HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani |
  Cerca
A UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS francese ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANA C'ERA UNA VOLTA... LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!! Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italiane TABU' LUPO FIRMAMENTO SOCIAL ALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSO LUPO. ATTENDIAMO LUMI CHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIA Cos’è la caccia La ri-proposta Cuore di beccaccia Cacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardi LA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scoperta CARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODA Osservatori regionali, avanti! Ungulati: una risorsa preziosa La mia prima volta al cinghiale: onore alla 110! Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibile ANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTI TORDI TORDI STANNO TUTTI BENE ETERNA APERTURA TANTE MAGICHE APERTURE CI SIAMO! LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONE LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE ANCH'IO CACCIO MIGRATORIA, MA DI CHI? Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio francese REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO Lasciate la carne ai bambini Uccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi.... CINGHIALI D'UNA VOLTA DATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRA MONTAGNA, 22 ANNI DOPO Elegia per un vecchio signore LA GRANDE BUFALA Animali & Co: un problema di comunicazione LUPO O CINGHIALE? Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo Le allodole, mia nonna e le vecchiette La caccia e gli chef UNGULATI CHE PASSIONE PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA Le beccacce e il lupo QUESTIONE DI PROSPETTIVA La cinofilia ufficiale. Parte seconda con scuse PROBLEMA LUPO Bisturi facili. Cuccioli? No grazie Perché ho scelto il setter inglese? Galletti fa mea culpa Questa è la cinofilia ufficiale C'era una volta il cinghiale Bracconieri di speranze Gip, amor di cacciatore. Il piccolo francese SAVETHEHUNTERS, MATTEO TROMBONI SFIATATI I sistemi elettronici di addestramento GUANO CAPITALE In principio era una Dea C'era una volta l'orso bianco che campava di caramelle UNA TERRA DIVERSA MEMORIE. Da regina a regina informAZione? Iniziazione del cucciolone UNIONE AL PALO? LA PARABOLA DI CECIL CROCCHETTE VEGANE L'ecoturismo fa danni ALLODOLE PER SEMPRE TRUE LIES CI SIAMO? Natura. Madre o matrigna? LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPO UN’APERTURA DA FAVOLA I cuccioli di oggi MACCHE' PREAPERTURA CACCIA, PROVE E VARIA UMANITA' Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiere FORMAZIONE, FORMAZIONE! I cani da ferma oggi Arlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNA Prima informarsi, poi farsi un'opinione Effetto Flegetonte Il cane domestico (maschio) Il valore della caccia Chi è diavolo, chi acquasanta? CANDIDATI ECCELLENTI PUBBLICO O PRIVATO? LA FRANCIA E I MINORI A CACCIA REGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATI Caccia vissuta “Se questa è etica” QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PERO Le contraddizioni dell'Expo QUESTIONE DI CORPO L'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloni Calendari venatori: si riparte DOVE ANCORA MI PORTA IL VENTO LUCI E OMBRE DI UN PROGETTO CANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIO CHIUSO UN CICLO... A patti col diavolo... e poi? BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZO MISTERI DELLA TELE CANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILE E' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SA Tordi e beccacce tra le grinfie della politica Donne cacciatrici piene di fascino predatorio Italiani confusi su caccia e selvaggina Storia di una particella cosmica Vegani per moda Anime e animali MUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur Smith CHI LA VUOLE COTTA, E CHI.... Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsa ZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA! E se anche le piante provassero dolore? PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMA Momenti che non voglio scordare Anticaccia? Parliamone CACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELE CATIA E LA PRIMA ESPERIENZA CHIARI AVVERTIMENTI PIU' VIVA E PIU' AMATA ECCE CANEM DE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTI IL CATALOGO E' QUESTO.... CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIA ISPRA. UN INDOVINO MI DISSE... MIGRATORI D'EUROPA L'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggio MIGRATORISTI GRANDE RISORSA Fauna ungulata e vincolismo ambientale Decreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTRO Ai luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIO SPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHI DOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVE Biodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLA Le specie invasive ci libereranno dall'animalismo EUROPEE: SCEGLIAMOLI BENE La rivoluzione verde è nel piatto La caccia al tempo di Facebook SOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposo COSE SAGGE E MERAVIGLIOSE AMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDO C'ERO UNA VOLTA ALL'EXA QUESTA E' LA CACCIA! EUROPA AL RISVEGLIO TOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLA CACCIA LAZIO: quali certezze? ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTI UNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILE LO DICO COL CUORE IL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E' I veri volontari dell'ambiente DIAMOGLI CREDITO PROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIA Ambientalisti italiani, poche idee ma confuse Anche National Geographic America conquistato dalle cacciatrici Più valore alla selvaggina e alla caccia Il cinghiale di Colombo Porto di fucile - NON C'E' MALE! PAC & CACCIA LILITH - LA CACCIA E' NATURALE Effetto protezionismo Ispra: il caso beccaccia Il grande bluff dei ricorsi anticaccia COME FARE COSA FARE Supermarket society Romantica Tipi di comunicazione: C'E' MURO E MURO Ambientalisti sveglia! Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggiose SPRAZZI DI SERENO POINTER E NON PIU' SOGNO DI CACCIATORE UN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPO RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORI LA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOON ALLA FIERA DELL'EST VOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNA IL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI “Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunistico CACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISI Partiamo dalla Toscana ITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la caccia C’ERA UNA VOLTA… I cacciatori nel regno delle eterne emergenze Gli ambientalisti e la trave nell'occhio Addio alle rondini? L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato) ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI..... SUCCEDE ANCHE QUESTO BASTA ASINI AMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di Diana TOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTO ALLARME DANNI DANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga… STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA “L'ipocrisia delle coscienze pulite” UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALE CACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA' ZONE UMIDE: CHI PAGA? Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA SPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLE La Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’albero A SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo così NEORURALI DE NOANTRI FRANCIA MON AMOUR LA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIA TERRA INCOGNITA L’Italia a cui vorrei fosse affidata la caccia La marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVE COLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI? DIVERSA OPINIONE IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE Opinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!! A CACCIA A CACCIA!!! PROVOCAZIONI Estate di fuoco MISTIFICAZIONI SICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTO Sostenibili e consapevoli! COLPI DI SOLE COLPI DI CALORE Aiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti! TECNOCRATI? NO ESPERIENTI LA RICERCA DIMENTICATA PARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'! Orgoglio di contadino Campagna o città? CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRI CALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERE CONFRONTO FRA GENERAZIONI LA CACCIA CHE SI RESPIRA Rapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNO MUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà? Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga... DELLE COSE DELLA NATURA Cultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'Italia Il nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalisti LA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀ PAC IN TERRIS UCCELLI D'EUROPA GIRA GIRA..... STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNA TOCCA A NOI! CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLO IL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIA VERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTO PROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZA BECCACCE DI BEFANA CACCIA, FASE DUE PROVOCAZIONI DI FINE D’ANNO RICERCA RICERCA SPIGOLATURE DI NATALE Dai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONE NON ERA AMORE Finalmente autunno Il paradosso dell'Ispra IL PIANETA DEI CACCIATORI Le caste animali A CACCIA ANCHE DOMANI A CACCIA SI, MA DOVE? ORGOGLIO DI CACCIATORE Per il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIA APRE LA CACCIA! Amico cacciatore, guarda e passa Riforma sui Parchi in arrivo? E i cuccioli umani? MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATE LA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenza Il Pointer e la caccia Col cane dalla notte dei tempi Contarli, certo, ma come? Questa è una passione! IL PENTOLONE LA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE NON SOLO STORNO QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI La lezione di Rocchetta di Vara BASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITI CORONA L'ERETICO Cacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medaglia Deroghe: non è una missione impossibile AMBIENTALISMO E' CULTURA RURALE Sei il mio cane ALLE RADICI DELLA CACCIA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIA COME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA... BOCCONCINI PRIMAVERA CACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERE COMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIO QUESTIONE DI CALENDARIO LA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIA PRENDIAMO IL MEGLIO BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA TUTTI A TAVOLA RIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRE LA CACCIA SERVE. ECCOME! METTI UNA SERA A CENA Urbanismo e Wilderness: un confronto impari CONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEET GIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANI IL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in Italia Accade solo in Italia? L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza FRA STORIA E ATTUALITA' Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro “Solo” una passione Tra ideologia e strategia politica IL CATALOGO E' QUESTO TORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTO DA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro Brambilla Italiani ignoranti della caccia CACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNA Ed il giorno arriva DEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE! PRE-APERTURA DI CREDITO Domani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONE Alcune riflessioni sulla caccia in Italia Divagazioni per una rivoluzione culturale La senatrice Adamo va alla guerra PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci) Calendari venatori. Le bugie degli ambientalisti Un'arte chiamata caccia AREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLA Animalismi e solitudini In un vecchio armadio STAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODO Belli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI! Ieri, mille anni fa, io caccio Cosa mangiano gli animali degli animalisti? SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA MOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVO ORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICO Aerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo” ALL'ARIA APERTA! Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIA IPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOI IN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA! RIFLESSIONI DI UN PEONE IL PAESE PIU' STRANO DEL MONDO Fuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALE E Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTO L'Enpa insulta i cacciatori SELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIA America: un continente di vita selvaggia LA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezione LA CACCIA COME LA NUTELLA? LUPO, CHI SEI? Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no? TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGE A caccia con L'arco... A caccia con la storia... Interpretazioni e commenti di nuova concezione 10 domande ai detrattori della caccia IL BRIVIDO CHE CERCHIAMO La caccia come antidoto alla catastrofe climatica Per una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNARO CONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIA Caccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perduta Allarmismo e vecchi trucchetti Ancora Tozzi ? REALISMO, PRIMA DI TUTTO Le invasioni barbariche APERTURA E DOPO. COSA COME QUANDO Piombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquatici Di altro dovremmo arrabbiarci I GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecnici Un rinascimento ambientale è possibile Gelosi e orgogliosi delle nostre tradizioni LA CACCIA SALVATA DALLE DONNE? Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars Venandi Tutto e il contrario di tutto DALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO... IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATO La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova Tutti insieme... magicamente Ambiente: una speranza nella caccia SOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTA La Caccia ha bisogno di uomini che si impegnano LA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDO Il capanno: tra architettura rurale e passione infinita DONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANA EUROPA EUROPA VICINI ALLA VERITA' Beccaccia sostenibile CACCIA E SOCIETA' Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNI PARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidato CACCIA ALL'ORSI ORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORI UN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORI Ridiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevole Il cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia. 157: PENSIERI E PAROLE MA COS'E' QUESTA CACCIA? 157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONE MIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARE CINGHIALI CHE PASSIONE La cultura cinofila ATC DIAMOCI DA FARE Il vitello che mangi non è morto d'infarto! Ripensare la caccia? PER UN FUTURO DELLA CACCIA QUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONA PUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAM Un nuovo corso per gli ungulati Siamo noi le Giubbe Verdi Ruralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina La caccia secondo Giuliano, umorista de La Repubblica Questa è la caccia Il cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumi La cinegetica e la caccia col cane Gestione e tradizione BASTA TESSERE AMAR...TORD E il beccafico perse la via del nord Dimostriamo credibilità Apertura passione serenità editoriale - Fucili italiani come le ferrari Orgoglio di Cacciatore I Tordi e le Beccacce La Caccia è Rock

