HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani |
  Cerca
ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANA C'ERA UNA VOLTA... LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!! Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italiane TABU' LUPO FIRMAMENTO SOCIAL ALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSO LUPO. ATTENDIAMO LUMI CHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIA Cos’è la caccia La ri-proposta Cuore di beccaccia Cacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardi LA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scoperta CARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODA Osservatori regionali, avanti! Ungulati: una risorsa preziosa La mia prima volta al cinghiale: onore alla 110! Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibile ANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTI TORDI TORDI STANNO TUTTI BENE ETERNA APERTURA TANTE MAGICHE APERTURE CI SIAMO! LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONE LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE ANCH'IO CACCIO MIGRATORIA, MA DI CHI? Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio francese REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO Lasciate la carne ai bambini Uccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi.... CINGHIALI D'UNA VOLTA DATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRA MONTAGNA, 22 ANNI DOPO Elegia per un vecchio signore LA GRANDE BUFALA Animali & Co: un problema di comunicazione LUPO O CINGHIALE? Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo Le allodole, mia nonna e le vecchiette La caccia e gli chef UNGULATI CHE PASSIONE PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA Le beccacce e il lupo QUESTIONE DI PROSPETTIVA La cinofilia ufficiale. Parte seconda con scuse PROBLEMA LUPO Bisturi facili. Cuccioli? No grazie Perché ho scelto il setter inglese? Galletti fa mea culpa Questa è la cinofilia ufficiale C'era una volta il cinghiale Bracconieri di speranze Gip, amor di cacciatore. Il piccolo francese SAVETHEHUNTERS, MATTEO TROMBONI SFIATATI I sistemi elettronici di addestramento GUANO CAPITALE In principio era una Dea C'era una volta l'orso bianco che campava di caramelle UNA TERRA DIVERSA MEMORIE. Da regina a regina informAZione? Iniziazione del cucciolone UNIONE AL PALO? LA PARABOLA DI CECIL CROCCHETTE VEGANE L'ecoturismo fa danni ALLODOLE PER SEMPRE TRUE LIES CI SIAMO? Natura. Madre o matrigna? LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPO UN’APERTURA DA FAVOLA I cuccioli di oggi MACCHE' PREAPERTURA CACCIA, PROVE E VARIA UMANITA' Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiere FORMAZIONE, FORMAZIONE! I cani da ferma oggi Arlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNA Prima informarsi, poi farsi un'opinione Effetto Flegetonte Il cane domestico (maschio) Il valore della caccia Chi è diavolo, chi acquasanta? CANDIDATI ECCELLENTI PUBBLICO O PRIVATO? LA FRANCIA E I MINORI A CACCIA REGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATI Caccia vissuta “Se questa è etica” QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PERO Le contraddizioni dell'Expo QUESTIONE DI CORPO L'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloni Calendari venatori: si riparte DOVE ANCORA MI PORTA IL VENTO LUCI E OMBRE DI UN PROGETTO CANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIO CHIUSO UN CICLO... A patti col diavolo... e poi? BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZO MISTERI DELLA TELE CANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILE E' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SA Tordi e beccacce tra le grinfie della politica Donne cacciatrici piene di fascino predatorio Italiani confusi su caccia e selvaggina Storia di una particella cosmica Vegani per moda Anime e animali MUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur Smith CHI LA VUOLE COTTA, E CHI.... Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsa ZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA! E se anche le piante provassero dolore? PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMA Momenti che non voglio scordare Anticaccia? Parliamone CACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELE CATIA E LA PRIMA ESPERIENZA CHIARI AVVERTIMENTI PIU' VIVA E PIU' AMATA ECCE CANEM DE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTI IL CATALOGO E' QUESTO.... CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIA ISPRA. UN INDOVINO MI DISSE... MIGRATORI D'EUROPA L'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggio MIGRATORISTI GRANDE RISORSA Fauna ungulata e vincolismo ambientale Decreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTRO Ai luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIO SPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHI DOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVE Biodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLA Le specie invasive ci libereranno dall'animalismo EUROPEE: SCEGLIAMOLI BENE La rivoluzione verde è nel piatto La caccia al tempo di Facebook SOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposo COSE SAGGE E MERAVIGLIOSE AMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDO C'ERO UNA VOLTA ALL'EXA QUESTA E' LA CACCIA! EUROPA AL RISVEGLIO TOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLA CACCIA LAZIO: quali certezze? ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTI UNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILE LO DICO COL CUORE IL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E' I veri volontari dell'ambiente DIAMOGLI CREDITO PROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIA Ambientalisti italiani, poche idee ma confuse Anche National Geographic America conquistato dalle cacciatrici Più valore alla selvaggina e alla caccia Il cinghiale di Colombo Porto di fucile - NON C'E' MALE! PAC & CACCIA LILITH - LA CACCIA E' NATURALE Effetto protezionismo Ispra: il caso beccaccia Il grande bluff dei ricorsi anticaccia COME FARE COSA FARE Supermarket society Romantica Tipi di comunicazione: C'E' MURO E MURO Ambientalisti sveglia! Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggiose SPRAZZI DI SERENO POINTER E NON PIU' SOGNO DI CACCIATORE UN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPO RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORI LA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOON ALLA FIERA DELL'EST VOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNA IL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI “Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunistico CACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISI Partiamo dalla Toscana ITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la caccia C’ERA UNA VOLTA… I cacciatori nel regno delle eterne emergenze Gli ambientalisti e la trave nell'occhio Addio alle rondini? L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato) ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI..... SUCCEDE ANCHE QUESTO BASTA ASINI AMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di Diana TOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTO ALLARME DANNI DANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga… STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA “L'ipocrisia delle coscienze pulite” UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALE CACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA' ZONE UMIDE: CHI PAGA? Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA SPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLE La Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’albero A SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo così NEORURALI DE NOANTRI FRANCIA MON AMOUR LA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIA TERRA INCOGNITA L’Italia a cui vorrei fosse affidata la caccia La marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVE COLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI? DIVERSA OPINIONE IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE Opinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!! A CACCIA A CACCIA!!! PROVOCAZIONI Estate di fuoco MISTIFICAZIONI SICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTO Sostenibili e consapevoli! COLPI DI SOLE COLPI DI CALORE Aiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti! TECNOCRATI? NO ESPERIENTI LA RICERCA DIMENTICATA PARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'! Orgoglio di contadino Campagna o città? CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRI CALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERE CONFRONTO FRA GENERAZIONI LA CACCIA CHE SI RESPIRA Rapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNO MUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà? Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga... DELLE COSE DELLA NATURA Cultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'Italia Il nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalisti LA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀ PAC IN TERRIS UCCELLI D'EUROPA GIRA GIRA..... STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNA TOCCA A NOI! CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLO IL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIA VERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTO PROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZA BECCACCE DI BEFANA CACCIA, FASE DUE PROVOCAZIONI DI FINE D’ANNO RICERCA RICERCA SPIGOLATURE DI NATALE Dai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONE NON ERA AMORE Finalmente autunno Il paradosso dell'Ispra IL PIANETA DEI CACCIATORI Le caste animali A CACCIA ANCHE DOMANI A CACCIA SI, MA DOVE? ORGOGLIO DI CACCIATORE Per il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIA APRE LA CACCIA! Amico cacciatore, guarda e passa Riforma sui Parchi in arrivo? E i cuccioli umani? MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATE LA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenza Il Pointer e la caccia Col cane dalla notte dei tempi Contarli, certo, ma come? Questa è una passione! IL PENTOLONE LA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE NON SOLO STORNO QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI La lezione di Rocchetta di Vara BASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITI CORONA L'ERETICO Cacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medaglia Deroghe: non è una missione impossibile AMBIENTALISMO E' CULTURA RURALE Sei il mio cane ALLE RADICI DELLA CACCIA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIA COME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA... BOCCONCINI PRIMAVERA CACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERE COMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIO QUESTIONE DI CALENDARIO