HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani |
  Cerca
ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANA C'ERA UNA VOLTA... LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!! Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italiane TABU' LUPO FIRMAMENTO SOCIAL ALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSO LUPO. ATTENDIAMO LUMI CHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIA Cos’è la caccia La ri-proposta Cuore di beccaccia Cacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardi LA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scoperta CARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODA Osservatori regionali, avanti! Ungulati: una risorsa preziosa La mia prima volta al cinghiale: onore alla 110! Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibile ANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTI TORDI TORDI STANNO TUTTI BENE ETERNA APERTURA TANTE MAGICHE APERTURE CI SIAMO! LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONE LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE ANCH'IO CACCIO MIGRATORIA, MA DI CHI? Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio francese REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO Lasciate la carne ai bambini Uccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi.... CINGHIALI D'UNA VOLTA DATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRA MONTAGNA, 22 ANNI DOPO Elegia per un vecchio signore LA GRANDE BUFALA Animali & Co: un problema di comunicazione LUPO O CINGHIALE? Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo Le allodole, mia nonna e le vecchiette La caccia e gli chef UNGULATI CHE PASSIONE PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA Le beccacce e il lupo QUESTIONE DI PROSPETTIVA La cinofilia ufficiale. Parte seconda con scuse PROBLEMA LUPO Bisturi facili. Cuccioli? No grazie Perché ho scelto il setter inglese? Galletti fa mea culpa Questa è la cinofilia ufficiale C'era una volta il cinghiale Bracconieri di speranze Gip, amor di cacciatore. Il piccolo francese SAVETHEHUNTERS, MATTEO TROMBONI SFIATATI I sistemi elettronici di addestramento GUANO CAPITALE In principio era una Dea C'era una volta l'orso bianco che campava di caramelle UNA TERRA DIVERSA MEMORIE. Da regina a regina informAZione? Iniziazione del cucciolone UNIONE AL PALO? LA PARABOLA DI CECIL CROCCHETTE VEGANE L'ecoturismo fa danni ALLODOLE PER SEMPRE TRUE LIES CI SIAMO? Natura. Madre o matrigna? LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPO UN’APERTURA DA FAVOLA I cuccioli di oggi MACCHE' PREAPERTURA CACCIA, PROVE E VARIA UMANITA' Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiere FORMAZIONE, FORMAZIONE! I cani da ferma oggi Arlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNA Prima informarsi, poi farsi un'opinione Effetto Flegetonte Il cane domestico (maschio) Il valore della caccia Chi è diavolo, chi acquasanta? CANDIDATI ECCELLENTI PUBBLICO O PRIVATO? LA FRANCIA E I MINORI A CACCIA REGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATI Caccia vissuta “Se questa è etica” QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PERO Le contraddizioni dell'Expo QUESTIONE DI CORPO L'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloni Calendari venatori: si riparte DOVE ANCORA MI PORTA IL VENTO LUCI E OMBRE DI UN PROGETTO CANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIO CHIUSO UN CICLO... A patti col diavolo... e poi? BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZO MISTERI DELLA TELE CANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILE E' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SA Tordi e beccacce tra le grinfie della politica Donne cacciatrici piene di fascino predatorio Italiani confusi su caccia e selvaggina Storia di una particella cosmica Vegani per moda Anime e animali MUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur Smith CHI LA VUOLE COTTA, E CHI.... Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsa ZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA! E se anche le piante provassero dolore? PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMA Momenti che non voglio scordare Anticaccia? Parliamone CACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELE CATIA E LA PRIMA ESPERIENZA CHIARI AVVERTIMENTI PIU' VIVA E PIU' AMATA ECCE CANEM DE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTI IL CATALOGO E' QUESTO.... CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIA ISPRA. UN INDOVINO MI DISSE... MIGRATORI D'EUROPA L'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggio MIGRATORISTI GRANDE RISORSA Fauna ungulata e vincolismo ambientale Decreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTRO Ai luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIO SPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHI DOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVE Biodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLA Le specie invasive ci libereranno dall'animalismo EUROPEE: SCEGLIAMOLI BENE La rivoluzione verde è nel piatto La caccia al tempo di Facebook SOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposo COSE SAGGE E MERAVIGLIOSE AMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDO C'ERO UNA VOLTA ALL'EXA QUESTA E' LA CACCIA! EUROPA AL RISVEGLIO TOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLA CACCIA LAZIO: quali certezze? ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTI UNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILE LO DICO COL CUORE IL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E' I veri volontari dell'ambiente DIAMOGLI CREDITO PROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIA Ambientalisti italiani, poche idee ma confuse Anche National Geographic America conquistato dalle cacciatrici Più valore alla selvaggina e alla caccia Il cinghiale di Colombo Porto di fucile - NON C'E' MALE! PAC & CACCIA LILITH - LA CACCIA E' NATURALE Effetto protezionismo Ispra: il caso beccaccia Il grande bluff dei ricorsi anticaccia COME FARE COSA FARE Supermarket society Romantica Tipi di comunicazione: C'E' MURO E MURO Ambientalisti sveglia! Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggiose SPRAZZI DI SERENO POINTER E NON PIU' SOGNO DI CACCIATORE UN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPO RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORI LA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOON ALLA FIERA DELL'EST VOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNA IL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI “Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunistico CACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISI Partiamo dalla Toscana ITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la caccia C’ERA UNA VOLTA… I cacciatori nel regno delle eterne emergenze Gli ambientalisti e la trave nell'occhio Addio alle rondini? L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato) ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI..... SUCCEDE ANCHE QUESTO BASTA ASINI AMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di Diana TOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTO ALLARME DANNI DANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga… STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA “L'ipocrisia delle coscienze pulite” UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALE CACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA' ZONE UMIDE: CHI PAGA? Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA SPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLE La Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’albero A SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo così NEORURALI DE NOANTRI FRANCIA MON AMOUR LA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIA TERRA INCOGNITA L’Italia a cui vorrei fosse affidata la caccia La marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVE COLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI? DIVERSA OPINIONE IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE Opinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!! A CACCIA A CACCIA!!! PROVOCAZIONI Estate di fuoco MISTIFICAZIONI SICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTO Sostenibili e consapevoli! COLPI DI SOLE COLPI DI CALORE Aiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti! TECNOCRATI? NO ESPERIENTI LA RICERCA DIMENTICATA PARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'! Orgoglio di contadino Campagna o città? CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRI CALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERE CONFRONTO FRA GENERAZIONI LA CACCIA CHE SI RESPIRA Rapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNO MUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà? Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga... DELLE COSE DELLA NATURA Cultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'Italia Il nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalisti LA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀ PAC IN TERRIS UCCELLI D'EUROPA GIRA GIRA..... STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNA TOCCA A NOI! CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLO IL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIA VERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTO PROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZA BECCACCE DI BEFANA CACCIA, FASE DUE PROVOCAZIONI DI FINE D’ANNO RICERCA RICERCA SPIGOLATURE DI NATALE Dai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONE NON ERA AMORE Finalmente autunno Il paradosso dell'Ispra IL PIANETA DEI CACCIATORI Le caste animali A CACCIA ANCHE DOMANI A CACCIA SI, MA DOVE? ORGOGLIO DI CACCIATORE Per il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIA APRE LA CACCIA! Amico cacciatore, guarda e passa Riforma sui Parchi in arrivo? E i cuccioli umani? MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATE LA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenza Il Pointer e la caccia Col cane dalla notte dei tempi Contarli, certo, ma come? Questa è una passione! IL PENTOLONE LA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE NON SOLO STORNO QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI La lezione di Rocchetta di Vara BASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITI CORONA L'ERETICO Cacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medaglia Deroghe: non è una missione impossibile AMBIENTALISMO E' CULTURA RURALE Sei il mio cane ALLE RADICI DELLA CACCIA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIA COME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA... BOCCONCINI PRIMAVERA CACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERE COMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIO QUESTIONE DI CALENDARIO LA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIA PRENDIAMO IL MEGLIO BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA TUTTI A TAVOLA RIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRE LA CACCIA SERVE. ECCOME! METTI UNA SERA A CENA Urbanismo e Wilderness: un confronto impari CONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEET GIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANI IL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in Italia Accade solo in Italia? L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza FRA STORIA E ATTUALITA' Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro “Solo” una passione Tra ideologia e strategia politica IL CATALOGO E' QUESTO TORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTO DA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro Brambilla Italiani ignoranti della caccia CACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNA Ed il giorno arriva DEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE! PRE-APERTURA DI CREDITO Domani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONE Alcune riflessioni sulla caccia in Italia Divagazioni per una rivoluzione culturale La senatrice Adamo va alla guerra PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci) Calendari venatori. Le bugie degli ambientalisti Un'arte chiamata caccia AREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLA Animalismi e solitudini In un vecchio armadio STAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODO Belli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI! Ieri, mille anni fa, io caccio Cosa mangiano gli animali degli animalisti? SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA MOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVO ORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICO Aerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo” ALL'ARIA APERTA! Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIA IPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOI IN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA! RIFLESSIONI DI UN PEONE IL PAESE PIU' STRANO DEL MONDO Fuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALE E Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTO L'Enpa insulta i cacciatori SELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIA America: un continente di vita selvaggia LA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezione LA CACCIA COME LA NUTELLA? LUPO, CHI SEI? Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no? TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGE A caccia con L'arco... A caccia con la storia... Interpretazioni e commenti di nuova concezione 10 domande ai detrattori della caccia IL BRIVIDO CHE CERCHIAMO La caccia come antidoto alla catastrofe climatica Per una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNARO CONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIA Caccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perduta Allarmismo e vecchi trucchetti Ancora Tozzi ? REALISMO, PRIMA DI TUTTO Le invasioni barbariche APERTURA E DOPO. COSA COME QUANDO Piombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquatici Di altro dovremmo arrabbiarci I GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecnici Un rinascimento ambientale è possibile Gelosi e orgogliosi delle nostre tradizioni LA CACCIA SALVATA DALLE DONNE? Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars Venandi Tutto e il contrario di tutto DALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO... IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATO La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova Tutti insieme... magicamente Ambiente: una speranza nella caccia SOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTA La Caccia ha bisogno di uomini che si impegnano LA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDO Il capanno: tra architettura rurale e passione infinita DONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANA EUROPA EUROPA VICINI ALLA VERITA' Beccaccia sostenibile CACCIA E SOCIETA' Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNI PARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidato CACCIA ALL'ORSI ORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORI UN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORI Ridiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevole Il cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia. 157: PENSIERI E PAROLE MA COS'E' QUESTA CACCIA? 157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONE MIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARE CINGHIALI CHE PASSIONE La cultura cinofila ATC DIAMOCI DA FARE Il vitello che mangi non è morto d'infarto! Ripensare la caccia? PER UN FUTURO DELLA CACCIA QUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONA PUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAM Un nuovo corso per gli ungulati Siamo noi le Giubbe Verdi Ruralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina La caccia secondo Giuliano, umorista de La Repubblica Questa è la caccia Il cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumi La cinegetica e la caccia col cane Gestione e tradizione BASTA TESSERE AMAR...TORD E il beccafico perse la via del nord Dimostriamo credibilità Apertura passione serenità editoriale - Fucili italiani come le ferrari Orgoglio di Cacciatore I Tordi e le Beccacce La Caccia è Rock

