Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Le vere cause della diminuzione di alcuni uccelli comuniSciocchezze muflonicheUn referendum illegaleAddio Wilbur Smith. Principe dell'avventuraMa il pianeta come lo salviamo?Esercizi di memoriaDella caccia di una voltaReferendum. Uno strumento pericolosoIl ritorno delle donniccioleSiamo i garanti della biodiversitàE se dessimo un senso alla Cabina di regia?Quo usque tandem?Se l’agricoltura è un problema*Inglesi fra ferma e guidataQuestione di bicchiereUn legame, tanti valori *Ma quale referendum!Ricordando ColumellaOltre il GulashLo scoglio dei sedici anniFra binocolo e zappaManifesto, Ergo SumQuando la caccia è pura gioiaIl sapore della cacciaOcchio alla pennaLe smanie per il cinghialeFavoleFollie dell'altro mondoParliamo di cose serieMistificazioniPunto (e virgola) sulla migratoriaQuando il cane era lupoL'etica animale, l'etica della caccia e l'etica nella cacciaIo la penso cosìTempi rottiChe il futuro ci sia... MiteCaccia e next generationAvviso ai navigantiCacciatrici, ma quale novità!Come riportare la natura nella nostra vitaLe memorie corteUn sognoLa caccia francese scende in campoDalle Alpi alle piramidi. Un auspicioCaput mundi de che?La caccia e la fabbrica dei sogniIl catalogo è questoIl cane è intelligente?Punto cinghiale. Ma non soloMa vi pare possibile?Paesi tuoiIl cane "appadronato"Una. Un primo passo verso il riscattoCosa non fa la Lipu?Sui cinghiali di RomaAnche i papi nel loro piccolo s'in...dignanoForza ragazzi!No all’estremismo animalistaRecovery HuntE caccia sia!Barbera o Champagne?Ancora a caccia con entusiasmoMeglio quando c’era TiburziFrancia. Così si faConto alla rovesciaPer una costituente della cacciaDi qua e di là dalle AlpiForza cacciatoriUn salutoIl futuro remotoCronache dalla savanaServono ideeAmati sentieriAddio Taddeo!Parchi "U.S.A & caccia"Le verità sepolteLe magnifiche sorti e progressiveBenedetto cinghialeConsiderazioni sulla beccacciaTorniamo intorno al caminoLettere ai tempi del CoronavirusLa lepre del... preteLa penultima spiaggiaViva la campagna Nuove sfidePer un nuovo buongovernoA carte scoperteCovid-19 con prudenza operosaIl mio caro Münsterländer e altre esortazioniRitorno a cinghialandiaTanto fumo e poco...Animali e ParlamentoC'era una volta un saggio. Anzi: tanti saggiBeccacce e tanta passioneLa Sinfonia PerfettaDaini Circeo. Scienza contro panzaTra tofu e fanatismoAnche Manhattan è naturaAmbientalismo: scienza o compassione?FILIERA: i primi passiCinghia - Lex & C.Rural SuasionMeglio i tordiUngulati, questi sconosciutiNessuno tocchi l'ambiente. Ci basta il paesaggioRifacciamoci la boccaLa natura nel mondo delle fiabeDa ieri a oggi. E domani?Uno scatto d'orgoglio per recuperare rispettoLa bellezza salverà il mondoDove vai, se la caccia non ce l'haiNell’anno delle allodole*Tutela biodiversità? Ben venga!Diamoci da fareIeri le tortoreA caccia, ieri, oggi, domaniKC. La scienza bizzarraCaccia futura - Parte l'iniziativa BigHunter "Io ci sono!"L'animalista antiscientificoProviamoci, almenoEmergenze o indulgenze?Forza ragazzi! Forza ragazze!Moriglione, pavoncella e la polvere sotto il tappeto Ambientalisti in discesaLa giusta battaglia dei circhiIl pane … e la cacciaCacciatori e piccoli passiGli animali sono animaliAvanti tutta in EuropaAmbientalista? Sì, cacciatore!QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMOSelvaggina, la via della filieraGiovani. Cacciatori. NaturalistiEuropa Europa!Padule di Fucecchio. Fatti non p.Diamo una mano alla starnaTornare ai tempi della naturaRitorniamo al mitoGreta e la terra I Restoni non sono “quelli che restano”Riprendiamoci la naturaDiscorso sulla coturnice, ma non soloLa piaga dei ParchiBentornata ExaHorror naturaProvocazioni e fermezzaMaestra montagnaSPORT O PASSIONE?Un contratto a uso del manovratoreCol cinghiale al casello, ma non soloCinghiale. Il ricercatore svela la bufalaCambiamenti climatici e migrazioneScelta di campo e arie partenopeeIl nostro futuro è in EuropaLa mia Flyway è differenteIl futuro potrebbe essere la gestione adattativa?Un amoreAmbientalismo de noantriAria fresca e un pensierino alla SerraIl caso Leopold LipuUna sbiadita stellaViva la caccia!Questione di passioneIl mondo che verràIl senso della Lipu per i passeriArmi. Le nuove regoleSi va per l'aperturaLa tentazione di riprovarciIncendi. Il presente, il futuroAmbiente. Vogliamo parlare dei Parchi?SOGNO DI UN'ELISA DI MEZZA ESTATELa nostra frontieraCerusici e norciniSaggezza cinotecnicaUn ministro smarritoMa dov'era la Lipu quando ci rubavano gli habitat?E se si ripartisse dalla pernice?ISTINTO VENATORIO DEL CANE DA FERMAAntibracconaggio, a che punto siamo?Nuovo Governo. Un limite, un'opportunitàCronaca di una passioneDotti, medici e sapientiDiamoci una mossaE' giusto essere amici degli animali, ma oggi è meglio difendere gli uominiOrnitologo sarà lei! - Ornitologia “accademica” vs. Ornitologia “venatoria”Battistoni. Ambientalista cacciatore, con un occhio alla migratoriaEmozioni di una capannistaBruzzone, è ora di riformeCaccia richiamo profondoCalo uccelli e agricoltura. La resa dei conti Le visioni di lupo Gianroberto e i tre grilliniAttesaVaghe stelle del sudLa caccia come la vedo ioELEZIONI 4 MARZO: CHI VOTARE E CHI NOUn primato sconosciutoLa carica degli ungulatiIl sabato del cacciatoreSpeciale elezioni: Un voto per la cacciaAndare a votare e votare beneOH QUANTE BELLE FIGLIE...A testa altaDella beccaccia e del suo patrimonioCi vuole più coraggioDove va la caccia secondo SimonaDove va la caccia? "Lo decidiamo noi"A futura memoria per l'umanità di domaniIl futuro dipenderà da noiInsostenibili sarete voi!Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIOrsi, sono troppi?L'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒ Libro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?E GALLETTI FECE IL SORDOLA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaEUROPEI A META'Donne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARERomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

