HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIL'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranze Gip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza


lunedì 22 novembre 2010
    
C’è di che preoccuparsi! L’analisi della situazione ambientalista, in particolare quella italiana, apre scenari inquietanti per la superficialità con la quale vengono affrontati temi di importanza rilevante, se non vitale, per l’uomo. Più volte ho affermato che stiamo attraversando il periodo buio del medioevo ecologista e solo profonde riflessioni con conseguenti prese di posizione ragionevoli possono far uscire l’uomo occidentale dalla crisi ambientalista nella quale si è infilato, pena la sua estinzione. 

La profonda ignoranza che pervade in tutta la sua essenza il rapporto uomo-natura è preoccupante e prevede scenari che potrebbero rivelarsi apocalittici. L’uomo ha urgente necessità di risolvere un problema che non aveva fintantoché era tutt’uno con la natura, povero ma naturale; problema che si è presentato prepotentemente nel momento in cui si è staccato da essa, diventando “ricco e sofisticato”. Ciò che prima era naturale, dev’essere ora ricercato, studiato e risolto!

Aldo Leopold, considerato tuttora il più grande ecologista mondiale, cacciatore conservazionista e fondatore delle Wilderness, affermava che i problemi ambientali sono fondamentalmente di matrice filosofica nella quale va ricercata la soluzione di un nuovo rapporto con la natura. E’ indubbio che in questo momento ci siano, a livello mondiale, due problemi cui guardare; il primo è l’oggettivo stato di salute del pianeta, il secondo è ricercare un modello valido che regoli il rapporto uomo-natura e che permetta quindi di affrontare al meglio il primo problema. Purtroppo, in questo momento in Italia siamo lontani anche dal comprendere le basi di quanto ho appena scritto.
 
L’ignoranza che aleggia, specialmente nell’ultimo periodo in tema di conservazione, salvaguardia ambientale, mantenimento della biodiversità è quanto di più tetro l’uomo ragionevole possa assistere. I nostri figli vengono istruiti attraverso i libri di testo di noti animalisti-chic e non esiste un indirizzo scolastico di matrice puramente filosofica su queste importanti tematiche lasciando così spesse volte la scienza in balia delle opinioni preconfezionate. Io credo infatti che la scienza nulla possa per l’uomo e l’ambiente se non è supportata da un buon modello filosofico di riferimento. Prova ne abbiamo qui in Italia ove si confonde spesso l’animalismo con l’ambientalismo, termini che definiscono posizioni filosofiche contrastanti ed antitetiche. Una causa della perdita di biodiversità è imputabile alle teorie animaliste, quelle stesse teorie secondo le quali è sufficiente amare oltre ogni cosa il proprio cane, non uccidere una zanzare, una nutria, un gambero della Louisiana per ergersi quale esempio di perfetto amante degli animali, e quindi vero ambientalista.
 
Queste teorie dogmatiche ricordano molto epoche storiche in cui le soluzioni dei problemi erano affidate a precetti religiosi, privi di logico fondamento ma efficaci per l’ignaro popolo. Finchè non si abbandonerà l’”ambientalismo religioso” in favore di un’”ambientalismo laico”, le tematiche ambientali serie rimarranno nell’oblio più profondo, con false ed assurde inquisizioni e streghe da bruciare.
 
L’epoca cartesiana dell’ambientalismo deve ancora arrivare e la totale confusione del momento è l’indice della profonda ignoranza dell’uomo odierno che spesse volte viene manipolato a piacimento. Eppure, i modelli filosofici cui trattare i problemi ambientali, quelli che regolano il rapporto uomo-natura, sono ben distinti e facilmente individuabili. Attraverso questi è possibile far ragionare l’uomo, cercando il modello giusto di riferimento a seconda del problema che ci si presenta. Le macrocategorie che rispondono a precise teorie filosofiche, distinte e separate, sono essenzialmente quattro. Esistono in realtà anche sottocategorie che affrontano visioni diverse seppur rientranti nella categoria principale ma per questioni di semplicità possiamo raggrupparle in:

  • Animalismo, le cui teorie non occorre ricordarle in quanto conosciute da tutti.
  • Welfarismo, che si occupa del benessere animale pur affermando che l’uso degli stessi è moralmente lecito.
  • Ambientalismo, che tratta appunto la natura in generale, animali e piante in estinzione e solitamente non si occupa troppo di “questione animale”
  • Ecologia profonda che differisce dall’ambientalismo superficiale in quanto ha una visione estremamente biocentrica, accetta l’impiego di animali solo per scopi fondamentali e tra i punti fermi della filosofia afferma che la sopravvivenza dei non umani dipende dalla diminuzione degli umani.

