HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani |
  Cerca
ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANA C'ERA UNA VOLTA... LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!! Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italiane TABU' LUPO FIRMAMENTO SOCIAL ALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSO LUPO. ATTENDIAMO LUMI CHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIA Cos’è la caccia La ri-proposta Cuore di beccaccia Cacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardi LA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scoperta CARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODA Osservatori regionali, avanti! Ungulati: una risorsa preziosa La mia prima volta al cinghiale: onore alla 110! Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibile ANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTI TORDI TORDI STANNO TUTTI BENE ETERNA APERTURA TANTE MAGICHE APERTURE CI SIAMO! LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONE LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE ANCH'IO CACCIO MIGRATORIA, MA DI CHI? Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio francese REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO Lasciate la carne ai bambini Uccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi.... CINGHIALI D'UNA VOLTA DATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRA MONTAGNA, 22 ANNI DOPO Elegia per un vecchio signore LA GRANDE BUFALA Animali & Co: un problema di comunicazione LUPO O CINGHIALE? Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo Le allodole, mia nonna e le vecchiette La caccia e gli chef UNGULATI CHE PASSIONE PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA Le beccacce e il lupo QUESTIONE DI PROSPETTIVA La cinofilia ufficiale. Parte seconda con scuse PROBLEMA LUPO Bisturi facili. Cuccioli? No grazie Perché ho scelto il setter inglese? Galletti fa mea culpa Questa è la cinofilia ufficiale C'era una volta il cinghiale Bracconieri di speranze Gip, amor di cacciatore. Il piccolo francese SAVETHEHUNTERS, MATTEO TROMBONI SFIATATI I sistemi elettronici di addestramento GUANO CAPITALE In principio era una Dea C'era una volta l'orso bianco che campava di caramelle UNA TERRA DIVERSA MEMORIE. Da regina a regina informAZione? Iniziazione del cucciolone UNIONE AL PALO? LA PARABOLA DI CECIL CROCCHETTE VEGANE L'ecoturismo fa danni ALLODOLE PER SEMPRE TRUE LIES CI SIAMO? Natura. Madre o matrigna? LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPO UN’APERTURA DA FAVOLA I cuccioli di oggi MACCHE' PREAPERTURA CACCIA, PROVE E VARIA UMANITA' Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiere FORMAZIONE, FORMAZIONE! I cani da ferma oggi Arlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNA Prima informarsi, poi farsi un'opinione Effetto Flegetonte Il cane domestico (maschio) Il valore della caccia Chi è diavolo, chi acquasanta? CANDIDATI ECCELLENTI PUBBLICO O PRIVATO? LA FRANCIA E I MINORI A CACCIA REGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATI Caccia vissuta “Se questa è etica” QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PERO Le contraddizioni dell'Expo QUESTIONE DI CORPO L'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloni Calendari venatori: si riparte DOVE ANCORA MI PORTA IL VENTO LUCI E OMBRE DI UN PROGETTO CANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIO CHIUSO UN CICLO... A patti col diavolo... e poi? BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZO MISTERI DELLA TELE CANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILE E' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SA Tordi e beccacce tra le grinfie della politica Donne cacciatrici piene di fascino predatorio Italiani confusi su caccia e selvaggina Storia di una particella cosmica Vegani per moda Anime e animali MUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur Smith CHI LA VUOLE COTTA, E CHI.... Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsa ZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA! E se anche le piante provassero dolore? PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMA Momenti che non voglio scordare Anticaccia? Parliamone CACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELE CATIA E LA PRIMA ESPERIENZA CHIARI AVVERTIMENTI PIU' VIVA E PIU' AMATA ECCE CANEM DE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTI IL CATALOGO E' QUESTO.... CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIA ISPRA. UN INDOVINO MI DISSE... MIGRATORI D'EUROPA L'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggio MIGRATORISTI GRANDE RISORSA Fauna ungulata e vincolismo ambientale Decreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTRO Ai luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIO SPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHI DOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVE Biodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLA Le specie invasive ci libereranno dall'animalismo EUROPEE: SCEGLIAMOLI BENE La rivoluzione verde è nel piatto La caccia al tempo di Facebook SOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposo COSE SAGGE E MERAVIGLIOSE AMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDO C'ERO UNA VOLTA ALL'EXA QUESTA E' LA CACCIA! EUROPA AL RISVEGLIO TOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLA CACCIA LAZIO: quali certezze? ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTI UNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILE LO DICO COL CUORE IL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E' I veri volontari dell'ambiente DIAMOGLI CREDITO PROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIA Ambientalisti italiani, poche idee ma confuse Anche National Geographic America conquistato dalle cacciatrici Più valore alla selvaggina e alla caccia Il cinghiale di Colombo Porto di fucile - NON C'E' MALE! PAC & CACCIA LILITH - LA CACCIA E' NATURALE Effetto protezionismo Ispra: il caso beccaccia Il grande bluff dei ricorsi anticaccia COME FARE COSA FARE Supermarket society Romantica Tipi di comunicazione: C'E' MURO E MURO Ambientalisti sveglia! Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggiose SPRAZZI DI SERENO POINTER E NON PIU' SOGNO DI CACCIATORE UN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPO RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORI LA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOON ALLA FIERA DELL'EST VOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNA IL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI “Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunistico CACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISI Partiamo dalla Toscana ITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la caccia C’ERA UNA VOLTA… I cacciatori nel regno delle eterne emergenze Gli ambientalisti e la trave nell'occhio Addio alle rondini? L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato) ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI..... SUCCEDE ANCHE QUESTO BASTA ASINI AMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di Diana TOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTO ALLARME DANNI DANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga… STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA “L'ipocrisia delle coscienze pulite” UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALE CACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA' ZONE UMIDE: CHI PAGA? Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA SPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLE La Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’albero A SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo così NEORURALI DE NOANTRI FRANCIA MON AMOUR LA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIA TERRA INCOGNITA L’Italia a cui vorrei fosse affidata la caccia La marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVE COLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI? DIVERSA OPINIONE IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE Opinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!! A CACCIA A CACCIA!!! PROVOCAZIONI Estate di fuoco MISTIFICAZIONI SICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTO Sostenibili e consapevoli! COLPI DI SOLE COLPI DI CALORE Aiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti! TECNOCRATI? NO ESPERIENTI LA RICERCA DIMENTICATA PARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'! Orgoglio di contadino Campagna o città? CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRI CALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERE CONFRONTO FRA GENERAZIONI LA CACCIA CHE SI RESPIRA Rapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNO MUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà? Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga... DELLE COSE DELLA NATURA Cultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'Italia Il nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalisti LA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀ PAC IN TERRIS UCCELLI D'EUROPA GIRA GIRA..... STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNA TOCCA A NOI! CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLO IL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIA VERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTO PROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZA BECCACCE DI BEFANA CACCIA, FASE DUE PROVOCAZIONI DI FINE D’ANNO RICERCA RICERCA SPIGOLATURE DI NATALE Dai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONE NON ERA AMORE Finalmente autunno Il paradosso dell'Ispra IL PIANETA DEI CACCIATORI Le caste animali A CACCIA ANCHE DOMANI A CACCIA SI, MA DOVE? ORGOGLIO DI CACCIATORE Per il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIA APRE LA CACCIA! Amico cacciatore, guarda e passa Riforma sui Parchi in arrivo? E i cuccioli umani? MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATE LA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenza Il Pointer e la caccia Col cane dalla notte dei tempi Contarli, certo, ma come? Questa è una passione! IL PENTOLONE LA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE NON SOLO STORNO QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI La lezione di Rocchetta di Vara BASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITI CORONA L'ERETICO Cacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medaglia Deroghe: non è una missione impossibile AMBIENTALISMO E' CULTURA RURALE Sei il mio cane ALLE RADICI DELLA CACCIA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIA COME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA... BOCCONCINI PRIMAVERA CACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERE COMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIO QUESTIONE DI CALENDARIO LA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIA PRENDIAMO IL MEGLIO BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA TUTTI A TAVOLA RIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRE LA CACCIA SERVE. ECCOME! METTI UNA SERA A CENA Urbanismo e Wilderness: un confronto impari CONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEET GIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANI IL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in Italia Accade solo in Italia? L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza FRA STORIA E ATTUALITA' Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro “Solo” una passione Tra ideologia e strategia politica IL CATALOGO E' QUESTO TORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTO DA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro Brambilla Italiani ignoranti della caccia CACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNA Ed il giorno arriva DEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE! PRE-APERTURA DI CREDITO Domani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONE Alcune riflessioni sulla caccia in Italia Divagazioni per una rivoluzione culturale La senatrice Adamo va alla guerra PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci) Calendari venatori. Le bugie degli ambientalisti Un'arte chiamata caccia AREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLA Animalismi e solitudini In un vecchio armadio STAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODO Belli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI! Ieri, mille anni fa, io caccio Cosa mangiano gli animali degli animalisti? SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA MOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVO ORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICO Aerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo” ALL'ARIA APERTA! Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIA IPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOI IN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA! RIFLESSIONI DI UN PEONE IL PAESE PIU' STRANO DEL MONDO Fuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALE E Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTO L'Enpa insulta i cacciatori SELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIA America: un continente di vita selvaggia LA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezione LA CACCIA COME LA NUTELLA? LUPO, CHI SEI? Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no? TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGE A caccia con L'arco... A caccia con la storia... Interpretazioni e commenti di nuova concezione 10 domande ai detrattori della caccia IL BRIVIDO CHE CERCHIAMO La caccia come antidoto alla catastrofe climatica Per una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNARO CONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIA Caccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perduta Allarmismo e vecchi trucchetti Ancora Tozzi ? REALISMO, PRIMA DI TUTTO Le invasioni barbariche APERTURA E DOPO. COSA COME QUANDO Piombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquatici Di altro dovremmo arrabbiarci I GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecnici Un rinascimento ambientale è possibile Gelosi e orgogliosi delle nostre tradizioni LA CACCIA SALVATA DALLE DONNE? Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars Venandi Tutto e il contrario di tutto DALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO... IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATO La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova Tutti insieme... magicamente Ambiente: una speranza nella caccia SOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTA La Caccia ha bisogno di uomini che si impegnano LA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDO Il capanno: tra architettura rurale e passione infinita DONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANA EUROPA EUROPA VICINI ALLA VERITA' Beccaccia sostenibile CACCIA E SOCIETA' Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNI PARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidato CACCIA ALL'ORSI ORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORI UN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORI Ridiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevole Il cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia. 157: PENSIERI E PAROLE MA COS'E' QUESTA CACCIA? 157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONE MIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARE CINGHIALI CHE PASSIONE La cultura cinofila ATC DIAMOCI DA FARE Il vitello che mangi non è morto d'infarto! Ripensare la caccia? PER UN FUTURO DELLA CACCIA QUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONA PUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAM Un nuovo corso per gli ungulati Siamo noi le Giubbe Verdi Ruralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina La caccia secondo Giuliano, umorista de La Repubblica Questa è la caccia Il cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumi La cinegetica e la caccia col cane Gestione e tradizione BASTA TESSERE AMAR...TORD E il beccafico perse la via del nord Dimostriamo credibilità Apertura passione serenità editoriale - Fucili italiani come le ferrari Orgoglio di Cacciatore I Tordi e le Beccacce La Caccia è Rock

