HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani |
  Cerca
L'AGNELLO E LA CICORIA PER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattere SOSTIENE LARA LUPO, QUANTO CI COSTI A UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS francese ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANA C'ERA UNA VOLTA... LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!! Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italiane TABU' LUPO FIRMAMENTO SOCIAL ALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSO LUPO. ATTENDIAMO LUMI CHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIA Cos’è la caccia La ri-proposta Cuore di beccaccia Cacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardi LA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scoperta CARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODA Osservatori regionali, avanti! Ungulati: una risorsa preziosa La mia prima volta al cinghiale: onore alla 110! Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibile ANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTI TORDI TORDI STANNO TUTTI BENE ETERNA APERTURA TANTE MAGICHE APERTURE CI SIAMO! LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONE LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE ANCH'IO CACCIO MIGRATORIA, MA DI CHI? Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio francese REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO Lasciate la carne ai bambini Uccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi.... CINGHIALI D'UNA VOLTA DATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRA MONTAGNA, 22 ANNI DOPO Elegia per un vecchio signore LA GRANDE BUFALA Animali & Co: un problema di comunicazione LUPO O CINGHIALE? Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo Le allodole, mia nonna e le vecchiette La caccia e gli chef UNGULATI CHE PASSIONE PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA Le beccacce e il lupo QUESTIONE DI PROSPETTIVA La cinofilia ufficiale. Parte seconda con scuse PROBLEMA LUPO Bisturi facili. Cuccioli? No grazie Perché ho scelto il setter inglese? Galletti fa mea culpa Questa è la cinofilia ufficiale C'era una volta il cinghiale Bracconieri di speranze Gip, amor di cacciatore. Il piccolo francese SAVETHEHUNTERS, MATTEO TROMBONI SFIATATI I sistemi elettronici di addestramento GUANO CAPITALE In principio era una Dea C'era una volta l'orso bianco che campava di caramelle UNA TERRA DIVERSA MEMORIE. Da regina a regina informAZione? Iniziazione del cucciolone UNIONE AL PALO? LA PARABOLA DI CECIL CROCCHETTE VEGANE L'ecoturismo fa danni ALLODOLE PER SEMPRE TRUE LIES CI SIAMO? Natura. Madre o matrigna? LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPO UN’APERTURA DA FAVOLA I cuccioli di oggi MACCHE' PREAPERTURA CACCIA, PROVE E VARIA UMANITA' Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiere FORMAZIONE, FORMAZIONE! I cani da ferma oggi Arlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNA Prima informarsi, poi farsi un'opinione Effetto Flegetonte Il cane domestico (maschio) Il valore della caccia Chi è diavolo, chi acquasanta? CANDIDATI ECCELLENTI PUBBLICO O PRIVATO? LA FRANCIA E I MINORI A CACCIA REGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATI Caccia vissuta “Se questa è etica” QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PERO Le contraddizioni dell'Expo QUESTIONE DI CORPO L'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloni Calendari venatori: si riparte DOVE ANCORA MI PORTA IL VENTO LUCI E OMBRE DI UN PROGETTO CANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIO CHIUSO UN CICLO... A patti col diavolo... e poi? BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZO MISTERI DELLA TELE CANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILE E' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SA Tordi e beccacce tra le grinfie della politica Donne cacciatrici piene di fascino predatorio Italiani confusi su caccia e selvaggina Storia di una particella cosmica Vegani per moda Anime e animali MUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur Smith CHI LA VUOLE COTTA, E CHI.... Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsa ZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA! E se anche le piante provassero dolore? PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMA Momenti che non voglio scordare Anticaccia? Parliamone CACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELE CATIA E LA PRIMA ESPERIENZA CHIARI AVVERTIMENTI PIU' VIVA E PIU' AMATA ECCE CANEM DE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTI IL CATALOGO E' QUESTO.... CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIA ISPRA. UN INDOVINO MI DISSE... MIGRATORI D'EUROPA L'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggio MIGRATORISTI GRANDE RISORSA Fauna ungulata e vincolismo ambientale Decreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTRO Ai luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIO SPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHI DOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVE Biodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLA Le specie invasive ci libereranno dall'animalismo EUROPEE: SCEGLIAMOLI BENE La rivoluzione verde è nel piatto La caccia al tempo di Facebook SOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposo COSE SAGGE E MERAVIGLIOSE AMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDO C'ERO UNA VOLTA ALL'EXA QUESTA E' LA CACCIA! EUROPA AL RISVEGLIO TOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLA CACCIA LAZIO: quali certezze? ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTI UNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILE LO DICO COL CUORE IL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E' I veri volontari dell'ambiente DIAMOGLI CREDITO PROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIA Ambientalisti italiani, poche idee ma confuse Anche National Geographic America conquistato dalle cacciatrici Più valore alla selvaggina e alla caccia Il cinghiale di Colombo Porto di fucile - NON C'E' MALE! PAC & CACCIA LILITH - LA CACCIA E' NATURALE Effetto protezionismo Ispra: il caso beccaccia Il grande bluff dei ricorsi anticaccia COME FARE COSA FARE Supermarket society Romantica Tipi di comunicazione: C'E' MURO E MURO Ambientalisti sveglia! Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggiose SPRAZZI DI SERENO POINTER E NON PIU' SOGNO DI CACCIATORE UN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPO RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORI LA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOON ALLA FIERA DELL'EST VOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNA IL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI “Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunistico CACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISI Partiamo dalla Toscana ITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la caccia C’ERA UNA VOLTA… I cacciatori nel regno delle eterne emergenze Gli ambientalisti e la trave nell'occhio Addio alle rondini? L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato) ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI..... SUCCEDE ANCHE QUESTO BASTA ASINI AMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di Diana TOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTO ALLARME DANNI DANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga… STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA “L'ipocrisia delle coscienze pulite” UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALE CACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA' ZONE UMIDE: CHI PAGA? Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA SPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLE La Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’albero A SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo così NEORURALI DE NOANTRI FRANCIA MON AMOUR LA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIA TERRA INCOGNITA L’Italia a cui vorrei fosse affidata la caccia La marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVE COLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI? DIVERSA OPINIONE IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE Opinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!! A CACCIA A CACCIA!!! PROVOCAZIONI Estate di fuoco MISTIFICAZIONI SICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTO Sostenibili e consapevoli! COLPI DI SOLE COLPI DI CALORE Aiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti! TECNOCRATI? NO ESPERIENTI LA RICERCA DIMENTICATA PARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'! Orgoglio di contadino Campagna o città? CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRI CALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERE CONFRONTO FRA GENERAZIONI LA CACCIA CHE SI RESPIRA Rapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNO MUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà? Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga... DELLE COSE DELLA NATURA Cultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'Italia Il nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalisti LA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀ PAC IN TERRIS UCCELLI D'EUROPA GIRA GIRA..... STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNA TOCCA A NOI! CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLO IL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIA VERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTO PROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZA BECCACCE DI BEFANA CACCIA, FASE DUE PROVOCAZIONI DI FINE D’ANNO RICERCA RICERCA SPIGOLATURE DI NATALE Dai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONE NON ERA AMORE Finalmente autunno Il paradosso dell'Ispra IL PIANETA DEI CACCIATORI Le caste animali A CACCIA ANCHE DOMANI A CACCIA SI, MA DOVE? ORGOGLIO DI CACCIATORE Per il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIA APRE LA CACCIA! Amico cacciatore, guarda e passa Riforma sui Parchi in arrivo? E i cuccioli umani? MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATE LA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenza Il Pointer e la caccia Col cane dalla notte dei tempi Contarli, certo, ma come? Questa è una passione! IL PENTOLONE LA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE NON SOLO STORNO QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI La lezione di Rocchetta di Vara BASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITI CORONA L'ERETICO Cacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medaglia Deroghe: non è una missione impossibile AMBIENTALISMO E' CULTURA RURALE Sei il mio cane ALLE RADICI DELLA CACCIA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIA COME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA... BOCCONCINI PRIMAVERA CACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERE COMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIO QUESTIONE DI CALENDARIO LA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIA PRENDIAMO IL MEGLIO BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA TUTTI A TAVOLA RIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRE LA CACCIA SERVE. ECCOME! METTI UNA SERA A CENA Urbanismo e Wilderness: un confronto impari CONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEET GIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANI IL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in Italia Accade solo in Italia? L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza FRA STORIA E ATTUALITA' Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro “Solo” una passione Tra ideologia e strategia politica IL CATALOGO E' QUESTO TORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTO DA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro Brambilla Italiani ignoranti della caccia CACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNA Ed il giorno arriva DEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE! PRE-APERTURA DI CREDITO Domani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONE Alcune riflessioni sulla caccia in Italia Divagazioni per una rivoluzione culturale La senatrice Adamo va alla guerra PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci) Calendari venatori. Le bugie degli ambientalisti Un'arte chiamata caccia AREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLA Animalismi e solitudini In un vecchio armadio STAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODO Belli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI! Ieri, mille anni fa, io caccio Cosa mangiano gli animali degli animalisti? SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA MOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVO ORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICO Aerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo” ALL'ARIA APERTA! Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIA IPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOI IN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA! RIFLESSIONI DI UN PEONE IL PAESE PIU' STRANO DEL MONDO Fuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALE E Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTO L'Enpa insulta i cacciatori SELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIA America: un continente di vita selvaggia LA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezione LA CACCIA COME LA NUTELLA? LUPO, CHI SEI? Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no? TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGE A caccia con L'arco... A caccia con la storia... Interpretazioni e commenti di nuova concezione 10 domande ai detrattori della caccia IL BRIVIDO CHE CERCHIAMO La caccia come antidoto alla catastrofe climatica Per una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNARO CONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIA Caccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perduta Allarmismo e vecchi trucchetti Ancora Tozzi ? REALISMO, PRIMA DI TUTTO Le invasioni barbariche APERTURA E DOPO. COSA COME QUANDO Piombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquatici Di altro dovremmo arrabbiarci I GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecnici Un rinascimento ambientale è possibile Gelosi e orgogliosi delle nostre tradizioni LA CACCIA SALVATA DALLE DONNE? Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars Venandi Tutto e il contrario di tutto DALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO... IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATO La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova Tutti insieme... magicamente Ambiente: una speranza nella caccia SOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTA La Caccia ha bisogno di uomini che si impegnano LA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDO Il capanno: tra architettura rurale e passione infinita DONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANA EUROPA EUROPA VICINI ALLA VERITA' Beccaccia sostenibile CACCIA E SOCIETA' Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNI PARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidato CACCIA ALL'ORSI ORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORI UN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORI Ridiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevole Il cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia. 157: PENSIERI E PAROLE MA COS'E' QUESTA CACCIA? 157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONE MIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARE CINGHIALI CHE PASSIONE La cultura cinofila ATC DIAMOCI DA FARE Il vitello che mangi non è morto d'infarto! Ripensare la caccia? PER UN FUTURO DELLA CACCIA QUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONA PUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAM Un nuovo corso per gli ungulati Siamo noi le Giubbe Verdi Ruralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina La caccia secondo Giuliano, umorista de La Repubblica Questa è la caccia Il cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumi La cinegetica e la caccia col cane Gestione e tradizione BASTA TESSERE AMAR...TORD E il beccafico perse la via del nord Dimostriamo credibilità Apertura passione serenità editoriale - Fucili italiani come le ferrari Orgoglio di Cacciatore I Tordi e le Beccacce La Caccia è Rock