Editoriale

Allarmismo e vecchi trucchetti


martedì 22 settembre 2009
    
Mauro De BiagiVincere il premio Pulitzer non è certo impresa semplice. E non è facile nemmeno fare dell’ottimo giornalismo, di quello destinato a passare alla storia.

Ma fare dell’informazione dignitosa e soprattutto corretta, dovrebbe e potrebbe essere abbastanza più semplice. Basterebbe avere un’accettabile padronanza della lingua italiana; conoscere l’argomento di cui si scrive, ed eventualmente cercare conferme o smentite alle notizie e ai dati forniti dalle varie fonti. Soprattutto, però, bisognerebbe essere intellettualmente liberi, senza il condizionamento di compiacere il direttore e l’editore o con il desiderio di seguire una moda cercando di blandire sdolcinatamente una buona parte dei destinatari ai quali ci si rivolge. Lettori e ascoltatori che, nella maggior parte dei casi, desiderano solamente che qualche firma “autorevole” li rassicuri nei loro convincimenti che sono molto spesso frutto di scarsa conoscenza.

Purtroppo però, la lettura di alcune Agenzie di questi ultimi giorni, e faccio anche i nomi e i cognomi per chi avesse voglia di controllare: Asca, Dire, La nuova agenzia Radicale ecc. dimostra che anche fare della semplice e onesta informazione è difficilissimo, se non proprio impossibile.