Editoriale

DELLE COSE DELLA NATURA


lunedì 16 aprile 2012
    
Quando si parla di caccia ( e mi riferisco soprattutto a coloro che di caccia ne capiscono ben poco), l’immagine che appare davanti agli occhi, in primo piano, è quella di un selvatico abbattuto che stramazza al suolo privo di vita. Questa immagine altro non è che la palese dimostrazione della visione limitata che hanno le persone ignoranti e tutti coloro che manifestano una scarsa voglia di comprendere a quale mondo appartengono i cacciatori e la caccia.

La caccia ( permettetemi la metafora chimica)  è soltanto uno dei numerosi elementi che combinati tra loro  formano un composto ben più complesso e affascinante: il mondo della natura.

Ultimamente si sente spesso parlare di cultura rurale,di vita rurale e di movimenti nati con lo scopo di valorizzare una ruralità che apparentemente si sta perdendo.

Ora, mettiamo per un attimo da parte la caccia e focalizziamo la nostra attenzione su un fenomeno che da più di dieci anni a questa parte sembra stia monopolizzando i fine-settimana degli italiani: parlo di quella voglia che la gente comune manifesta verso il venerdì sera; ovvero il rifugiarsi per quanto gli è possibile in agriturismi o in zone collinari ricche di percorsi eno-gastronomici,dove, su percorsi appositamente allestiti, si trova ogni ben di Dio.

E’ ovvio che non è questa la cultura rurale, questa è solo un’onda cavalcata dai ristoratori e dai produttori di vini per pubblicizzare in modo più efficace i loro prodotti.

Ma su cosa hanno fatto leva gli imprenditori?

Bene, io credo che la risposta sia tra quelle vecchie mulattiere, o in quei vecchi casolari, che se pur rimessi a nuovo non hanno perduto il loro antico odore di ruralità e di vita semplice. Quei casolari in cui, se si rimane in silenzio e si ascolta con attenzione, è possibile sentire ancora le voci di chi  vi abitava e al contempo respirarne il carattere.

Persone che con il loro lavoro hanno in qualche modo ricostruito il nostro paese dopo le grandi guerre. Persone forgiate dai venti e degli eventi. Uomini che hanno dovuto imbracciare il fucile non solo per procurarsi un pasto, ma anche per difendere ciò che di più caro avevano al mondo.

E non è difficile scorgere tra le crepe del tempo il vecchio e grande camino, sempre acceso e pronto  a scaldare donne e bambini, e a rendere ancora più calorosi i sorrisi e la gioia nata dai racconti degli adulti, storie che nascondevano sempre degli insegnamenti.

