Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
A futura memoria per l'umanità di domaniIl futuro dipenderà da noiInsostenibili sarete voi!Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIL'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

E se anche le piante provassero dolore?


lunedì 27 ottobre 2014
    

Littizzetto docet. Fare la morale agli altri, ponendosi su un piedistallo immacolato, dimenticandosi che alla fine dei conti, per il solo fatto di essere degli esseri viventi, e di doversi nutrire, vestire e muovere, tutti siamo invischiati nel terribile gioco della sopraffazione della vita, non paga. Per quanto tu voglia bene alle creature di questa terra, c'è sempre qualcuno più intransigente di te, pronto a puntarti il dito contro e darti del maltrattatore. A lei è bastato portare in studio un maiale. Di colpo la paladina degli animali è passata dalla parte opposta della barricata, suo malgrado, ed è diventata una nemica giurata degli animalisti. Per la celebre show woman torinese non è stato difficile trovare il lato comico della cosa: "ora aspetto che mi facciano causa i protettori dei pidocchi", ha detto a Che Tempo che fa, ricordando le stragi dei poveri parassiti annidiati ogni anno sulle teste di migliaia di bambini. Ragionamento che non fa una piega. Ora ci sarebbe da aspettarsi che in futuro, sullo stesso metro, la signora Littizzetto sia più clemente con i cacciatori. E che i telespettatori abbiano imparato la lezione.

Visti da occhi "sensibili" i cacciatori sono orchi cattivi: sparano ad animali liberi in natura per poi metterli addirittura in padella! Eppure tutti, tranne quel misero 6% di italiani, mangiamo carne quotidianamente, senza battere ciglio. Ma a voler ben fare le pulci anche a chi quello scalino morale l'ha superato, si scoprono cose interessanti. Seguiamo un ragionamento molto semplice. Chi si rifiuta di mangiare carne per motivi "etici", lo fa perchè poverino il maiale, il pollo, perfino il calamaro, sono esseri viventi, sentono dolore, emozioni e chissà cos'altro. Meglio non toccarli per non macchiarsi del loro sangue innocente. Bene. Anche se è palese che rifiutare tutto questo vuol dire anche un po' negare sé stessi e il proprio posto nel mondo, ci può stare. Lecito avere una spiccata sensibilità, lecito scegliere di non voler essere responsabili della morte di alcun animale. Ma se si sceglie di proteggere, chi come noi, può sentire dolore, provare emozioni e fare ragionamenti complessi, cosa mangiare se tutte queste cose appartengono anche al mondo vegetale?
 
Come faranno i vegani a strappare le radici alle carote, a spezzettare zucchine e a mutilare gli alberi dei loro frutti senza provare disgusto per sé stessi? Aspetteranno pazientemente che questo ben di dio caschi marcio e putrefatto a terra prima di nutrirsene? (I più estremisti già lo fanno, forse ignorando di trucidare milioni di esserini microscopici già al lavoro per decomporre il povero frutto?).
 
In realtà i vegani non dovranno aspettare molto per affrontare questa crisi mistica. La scienza fa passi da gigante ed ha già scoperto che è proprio così: le piante ricordano, risolvono problemi e reagiscono agli stimoli esterni. E poi, ebbene sì, anche loro sentono “male” se vengono attaccate. Tutto è già stato ampliamente dimostrato. Uno dei maggiori studiosi di questa nuova frontiera è un italiano. Il Prof. Mancuso, dell'Università di Firenze, ha pubblicato diversi studi in cui dimostra come alcune piante siano in grado di apprendere e di ricordare uno specifico stimolo, ma anche di elaborare soluzioni a problemi.

