Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Rifacciamoci la boccaLa natura nel mondo delle fiabeDa ieri a oggi. E domani?Uno scatto d'orgoglio per recuperare rispettoLa bellezza salverà il mondoDove vai, se la caccia non ce l'haiNell’anno delle allodole*Tutela biodiversità? Ben venga!Diamoci da fareIeri le tortoreA caccia, ieri, oggi, domaniKC. La scienza bizzarraCaccia futura - Parte l'iniziativa BigHunter "Io ci sono!"L'animalista antiscientificoProviamoci, almenoEmergenze o indulgenze?Forza ragazzi! Forza ragazze!Moriglione, pavoncella e la polvere sotto il tappeto Ambientalisti in discesaLa giusta battaglia dei circhiIl pane … e la cacciaCacciatori e piccoli passiGli animali sono animaliAvanti tutta in EuropaAmbientalista? Sì, cacciatore!QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMOSelvaggina, la via della filieraGiovani. Cacciatori. NaturalistiEuropa Europa!Padule di Fucecchio. Fatti non p.Diamo una mano alla starnaTornare ai tempi della naturaRitorniamo al mitoGreta e la terra I Restoni non sono “quelli che restano”Riprendiamoci la naturaDiscorso sulla coturnice, ma non soloLa piaga dei ParchiBentornata ExaHorror naturaProvocazioni e fermezzaMaestra montagnaSPORT O PASSIONE?Un contratto a uso del manovratoreCol cinghiale al casello, ma non soloCinghiale. Il ricercatore svela la bufalaCambiamenti climatici e migrazioneScelta di campo e arie partenopeeIl nostro futuro è in EuropaLa mia Flyway è differenteIl futuro potrebbe essere la gestione adattativa?Un amoreAmbientalismo de noantriAria fresca e un pensierino alla SerraIl caso Leopold LipuUna sbiadita stellaViva la caccia!Questione di passioneIl mondo che verràIl senso della Lipu per i passeriArmi. Le nuove regoleSi va per l'aperturaLa tentazione di riprovarciIncendi. Il presente, il futuroAmbiente. Vogliamo parlare dei Parchi?SOGNO DI UN'ELISA DI MEZZA ESTATELa nostra frontieraCerusici e norciniSaggezza cinotecnicaUn ministro smarritoMa dov'era la Lipu quando ci rubavano gli habitat?E se si ripartisse dalla pernice?ISTINTO VENATORIO DEL CANE DA FERMAAntibracconaggio, a che punto siamo?Nuovo Governo. Un limite, un'opportunitàCronaca di una passioneDotti, medici e sapientiDiamoci una mossaE' giusto essere amici degli animali, ma oggi è meglio difendere gli uominiOrnitologo sarà lei! - Ornitologia “accademica” vs. Ornitologia “venatoria”Battistoni. Ambientalista cacciatore, con un occhio alla migratoriaEmozioni di una capannistaBruzzone, è ora di riformeCaccia richiamo profondoCalo uccelli e agricoltura. La resa dei conti Le visioni di lupo Gianroberto e i tre grilliniAttesaVaghe stelle del sudLa caccia come la vedo ioELEZIONI 4 MARZO: CHI VOTARE E CHI NOUn primato sconosciutoLa carica degli ungulatiIl sabato del cacciatoreSpeciale elezioni: Un voto per la cacciaAndare a votare e votare beneOH QUANTE BELLE FIGLIE...A testa altaDella beccaccia e del suo patrimonioCi vuole più coraggioDove va la caccia secondo SimonaDove va la caccia? "Lo decidiamo noi"A futura memoria per l'umanità di domaniIl futuro dipenderà da noiInsostenibili sarete voi!Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIOrsi, sono troppi?L'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?E GALLETTI FECE IL SORDOLA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaEUROPEI A META'Donne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

Col cinghiale al casello, ma non solo


lunedì 7 gennaio 2019
    

 
 
Siamo all'ultimo assalto. Il clamore provocato dal grave incidente  sulla A1 fra Lodi e Casalpusterlengo, alle porte della capitale economica (e morale?) del Paese, ha rilanciato la questione ungulati, come sempre affrontata in emergenza, dando per scontato conseguentemente che in Italia manca la cultura - politica, etica e sociale - della programmazione.