Della caccia di una volta


lunedì 25 ottobre 2021
    

 
 
 
Chi l'ha conosciuta, ma anche chi dotato di un minimo di capacità intuitiva ne ha sentito parlare, può a buona ragione confermare che "la caccia di una volta" era una cosa seria. Però, basta intendersi. Infatti, a seguito di questo concetto (la caccia di una volta) sorge spontanea una domanda: ma qual era la caccia di una volta? Qui, secondo me, i pareri discordano. C'è chi si riferisce al bel tempo andato, cioè all'Italia rurale, prima del boom, chi all'epoca del boom, appunto, chi alla caccia d'elite, chi alla bella vita vagabonda. E qui si aprirebbe un capitolo a parte.

I riferimenti, oltre alle esperienze dirette, o ai ricordi di genitori e nonni, riguardano modelli recuperati dalla letteratura, o dalla pubblicistica di area. Quella storica, Diana ormai più che secolare, Il Cacciatore Italiano, soprattutto quello prima maniera, e poco altro. Quella contemporanea, Caccia & Pesca, soprattutto, con i suoi successi e il suo lento declino, poi Sentieri di caccia e qualche altra, compresi gli organi ufficiali delle varie associazioni. Infine il web, dove, come è noto, c'è di tutto e di più, mentre manca quasi del tutto un organo controllore (per tutto ciò che vi appare, ovviamente) che ci risparmi le bufale e le ciofeghe. Molti di noi hanno alimentato la propria passione leggendo Renato Fucini (Le veglie di Neri, prima edizione 1882), Niccolini (Giornate di Caccia, prima edizione 1926), Barisoni (Bella vita vagabonda, prima edizione 1934), Piero Pieroni e le sue beccacce, Gin Bardelli, del quale leggerei volentieri una raccolta ragionata dei suoi scritti. I più appassionati. Storie di un tempo che fu, ormai. E aggiungerei purtroppo.

Col boom, poi, cresciuto il portafoglio e conquistata la mobilità, molti di noi, in cerca nell'altrove della caccia di una volta, hanno sperimentato modelli di caccia europei e - con l'avvento delle piccole o grandi agenzie di caccia, ma anche col fai-da-te - anche più in là. Con esperienze a fasi alterne, in relazione al risultato. Con soddisfazioni, quasi sempre, legate alle condizioni ambientali: terre primitive o tipicamente rurali, condizioni sociali da epoca preindustriale.

