Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIL'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmica Vegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

PER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattere


martedì 18 aprile 2017
    

Elisa Picci Seppur con difficoltà, se dovessi fare la mia autobiografia mi descriverei con tre parole: Appassionata Cinofila Cacciatrice.
Infatti questo praticamente lo sono da sempre!
I miei ricordi risalgono a quando bambinetta seguivo mio padre per i boschi, aspettando un suo cenno che mi facesse, tra la sorpresa e il timore, battere forte il cuore davanti al frullo di una beccaccia. Ricordo le lunghe camminate e le salite non risparmiate che mi vedevano dietro ma mai ultima e il ritorno alla macchina con le guance rosse di chi pareva aver corso la maratona.
Un mazzolino di fiori per la mamma, una penna di una ghiandaia e una tascata di ghiande da portare all’indomani alla maestra. Queste erano le mie domeniche in autunno e inverno.
Seguivo mio padre come un’ombra, e come fanno tutti i bambini come una spugna assimilavo parole quali angolatura, rettangolo e quadrato, convergenza e divergenza, mantello, tartufo, groppa, ferma, riporto, seduto……pur non rendendomene conto era l’inizio dell’imprinting che oggi mi caratterizza.

Quella “passionaccia”, come la chiama mia mamma quando è arrabbiata, che ha preso anche me e non solo come diletto ma anche come attività professionale è diventata il mio stile di vita!
Mio padre mi ha insegnato a guardare il cane, sempre….. soprattutto durante l’azione di caccia la prima cosa era il cane: come si accostava, come guidava, come fermava e il riporto poi, dulcis in fundo un vero e proprio pot-pourri di emozioni!
Con mio marito poi il cerchio si è chiuso ed ora veramente mi sento completa!
L’avvicinamento alle esposizioni di bellezza è stata una conseguenza dovuta. Inizialmente con una femmina di Bolognese di nome Isotta, Giovane Promessa Enci nel 1999 e Campione Italiano di Bellezza nel 2001 e poi con i miei Bracchi Blu d’Auvergne.
Sono venuta a conoscenza di questa razza per caso sfogliando enciclopedie cinofile alla ricerca di unElisa Picci e il padre cane che mi potesse rappresentare, cane generoso, intraprendente, dal fiuto finissimo e dal grande senso del selvatico, capace di percorrere senza sforzo qualsiasi tipo di terreno.
L’occhio mi è caduto appunto su quello che un tempo veniva chiamato il “bracco pointer”.
Scoperto in Alvernia vanta origini molto antiche. L’opinione più diffusa è quella di alcuni appassionati di razza che sostengono sia stato introdotto in Alvernia nell’anno 1798, dai Cavalieri di Malta che, sconfitti da Bonaparte, ritornarono nella propria patria. Per altri intenditori, la teoria che questo Bracco sia autoctono è molto più probabile. Secondo altri deriverebbe dalla mescolanza del Bracco francese di grande taglia ed il Pointer bianco nero e questo spiegherebbe il particolare e caratteristico colore del mantello. La peculiarità del mantello sta infatti nella presenza su un mantello principalmente nero di macchie bianche (“robe noire à panachure blanche”) di grandezza variabile e non viceversa come normalmente si usa pensare.