Storie di uomini e storie di natura che si intrecciano, in un alternarsi di stati d’animo: nostalgia, tristezza, euforia e  riflessione. Perché è vero che la natura a volte interviene sull’uomo, ma – se conosciuta e interpretata - quasi mai gli è nemica.

Che cosa spinge quindi l’uomo moderno a ricercare con tanto impegno quei luoghi e quelle persone che in qualche modo lo ricollegano al passato? E’ forse il pensiero inconscio di non accettare tutta questa “ modernità”?

L’uomo, sostanzialmente non si è mai dimenticato del suo passato. E non mi riferisco al passato remoto..ma semplicemente a quello prossimo a lui.Il rapporto tra l’uomo e la natura si è modificato nei tempi, ma alcuni principi fondamentali sono rimasti immutati.

Essere sommersi dalla tecnologia è un bene fino a un certo punto, ma la gioia delle piccole e semplici cose rimane una necessità per ognuno di noi. E dove, se non in un luogo semplice o rurale che dir si voglia si possono apprezzare le semplici cose?

Quando si entra nei musei contadini, quasi sempre presenti in tutti gli agriturismi, i nostri occhi e il nostro cuore si colmano di nostalgia e di ricordi. Eh già, perché se guardiamo attentamente nel nostro passato, scopriamo che dentro il cuore di ognuno di noi sono molti i ricordi legati alla campagna o alla vita rurale in genere.

I miei ricordi rurali sono tanti: ricordo la raccolta delle olive, la vendemmia… In entrambi i casi, io e miei cugini ancora ragazzini,ci svegliavamo prima degli adulti, tanta era l’euforia, e ricordo quando mia zia apriva la grande tovaglia sotto il vecchio ulivo, ed in mezzo all’erba si pranzava. Ricordo con la stessa intensità di quando si “faceva” il maiale, per noi ragazzini era vietato assistere all’uccisione, il nostro compito era quello di governare il fuoco che scaldava l’acqua nel grande pentolone. Ricordo donne che hanno cresciuto dieci figli senza mai pronunciare  le parole “ sono stanca”. Per non parlare dei ricordi che legano la mia vita rurale alla caccia o viceversa. Potrei scrivere per ore ed ore senza mai fermarmi. Questi ed altri ricordi  affollano la mia mente quando si parla di ruralità, se penso che oggi c’è  gente disposta a pagare per vivere queste esperienze, da un lato sorrido, ma dall’altro mi assale una grande malinconia. L’uomo ha denaturalizzato la natura privandola del suo significato più profondo.

“Rurale” significa  della campagna , e la campagna è inevitabilmente legata alla natura. Seguire i ritmi scanditi dalle stagioni, lavorare la terra, vivere dei suoi prodotti, e tra i prodotti della natura vi è anche la selvaggina.

La caccia è contemplata dalla natura, perché è parte integrante della natura stessa.  Il cacciatore non fa altro che ascoltare questo richiamo.
A questo punto la silloge è necessaria: se l’uomo ama la natura e la caccia fa parte di quest’ultima, allora l’uomo non può non riconoscere la caccia come un elemento della natura.

Forse la caccia potrà non essere condivisa…Ma, se si ama la natura, bisogna capire che la caccia fa parte di essa, cosi come fa parte di quella ruralità tanto ricercata.  Quando si ama qualcosa o qualcuno bisogna amare in tutto e per tutto, non solo  in ciò che più conviene.

Concludo, se mi è concesso, con un mio piccolo pensiero,scritto qualche anno fa in occasione di una serata in cui si premiavano i vincitori di una gara cinofila. Mi chiesero di scrivere e leggere qualcosa sulla caccia, il risultato fu un breve discorso che chiudeva cosi:

“…il cacciatore è colui che dall’assordante rumore del progresso riesce a filtrare le melodiose armonie della natura, e sull’incanto di quelle  magiche note ricava storie,racconti e poesie che lo accompagneranno  per  il resto della vita”.

In bocca al lupo a tutti
 

Leggi altri Editoriali

44 commenti finora...