LA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIA PRENDIAMO IL MEGLIO BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA TUTTI A TAVOLA RIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRE LA CACCIA SERVE. ECCOME! METTI UNA SERA A CENA Urbanismo e Wilderness: un confronto impari CONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEET GIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANI IL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in Italia Accade solo in Italia? L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza FRA STORIA E ATTUALITA' Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro “Solo” una passione Tra ideologia e strategia politica IL CATALOGO E' QUESTO TORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTO DA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro Brambilla Italiani ignoranti della caccia CACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNA Ed il giorno arriva DEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE! PRE-APERTURA DI CREDITO Domani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONE Alcune riflessioni sulla caccia in Italia Divagazioni per una rivoluzione culturale La senatrice Adamo va alla guerra PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci) Calendari venatori. Le bugie degli ambientalisti Un'arte chiamata caccia AREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLA Animalismi e solitudini In un vecchio armadio STAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODO Belli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI! Ieri, mille anni fa, io caccio Cosa mangiano gli animali degli animalisti? SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA MOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVO ORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICO Aerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo” ALL'ARIA APERTA! Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIA IPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOI IN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA! RIFLESSIONI DI UN PEONE IL PAESE PIU' STRANO DEL MONDO Fuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALE E Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTO L'Enpa insulta i cacciatori SELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIA America: un continente di vita selvaggia LA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezione LA CACCIA COME LA NUTELLA? LUPO, CHI SEI? Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no? TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGE A caccia con L'arco... A caccia con la storia... Interpretazioni e commenti di nuova concezione 10 domande ai detrattori della caccia IL BRIVIDO CHE CERCHIAMO La caccia come antidoto alla catastrofe climatica Per una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNARO CONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIA Caccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perduta Allarmismo e vecchi trucchetti Ancora Tozzi ? REALISMO, PRIMA DI TUTTO Le invasioni barbariche APERTURA E DOPO. COSA COME QUANDO Piombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquatici Di altro dovremmo arrabbiarci I GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecnici Un rinascimento ambientale è possibile Gelosi e orgogliosi delle nostre tradizioni LA CACCIA SALVATA DALLE DONNE? Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars Venandi Tutto e il contrario di tutto DALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO... IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATO La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova Tutti insieme... magicamente Ambiente: una speranza nella caccia SOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTA La Caccia ha bisogno di uomini che si impegnano LA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDO Il capanno: tra architettura rurale e passione infinita DONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANA EUROPA EUROPA VICINI ALLA VERITA' Beccaccia sostenibile CACCIA E SOCIETA' Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNI PARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidato CACCIA ALL'ORSI ORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORI UN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORI Ridiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevole Il cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia. 157: PENSIERI E PAROLE MA COS'E' QUESTA CACCIA? 157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONE MIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARE CINGHIALI CHE PASSIONE La cultura cinofila ATC DIAMOCI DA FARE Il vitello che mangi non è morto d'infarto! Ripensare la caccia? PER UN FUTURO DELLA CACCIA QUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONA PUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAM Un nuovo corso per gli ungulati Siamo noi le Giubbe Verdi Ruralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina La caccia secondo Giuliano, umorista de La Repubblica Questa è la caccia Il cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumi La cinegetica e la caccia col cane Gestione e tradizione BASTA TESSERE AMAR...TORD E il beccafico perse la via del nord Dimostriamo credibilità Apertura passione serenità editoriale - Fucili italiani come le ferrari Orgoglio di Cacciatore I Tordi e le Beccacce La Caccia è Rock