Perdipiù, quando si toccano temi che hanno a che vedere anche lontanamente con la caccia, si scatena la vandea brambilliana, che ormai ha infettato anche i sottoscala della politica e della comunicazione, complice l'uso smodato dei social.

Da cacciatori, non sarebbe male una volta per tutte richiamare alla realtà queste anime belle, che tutte le volte pare si sveglino da un incubo ricorrrente.
Primo: l'insulso animalismo che ha determinato le scelte "ambientaliste" di questi ultimi trent'anni, con la copertura di enti scientifici piegati alla politica, ha portato al "disaccoppiamento" dei problemi. L'agricoltura da una parte, la gestione dell'ambiente dall'altra, con la caccia e la protezione del patrimonio faunistico in antitesi fra loro, anche se in buona parte regolate da un'unica normativa, la 157/92, a torto o a ragione famigerata, e soprattutto vecchia, anche se nel tempo ha subito turpi modifiche per penalizzare un'attività, la caccia, che invece andava e andrà a maggior ragione oggi valorizzata e riqualificata agli occhi dell'opinione pubblica come una delle attività più adatte per apportare benefici ai residui gioielli della natura dei quali ancor'oggi i nostri  concittadini possono godere. La più desolante rappresentazione è racchiusa nell'enorme e costante perdita di suolo che le politiche ambientali del nostro apposito ministero  non sono riuscite ad arginare in questo trentennio (la legge sui parchi e sulle aree protette, 394/91, è coeva della legge sulla caccia), vista l'incuria in cui versano i nostri parchi, secondo recenti rapporti  poco più che stipendifici, dove l'unico principio che non viene disatteso è proprio il divieto assoluto di caccia, collegato alla mancanza di un prelievo coerente a una corretta gestione faunistico ambientale.

Secondo, ma conseguente: la trasformazione selvaggia dell'agricoltura. Il voler rincorrere modelli difficilmente applicabili sul nostro territorio sulla scorta di un'economicismo supportato da surrettizie elargizioni, ha distrutto in molti territori quell'equilibrio sublime che risponde al nome di "paesaggio", che non ha niente a che vedere con quella che viene fatta passare come natura selvaggia, scomparsa  in Italia almeno dal tempo delle guerre puniche. Viene in mente lo stravolgimento agronomico delle risaie, che non consentono più l'abbondante presenza dei beccaccini di un tempo. Un velo pietoso sulla distruzione delle aree umide, che un tempo fornivano messi abbondanti di acquatici di tutti i generi, oggi confinate quasi esclusivamente in poche lande gestite secondo tradzione grazie alla passione, alla dedizione e alla competenza dei cacciatori.

Nel contempo, l'abbandono dell'Appennino, che copre la metà del territorio nazionale, ha portato al "miracolo" ungulati, una volta confinati nei "barchi" signorili, ma che oggi hanno preso piede  ovunque, dando fiato al paradossale recupero del lupo, un secolo fa quasi scomparso, non certo per responsabilità dei cacciatori, ma conseguente alla tutela dei tanti armenti che popolavano boschi e pascoli, oggi ion recupero grazie al diffuso  interesse  per le nostre "preziose" DOP e IGP.
Terzo, ma determinante: la scellerata politica anticaccia che ha portato in meno di trent'anni a più che dimezzare il popolo dei cacciatori, falcidiato da sciocchi divieti di prelievo nei confronti della tradizionale selvaggina vanto della caccia italiana. Con l'Enci (Ente di tutela della qualità cinofila nostrana) che se non ha istituzionalizzato ancora il "bastardo", di sicuro ne ha favorito la tolleranza, incalzato probabilmente dal mercato dei pet.  Quando un tempo le razze da caccia dettavano la linea.