La posizione del Prof. Mancuso - lo ricorda Giulia Bartalozzi su Georgofili.it/Info - è apparsa anche in un articolo del settimanale  tedesco Der Spiegel: “se definiamo l’intelligenza come la capacità di risolvere problemi – dice Mancuso - , allora le piante, come ogni altro organismo vivente, sono da considerarsi esseri intelligenti. Lo dimostra la stessa loro diffusione sul pianeta, frutto di una straordinaria capacità di adattamento, cioè di soluzione dei problemi”. La mimosa pudica ha dimostrato di essere in grado di apprendere e di ricordare per un tempo abbastanza lungo (anche oltre 28 giorni, mentre per un insetto la memoria media è di 2 giorni) che uno specifico stimolo non è pericoloso, il che ha riacceso la discussione se le piante meritino o meno di essere considerate organismi intelligenti. Il risultato è palese: lo sono, anche se in maniera diversa da noi.

Recentemente è stato anche dimostrato che alcune piante reagiscono immediatamente qualora un insetto mangi le loro foglie. Non appena percepiscono la saliva del bruco attivano dei geni che producono una sostanza volatile in grado di avvisare le altre del pericolo e che attira le vespe, nemiche dei bruchi. La scoperta scientifica è stata pubblicata su "Plants Phisiology", la prestigiosa rivista che è anche l'organo ufficiale dell'American Society of plants biologists. A condurre le ricerche due team di scienziati: il primo coordinato da Massimo Maffei, direttore del dipartimento di Biologia vegetale dell'Università torinese e l'altro diretto dal tedesco Wilhelm Boland del Max Plance Institute di Jena.
 
Tutto questo non è che un infinitesimo di ciò che potrebbe essere scoperto in futuro, riguardo ad un universo per noi ancora abbastanza insondabile, essendo così diverso dal nostro. Le piante sono in grado di provare emozioni? Probabilmente sì ma il solo fatto che non sappiamo decifrarle, ci autorizza ad essere totalmente indifferenti nei loro confronti? In base a quale principio la vita di una pianta dovrebbe valere meno rispetto a quella di un animale?

Ai vegani, agli animalisti e ambientalisti da salotto e a quella pletora di scriteriati che seguono mode che portano alla disumanizzazione totale, l'ardua sentenza!
 

Cinzia Funcis

 

Leggi altri Editoriali

31 commenti finora...

Re:E se anche le piante provassero dolore?

I ragionamenti dei vegani fanno acqua da tutte le parti, posso essere pure d'accordo di non uccidere animali per mangiarli ma vanno in giro in auto a piedi in bicicletta e comunque si muovano uccidono quello che si trovano di fronte volutamente oppure inconsapevolmente e in grande numero, poi uccidono le piante che soffrono e vivono lo stesso come gli animali...quindi di cosa parlano? a cosa si riferiscono? Sono solo dei buffoni ridicoli che fanno la morale agli altri non affrontando minimamente il proprio comportamento...

da cicalone 03/11/2014 13.51

Re:E se anche le piante provassero dolore?

sono poveri stolti si fanno la guerra anche fre di loro pensate che ignoranti è proprio vero siamo il paese dei coglioni coglioni di destra coglioni di sinistra e popolo la mazza centrale che italia

da lupo60 02/11/2014 19.33

Re:E se anche le piante provassero dolore?

E chi se ne frega se anche le piante provano dolore...ed anche gli animali E del dolore fisico e morale degli esseri umani???? In fin dei conti solo gli umani devono lavorare per sopravvivere!!!

da Toni el cacciator 02/11/2014 18.35

Re:E se anche le piante provassero dolore?

Molto meno dura di chi,come Franck,ritiene le conoscienze odierne della scienza come verita' assolute! Un po' come la Santa Inquisizione e l'allora universo scientifico che riteneva la terra piatta e,per questo,condannavano a morte i " Galileo" considerandoli eretici!Pensa se un domani la scienza giungesse alla conclusione che invece,magari con piu' conoscienze sulle cellule,le piante sono in tutto e per tutto uguali al mondo animale;coerentemente dovrebbero darsi una morte,o per suicidio o di fame!

da pietro 2 02/11/2014 16.16

Re:E se anche le piante provassero dolore?

Ah! Se queste sono le argomentazioni da usare per invertire il trend animal-vegano, la vedo dura!

da ramsete III 01/11/2014 22.16

Re:E se anche le piante provassero dolore?