Almeno per chi ha il paraocchi dell’ideologia più oltranzista e decide di fare propaganda e non comunicazione. Tanto per dimostrare l’assoluta superficialità con la quale spesso si prepara un servizio, basta riportare due brani di una nota dell’Agenzia Dire che, fra le altre cose, scrive: “...L'Unavi, l'Unione nazionale delle associazioni venatorie italiane, ha calcolato che il giro d'affari annuale legato alla caccia è di tre miliardi di euro. E allo stato frutta, ogni anno, almeno 150 milioni di euro.... Il presidente di Federcaccia, Franco Timo, ha ricordato che i cacciatori pagano tre tasse...” Davvero un’informazione attuale, circostanziata e con tanto di citazioni. Peccato che l’Unavi sia stata sciolta ben 5 anni fa (10 dicembre 2004!) e che Franco Timo non presieda più la Federcaccia da oltre cinque mesi!

Ma queste sono nient’altro che insignificanti quisquilie sulle quali, al massimo, si potrebbe sorridere. Il tragico viene quando la stessa Agenzia, insieme alle altre sopra citate, si avventura con aggettivi coloriti e di grande impatto emotivo, sul resoconto delle vittime che la caccia mieterebbe ogni anno. Ebbene, per dimostrare che le loro notizie sono esatte, citano come fonti meritevoli della massima attendibilità nientepopodimeno che due benemerite associazioni come “Caccia il cacciatore” e “Associazione Vittime della caccia”.

Come più volte stigmatizzato dal CNCN, che ha commissionato accurate analisi sugli incidenti occorsi in varie attività ricreative e sportive, tali dati sono palesemente infondati e in alcuni casi spudoratamente falsi. Andiamo per ordine. Caccia il cacciatore, per dimostrare la sua terroristica tesi sulla enorme pericolosità della caccia, compila un accurato elenco di morti e feriti, e in una sorta di somma impropria, aggiunge alle vere e proprie vittime dell’attività venatoria (21 nel 2008) altrettanti poveri cristi che hanno abbandonato questa valle di lacrime per colpa di un infarto (nelle case italiane ne avvengono circa 160.000 ogni anno!) oppure a causa di un incidente automobilistico o per una sciagurata caduta. Ma siccome il numero, anche con questo “astuto” escamotage, risulta ancora basso, ogni anno –per errore, per carità, non certo per dolo– ci aggiungono anche qualche omicidio o, come è accaduto a gennaio di quest’anno, spacciano per morto e sepolto un mio amico che si è perfettamente ripreso dall’incidente di cui è stato vittima.

Ma il cinismo di questo annuale esercizio contabile è niente se paragonato al turpe squallore dell’associazione Vittime della caccia. Questo organismo, infatti, ha escogitato un trucco ancora più subdolo per dipingere l’attività venatoria con tinte che più fosche non si potrebbe. Alla collaudata metodologia dell’altra associazione –alla quale peraltro sembrerebbe connessa da misteriosi legami e da comuni personaggi– inserisce un tocco di pura genialità, e agli infartuati, ai caduti in una scarpata o ai morti in incidenti automobilistici, addiziona con noncuranza tutte quelle morti che ogni anno vengono causate da fucili “da caccia”. E il gioco di prestigio è fatto: il numero già gonfiato di 40 si raddoppia per incanto e l’intento di suscitare sdegno e panico nell’opinione pubblica e nei partiti politici è brillantemente raggiunto.

Ora, a prescindere dal fatto che ci vuole davvero una buona dose di faccia tosta per spacciare per incidente di caccia una rapina con la lupara o il suicidio di un povero pensionato depresso, bisogna aggiungere –sempre ad onor del vero– che una lettura poco più che superficiale della cronaca nera annuale, dimostra che le vittime del fucile rappresentano una percentuale infima nei confronti di quelle causate da coltelli, bastoni, martelli e altri mezzi. Non solo, ma se il criterio seguito da Vittime della caccia fosse esatto, sarebbe interessante sapere se tutti gli omicidi (anche plurimi) compiuti con coltelli da cucina possono e debbono essere considerati incidenti domestici.

Senza dubbio, i ventuno morti (reali) dovuti alla caccia nel corso del 2008, rappresentano una tragedia umana sulla quale è doveroso attirare l’attenzione di tutti i cacciatori, invitandoli ad adottare il massimo dell’attenzione e della cura nella custodia, nel trasporto e nell’uso delle armi. Ma ritengo che sia disgustoso speculare su queste povere vittime e sul dolore delle loro famiglie per suffragare una tesi del tutto ideologica che, tra l’altro, se ne infischia altamente delle centinaia e centinaia di morti causate ogni anno dalla balneazione, dall’alpinismo, dall’attività subacquea, e da decine di altre attività semplicemente ricreative, come l’escursionismo o la raccolta di funghi.