Editoriale

TRUE LIES


lunedì 12 ottobre 2015
    

cinghialiFra i tanti fatti di questi giorni che hanno affollato le cronache della caccia, spiccano a livello nazionale i numerosi e a volte faziosi interventi sull'esagerato fenomeno dell'emergenza cinghiale.

Che in questi ultimi vent'anni la popolazione di questo irsuto porcastro sia aumentata, non c'è ombra di dubbio. Che l'ambiente a lui congeniale abbia avuto un altrettanto consistente incremento lo possono verificare tutti. L'Appennino da nord a sud si è spopolato, lasciando ampia libertà all'incalzare della macchia. Che i suoi antagonisti, escluso il lupo e compresi i cacciatori, siano diminuiti, anche su questo non c'è dubbio. Che qualche danno alle produzioni agricole  lo facciano, con alti e bassi a seconda dell'annata, e che gli incidenti stradali per loro causa siano più frequenti, è pure assodato. Però, tra il tanto allarmisticamente rappresentato e il quanto realmente verificabile, sono ormai in diversi che cominciano a sostenere un innaturale divario. Qualcuno, addirittura, prova a infilare nella discussione un nuovo e più subdolo elemento, analogo a quello che a suo tempo, venti-quaranta anni fa inventarono per privatizzare la caccia, strumento e complice l'ambientalismo nostrano. Basta rileggersi i testi delle numerose richieste di referendum per capire che non era la caccia che si voleva abolire, ma l'art. 842 del C.C. che si voleva abrogare. Su questo poi si continuano a versare fiumi d'inchiostro da parte di chi la vuole cotta e di chi la vuole cruda, anche fra i cacciatori.