Caro frank x l'assoluzione l'unico che ci pensera' sara' dio noi cacciatori siamo consapevoli di togliere la vita ad un animale e vi e' un profondo rispetto nel farlo e nell'utilizzarne la spoglia che personalmente valorizzo in ogni aspetto da un punto di vista nutrizionale visto che solo la carne di selvaggina e' vera e genuina perche' selvatica cio' che mi disturba e' venir giudicato nel mio modo di vivetr la natura da voi gente da pc cittadini frustrati che volete insegnare a noi che viviamo nelle campagne a vivere non volete il taglio degli alberi (taglio che rinnova il bosco e da nuova alimentazione per i cervidi),non volete la pulizia dei fiumi per non alterare l'ecosistema e qui da noi in liguria la gente poi in citta' muore per le alluvioni,volete insegnare a chi sa' vivere con la natura i vostri metodi da tavolino e filosofia e poi noi raccogliamo nei boschi la vostra rumenta delle escursioni domenicali VOI SIETE LA ROVINA DELLA NATURA SE QUALCUNO HA BISOGNO DI CERCARE ASSOLUZIONE DI SICURO SIETE VOI

da MANUEL APPENNINO SAVONESE 01/11/2014 19.58

Re:E se anche le piante provassero dolore?

"...una consapevolezza e la capacità di provare emozioni complesse..." .... Questo è vero. L'altro giorno la mia gatta mi ha confessato di sentirsi terribilmente in colpa per aver prima torturato per una bella mezz'ora e poi divorato quasi vivo un topolino che aveva scovato nella legnaia. L'ho consolata dicendole che poteva iscriversi ad una associazione animalista e diventare vegana. Mi ha ringraziato e mi ha detto che ci avrebbe pensato...Chissà....

da Ezio 31/10/2014 19.40

Re:E se anche le piante provassero dolore?

probabilmente hai ragione, frank. ma tu - come un vegetale - non ti accorgi che questo è un danno per te e per tutta l'umanità. che poi, non è altro che una specie animale particolarmente evolute, che avendo acquisito strumenti speciali (il linguaggio complesso, la postura eretta eccetera)crede di essere un miracolo della natura. dimenticando, oggi, tu ne sei l'esempio, che tutto questo è cosa normale e che sarà praticamente impossibile togliere la VOGLIA DI CACCIA dal nostro portato esistenziale, visto che è un codice universale di tutti gli esseri viventi. dirazzare verso quello che tu prefiguri significa in buona sostanza l'estinzione della specie. salvo l'impatto con la terra di un enorme meteorite, io sarò sparito prima. credo anche te.

da m. salemme 31/10/2014 8.19

Re:E se anche le piante provassero dolore?

Poveretti! Mi hanno sempre fatto pena gli sparatori che pur di giusitificare i loro misfatti e nella disperata ricerca di un'assoluzione impossibile si arrampicano sugli specchi! Ma l'autore di quest'editoriale le ha sparate davvero grosse, altre ogni limite! Che le piante siano esseri viventi è pacifico, che abbiano un'intelligenza biologica pure, che comunico con l'esterno e che interagiscano con il loro ambiente lo può facilmente osservare anche un bambino! Gli scenziati fanno sempre delle scoperte dell'acqua calda. Quello che le piante non hanno è il sistema nervoso, i nocicettori, una consapevolezza e la capacità di provare emozioni complesse. Sono un po' come gli sparatori per capirsi: vivono solo di reazioni chimiche, ma non pensano! Quel "misero" 6% di vegani/vegetariani (che comunque stando alle ultime statistiche dovrebbe aver già superato il 7%) è comunque largamente superiore ai quei poveri 4 gatti ultra sessantenni che non si sono ancora accorti che i tempi delle caverne sono finiti. Bye bye

da Franck 30/10/2014 22.00

Re:E se anche le piante provassero dolore?

"I soli leader politici a lamentarsi degli omicidi sovietici su scala industriale furono HITLER e MUSSOLINI."....Urca!! A credibilità "stavamo" già bene allora. Ma certo personalmente non mi stupisco. La storia umana, grande (collettiva) e piccola (personale), è un florilegio di "tutto e contrario di tutto".... all'unisono.

da Ezio 28/10/2014 18.55

Re:E se anche le piante provassero dolore?