Poi, per la caccia di una volta, occorre anche fare dei sani distinguo fra i diversi tipi. La cosiddetta piccola stanziale, starne lepri (e fagiani), ha subito diversi tracolli, in più o in meno, a seguito delle rapide e radicali trasformazioni fondiarie, con conseguenti immissioni a rincalzo di contingenti piuttosto eterogenei. Degli ungulati, fino a mezzo secolo fa, si parlava di cervi, caprioli e camosci sulla cerchia alpina o poco più, cinghiali in maremma (e in Sardegna), daini nelle riserve ex reali. I mufloni vennero "inventati" (come  selvaggina) fra gli anni sessanta e i settanta.

Per la migratoria, il vero oggetto della caccia (popolare) di una volta, il discorso si fa ancora più complesso. La meravigliosa caccia agli acquatici si è andata riducendo negli spazi, a mano a mano che le bonifiche e la speculazione hanno ridotto gli ambienti adatti. Oggi, nonostante tutto, rimane una buona realtà grazie a quelle poche aree palustri che siamo riusciti a conservare. Soprattutto grazie alla passione di cacciatori. La beccaccia fa storia a sè. Appennino e preappennino, e macchie costiere, costituiscono un ottimo serbatoio che ne garantisce il passaggio e la presenza. Stessa cosa si può dire per il colombaccio e per i tordi, o meglio i turdidi. Forse ce ne sono più oggi che...una volta. Soffre invece l'allodola, a causa di quelle radicali trasformazioni agricolturali che cominciano a destare preoccupazione per ben altri problemi, purtroppo. E la caccia alle allodole è stata per questa e per le precedenti tre-quattro generazioni una vera caccia popolare.

Quello che rode, a molti di noi, è la burocrazia, le pastoie spesso illogiche, l'impossibilità di girovagare a nostro piacimento da su a giù per lo stivale. Ma su questo s'aprirebbe un lunghissimo capitolo, proprio sul concetto di "caccia di una volta". Perchè "una volta" - ove s'intendesse il periodo della giovinezza di molti di noi - non è, appunto, un'epoca tanto lontana, se come possiamo concordare la si colloca nel periodo a cavallo fra gli anni cinquanta e settanta. Ma in quella sostanzialmente ridotta fascia temporale ne sono successe di cose dalle nostre parti, in fatto di trasformazioni sociali e colturali: oggi siamo 60milioni, almeno dieci di più di allora, e si gira il mondo, mentre fino agli anni sessanta eravamo confinati nel nostro ristretto territorio (in pochi avevano mezzi di locomozione per spostamenti veloci). Inoltre eravamo solo noi a frequentare le campagne: oggi tutti pretendono quell'aria “pulita” che non trovano nelle città. Da tutto ciò deriva, purtroppo, una burocrazia che sciaguratamente è stata inquinata da quella deriva animalista che nasconde interessi molto consistenti, “naturalmente” in contrasto con le nostre aspettative. E questo ha fatto senza alcun dubbio la differenza. Per cui, se vogliamo dare una definizione certa a quanto si diceva in premessa, bisogna intendersi su dove collocare il confine fra caccia di oggi e caccia di una volta.


Su tutto, e soprattutto sulla conservazione delle diverse specie selvatiche, quasi nessuna esclusa, chi ha davvero a cuore  la loro conservazione non deve avere alcun timore dei prelievi da parte dei cacciatori, la cui pressione è oggettivamente in calo e quel territorio interdetto alla caccia, che ormai in vaste aree del paese supera il trenta per cento, ne è sicuro custode. Anche con non pochi  guasti, come vediamo per certe specie non solo di ungulati. Il problema è nato e cresciuto altrove. Qualcuno prima o poi se ne dovrà rendere conto.


Lorenzo Mazzini



NOTA: Le molte approssimazioni che i più eruditi possono rilevare, sono frutto di una necessità di sintetizzare. Nel nostro paese, la caccia moderna abbraccia ormai quasi due secoli di storia, ma anche "la caccia di una volta", intesa dai nostri contemporanei cacciatori, attraversa quel lungo periodo che arriva ad oggi partendo almeno dall'epoca a cavallo fra le due  guerre mondiali. E anche per la caccia ne sono successe di cose, in questo lungo periodo. E, in conclusione, anche gli "storici di professione" non hanno ancora affrontato l'argomento con la necessaria attenzione.