Il dubbio viene, oggi, soprattutto se nell'analizzare i contenuti del dibattito, fra gli addetti ai lavori,  in Parlamento e nel Paese, si assiste a una singolare polarizzazione: da una parte si dà come al solito la colpa alla caccia; dall'altra si fa finta che il problema non dipenda dalla storicamente errata politica ambientale, anzi più ambientalista che ambientale. Per sommi capi: parchi e aree protette diventati stipendifici e prebende per dirigenti dei diversi e articolati movimenti ambientalisti e animalisti. "Affaires" scaduti spesso in un magna-magna tra i più turpi (gli esempi virtuosi sono piuttosto rari). Quando, al massimo, si può valutare l'inadeguatezza dell'approccio, sia da una parte sia dall'altra.

In questi giorni, per esempio,  ha fatto la sua apparizione il testo di un rapporto (“Danni da cinghiale (Sus scrofa). Gestire la specie per contenere significativamente i danni”) presentato al colto e all'inclita dalla "famigerata" (almeno agli occhi di parte del mondo dei cacciatori) Legambiente, che cerca a suo modo di dire la sua in maniera sistematica, distinguendosi tuttavia dalle altre consorterie animalare (WWF, Lipu, LAC, LAV).

Qualche contraddizione: in molte aree del paese (dove il cinghiale - valutato in un milione di capi - storicamente non c'era; esempio nelle piccole isole, ma non solo)  questo ingombrante soggetto crea pesanti impatti su ecosistemi e ingenti danni alle colture, per cui - si legge sul rapporto - andrebbe estirpato,  ma costituisce tuttavia un'ottima fonte alimentare per il lupo, apparso di nuovo ovunque (1500 unità in tutto il paese, ma la stima appare a molti piuttosto datata e valutata comunque per difetto), grazie appunto anche alla sua presenza.

Strumentale invece ignorare o addirittura negare da parte di Legambiente tre delle cause principali delle eventuali anomalie denunciate in alcune aree del paese. La prima: è falso, dice Legambiente, sostenere che il divieto di caccia nelle aree protette impedisce di ridurne i contingenti, in quanto nelle aree protette italiane la norma consente di svolgere regolarmente il controllo della fauna selvatica, cinghiale compreso, e diversi parchi hanno ampiamente dimostrato che ciò si può fare e con successo. Peccato che non se ne sia accorto nessuno, visto che le scorrerie nelle aree a coltura da là hanno origine, dalle aree protette, come dimostrano ampie ricerche di zoologi e di specialisti. La seconda: non è vero, secondo Legambiente, che gli eccessivi limiti imposti all’attività di caccia non consentono di regolare popolazioni di cinghiale, in quanto i principali danni vengono arrecati e sono registrati nelle aree in cui si esercita la caccia (attività con finalità ludica) e negli ultimi anni la caccia al cinghiale ha visto un’enorme crescita in termini numerici di partecipanti, anche se con differenze nelle diverse aree del Paese. Affermazione in gran parte priva di fondamento, che scade a volte nel ridicolo, dal momento che nelle aree di caccia il cinghiale è tenuto sotto controllo, mentre l'indice demografico sale nelle aree protette, tant'è vero che là - nelle aree protette - si spendono enormi capitali per tenerlo sotto controllo. Mentre è sotto gli occhi di tutti che negli ultimi vent'anni la "popolazione" dei cacciatori è diminuita di oltre il 50%, e invecchiata, tanto che, ormai, anche nei territori ad antica tradizione cinghialaia si deve ridurre il limite minimo di componenti delle squadre, perché altrimenti non si sarebbe in grado di praticare la caccia, non disponendo più di sufficiente "materia prima". Che peraltro deperisce e invecchia. Terzo, dimostrazione lapalissiana, che a quadro normativo vigente, una corretta gestione della specie è possibile e consente di ridurre significativamente i danni da cinghiale, affermazione che tuttavia rimane sul generico, perché volendo approfondire si scoprirebbe che laddove funziona, l'intervento dei cacciatori è determinante.
E qui, però, Legambiente cerca di deviare ideologicamente sul metodo (di caccia): nelle zone dove ridurre le presenze del cinghiale la braccata funziona male, mentre col metodo della selezione il problema si risolve meglio. Boh! Evidentemente stanno raccontando un altro film. Quasi fiction pura.