I morti son morti è si debbono rispettare TUTTI non perché quello è rosso va esaltato e l'altro nero va schifato o viceversa. Solo menti malate possono fare distinzione sui morti in guerre,sui mandanti e loro aguzzini.

da Alessio 28/10/2014 17.17

Re:E se anche le piante provassero dolore?

mah. non è che questa discussione ha preso una brutta piega. è che da quando abbiamo acquistato la discrezionalità di scelta e non siamo solo più istinto e memoria come gli altri nanimali, ovvero dai tempi di caino, che si vergognò davanti a dio del fratricidio commesso, abbiamo fatto di tutto per giustificare la parte oscura della nostra essenza. il fatto è, che nonostante la nostra capacità di astrazione (ovvero di essere in grado di distinguere fra cose e concetti di cose, o fatti, il che ci consente di prefigurare nel tempo le nostre azioni) non siamo niente di più che animali. rispondiamo al primoridale stimolo di "massimizzazione della fittness", come dice wilson. e quindi finchè c'è da mangiare, mangiamo, finchè c'è da arricchirsi ci arricchiamo, finchè c'è da fottere fottiamo. alla faccia del nostro vicino, del nostro fratello, del nostro padre, che spesso volenti o nolenti uccidiamo, almeno figurativamente (ricordate il complesso di edipo?). e quindi, siamo un po' tutti littizetto, siamo un po' tutti stalin, siamo un po' tutti hitler. di mussolini, in italia, non s'è ancora sperso il seme. anche adesso, basta girare l'angolo di casa, che se ne incontra un fottìo. macchiette, non despoti. guitti, non sadici. perchè è nella nostra natura (ammantata di cultura, che non è altro che natura mascherata). mi fanno ridere i santi e i capipolo che mentre si strappano i capelli per un animale ucciso, o un barbone indigente, fanno finta di niente di fronte a un'umanità che soffre e assistono senza battere ciglio ai milioni di bambini che muoiono ogni giorno sulla terra. siamo tutti assassini, e voi, animalari del cazzo, siete il più turpe strumento che consente di distrarre l'attenzione dai veri, reali genocidi del presente.

da seneca 28/10/2014 17.01

Re:E se anche le piante provassero dolore?

e con questo chiudo, perché questo portale tutto è tranne che un contenitore politico. Ammesso che siano reali tutte quelle cifre, tu pensi che tutto questo possa essere opera di un ideologia politica? CERCA CHE POI LA TROVI LA VERA RISPOSTA. A questo punto senza ricorrere a illustri contabili di morti, ma semplicemente affidandoci alla storia dell'uomo, vogliamo fare i conti di quanti milioni di morti sono stati causati da eserciti di uomini cosiddetti "civili" e non certamente con ideologie comuniste hanno causato in altri popoli, causandone la quasi estinzione di alcuni e la totale estinzione di altri?

da Pasquale Cinquegrana 28/10/2014 16.34

Re:E se anche le piante provassero dolore?

Questo te lo lascio come promemoria. CERCA CHE LE CIFRE LE TROVI. Urss, 20 milioni di morti, Cina, 65 milioni di morti, Vietnam, 1 milione di morti, Corea del Nord, 2 milioni di morti, Cambogia, 2 milioni di morti, Europa dell’Est, 1 milione di morti, America Latina, 150.000 morti, Africa, 1 milione 700.000 morti, Afghanistan, 1 milione 500.000 morti, movimento comunista internazionale e partiti comunisti non al potere, circa 10.000 morti. Il totale si avvicina ai 100 milioni di morti. LA LISTA DELLE VITTIME è STATA PRESA DA: Libro nero del Comunismo, di Stéphane Courtois. The Ent

da ciao bella ciao 28/10/2014 16.18

Re:E se anche le piante provassero dolore?

