Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIL'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmica Vegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPA GIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA


lunedì 10 maggio 2010
    
uomo scimmiaPremessa etologica. Siamo abituati a collocare le nostre riflessioni sulla caccia e sulla gestione della fauna, che ne è, per molti versi ormai, inscindibile corollario, dentro il quadro dell’attualità, della politica contingente. Accade anche quando, dichiaratamente, lo sforzo tende al respiro strategico, punta a disegnare scenari di più lungo periodo.

Suggerisco per una volta un approccio per così dire etologico, una riflessione sullo sviluppo che riguarda le specie, quella umana e le altre, nel loro rapporto, per poi tornare a leggere con gli occhi dell’oggi quella storia in divenire, di cui siamo punto di arrivo e di partenza.

Due milioni di anni fa l’uomo non esisteva: esisteva una specie di scimmia, molto più evoluta delle altre scimmie, che al contrario di altre aveva abbandonato gli alberi della foresta per addentrarsi nella savana; la creatura a mezza strada tra la scimmia e l’uomo, che si avventurò nel mare d’erba così ricco di pericoli era indifesa. Possedeva però due mani capaci di fabbricare attrezzi, due occhi che permettevano, data la loro posizione frontale, una stima automatica delle distanze, la statura eretta o semieretta ed un cervello abbastanza sviluppato. Con questi doni la creatura indifesa che ancora non era un uomo riuscì non solo ad evitare la propria distruzione nell’ambiente pericoloso della savana, ma addirittura a trarre dalla savana l’alimento essenziale che non avrebbe mai trovato sugli alberi in quantità necessaria e che col passare dei millenni la trasformò nell’uomo odierno: la carne.

L’uomo cui quella creatura dette origine, imparò, per procurarsi la carne, a ideare degli attrezzi particolari, fabbricarli, mettersi d’accordo con i propri simili per progettare il piano di caccia, creare un'organizzazione sociale con divisione dei compiti a seconda del sesso e dell’età e così via. Dopo due milioni e mezzo di anni l’uomo trovò nell’agricoltura prima e nella pastorizia poi, nuove fonti di sostentamento, ma nello stesso tempo la caccia aveva creato l’uomo.

Oggi l’Uomo che può in poche ore spostarsi in aereo da una parte all’altra del mondo, andare su altri mondi mediante astronavi sofisticate, e distruggere il proprio mondo con l’uso sconsiderato della bomba atomica, crede di essere una creatura superiore, molto al di sopra di tutte le altre creature della terra, ma anche se non vuole rendersene conto deve a forza convenire di essere una creatura come tutte le altre, non padrone assoluto della Natura: l’uomo fa parte della natura come qualunque essere vivente, pianta o animale, e nella natura egli deve svolgere una funzione preziosa, utilizzandone in modo consapevole le risorse, senza comprometterne la ricchezza e la varietà di vita e habitat.

Un branco di lupi non può programmare il prelievo dei cervi che costituiscono il loro nutrimento per cui, distrutti quasi tutti i cervi, i lupi rischiano di morire di fame. L’uomo può programmare l’uso delle risorse e deve programmarlo in modo che tali risorse non si esauriscano, ma addirittura che si conservino per un tempo indefinito.
 
Veniamo all’oggi, ai gridi di dolore per poca fauna e carnieri scarsi, o ai periodici allarmi perché è troppa, sbilanciata rispetto alle potenzialità del territorio, magari incompatibile con le attività agricole di qualità che vi insistono e con la presenza della piccola selvaggina stanziale.

L’approccio etologico ci dice che non conviene comportarsi come i lupi; a rendere attuale il tema della gestione, più di sempre se possibile, interviene anche il problema di legittimazione dell’immagine del cacciatore: laddove si riesce a dimostrare che l’uomo della doppietta non è solo un predone, ma sa coltivare l’ambiente e amministrare con saggezza e con risorse economiche tratte dalle proprie tasche la fauna, c’è una considerazione diversa di questo strano personaggio, erede di passioni ataviche e custode di attività nate con il genere umano.

Dobbiamo essere uomini e donne del nostro tempo e capire come è possibile abitare il futuro in una società così diversa da quella in cui siamo nati e cresciuti; dobbiamo farlo in fretta, perché dobbiamo recuperare ritardi e progettare una prospettiva sostenibile. Per farlo vanno messi dei punti fermi; tanto più necessari in un momento di dibattito sulle modifiche delle regole.

Sul piano nazionale: la legge 157/92, che è stata nel contempo punto d’arrivo di una fase e base di partenza per sviluppi ulteriori, ha creato le premesse per responsabilizzare le componenti sociali affidando la gestione di larga parte del territorio rurale alla compartecipazione, con gli enti locali, delle associazioni venatorie, agricole, ambientaliste.

