Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIL'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO


lunedì 1 agosto 2016
    

Come ci dice la FAO, la media annua pro-capite planetaria di consumo di carne ammonta a 37 chili a persona, con oscillazioni anche evidenti, ovviamente, a favore dei paesi cosiddetti ricchi. Allorquando tutta l’umanità volesse (perché no?) uniformarsi agli standard occidentali, il complesso bovino mondiale a cereali diverrebbe insostenibile per il conseguente impatto ambientale sul nostro piccolo e unico pianeta.

Che fare, allora, siamo costretti a convertirci tutti al vege-veganesimo? Non necessariamente: un aiuto molto significativo potrebbe darcelo l’applicazione su larga scala della rewilding economy. Tale progetto-filosofia consiste nel ripristinare gli ecosistemi naturali laddove la trasformazione agro-alimentare storica non sia più economicamente vantaggiosa. Solo in Italia negli ultimi cinquant’anni la superficie boscata è raddoppiata e le aziende agrarie canoniche sono più che dimezzate, specialmente in ambito collinare-montano. Su questi milioni di ettari s’è già strutturata una fauna selvatica estesa e numerosa, sulla quale poter impostare una fiorente wildlife economy
(vedi recensione libro Wildlife Economy, ndr).

La componente faunistica ungulata (cinghiale, cervo, capriolo, ecc.) già ora può fornire tonnellate di eccellenti proteine animali biologiche sensu stricto a costo di produzione “zero”. Ma tale processo potrebbe-dovrebbe essere integrato e magnificato dal “ritorno” di specie di enorme valore, sia economico che culturale: bisonte europeo, uro, tarpan. Il primo ancora presente in relitte aree centro-europee, il secondo ed il terzo, progenitori del bue e del cavallo domestici, estinti in epoca storica recente.

La formazione e l’affermazione di loro popolazioni rewilded consentirebbe, al pari delle altre specie selvatiche, lo sviluppo di una diffusa e durevole attività economica basata sul loro uso sostenibile. Tra gli usi, culturale, ricreazionistico, naturalistico, venatorio, del “complesso ungulato naturale” così ricostituito potrebbe primeggiare una virtuosa filiera della carne, sostanzialmente priva di impatto ambientale in quanto perfettamente integrata negli ecosistemi naturali e seminaturali. Si tratterà di riequilibrare il consumo di proteine animali a favore di una maggiore sobrietà quantitativa ed a vantaggio di un salto di qualità nutrizionale ed economico.
 

Bernardino Ragni*
 

REWILDING,  una “faccia” molto speciale di Wildlife Economy-Nuovo Paleolitico; in generale: il ripristinare condizioni “selvagge” ancestrali in luoghi di loro storica rimozione.

E.g.  per tutta l’Età Paleolitica, l’Eurasia occidentale, la Penisola Italiana, la Regione Alpino-appenninica, erano estesamente popolati da una comunità di Ungulati ricca di specie e di popolazioni estese (Fig. 1).



ma attraverso tutta l’Età neolitica, l’Età storica, Fino ai Secoli XVII – XX, Homo sapiens  sterminò  Bos taurus, l’Uro e  Equus ferus, il Tarpan (Fig. 2)



e quasi estinse: Bison bonasus, il Bisonte europeo (Fig.3).



Purtuttavia oggi, e nelle prossime decadi, E.g. nei Paesi della UE, in Italia, nella Regione Alpino-appenninica, come in altri Paesi “sviluppati”, si assiste a un estesissimo abbandono dell’agricoltura consueta (Fig. 4).



Questi milioni di ettari di foreste e praterie possono essere il “teatro” per il ritorno di: il  BISONTE EUROPEO,  il  “nuovo” URO,  il  “nuovo” TARPAN (Fig. 5).



Dal punto di vista ecologico la comunità faunistica “rewilded” può utilizzare in modo ottimale le risorse offerte dagli habitat, facendo raggiungere il livello climax alla zoocenosi. E.g. in Italia, nel suo insieme, è presente  la  situazione faunisticamente incompleta illustrata in Fig. 6.



La quale, sviluppando progetti di REWILDING, può evolvere in zoocenosi complesse e complete (Fig. 7).




Dal punto di vista ecologico-economico tale comunità “rewilded” dovrebbe utilizzare più integralmente, ottimalmente, complementariamente possibile l’offerta rifugio-trofica dell’ambiente di vita (habitat) raggiungendo il livello “climax” degli ecosistemi e cioè il massimo della capacità portante ecologica in termini di: numero di specie, numero di individui per specie, biomassa totale, per unità di tempo e di spazio. Tale condizione ecologica si traduce anche nello “optimum” economico consentendo la massima diversificazione possibile degli usi sostenibili, la massima espressione quantitativa possibile per ciascun uso, alla quale consegue il massimo utile possibile, per unità di tempo e di spazio. 
 
