Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Da “Burro e cannoni” al rischio di un totambientalismo europeoConvivenza di uomini e caniLa natura che rimaneAnimali problematici, parliamoneBeata ignoranzaPercezione della caccia. L'ora delle veritàContraccezione cinghiali? Facciamo chiarezzaFinalmente un “Elogio della caccia”Controllo faunistico e disinformazioneIstinto venatorio nell'uomo evolutoSpecie invasive, la prassi è consolidataRiflessioni sull'animalismo anticacciaLa prima beccacciaRicordi di gioventù: le ricariche per piccoli calibriChioccolo, facciamo chiarezzaTortore di gioventùAltro autogol degli anticacciaIncendi, la nostra partePesticidi. Si cambia musica? Slowfood ci contaAmbientalismo alla sbarraEuropa. Una firma per la cacciaQuestione di naso...Roma, i rifiuti, i cinghiali e la PSAAnimalismo e ciberneticaIl lamento del chiurloHa da venì...Cinghiali, Parchi ed effettiva conservazioneCercando DavidStarna. La volta buona?Cominciamo dalle parole d'ordineNoi e le morte stagioniStorie semplici di uomini e animali. Una bellissima giornata di caccia alla lepreAmore beccacciaioCaccia, cane da caccia e beccacceLa lepre di Lilla - Il racconto di una vitaIl mio cane è differenteTravolti da un insolito destino nell'azzurro mare dell'ElbaLa caccia è utile o no?Ode per Lea. Amor di cacciatorePeste suina - un approccio scientifico non c'è!Cos'è la caccia oggi?A che serve?Difendo l'uovo di mia nonnaOnore ai padulini veriViva la campagna vera!Le vere cause della diminuzione di alcuni uccelli comuniSciocchezze muflonicheUn referendum illegaleAddio Wilbur Smith. Principe dell'avventuraMa il pianeta come lo salviamo?Esercizi di memoriaDella caccia di una voltaReferendum. Uno strumento pericolosoIl ritorno delle donniccioleSiamo i garanti della biodiversitàE se dessimo un senso alla Cabina di regia?Quo usque tandem?Se l’agricoltura è un problema*Inglesi fra ferma e guidataQuestione di bicchiereUn legame, tanti valori *Ma quale referendum!Ricordando ColumellaOltre il GulashLo scoglio dei sedici anniFra binocolo e zappaManifesto, Ergo SumQuando la caccia è pura gioiaIl sapore della cacciaOcchio alla pennaLe smanie per il cinghialeFavoleFollie dell'altro mondoParliamo di cose serieMistificazioniPunto (e virgola) sulla migratoriaQuando il cane era lupoL'etica animale, l'etica della caccia e l'etica nella cacciaIo la penso cosìTempi rottiChe il futuro ci sia... MiteCaccia e next generationAvviso ai navigantiCacciatrici, ma quale novità!Come riportare la natura nella nostra vitaLe memorie corteUn sognoLa caccia francese scende in campoDalle Alpi alle piramidi. Un auspicioCaput mundi de che?La caccia e la fabbrica dei sogniIl catalogo è questoIl cane è intelligente?Punto cinghiale. Ma non soloMa vi pare possibile?Paesi tuoiIl cane "appadronato"Una. Un primo passo verso il riscattoCosa non fa la Lipu?Sui cinghiali di RomaAnche i papi nel loro piccolo s'in...dignanoForza ragazzi!No all’estremismo animalistaRecovery HuntE caccia sia!Barbera o Champagne?Ancora a caccia con entusiasmoMeglio quando c’era TiburziFrancia. Così si faConto alla rovesciaPer una costituente della cacciaDi qua e di là dalle AlpiForza cacciatoriUn salutoIl futuro remotoCronache dalla savanaServono ideeAmati sentieriAddio Taddeo!Parchi "U.S.A & caccia"Le verità sepolteLe magnifiche sorti e progressiveBenedetto cinghialeConsiderazioni sulla beccacciaTorniamo intorno al caminoLettere ai tempi del CoronavirusLa lepre del... preteLa penultima spiaggiaViva la campagnaNuove sfidePer un nuovo buongovernoA carte scoperteCovid-19 con prudenza operosaIl mio caro Münsterländer e altre esortazioniRitorno a cinghialandiaTanto fumo e poco...Animali e ParlamentoC'era una volta un