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

cose della natura oggi 2 cani corso,in sicilia hanno aggredito un anziano fino alla morte,meditiamo su queste cose...

da franco il ba... 22/04/2012 22.55

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

...un invito a tutti i naturalisti di passaggio: pregasi di consultare la sezione 'FUCILI' del sito. Grazie. :-)))

da Fromboliere 21/04/2012 21.21

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Ah Gasperì,ma stai a parlà de quella che conoscono come la vedova!

da pietro 2 21/04/2012 21.14

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

cari animalari, io piango quando vedo in questo periodo merli, ranocchie,ricci ecc. lungo il ciglio della strada morti per colpa delle care e amate auto meditate animalari

da mario 21/04/2012 20.05

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Oggi sono andato in un negozio di animali a comprare il collare antizecche per il mio cane. Quando mi ha chiesto la misura, ho detto che era per un setter. Una signora mi ha guardato molto male mentre stava pagando delle scatolette di cibo per cani.Erano di carne di Cervo.

da Gasperino 21/04/2012 18.47

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Per i cioccolatini è un pò presto,ma ti assicuro che in tanti posti del Mondo la Caccia è vista proprio così.

da vittorio cavaliere-bari. 21/04/2012 11.31

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Si Vittorio,ma se lo trovo sui cioccolatini voglio il copyright e i diritti d'autore!

da Pietro 2 20/04/2012 21.06

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Bravo!!! Vorrei averlo scritto io, penso di conservarlo ma soprattutto divulgarlo,come ben farebbe ogni amico della Caccia.

da vittorio cavaliere-bari. 20/04/2012 19.30

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Renzo:le emozioni facili sono quelle costano meno ed è per quello che moltissimi le scelgono;per ottenere le altre bisogna sempre dare,in cambio,qualcosa di se,ed ecco perché le cercano in pochi!

da pietro 2 20/04/2012 14.24

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

X Vanessa Vedi, gentile signora / ina , INDISPENSABILE il fucile non lo può essere mai. I cacciatori, quelli veri, lo considerano un bell'oggetto a volte un'opera d'arte ( basta vedere quanto sono costosi certi " pezzi " ) ma anche portare in giro per onorare l'attivita in se stessa , un pezzo di ferro e legno da pochi euro è indispensabile , questo si all'attività stessa . Non è indispensabile certamente il colpo uccisore, ma la fine imprescindibile di un'azione vecchia come il mondo, senza il quale la caccia non sarebbe tale . Che differenza vedi se al posto del fucile ,si usasse un arco, un boomerag, una lancia oppure più nobilmente un falco addestrato ? Eppure quest'ultima ipotesi deriva da storia antichissima ,ancor prima che fosse inventata la polvere da sparo . La morte di un animale non fa piacere a nessuno, credimi. Anche se potrebbe essere una contraddizione , fa parte dell'essere umano . Ha più dignità un pollo nato cresciuto ad antibiotici in gabbia o in un piccolo recinto fino alla morte o un fagiano a cui si danno parecchie possibilità di fuggire indisturbato ? Per cortesia NON CREDERE ai numeri che sparano i soliti noti: tot cartucce = tot morti ... non sta in piedi e te lo potrebbe dimostrare sul campo chiunque nel mondo . Ragioniamo con la testa per favore e non con le emozioni facili che lasciano il tempo che trovano .....

da renzo 20/04/2012 12.31

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Per risolvere i problemi del mondo questi devono fumare dell'erba, se gli togli quella non riescono nemmeno a fare un cerchio con l'occhio del culo. Comunque complimenti per l'articolo, sembrava gia settembre.....

da nicola la spezia 20/04/2012 0.01

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

vanessa te come d'altronde tutti voi nel senso animalisti se così vi volete chiamare, che io non credo, la doppietta non è primaria per noi è lo sparo possiamo pure sparare in aria a casino è non sempre sparare per uccidere. voi tutti però avete la testa altrove, è cercate di far meno chiacchere, ricordatevi che la caccia per noi non è il centro di tutto abbiamo altro da pensare noi, cosa che non pensate voi, vogliam vedere chi è che a la testa sulle spalle?? pensate alle cose serie della vita è non sempre alle solite cazzate un giorno o l'altro ve ne accorgerete, ma sarà troppo tardi per voi intellettuali.

da gino leccese 19/04/2012 22.00

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Vanessa ha scritto SECONDARIO non INUTILE: do you speak italian?

da pietro 2 19/04/2012 20.03

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

se lo sparo è sencondario e non indispensabile, perché non lasci a casa la doppietta??

da Vanessa 19/04/2012 13.33

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Io ritengo di essere un privilegiato nel poter godere appieno delle meraviglie che la natura mi offre. Se questo vuol dire essere malato, voglio esserlo per il resto della mia vita. Il vero orgasmo per me è sentire lo scovo a vista di una lepre, lo sparo è secondario e non indispensabile. Purtroppo simili emozioni certe persone non potranno mai averle, se non quelle di vivere lo stress ed il caos quotidiano delle grosse città cosa che li porterà a vivere da idioti con le loro idee. Lasciateli parlare, gli infelici sono loro.

da Antonio (AQ) 19/04/2012 9.55

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

@ Fiore.non se lo pongono neanche questo problema,perchè le piante oltre ai pesci non fanno cip...

