HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
UNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina


lunedì 17 novembre 2008
    

Franco NobileIl Professor Franco Nobile, oncologo di fama internazionale, chiarisce i vantaggi del consumo alimentare della selvaggina.

Per una vecchia e sbrigativa consuetudine la selvaggina è ritenuta una “carne pesante”, cioè difficile a digerirsi perché sarebbe troppo ricca di  grassi.

Invece la carne degli animali selvatici possiede  certe doti  nutrizionali che ne fanno un alimento sano, ricco di proteine e soprattutto molto magre. 

Infatti  il contenuto  in grassi della selvaggina si aggira mediamente tra il due e il quattro per cento,  ben al di sotto del tasso del 30-40% dei salumi, della carne di manzo e di montone, delle uova e e di diversi formaggi. 

Come apporto calorico, le carni selvatiche sono più vicine al pesce che alle carni della zootecniche. 

Occorre considerare che gli animali selvatici, sia uccelli che mammiferi, fanno molto più movimento dei loro  cugini domestici, allevati intensivamente. Vedi i paragoni tra cinghiale e maiale, tra lepre e coniglio domestico, tra colombacci e piccioni e così via.

La veloce corsa di un ungulato e le migliaia  di chilometri percorsi dai migratori alati richiedono apparati muscolari (cioè carni) ben sviluppati, ben ossigenati, e non appesantiti dal grasso. 

La loro  denominazione di “carni rosse”  è dovuta alla loro ricchezza in ferro, cioè di un elemento indispensabile per legare l’ossigeno, elemento essenziale al movimento.  Una trota  di torrente contiene più  ferro di quelle allevate in vasca e l’agile  cervo, possiede sei volte più ferro di un pollo e quindi ha più proprietà antianemiche. 

Inoltre le carni selvatiche offrono maggiori garanzie per una alimentazione naturale rispetto all’incontrollabile giungla dei mangimi artificiali: dai cascami dell’industria farmaceutica ai cocktail ormonali, dai sofisticati composti chimici  di sintesi al riciclaggio dei più antigienici rifiuti organici e inorganici, fino ai macinati a rischio trasmissione dei  prioni della mucca pazza.

L’odierna offerta alimentare negli allevamenti a scopo alimentare carneo è talmente spregiudicata, in quanto esclusivamente finalizzata al profitto, da trasformare dei tranquilli vegetariani in  aggressivi carnivori.  in esasperati dalla cattività. Per non parlare delle manipolazioni genetiche escogitate per incrementarne la produttività,  con  posssibili ripercussioni negative  per la  salute del  prossimo.

La fauna selvatica, è abbastanza al riparo degli attentati biologici  perpetrati ai danni di quella domestica. E’ un po’ meno al riparo dalle troppe cause di nocività ambientale connesse alla crescente antropizzazione: inquinamenti batterici, intossicazioni chimiche,  contaminazioni radioattive.  

Tra il paradiso naturale dei selvatici e l’inferno artificiale dei domestici, c’è il  purgatorio di quelle specie animali il cui destino è ancora in evoluzione (o in involuzione?) nel senso che pur essendo state ridotte dell’uomo in stato di cattività, conservano ancora inalterate le loro originarie caratteristiche biologiche.  

Emblematico a questo proposito è il caso dello struzzo, la cui principale difesa dagli attentati dell’uomo-allevatore è quella di nutrirsi con alimenti vegetali semplici ed energeticamente poveri come il fieno e l’erba medica e di vivere all’interno di vasti recinti all’aria aperta: cioè in condizioni di benessere animale superiore a quello della zootecnia intensiva tradizionale, altamente inquinante. 

La carne di questo grosso uccello  è povera di colesterolo e ricca di ferro, con un tasso di grassi inferiore all’uno per cento, rappresentato dai preziosi  acidi grassi omega-3 (gli stessi del pesce azzurro) in percentuale ottanta volte superiore alla carne di pollo. Gli omega 3  sono preziosi perché prevengono i tumori, l’arteriosclerosi e l’ipertensione. Negli USA viene somministrata ai pazienti prima e dopo gli interventi di cardiochirurgia, perché anche il cuore è un muscolo.