 

* Bernardino Ragni, professore di Zoologia ambientale e di Gestione faunistica presso l'Università di Perugia, è l'autore del saggio "Wildilife Economy - Nuovo paleolitico". Aracne Editrice. Ariccia (RM).

Leggi altri Editoriali

15 commenti finora...

Re:REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO

Egregio Passatore,sono costretto a ripetermi.Cinghiali,cervi,daini,caprioli,lupi, ma anche tassi e istrici,ecc. provocano quotidianamente incidenti in tutta Italia.La reintroduzione di bisonti,uri e tarpan non aumenterebbe la frequenza di tali incidenti,in quanto la biomassa per ettaro non potrebbe cambiare,mentre il numero di individui per ettaro diminuirebbe,quindi,paradossalmente l'anzidetto rischio si abbasserebbe.La fauna selvatica è,in Italia, patrimonio indisponibile dello Stato,il quale deve rispondere dei danni che essa procura quale che sia il nome della specie.

da Bernardino Ragni 08/08/2016 19.50

Re:REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO

Egregio Bernardino Ragni vivendo nell'appennino tosco romagnolo e dovendomi occupare quotidianamente di problemi. Che riguardano il territorio ,le posso garantire che io ho ben compreso il senso del suo articolo,ma quando mi trovo davanti a famiglie che hanno perso figli ventenni in incidenti con animali selvatici che si sono riprodotti a dismisura non mi riesce essere d'accordo con lei ,per di più nel caso la immissione degli animali a chi spetterebbe?Ma soprattutto gli stessi saranno poi responsabili degli eventuali danni a cose o persone?

da Passatore 06/08/2016 17.58

Re:REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO

Bene, intanto andrò a comprarmi il libro, un cacciatore che legge ne vale due!!! (da un vecchio slogan dell'Editoriale Olimpia, mi pare.)

da vecchio cedro 06/08/2016 0.35

Re:REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO

articolo molto interessante

da l.b. 05/08/2016 11.49

Re:REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO

Umbria Carni. Anch'io ricordo. Andreotto Gaetani, Confagricoltura, Hardy Reychelt (grafico, attore di spaghetti western), con la compiacenza di Ministero dell'Agricoltura e Foreste e raccordo con WWF, che non dimentichiamolo mai, nasce su spinta di cacciatori e proprietari terrieri che chiedevano la privatizzazione della caccia. Da lì provengono tutti i guai per i cacciatori italiani.

da A.C. 05/08/2016 8.55

Re:REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO

Ringrazio i Commentatori per i loro interventi. Nel dettaglio: “M.G.”, “vecchio cedro”, “Alfredo L.”, “MARCELLO64”, con argomentazioni e punti di vista diversi mi sembra che siano favorevoli al proposta di “Rewilding Economy”; certamente le difficoltà, di ordine prevalentemente culturale, da superare sono molte ma anch’io sono convinto che, associata alla “Wildlife Economy” la R.E sia la risposta tra le più efficaci e durevoli da dare alla agonia economica delle cosiddette “aree interne” una volta definite “marginali”. “Cristiano montano” solleva la problematica dei grandi predatori, che nella realtà italiana equivale a dire “lupo”; in questa sede è impossibile descrivere compiutamente la strategia gestionale tramite la quale il sistema WE-RE consentirebbe di controllare efficacemente il problema-lupo senza necessariamente abbatterne un solo capo. Si, il progetto “Umbria Carni” di oltre trent’anni or sono si avvicinava culturalmente al sistema WE-RE ma aveva in sé un pesantissimo handicap ecologico-economico: parlava di “allevamento” di ungulati selvatici mentre la WE-NP si lascia alle spalle tale condizione "neolitica" per tornare ad una nuova condizione "paleolitica" laddove l'imprenditore non deve investire un centesimo per la produzione della biomassa, cioè per l'allevamento; l’iniziativa umbra (e non solo) tra i primi '80 e la metà dei '90 naturalmente naufragò senza appello in quanto un chilo di carne di daino allevato sarebbe costato molto di più di un chilo di carne di manzo (ovino, suino...) allevato. In effetti nel 1984, quando la Regione Umbria mi coinvolse come zoologo in tale progetto, espressi subito questo mio dubbio, ma non mi ascoltarono...

