impattanti, che l'attuale realtà ci certifica) tutto il territorio? La seconda: la legge 157 vieta la caccia su quasi un terzo del territorio rurale (in alcune province lo supera ampiamente). Quindi, non è possibile che una qualsiasi specie volatile abbia a patire per il proprio futuro a causa della nostra attività. La riprova l'abbiamo per esempio con cinghiali e ungulati in genere, le cui popolazioni crescono sempre di più perchè - giustamente, dal loro punto di vista - per evitare incontri con cani e  cacciatori, si rifugiano nelle zone dove i cacciatori non possono entrare. Così fanno gli uccelli. Lo farei anch'io.

La terza, una speranza: con questi chiari di luna, default o non default, spending review o non spending review, soldi ce n'è sempre meno. E allora, finalmente, si ridurranno gli aiuti alle infinite congreghe animaliste, ai parchi, alle aree protette, stipendifici a go-gò, e chi vorrà davvero fare del bene all'ambiente, agli animali selvatici, e nello stesso tempo risolvere qualche squilibrio faunistico, dovrà ricorrere a chi a costo zero può davvero risolvere i problemi.

Perchè, ditemi voi se sono nel giusto, cosa c'entra la caccia con la riduzione dei contingenti di tortore, quando ormai la caccia apre a tortore bell'e andate, o dell'allodola che soffre dei trattamenti a cui è soggetta la produzione cerealicola? O con la scomparsa delle rondini, protette da tempo immemorabile, o dei passeri, ormai da una ventina d'anni esclusi dall'elenco delle specie cacciabili?
E perchè il colombaccio, specie assiduamente da noi insidiata, aumenta le proprie schiere anno dopo anno?
Via, siamo seri!
 

Vito Rubini

 

Leggi altri Editoriali

16 commenti finora...

Re:Effetto Flegetonte

Sono quattro anni che non faccio più la preapertura caro "Pietro 2". La classe "52", quella che la Fornero ha condannato a "lavorare ad esaurimento", va a caccia per passione avendo - per passione - iniziato ad andare a caccia dall'età di 6 anni e avendo conseguito la prima licenza all'età di 16. Non sono mai andato a caccia all'estero nè mai vi andrei come difficilmente mi allontano per caccia oltre i 20 km. dalla mia abitazione. Non so se ti basta; posso aggiungere che sono una decina di anni che non sparo più una fucilata che non sia una fucilata a un colombaccio a fermo dall'apertura generale al 31 gennaio. Caro "iopensopositivo". In Inghilterra, Scozia, Irlanda hanno altro a cui pensare (venatoriamente intendo). Aspettano a braccia aperte te e tanti altri italiani per i tanti euro che gli portate. Mica stupidi eh.

da Mario Peruzzi, Arezzo, TosKana 13/07/2015 8.45

Re:Effetto Flegetonte

Lo abbiamo visto lungo la Rviera del Brenta l'effetto Flegetonte!

da Toni el cacciator 12/07/2015 16.28

Re:Effetto Flegetonte

Oh iopensopostivo pe mi gusti ai girato anche troppo a per sparacchiare ai colombi. Se resta vi a casa tua era meglio pe tutti. Bravo peruzzi

da Berignone 11/07/2015 13.37

Re:Effetto Flegetonte

Scusami Mario la storpiatura del cognome:Peruzzi non Prepuzi.

da pietro 2 10/07/2015 11.07

Re:Effetto Flegetonte

E' quello che le ass. anticaccia vanno ripetendo da tempo in tutti i loro ricorsi,Mario Prepuzi.Così,per curiosità:ma se le cose stanno come dici tu,perché continui a cacciare tortore e colombacci?O forse ho capito male e stai solo riportando notizie a te giunte in altri modi?Te lo chiedo perché a me,anche se sono nell'Italia centrale(Lazio,Marche,Abruzzo e Umbria;e a 1200 mt. di altitudine)raramente riesce di vedere tortore alla preapertura(diciamo,mediamente:un anno su cinque?) e mai,sottolineo mai,visti colombacci nel nido ai primi di settembre;ma,non essendo in Val di Chiana,posso benissimo supporre altre realtà di quelle personalmente verificate.Per le aavv sono con te,avendo supinamente accettato la scomparsa delle preaperture alla stanziale come il fagiano(peraltro quasi sempre selvaggina di immissione,cronologicamente lunga o brevissima che sia)con la scusante delle ancora non mature nidiate(chi ha visto ragionati fuori delle incubatrici a settembre?).