La mia prima bracca è stata Sophie des Sources de la Hulotte, che, devo dire, non ha tradito le mie aspettative, rivelandosi fin dall'inizio una degna rappresentante della razza.
Sofie era un carattere forte, decisa con atteggiamento di caccia molto irrazionale che la faceva cacciare col cuore più che con la testa e questo la portava a risparmiarsi poco con tutte le conseguenze di un pelo raso nella macchia di marruche. Ricordo ancora quel giorno che al lago di S.Martino un cinghiale ferito del giorno prima l’ha fatta volare in aria come un pallone, o quella volta che a S.Michele un istrice l’ha imbullettata di spine su tutto il muso…un mugolio ma avanti come se nulla fosse!
Elisa Picci e i caniPoi è stata la volta di sua figlia Morena, carattere decisamente diverso, razionale, ragionatrice, molto più redditizia da un punto di vista venatorio e per un certo verso che si risparmiava di più soprattutto da un punto di vista fisico e questo in autunno con il caldo e la siccità è decisamente un vantaggio. Di temperamento anche lei molto deciso cacciava con la testa più che con il cuore. Di lei ricordo ancora quando da giovane è riuscita ad atterrare un capriolo in corsa. Una soglia del dolore incredibile…mi sono accorta che era stata ferita dal cinghiale solo al rientro alla macchina!
Poi è stata la volta di Baru, unica femmina deliziosa sia nel carattere che nella struttura fisica nella quale avevo riposto tutte le mie aspettative ma che purtroppo all’età di un anno la leishmaniosi l’ha portata via.
In ultimo per ora Fosca, figlia di Morena e Giò Bracco Leo du Ruisseau de Montbrun. Un soggetto tipico nello standard di razza e di lavoro che ha conseguito notevoli risultati. E’ in attesa dell’omologazione del titolo di Campione Italiano di Bellezza e sta partecipando a numerose gare su selvaggina naturale distinguendosi sempre come un buon cane da caccia.
Con la Fosca credo di essere riuscita ad imboccare la strada giusta per come io vorrei fosse il bracco d’Auvergne per la caccia.
Leggo una positiva apertura dei cacciatori a questa razza che finalmente la si giudica per quello che veramente deve essere svincolata dalle altre razze da ferma continentali (bracco francese, bracco tedesco..etc..).

Lo standard di lavoro è preciso e chiaro; il suo movimento definito “economique” è unico rispetto alle altre razze da ferma continentali. Non è né un “cane del vento” né un “cane che fiuta” ma un cane che “cerca e trova”; dalla sinergia di elementi quali intelligenza, finezza di naso, collegamento, ferma nasce il piacere di vedere un Bracco d’Auvergne in azione.
La sua robustezza viene messa in risalto da una forte muscolatura che indica energia e vigore. Nonostante ciò è mansueto e docile a tal punto che si adatta bene in casa, ama i bambini e ha un forte senso della proprietà ma resto dell’avviso che se lo amiamo veramente dobbiamo fargli fare il proprio lavoro!
Grazie alla collaborazione con il Club Italiano del Bracco Francese  nella persona del Presidente Marco Ragatzu, che oggi tutela anche il Bracco d’Auvergne in Italia, stiamo cercando con grande forza di volontà di tutelare e selezionare con determinazione questa razza per dimostrare che anche in Italia si può e si deve fare “qualità” (Elisa Picci website).

I cani hanno rappresentato tutte le fasi della mia vita, vivono fisicamente con me, sono parte dellaElisa Picci famiglia e mi hanno accompagnato sempre e ovunque.
E’ un dato di fatto che il rapporto che nasce con il cane che vive in famiglia è decisamente diverso da quello che nasce con il cane che vive in canile. Vivere il cane in famiglia presuppone principalmente la sua conoscenza, il rispetto della sua indole naturale, della sua “selvaticità”, della sua necessità di avere delle regole. L’eccessiva “umanizzazione” (alias antropomorfismo), sostenuta anche dalla televisione che ha contribuito ad esaltare questi “nature fakers” (falsificatori della natura, John Burroughs), fa si che non si possa parlare più di “amore” nei loro confronti ma di vera e propria “violenza”, basti pensare agli effetti che questa scatena su di loro (obesità, stress, patologie cardiache, etc..).

A mio avviso è di fondamentale importanza, dati i numeri sempre crescenti di animali domestici presenti nelle nostre case, che l’educazione alla cura degli animali sia fatta già dalla tenera età. I bambini dovrebbero approcciarsi già da piccoli alla responsabilità di un animale, sia esso un cane un gatto, un pesciolino o un animale selvatico. Non a caso in questo periodo (aprile/maggio) è di vitale importanza sapersi muovere di fronte al rinvenimento in bosco o nei giardini di piccoli di animali selvatici….laddove c’è la conoscenza c’è la vita!
Nel 2016 durante l’udienza giubilare in piazza S. Pietro Papa Francesco nel suo discorso, tanto contrastato da parte di animalisti di tutte le etichette, ha espresso una verità importantissima che stiamo perdendo di vista da un bel po’: la “priorità di valori”. Se riusciamo ad amare più gli uomini forse rispetteremo di più anche i nostri tanto amati amici a quattro zampe.