saggio. Anzi: tanti saggiBeccacce e tanta passioneLa Sinfonia PerfettaDaini Circeo. Scienza contro panzaTra tofu e fanatismoAnche Manhattan è naturaAmbientalismo: scienza o compassione?FILIERA: i primi passiCinghia - Lex & C.Rural SuasionMeglio i tordiUngulati, questi sconosciutiNessuno tocchi l'ambiente. Ci basta il paesaggioRifacciamoci la boccaLa natura nel mondo delle fiabeDa ieri a oggi. E domani?Uno scatto d'orgoglio per recuperare rispettoLa bellezza salverà il mondoDove vai, se la caccia non ce l'haiNell’anno delle allodole*Tutela biodiversità? Ben venga!Diamoci da fareIeri le tortoreA caccia, ieri, oggi, domaniKC. La scienza bizzarraCaccia futura - Parte l'iniziativa BigHunter "Io ci sono!"L'animalista antiscientificoProviamoci, almenoEmergenze o indulgenze?Forza ragazzi! Forza ragazze!Moriglione, pavoncella e la polvere sotto il tappeto Ambientalisti in discesaLa giusta battaglia dei circhiIl pane … e la cacciaCacciatori e piccoli passiGli animali sono animaliAvanti tutta in EuropaAmbientalista? Sì, cacciatore!QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMOSelvaggina, la via della filieraGiovani. Cacciatori. NaturalistiEuropa Europa!Padule di Fucecchio. Fatti non p.Diamo una mano alla starnaTornare ai tempi della naturaRitorniamo al mitoGreta e la terra I Restoni non sono “quelli che restano”Riprendiamoci la naturaDiscorso sulla coturnice, ma non soloLa piaga dei ParchiBentornata ExaHorror naturaProvocazioni e fermezzaMaestra montagnaSPORT O PASSIONE?Un contratto a uso del manovratoreCol cinghiale al casello, ma non soloCinghiale. Il ricercatore svela la bufalaCambiamenti climatici e migrazioneScelta di campo e arie partenopeeIl nostro futuro è in EuropaLa mia Flyway è differenteIl futuro potrebbe essere la gestione adattativa?Un amoreAmbientalismo de noantriAria fresca e un pensierino alla SerraIl caso Leopold LipuUna sbiadita stellaViva la caccia!Questione di passioneIl mondo che verràIl senso della Lipu per i passeriArmi. Le nuove regoleSi va per l'aperturaLa tentazione di riprovarciIncendi. Il presente, il futuroAmbiente. Vogliamo parlare dei Parchi?SOGNO DI UN'ELISA DI MEZZA ESTATELa nostra frontieraCerusici e norciniSaggezza cinotecnicaUn ministro smarritoMa dov'era la Lipu quando ci rubavano gli habitat?E se si ripartisse dalla pernice?ISTINTO VENATORIO DEL CANE DA FERMAAntibracconaggio, a che punto siamo?Nuovo Governo. Un limite, un'opportunitàCronaca di una passioneDotti, medici e sapientiDiamoci una mossaE' giusto essere amici degli animali, ma oggi è meglio difendere gli uominiOrnitologo sarà lei! - Ornitologia “accademica” vs. Ornitologia “venatoria”Battistoni. Ambientalista cacciatore, con un occhio alla migratoriaEmozioni di una capannistaBruzzone, è ora di riformeCaccia richiamo profondoCalo uccelli e agricoltura. La resa dei conti Le visioni di lupo Gianroberto e i tre grilliniAttesaVaghe stelle del sudLa caccia come la vedo ioELEZIONI 4 MARZO: CHI VOTARE E CHI NOUn primato sconosciutoLa carica degli ungulatiIl sabato del cacciatoreSpeciale elezioni: Un voto per la cacciaAndare a votare e votare beneOH QUANTE BELLE FIGLIE...A testa altaDella beccaccia e del suo patrimonioCi vuole più coraggioDove va la caccia secondo SimonaDove va la caccia? "Lo decidiamo noi"A futura memoria per l'umanità di domaniIl futuro dipenderà da noiInsostenibili sarete voi!Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIOrsi, sono troppi?L'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?E GALLETTI FECE IL SORDOLA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaEUROPEI A META'Donne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARERomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le Beccacce