Queste filosofie, tutte lecite e rispettabilissime in quanto consolidate e frutto di ragionamenti umani, regolano i differenti approcci dell’uomo alla natura. Non necessariamente se ne deve scegliere una in esclusiva, anzi, l’equilibrio e la giusta dose tra le quattro visioni è la miglior soluzione e l’”agire etico” nella scelta cui collocare un determinato problema dev’essere ragionevole, responsabile, coerente. Uscire da questa logica denota non conoscenza della materia, incoerenza, incapacità, superficialità caratteriale, grave irresponsabilità.

La maturità dell’uomo d’oggi dovrebbe avere raggiunto un grado d’evoluzione tale da suggerirgli di equilibrare quelle quattro categorie in funzione dell’aspetto trattato e dell’importanza dello stesso. Ecco quindi che potrei tranquillamente riservare cure estremamente amorevoli per il mio cane e quindi definirmi in tal senso un animalista, pensare però anche in senso welfarista per gli animali in generale e quindi accertarne un loro impiego alleviando il più possibile le sofferenze in quanto tutti gli essere viventi hanno un valore intrinseco, visione questa propria dell’ecologia profonda ma, nello stesso tempo, la capacità e l’onestà intellettuale di affrontare un problema ecologico serio con ragione come impone l’ambientalismo, dimenticandomi in quel momento di avere, per il mio cane, una visione animalista che non può applicarsi ad esempio nel problema del mantenimento della biodiversità in quanto va in senso completamente opposto.

Il serio e preoccupante problema italiano è che queste cose si ignorano completamente! Aleggia una confusione pazzesca perfino sui termini da usare. Si confonde l’animalismo con l’ambientalismo o il welfarismo con l’ecologia profonda e si finisce per affrontare un serio problema con la prima filosofia che capita, solitamente quella che grida di più! L’istruzione e l’informazione, soprattutto quelle scolastiche, non possono trattare questi temi in maniera superficiale, o non trattarli, o peggio ancora riservarli solo agli animalisti, perché l’ignoranza crea le assurdità cui abbiamo assistito ultimamente e, come diceva Voltaire, credendo nelle assurdità si commettono delle atrocità.

Il caos totale che regna sulla materia qui in Italia arriva perfino a sostenere un “manifesto animalista”, promosso dall’incoerenza di chi sembra dare la vita per gli animali ma ignora ad esempio quella dei pesci, confondendolo clamorosamente con l’ambientalismo. Nascono nuovi movimenti politici, fondazioni che si definiscono “culturali” e trattano invece la delicata questione ambientale attraverso scritti animalisti promuovendoli non da uomini di scienza e del settore ma da cantanti, ballerine e veline…secondo voi, per il nostro territorio, per gli animali, per l’ambiente in generale c’è o non c’è di che preoccuparsi?
 
Leggi altri Editoriali

35 commenti finora...

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

Profonda ignoranza ed Ecologismo di circostanza!

da Francesko 28/11/2010 9.44

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

Dovrebbero preoccuparsi dei costi dei farmaci veterinari. Così farebbero un vero servizio utile sia agli animali che a chi li possiede. Forse che però non convenga scontrarsi con le case farmaceutiche?? Lasciatemi pensare male so di non fare peccato.

da andrea ge 26/11/2010 14.20

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

Visiona "contatti", a destra i fondo sulla homepage: 'contenuti sito'

da Fromboliere 26/11/2010 11.40

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

Scusate redazione ho necessità urgente di pubblicare un comunicato delle AA.VV genovesi a rigurado del problema aree contigue e parchi. Sono Presidente di atc ge e vicep.federcaccia genova.Potete aiutarmi? grazie

da adriano zanni 26/11/2010 11.19

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

tutti parlano...ma la Provincia di Vicenza qualcosa sta facendo di concreto...ho visto su web che stanno sostenendo il progetto BOSSOLARA, bellissima iniziativa finalizzata a raccogliere i bossoli sparati e poi recuperano mps !!!complimenti !!

da costanza 31 26/11/2010 10.32

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

Caro poeta sarò anche ignorante,ma ho il coraggio di firmarli i miei veniali errori di ortografia.Mi auguro tu non faccia parte della profonda ignoranza di cui sopra.