E da qui viene il bello. Purtoppo. Poichè sulla terra niente succede per caso. Si farebbe un grande errore a considerare la caccia come vittima sacrificale, imbelle, in un mondo che corre tumultuosamente e si trasforma in conseguenza di spinte soprattutto economiche e sociali. Le testimonianze oltre confine, planetarie addirittura, ci dicono che pur nel cambiamento delle sensibilità collettive la caccia può ancora svolgere un ruolo importante, importantissimo, nella gestione delle aree rurali, o dell'ambiente in senso lato. L'anomalia tutta italiana risponde probabilmente anche a situazioni e realtà legate alle forme di gestione della caccia.

Nel tempo, anche da parte di certe componenti venatorie, ci sono stati tentativi di fare outing. Da una parte seguendo il fasullo ambientalismo all'amatriciana, che ci sta portando nel baratro, dall'altra cavalcando una protesta decontestualizzata, vecchia, foriera più di critiche che di consensi da parte dell' opinione pubblica e degli ambienti salottieri ormai avulsi da qualsiasi oggettività, rurale o ambientalista che fosse. Con le nostre associazioni venatorie e dirigenze di complemento più aduse a seguire la corrente per non perdere soci, piuttosto che adottare politiche di almeno medio respiro per affrontare e risolvere i veri problemi che stavano e stanno a cuore alla categoria.

Ecco che oggi, conseguenza di questo grave incidente autostradale, ognuno si affretta a dire la sua, col rischio che si ricorra a provvedimenti urgenti con conseguente incremento della conflittualità sociale, senza alcuna soluzione del problema: la presenza di ungulati, soprattutto cinghiali, ma anche lupi, in aree dove non dovrebbero stare e dove fanno anche danni ai prodotti agricoli di pregio, agli animali domestici o da carne, oltre che attentare alla sicurezza e all' incolumità delle persone.

Un modesto suggerimento, quindi, alla politica e al legislatore. La gestione di questo tipo di problema (e di fauna) deve essere estesa a tutto il territorio, soprattutto parchi e aree protette, vere e proprie nursery incontrollate. Occorre recuperare un equilibrio del rapporto interspecifico. Il lupo è uno dei tanti elementi che fa parte dell'ecosistema, non deve essere  un idolo e va controllato, anche per evitare che cinghiali cervi e caprioli scendano dai monti o escano dai boschi, invadendo città (Genova, Roma) e  autostrade senza neanche pagare il biglietto al casello. Ripristinare il ruolo sociale della caccia, smettendola di dare fiato alle tante brambille che affollano talkshow, media, web. Riadottare il ruolo cardine della caccia in seno al sistema rurale, riqualificando in parallelo le competenze ambientalistiche oggi scadute poco più che a barzelletta: paghiamo decine di milioni di sanzioni all'anno, perchè continuiamo a ignorare le disposizioni comunitarie, mentre per la caccia, nonostante gli allarmi degli ambientalisti di maniera siamo assolutamente in regola.
E per le nostre schiere, e soprattutto per i nostri dirigenti, riaffermare le nostre competenze, il più unitariamente possibile, rilanciare il ruolo dei cacciatori nella gestione del territorio (abbiamo più volontari noi che qualsiasi altra organizzazione, anche se ci dimentichiamo di farlo sapere), reclamare, reclamare, reclamare, proprio in virtù di questi nostri impegni e ruoli (sul problema del cinghiale si rilegga il parere dello studioso
Náhlik),  le nostre cacce tradizionali, quelle col cane ma anche quelle alla migratoria, grande, media e piccola.


Cosimo Pacetti

Leggi altri Editoriali

24 commenti finora...

Re:Col cinghiale al casello, ma non solo

Ogni zona è a se il problema su tutta la fascia costiera terrazzato tirrenica sono i cinghiali perché devastano le colture perché devastano le terrazze millenarie e di conseguenza distruggono il territorio che vuol dire frane immagine turistica possibilità di vivere per gli agricoltori. La cosa sconcertante è che i cacciatori di cinghiali utilizzino a paravento questi argomenti a mo di paladini..Volete risolvere il problema della fascia costiera????? Ok..1Cinghiali non autoctoni legalmente uguali a nutrie e ratti 2prelievo venatorio consentito per 5 giornate senza ambiti e con squadre o singoli liberi senza territorio 3contadini autorizzati a mettere trappole nei loro fondi coltivati.. In 12 mesi lo risolviamo il problema altro che lupi...