Sono ormai anni che ad ogni vigilia di apertura, tante “informatissime” Agenzie di stampa ci risputano addosso questi dati velenosi e assurdi e che dovrebbero venire ignorati così come si fa con tutte le notizie palesemente propagandistiche.

Bisogna notare, però, che ogni anno che passa, sono sempre meno i grandi quotidiani che cadono vittime di questo tranello. In questa vigilia 2009, infatti, la stampa quotidiana nazionale si è ben guardata dal riportare i numeroni a sensazione sfornati da queste associazioni e, almeno ad oggi, la campagna di allarmismo sembra aver perso lo smalto del passato.

C’è infine un’ultima annotazione da fare: a pensarci bene, queste virulente campagne annuali di disinformazione stanno a dimostrare che gli anticaccia italiani soffrono di una assoluta mancanza di argomentazioni di natura tecnico-scientifica contro un corretto esercizio venatorio e quindi contro un prelievo faunistico che sta assumendo sempre di più i connotati di un intervento provvidenziale per il benessere di tante specie selvatiche ma anche per la difesa delle produzioni agricole e della stessa biodiversità. Solamente nel nostro “ecologissimo” Paese, dove prosperano quasi un’ottantina di associazioni “ambientaliste”, e dove i fondali marini sono tappezzati di rifiuti tossici di varia natura, si assiste ad uno sperpero così ingente di risorse umane ed economiche, che vengono indirizzate ostinatamente ed in via pressoché esclusiva contro la caccia (basti pensare che solo i vari ricorsi ai TAR costano molte decine di migliaia di euro) anziché contro gli innumerevoli scempi ambientali che si commettono in ogni dove.

Altrove, in Europa –beati loro– le organizzazioni dei cacciatori non si limitano, come avviene in Italia, a dar vita a isolati e quasi emarginati nuclei di protezione civile o di vigilanza ambientale, ma svolgono queste attività fianco a fianco con le organizzazioni ambientaliste. E solo uno sciocco potrebbe non comprendere la grande potenzialità di questa sinergia. Ed altrove, in Europa –ancora beati loro– i figli dei cacciatori o i loro nipoti, possono tranquillamente cominciare ad apprendere l’arte venatoria. Con il beneplacito delle leggi statali e di una normativa comunitaria che prevede espressamente questa opportunità; e senza che l’opinione pubblica e la classe politica si facciano venire crisi isteriche.
Certo, è indubbio che il clamore mediatico sui dati forniti dagli animalisti più intolleranti comincia a scemare, ma questo non ci autorizza ad abbassare la guardia. Anzi.

E il Web, per merito di portali come Big Hunter ed altri, può aiutare i cacciatori italiani ad acquisire una vera identità comune e a conoscere le notizie con le quali poter controbattere, in ogni sede, la disinformazione di cui siamo vittime.
 
Leggi altri Editoriali

17 commenti finora...

Re:Allarmismo e vecchi trucchetti

grazzie Mauro per il bel'articolo un abbraccio sincero dall'amico sisto dati vice presidente vicario libera caccia

da SISTO DATI LIBERA CACCIA 26/09/2009 23.33

Re:Allarmismo e vecchi trucchetti

Con i miei complimenti Sig. Mauro De Biagi. Ottima penna, ottima lucidità. Se la caccia sta perdendo la sua veste "carbonara" ed inizia ad innalzare la testa verso un giusto orgoglio lo dobbiamo anche a Lei. Comunicare è il segreto. Grazie e un saluto.

da Silvano B. 26/09/2009 18.42

Re:Allarmismo e vecchi trucchetti

Secondo alcuni siti anticaccia ad alcuni tipi di richiami vivi i cacciatori taglierebbero le gambe per tenerli fermi...Boh...Ne hanno di fantasia...Non c'è da sorprendersi più di nulla da sta gente malsana...

da Asterione 25/09/2009 19.31

Re:Allarmismo e vecchi trucchetti

complimenti! questo articolo fa onore a tutti i cacciatori...dobbiamo diffondere queste notizie il più possibile... facciamo vedere che ci siamo un grazie di cuore a Mauro De Biagi.