Editoriale

Finalmente un “Elogio della caccia”


domenica 12 febbraio 2023
    
 
 
A partire da una dotta esplorazione a ritroso tra mito, storia e tradizione, fino ad analizzare cambiamenti etici nel modo di percepire il nostro rapporto con la natura e gli echi del passato, sulla rivista Contrasti, nata diversi anni or sono per contrastare - appunto- una certa narrazione a senso unico delle passioni sportive, un interessante articolo dal titolo eloquente: Elogio della caccia, sbaraglia con consapevole disappunto tutta quella retorica animalista per cui al giorno d’oggi, parlare di caccia come di un qualsiasi altro argomento che fa parte della nostra società, è considerato tabù. 

In un’epoca in cui “La dimensione ancestrale del rito e quella verticale del sacro sono certo ostracizzate, destinate alla decadenza nell’epoca dell’Antropocene, in cui individualismo e culto del consumo hanno svilito la tradizione a ricorrenza, la comunità a community e il rispetto della natura ad ecologismo di tendenza” scrive Matteo Zega, l’autore dell’articolo, oggi si fatica a comprendere i fondamenti stessi della tradizione venatoria, la quale altro non è, come la pensa Dominique Venner, l’arte stessa di sottrarsi alle deturpazioni e manipolazioni della modernità.

Il viaggio in queste considerazioni, che tirano in ballo riferimenti a personaggi storici (Ortega y Gasset, Carlo Magno, Sant’Uberto di Liegi), riti e usi rituali che fin dalla preistoria hanno accompagnato lo sviluppo della civiltà Sapiens, parte dal saggio Ars Venandi, pubblicato lo scorso anno da Passaggio al Bosco dello storico italiano Nicola Sgueo. A dimostrazione del fatto che storia ed etica sono imprescindibili per poter parlare di questo argomento.
 
“Il problema è che, nella stragrande maggioranza dei casi - scrive Zega - , chi si scaglia contro la caccia non ha la minima idea di ciò di cui sta parlando. Del suo valore etico e profondamente umano, nel senso etimologico del termine; della sua storia e funzione ecologica e riequilibratrice. Quella contro la caccia diventa così una battaglia di principio ed ideologica, ultra-cerebrale e strutturalmente metropolitana – che nelle campagne e montagne del nostro Paese è chiaro a tanti quanto la caccia possa essere, e anzi sia, profondamente sostenibile”. 

L’articolo chiude con l’amara considerazione sul distorcimento del concetto di coscienza ecologica, ridotta oggi ad una morale compassionevole così estranea alla natura che ha portato l’uomo alle estreme conseguenze di degradare sempre più la propria condizione nel tentativo di antropizzare gli animali. Ovviamente quelli che possono essere addomesticati e interpretati solo in sua funzione.
 
Cinzia Funcis



Qui l'articolo originale

Per gentile concessione dell'autore e della rivista Contrasti, lo riproponiamo di seguito per intero:



 

Elogio della caccia 

Riscorpire l'etica, al di là della retorica.

Il rito è simbolo e mito, tramanda azioni ataviche e rappresenta i codici fondativi di una civiltà: Byung Chul Han ci suggerisce la sua capacità di creare «una comunità senza comunicazione, mentre oggi domina una comunicazione senza comunità». Così Carlo Magno, padre d’Europa, celebra la vittoria sui Sassoni con una tradizionale battuta di caccia nelle Ardenne (odierno Lussemburgo), fulcro della devozione a Sant’Uberto di Liegi, patrono dei cacciatori. Nobile merovingio, durante una battuta Uberto scorse tra i palchi di un cervo un simbolo maestoso e ineludibile, una croce che lo fece trasalire fino all’estasi:

era un venerdì santo, decise di farsi waldgänger, attraversare il bosco della sacertà e divenire sacerdote eppoi vescovo, fino alla santità.