Diversa considerazione sull'articolazione dei distinti approcci d'intervento, legati alla responsabilizzazione dei soggetti in causa, soprattutto agricoltori e cacciatori, e in parte già in essere nelle aree dove il fenomeno è più sentito, ad esempio in Toscana, dove tuttavia per ora si pecca di...faziosità. Spesso si parte dal danno, mentre sarebbe più logico partire dalla causa. Se, per esempio, in un'area il cinghiale non ci deve stare, lì, scusate il lapalissiano assunto, il cinghiale va tolto e non c'è bisogno di interventi "chirurgici". Dove la causa è l'esagerata consistenza della popolazione, non c'è neanche lì bisogno di interventi "chirurgici", almeno in prima, seconda e terza battuta, che se vogliamo potranno essere adottati dopo, a equilibrio ricostituito. Con la chirurgia, cari miei, abbiamo visto che il problema, quando è grave,  non si risolve. Costa tempo, troppo, e denaro, che non c'è. E non può essere impiegato nemmeno per molte delle diverse forme di prevenzione suggerite: recinzioni, dissuasori, catture, sterilizzazione (?!).

La soluzione? O, meglio, le soluzioni? Difficile valutarle nella loro pur articolata enunciazione. Vanno applicate, caso per caso. Resta il fatto, positivo, che leggendo la lunga esposizione, non si può non considerare che almeno qualcuno si è applicato con diligenza sul problema e che, il problema, non è stato liquidato con stantie sicumere populiste. Vi si ritrovano infatti ampiamente le diverse posizioni che anche nel variegato mondo venatorio nostrano si discutono e si portano ad esempio. Spesso più nei bar e nelle armerie, piuttosto che ai tavoli di governo del territorio.

E poi, ricordiamocelo, non si può affrontare il problema cinghiale, o ungulati in sé, senza contestualizzarlo in una più vasta argomentazione a tutto tondo. La caccia, ancora, e fortunatamente, la nostra caccia, non è solo questa. La stragrande maggioranza dei cacciatori la pratica soprattutto sotto altre forme. Alla migratoria, e alla piccola stanziale. E non è possibile trasformare una cultura di popolo, dalle caratteristiche eminentemente mediterranee, tenendo a riferimento certi modelli mitteleuropei. Occorre fare sintesi. E fino a che si consentirà di demonizzare una vasta schiera di praticanti, pretendendo poi che gli stessi contribuiscano alla soluzione di problemi che di sicuro, da soli, non li hanno provocati, i problemi resteranno, e forse diventeranno sempre più acuti.

Ma non mancherà, purtroppo o fortunatamente, l'occasione di poterne riparlare.


Remo Barbera

Leggi altri Editoriali

10 commenti finora...

Re:TRUE LIES

Intendiamoci, anche in Germania, una decina di anni fa, o più, a quanto mi ricordo, ebbero il problema cinghiali, ma credo che poi, alla tedesca, l'abbiano risolto. Ma lassù è più facile. La caccia è esclusiva pertinenza del proprietario del fondo, che in sostanza gestisce la fauna selvatica come un qualsiasi prodotto dell'azienda agricola, come del resto fanno in UK e in parte anche in Spagna (cotos) e pure in Francia, la patria della rivoluzione borghese (liber-te, egali-te, fraterni -te, che mi fa venire in mente Orwell e la sua Animal Farm, La fattoria degli animali). Da noi, abbiamo seguito un altro percorso, populista, iniziato con Mussolini (Federazione Fascista della caccia, " ...e se non sono iscritto, iscrivetemi!"), ma proseguito col democratismo alla bresciana (più libertà più cartucce)assistito dal comunismo arcicaccino, temperato dal perbenismo di ArciAmbiente. Per questo, trovo legittimo che anche le squadre abbiano da dire la loro, veri e propri "manipoli" strutturati militarmente e organizzati politicamente (sono in grado da soli di eleggere il sindaco), che in questo contemporaneo marasma emergenziale, la fanno da padroni. A sentire la campana degli altri, selettori in prima linea, e proprietari terrieri a seguire, che vorrebbero sostituirli nella stessa gestione emergenziale, tanto che hanno inventato....l'emergenza ungulati, sono loro i colpevoli, le squadre. Cencio dice male di straccio.