Editoriale

QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA


lunedì 14 gennaio 2013
    
Mentre il solito Fulco Pratesi, ormai decrepito immagino, scrive le sue fruste baggianate su giornaletti di terz'ordine che fanno affari (!) nel "non profit", si legge con piacere un'affresco "elettorale" che Carlin Petrini, l'uomo di Slow Food, dà alle stampe per declinare gentilmente (causa impegni più importanti) l'offerta che gli era stata fatta pervenire per candidarsi alle prossime elezioni.

Non voglio stare qui a discutere se ha fatto bene o se ha fatto male. Se avesse aderito, certamente l'avrei votato. Ma, credo, che l'avrebbero votato molti di voi, perchè le sue raccomandazioni sono le nostre. Sicuramente le mie. Non solo per il futuro del paese, del nostro patrimonio culturale e paesaggistico, delle nostre campagne, della nostra agricoltura, della nostra salute. No. Non solo. A un uomo così, io affiderei anche la caccia. Il futuro della caccia.

In questa specie di suo manifesto, Petrini delinea poche ma chiare necessità, che se fatte proprie dalla ("nuova"?) politica che tutti auspichiamo esca dalle urne non potranno non incidere anche sul nostro futuro di cittadini e di cacciatori.

Cosa dice, insomma. Chiede in primo luogo di "cambiare" le nostre politiche agricole, fino ad oggi inadeguate e insufficienti. Trasformandole in "politiche alimentari". La sintesi, in quattro punti, è accompagnata da alcuni "paletti".

I quattro punti. Il primo: se si fa politica per il cibo (il buon cibo) e per l'agricoltura, si fa politica per tutti. Si tutela il bene comune. Si tutela l'ambiente, l'agricoltura, l'educazione, la salute, l'economia, la giustizia, lo sviluppo, l'industria, i beni culturali.

Il secondo: il disegno di legge "salva suoli" andrà subito approvato. E' un efficace strumento per evitare speculazioni fondiarie, scempi urbanistici sui territori ancora "rurali", che rischiano di scomparire. E se questa non è una critica a tutta la politica ambientale e ambientalista di questi ultimi cinquant'anni, ditemi voi cos'è. E pensare che ci sono ancora dei cosiddetti benpensanti che firmano appelli perchè vengano blindati nei listini elettorali dei partiti  illustri personaggi classificati "preziosi ambientalisti"che in questi ultimi trent'anni , in Parlamento, hanno chiuso un occhio e forse tutt'e due, non accorgendosi di tutto quello che succedeva a loro insaputa: calamità poco naturali, dissesti ambientali, inquinamenti a dir poco criminosi e criminali.

Il terzo. Diamo l'occasione ai nostri giovani, disperatamente disoccupati, di misurarsi in campagna. I nostri agricoltori sono vecchi e stanchi. C'è bisogno di ricambio, offrendo una buona remunerazione, crediti agevolati, meno burocrazia.

Ultimo, ma non ultimo.  Sollecitare un nuovo approccio nei confronti dell'agricoltura. Che non deve essere più considerata come attività residuale, assistita, compatita. Nell'agricoltura ci dovremo credere. Perchè serve al paese. Meno brevetti e più tutela della biodiversità. Meno multinazionali (ecco i paletti) e più prodotti tipici e più garantiti. Niente OGM e più agricoltura tradizionale.

Una green economy, meno "green economy" e più "economia verde". Alla nostra maniera. Che fra l'altro
- più bio, più siepi, meno monocolture - fa bene alla fauna selvatica.

Insomma, un'agricoltura sostenibile, quella che per secoli ha mantenuto così vario e così bello il nostro paese e che è l'unica che ancora oggi può garantire un attività che tenga il passo con la concorrenza internazione, su mercati che tutto offrono ormai a prezzi stracciati, ma che non potranno mai offrire qaulcosa come i nostri prodotti di qualità, figli di una cultura, oggi a volte maldestramente definita "rurale", figlia di un patrimonio in buona parte immateriale ma che proprio per questo la rende unica e irripetibile.