Redazione Big Hunter. Avviso ai commentatori
 
Commentare le notizie, oltre che uno svago e un motivo di incontro e condivisione , può servire per meglio ampliare la notizia stessa, ma ci deve essere il rispetto altrui e la responsabilità a cui nessuno può sottrarsi. Abbiamo purtroppo notato uno svilimento del confronto tra gli utenti che frequentano il nostro portale, con commenti quotidiani al limite dell'indecenza, che ci obbligano ad una riflessione e una presa di posizione. Non siamo più disposti a tollerare mancanze di rispetto e l'utilizzo manipolatorio di questo portale, con commenti fake, al fine di destabilizzare il dialogo costruttivo e civile. Ricordiamo che concediamo questo spazio, (ancora per il momento libero ma prenderemo presto provvedimenti adeguati) al solo scopo di commentare la notizia pubblicata. Pertanto d'ora in avanti elimineremo ogni commento che non rispetta l'argomento proposto o che contenga offese o parole irrispettose o volgari.
Ecco le ulteriori regole:
1 commentare solo l'argomento proposto nella notizia.
2 evitare insulti, offese e linguaggio volgare, anche se diretti ad altri commentatori della notizia.
3 non usare il maiuscolo o ridurre al minimo il suo utilizzo (equivale ad urlare)
4 rispettare le altrui opinioni, anche se diverse dalle proprie.

5 firmarsi sempre con lo stesso nickname identificativo e non utilizzare lo spazio Autore in maniera inappropriata (ad esempio firmandosi con frasi, risate, punteggiatura, ecc., o scrivendo il nickname altrui)
Grazie a chi si atterrà alle nostre regole.

Leggi altri Editoriali

36 commenti finora...

Re:Della caccia di una volta

Non sei comunista, sei un idiota.

da Mirko 01/11/2021 21.29

Re:Della caccia di una volta

Uguale salame... Un disastro... Io non sono comunista ripeto... Non mi offendo se mi danno del comunista ma mi offenderei solo se mi dessero del fascista... Vero e che la sinistra ha agito male a traino... Fino a che non è comparso sul panorama nazionale il trio delle meraviglie degli onesti che non rubavano a sostituire i disonestiche rubavano (Berlusconi premier con tajani e Dell utri Scaiola e gli appartamenti di Roma connessi... Fini vicepremier con la meloni e la russa ministri e gli appartamenti di Montecarlo connessi... E bossi col cappio per i tangentari e il trota belsito e i 49 milioni connessi...Che per salvini non ci devono essere sostituiti) le cose dal punto di vista sanitario andavano egregiamente... Poi è arrivata questa banda degli onesti e sta facendo quello che è sotto gli occhi di tutti... E sono sempre lì da 30 anni... La meloni,la russa, la santanche, Berlusconi, tajani, Borghezio, Salvini, borghi... Sono sempre loro... Questa allegra brigata dopo 30 anni di parlamento dopo aver fatto i premier i vicepremier e i ministri e' 30 che va in giro a rappresentare il nuovo che avanza... E anvedi sti onesti come ci hanno ridotto la sanita...

da Luca 01/11/2021 21.11

Re:Della caccia di una volta

Uguale salame... Un disastro... Io non sono comunista ripeto... Non mi offendo se mi danno del comunista ma mi offenderei solo se mi dessero del fascista... Vero e che la sinistra ha agito male a traino... Fino a che non è comparso sul panorama nazionale il trio delle meraviglie degli onesti che non rubavano a sostituire i disonestiche rubavano (Berlusconi premier con tajani e Dell utri Scaiola e gli appartamenti di Roma connessi... Fini vicepremier con la meloni e la russa ministri e gli appartamenti di Montecarlo connessi... E bossi col cappio per i tangentari e il trota belsito e i 49 milioni connessi...Che per salvini non ci devono essere sostituiti) le cose dal punto di vista sanitario andavano egregiamente... Poi è arrivata questa banda degli onesti e sta facendo quello che è sotto gli occhi di tutti... E sono sempre lì da 30 anni... La meloni,la russa, la santanche, Berlusconi, tajani, Borghezio, Salvini, borghi... Sono sempre loro... Questa allegra brigata dopo 30 anni di parlamento dopo aver fatto i premier i vicepremier e i ministri e' 30 che va in giro a rappresentare il nuovo che avanza... anvedi...

da Luca 01/11/2021 21.10

Re:Della caccia di una volta

Come la sanità in Umbria della tua compagna Catiuscia Marini e del suo Assessore Barberini?