da M. La Parte 16/10/2015 16.11

Re:TRUE LIES

la soluzione? scappare dall'Italia il prima possibile

da Carlo 16/10/2015 8.47

Re:TRUE LIES

Bravo flagg..finalmente uno che dice le cose come stanno..finché gli stakeholders (squadre di cinghialai) avranno tutto questo peso anche POLITICO la situazione sarà sempre la stessa...ma è possibile che in tutti i paesi d Europa la selvaggina sia vista come una risorsa e in Italia quasi esclusivamente come un problema? ??

da little john x flagg 15/10/2015 22.44

Re:TRUE LIES

Quello che piu' da' fastidio e' il continuo chicchiericcio su un problema la cui soluzione e' NOTA. Basta guardare alla storia. Gli ungheresi hanno affrontato sistematicamente la questione ungulati, cinghiale in primis, oltre 30 anni fa perche' avevano ESATTAMENTE gli problemi: troppe aree chiuse alla caccia (quelle statali), boschi in aumento, riseve private che immettevano selvaggina. Loro hanno deciso VOLONTARIAMENTE rendendolo PUBBLICO in maniera del tutto TRASPARENTE di mantenere una popolazioni, di cinghiali in particolare, leggermente superiore a quella ideale per il territorio in modo da poterne fare allo stesso tempo un business e pagare EQUAMENTE i danni. Lo hanno potuto fare senza grossi problemi perche' le TRADIZIONI VENATORIE sono completamente diverse! In breve da quelle parti NON esiste una vera tradizione di caccia alla piccola migratoria che viene praticamente cacciata dagli stranieri!!! Infine c'e' da aggiungere un "dettaglio" non trascurabile: loro non hanno l' urbanizzazione, l'inquinamento e lo sfruttamento selvaggio del territorio che c'e' in Italia! In Italia c'e' poco da fare: o si mantiene almeno buona parte della tradizionale biodiversita' oppure la si sacrifica a favore di porci e cornuti!!!! Basta dirlo chiaramente e non nascondersi dietro le bugie come sempre.....

da Flagg 13/10/2015 21.07

Re:TRUE LIES

Io cerco di partire sempre da dati oggettivi. E il riferimento scientifico più appropriato lo trovo nel rapporto del Cirsemaf presentato alla Conferenza Regionale sulla Caccia del 2010, dove furono messe le basi per la revisione della legge regionale toscana. Legge successivamente approvata, ma in buona parte disattesa proprio per quanto attiene al problema ungulati, poichè era già chiaro allora che la sovrabbondanza degli ungulati proveniva sostanzialmente dalle aree protette, veri e propri serbatoi di selvatici di quella categoria. In mancanza di indirizzi gestionali coerenti (ATC/Province/Regione)le squadre di cinghialai ne raccolgono i frutti, foraggiando e convogliando i soggetti nelle zone da ognuna controllate (un cinghiale, se ha fame, si sposta anche su lunghe distanze in un una notte), ma non si possono biasimare. In qualche modo contribuiscono alla riduzione dei contingenti. Secondo me, il problema sta nella legge sui parchi e nella sciagurata filosofia protezionista che regola le cose ambientali in Italia. Se si vuole risolvere il problema, finchè ci saranno abbastanza cacciatori e squadre organizzate, la soluzione è a portata di mano. Ma bisogna incidere all'interno delle aree protette. Senza vincoli. Non ci sono pericoli di fare danno all'integrità del patrimonio naturalistico se si tiene sotto controllo il fenomeno, e non con l'Ispra, che fino ad oggi ha gestito il problema caccia con criteri tanto protezionistici quanto poco razionali. Ma si faccia presto, perchè andando avanti così, con la demonizzazione dei cacciatori, a prescindere, fra poco il problema diventerà davvero irrisolvibile.