Editoriale

I cacciatori nel regno delle eterne emergenze


lunedì 27 maggio 2013
    
Corre sempre più voce che lo Stato è alla vigila della bancarotta. E' una esagerazione, ovviamente, per un paese che – in Europa - a garanzia dei debiti - ingenti, non c'è dubbio - insieme alle risorse, ingenti, del patrimonio pubblico, ha fatto leva anche sui risparmi degli italiani. Che ammontano a più di ottomila miliardi di euro, quattro volte il debito, caso unico al mondo. Certo è, tuttavia, che questa nostra classe dirigente, che non nasce dal vuoto siderale, ma è – “digiamogelo” una volta per tutte – l'espressione del cuore e della pancia del popolo italico, dovrà presto ricorrere ai ripari. Ovvero: recuperare consensi dimostrando che riesce a ridurre gli sprechi, migliorare le performances finanziarie, tornare con i piedi per terra, dopo decenni di serafica permanenza su...Marte.

Fra i tanti sprechi, quelli collegati alla cosiddetta “tutela ambientale” sono fra i più evidenti. Soprattutto a noi cacciatori che, nel mentre paghiamo profumatamente per esercitare un nostro diritto sancito costituzionalmente, contribuiamo col nostro impegno e il nostro portafoglio a fare quel poco che si fa, proprio in termini di salvaguardia del territorio e difesa del patrimonio faunistico.

Non è più possibile assistere passivamente alla dissipazione di risorse pubbliche per alimentare la cattiva gestione di tanti parchi e di tante aree protette. Dove si annovera un surplus di personale col quale un semplicissimo imprenditore privato, un contadino per esempio, dissoderebbe e metterebbe a frutto tutta la SAF (Superficie Agricola e Forestale) del paese. Si sa di parchi che contano più di settanta dipendenti, e che quando c'è da fare qualcosa, affidano lauti incarichi e consulenze a professionisti esterni.

Non che in certi ATC se la passino meglio. Quando si impiega una parte consistente delle quote dei cacciatori per pagare affitti di sedi e progetti fotocopia affidati spesso ai soliti noti.

Poi c'è il problema danni. La cui causa principale sta proprio nella farraginosa gestione dei controlli. Con gli agricoltori che protestano, gli ambientalisti che contestano e le amministrazioni pubbliche che - nel gestire l'eterna emergenza - non sanno più a che santo votarsi. Non soltanto oggi, ma soprattutto domani, quando con un popolo dei cacciatori che sta invecchiando, sarà sempre più difficile recuperare manodopera a costo zero. Perchè se i talkshow e le striscielenotizie sono affollate da protezionisti da salotto, quando c'è da fare sul campo sono sempre i soliti cacciatori che si vedono all'opera, magari con la fascia di "Volontario della Protezione Civile”. E pensare che il problema dipende proprio da quel 30% di territorio “santuario” dove guai a chi tocca un animale, che ieri si chiamava “nocivo”, oggi per la logica del politically correct è stato ribattezzato “opportunista”. (Speriamo che la convocazione d'urgenza di governo e parlamento sul problema dia presto le risposte che tutte le persone sane di mente si attendono).

Quando poi, e questo appare ormai assurdo, non poche amministrazioni attingono ai fondi dei cacciatori per finanziare progetti presentati, sostenuti sui media e immaginificamente gestiti dalle organizzazioni ambientaliste. Che poi, pensa un po', magari usufruendo degli stessi soldi, imbastiscono feroci campagne anticaccia. Il tutto favorito da un Ente, oggi denominato ISPRA (ieri Infs/IstitutoNazionaleFaunaSelvatica; ieri l'altro INBS/IstitutoNazionaleBiologiaSelvaggina; e ancora prima Laboratorio di Zoologia Applicata alla Caccia), che istituzionalmente dovrebbe occuparsi di attività venatoria e fauna selvatica, mentre invece, dipendendo dal Ministero dell'Ambiente, è condizionato, ovviamente, da politiche ambientaliste che fanno da paravento ai decenni di cattiva gestione dei veri problemi ambientali del nostro beneamato paese: inquinamenti, dissesto urbanistico, speculazioni fondiarie, incuria, ecomafie, ecoballe.

Un ente, che si permette di non fare (ricerca, raccolta dati) e proprio per questo di emettere sentenze di diniego causa la mancanza di dati. Un ente, che elabora linee guida sulla gestione degli ungulati, che vengono immediatamente bloccate per la palese inadeguatezza rispetto al problema stesso (l'esagerata consistenza delle popolazioni). Un ente, che si rifiuta di produrre linee guida sulla migratoria, perchè contesta quanto concordato a Bruxelles dagli organismi comunitari, ispirati da un organizzazione, Birdlife, il cui corrispondente in Italia è la stessa Lipu, dalle cui labbra pendono certi uffici del ministero.