E in un contesto del genere, che ci riporterebbe all'integrità delle nostre campagne dei scorsi secoli, anche la caccia avrebbe un diverso valore. E migliore. Voi che leggete, lo sapete meglio di me.


Agostino Lari

Leggi altri Editoriali

83 commenti finora...

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

ahahahaha la Glaxo sperimenta 'gratuitamente'... buona questa... davvero non lo sai che alle multinazionali della salute della gente non gliene importa un fico secco e guardano solo il profitto? se fanno delle 'sperimentazioni gratuite' c'è davvero di che preoccuparsi... vuoi mica vedere che inoculeranno nella gente qualche nuova malattia che poi si espanderà fino a noi tutti e poi ci venderanno gli antidoti?? CRIMINALI!!!!!

da rondone 21/01/2013 23.28

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

vero... tra l' altro se consideri quanto sia ipocrita trovare nei super mercati colombi e quaglie, ma d' allevamento. Pensa che basterebbe che ci fosse l' Amadori delle quaglie allevate, a fare pubblicità sulle televisioni nazionali, avremmo già fatto un notevole passo avanti. Associare ad un prodotto del mercato anche una specie cacciabile, introdurrebbe la logica che la caccia non sia poi così male... e senza nemmeno nominarla! Buona notte gente.

da Fromboliere 21/01/2013 21.51

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Frombo, infatti secondo me bisognerebbe puntare sul fatto che, visto che ancora oggi è possibile mangiare carne e la caccia ancora è un'attività legale non vedo la differenza capitale tra comprare una braciolina o un pollo allevato oppure andare a prelevare un colombaccio, voglio dire che la cosa mi sembra molto più sana e onorevole sia per il cacciatore che per la preda è questo secondo me il punto sul quale battere, a meno che per legge non si possa più mangiare carne

da fiore 21/01/2013 21.44

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Ora siamo divisi da tutto e di più e frammentati in mille gruppi e tribù: cinghialai, beccaciai, stanzialisti, passisti, di destra di centro e di sinistra, riservisti, liberisti, e potrei annoiare con mille altre definizioni. Serve, per capire meglio, andare a leggere tutti i commenti del portale, per capire quanto ci si critichi reciprocamente, quanto ci si insulti, io al confronto faccio ridere, quanto non si faccia altro che dissentire da tutto e di più. Allora o tutto questo finisce o tutti noi finiamo ancor prima di poter solo immaginare di come strutturare il nostro potenziale. Ora per immaginare che ci siano persone che ci mettano d’ accordo, che siano fuori da logiche politiche ed industriali, che non siano disponibili ad offrirsi alla preferenzialità, magari pure interessata, io sempre rimango convinto che ci vogliano persone che siano come queste. Petrini, SF, poi aggiungerei rete natura 2000 ed altre che posso ricordare in altre occasioni. Ci metto anche Pratesi, sebbene sappia tutto di lui, non rompetemi i coglioni su questo esempio.

da Fromboliere 21/01/2013 21.16

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Ezio, credo che la questione è molto più grande e intricata l'europa l'america del nord e il giappone sono alla frutta hanno già esaurito il proprio bonus di sviluppo mentre cina india brasile e molti dei paesi cosi detti più arretrati hanno tutta l'economia davanti l'africa è un caso apparte visto che è il discaunt e il laboratorio per i test medici di tutto il mondo.Il coraggio è una parola che oggi è stata sostituita da opportunita e si torna sempre li si fa solo quello che conviene e sempre meno quello che realmente serve. Ma ho fiducia nello tzunami tour di beppe grillo se non altro almeno dovrà per forza solleticare un pò la mente della gente sennò davvero siamo un paese di apatici d'allevamento

da fiore 21/01/2013 21.11

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

http://www.ladeadellacaccia.it/index.php/dall%E2%80%99articolo-di-petrini-pubblicato-su-la-repubblica-un-interessante-punto-di-vista-sulla-caccia-3705/