da francesco47 26/11/2010 0.53

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

C'è ancora chi crede che i riferimenti a ciò che sta sotto la cintura siano così esilaranti da scomodare la sublimità. Grazie per la testimonianza, ha un valore archeologico.

da Fromboliere 25/11/2010 21.43

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

x francesco47: c'è chi puote e chi non puote, e chi non puote se lo sQuote

da poeta_sublime 25/11/2010 20.14

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

Caro Marco ancora una volta sono a riconoscre come il modo di vedere su certi argomenti collima perfettamente.Partendo dalla sua ultima frase,purtroppo,debbo dire che uno dei mali che ci affligge è proprio quello e scaturisce dall'approccio da tifo da stadio che i cacciatori hanno quando si tratta di delegare ad altri il proprio destino.A Massimo Zaratin non debbo dire altro che non già detto se non complimentarmi per i suoi pensieri e per l'impegno.Un ultima considerazione,perchè persone come VOI e qualche altro,che tutti conosciamo,non cercate di squotere questo vituperato mondo venatorio con una strategia nuova e determinata? Francesco Cattani.

da francesco47 25/11/2010 20.01

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

100% Marco, non ho altro da aggiungere.

da andrea ge 25/11/2010 12.57

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

Il nostro è divenuto ormai un Paese che odia! Questo è il problema fondamentale. Ad odiare in modo feroce sono soprattutto coloro che vivono nelle città, divenute ormai invivibili perché gli esseri umani sono cermamente degli animali sociali, ma fino a un certo punto. Si odiano tra seguaci di partiti politici, si odiano tra tifosi di squadre di calcio. La tolleranza è riservata solo a coloro ai quali una certa stampa, fatta di ignoranti, attribuisce lo status di "indifesi". Anche se indifesi non lo sono per niente. Tra questi, oltre a ladri, assassini, stupratori che sono così non per colpa loro, bensì di una non meglio identificata "società", vi sono anche gli animali. I quali vengono mangiati tranquillamente dai cittadini, purché qualcun altro si occupi di ucciderli e ridurli sotto forma di bistecche o di bocconcini surgelati. Insomma in qualcosa che all'occhio dell'osservatore non denunci la sua origine di animale vivo e vitale. Inoltre costoro che vivono in quegli orrendi agglomerati di cemento e acciaio vedono con grande sospetto chi, come noi cacciatori, riesce ad uscire dalla propria condizione di uomo moderno, per rientrare temporaneamente in seno ala vera natura. Infine ci sono coloro che da queste contrapposizioni traggono vantaggi personali e ne approfittano per fare campagne di stampa tese a cambiare leggi o a predisporre situazioni favorevoli. Noi siamo antichi, cari amici cacciatori, e non abbiamo capito che occorre agire con gli stessi mezzi. Le nostre associazioni venatorie hanno perso ormai il contatto con la realtà....

da Marco Buzziolo 25/11/2010 12.22

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

Lorenz: ho scritto questo commento sul link da te indicato, deve essere sottoposto a 'moderazione' in quanto a tutt'ora non è stato ancora pubblicato: Se con una pallonata spacco il vetro di una finestra, pago i danni, ma il pallone rimane il mio, se non me lo rendi ti denuncio per furto, a meno che il gioco del pallone fosse proibito. Il buon senso deve sempre essere condiviso: il contadino consegna il fagiano perché non gli appartiene, il cacciatore resta fuori dalla proprietà, paga l'eventuale danno arrecato alle piante dalla caduta del fagiano, e se ne va per la sua strada.

da Fromboliere 25/11/2010 10.59

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

Vai a scrivere porcate sul tuo diario

da Fromboliere 25/11/2010 10.54

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

REDAZIONE BIGHUNTER MAGAZINE. Commento rimosso.