A tutto questo, purtroppo, si aggiunge una profonda crisi delle vocazioni. Mancano i giovani cacciatori, mancano forze e menti fresche, manca il ricambio. O meglio, quello che c'è non è sufficiente. Nella futura allocazione delle (sempre più ridotte) risorse - in particolare: fondi e bilanci delle province (ex?) e degli ATC (urge almeno un accorpamento funzionale, altro che il supersdoppiamento suggerito dal cosiddetto tecnico Franco Perco) - oltre a ridurre gli sprechi, che ci sono, sarebbe perciò opportuno applicarsi per traghettare gli investimenti dalla voce ricerche-progetti (molto cari ai tecnici faunistici, ma ormai per la maggior parte difficilmente sostenibili), a quella (in buona parte da inventare) per rendere compatibile l'interconnessione fra prevenzione dei danni e gestione del rapporto fra capitale faunistico e territorio. Attingendo al volontariato (cacciatori in primis, visto che almeno le associazioni venatorie più attive  oggi hanno nel loro statuto finalità sociali) e a certi dispositivi per l'occupazione giovanile (lavoro in agricoltura, cooperative, assegnazione di incarichi ad associazioni d'impresa).

Un modo - quello di creare lavoro - per richiamare l'attenzione dei giovani anche sul fenomeno culturale "caccia". Hai visto mai che offrendo opportunità di lavoro, sempre più giovani si riaffaccino al nostro mondo? C'è, sempre più impellente, ad esempio, il problema della trasformazione delle carni, della gestione forestale del bosco, il recupero dei sentieri con obiettivi anche venatori. Insomma, argomenti che fino ad ora – ma solo sulla carta, quella stampata - sono stati in buona parte appannaggio degli ambientalisti (spesso attingendo alle risorse provenienti dalla caccia), ma che potrebbero servire anche per rompere quella dicotomia che fino ad ora ha mantenuto (ad arte?) su posizioni contrapposte cacciatori e (fasulli?) tutori dell'ambiente.

Al proposito,  sul recente rapporto “Multifunzionalità agricola, biodiversità e fauna selvatica”, coordinato da un ottimo tecnico, Marco Genghini, si legge di una “multiarticolata” realtà sull'appennino toscano, dove si conciliano numerose attività, fra le quali molte affidate ai cacciatori (censimenti, corsi, lezioni e guide sul territorio, ecc.), che tuttavia – con la semplice apposizione di un cartello - appaiono di fatto attribuite a una nota associazione ambientalista.

E allora, perchè non porre fine a questo maledetto ostracismo nei confronti della caccia e dei cacciatori e far risultare le cose come stanno?


Vito Rubini

 P.S. Mi piace chiudere riproponendo una nota, quella postata da Ettore, su Bighunter del22/05/2013 , alle 20.17, nella quale sfido chiunque a non riconoscersi. Ormai e' risaputo – scrive Ettore - che le aree protette (cosi' come sono intese nel nostro paese) hanno fallito. Negli ultimi 20 anni abbiamo assistito ad un proliferare di questi territori che hanno portato soltanto a dei musei a cielo aperto, senza nessun tipo di ricavi e per lo più invisi alle popolazioni che ne sono prigioniere, alle quali popolazioni nella maggioranza dei casi prima dalle istituzioni sono state fatte promesse che la situazione andava sicuramente migliorando; purtroppo non e' andata mai cosi': sono stati fatti dei regolamenti assurdi; conosco delle persone che hanno dovuto cedere il loro bestiame, non si può raccogliere legna, ci sono forti limitazioni a raccogliere frutti di sottobosco, bisogna fare attenzione a non mettere una ruota fuori posto perche' ne va di una bella multa etc... ora io dico: ma non si può fare un parco con tutte le attività umane annesse, magari con una regola per ogni attività ma senza mettere divieti per tutto, come [succede] in alcuni parchi americani? E allora si' che il parco avrebbe un senso e di sicuro l'ambiente se ne gioverebbe. In poche parole si devono cogliere i frutti del parco (gli interessi che la natura ci offre, senza intaccare il capitale).