da X LUCA CHE CONTINUA A DELIRARE 01/11/2021 20.28

Re:Della caccia di una volta

X questo sotto... La sanità italiana è stata una eccellenza mondiale... E gratis... Grazie alle amministrazioni di centrosinistra che hanno condotto l Italia dal dopoguerra a Craxi.... Con l avvento di Berlusconi dicendoci che erano tangentari e rubavano e iniziato lo smantellamento e i tagli.... Ovviamente le campagne elettorali da avanspettacolo dovevano proporre promesse appetitose e si è proceduto così.... Da allora sono passati 30 anni e raccogliamo i frutti.... Vai a spiare un pronto soccorso da fuori (del nord) e vedi il terzo mondo... Vai in una corsia di notte e tra infermieri italiano non si parla più piuttosto vanno in Svizzera francia o in cliniche private... E l apice è stato il covid... Lasciamo perdere l assessore allo spritz... Ma di quel che è rimasto non abbiamo avuto 1 che si sia accorto del covid x 4 mesi nonostante notizie di pipistrelli cinesi a raffica e migliaia di polmonite.... Possibile che hai il virus per 4 mesi sotto il naso, al tgi parlano di quello, è te ne accorgi dopo 4 mesi perché te lo dice una ricercatrice che in autonomia ha fatto una ricerca.... No non è possibile....

da Luca 01/11/2021 18.46

Re:Della caccia di una volta

Manca la custodia armata dell'arma, la licenza di caccia irlandese e una cosa fondamentale: l'esperienza maturata negli anni che mi permette di spendere niente per questo tipo di caccia. Ma quella non si compra si impara.

da Fredommmm 01/11/2021 18.43

Re:Della caccia di una volta

Io ho pagato 25 euro al giorno di auto a noleggio in Irlanda; una settimana 175 euro. Ho pagato 85 euro volo a/r Roma Dublino. 40 euro al giorno di Motel (modesto) cioè 280 euro a settimana. 540 euro senza vitto. Aggiungiamo il vitto le bevande. Se anche ti fanno andare a caccia gratis, dubito molto che con 700 euro cacci una settimana, con 500 sono certo di no.

da Dario 01/11/2021 15.49

Re:Della caccia di una volta

250 cartucce al giorno. ( ovviamente)

da Freeeedddddommmmmm 01/11/2021 15.12

Re:Della caccia di una volta

una settimana se vai con una agenzia dai 1200 ai 2000 euro ( senza spese di viaggio e cartucce) se parli inglese e ci sai fare biglietto aereo, motel , macchina a noleggio una settimana dai 500 ai 700 euro tutto compreso , cartucce a parte perchè ne puoi sparare oltre 250. spendi meno che un uscita giornaliera ad anatre in una "media" riserva italiana.

da FReeedddddommmmm 01/11/2021 15.10

Re:Della caccia di una volta

Però tutti a curarsi in Lombardia, da tutta Italia, Lazio compreso . Sempre più fazioso, sempre meno credibile.

da X questo qua sotto 01/11/2021 13.55

Re:Della caccia di una volta

Il disgraziato sotto ha ragione su una cosa...sulla sanità in Italia ci fanno bere che è egregia invece la stanno smantellando... La stanno trasformando in discarica di politici trombati che stanno passano il poco tempo che lavorano a tagliare dissennatamente e mandare rapportini dei tagli al politico che lo ha piazzato lì... il quale in faccia tronfia elargisce conferenze da strapazzo dove si autocelebra perché ha speso meno mantenendo il servizio.... E giù premi produttività a catena a tutti i politici.... Oramai nelle corsie tra infermieri non si parla più italiano...Se hai bisogno o paghi o auguri.... Basta vedere che hanno combinato in Lombardia.... Nella regione considerata eccellenza italiana hanno avuto centinaia di polmonite da covid da inizio ottobre e se ne sono accorti a fine gennaio.... Dopo 4 mesi e grazie a una ricercatrice non a un medico!!!!! E nessuno in tv dice ciò.... Ma tutti a lodare.... Ma de che... Oramai siamo in mano a politici di serie C che gestiscono la sanità a smantello arraffano stipendi da fuoco.... Basta spiare da fuori le condizioni di un pronto soccorso.... Altro che eccellenze mediche... Le eccellenze mediche o scappano o le devi pagare e tanto...

da Luca 01/11/2021 10.24

Re:Della caccia di una volta

X quì sotto; Allora quanto ti costa andare a farti una settimana a colombacci dato che lassù sono considerati dei nocivi?! Grazie.

da s.g. 31/10/2021 14.21

Re:Della caccia di una volta

komunista dei miei stivali !

da FREEEEdoooMMMM 29/10/2021 18.43

Re:Della caccia di una volta

Stattene in Irlanda e non ci rompere le scatole dato che ci stai bene. Nessuno sente la tua mancanza, rinnegato.

da X questo qua sotto 29/10/2021 15.04

Re:Della caccia di una volta

sg: le minchiate le spari tu ,in Irlanda ti pagano per sparare ai colombacci , ma cosa scrivi? prima di scirvere informati , certo i morti di fame fammo bene a leccare il culo al presidente dell'ATC di turno---lecca pure...