da boscaiolo 25/11/2010 0.09

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

Questi sono scienziati veri invece......... http://www.gazzettino.it/articolo.php?id=127983&sez=NORDEST

da Lorenz 24/11/2010 23.40

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

Le parole sono pietre, certo. Ma ridurre i problemi dell'Italia e, più in generale, del pianeta, a una questione di corretta definizione mi sembra troppo. Zaratin vuole essere una specie di "dottor Sottile" (Sottilìn) della caccia e magari potrà anche farlo. Il fatto è che si può anche conoscere il significato di welfarismo, animalismo, ambientalismo ecc. ed essere totalmente sprovvisti di buon senso. D'altra parte, tutti questi "ismi" mi fanno drizzare le antenne e suonare i campanelli d'allarme. Una volta il cubismo era roba di Picasso - oggi di ragazze svestite che faranno gli assessori - Il futurismo riguardava Marinetti: oggi Gianfranco Fini. tutte queste passioni per gli ismi dell'ultima ora, le lascio a chi ci si diverte...personalmente ho altro da fare

da felice modica 24/11/2010 15.56

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

Per Mauro De Biagi, eccone uno il crasso, (intestino) certo un giudizio non lo ha espresso, più che altro ha biascicato qualcosa, come quei rumori intestinali e fastidiosi in casi di problemi di meteorisma che causano aerofagia e flatulenza, fortuna che ci sia un PC che ci separi dal crasso. Gent.mo De Biagi mi perdoni per l'argomentazione alquanto maleodorante

da Nato cacciatore 24/11/2010 11.01

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

certo certo zaratino bello, noi siamo tutti ignoranti... il sommo sapere è racchiuso in te. Abbi pazienza, devi sopportarci.

da crasso 23/11/2010 22.16

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

Facebook ha chiuso il gruppo "contro il DDL Orsi e tutti i DDL prò caccia. Da mesi uno sparuto gruppo di cacciatori lo bersagliava giornalmente con commenti e segnalando tutti i commenti denigratori nei confronti dei cacciatori e della caccia,vittoria,viva la caccia.Rik.

da Rik. 23/11/2010 21.03

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

quando risponderà al sig.Paolo la prego di indicarci dove poterla leggere. faccio il tifo per lei e grazie

da nicola 23/11/2010 17.15

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

Grazie per il link

da Mauro De Biagi 23/11/2010 16.31

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

dopo aver assistito ad agorà poco fa, mi rendo conto che non esiste possibilità di dialogo con chichessia, tanto meno con stampa televisiva e non. Arroganza preconcetti falsità ed ignoranza la fanno da padrone con la complicità di teleconduttori conniventi, non preparati in materie e con signore starnazzanti. Non ha senso partecipare a trasmissioni di questo tipo, laddove l'unico che puo parlare per noi viene messo a tacere dalle oche del campidoglio, e l'altro sedicente cacciatore accusa i cacciatori di estremismo. Basta con questa farsa, forse, come diceva solasipe in altra pagina ieri, è giunto il momento di cominciare a parlare in modo diverso, a dire quelle cose che pensiamo e per convenienza civica non pronunciamo.

da andrea ge 23/11/2010 11.33

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

Francamente l’edotto signore scarica, neppur elegantemente sul cacciatore, la colpa dell’intromissione invasiva in quello che lui definisce concetto ‘Terra’, da cui dimentica di includere, tra gli animali, proprio l’uomo. La cultura è assolutamente necessaria ma non si può sacrificare ad essa il senso critico ed il senso critico scaturisce dalla valutazione d’insieme della realtà. Inutile ricordare che l’arco è stato il mezzo tecnologico che ha permesso ad alcuni popoli di sopraffare altri popoli, oggi la bomba atomica. Ma nella contemplazione ‘inerme’ della natura, la tecnologia è quel mezzo che ogni giorno ci permette di capire ‘meglio’ intorno a noi, senza peraltro farci rendere conto quanto sia proprio la tecnologia del progresso a nuocere alla natura. Molto più di qualsiasi cacciatore di fringuelli.

da Fromboliere 23/11/2010 11.09

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

Caro Mauro, critiche e polemiche sono ingredienti essenziali per un buon dialogo. I commenti anticaccia che siamo abituati a leggere su questo ed altri siti nei nostri confronti andrebbero a mio avviso completamente ignorati perché non portano a nulla. Tuttavia, a volte, qualche validissimo interlocutore che la pensa in maniera diversa lo si trova. Non potrei chiedere di più! Voglio capire se sbaglio e dove eventualmente sto sbagliando colloquiando con chi è disposto a mettere in dubbio, come lo faccio io, le idee che sta proponendo. Ti giro un link che mi è stato segnalato ieri relativo ad un bellissimo e argomentato articolo, ancorché a mio avviso confutabile in molti suoi passaggi, cosa che ovviamente farò presto, di un noto autore che è rimasto stupito dal fatto che durante una recente trasmissione televisiva alla quale ho partecipato in qualità di delegato wilderness, non ho supportato le tesi di LAC e WWF. Queste sono le critiche che amo, le uniche che meritano un seguito: http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=35857