La dimensione ancestrale del rito e quella verticale del sacro sono certo ostracizzate, destinate alla decadenza nell’epoca dell’Antropocene, in cui individualismo e culto del consumo hanno svilito la tradizione a ricorrenza, la comunità a community e il rispetto della natura ad ecologismo di tendenza. Tali (dis)valori fanno sì che la nostra epoca fatichi a comprendere i fondamenti stessi della tradizione venatoria, ben definita nella sua essenza da Dominique Venner come un’arte che, «vissuta secondo le regole, rappresenta il primo rito primordiale per sottrarsi alle deturpazioni e manipolazioni della modernità razionale e scientifica».

A rinverdire con dovizia di particolari i principi etico-antropologici della caccia è Nicola Sgueo nel saggio ‘Ars Venandi’, un agile libello edito da Passaggio al Bosco (pp. 114, 15€). Già le testimonianze rupestri, d’altronde, ci consentono di tenere a memoria gli usi e i rituali legati alla caccia fin dalla preistoria: essa ha principio, nei caratteri in cui l’intendiamo oggi, con l’Homo Sapiens, e attraversa l’intera vicenda umana. Diviene rito di iniziazione presso i Greci, nobile attività ricreativa e addirittura arte liberale a Roma; il Medioevo è un periodo florido (anche) per ciò che riguarda l’arte venatoria: Celti e Germani sono i precursori e della visione etica («una lepre, ad esempio, non si uccideva se rinunciava alla fuga») e del senso di comunità legato a tale pratica.

Tra XIII e XIV secolo compaiono polveriere e quindi balestre, Schnepper e archibugi, strumenti alla base del medioevo venatorio. La caccia, piacere cortigiano ma anche, simbolicamente, preludium belli (da Senofonte a Machiavelli), mantiene i suoi caratteri pressoché inviolati fino alla Rivoluzione Francese, quando una certa pietas (pietismo?) di derivazione illuministica va mutando la sensibilità, anticipando e rafforzando alcune visioni critiche che vanno acquisendo progressivamente rilievo.

Difatti, la questione principale che attanaglia oggi la caccia è la sua bieca equiparazione al bracconaggio, come se le due pratiche siano connaturali e inscindibili.

La caccia ne rappresenta in realtà l’opposto virtuoso, essendo un’attività – nei fatti e nei principi – del tutto eco-logica, con una significativa funzione equilibratrice della biodiversità e della gestione faunistica. «Grazie agli inestimabili sforzi di così tanti cacciatori – ha infatti affermato Torbjorn Larsson, presidente della Face (Federazione Europea delle Associazioni Venatorie) – abbiamo solide prove per dimostrare nella pratica come i cacciatori stiano attuando con successo la strategia dell’UE sulla biodiversità per il 2030 e diano un contributo cruciale al ripristino degli habitat, delle aree protette, col monitoraggio delle specie selvatiche e molto altro ancora».

Questo perché la caccia, quella vera e tradizionalmente intesa, è coessenziale alla misura e al senso logico del limite, valori consustanziali alla cultura greca, progenitrice e fondamento della nostra: non a caso, quando nell’Odissea i compagni di Ulisse giungono nell’isola dei Ciclopi e, peccando di hybris, si comportano ferocemente nei confronti delle capre che vi trovano, essi soccombono trattati alla medesima maniera da Polifemo. Sentimento di nobile e cristiana medietas ispira anche le parole di don Markus Moling, ordinario di filosofia e sacerdote, ornitologo per passione, che suggerisce la via di un antropocentrismo illuminato, per cui «se la caccia viene vissuta come un’espressione di responsabilità e non di sfruttamento verso le specie che vengono cacciate […] può far parte di un concetto integrale che unisce la salvaguardia della natura con un uso sostenibile delle sue risorse», in quanto, prosegue, «il primo compito del cacciatore è quello di essere custode degli animali selvatici e del loro ambiente». Tutto ciò a dimostrare emblematicamente che soltanto ad un ethos nobile risponde quel tipo di arte venatoria che, nelle parole di Ortega y Gasset, consiste in «più altra e più delicata cosa che […] disinfestare o distruggere con un procedimento incontrastabile e automatico gli animali».