da Luca 12/01/2019 18.19

Re:Col cinghiale al casello, ma non solo

D'accordo sia con l'autore che con Carlo. Perchè i cinghiali disertano i boschi preferendo strade trafficate e città? Perchè nei boschi ci sono i lupi. Bisogna eliminare la causa e non curare il sintomo.

da Mauro 12/01/2019 16.34

Re:Col cinghiale al casello, ma non solo

Luca le squadra hanno drasticamente ridotto i carnieri di cinghiali in questa stagione. Ti dico che i lupi li hanno mangiato quasi tutti

da Carlo 12/01/2019 11.06

Re:Col cinghiale al casello, ma non solo

ma hai bevuto...La liguria è devastata da un punto di vista agricolo (colture) e ambientale (muri a secco millenari patrimonio unesco) da un esercito di porcelli prima immessi e ora foraggiati.Se vuoi risolvere il problema assimila i porcelli non autoctoni a nutrie e ratti, POI concedi a tutti i cacciatori a prescindere da ambiti e squadre la possibilità di abbatterli per 5 giornate settimanali e vedi che la gente perbene respira e puo continuare a coltivare e godere del paesaggio. problema RISOLTO IN 12 MESI!!!! Certo che se rimaniamo ostaggi di 4 gatti che la domenica afflitti dalla noia DIETRO AL PARAVENTO DI PALADINI DELL'AGRICOLTURA E DEL PAESAGGIO rincorrono un cane che rincorre un porcello PER POI PROCURARGLI IL CIBO IN ESTATE..trattando l'ambiente come una macelleria privata antinoia addio.. sveglia...

da luca 11/01/2019 16.32

Re:Col cinghiale al casello, ma non solo

Non è vero che ci siano tutti questi cinghiali. Sono troppi nelle aree protette (che sono troppe!!) pochi in territorio libero ove però la notte arrivano dalle aree protette e danno danni. Aprite la caccia nelle aree protette e nei parchi, in braccata nel bosco in selezione nelle radure, il problema è risolto in 12/24 mesi. Se invece ci sono dei tabù allora il problema non si risolve.

da Carlo 11/01/2019 13.05

Re:Col cinghiale al casello, ma non solo

I cacciatori di selezione, fra cui bisognerebbe distinguere (non basta il Loden), non sono assolutamente in grado di contrastare la rapida crescita del cinghiale che dipende da dinamiche ecologiche che riguardano l'evoluzione economica della società (consumo/profitto). Fa comunque orrore (lo dico per le sciagurate nuove generazioni) pensare che il cinghiale debba essere cacciato (sparato) solo da cecchini, per non provocargli stress. Da millenni il cinghiale, come gli altri ungulati, la lepre, la volpe, sono oggetto di caccia con i cani e in battuta (braccata). La produzione di adrenalina fa parte della lono natura di selvaggina...braccata. L'uomo ne ha mangiato le carni, quelle carni, per migliaia di anni. Forse per decine e centinaia di migliaia. Grazie a quelle carni e a quelle cacce si è evoluto. Oggi questi apprendisti stregoni con la laurea ci vorrebbero imporre il politicamente (eticamente) corretto. Non sono antiscientifico, ma questo modo di intendere il rapporto uomo-natura è delirante. Soprattotto mentre si assiste allo scempio del pianeta e ai massacri (silenziosi) di interi popoli toccando appena un pulsante del computer (parlo della borsa, della finanza che scavalca con un click qualsiasi frontiera e qualsiasi muro). E c'è gente che giustifica ancora Trump.

da Algo Ritmo 11/01/2019 11.20

Re:Col cinghiale al casello, ma non solo

Gli anticaccia morissero tutti per colpa dei cinghali ahha h aah ah ah ah animalisti lipu??? prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

da Vegano fenucchiu 10/01/2019 17.16

Re:Col cinghiale al casello, ma non solo

Vi accorgerete dei danni fatti da una gestione "cinghiale" a dir poco pazzoide solo quando non avrete più da spartire la "ciccia" a Voi tanto cara.