da massimo zaratin 23/11/2010 10.13

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

Gent.mo Mauro De Biagi, credo che qualcuno avrà la faccia tosta di farlo, lei non crade? Salutoni

da Nato cacciatore 23/11/2010 9.40

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

E adesso vediamo quanti di quegli insulsi commentatori da strapazzo avranno il coraggio di postare i loro risibili giudizi. Vediamo quanti avranno l'ardire di sputare le loro sentenze monotone del tipo "Cacciatori, gente violenta e incolta, volgare e ottusa", preconfezionate nelle bottegucce anticaccia e animaliste. Sentenze ciclostilate con l'inchiostro rancido del rancore ideologico e diffuse per tornaconto politico ed economico. Ad maiora

da Mauro De Biagi 23/11/2010 8.29

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

Caro Massimo, "siamo già preoccupati!!, e questa preoccupazione viene da lontano,da quando si incominciò ad indietreggiare senza combattere, da quando ciechi e sordi, non sentivamo le campane animaliste avanzare a grandi passi.Il problema è: si può tornare indietro?, ci si può riappropiare del rapporto uomo natura? mah.... ai posteri queste risposte. La mia di risposta, è purtroppo negativa, l'ambientalismo o animalismo che tu così bene descrivi, ha già la strada segnata, ed è una strada in discesa. (spero di sbagliarmi). Auguri Massimo x questo coraggioso impegno, auguri di cuore.

da Giovanni59 22/11/2010 20.15

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

"L’uomo ha urgente necessità di risolvere un problema che non aveva fintantoché era tutt’uno con la natura, povero ma naturale; problema che si è presentato prepotentemente nel momento in cui si è staccato da essa, diventando “ricco e sofisticato”. Ciò che prima era naturale, dev’essere ora ricercato, studiato e risolto!" <><><> Tempo fa ebbi modo di sostenere che l'uomo è il cancro della terra, e ti confeso che ancora lo penso, bene adesso mi corre l'obbligo di chiarire il motivo di una simile affermazione, anche in relazione a quanto da te affermato all'inizio dell'articolo e di cui ho fatto copia/incolla di un suo passo. Non ho bisogno di spiegarti cos'è un cancro, anzi!! sapresti tu spiegarlo a me con termini scentifici più consoni. Bene!! forse è meglio dire male, tutte quelle persone che pur di arrichirsi, non si peoccupano di arrecare gravi danni al nostro pianeta, disboscamento, trivellazioni, cementificazione incontrollata, traforazione di intere montagne e chi più ne ha più ne metta. Animal/ambientalisti, sempre in nome del dio denaro cavalcano l'ignoranza dilagante della gente sui veri pericoli a cui andiamo incontro, percui con la falsa informazione la rendono ancora più asservita ai loro sporchi affari, si potrebbe continuare nella lista di persone da pargonare con le cellule impazzite di un cancro, le quali non rispondento più a nessun tipo di controllo, si moltiplicano a dismusura soffocando le cellule sane restanti, fino a portare alla morte il corpo cui fanno parte. Sono perfettamente consapevole che l'equazione uomo-cancro potrebbe essere forte ed eccesiva, ma non è tanto lontana da una possibile futura realtà. Al pari dei ricercatori scientifici, sarò ben felice se tu e altri uomini come te possano trovare una cura in grado di non far trasformare cellule malate in metastasi distruttive e mortali.

da Nato cacciatore 22/11/2010 15.17

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

x Mino noi dell'AIW cerchiamo di coinvolgere sui temi della conservazione del territorio proprio quelli che la pensano come te! fatti sentire aiw.sa@tiscali.it o segnalaci eventuali abusi sul tuo territorio. insieme possiamo fare qualcosa!

da luigi apicella 22/11/2010 14.41

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

Te lo voglio dire in altre parole: del problema meglio esposto da Zaratin, alla politica non glie ne frega di meno. Peggio, tra ogni partito, ma ancor peggio, in ogni partito ci sono correnti avverse, indistintamente dal colore politico. Quindi il problema, per come realmente è, non verrà riconosciuto e l'ambiente avrà solo da perderne. Ma parliamo di noi che i governi li facciamo col voto. Non siamo forse le stesse persone che pur votando lo stesso partito si litigano ancora sul problema 'caccia si o caccia no?' E noi cacciatori non siamo forse come loro, che perdiamo tempo a litigarci su tutto meno che a metterci insieme? Altro da dire non servirebbe se non a ripetere sempre le stesse cose.