da Marco da recanati 25/09/2009 16.55

Re:Allarmismo e vecchi trucchetti

Una per tutte;vista la logica che muove certe iniziative, mi domando come mai non c'è ancora nessuno che ha creato un comitato per l'abolizione della patente, e la rottamazione di tutte le auto, considerato che per svariati motivi ci sono centinaia di morti e migliaia di feriti all'anno.Persone che non hanno il minimo senso di responsabilita,guidando in preda all'alcool o offuscati dalla droga, o altri ancora per il semplice gusto di carrere a folle velocità, dentro e fuori i centri abitati.(ma suppongo che questi ultimi siano tutti cacciatori.) Oggi il TG ha dato la notizia che sono stati scoperti due teschi nella nave affondata con i rifiuti tossici al largo delle coste Calabresi,speriamo che al più presto trovino i responsabili, altrimenti ci conteggeranno i due morti, e ci addosseranno le responsabilità del disastro ambientale.

da Nato cacciatore 25/09/2009 16.36

Re:Allarmismo e vecchi trucchetti

Domanda umilissima per la Signora Casprini, quella della fantomatica Associazione delle Vittime della Caccia. Vorrei sapere, visto che ha il pelo sullo stomaco e la faccia rivestita di sostanze imprecisate, come definisce la strage di stanotte in cui hanno perso la vita due bambini e la loro povera madre. Sappiamo tutti che se la strage fosse stata compiuta con la vecchia doppietta del nonno, lei l'avrebbe tranquillamente definita un "Incidente di caccia". Però, visto che la povera donna ha sgozzato i figlioletti e poi si è buttata dalla finestra, lei come la definisce questa tragedia?

da Franco Girolami 24/09/2009 6.53

Re:Allarmismo e vecchi trucchetti

Su Repubblica? Ah, ho capito, il giornale che racconta le favolette? Il giornale al soldo del PD?

da DINO(FG) 23/09/2009 23.44

Re:Allarmismo e vecchi trucchetti

Vecchi trucchetti e vecchi tromboni del giornalismo spazzatura. Oggi su repubblica.it è apparso un articolo a firma di un recidivo bugiardo e disinformato che pagonava le notre legittime richieste di modifica della 157/92 al medioevo e soprattutto riprendeva la solita solfa "dei zimbelli attaccati a testa in giù" che non so perchè ripropone con reiterata faccia tosta ben sapendo che trattasi di pura invenzione. Questi sono coloro che "informano" la pubblica opinione, questi sono considerati professionisti. Della disinformazione pura, voluta e cercata.

da grifonenero 23/09/2009 22.12

Re:Allarmismo e vecchi trucchetti

Anche io frequento da poco questo sito e come Gabriele M ho capito che voi ambientalisti cercate sempre un confronto offessivo perchè altri non riuscite ha sostenerlo perchè purtroppo vivete nel mondo della disney e non conoscete la verità...Siete tutti ambitanti di città e siccome da voi c'è solo cemento volete difendere ha tutti i costi la natura che non avete mai neanche vissuto,ho scritto vissuto perchè un pic-nic o una scampagnata non ve la fa conoscere...Conosco molte persone anticaccia che vivono i campagna però con loro si può sempre fare discorsi tranquilli e dicendo cose provate dalla scienza,che dovrebbe essere antiparte,non si oppongo solo per partito preso come voi,e non sono ambientalisti per seguira la tenteza del momento ma perchè ci credono...Quindi per fare un riassunto 90% degli ambientalisti parlano senza avere alcune base,parlano per dare il ricambio di ossigeno hai polmoni e parlano della caccia per sentito dire da estremisti anticaccia...Ah e mangiano pure la carne...Non capite che questi comportamenti sono più i danni che fanno alla fuana e la flora che aiutarla

da Asterione 23/09/2009 21.17

Re:Allarmismo e vecchi trucchetti

Vedi Truccatore,se la pecora bela il lupo se la mangia.Se vieni in un blog di Cacciatori e' chiaro che trovi gente che e' favorevole alla caccia,cosa pensi di trovare? Io frequento da poco questo sito,ma tanto mi basta per capire che l'arroganza di certa gente che difende a spada tratta le proprie idee animal/ambientaliste e pari alla tracotanza dei NAZISTI.Quello che penso e' che determinate persone gli animali gli hanno visti solo in gabbia o peggio ancora in televisione e sono completamente distaccati dalla realta',quello che mi auguro per loro e' che non si torni MAI ad una realta'dove sarebbero costretti a procurarsi il cibo altrimenti sarebbero costretti a brucare l'erba dove i Cacciatori e i loro Cani pisciano.