da Bernardino Ragni 05/08/2016 8.12

Re:REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO

(continua da sopra) Il signor “passatore” si mostra palesemente ostile alla proposta WE-RE ma le sue motivazioni dimostrano che evidentemente non sono riuscito a far comprendere, solo a lui, che, mentre è possibile che Bisonte europeo, Uro e Tarpan possano integrare la loro alimentazione-base con i getti del rovo, si può escludere che possano nutrirsi di “uva, mais e patate”, le cose in effetti stanno come, scherzosamente, ha commentato “MARCELLO64”; possiamo anche rassicurare il “passatore” del fatto che le sue scorribande notturne in moto non saranno meno sicure di oggi con l’arrivo di bisonti, uri e tarpan; infine egli non sa, evidentemente, che se le colline e le montagne italiane non si coltivano più, non è per la WE-RE ma perché il costo di produzione non “regge” nel mercato globalizzato; quindi solo sviluppando concretamente WE-RE sulle colline e montagne, si otterrebbe da queste biomassa edibile di prima qualità, reddito, occupazione, laddove ora c’è abbandono e disoccupazione; lo informiamo anche che il suo dissesto idrogeologico riceverebbe un incremento drammatico dalla ri-coltivazione di colline e montagne con i metodi intensivi e industriali di oggi.

da Bernardino Ragni 04/08/2016 19.07

Re:REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO

Se la memoria non mi inganna, idee simili giravano già circa 30 anni addietro, in Regione Umbria; da qualche parte dovrei avere gli atti di una serie di convegni (Umbria carni? carni alternative? redditi integrativi da zone marginali?, mi pare promossi da certo Andreotto Gaetani? associazioni agricole?). Qualcuno ricorda qualcosa? La storia si ripete ed in italia comunque i problemi periodicamente riaffiorano ma non vengono risolti. Associazioni venatorie rigorosamente assenti, impegnate in lotte intraspecifiche!

da vecchio cedro 04/08/2016 10.24

Re:REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO

Il cavallo il bue il bisonte che ti attraversano la strada di notte magari con la moto deve essere uno spasso ma prima di dire cazzate perché non pensate .Oggi il grano duro lo pagano19,50€ al quintale l'orzo 11 con la terra non si mangia più in un paese serio si darebbe alla gente la possibilità di poter mangiare coltivando le colline e le montagne ,cosi si combatte il dissesto idro geologico non con ste idee

da passatore 03/08/2016 14.47

Re:REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO

Abbiamo l'Appennino abbandonato, dove prima era vita e laboriosità. Una gestione oculata, magari cominciando da quel che c'è, cinghiali cervi caprioli, non è un'idea peregrina. Anche in Toscana ci dovrebbero riflettere, invece di dare la stura ai peggiori istinti accaparratori, con gli agricoltori in testa. Fra l'altro, gli hanno tutti messo la sordina, ma ieri Coldiretti a Firenze protestava anche per i lupi. E invece alla berlina, anche da parte dell'assessore, è stato messo solo il cacciatore. Ridicolo. Ma questo dimostra che tutti hanno paura degli ambientalisti e che i cacciatori invece non fanno più paura. Probabilmente è anche un po' colpa nostra. Sarebbe bene perciò farci una bella riflessione.

da Alfredo L. 03/08/2016 8.09

Re:REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO

Il cavallo,bue e bisonte,che mangiano patate,vorrei vederli,questa mi manca....semmai me li mangio con le patate arrosto o in umido(pomodoro)magari fosse.

da MARCELLO64 02/08/2016 19.13

Re:REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO

Il problema è che gli animali poi non si mangiano i rovi ma il mais uva patate ecc.poi che si fa,chi li paga i danni agli agricoltori ?i soliti patacca tu,no grazie

da passatore 02/08/2016 16.17

Re:REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO

...e poi qualcuno si prenderà la bega di spiegare a lorsignori che per fare ciò è strettamente necessaria la gestione dei grandi predatori. No...visto...si fa per dire.

da Cristiano montano 02/08/2016 16.04

Re:REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO

E' l'unico modo per salvare ambiente e fauna, come avviene già in quasi tutta l'Europa. Per questo necessario abolire art. 842 cc.

da vecchio cedro 01/08/2016 13.35

Re:REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO

Ottima idea. Chissà se Galletti e soprattutto gli agricoltori (spalleggiati dai loro alleati ambientalisti) saranno d'accordo. E la vedo dura anche con cinghialai e selettori. Insomma, tutte queste categorie che vedono nella "filiera" un nemico che vorrebbe sottrarre alla loro comepetenza e utilizzo così tanta carne gratuita.

da M.G. 01/08/2016 10.45