Leggi altri Editoriali

11 commenti finora...

Re:I cacciatori nel regno delle eterne emergenze

I Francesi hanno anche inventato la ghigliottina .... noi i cappottini per i barboncini. Ma quanti giaguari dobbiamo smacchiare ? Abbiamo sicuramente finito l'acqua ragia

da Renzo 29/05/2013 15.56

Re:I cacciatori nel regno delle eterne emergenze

sì certo Roberto, hai ragione, in Francia hanno avuto anche loro un calo negli ultimi decennni, che è fisiologico in tutta Europa. L'aumento cui facevo cenno si riferisce ai dati degli ultimi anni: insomma, hanno avuto, pare, un'inversione di tendenza che da noi, ahimé, è ben lungi da venire.

da 100%cacciatore 28/05/2013 21.04

Re:I cacciatori nel regno delle eterne emergenze

Chigi si chiamava, mi pare, e dette il nome all'Istituto. Quanto ai numeri in Francia, anche loro negli ultimi 20-30 anni sono diminuiti. In discreta percentuale. Erano più di due milioni. La differenza è che là, in Francia, c'è un accordo con i proprietari terrieri che non campano di degats (danni) ma di affitti. E il territorio ASP è maggiore sia in assoluto sia relativamente alla popolazione e alla popolazione dei cacciatori. Le deroghe, poi, sono piccola cosa rispetto a quanto stiamo chiedendo noi, a mio avviso giustamente. Non ne possiamo più di storni, piccioni torraioli, tortore dal collare. Ma vogliamo anche i fringuelli. E invece siamo relegati a catturare cornacchie, intrappolare cinghiali caprioli e cervi per liberarli a 200 km di distanza, che quindi tornano a casa nel giro di una settimana ma anche meno, ridurre le volpi col sale sulla coda,lasciare che le nutrie ci distruggano gli argini con ampie fughe di...acqua, lupi che divorano intere greggi, orde di cani famelici che scorrazzano indisturbati, anzi protetti dalle brambille, e via e via e via....

da Roberto Be. 28/05/2013 16.53

Re:I cacciatori nel regno delle eterne emergenze

Vito Rubini, uno che con la penna ci sa fare, con questo pezzo offre il destro a molti rimpianti. Basti pensare, ad esempio, che in Italia c'è un calo conclamato di seguaci di Diana, mentre in Francia le persone che si iscrivono al corso per la licenza sono in aumento, si vocifera addirittura del 10%. Chissà come mai, eppure nemmeno loro son senza animalisti, anzi, pensate solo alla Bardot! Forse, a far la differenza, è la credibilità del Sistema-Caccia, con tutti i nessi e connessi aspetti gestionali? Ma ve lo vedete, tanto per fare un esempio, il dipartimento del Var, che l'anno scorso autorizzò un prelievo selettivo del lupo (!), per fronteggiare le crescenti predazioni, cagarsi addosso e fare retromarcia di fronte alle proteste degli animalari per l'abbattimento di 4 volpi rognose??? Lo sapete come vennero trattati lor signori (italiani, ovviamente) quando pensarono bene di organizzare un blitz contro una forma tradizionale di uccellagione nel sud della Francia, l'anno scorso? Buon divertimento: http://www.geapress.org/caccia/francia-italiani-presi-a-fucilate-il-prefetto -foglio-di-via-per-i-nostri-connazionali/32037 Altro rimpianto, l'ISPRA, che venne fondata, come giustamente ricordato, come Laboratorio di Zoologia Applicata alla Caccia, in quel di Bologna ai primi del '900, da un grande biologo cacciatore di cui ora non mi sovviene il nome. Vederla ora ridotta in queste condizioni, non mi induce altra reazione che non sia l'esclamare un mestissimo "sic transit gloria mundi".

da 100%cacciatore 28/05/2013 0.07

Re:I cacciatori nel regno delle eterne emergenze

Gli Italiani amano complicare le cose perche è nel loro DNA. Basta guardare come è conciato il Paese tutto. La macchina burocratica sta sgretolando anche quello che potrebbe salvarsi. Caro Ezio, se pretendiamo di far capire a i soliti noti il concetto da Te esposto poco sopra ( molto semplice e lineare da comprendere per gli addetti ai lavori ..) facciamo prima ad andare a piedi su Marte ; a meno che .........