da jageruberalles 13/10/2015 16.52

Re:TRUE LIES

Questione di punti di vista. La storia ci racconta che i primi a creare il problema cinghiale, sono stati proprio i cinghialai. Certo, poi la 397, la politica, l’abbandono di vaste aree agricole hanno ingigantito il problema. Resta comunque il fatto che i cinghialai ancora continuano anche in modo scorretto e fuorilegge a foraggiare, volontariamente a non raggiungere limiti e quote, ecc…ecc.. tanto per tenersi il “giocattolo sempre carico” e la collettività ne paga le conseguenze a volte anche mortali vedi incidenti stradali e in corso”d’opera più o meno legale”.Su questo vomitevole gioco loro malgrado sono coinvolti e vittime sacrificali a 360°anche cacciatori non praticanti questa disciplina. Questa storia nel terzo millennio e in una democrazia che si rispetti ha dell’incredibile. I cinghialai e/o squadre più o meno numerose così educate, gestite, e strutturate non sono la soluzione al problema, SONO IL PROBLEMA, cheche ne dica o ne pensi qualcuno.

da Cacciatore 13/10/2015 15.32

Re:TRUE LIES

Cinghiale sicuramente refugium peccatorum, in tempi in cui il migratorista è penalizzato, lo stanzialista trova poco se non va nel supermarket del fagiano. Se piace cacciarlo in battuta, lasciamoglielo cacciare, basta che consentano anche agli altri di trovare un po' di spazio nel bosco. Alla migratoria, alla beccaccia, per esempio. E' vero che la presenza del cinghiale in Italia dipende anche dalle immissioni dei cacciatori, ma è solo una concausa. Le cause principali sono il tanto territorio adatto, abbandonanto soprattutto sulla dorsale appenninica, e le aree a divieto di caccia, che per legge devono coprire almeno il 20% del territorio utile all'agricoltura, ma che raggiungono, considerando tutto (il cinghiale non fa distinzione nemmeno con le strade e le aree urbane), superfiici ben più vaste. L'agricoltura è vittima, ma anche carnefice, come si sa, di tante specie di pregio, migratori ma anche nobile stanziale. Trovo significativo che Legambiente faccia proposte anche in parte condivisibili, e non si associ alla cagnara animalista, wwf,lac, lav, lipu eccetera. Non so se dipenda dagli accordi con la triplice, ma seguendo le leggi dello scopone, quando non si dà le carte (come noi, ormai) è obbligatorio sparigliare.

da Chitarrella 13/10/2015 8.21

Re:TRUE LIES

Io non amo criticare gli altri ma preferisco fare autocritica. In italia (i minuscola voluta) il problema cinghiale è anche merito di noi cacciatori. Non si può negare che sia stato massicciamente introdotto nel nostro paese gia dagli anni 70 da parte di noi cacciatori. il cinghiale si può ridurre tranquillamente con la caccia di selezione e anche in poco tempo( 3/4 anni). Intervenendo sopratutto sulle classi giovani..caccia aperta tutto l anno da altana con punti di foraggiamento..solo che a noi italiani non piace e preferiamo cacciarlo in battuta..quindi da qui tutti i problemi conessi con l agricoltura ma sopratutto con la biodiversità..mi sorprende spesso come i cacciatori sottovalutino l impatto del cinghiale sui galliformi ad esempio..mah è proprio vero che il cinghialeeè il fagiano degli ungulati!!

da little john 12/10/2015 13.09

Re:TRUE LIES

Dimenticavo...anche l' agricoltura andrebbe gestita diversamente in quanto se da un lato riceve danni dagli ungualti, dall' altro ne crea per altra fauna!

da Flagg 12/10/2015 10.24

Re:TRUE LIES

Evidentemente ci sono i soliti manovratori dietro il rapporto di Legambiente? Ma pensano veramente che la gente sia nata ieri? Per il resto, esatto Barbera, la caccia e' molto altro e purtroppo la crescita continua degli ungulati, tra cui il cinghiale e' al primo posto, danneggia pesantemente il resto della fauna e flora. Questo mette in evidenza quanto FARLOCCHE siano le associazioni ambientaliste italiote che ancora devono capire che la gestione passa primaditutto dal territorio nel suo complesso, flora e fauna, e NON per singole specie. La questione dei danni all' agricoltura e' SECONDARIA dato che possono essere "facilmente" rimborsati.....

da Flagg 12/10/2015 10.21