da Fromboliere 22/11/2010 12.10

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

Occhio, però, che gli ignoranti siamo anche (e forse soprattutto) noi cacciatori. Pochissimi di noi sanno qualcosa di questioni ambientali e quasi nessuno capisce che da quelle dipende anche la sopravvivenza della nostra passione. Tre anni fa ho cercato di coivolgere le due squadre dei cinghialai del comune dove vado a caccia contro la costruzione di un nucleo di villette a schiera in mezzo a una foresta, spingendo sul fatto che si sottraeva altro territorio alla caccia. Nemmeno questo argomento ha funzionato: alcuni di loro ci hanno lavorato con le proprie imprese e nessuno di loro lo vedeva come un problema. Non capivano che per la caccia è il consumo di suolo il vero grande problema, più della Brambilla... Per farmi capire faccio solo una domanda: "Nella pinura lombarda, veneta ed emiliana dov'è che si può ancora andare a caccia senza incontrare case, strade e capannoni? Perché mai nessuna associazione venatoria ha mai detto nulla in questi ultimi dieci anni in cui intere zone agricole sono sparite sotto i capannoni e i centri commerciali?

da Mino 22/11/2010 12.04

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

Caro Fromboliere è vero che il governo siamo noi,ma siamo noi a votarlo per le promesse fatte,se poi non vengono mantenute non siamo noi il governo,ma solo noi ad aver deciso di mettere in mani sbagliate il governo stesso.Ora che colpa ne abbiamo noi tutti ? Un saluto e l'italia è messa male sotto ogni aspetto.E sappiamo oramai tutti e dico tutti che i governanti sono una massa di bugiardi e MANGIAPANE A TRADIMENTO,DELL'ITALIA ED I SUOI PROBLEMI " REALI " SE NE INFISCHIANO,L'IMPORTANTE E' ARRIVARE AL 27 DI OGNI MESE PER PRENDERE 10.000 EURO.

da Adamo 22/11/2010 11.24

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

E’ inutile farti i complimenti perché si sa che l’analisi è il tuo ambiente congeniale. Pare che eviti di trarre le debite conclusioni, volutamente, forse per lasciare aperto il dibattito, quindi direi: dibattito ricco mi ci ficco. C’è da preoccuparsi eccome, Zaratin. Oggi o si abbandona la nave o c’è da ragionare sul come affogare. Questo è il Paese che non riesce mai a trovare un fronte condivisibile sul quale schierarsi, fianco a fianco, per affrontare un qualsivoglia problema. I fatti, semi secolari, che hanno scosso questa nostra Terra hanno creato una tale diffidenza che mentre nessuno sa più bene da chi doversi guardare si è formata una razza incallita di profittatori. Finché questa diffidenza, ormai congenita, non si attenuerà, ci ridurremo solamente a proporre tavoli di concertazione per gli anni a venire. La soluzione, come sempre, starebbe nel Governo, ma il governo, alla fine, siamo noi stessi ed ecco che il cane finisce per mordersi la coda.

da Fromboliere 22/11/2010 10.49

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

QUI IN ITALIA SI CONFONDE LA VITA UMANA CON QUELLA ANIMALISTA, SE QUESTI SONO LEGGI DELLO STATO? VEDI QUELLO CHE SUCCESSO AL POVERO TAXI POVERI NOI COME SIAMO CADUTI IN BASSO.

da ANTONIO 22/11/2010 10.19

Re:L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza

La prima preoccupazione dovrebbe essere quella di infondere nei cacciatori una sana coscienza ambientalista. Come del resto era - almeno nelle elites - fino a una cinquantina di anni fa. La gente comune, allora, era costituita in gran parte da agricoltori, che conoscevano benissimo il respiro delle stagioni e della natura, e quindi non avevano problemi a capire che tutto era armoniosamente da collegare. Perchè, cari miei, la wilderness in Italia non esiste da almeno duemila anni, poichè la natura fin da quelle epoche lontane era curata dall'uomo a sua dimensione. E sfido chiunque a dire che fino ad oggi l'uomo non avesse fatto un buon lavoro. Adesso la musica è un'altra. Si pensa di vendere natura e invece si rischia di asservirla - anche con la filosofia da strapazzo - a interessi di parte.

da Aper itivus 22/11/2010 10.14