da pietro 2 10/07/2015 11.05

Re:Effetto Flegetonte

Parole sante!! che condivido pienamente

da Moro 10/07/2015 10.55

Re:Effetto Flegetonte

O Peruzzi. Anch'io ho tante licenze. La prima apertura alle tortore di ferragosto la feci proprio in quel di Siena.1962. Proseguii con successo, in seguito, sempre sull'altipiano fra Colle e Volterra. Nel frattempo, ci davo sotto anche coi passeri. Non in Toscana, ma in Emilia. Ma non abbandonai i colombacci d'ottobre e le anatre di novembre. E le allodole in Maremma. Migratorista incallito come vedi. Ho assistito pertanto ai profondi cambiamenti del territorio, che prima di essere aggredito dalla speculazione fondiaria (cemento) è stato soggetto a radicali cambiamenti di pratiche agricole, là dove non è stato abbandonato. Se ti vai a leggere i rapporti delle varie centrali di ricerca (a volte anche criminali perchè in questo mezzo secolo hanno sottaciuto la verità e obbedito alle lobby affaristiche) vedrai che le cause reali proprio lì sono da ricercare, nel passaggio da agricoltura a dimensione di braccia (la famiglia contadina), ad agricoltura formato industria. Fenomeno che si sta ancor più consolidando PAC dopo PAC, che da una parte appiattiscono per far allargare il potere delle multinazionali e dall'altrà varano fallimentari piani di tutela ambientale. Ah, dimenticavo: al colombaccio ho fatta anche qualche puntatina in UK (Scozia, Irlanda, Inghilterra). Da quelle parti non si va tanto per il sottile. Quando una specie (vedi anche storno, per esempio, che perdipiù da noi è praticamente scriteriatamente protetto)trova l'ambiente adatto, hai voglia che insistere col fucile, anche di notte e tutto l'anno, vincono loro. Da noi il colombaccio grazie anche all'ambiente favorevole, prolifica nidificando e, con un terzo del territorio escluso alla caccia, non ce la farà nessuno a eradicarlo come tu invece paventi. Una piccola concessione: il consumismo esasperato ha fatto danni anche nella caccia. Ma oggi, il problema è semmai recuperare qualche giovane alla causa, non mortificarlo prima che cominci.

da iopensopositivo 10/07/2015 9.22

Re:Effetto Flegetonte

Caro Vito, dall’esperienza maturata in oltre 47 anni di licenze, provo a darti una risposta.Le tortore e la preapertura. Con 47 licenze “sul groppone” posso dirti che sono uno dei pochi a ricordare di aver fatto la “preapertura agli estatini” sia a ferragosto che successivamente diverse volte il 18 di agosto. Poi arrivarono alcuni anni di chiusura. Anni in cui la specie tortora ebbe modo di aumentare in modo consistente grazie anche alla massiccia coltivazione di girasole in Val di Chiana. La prima preapertura, se non ricordo male intorno alla metà degli anni novanta, fu caratterizzata da un notevole numero di catture poi negli anni seguenti, sempre meno sempre meno sempre meno. Il motivo? Non bisogna aver “studiato più di tanto” per capire il motivo. È sufficiente osservare con attenzione il carniere di tortore fatto il primo di settembre per scoprire che il 90% è composto da soggetti senza collarino e/o da soggetti appena involati dal nido. Non bisogna aver “studiato più di tanto” per capire che quelli sono tutti futuri riproduttori e che i vecchi dal collare, forse perché sono vecchi, probabilmente non torneranno a riprodursi da noi. Più semplice di così si muore. I passeri. Vero è che non li cacciamo più da un ventennio. Nel frattempo ci hanno pensato gli storni “a cacciarli” per noi. Sia nel nido che dal nido. I colombacci per finire. Che senso ha la preapertura al colombaccio, che non è un estatino, che è una risorsa, che ti permette di “portare a spasso lo schioppo” fino al 31 gennaio. CHE NON E’ UN SALDO INSOMMA. Cosa c’entrano i saldi? C’entrano, eccome se c’entrano. Con i saldi “paghi uno e prendi tre”. Con la preapertura al colombaccio “paghi uno e prendi tre ma ne porti a casa solo uno perché gli altri due rimangono nel nido” . Artefici e complici le associazioni venatorie TUTTE che per un pugno di tessere in più……………..