da max 60 18/04/2012 0.44

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Fiorello E' inutile che spieghi quello che non vogliono capire. è tempo perso.

da renzo 17/04/2012 22.26

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Ricercatori del Dipartimento di Ortofrutticoltura dell'Universita' di Firenze (Italy) e di Bonn (Germany) sono stati gli "iniziatori" della nuova scienza. vedi "Plant, Signaling & Behiavior" (Piante, Comunicazione & Comportamento) studio pubblicato dai ricercatori italiani su di una loro rivista. Da queste ricerche e studi recenti ormai si e' dimostrando che anche le Piante, oltre agli Animali, hanno un cervello e quindi possibilita' cognitive, emozioni, pensieri ed elaborazione degli stessi, e sanno o per lo meno tentano di risolvere i problemi che si presentano. Alcuni ricercatori italiani sono stati fra i primi a fare queste scoperte: "Le Piante hanno una testa pensante con la quale comunicano, prendono decisioni (anche in caso di difficolta'), ricordano, cioe' hanno memoria e perfino una sorta di autocoscienza". Le Piante mettono in atto una trasmissione sinaptica identica a quella dei tessuti neurali animali. Esse comunicano con le altre piante attraverso l'atmosfera ed il terreno stesso nel quale sono radicate.

da fiore 17/04/2012 21.07

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

@ Nessuno, credo che molti vegani dopo aver vista la trasmissione di ieri sera EVA dove si facevano vedere studi sulle piante... beh dovranno decidere di morire di stenti visto che anche le piante rispondono con impulsi elettrici a sollecitazioni!! e ora come la mettiamo non è forse uguale il sangue alla linfa?

da fiore 17/04/2012 17.56

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

x nessuno: il bello è che noi ci godiamo ad essere malati di caccia il pianto è riservato ai fregnoni come te.

da Bekea 17/04/2012 15.31

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Amici cacciatori, non li commentate più questi commenti. Non perdete tempo con questi incompetenti. L'ho fatto anch'io, ma ho sbagliato. Non vanno considerati. Piuttosto sapete niente per quanto riguarda il piano faunistico nella provincia di Siena, a che punto è e cosa dice? Saluti e grazie

da CLAUDIO 17/04/2012 12.56

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

x nessuno intanto complimenti per il nome: nessuno ti si addice proprio ! Chi credi di essere Ulisse ? Come ti permetti di dire che siamo malati ? C'era una volta uno che disse : non guardare la pagliuzza negli occhi dell'altro ma guarda la trave che hai nel tuo . Guarda che è uno famosissimo....... Il vero malato sei tu che compri e ti nutri di polli e di carne farciti di estrogeni... fatti una bella analisi del sangue che è meglio .....

da renzo 17/04/2012 11.07

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Forse sto per dire una stupidaggine,ma sono convinto che se per un paio di mesi,tutti i non vegetariani si rifiutassero di mangiare carne,e tutte le attività( macelli,allevamenti,laboratori etc),che a dire degli animalisti,sono contro l'etica civile si fermassero,con le conseguenze economico-logistiche che tutti sappiamo...bhe...sono convinto che sarebbe il governo stesso a far sparire questi quattro fanatici dal suolo italiano. Ma si sa benissimo che la cosa è impossibile a farsi,e lo sanno sopratutto loro..per questo continuano a blaterare idiozie. Le cose andranno avanti cosi,senza nessun cambiamento....viva l'Italia.

da enzo972 17/04/2012 10.34

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Err.corr.: "sa" in luogo di "sto arrivando"(toglierò l'automatismo)!

da pietro 2 17/04/2012 7.40

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Max:ancora ci cadi,perdendo tempo?Eppure,visto le volte che visiti il sito, hai addirittura fatto il richiamo anti ro-ma,quindi dovresti essere più che vaccinato!@nessuno:hai dimenticato di dire,però,che ,non essendoci più le mezze stagioni,non si Sto arrivando! come vestirsi e che i negri hanno la musica nel sangue!E' un peccato constatare che la prevenzione(il mio intervento delle 18,39),purtroppo,non sia servita a molto:sarebbe stato meglio prevenire che....;va beh,di necessità virtù! Grande nessuno:quest'anno che fai,la prima media?Sei un ometto ormai(o femminuccia,dipende...)!