Premesse e promesse non sempre mantenute: in mezzo gli ostacoli, i ritardi di molte Regioni, la non integrazione della programmazione faunistica con le politiche complessive di governo del territorio, la separatezza che permane con la gestione delle aree protette, ma anche una sostanziale arretratezza culturale sia del nostro popolo sia dei nostri antagonisti.

Ho letto con interesse sul Cacciatore Italiano l’articolo dell’amico Sammuri, presidente di Federparchi, a riguardo della biodiversità, completamente condivisibile sul piano scientifico e politico; tuttavia così come le associazioni venatorie, seppur su scala ridotta, debbono farsi carico di far comprendere ai loro iscritti che una caccia sociale (per tutti) non può prescindere che dall’utilizzo corretto delle risorse prodotte, — così gli ambientalisti debbono comprendere che la biodiversità si difende solo con la gestione anche dei “Parchi”. Non possiamo infatti ignorare che l’enorme consistenza di ungulati nei parchi è la prima ed esclusiva causa di precarietà della biodiversità.

Il tentativo incompetente di troppi residenti che imputano ai lanci del mondo venatorio tali consistenze fa trapelare una bieca ideologia che non dovrebbe fare parte di associazioni tecnicamente evolute.
Le leggi da anni vietano l’immissione sul territorio di cinghiali; ma anche non volendo cedere ad una polemica assurda sulle carenze nell’applicazione delle leggi esistenti, vorrei ricordare come i cacciatori, o meglio le Province, profondono i maggiori sforzi di ripopolamento per i fagiani che, guarda caso, sono la specie a maggior rischio di inquinamento genetico e di estinzione.

In Italia abbiamo avuto regioni e province dove si è provato a governare, mettendo in atto politiche faunistiche e venatorie, altre dove non lo si è fatto o non ci si è neppure posti il problema; abbiamo avuto governi che dopo la legge del ‘92 non hanno “governato” ma sono intervenuti soltanto con iniziative dovute per disposizioni comunitarie (spesso peraltro recepite male o parzialmente) o con atti d’emergenza, estranei ad un disegno organico di attuazione della riforma.

La verità è che resiste una visione duale del territorio: porzioni da proteggere, porzioni da sfruttare. Territorio e risorse naturali rinnovabili sono al contrario un fatto unitario, tutto da gestire: con gradi e modalità differenti in relazione a tanti fattori, ma tutto da gestire. In questo “fatto unitario” rientra la fauna, che va gestita su tutto il territorio. Ci sono invece “zone franche” (in senso geografico, come tanti parchi, ma anche figurato, come specie antagoniste o in soprannumero) sottratte alla gestione faunistica e fattore di squilibrio. Fra gli obbiettivi del “governare” dovrebbe esserci il coinvolgimento, l’utilizzazione dei cacciatori anche per queste gestioni, non la loro esclusione.

Questo è il vero filo conduttore per affrontare una modifica della normativa vigente che consenta di aiutare la crescita di corrette politiche di gestione.
 
Romeo Romei
Leggi altri Editoriali

17 commenti finora...

Re:C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA

che si uniscano in UNICA

da UNICO 15/05/2010 20.51

Re:C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA

Tengo a precisare, per chiunque si lasci attrarre dalle mie disquisizioni fanatsiose, che come già detto le osai naturalistiche di Pratesi sono state o acquistate o affittate con oblazioni private e personali come sta avvenendo in questi giorni sulle televisioni dove è in atto una campagna di finanziamento. Chi versa i due euro attraverso gli sms, non riceve nulla, nessuna tessera, nessuna assicurazione ne ancor meno rassicurazione, nessun gadget, non ha ambizioni particolari, ama solo la natura, fare passeggiate o chi sa altro che cosa e poi magari se le fa sottocasa e nelle oasi non ci metterà mai piede, però il versamento lo fa!! Ebbene allora noi cosa potremmo fare volendo? siamo ottocentomila e pensiamo solo alla tessera, al gadget assicurativo, all’arruffianamento politico, sempre divisi su tutto!! Ho scritto anche: In Italia, una UNICA associazione venatoria, che si metta a lavorare indipendentemente dalla politica, nessun partito dietro l’angolo. Costituzione di una Internazionale Venatoria. Acquisto di terreni da rendere ‘modelli venatori’. Offerta di lavoro a guardiacaccia, avvocati da prima linea, veterinari, agrari e naturalisti, da cui studi scientifici su selvatici, su colture prive di anticrit.ci, pubblicati su proprio ‘gazzettino’. Nei terreni propri, a caccia chiusa, luoghi di osservazione fauna e sempre, luoghi di ristorazione, possibilità di tiro con l’arco, piattello, aria compressa e via così andando, almeno capite perché i 15 euro della tessera saranno pochi….. come anche i 50. Se si crede in un idea il prezzo non conta.

