Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIL'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazione LUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

I cuccioli di oggi


lunedì 7 settembre 2015
    

Cane da ferma E' diffusa tra i cacciatori l'opinione che la bravura di un cane da ferma dipenda soprattutto dalla dotazione genetica e dalle sue esperienze di caccia pratica.
Anticipando le conclusioni di queste note io penso che in questi ultimi decenni, a seguito di un'accorta pressione selettiva sulla dotazione genetica, il rapporto del cane da caccia con il padrone-cacciatore sia divenuto un coefficiente di grande importanza (che si aggiunge a quelli tradizionali) per la bravura del cane adulto.
 
Oggi chi ha bisogno di un cane da ferma, si procura un cucciolo, lo alleva in casa, lo inizia personalmente alla caccia (quella che è solito praticare) e senza pressioni pedagogiche o addestrative, dopo qualche uscita in campagna, si ritrova un cane ben avviato al lavoro.
Invece, rispetto a quelli odierni, i cani di 20/30 anni fa, oltre ad avere una dotazione genetica modesta, erano poco precoci, testardi, e solo dopo due stagioni di caccia e un buon dressaggio (che per i cani inglesi doveva essere fatto da un professionista) acquisivano (o consolidavano) ubbidienza, collegamento con il cacciatore, solidità della ferma e consenso.

Nei cani di oggi le qualità sopra citate sono divenute genetiche, tanto che nessuno ricorda più gli strumenti coercitivi, quali lo "strozzone", la "corda di ritegno", il fuciletto "Flobert", e pochissimi usano i "collari elettrici", utili peraltro solo a chi ha sufficiente esperienza e conoscenza della psicologia del cane.
In conseguenza il mercato dei cani addestrati (definiti "pronta caccia" dalla pubblicità), un tempo florido, è oggi pressoché scomparso, insieme alla professione di addestratore di cani per la caccia.
Queste novità, così rilevanti rispetto al passato, stimolano l'interesse del cinofilo a ricercarne la genesi e le cause, perché dall'aumento delle conoscenze può sempre emergere qualcosa utile a migliorare la resa venatoria del cane.

Poiché nulla avviene per caso, ogni evento per essere ben compreso va storicizzato, cioè inserito nel suo contesto di riferimento, e da ciò emerge che l'eccellente attuale risultato conseguito dagli allevatori è strettamente legato al cambiamento ambientale/faunistico, al nuovo modo di vivere e di lavorare dei cacciatori, ed anche alle pesanti penalizzazioni della legislazione venatoria.
Pur restando antropologicamente connaturata alla natura umana, oggi è mutata la collocazione consuetudinaria e sociale della caccia e le sue modalità di esercizio.

La caccia di oggi non è più vissuta come evocazione metaforica e liturgica di ciò che nella notte dei tempi era la principale ma aleatoria fonte di sopravvivenza, nell'ambito dei cicli naturali (predatore-preda, vita-morte).
Ancora nell'immediato dopoguerra, mancando le strade e i mezzi di locomozione, il cacciatore doveva affrontare lunghe marce per giungere sui luoghi di caccia e qui, lontano dai centri abitati, ritrovava (almeno in parte) il senso del tempo scandito dalle ore di luce, la misura delle distanze rapportata alla forza delle gambe e gli stimoli della stanchezza, della fame, della sete tornavano ad esprimere reali necessità fisiologiche.
La fatica, il sacrificio, l'attesa, la tenacia, il tempo, davano valore all'attività ed al carniere.

Oggi, invece, nei ritagli di tempo consentiti dal lavoro e dai parossistici ritmi di vita, il cacciatore medio si reca nei luoghi ove sa esservi selvaggina, vuole realizzare il carniere con rapidità e sicurezza; non ha più né tempo, né voglia, né competenze, né ambiente adatto per addestrare un cucciolo alla caccia.
Perciò ha bisogno di un cucciolo precoce, naturalmente ubbidiente e collegato che, nello stile di razza, sappia senza addestramento specifico "fermare" quello che incontra nel terreno da esplorare.
Questa esigenza ha obbligato gli allevatori a sfruttare la plasticità neuronale del cane (che milioni di anni hanno reso sempre più sensibile alla pressione selettiva) per incrementarne la ricchezza e le potenzialità cerebrali, fino a rendere genetiche tutte le qualità necessarie alla caccia (che prima dovevano essere imposte o consoliate con l'addestramento).