Leggi altri Editoriali

7 commenti finora...

Re:PER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattere

Che dire di Elisa Picci, Brava e molto competente nel settore caccia è uno dei pochi tecnici faunistici che gode della mia massima fiducia. Brava Elisa. Mi spieghi meglio delle ghiande ? ahahahaha

da Alberto caroli 23/04/2017 11.08

Re:PER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattere

Non c'era bisogno delle scuse, riesco a capire le difficoltà che può incontrare una donna seguace di Diana. Riguardo al cane e alle cianfrusaglie ....io no, anche se ho usato per tanto tempo il campano ma più per abitudini trasmessemi che per convinzione, da circa 8 anni ho rinunciato anche a queste e la mia macchia, ti assicuro , è un muro di rovi. Devo sentire i passi del mio cane, il suo ansimare, le sue soste , mi piace capire ciò che sta facendo, vederlo uscire dai rovi, accertarsi che sono li che lo seguo e vederlo rientrare......questo è il collegamento secondo me ...collegati anche spiritualmente.

da Carlo rm1 21/04/2017 12.34

Re:PER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattere

Nonnotriste grazie dell'incoraggiamento!!! Credo, pur avendo masticato un po' di politica venatoria, che più che una scossa ci vorrebbe una rinascita....pulita semplice onesta!Ciò che il bruco chiama fine del mondo, il resto del mondo chiama farfalla.(Lao Tzu)

da Elisa Picci 20/04/2017 21.29

Re:PER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattere

Carlo rm1 mi scuso con il ritardo con il quale ti rispondo ma purtroppo la famiglia non mi ha permesso di rispondere prontamente! Il Bracco d'Auvergne ha come prerogativa di razza appunto il forte collegamento con il conduttore e questo dovrebbe essere l'elemento fondamentale che fa escludere ogni "cianfrusaglia", come da te ben definita. Il problema è che noi in Toscana cacciamo nella macchia, tra gli scardicci e le scope e non in palude come in Francia e l'uso del campano si rende quasi obbligatorio se non addirittura fondamentale accompagnato dal beeper. Sono daccordo con te che tutti questi marchingegni non fanno poesia ma io che amo il mio compagno di caccia mi sento più sicura...e spesso aimè anch'io devo cedere alla necessità.

da Elisa Picci 20/04/2017 21.05

Re:PER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattere

Molto bello.

da Marco Ragatzu 19/04/2017 16.07

Re:PER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattere

Elisa....dimmi qualcosa di più sul collegamento di questo cane sulle beccacce. Aborro ogni marchingegno che viene appeso al collo del cane durante questa caccia perché sostengo convinta mente da decenni che il cane da becche deve essere collegato quasi a vista nella macchia mentre oggi con i galoppatori si ricorre a quella cinfrusaglia che toglie tutta la poesia di questa caccia. Io non uso neanche il campano ed ho un breton. Saluti

da Carlo rm 1 18/04/2017 11.56

Re:PER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattere

ELISA, QUESTA E' DAVVERO MUSICA PER LE NOSTRE ORECCHIE DI CACCIATORI. DOVRESTE IMPEGNARVI TUTTE, VOI GRANDI PROMESSE PER IL NOSTRO FUTURO, MAGARI METTENDOVI INSIEME PER DARE UNA SCOSSA A QUESTO NOSTRO MONDO ORMAI ASSONNATO, FORSE EBBRO, FORSE RINCO, CHE PENSA SOLO A RIEMPIRE LA PANCIA, SENZA IMMAGINARE IL FUTURO DELLE GENERAZIONI DEI NIPOTI. FORZA!

da NONNOTRISTE 18/04/2017 11.16