Le ricerche accademiche stimano le vittime in Ucraina tra gli 1,5 milioni di Wheatcroft, che nega la pianificazione dell'accaduto, e i 5 milioni di Conquest, che propugna l'intenzionalità delle gerarchie sovietiche. Il ministro degli esteri ucraino dichiarò alla 61ª assemblea delle Nazioni Unite che le vittime furono tra i 7 ed i 10 milioni; tuttavia dichiarazioni di questo tipo hanno attirato aspre critiche da parte degli studiosi, anche da parte di quelli, come Timothy Snyder, che sostengono la tesi della diretta colpevolezza dell'entourage staliniano. Secondo Stanislav Kulchitsky, studioso ucraino tra i primi a sostenere la tesi del genocidio, moderni metodi di calcolo indicano una cifra compresa tra 3 e 3,5 milioni di morti. Dando per buone anche le cifre del ministro degli esteri ucraino, non si arriva di certo ai 56 milioni di morti postati in precedenza. Contestavo questo, non sostenevo di certo che non fosse stato perpetrato un genocidio ai danni di un intero popolo. In quanto ai dei due pazzi che volevano conquistare il mondo e alle loro proteste non commento.

da Pasquale Cinquegrana 28/10/2014 15.02

Re:E se anche le piante provassero dolore?

Non diciamo incastonate pero adesso!!

da luca 28/10/2014 15.01

Re:E se anche le piante provassero dolore?

Invece di sbirciare da buco della serratura in casa di altri..... Chi cerca trova e come antipasto questo. Il genocidio del popolo Ucraino barbaramente trucidato dai bolscevichi comunisti sovietici con un ammontare approssimativo di 10 milioni di morti di cui 3 milioni di bambini sotto i 10 anni. Nel 1932 Stalin inviò i Commissari Lazar Kaganovitch, V. Molotov e G. Yagoda, capo della polizia segreta NKVD per spezzare la resistenza dei contadini Ucraini e forzare la collettivizzazione. L' Ucraina fu isolata. Tutte le forniture di cibo ed il bestiame furono confiscati. Gli squadroni della morte dell' NKVD giustiziarono gli "elementi contro il Partito". Non soddisfatto di quanti Ucraini stavano venendo uccisi, Kaganovitch, "l'Adolf Eichmann sovietico" stabilì una quota di 10.000 esecuzioni alla settimana. L' 8% degli intellettuali Ucraini furono uccisi. Durante il rigido inverno del 1932-33, 25.000 Ucraini al giorno venivano uccisi o morivano di fame e freddo. Il cannibalismo divenne una pratica comune. L' Ucraina, scrive lo storico Robert Conquest, sembrava la versione gigante del futuro campo di morte di Bergan-Belsen. La strage di 7 milioni di Ucraini, 3 milioni dei quali erano bambini, e la deportazione nei gulag di 2 milioni (dove molti morirono) fu nascosta dalla propaganda sovietica. Alcuni Pro-Comunisti Occidentali, come Walter Duranty e Sidney e Beatrice Webb del New York Times, ed il Primo Ministro Francese Edouard Herriot, recatosi in visita in Ucraina, negarono i racconti sul genocidio, ed acclamarono ciò che essi chiamavano "la riforma agraria" sovietica. Coloro che parlavano contro il genocidio furono etichettati come "agenti fascisti". Governo britannico, canadese e statunitense tuttavia erano ben consapevoli del genocidio, e non solo chiusero gli occhi ma bloccarono gli aiuti verso l'Ucraina.I soli leader politici a lamentarsi degli omicidi sovietici su scala industriale furono HITLER e MUSSOLINI.

da ciao bella ciao. 28/10/2014 13.16

Re:E se anche le piante provassero dolore?

@ciao bella ciao. Premesso che questo non è di certo il portale più adatto per fare politica, comunque voglio darti una breve risposta e poi chiudo. Dove l'hai letta questa immane ca@@@@a dei 56 milioni di morti, da Libro nero del comunismo, di Nicholas Werth? che peraltro confesso di non aver letto. I crimini di cui si e macchiato "baffone" (altro pazzo scatenato) e qualche altro emerito mentecatto di contorno si aggirano su un milione 5/6 mila, stime abbastanza attendibili. Per inciso, crimini sono e crimini restano che siano di matrice rossa, nera, azzurra o bianca. Se non si fosse fermato quel pazzo tedesco e il mentecatto italiano che lo accompagnava, altro che 56 milioni di vittime ci sarebbero state.

da Pasquale Cinquegrana 28/10/2014 11.36

Re:E se anche le piante provassero dolore?