A rimarcare la differenza tra pratica venatoria e squallido bracconaggio è anche Giorgio Gramignani, cacciatore, naturista ed ecologo, per cui «sempre la bellezza ed il pathos che emana dagli scenari naturistici tra vette e valli, boschi e paludi […] inducono ad una spontanea ammirazione che educa e conduce al rispetto e alla difesa di quel mondo»: la caccia più nobile, segue, riconduce l’uomo «alle radici della vita, […] ai valori di quella serena filosofia, propria degli esseri che vivono secondo i cicli ed i ritmi della natura, per cui tutto, dal nascere, al vivere, al morire, è sempre naturalmente semplice, naturalmente logico, naturalmente naturale».

Il problema è che, nella stragrande maggioranza dei casi, chi si scaglia contro la caccia non ha la minima idea di ciò di cui sta parlando. Del suo valore etico e profondamente umano, nel senso etimologico del termine; della sua storia e funzione ecologica e riequilibratice. Quella contro la caccia diventa così una battaglia di principio ed ideologica, ultra-cerebrale e strutturalmente metropolitana – che nelle campagne e montagne del nostro Paese è chiaro a tanti quanto la caccia possa essere, e anzi sia, profondamente sostenibile.

Nulla di cui sorprendersi, d’altronde. Una simile sensibilità rispecchia la mutazione antropologica delle nostre società, la quale, di pari passo con gli strali di denuncia all’arte venatoria, fa sì che aumenti la rilevanza degli animali domestici nella quotidianità degli individui, e di conseguenza la beneamata “pet economy”: è l’indice di una grave ed esclusiva predilezione dell’uomo contemporaneo per ciò che può essere reificato, oggettivato e antropizzato. Per ciò che può essere addomesticato e interpretato solo in sua funzione.

Una deriva pet friendly che rende persino velleitaria la pretesa di una coscienza che possa dirsi pienamente ecologica; figlio di “una morale compassionevole estranea alla natura”, l’uomo si conferma antiquato: scade nel paradosso per cui, tentando di elevare gli animali alla condizione umana, va inconsapevolmente degradando la propria. A Venner fa eco Drieu La Rochelle, ad insegnarci che l’estrema civiltà genera l’estrema barbarie. Sant’Uberto di Liegi, libera nos a malo. E continua a proteggere i cacciatori, come hai sempre fatto. Quelli veri, s’intende.
 
 
 
Matteo Zega



Leggi altri Editoriali

12 commenti finora...

Re:Finalmente un “Elogio della caccia”

Mangio e me ne frego, carne ogni giorno godo come un pazzo assieme agli amici .Abbiamo messo la foto grande della brambilla e scoreggiamo anche mentre banchettiamo. siamo tutte brave persone si brave persone! ,oggi la tendenza e' far passare per delinquenti chi mangia un coniglio allo spiedo,avete rotto il c,,o!!!animalisti prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr.

da Dalla parte degli animali allo spiedo 14/02/2023 22.24

Re:Finalmente un “Elogio della caccia”

Nomen omen, Giuseppe ? Come il santo protettore degli animali ?

da Frank 44 12/02/2023 11.10

Re:Finalmente un “Elogio della caccia”

gioco perverso? rosica rosica ambientalista fallito

da rosica 12/02/2023 8.13

Re:Finalmente un “Elogio della caccia”

Inutile dire che nessuno mette in rilievo la differenza tra cacciatori e bracconieri....questi ultimi la stragrande maggioranza stante l'assenza di controlli...quanto al ruolo che dovrebbero avere i veri cacciatori (corretta gestione afv, fondi chiusi,aree di ripopolamento, attività di supporto per il miglioramento degli habitat etc...tutte cose che paesi più lungimiranti del nostro mettono in atto ) siamo a livello di interventi puntiformi, pensando alle parole del grande Gramignani...poi, il generale degrado degli habitat è il limite invalicabile contro cui va a sbattere il miglioramento delle popolazioni faunistiche di nostro interesse(ungulati a parte)...con il risultato che anziché curare le cause della scarsità di fauna si aumentano i divieti...il processo è in atto e non si vedono vie d'uscita

da Gizzi 11/02/2023 9.40

Re:Finalmente un “Elogio della caccia”