Ne è risultata accresciuta la docilità, l'inclinazione del cane alla convivenza con l'uomo, e la potenzialità della sinaptogenesi, attiva soprattutto nel "periodo sensibile" del cucciolo, che va dai 6/8 mesi ai 18/20 mesi, e che cessa con l'età adulta.
Il fatto nuovo rilevante è che in questo "periodo sensibile" gli stimoli ambientali (e tra questi la convivenza con il cacciatore) sono in grado di attivare la capacità espansiva strutturale del cervello del cane (cellule, geni e connessioni neuronali) fino a modellarlo in conformità alle sollecitazioni dell'ambiente in cui vive.

Questo vuol dire che la capacità di adattamento all'ambiente (diffusa pur se in varia misura nel mondo animale, nel quale i cuccioli dei predatori carnivori imparano dall'osservazione della madre e dei membri esperti del branco le regole della convivenza sociale, la gerarchia, e la tecnica di caccia alle prede), risulta oggi molto accresciuta nel cucciolo del cane da ferma ed è un "valore aggiunto" che consente di sfruttare anche le più riposte risorse del patrimonio genetico.

Il cucciolo odierno ha una tale capacità di apprendimento (con la conseguente capacità di adattamento) che riesce, per "assimilazione" (con un fenomeno analogo alla "mente ricevente" del bimbo studiata dalla Montessori), ad acquisire spontaneamente dall'ambiente domestico e venatorio, e dal rapporto con il padrone-cacciatore il "programma di comportamento" più adatto a gestire tutte le situazioni che deve affrontare.
E' di tutta evidenza che gli stimoli della vita in canile non sono paragonabili a quelli della convivenza con il padrone, e che l'iniziazione precoce alla caccia fatta dal padrone, condiziona tutta la maturazione del cane, in una misura a mio avviso finora molto sottostimata.

Occorre tenere presente che nel "periodo sensibile" la reazione agli stimoli di esperienze forti ed inedite, a causa di una stabilizzazione sinaptica selettiva (conseguente la ipersensibilità del sistema nervoso) può provocare dei condizionamenti negativi, spesso difficilmente modificabili (si pensi alla paura dello sparo) ma anche positivi quali il collegamento con il padrone e il modo di cacciare.
In sostanza alcune esperienze precoci si imprimono nel sistema nervoso del cucciolo, determinando il suo ulteriore funzionamento.
Essendo ormai i cuccioli precoci, docili e perfettamente adattabili alla vita domestica, si è diffuso tra i cacciatori il costume di allevarli in casa per portarli presto a caccia, e ciò innesca una spirale virtuosa, perché gli stimoli della vita domestica e del rapporto con il padrone che lo inizia alla caccia, incrementano le potenzialità cerebrali, la capacità cognitiva, e perciò anche le qualità venatorie del cane adulto.

Gli effetti che derivano dalla convivenza tra cucciolo e padrone-cacciatore a mio avviso non sono stati sufficientemente studiati.
Il cucciolo, che dipende interamente dal padrone per la sicurezza, la protezione, il cibo, la socialità e soprattutto per la voluttà coinvolgente del sodalizio venatorio, ha nel padrone il suo unico unico punto di riferimento, lo considera un consimile dominante (capo-branco), ne accetta naturalmente la dominanza e i poteri di iniziativa e di direzione.
I condizionamenti del cane indotti con pressioni coercitive, sono necessariamente precari, perché ogni volta il cane deve scegliere tra la pulsione dell'istinto e il timore della punizione.

Invece i comportamenti acquisiti spontaneamente sono sempre definitivi, perché entrano a far parte dell'istinto divenendo una "seconda natura" del cane.
Il cucciolo per istinto è in costante relazione con il padrone perché impara subito a "leggerne" il linguaggio del corpo (mimica, gestualità, posture, tono di voce, moti involontari) e adegua il suo comportamento al gradimento del padrone, che diviene il principale "rinforzo positivo" (ricompensa) del suo agire.
La comunanza di vita e di caccia condizionano in modo determinante lo sviluppo stesso dell'istinto del cucciolo, incanalandolo nella direzione più aderente alla volontà del padrone, sia in casa che nella caccia.
Quando si realizza questa simbiosi, che va molto al di là della semplice fedeltà, il cane si definisce in gergo venatorio "appadronato" e vive e caccia solo per il padrone al quale sembra collegato telepaticamente, e di cui "assimila", nei limiti della sua animalità, anche la "sapienza venatoria", cioè il "modo" di cacciare.
Nella mia sessantennale esperienza ho avuto modo di osservare, con una costanza che esclude il caso fortuito, che, a parità di doti genetiche, di esperienze venatorie, di ambiente e di fauna, i cani dei cacciatori bravi sono più bravi degli altri.
Il cane "appadronato" non va mai "fuori mano", non si perde, non deve essere chiamato, non ha paura dello sparo, ma se cambia padrone, per alcuni giorni rifiuta il cibo e non vuole cacciare, e quando riprende a farlo, il suo comportamento sarà diverso (e inferiore) a quello precedente.