Evidentemente l'editoriale ha colpito nel segno;recrudescenza sui sitiicaccia di notizie che,ovviamente,vengono dipinte non a tinte fosche,ma come tragedie dell'umanità, tipo giudizio universale;cacciatori(bracconieri,ovvio,nel linguaggio sensazionalistico che si deve quando si vuol dipingere una realtà con effetti di comodo;termine ,peraltro,giuridicamente inesistenteiglianti perfettamente a Girolimoni e rei,ascoltate ascoltate,di aver commesso il terribile crimine di omissione di UN capo di migratoria(e per questo"denunciati" all'autorità di giustizia;tipo Bastiglia,insomma).Evidentemente le "sentinelle" avranno avuto una triplicazione dei valori dei trigliceridi con l'articolo e devono smaltire:-)

da pietro 2 28/10/2014 10.59

Re:E se anche le piante provassero dolore?

Ora ci sarebbe da aspettarsi che in futuro, sullo stesso metro, la signora Littizzetto sia più clemente con i cacciatori. E che i telespettatori abbiano imparato la lezione. ------------------Purtroppo anche solo sognare questa ultima aspettativa è ormai utopia bella e buona . La gente va a comperare chili di carne dal macellaio, se ne fa scorpacciate cucinata nelle varie salse; ma non vuole sapere, anzi ,cancella dalla mente che quella stessa carne che ha nel piatto era un animale VIVO. Magari imbottito di antibiotici ed estrogeni , ma vivo ! Per quanto riguarda la comica in questione , se vuole continuare a lavorare DEVE dare addosso alla caccia ed ai cacciatori. Viviamo ormai in una società malata di protagonismo e accecata dalle mode del momento, con ventisette telefoni in tasca quando una volta bastava avere un gettone per eventuale emergenza . Mi fa impazzire Crozza quando schernisce Landini, che sarà anche rimasto ai tempi andati; tempi che per un verso dovrebbero ritornare se si vuol continuare a vivere

da Renzo 28/10/2014 10.51

Re:E se anche le piante provassero dolore?

Ce n'era un'altro,che non so se amasse o meno gli animali vegetariano o onnivoro, ma di certo so, che non amava gli umani. Specialmente quelli che lo contraddicevano,parenti compresi, propagando questo germe anche in molte apparentemente innocue menti nostrane. Chi sa perchè non se ne parla mai? Sara forse che cinquantaseimilioni di morti ammazzati sono stati pochi?

da ciao bella ciao 28/10/2014 10.30

Re:E se anche le piante provassero dolore?

Una vegetariana di mia conoscenza, nettamente anti-carne (per gusto, non per ideologia), mi confessò di avere nostalgia di pesce e frutti di mare. Dichiarò inoltre che una dietologa (ripeto dietologa e non veterinaria) l'aveva informata che gli animali a sangue freddo non soffrono come uccelli e mammiferi. Aggiungo un altro argomento di riflessione: quanti strumenti musicali (tamburi, banjos, archetti ecc.) utilizzano prodotti animali?

da bansberia 28/10/2014 10.22

Re:E se anche le piante provassero dolore?

@Dardo conosco la storia...purtroppo. Quel che scrivi non è del tutto esatto, perché riteneva che fra gli uomini c'era una razza eletta (ariana) che doveva primeggiare su tutti e su tutto. Inoltre a differenza di quest'altro mentecatto di cui ho riferito, non voleva cancellare gli animali carnivori dalla faccia della terra, vero è che amava i cani e di certo non li voleva veganizzare. Anzi, all'occorrenza non si sarebbe fatto scrupoli di nutrirli (i cani e gli altri animali carnivori con carne umana) La cosa che non mi torna, è come abbiano fatto gli "ariani" a obbedire ad un manipolo di ominidi, che non rispondevano di certo fisicamente ai canoni prescritti dell'ariano puro. Ma questo ovviamente è un'altra storia.

da Pasquale Cinquegrana 28/10/2014 9.59

Re:E se anche le piante provassero dolore?