da freeeeddooooommmmmm 29/10/2021 14.30

Re:Della caccia di una volta

Allora, per questi quì, convinti dell'eden estero, è vero, esiste veramente, ma solo se risulti essere proprietario (acquistandovi una bella tenuta). Allora cari amici nonchè colleghi cacciatori, fatevi quattro conti in tasca prima di sparare min....., perchè l'unica cosa che non costa, sapete qualè?...

da s.g. 29/10/2021 13.51

Re:Della caccia di una volta

gratis? in Italia? ma fammi il piacere mica sono un morto di fame come te... nonostante abbia pagato anche le tue cure ho sempre preferito la sanita privata ! vai te con gli extracomutari a curati e poi in Italia vi danno da bere che è un eccellenza invece è una merda! Ma non farmi ridere invidioso ! cerca di stare in salute che in ITALIA ti fanno morire ..Draghi...Letta ... Renzi...ma dove caz volete andare??? nel cesso!povera Italia

da Fredoooommmmm 29/10/2021 8.44

Re:Della caccia di una volta

Però se ti ammali resta dove sei e non tornare a curarti gratis in Italia.

da X questo qua sotto 29/10/2021 6.41

Re:Della caccia di una volta

Bye Bye: ma chi se ne frega se è privata ( che non è vero) dirai che se non sei residente cambia molto. al contrario è freeeeeeee INFORMATI prima di scrivere sciocchezze oppure vieni a vivere all'estero e capisci le differenze ! fredooommm

da fredommmm 28/10/2021 21.08

Re:Della caccia di una volta

Caro freedommm, all'estero non ti tocca nessuno perché la caccia è privata. Praticamente un business, come sai se controlli il tuo portafoglio. Prova a farti sostenitore di una privatizzazione della caccia anche in Italia e poi se ne riparla.

da Bye bye 28/10/2021 19.20

Re:Della caccia di una volta

bhe, ci sono anatre ,oche, pivieri, chiurli , beccacce ... bhe la gnocca viene sempre prima di tutto hai ragione tu!

da Fredommm 28/10/2021 14.49

Re:Della caccia di una volta

fateli, non è questione di conti ma di LIBERTA' , all'estero non ti rompe la balls NESSUNO in Italia TUTTI anche quello che non capsice un kaiser se ti vede con il fucile e giu insulti! Non mi manca molto alla pensione ho gia comeperato una casa in Irlanda farò colombacci 365 gg all'anno alla faccia dei Governati Italiani, degli ATC ROSSI, delle riserve da RICCONI , degli anticaccia stupidi e maleducati, dei cacciatori prepotenti, degli appostamemti fissi che hanno rotto il caz, delel distanze da casa, dai frutti, dai campi, dal problema del fucile in macchina ( solo in Italia) dell'Enapa , lipu, verdi, gialli rossi, mnarroni andate tutti a quel paeseeeeeeeeeeeeeee FREDOOOOOOOOOOOOOOOOOO

da Fredommmmm 28/10/2021 12.07

Re:Della caccia di una volta

Beati voi. Io, però, un po' di conti li farei...

da fateli! 28/10/2021 9.05

Re:Della caccia di una volta

Concordo con freeeeee. Continuerò a versare i miei soldi per la caccia in Italia, fin quando non sarò costretto a dover sparare polli colorati in un campo delimitato da nastro bicolore. Viceversa.... ESTERO. Ci si diverte senza rotture di balle e senza doversi nascondere dietro ad ogni cespuglio perchè non sai mai se dove ti trovi è parco, rno, sic, zps e stronzate simili.

da Hunter74 28/10/2021 0.13

Re:Della caccia di una volta

con 25 mila euro vado in Irlanda 50 colte e abbatto 20,000 colombi con 75.000 mi compro un chiaro in estonia oppure mi faccio il giro del Mondo ad anatre dall'Argentina, Uruguay , messico , canada, usa e tutta l'europa e mi restano i soldi , con 5000 euro vado tre volte in spagna ( da amici ) e abbatto il triplo dei tordi che in una avf italiana. Scusami Ernesto , ma chi spede sti soldi è un pchino suonatello oppure ha buone possibilità . Quello che voglio dire e che con qualche mille euro vai a caccia in tutta Europa seza problemi e te ne freghi della caccia...degli ATC di Arturo...della AFV da ricchi...delle guardi volontarie , della forestale e dei verdi rompipalle ! SEI LIBEROOOOOOOOOOOO

da Freeeeeee 27/10/2021 15.17

Re:Della caccia di una volta

le anatre sono il top della caccia

da top 27/10/2021 15.01

Re:Della caccia di una volta

Se è per quello, anche invernali. Ma non cambia niente. Gli uccelli ci sono. Di sicuro, se non hanno da mangiare non ci stanno!