In conclusione, l'impegno logistico di tenere in casa il cane da caccia, è largamente compensato dalla gratificazione della sua presenza (che coinvolge tutti i familiari) e soprattutto dalla specialità del sodalizio venatorio con il padrone che ne consegue: una sintonia nella quale i due fanno "sistema" in vista del risultato condiviso, in una cooperazione attiva nella quale ognuno contribuisce dando tutto ciò che è nelle sue possibilità: il che accresce e sublima il piacere della caccia.
Naturalmente ogni medaglia ha il suo rovescio: poiché la formazione e le qualità definitive del cucciolo dipendono dal rapporto con il padrone e dalla qualità delle esperienze che questi gli fa fare, "ogni padrone ha il cane che si merita".

                Enrico Fenoaltea

 

Leggi altri Editoriali

11 commenti finora...

Re:I cuccioli di oggi

Certamente, quando ci si imbatte in soggettini del genere. è una benedizione. Spesso si prendono cani, con una sfilza di punti certificati sulla carta, che poi non corrispondono al vissuto. Certamente la situazione per molti versi è migliorata. Almeno c'è una consapevolezza, spesso purtoppo basata sul fittizio, che la selezione "certificata" è meglio della pacca sulla spalla.

da F. F. 11/09/2015 8.13

Re:I cuccioli di oggi

Io invece concordo appieno con le considerazioni del sig. Fenoaltea. In 43 anni di attività venatoria sempre con il cane la differenza tra i cuccioli di una volta e quelli di oggi si vede eccome. Prima si diceva, ed era vero, che il cane maschio minimo ci volevano due anni per vedere qualcosa, attualmente posseggo un breton in purezza di 6 anni ma già a 6 mesi faceva quello che fa attualmente...come un automa.Non ho dovuto insegnargli niente, ha fatto tutto da solo dalla punta al riporto.....un tempo questo non succedeva almeno con la costanza di oggi. Il vivere a costante contatto con il padrone è pure vero e lo sottoscrivo.

da Carlo 09/09/2015 18.13

Re:I cuccioli di oggi

SECONDO ME LA TROPPA ATTENZIONE LEGATA ALLE GARE, LE GARE DI CACCIA ORIENTATE ALLA PRODUZIONE DI CANI CERTIFICATI PER FARE SOLDI, LE GARE PER LE GARE PER FARE SOLDI, LA CORRUZIONE (GIUDICI CINOFILI?) CHE IN ITALIA E' ASSURTA A SISTEMA, NON SOLO OVVIAMENTE PER I CANI, PER TUTTO, ANCHE PERCHè IL NOSTRO E' ORMAI UN PAESE CHE NON SO SE DIFINIRE UN PAESE DA CANI O UN PAESE "DI" CANI, CON TUTTO IL RISPETTO PER I CANI, OVVIAMENTE. SONO TUTTE QUESTE LE COSE CHE HANNO FATTO Sì CHE PER AVERE UN BUON CANE DA CACCIA C'E' DA SUDARE E BISOGNA COMUNQUE AVERE UN GRAND FONDO SCHIENA, TIPO QUELLO DELLA BOSCHI. POI, IL FATTO CHE ALL'ENCI, SEMPRE PER RINCORRERE IL MERCATO, SI E' APERTO ALL'AGILITY, DOVE SI VEDE DI TUTTO E DI PIù (MA CHE CAVOLO C'ENTRA L'AGILITY CON L'ENCI CHE E' L'ENTE DI CONTROLLO DELLE RAZZE?) DECLASSA QUESTA ISTITUZIONE A POCO PIù CHE...SCEGLIETE VOI IL TERMINE, NON VORREI BECCARMI UNA QUERELA. DICE CHE HANNO SQUALIFICATO PER UN ANNO (E NON A VITA!) UN ALLEVATORE/ADDESTRATORE PROFESSIONALE CHE NELLO STESSO POMERIGGIO ERA RISULTATO RPESENTE IN GARA AD AOSTA E IN SICILIA. ALLA STESSA ORA, CON DUE CANI DIVERSI. SEMBRA.