da Cancellate i settori vocati a cinghiale 09/01/2019 12.56

Re:Col cinghiale al casello, ma non solo

Scusate ma per me sono tutte cazzate. Si parla sempre di emergenza cinghiale ma poi ai cacciatori di selezione (che non fanno parte di squadre di cinghialai) non viene data la possibilità di fare prelievi. Chi fa parte delle squadre non ha vantaggio ad abbattere capi individualmente a discapito della propria squadra, ed il problema permane ed aumenta. Solo di rado vengono abbattuti capi giusto quando i contadini furiosi sono arrivati al limite della sopportazione.

da Edoardo donati 09/01/2019 10.00

Re:Col cinghiale al casello, ma non solo

NON È LA VOCE DEL POPOLO, MA NON HA BISOGNO DI ACCREDITI CHI RAGIONA CON SAGGEZZA. PURTROPPO LA SAGGEZZA OGGI E' UNA MERCE CHE SCARSEGGIA. UN PO' OVUNQUE, A PARTIRE DAI CAPI DI STATO E GOVERNANTI. E' LA GLOBALIZZAZIONE BELLEZZA. QUANDO - OGGI - SI DEVONO PRENDERE (E SI PRENDONO) DECISIONI IMMMEDIATE, DA UNA PARTE ALL'ALTRA DEL GLOBO, MENTRE FINO A QUALCHE DECENNIO FA SI IMPIEGAVANO MESI A COMPRENDERE PRIMA DI ACQUISIRLE AGLI ANTIPODI.MA ALLORA ESISTEVANO ANCORA GLI STATI, OGGI INVECE C'E' UN SUPERSTATO, CHE HA I CENTRI DECISIONALI A WALL STREET E IMPONE DIRETTIVE (ORDINI) A COLORO CHE PRESUMONO ANCORA DI ESSERE AL GOVERNO DEGLI STATI. FIGURIAMOCI QUANDO AL GOVERNO CI SONO DEI MEZZI GUITTI ACCATTATI DIRETTAMENTE DALLA SUBURRA O DAI FAN CLUB DEL CALCIO.

da genny 'a c. 08/01/2019 16.21

Re:Col cinghiale al casello, ma non solo

Pietro se sei ignorante, non è detto che gli altri siano come te.

da Potevi studiare 08/01/2019 15.55

Re:Col cinghiale al casello, ma non solo

Gli animalisti sono solamente dei poveri GULHA TTTONI!

da fABIO 08/01/2019 15.14

Re:Col cinghiale al casello, ma non solo

Annaveno dalla rimbramilla

da romolo 08/01/2019 10.05

Re:Col cinghiale al casello, ma non solo

Verissimo. Dobbiamo uscire dai nostri stretti ambiti. Non dimentichiamo però che siamo ancora più di mezzo milione. Molti di noi sono assidui frequentatori dei social, che se ben utilizzati possono fare davvero la differenza. Perciò, oltre a straparlare delle nostre cose, forme di caccia, carnieri, notizie di nera e di rosa, proviamo a far circolare anche dei messaggi che possono informare chi non la pensa come noi. Ognuno di noi ha probabilmente un minimo di cento amici su Facebook, per esempio. Passiamo parola, che da cosa nasce cosa. Chissà che non si sveglino anche le nostre associazioni venatorie e invece di farsi la guerra per le tessere, raccontando spesso che cristo è morto dal sonno, non riescano per una volta a mettersi insieme e a lanciare una bella campagna di informazione più adatta ai profani che agli addetti ai lavori...