da Fromboliere 15/05/2010 12.31

Re:C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA

(cont)La realtà proposta: Se si parla della cultura rurale, se la si vuol difendere, è necessario esserne coinvolti fin sopra i capelli. Con l’intento di creare un sito come modello rurale e venatorio, l’associazione UNICA acquista 100 ettari di terreno polivalente, in corpo unico, rendendolo produttivo, non a fini venatori immediati, perché all’interno dell’azienda non si potrà cacciare selvaggina stanziale, ne migratoria, per alcuni anni, esclusi gli ungulati. Questi dovranno essere controllati per salvaguardare dai danni le eventuali colture e la stessa selvaggina, lepri, fagiani e negli habitat appropriati starne ed eventualmente pernici rosse. L’attività produttiva principale tenderà ad orientarsi verso iniziative di carattere ludico, rivolte a chiunque e cercando di aggregare arcieri e tiratori nella stessa unica associazione, organizzando eventi di tiratura nazionale ed offrendo ospitalità nei propri locali. L’azienda è dotata altresì di spaccio di prodotti a chilometro zero, certificati biologici, sia eventualmente propri che di produttori confinanti. Nell’ambito del prelievo venatorio, modulato a numero chiuso, i selettori prima ed i cacciatori in seguito, potranno abbattere capi secondo le disposizioni dei naturalisti che controllano gli equilibri naturali all’interno del territorio, ogni selvatico abbattuto rimane a disposizione dell’azienda che lo trattiene per studi o per il consumo ad uso ristorazione. I cacciatori selezionati per accedere alle cacciate non pagheranno nessuna quota, ma sarà necessario cenare alla sera antecedente, pernottare con servizio di prima colazione e pranzo di fine caccia o diversamente pagare una quota corrispondente.

da Fromboliere 15/05/2010 12.01

Re:C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA

Mancando l'intervento diretto del Romei, che ci aiuterebbe ad ampliare le tematiche che ha proposto, ne butto una a caso, solita e ripetitiva, estratta da un mio commento nel blog di un'associazione venatoria: "Capisco, qui si fa la caccia dalle, o alle, poltrone. Questo ha sicuramente migliorato l’immagine nostra e della caccia, negli anni, come i fatti dimostrano (ironia). Voi passate dal pianto al riso nell’arco di un commento, ma sempre evitate di guardarvi in giro, per voi contano solo due cose: tessere ed assicurazione. Il resto non lo vedete, ma lo vedono bene coloro che ci fanno sempre più le scarpe e che sempre più organizzano realtà come quella da me proposta, ma in opposizione all’attività venatoria. Questo ‘fenomeno’ antico come la società, si chiama Proprietà Collettiva, oggi offre un’ opportunità di sviluppo locale sostenibile, oltre alla crescita d’immagine di chi lo propone, il quale realizza in questo modo un modello di indiscutibile valore, ma solo se vuoi guardare; se tu spalanchi gli occhi e non vedi altro che tessere o assicurazioni, non ti mettere a parlare del futuro, il tuo futuro è già passato, non te ne accorgi perché vuoi solo che non cambi nulla, così hai di che piagnucolare, in piacevole rima, riempiendo i fazzoletti." (cont)

da Fromboliere 15/05/2010 11.58

Re:C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA

Dategli quello nella foto a destra.

da ilgermano56 15/05/2010 10.43

Re:C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA

APPELLO HAI LETTORI DI BIGHUNTER,DATE UN UOMO ALLA BRAMBILLA COSI L A FINISCE DI ROMPERE LE P..LE.

da W LA CACCIA 14/05/2010 18.05

Re:C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA

siamo messi male perche l articolo sopracitato e" del tutto retorico,il rispetto dell ambiente e" insito nel vero cacciatore o pescatore,mai riportato un pesce a casa poiche rilasciato,,,cosi si sposta la problematica il vero punto e" che in europa si va a caccia molto tempo piu di noi,e la brambilla la vorebbe abbolire pure,,, se qui e" diverso e! perche" ci sono persone come romei che non parlano dei veri problemi ma fanno solo retorica.

da zio 14/05/2010 18.00

Re:C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA

Forza PALLINO: dicci qualcosa tu, siamo tutt'orecchi

da Hilly Billy 13/05/2010 15.06

Re:C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA

REGISTRO CHE QUANDO SI PARLA DI PROBLEMI REALI, SERI, COME QUESTO PROPOSTO DA ROMEI, IL DIBATTITO LANGUE. SI PREFERISCE DARE IL "MEGLIO" DI NOI SULLE CAVOLATE, SUI SOGNI IRREALIZZABILI, SULLE PROTESTE VELLEITARIE. SIAMO MESSI MALE....