da Mario Peruzzi - Arezzo 09/07/2015 9.44

Re:Effetto Flegetonte

Vedo con piacere che sono calate le contumelie. Però vorrei anche dire la mia su come va il mondo. Forse non l'avete capito, ma i soldi a pioggia, come un tempo, sono finiti. Non credo che abbiano smesso di rubare, solo che col cambio renziano, quasi esclusivamente generazionale, i vecchi apparati stanno per essere smantellati. Dopo anni di crisi, col pil che cala, anche i soldi pubblici sono diminuiti. I trasferimenti a regioni province e comuni si sono ridotti, le clientele pertanto soffrono. Per l'ambiente, aree protette e parchi soprattutto, anche le erogazioni statali segnano il passo, per cui anche fra le categorie, si cominciano a delineare forti priorità. Ho sentito l'altro giorno, per esempio, che anche certi fondi stanziati a bilancio non sono materialmente disponibili per cui, chi fino a oggi percepiva prebende o aspetta o lavora gratis o si cerca un'altra attività. Le erogazioni private, contributi, lasciti eccetera,con l'aria che tira, anche il più incallito filantropo le ha ridotte e semmai le dà al vicino di casa che ha bisogno, al mendicante, alla famiglia che non ha più reddito ma ha bambini piccoli da sfamare. Con questa batosta della Grecia, poi, c'è il rischio che si ridiffonda la paura per il domani. Quindi, amici animalisti ambientalisti, fatevene una ragione. E...STATE SERENI

da iostosereno 07/07/2015 8.48

Re:Effetto Flegetonte

chi è lallo manca?

da rino p. 06/07/2015 17.45

Re:Effetto Flegetonte

Lallo Manca , un signore a cui dovrebbero dare un premio di educazione civica.Perchè il rispetto della legge è il dovere primario di ogni cittadino serio . O perlomeno dovrebbe esserlo.

da giuseppe da perugia 06/07/2015 17.14

Re:Effetto Flegetonte

Non credo ci siano meno soldi in giro,sono semplicemente concentrati in mani di pochi,quelli che detengono il dominio economico e sonoper vocazione- interessata sponsor delle sigle ambiental- animaliste.Si parla di caccia e si finisce a parlar di deroghe,Deroghe appunto strumento "cacciare in deroga " specie per cui non si capisce per quali motivi scientifici non siano cacciabili dal momento che godono di ottima salute.Deroghe argomento che qualcuno ha usato per costruire una carriera politica ,siamo sicuri fosse interessato a risolverla questa situazione?? Biodiversita' e monocultura,con la meccanizzazione .la chimica ,e una smodata ricerca del profitto non si ritorna indietro a quel paesaggio " artigianale" necessario per far sopravvivere specie oramai dimenticate come la starna. Deroghe servono per abbattere tutto l'anno -esulando dai calendari venatori- specie invasive come gabbiani corvidi,cormorani ,nutrie,ah ma a questo i cacciatori non si prestano .....

da Toni el cacciator 06/07/2015 15.54

Re:Effetto Flegetonte

Speriamo che la Briano legga queste righe...una delle poche figure politiche che mi ispirano fiducia

da Little John 06/07/2015 13.09

Re:EFFETTO FLEGETONTE

Io credo che il problema di base sia sempre lo stesso: deroghe, leggi e quant'altro in materia di caccia vengono fatte da persone incompetenti e, come se non bastasse, anticaccia. Le teorie dei nostri indegni avversari sono quotidianamente smentite dai fatti, eppure loro sono sempre lì; una volta in TV( vedi campagne anti abbandono dei cani, o quelle per la prevenzione degli incendi), o nei consigli comunali a decidere le sorti del nostro futuro, magari con in tecnici faunistici della LAC o LAV etc. Per strada con le bancarelle alla ricerca di firme. E noi? Noi siamo chiusi nelle nostre sezioni a litigarci (tra di noi), tra stanzialisti e migratoristi, tra ferma e seguita... la solita storia. E intanto un altro anno è passato.

da Enzo972 06/07/2015 11.10

Re:EFFETTO FLEGETONTE

dipende solo da noi. dobbiamo intercettare il comune sentire della gente. se serve, non trovo scandaloso fare accordi (parziali) con sigle ambientaliste (non palesemente proibizioniste), perchè come minimo rommpono l'armonia fra le sigle ambientaliste medesime. ma secondo me, ottengono anche di più. come minimo impariamo anche noi qualcosa, dal punto di vista etico almeno.

da Piero I. 06/07/2015 10.58

Re:EFFETTO FLEGETONTE

Tra di noi possiamo ragionare quanto ci pare. Purtroppo il fine non è ragionare od argomentare, è limitare o addirittura "eradicare" la caccia. Quindi vedo quasi inutile cercare punti di accordo con i "proibizionisti" (non ambientalisti i quali a mio avviso non esistono più).

da ugus 06/07/2015 9.19