da pietro 2 17/04/2012 7.37

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

@ nessuno,sempre sti slogan del caz---o.io vivo in campagna,ho polli,galline,maiali etc,la carne non la compro perchè li animali li uccido io,mi vuoi forse proibire anche questo,vuoi che tutti noi facciamo quello che dici tu...?.proviamo a invertire che dici...per quanto riguarda i malati,se ero come tu dici,non avrei raggiunto la posizione sociale che ho,e non solamente io.ci sono nelle fila dei cacciatori gente dello spettacolo,calciatori,dottori,avvocati,professionisti etc,tutti malati di mente...?.per quanto riguarda gli agriturismi dove la gente va per mangiare sano,salsicce,prosciutti,polli etc,farei così per riportarli alle vecchie origini.vuoi mangiare un pollo ruspante?,vai lo acchiappi lo sgozzi lo spenni e io te lo cucino.per quanto riguarda il militare sono daccordo Gimessin,ma ho anche un'altro pensiero.

da max 60 17/04/2012 0.45

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

io se fossi costretto a uccidere un animale piangerei, mentre voi vi esaltate all'idea dello sparo, atto finale, il vostro unico possibile vero orgasmo. Siete malati, rendevene conto.

da nessuno 16/04/2012 22.59

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Complimenti Vincenzo

da Francesco RC 16/04/2012 21.09

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Si fiore,ti avevo capito ma volevo solo sottolineare quello che tu avevi già benissimo evidenziato,cioè che la bellezza della natura non si "ascolta" vedendo il prato verde fiorito,ma prendendo la il vento gelido in faccia con l'acqua gelata a dicembre,come raccogliere le olive con la schiena a pezzi.

da pietro 2 16/04/2012 20.53

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Forse mi sono spiegato male, il lembo migliore era visto per la parte civilizzata, sono anch'io della stessa tua opinione.

da fiore 16/04/2012 20.23

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Eh no fiore,scusa ma il lembo migliore della natura è camminare con dieci chili di fango attaccati per ognuno degli stivali o magari correre attraversando in quel modo tutto un maggese,solo perché il cane è in ferma a bordo macchia,anche per poi scoprire che se n'è andata via fregandoci a tutti e due!

da pietro 2 16/04/2012 19.30

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Vedi max60, molto spesso noto con tristezza che da quando il servizio militare non è più obbligatorio questi pseudo animalari sono aumentati a dismisura. -------------------------------------------------- GRANDE ! A questo non avevo pensato . E' vero ! Da quando non c'è piùà l'obbligo della leva che ti insegnava la disciplina e ti faceva crescere senza troppe cazzate in testa la vita sociale era più seria e semplice . Ora escono fuori questi ratti da discoteca o da bar a sparare sentenze su tutto quello che non sanno o non vogliono sapere. Però vogliono essere al centro dell'attenzione come le mosche sulla m.....

da renzo 16/04/2012 19.03

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Credo che l'osservazione del fenomeno della riscoperta dell'agriturismo sia giusta a metà, si è vero che molte persone stanno sentendo come il richiamo della campagna, ma non credo sia un richiamo forte a tal punto di riscoprire che la caccia è una parte integrante della natura, diciamo che ora le persone sono attratte dal "vintage" della serie dischi in vinile moto vecchie evvia evvia insomma c'è la ricerca più alla crema della ruralità che non alla vera vita contadina e qui c'illudiamo se pensiamo che basti far trascorrere qualche giorno in campagna per far tornare nella gente la stima verso la caccia e i cacciatori. Difatto i visitatori della domenica non avranno mai occasione di vivere pienamente la campagna o la natura prenderanno solo un lembo ( quello migliore) non si cimenteranno mai in un giorno a vangare o a brucare olive o a vendemmiare con il fango fino ai ginocchi non consceranno la fatica e la lotta con la terra... la caccia è compresa in questa lotta fatta d'astuzia d'attesa conoscenza e esperienza... io personalmente invito sempre qualche animalista a caccia ma finora non è voluto venire nessuno ( però magari le pappardelle sulla lepre se l'è mangiate) quello che manca e che non c'è più è la conoscenza diretta di quello che è la caccia.. è come allevare un ghepardo fornendogli tutti i giorni il pasto eppoi dopo 10 anni liberarlo nella savana... non s'ò se camperebbe.

da fiore 16/04/2012 18.44

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Ma che è:l'appello pomeridiano?Tra poco arriverà chi sappiamo noi a scrivere,ma gli risparmio tempo e fatica:":::str...,pezzi di m....,vi divertite a sparare ad esseri indifesi,mentre le vostre mogli ecc...ecc...ecc... ecc.""!Ecco,va bene così?Tempo e spazio risparmiato!Adesso cerchiamo di "scrivere";domanda:nel 2012 ,che vuol dire"NATURISTA"?Uno che usa il pc, la corrente elettrica,si serve di tutto ciò che la società "metropolitana" gli mette a disposizione,può avere una sola ragione per firmarsi "naturista":VIENE PAGATO!O è grave!