Rosicate rosicate ,alla vostra facciazza e con grandissima goduria oggi ho acceso il camino ho invitato 4 amici e di vegetariano nemmeno il prezzemolo, tutti tordi beccacce cesene e selvaggina allo spiedo !!! brambillona TIE'!

da dALLA PARTE DEGLI ANIMALI ARROSTO ALLA BRACE 10/02/2023 10.22

Re:Finalmente un “Elogio della caccia”

X UNO e NATURA, allora o voi pensate che la carne dei supermercati nasca già così nella vaschetta di polistirolo oppure, più comodamente ed ipocritamente, optate per lasciare la parte sgradevole di tutta l'operazione al macellaio. Perchè non c'è alternativa: se vuoi mangiare un pezzo di carne, o l'animale lo ammazzi tu o fai intervenire un altro per conto tuo.

da Frank 44 09/02/2023 15.23

Re:Finalmente un “Elogio della caccia”

X Uno e Natura siete due barche nell' oceano della vita . Tenete sempre a mente , però , che il vento soffia dove vuole , e non dove vogliono le navi ... e Democrazia vuol dire rispetto per i Diritti degli altri .

da Ugo 09/02/2023 9.00

Re:Finalmente un “Elogio della caccia”

Avanti tutta, finalmente si intravedono spiragli positivi per l'indotto e per i cacciatori. Speriamo che questo governo in poco tempo cambierà in positivo il settore venatorio dando una boccata di ossigeno a tutto l'indotto e che i cacciatori italiani possano tirare un sospiro di sollievo. In bocca al lupo. F6

da Cacciatori calabresi 09/02/2023 6.10

Re:Finalmente un “Elogio della caccia”

In questo articolo di Elogio alla Caccia vengono nominati: ULISSE - CARLO MAGNO - MACHIAVELLI. Praticamente l'Epoca che va dalla Preistoria al Medioevo...ma siamo nell'ANNO 2023 !!! Esistono i Supermercati per una bella bistecca e i negozi di giocattoli per pistolette e fucili ad acqua...Carissimi Cacciatori a Voi che piace tanto nella Natura andate a.... zappare la terra cosi vi rendete utili in qualcosa.

da Natura 08/02/2023 18.52

Re:Finalmente un “Elogio della caccia”

Uno mi piacerebbe sapere su quali elementi basi queste tue considerazioni. "Dovete cambiare modo di essere e pensare", illuminaci, come siamo e cosa pensiamo? L'arroganza di porsi su un piedistallo ergendosi a giudice come se ci fosse un'implicita superiorità in ogni persona che non caccia, è davvero insopportabile. A volte mi capita di discutere sul web con persone che partono dai tuoi giudizi, così perentori, così convinti, per poi scoprire, incalzandoli, che ripropongono tiritere senza senso sentite da una stampa disinformata o dalle associazioni animaliste. Perchè se si va nel dettaglio, se si discute nel merito di dati ed elementi reali, non avete mai alcunchè da dire, se non proporre le solite considerazioni dettate dalla VOSTRA etica, che non è la nostra. E di certo della nostra non è migliore. Saluti

da Remo P. 08/02/2023 16.53

Re:Finalmente un “Elogio della caccia”

Ragazzi miei la caccia nobile ...e utile come descritta in questo articolo nn esiste più... Alla caccia ,biecamente,dice l'articolo,associata al bracconaggio... Qualsivoglia persona abbia avuto a che fare da esterno con cacciatori d oggi difficilmente può arrivare a pensare che queste persone siano animate da onesti propositi... Prima di lamentarvi e fare le vittime fate esame d coscienza e chiedetevi come mai alcuni arrivano ad odiare voi e tutto quello che rappresentate... in altre parole dovete cambiare modo d essere e pensare

da Uno 08/02/2023 15.19

Re:Finalmente un “Elogio della caccia”

Il vento cambia , sempre ! Comincia con una leggera brezza fino a diventare , a volte , un uragano . Alla faccia di chi ci vuole male .

da Ugo 07/02/2023 7.06