Ma anche la carne di struzzo si sta affermando sulle nostre tavole, e viene consigliata dai  dietologi più aggiornati, restano invece le difficoltà connesse alla distribuzione al dettaglio  della selvaggina in genere, disponibile solo fra i cacciatori e i loro amici.

Dopo l’iniziale sviluppo della cosiddetta zootecnia alternativa di qualche decennio fa, quando l’allevamento di fauna selvatica rappresentava un reddito integrativo per i terreni marginali, l’apporto alimentare di carni selvatiche sui nostri mercati si  è andato sempre più affievolendo, ad eccezione forse per i prodotti di lavorazione del cinghiale.

Sulla scia invece dell’accresciuto consumo di cinghiale fresco, conseguente ad un approvvigionamento venatorio largamente diffuso in tutte le regioni italiane nonché all’affermarsi dei vari tipi di caccia agli altri ungulati selvatici (dalla caccia di selezione al all’agriturismo venatorio fino alle importate  “monterias”) occorrerebbe che le pubbliche amministrazioni prendessero in maggiore considerazione questo interessante capitolo di sviluppo economico, fino ad oggi purtroppo trascurato per cronica impreparazione culturale e per sterili settarismi ideologici

Per ottenere un costante approvvigionamento di carni provviste di maggior valore nutrizionale, non bisogna però allevare intensivamente la fauna selvatica come avviene per quella domestica. Infatti se desideriamo mantenerne inalterate le sue preziose caratteristiche  occorre promuovere gli allevamenti estensivi  allo stato semi-libero,  in modo che i selvatici possano continuare a  muoversi nei loro habitat naturali senza costrizioni eccessive e invalidanti.

Nell’attesa che si consolidi un’esperienza imprenditoriale al riguardo, potremmo intanto cominciare a valorizzare concretamente quella  più volte sbandierata funzione socio-economica delle aree protette,  aumentando la loro produttività in risorse faunistiche. Anziché stipendiare personale apposito, la manodopera esperta e competente  dei cacciatori, potrebbe gratuitamente effettuare i prelievi  finalizzati oltre che ad una razionale gestione faunistica, anche alla tutela della nostra salute, senza alcun appesantimento dei costi per i consumatori e con consistenti vantaggi per la traballante bilancia dei pagamenti riguardante  l’importazione carnea.

Si ringraziano vivamente le dottoresse EMILIA CARNOVALE ed EMANUELA CAMILLI dell’Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione di Roma per la cortese consulenza scientifica.

Dott. Franco Nobile 
(Medico Oncologo e Presidente nazionale Uncc - Unione Cinghialai) 

Scarica la tabella esplicativa Composizione in proteine, grassi e calorie per 100 grammi di peso degli alimenti crudi

Franco Nobile Amico di BigHunter


 

Leggi altri Editoriali

12 commenti finora...

Re:Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina

...Veronesi ha piu' fama costruita che qualita nel lavoro che ha fatto! cmq ha 82 anni.....il tempo per lui stringe....

da Rudi4x4 10/11/2010 18.49

Re:Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina

Premettendo che non mangio selvaggina ma neanche carne in generale (pochissima), la mia passione oltre a quella venatoria in senso stretto è quella di regalare a parenti e amici la selvaggina. Secondo me è un bel pensiero, alcuni non cacciatori magari ricordano con quei sapori i tempi della loro infanzia, anche per quello è giusto commercializzarla. C'è gente che va pazza per i selvatici e non potendo andare a caccia non la può mangiare a meno che..... Idea per Natale: una bella busta di selvaggina a chi la sa apprezzare ovviamente.

da Minos 28/11/2008 10.39

Re:Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina

Non ricordo se fu in questo sito che lessi, tempo fa, che per morire di Saturnismo (in maniera diretta) un Germano Reale deve inghiottire una tale quantità di piombo in 2 mesi impossibile da ingerire naturalmente... Se l'articolo proviene da questo sito, la redazione potrebbe mettere qui il Link, sarei interessato a rileggere l'articolo, se possibile. Grazie e Ciao!!