da Tiburzi 08/01/2019 9.28

Re:Col cinghiale al casello, ma non solo

Molti complimenti al Sig. Cosimo Pacetti, anch'io non so chi sia, ma ha scritto un articolo eccellente nei contenuti e molto elegante nella forma; mi dispiace che Pietro non lo apprezzi. Concordo purtroppo con T el C. Finchè le cose ce le diciamo fra noi non facciamo che sfondare porte aperte, ed è del tutto inutile sfogarsi con invettive contro animalisti anticaccia ecc. Mi sembrerebbe invece più proficuo far girare scritti sensati come questo a tutte le persone oneste che conosciamo; soprattutto non cacciatori. Ricordiamoci sempre che la massa, che una volta era spregiativamente definita "popolo bue", è composta anche, e soprattutto, da persone oneste, che però sono tempestate sempre e solo dalle scelleratezze profferite a vanvera dai nostri nemici, perciò sviluppano una mentalità anticaccia basata sulle scempiaggini demenziali di certa gente. Ma se fosse controinformata? Se fosse stimolata a documentarsi meglio? Da parte mia è un bel po' di tempo che invio a tutti i miei conoscenti tutto ciò che mi sembra essere sensato e veritiero, e qualcosa sta cambiando, lentamente ma sta cambiado. Qualcuno sta cominciando a convincersi che Bambi non esiste

da Umberto 07/01/2019 20.56

Re:Col cinghiale al casello, ma non solo

Ottimo caro Pacetti, si potrebbe passare questo articolo a Camillo Langone sul Foglio, visto che questo giornalista è latore della verità per quanto riguarda la caccia e gli piace la braciola di cinghiale, orse ancora non ha assaggiato i tordi con patate in padella imbottiti con pancetta e rosmarino. Vorrei anche chiedere alle varie associazioni : visto che abbiamo bisogno come l'acqua e il pane di far conoscere la caccia ai cittadini tutti tramite appunto un giornale, perchè non ci si mette d'accordo con Langone per farlo continuare a scivere di caccia sul suo giornale ? Langone permettendo si intende. Pace e bene.

da jamesin 07/01/2019 20.43

Re:Col cinghiale al casello, ma non solo

con la mentalità da intellettuale che hanno magari chiederanno il diritto al telepass x i cinghiali

da yana dalle vedute 07/01/2019 19.25

Re:Col cinghiale al casello, ma non solo

dopo l'incidente mortale sulla caccia gli ambientalisti hanno navigato sulla notizia chiedendo pure la chiusura della caccia la domenica,ora dovrebbero chiudere le piste da sci la domenica sempre secondo i loro criteri di ragionamento!!!ipocriti siete la rovina del totale ecosistema!!!!!viva la caccia

da MAURO 07/01/2019 18.59

Re:Col cinghiale al casello, ma non solo

L’animalismo e l’ambietalismo delle associazioni italiane causerà morti innocenti. Gli ambientalisti e animalisti sono assassini

da Merlo 07/01/2019 17.24

Re:Col cinghiale al casello, ma non solo

Ottimo articolo,ma quanti lo leggeranno oltre a noi qui si BH ? Inoltre chi e' e chi rappresenta il sig, Cosimo Pacetti? Grazie.

da T el C 07/01/2019 16.15

Re:Col cinghiale al casello, ma non solo

"Il voler rincorrere modelli difficilmente applicabili sul nostro territorio sulla scorta di un'economicismo supportato da surrettizie elargizioni." Non serve laurea per capire che l'agricoltura italiana vive da mezzo secolo grazie a contributi (comunitari) diretti e indiretti (i vecchi governi democristiani decisero di elargire la pensione a tutti i contadini, anche se non avevano versato una lira, e se ne paga an cora lo scotto). Oggi, purtroppo, questo vizietto prelettorale non è ancora stato perso, solo che i nostri boss attuali l'hanno allargato urbi e orbis. In più, da sempre vige l'aggravante delle ruberie a volte assurte a sistema (vedi quote latte che abbiamo pagato tutti, anche se a goderne sono stati pochi lattaioli padani).

da Scudo crociato con sacra ampolla a 5stelle 07/01/2019 15.18

Re:Col cinghiale al casello, ma non solo

un'economicismo supportato da surrettizie elargizioni......ma che significa, ci vuole il vocabolari?

da Pietro 07/01/2019 14.02

Re:Col cinghiale al casello, ma non solo

Sig. Cosimo se lei adottasse termini un po’ meno ricercati e un po’ più compresibili sarebbe decisamente meglio visto che gran parte di noi cacciatori non ha la laurea

da Pietro 07/01/2019 13.54

Re:Col cinghiale al casello, ma non solo

Quello nella foto mi sembra che sia intenzionato ad andare dal casellante per pagare il pedaggio dovuto???

da Fucino Cane 07/01/2019 12.36