"....di un animalato"...Mi pare che il termine renda bene l'idea. ;-)

da Ezio 28/10/2014 7.57

Re:E se anche le piante provassero dolore?

x Pasquale, ci fu un tizio del genere che negli anni 20 teneva discorsi dentro una birreria di monaco, poi diventato cancelliere del reich abolì subito la caccia ed amava gli animali....più dell'uomo, il resto si è visto, un mostro che odiava egli stesso perchè uomo...

da dardo 28/10/2014 6.34

Re:E se anche le piante provassero dolore?

Sembrerà assurdo lo so, magari qualcuno penserà che esagero aggiungendo di mio, ma la verità nuda e cruda è quella che sto per scrivere: Alcuni mesi fa, trovai un post di un animalato, il quale malediceva tutti gli animali carnivori, e sottolineo TUTTI, felini, canidi, rapaci, rettili, ecc. dal più grande dei predatori per finire al più piccolo. Arrivando a sostenere e arringando nel suo lucido delirio, che li si doveva costringere ad una alimentazione vegana laddove fosse possibile, in caso contrario, si dovevano sterminare tutti i mangiatori di carne, rei a suo dire di provocare atroci sofferenze in tutti quegli innocenti e poveri animaletti erbivori, fruttivori e via di questo passo.

da Pasquale Cinquegrana 27/10/2014 18.18

Re:E se anche le piante provassero dolore?

Ho inviato il link di quest'articolo della fantastica Cinzia Funcis a "Che tempo che fa". Non servirà ma si sa mai.

da Ezio 27/10/2014 15.02

Re:E se anche le piante provassero dolore?

Come dico sempre e da sempre, quando conoscerò un mio consimile che vivrà in una grotta, si nutrirà e vestirà di erbe secche, berrà acqua di fonte o piovana, allora mi genufletterò davanti a lui e mi batterò il petto e mi cospargerò il capo di cenere. Fino ad allora vivrò sereno con la mia coscienza. I frutti rinnovabili della natura sono li da sempre per essere prelevati, consumati. Con sommo senno e gratitudine, questo sempre si!! Sicuramente!!! E su questo piuttosto ci sarebbe moooolto da ragionare e discutere.

da Ezio 27/10/2014 14.32

Re:E se anche le piante provassero dolore?

Non vedo perchè un leone ( a loro detta animale senziente) ha diritto di mangiare carne procurandosela uccidendo e noi no, visto che per gli animalisti siamo tutti animali ( uomini compresi) da rispettare. Lo abbiamo già detto tempo fa che le piante sono senzienti ed i vegetariani uccidono allo stesso modo lo facciamo noi cacciatori è inutile cercare di sottrarsi giustificandosi che le povere piante non hanno vita è pura ipocrisia. Cordialit

da jamesin 27/10/2014 14.18

Re:E se anche le piante provassero dolore?

e quindi?? chi non vuole fare del male ad essere vivente sulla terra che fa? si deve prendere coscienza che siamo esseri di questo pianeta, e dobbiamo nutrirci di alimenti vegetali e carne, che lo vogliamo o no, la barbarie resta nel produrre più di ciò che abbiamo bisogno, e gettare via tonnellate di cibo, dove animali e piante hanno dato la loro vita per il nostro benessere, e ciò capita grazie alle multinazzionali, ed a gente senza scrupoli, la Littizzetto, è solo in cerca di visibilità mediatica ed attaccare i cacciatori ormai è di moda, farebbe bene a sedersi come tutti invece di stare su un tavolo con la bernardina per aria.

da dardo 27/10/2014 13.00

Re:E se anche le piante provassero dolore?

Ben detto. La Litizzetto con quello che guadagna può dire quello che vuole. Fin che dura.............basta che non si rompe la cinghia.

da NANNI 27/10/2014 11.16