da Renzo 27/05/2013 19.11

Re:I cacciatori nel regno delle eterne emergenze

Caro Emilio, le cose in realtà sono molto semplici ma gli esseri umani, in particolare se italici, amano complicarle.

da Ezio 27/05/2013 17.48

Re:I cacciatori nel regno delle eterne emergenze

Le cose, come al solito, sono piuttosto complicate. I caprioli, ma anche i cinghiali, i cervi, in certe aree cacciabili sono tanti, perchè - alla bisogna, ovvero quando aumenta la pressione venatoria - si rifugiano nelle aree protette. Chiamali scemi! Per questo che, se si vuole una gestione coerente, il controllo/assestamento delle popolazioni va fatto uniformemenete su tutto il territorio.

da Emilio S. 27/05/2013 16.28

Re:I cacciatori nel regno delle eterne emergenze

Gli orsi nel parco d'Abruzzo sono in aumento?? No. Gli stambecchi nel Gran Paradiso sono in aumento?? No. I caprioli in territorio venabile sono in aumento. Si. Ecco, solo qualche esempio per dire, ancora una volta, l'ennesima, che è l'habitat nel suo complesso che determina il successo o meno di una specie e che la caccia, così come la intendiamo noi, non ha mai arrecato danni ad alcunchè. Anzi! Andrebbe utilizzata come risorsa e non come capro espiatorio. Ma ormai mi sa che è tardi per una inversione di tendenza che porti buoni frutti reali e non solo quelli effimeri mediatici, ovvero vendita di "fumo" alle masse ignoranti in materia.

da Ezio 27/05/2013 15.35

Re:I cacciatori nel regno delle eterne emergenze

E quelli,Pier,non si estinguono di sicuro:sono i soldi che mancano!

da pietro 2 27/05/2013 13.13

Re:I cacciatori nel regno delle eterne emergenze

Bello. Tutto giustissimo e concordo in tutto. Una domanda: ma i parchi non nascono per tutelare una specie animale, una pianta o qualcosa che rischia di andare distrutto a causa degli eventi anche naturali? Forse hanno confuso questo con l'idea che il parco nasca per proteggere poltrone e sederi di qualcuno che il naturale avvicendarsi degli eventi rischierebbe di distruggere

da Pier76 27/05/2013 10.32

Re:I cacciatori nel regno delle eterne emergenze

ATTENZIONE. IL NEO MINISTRO ORLANDO HA PROMESSO ENTRO UN ANNO LA CONFERENZA SUI PARCHI. COMINCIAMO A SPARGERE VOCE SUL TERRITORIO, SINDACI, PROVINCE, RESPONSABILI POLITICI LOCALI E NAZIONALI, CHE è L'ORA DI SMETTERLA DI SPRECARE SOLDI PER DELLE CATTEDRALI NEL DESERTO, QUANTO MENO DI DUBBIA EFFICACIA, E SOPRATTUTTO FOGLIA DI FICO PER LE PEGGIORI TURPITUDINI PERPETRATE SUL NOSTRO TERRITORIO. I PARCHI SARANNO UNA BELLA COSA SE RIUSCIRANNO A AUTOFINANZIARSI. E SOPRATTUTTO, IL PATRIMONIO FAUNISTICO E AMBIENTALE VA TUTELATO E GETSITO SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE. SE SI DEVE SSPENDERE COMINCIAMO DALLE TANTE ILVA ITALIANE. PROIBIAMO I DISASTRI AMBIENTALI OVUNQUE, NON SOLTANTO IN QUELLO SCARNO 10% DEL TERRITORIO. E SOPRATTUTTO SMETTIAMOLA COL DIVIETO DI CACCIA (PRELIEVO/CONTROLLO, CHIAMATELO COME VI PARE)E OSTRACISMO VERSO I CACCIATORI. L'ITALIA NON SE LO PUò PIù PERMETTERE

da FRANCESCO G. 27/05/2013 10.25