da O no? 26/10/2021 20.32

Re:Della caccia di una volta

Non è vero, caro ridanciano. Nelle AFV e nelle aree protette ce ne sono di pregiatissime, fischioni, codoni, canapiglie, alzavole, mestoloni, ma anche altre. E anche gli appostamenti ben attrezzati fanno bei carnieri.

da Bisogna essere un po' più propositivi 26/10/2021 17.29

Re:Della caccia di una volta

Intendiamoci, anch'io passavo l'ottobre a caccia di allodole, ma anche di FRINGUELLI, PEPPOLE, VERDONI (CARINZOLI), PISPOLE, STRILLOZZI, OLTRE A TORDI SASSELLI, MERLI, CESENE, [TORDELE], COLOMBI, GHIANDAIE. Gabbie, richiami a bocca, civette e falchetti, macaco, uccelli accodati alla "frusta" (che non era quella per incitare i cavalli), stampi impagliati eccetera. Per passare poi a beccaccini, frullini, gallinelle, porciglioni, schiribille. E poi beccacce,ma anche anatre di tutti i generi, trampolieri (pavoncelle, pivieri, gambette, gambettoni: chi se ne intende sa a quali specie mi riferisco). In apertura agostana erano fagiani, starne, lepri, tortore, qualche quaglia, qualche merlo, qualche rigogolo. E averle, prispoloni, beccafichi. Bella vita eh? Adesso, con neanche la metà di specie cacciabili, con mille pastoie e troppi stravolgimenti fondiari e colturali, chi vuole, chi sa, e chi ha ancora tanta passione riesce comunque a soddisfare il carniere da migratorista. Magari se ha un po' di soldi (meglio tanti) si leva anche la voglia: un capanno ai colombi in AFV costa 25mila euri, una botte in valle due-tre volte tanto, 5mila un capanno ai tordi (sempre in riserva, ovviamente), ma anche una persona normale a fine anno porta a casa ottime soddisfazioni. Il cinghiale? Lo lascio agli altri. Un po' perchè non la considero la mia caccia (in maremma ne sono sempre andati matti, oggi è come paragonare un pollo ruspante a un pollo del supermercato: occhio, il pollo del supermercato è preferito da questi palati di plastica bombardati dalla pubblicità), un po' perchè non mi fido di questi tartarini con la mitragliatrice. E neanche di me stesso: potrei rovinarmi la vita e quella di altri. La caccia di selezione? L'ho assaggiata, sulle alpi e sugli appennini, ma il loden non fa per me. Come, d'altro canto, non amo il mimetico. Preferisco una vecchia cacciatora. Di fustagno!

da Eugenio B. 26/10/2021 14.51

Re:Della caccia di una volta

Paolo. Ma che dici? La migratoria c'è. Gode di buona salute. Io vado a beccacce, a quaglie, a beccaccini e riesco ancora a divertirmi. Ma forse tu non hai i cani. O forse sei il classico che va a caccia con la renault megane. L'unica disgrazia sono i parchi e tutte quelle mangiatoie per falliti di riserve, oasi e aree protette senza senso. Le anatre fanno alti e bassi a seconda delle condizioni metereologiche ed a seconda dell'accoglienza dei siti vocati. Paolo, dove vuoi trovarla la migratoria? Al bar?

da Hunter74 26/10/2021 13.14

Re:Della caccia di una volta

Le anatre in aumento? Si, quelle germanate chiamate Germani Reali. Gli unici migratori in aumento sono i Colombacci. La carabina l’ho provata, anche con ottimi risultati, e subito venduta: a me piace cacciare mica uccidere!

da Paolo 26/10/2021 12.29

Re:Della caccia di una volta

La caccia di una volta non c’è più. Oggi pero possiamo cacciare quasi tutto l’anno. Non i migratori. Eppure anatre e colombi sono in netto aumento. Riguardo ai tordi , le allodole , qualche trampoliere, nei posti giusti ci si può ancora divertire. Ma per ottenere un buon ATC per migratoria occorre saper pregare in Arabo oppure fare un salto a Lourdes e fare il bagno nell’acqua santa. Ma non è detto che vada bene. La 157 ha sancito la fine della caccia alla migratoria e aperto la caccia agli ungulati su quasi la totalità del territorio italiano a parte le Alpi dove è sempre stata praticata. C’è stato uno scambio , importante. E’ arrivata la gestione, l’etica, la preparazione , il loden , il binocolo e si è buttato il capanno di tela nel cesso. Il migratorista è mal visto da tutto e tutti. La caccia agli uccelli è sempre stata criticata da tutti e queste sono le conseguenze. Eppure noi siamo molti di più che i cacciatori a palla.In troppi, hanno abbondano tordi e cesene per passare a caprioli e cinghiali. In Appennino, si mettono il loden e il cappello da Alpino e via andare! Che ridere! La situazione per noi migratoristi è in netto sfacelo. Ma questa è la realtà. Anche io mi sono “prostituito” alla carabina ( per forza) ma non provo le stesse sensazioni di un branco di colombi che scende dal cielo, di un volo di codoni , lo schizzo del tordo e le pavoncelle che credono al canto della piva ma anche le allodole alla civetta in plastica e alla borrita nei campi! Che peccato.