da ENCICCì 09/09/2015 17.57

Re:I cuccioli di oggi

Differenze fra cuccioli di oggi e di ieri non ne vedo, alla base di tutto occorre per me una buona intelligenza del cane, ed amore da parte del padrone. Ho avuto grandi risultati da cani senza storia, e spesso grandi delusioni da cani blasonati, che ho definito isterici e folli. Comunque occorre sempre molta fortuna, tenendo conto che poco si insegna, ed il naso e la passione per la caccia sono innati.

da GB 09/09/2015 12.48

Re:I cuccioli di oggi

Non sono ancora pronto per il Paradiso, Per quanto riguarda le pantofole ,anche il mio le porta" ma in giro " per rosicchiarle.

da Toni el cacciator 08/09/2015 15.15

Re:I cuccioli di oggi

condivido sul fatto che quando il cane vive in casa, ha una marcia in piu', il mio jack russel non e' come avere un setter o un breton ma si puo' avere un soddisfacente caccia sia su stanziale che migratoria, e poi la sera ti porta pure le pantofole...

da sardi 08/09/2015 13.56

Re:I cuccioli di oggi

Toni, non la credevo così occulata in determinate circostanze, ora mi stà veramente stupendo anzi, oserei dire che mi lascia allibito! E poi ciarlatani parlano di pedigree?... Toni, posso dirle, sante parole le sue!

da s.g. 08/09/2015 13.37

Re:I cuccioli di oggi

cinofili suonati..

da b 08/09/2015 12.46

Re:I cuccioli di oggi

Considerazioni del tutto personali del sig.Fenoaltea. Come si fa' ad affermare che il cucciolo ha avuto una evoluzione senza pari negli ultimi trent'anni ,dovuta alla convivenza piu' stretta con il padrone ..come se l'uomo primitivo tenesse il cane in canile .,ma se gli faceva da cuscino.! Piuttosto mi parli del fatto che su un pedigree ,compare per quattordici volte uno stallone che ha coperto madre ,figlie ,e nonna, generando all'estremo qualita' e tare....

da Toni el cacciator 07/09/2015 15.34

Re:I cuccioli di oggi

si, ma come la mettiamo quando mi trova una beccaccia, o una pernice, che gli va via di piede. o quando, se un "grande cerca", sconfina dallo sguardo? la fate facile, voi! ma a volte la realtà è più complicata della teoria, che dovrebbe mettere in conto tutto, ma proprio tutto.

da a. Medeni 07/09/2015 14.05

Re:I cuccioli di oggi

Quanto è riportato nell’editoriale non fa che rafforzare le idee che mi ero fatto sull’addestramento e la convivenza con i nostri ausiliari. La personale esperienza con il mio ausiliario ricalca in modo quasi perfetto quanto Enrico Fenoaltea ha sopra esposto e conferma alcune idee che mi ero fatto a tal proposito. Il mio cane, un bracco dei Pirenei di nome Gip, da quando ha lasciato l’allevamento è sempre vissuto in casa con la mia famiglia e già a 7 mesi ho cominciato a portarlo a caccia con me. Il risultato è stato che oggi che il cane ha 4 anni, io quando esco a caccia, sia che sia nei nostri boschi o in campagna, non uso mai fischietti o richiami di alcun tipo. So che se anche io non vedo il mio cane, lui è sempre a tiro e sa sempre dove sto andando. Non mi serve chiamarlo o indirizzarlo lui mi controlla costantemente facendosi vedere almeno ogni 3-4 minuti. Gip se non si fa vedere è perché ha fiutato una pista e allora mi aspetta e poi riprende la ricerca fino alla ferma sempre controllando che io ci sia e che sia a tiro. Mi sono dimenticato di dire, in premessa, che io non sono assolutamente un addestratore; la mia più grande preoccupazione quando ho acquistato il cucciolo era proprio di come sarei riuscito ad addestrarlo per la caccia. Il comportamento che ha adesso Gip, è frutto solamente della convivenza e delle cacciate fatte assieme.

da Glenlived 07/09/2015 13.11