da Gabriele M 23/09/2009 15.16

Re:Allarmismo e vecchi trucchetti

Complimenti De Biagi analisi lucida puntuale e non polemica continui così

da Palmiro Ildebrando 23/09/2009 9.36

Re:Allarmismo e vecchi trucchetti

Ci mancherebbe altro! Ho scritto cose note a tutti e i dati sono reali e documentati. E grazie per i complimenti

da Mauro De Biagi 23/09/2009 6.54

Re:Allarmismo e vecchi trucchetti

Carissimo De Biagi, prima di tutto complimenti per il suo articolo, poi le chiedo ci autorizza a pubblicarlo sui siti anticaccia per par condicio? Qui scrivono ed hanno liberta' di parola tanti animalisti, che ne dice?

da colombaccio 68 22/09/2009 20.47

Re:Allarmismo e vecchi trucchetti

SEGUE e chiedo scusa un dibattito sereno e costruttivo con tutte le parti interessate per raggiungere quello status che nel resto d'Europa non scandalizza più nessuno.

da francesco47 22/09/2009 17.33

Re:Allarmismo e vecchi trucchetti

al proposito, non più tardi di oggi l'ineffabile Cianciullo su La Repubblica (sollecitato ovviamente dalla lobby anti Orsi) esce con una nota contro l'emendamento Pini, criticando aspramente ciò che in altre occasioni aveva invece lodato: la direttiva Cee sugli Uccelli, che fra le tante cose propone la caccia per specie e tempi di caccia più larghi di quelli italiani. Che facce toste queste penne che scrivono su sollecitazione. La notizia, Cianciullo! La notizia! I commenti lasciali fare ai tuoi lettori. Ma informali prima di tutto. E' così che una volta facevano i giornalisti. Ma oggi, evidentemente, di giornalisti ce n'è rimasti pochi. Solo pennivendoli.

da proto 22/09/2009 15.10

Re:Allarmismo e vecchi trucchetti

Tutta questa analisi corretta si colloca esattamente in un momento dove i media italiani protestano per la mancanza di libertà di stampa in questo Paese. Guarda caso la cassa di risonanza di questa protesta,molti sono dispiaciuti che la manifestazione è stata spostata per permettere agli italiani, di buon senso e rispettosi del dolore per la perdita di sei valorosi soldati,di manifestare la loro vicinanza alle famiglie delle vittime e l'attaccamento alla Patria,è stata la stampa che da sempre scrive di tutto anche senza riscontri oggettivi, come dimostra il Sig. Mauro De Biagi. Ma,analizzando quello che accade nei confronti del mondo venatorio,è vero, in Italia non c'è libertà di stampa e/o comunicazione. Tutti hanno spazio,attraverso i giornali e le televisioni pubbliche e private,per distruggere l'immagine della caccia e dei cacciatori infamandoci con falsità ed offese che a volte rasentano l'azione giudiziaria, ma i cacciatori NO. La caccia, in quanto tale, non ha diritto di divulgare il proprio pensiero, la propria immagine, diffondere una cultura che è anche rappresentata da illustri uomini, che certo non hanno bisogno della mia menzione. Parlare di caccia su organi di stampa che hanno il diritto dovere di dare spazio a tutti è infamante per la stampa stessa. Parlare di caccia offusca l’immagine del giornalista più del fatto di scrivere corbellerie, riportare notizie inesatte e offendere spudoratamente la dignità di cittadini onesti,accumunandoci senza nessun riscontro a chi commette un omicidio stando a caccia. La caccia è caccia, delinquere è un’altra cosa, mentre le disgrazie purtroppo capitano ovunque,anche alle casalinghe dentro le mura domestiche, ma nessuno si scandalizza e le obbliga ad avere un’assicurazione almeno per ridurre i costi sociali e garantirgli una rendita per il futuro. Noi cacciatori rivendichiamo questo nostro diritto e speriamo che i nostri rappresentanti e i nostri politici ascoltino le nostre istanze al fine di garantirci un dib

da francesco47 22/09/2009 11.40

Re:Allarmismo e vecchi trucchetti

Grande De Biagi, complimenti per l'editoriale, finalmente un'azione tesa a sbugiardare le inquisizioni verdognole! Speriamo che la informazione sia sempre maggiore e divulgativa solo così si possono sopraffare le tendenze del pluralismo deviato della stampa filoverdognola!

da Francesko 22/09/2009 11.23