da Arturo 26/10/2021 10.28

Re:Della caccia di una volta

Ho letto che in Francia i cacciatori hanno inviato più di seicentomila opuscoli a tutti gli amministratori pubblici, nazionali, regionali e comunali per illustrare cosa fanno a favore della biodiversità. Ci vuole troppo per fare la stessa cosa? La Cabina di Regia non può elaborare un "vademecum" (meglio una serie periodica di vademecum) e distribuirlo non solo fra i propri iscritti, ma incaricarli di farlo giungere alle centinaia di migliaia di nostri amministratori? Con il web, le email, i social, non credo sia cosa difficile.

da Prooova! 26/10/2021 9.31

Re:Della caccia di una volta

A mio avviso, non solamente la caccia di una volta era cosa seria. Anche la caccia di oggi è una cosa seria. Lo dimostrano tutti gli attacchi a corna basse di quella categoria di persone che si fanno chiamare ambientalisti ed animalisti. Se pensiamo che oggi, la metamorfosi della cultura della gente moderna a danno di una rarefazione continua della cultura rurale, sia un bene per il pianeta, beh, credo sia una boiata enorme. Una volta c’era davvero rispetto per l’ambiente, per la terra, per i selvatici… per la natura tutta insomma. Oggi i giovani non sanno neppure da dove arrivi il cibo che mangiano in tavola. Credono che gli hamburger del mc donald nascano e crescano hamburger. Però sono contro la caccia. Perché non fanno più il soldato e sono contro le armi. Perché la maestra a scuola insegna che il cacciatore è crudele. Perché quando in tv si parla di estinzione, la colpa è sempre del bracconaggio e dei cacciatori. Anche quando si parla dell’estinzione del tirannosauro rex. Tutti si riempiono la bocca parlando di parchi, aree protette, biodiversità, tutela ambientale, quando la nostra povera Italia è ridotta ad una pattumiera. Se si parla di abbattere un orso che minaccia l’incolumità di un paesino montano o di un lupo che ha messo in ginocchio intere famiglie che vivono di pastorizia, si rischia la rivolta popolare. Tanto questi pseudo paladini dell’animalismo, il giorno sono nei loro attici e la notte nei discopub. Insomma. Ma dove dobbiamo arrivare per capire che bisogna arginare l’animalismo e l’ambientalismo estremo per tutelare il pianeta?

da Hunter74 26/10/2021 0.02

Re:Della caccia di una volta

Se solo si tornasse all'equilibrio ambientale esistente una volta il quale permetteva e permetterebbe sicuramente adesso una caccia non come quella di una volta ma mooolto vicina e più equilibrata nel farne uso. Tra i vari provvedimenti da adottare innanzitutto il primo sarebbe quello di una modifica sostanziale alla 394/92 sui parchi per portarli entro il 30 % ed io aggiungo anche al 20 % con la eliminazione delle aree contigue e togliendo la dirigenza centrale del parco dando la possibilità di gestione ambientale ai vari comuni che insistono sull'aria parco, i quali possono anche deliberare su una parte di territorio dove niente c'è da proteggere per una caccia a pagamento per i loro introiti favorendo il turismo venatorio invernale e ossigeno per la cassa comunale. Per quanto riguarda l'agricoltura poi ci sarebbero da eliminare le colture intensive per portarle al necessario per la sussistenza dei cittadini e dell'agricoltore con il quale poi ci sarebbe da contrattare sul sovvenzionamento adeguato alla resa del terreno di sua proprietà e di eventuale regolazione di veleni usati e modifiche del territorio per il bene dei selvatici. Basterebbe questo per incominciare ad avere un buon miglioramento della nostra caccia e dell'ambiente. Ne più ne meno di quello che si fa all'estero, altrimenti come si spiega che i selvatici di tutte le specie la si trovano a iosa e da noi passano mangiano quel poco che trovano per rifocillarsi e alzano i tacchi e se ne vanno. Ci volete ascoltare o volete fare sempre i ca..i vostri. Salutiamo

da jamesin 25/10/2021 15.01

Re:Della caccia di una volta

Ci stiamo per tornare! Cartucce a 5 euro cadauna, vedrai che gli spari saranno pochi. Come nei magici anni ‘50.

da Pino 25/10/2021 14.27