da pietro 2 16/04/2012 18.39

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Io quando cerco di far capire ai miei amici non cacciatori cosa si prova ad andare a caccia paragono lo sparo cioè la conclusione di una emozione a d andare con una donna e l'attimo in cui si culmina il piacere nel rapporto ecco questo è lo sparo di un'arma a caccia.

da Paolone 69 16/04/2012 17.57

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Vedi max60, molto spesso noto con tristezza che da quando il servizio militare non è più obbligatorio questi pseudo animalari sono aumentati a dismisura. Penso che la cosa che più li spaventa è lo sparo di un'arma perchè se avessero un pizzico di materia grigia per comprendere che per uccidere ci sono sistemi e cause peggiori dello sparo, non aprirebbero più bocca. La maggior parte di essi non ha mai vissuto la natura come l'ha vissuta il cacciatore, non conosce la vita rurale e non conosce uccellini se non i passeri e le cornacchie che vede in città. Purtroppo la loro esistenza è limitata a queste osservazioni, non possiamo farci niente e poi quando fumano...... dobbiamo anche sopportarli.

da Gimessin 16/04/2012 17.41

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Hai un 'idea, naturista antipsico di quanti esseri senzienti hai ucciso tu nel breve tempo in cui hai scritto quelle sciocchezze? Hai un'idea di quanti esseri senzienti nello stesso tempo hanno consentito di uccidere nel mondo quelli come te che - invasati da un'astratta ideologia animalista - consentono il persistere di un sistema di sviluppo che, annullando i poveri e pochi untorelli come noi cacciatori, porterà all'annientamento non degli animali oggetto di caccia ma di tutta la vita sul pianeta? Povero sciocco! Vai documentati e se il tuo livello intellettivo te lo consente, cerca di trarne degli insegnamenti di vita. Se vieni a caccia, impari prima. Dai retta a me!

da Ghigo 16/04/2012 16.12

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

L'essere senziente spesso più intelligente di noi ,simpatico Naturista , è anche e sicuramente più intelligente di te che non trovi altra maniera se non l'offendere seguendo la moda dei tuoi simili. Vai pure , rifugiati tranquillamente nella pastiglietta del sabato sera o nell'oblio della piantina fumata. Noi non ne abbiamo bisogno, a noi basta l'odore ,anzi, il profumo della resina dell'albero, o del mucchio di letame in campagna . Poveretti

da renzo 16/04/2012 16.10

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Sig. Mazzone le confesso che il suo scritto ha descritto in maniera perfetta l'emozione della caccia, complimenti. se tutti si cercasse di essere un poco più tolleranti e disposti ad ascoltare sarebbe veramente il massimo.

da Lupus 16/04/2012 15.49

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Vedi naturista, che di naturale non hai nemmeno la tua pelle, essendo tutto tatuato e pieno di ciondoli, noi ammazziamo specie in abbondanza che fanno i danni, per tre mesi all'anno, pagando le nostre salate tasse. C'è persone, invece che vengono pagate molti molti euro al mese per uccidere persone che non c'entrano niente, per fare esperimenti nucleari, per accaparrarsi pozzi petroliferi, per mettere estrogeni nella frutta e verdura che poi mangiamo e non ultimo come importanza, tali persone non fanno niente per evitare la morte di molti bambini al giorno per malattie che nei paesi occidentali sono 50 anni ormai che non esistono più. Te devi essere d'accordo con questi, complimenti.

da CLAUDIO 16/04/2012 15.19

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

la verità è che voi vi emozionate all'idea di uccidere un altro essere senziente, spesso più intelligente di voi. Questo significa essere psicopatici, e tali siete.

da naturista 16/04/2012 15.01

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Grazie Massimo,e grazie Claudio. Il filo che lega l'uomo alla natura, e quindi alla caccia,non è poi cosi sottile. Forse molti lo hanno perso nell'ingarbugliata matassa dell'ipocrisia demagogica. Speriamo che presto lo ritrovino e che la smettano di considerare il cacciatore come un criminale. Un caro saluto a tutti

da Vincenzo Mazzone 16/04/2012 13.06

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Complimenti Vincenzo, confermo e ribadisco, chi non conosce la caccia, non conosce la ruralità, la natura e l'ambiente. E inutile che vadano a fare le passeggiate nel bosco e nei giardini, la gente non conosce un merlo da uno storno, una trota da un cavedano, un leccio da una querce. Un cacciatore è un'esperto in molte cose che dovrebbero sapere tutti per vivere meglio nel mondo.

da CLAUDIO 16/04/2012 12.42

Re:DELLE COSE DELLA NATURA

Complimenti Vincenzo, è proprio così come l’hai ben descritta tu!

da massimo zaratin 16/04/2012 11.13