da Filippo 22/11/2008 15.48

Re:Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina

Il piombo è velenoso anche per l'uomo se ingerito in quantità notevoli. Mangiare un'intero germano ucciso con piombo n.quattro e ingerire i 5/6 pallini che lo hanno ucciso credo faccia male esattamente come bere un bicchiere d'acqua fresca, praticamente pericolo nullo. Il Saturnismo riscontrato negli acquatici che razzolano il fondo degli stagni con acque basse e quindi possono ingerire eventuali pallini di piombo già sparati è altra cosa.

da Jerry 22/11/2008 10.34

Re:Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina

Ci sono studi sul contenuto di piombo nelle carni di selvaggina abbattuta con il fucile a pallini? Tipo fagiano, anatra, ecc. Non conosco il meccanismo per la cessione, se esiste, della lega di piombo dei pallini alla carne della selvaggina

da Pierangelo 21/11/2008 19.36

Re:Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina

La caccia finisce sempre a tavola. Altrimenti non è caccia.

da Ugo 21/11/2008 17.27

Re:Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina

Io vado a caccia non solo per il piacere di passare quel poco tempo che ho a contatto con la natura, ma soprattutto caccio solo selvaggina commestibile appunto per godere di quel rapporto ke si crea con la fatica di cacciare quella determinata preda al gusto di commemorarla mangiandola, non al caso vado a caccia di beccacce.. che c'è di meglio di gustare una bella beccaccia al ginepro con salsetta.

da Maury 19/11/2008 12.39

Re:Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina

carissimi moderatori del sito, sarebbe opportuno che giraste questo msg al ministro zaia considerando che da un bel pò di anni nessun autorevole docente universitario si occupa dei benefici che può apportare quanto legato al mondo venatorio in attesa di tempi mogliori saluto tutti i cacciatori e simpatizzanti

da carmine conte 18/11/2008 12.07

Re:Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina

Da molto tempo, di fatto, mangio solo la carne che caccio.

da Martino 17/11/2008 23.16

Re:Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina

Chi è stato nei paesi nordici non può dire di non aver trovato nei menù di quasi tutti i ristoranti locali la renna, frutto di caccia e allevamento brado. Da noi mangiare un arrostino di allodole non solo è un sogno ma addirittura proibito nei locali pubblici. Questo è un'esempio banale le allodole i cacciatori le mangiano con gli amici a casa propria ma Cervi Cinghiali Caprioli Daini Mufloni che arrivano da abbattimenti necessari nei parchi invece che finire a poche aziende che fanno barattolini con sughetti per la grande distribuzione non sarebbe meglio finissero, non dico in tutte ma in alcune macellerie specializzate tipo quelle equine?

da Valerio 17/11/2008 17.36

Re:Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina

Mah.. non sarebbe una brutta idea e potremmo avere tutti i potenziale per pterlo fare... Ora come ora "io parlo per quanto riguarda la sardegna" non è possibile se prima non si affrotano i problemi degli incendi rimboschimenti e ripopolamento di tutte le zone... Qui tra pastori e agricoltori si trovano delle zone he ormai assomigliano più a deserti che ad altro non si vedono ne alberi e ne cespugli... ma solo degli erbai che il gelo o il troppo caldo non fanno andare avanti... prima di fare una cosa del genere bisogna far cambiare la mntalità della gente e rimboschire... bisogna ricordare che i cespugli e gli alberi sono le case degli animali

da filippo lentis 17/11/2008 11.45

Re:Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina

Dobbiamo riprenderci ogni aspetto vero della caccia, tra questi certamente anche il consumo della carne di selvaggina a disposizione di tutti coloro che ne vogliono goderne in sapore e i benefici. La caccia futura passa anche da qui!

da Elvio Z. 17/11/2008 11.32