da PALLINO 13/05/2010 11.36

Re:C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA

veramente qualche gene delle proscimmie che non sono diventate uomo è rimasto negli animalisti e ambientalisti nostrani, sono regrediti a livello di subumani e come tali si comportano. Occorre sicuramente uno studio approfondito sulle femmine subumane che trasmettono il gene, per fortuna quelle al potere non sanno neanche fare figli.

da ezio da Mathi 13/05/2010 9.43

Re:C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA

www.studiolegalecb.it ....Perfortuna che c'è chi ci difende...

da Stefano 11/05/2010 21.46

Re:C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA

Ecce homo!! visto con che tipo di ambientalisti abbiamo ache fare, forse.......era meglio la scimmia.

da Nato cacciatore 11/05/2010 12.30

Re:C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA

quando si capirà che i cacciatori sono la vera differenza per la tutela dell'ambiente e della fauna selvatica, allora riusciremo a risolvere gran parte dei problemi della caccia. MA FINO AD ALLORA DOVREMO ASSISTERE A UN CONTINUO STILLICIDIO DI OPPORTUNITA' (A DANNO DELLA CACCIA E DEL PATRIMONIO NATURALE) PRIGIONIERI DI UNA CONTRAPPOSIZIONE FRA UN'OPINIONE PUBBLICA DISINFORMATA OSTAGGIO DELLA STUPIDITA' ANTICACCIA E UNA POLITICA VENATORIA CONDOTTA DAI SOLITI SIGNORI DELLE TESSERE (DI PARTITO, PRIMA ANCORA CHE DI ASSOCIAZIONE), CHE CI PORTERA' NEANCHE TANTO LENTAMENTE ALL'ESTINZIONE.

da Isaia 11/05/2010 8.53

Re:C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA

Grande Romeo!! Parole sante!!

da tiburzi 10/05/2010 22.36

Re:C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA

sarebbe bello ma utopico che tutto il territorio sia un pasco dove si riesca a convivere tutti. è sbagliato che in una porzione di terra si possa far ciò che si vuole come costruire o distruggere l'ambiente e nell'altra non si possa fare nemmeno un opasso fuori dal sentiero. una situazione intermdia su tutto il territorio forse consentirebbe di mantenere una discreta biodiversità dove la natura e il selvatico siano presenti ovunque non solo nel parco... esempio: le riserve integrali tanto care agli ambinetalisti dove non si può fare nulla ma è la natura a farsi da sola non sono poi così positive per gli animali: basti pensare a un bosco non curato con il sottobosco pieno di rovi e arbusti fitti...non credo che siano parecchi i selvatici a dimorare in tale luogo. ciao

da CACCIA78 10/05/2010 14.59

Re:C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA

In realtà l'uomo è il padrone della natura, perché così lo ha stabilito lui stesso. Ma nonostante sia anche fautore della civiltà, da lui creata, rimane un pessimo padrone di casa. Il che, tutto rapportato alla nostra realtà, ci riporta, ognuno nella nostra casetta, a guardare sempre e solo l'erba del vicino. E giustamente, come dice Romei, sarebbe arrivato il momento di condividere, almeno, il prato con tutto quello che ci sta sopra. Vi saluto

da Fromboliere 10/05/2010 12.17

Re:C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA

Tornando a parlare di evoluzione, questo è un dato certo: LA CACCIA HA EVOLUTO LA RAZZA UMANA! La caccia ha sviluppato l'ingegno nei primi ominidi che iniziavano a costruire attrezzi per cacciare. Allo stesso modo attraverso la caccia in branco ha permesso d'instaurare i primi rapporti sociali tra gli ominidi...Se fossimo stati dei semplici raccoglitori (come piace credere ad animalisti e vegetariani) o creature che mangiavano solo la carne delle carcasse senza cacciare (come fanno talune scimmie) oggi la specie umana sarebbe ancora una specie animale selvaggia che vivrebbe sugli alberi! A riprova di questo pensiamo alla scimmia più vicina a noi...lo Scimpansé, si è evoluto insieme alla scimmia ominide. Ma mentre la scimmia ominide è diventata uomo, lo scimpansé è rimasto ancora scimpansé! Perché lo scimpansé non è cacciatore! QUINDI VIVA LA NOSTRA EVOLUZIONE E VIVA LA CACCIA CHE L'HA PERMESSA!!

da Il Conte di Montecristo 10/05/2010 11.46