da Ezio 21/01/2013 20.42

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Fiore la sostanza è che oggi, in ITALIA, nessuno di quelli che "contano" ha il coraggio di essere coraggioso fino in fondo. Tutto si può perdonare ma non di essere favorevole alla caccia. Neppure di esserlo in modo intelligente. A proposito di carte di credito (sempre incrociando le dita che il link si apra ;-)) : http://www.lastampa.it/2013/01/21/economia/bastano-super-ricchi-per-sconfiggere-la-poverta-nel-mondo-urS0j13KFOLsNrt7B5NBnO/pagina.html

da Ezio 21/01/2013 20.37

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

http://www.oltrelacoltre.com/?p=13437 Ezio, Petrini l'ho visto in un intervista al salone del gusto ( o roba del genere di Torino) ha parlato di pesca sostenibile ma sulla caccia non ha fatto parola forse perchè era pressato da una manica di giornalisti perbenisti che magari ha ritenuto tenersi per se quello che pensa sull'attività venatoria. Per mettere un pò di zizzania ho postato diverse volte il link sulla pagina di GEApress e su quella dell'on. Zanoni chiedendo un opinione su slow food ma nessuno mai ha risposto, mah per me Petrini è un Grande ebbasta slow food è nato proprio in Toscana.

da fiore 21/01/2013 20.31

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Fromboliere, tu hai capacità di scrivere tantissimo in poco tempo e senza mai sbagliare una virgola. Io non ce la faccio a spiegarmi al meglio con dei semplici post che perlatro scrivo tra una "cosa" e l'altra e pertanto quasi sempre di corsa.Tornando a Petrini, io lo reputo una persona positiva. Usare la parola "giudicare" mi da un po' fastidio ma comunque, per capirci, io giudico una persona nel suo complesso, nel suo agire ed essere globale che può essere positivo o negativo, globalmente. In questi "range"..non so se si scrive così..di massima, colgo però "momenti" che mi piacciono o oppure no, al di la che la figura complessiva rientri nel mio "gusto", oppure no. Tu, ad es. per quello che scrivi, sei una persona per me positiva anche se a volte non mi piace il MODO con cui tratti il prossimo tuo. Petrini penso sia una persona nel complesso positiva e portatrice di valori positivi ma ieri sera, secondo me, ha fatto qualche errore che solo chi fa il contadino o che è vissuto da sempre tra i contadini e lo ha anche solo fatto aiutando magari i suoi famigliari, può cogliere. Una su tutte, ad esempio, è stato quel tirar fuori il 3% di persone che oggi coltiva la terra, contro il 50% del dopoguerra. Che senso ha questa percentuale? Oggi il 3% di contadini lavora il doppio o magari il triplo di terreno di quello che lavoravano 70 anni fa il 50% grazie alla tecnologia. E questo in bocca ad una persona di quello "spessore" stride o almeno stride alle orecchie di chi ne sa di quelle "cose" perchè le ha vissute e vive e guarda e sente pertanto con attenzione quando qualcuno parla delle sue "cose". Poi ovvio che il mio riferimento alla selvaggina era anche provocatorio e questo comunque è un blog di caccia e cacciatori e alla fine della fiera di quello si parla. Certo che sarebbe stato un bel regalo a tutti noi se Petrini, o chi per lui, avesse in quel contesto parlato di caccia come di una risorsa. Stop. Chissà che ho scritto!

da Ezio 21/01/2013 19.53

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

cosa fa SF: http://www.slowfood.it/29/cosa-fa-slow-food cosa puoi fare tu: http://www.slowfood.it/52/cosa-puoi-fare Ogni cosa che pare irrealizzabile può sempre sembrare irrealistica, ci sperano specialmente le banche monopolistiche, quando ti fanno credere che sia solo la carta di credito che ti renderà possibile ogni tuo sogno

da Fromboliere 21/01/2013 19.50

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

...rondine, tu AMI le persone senza conoscerle? mi sembra che poterlo affermare sia più un vanto che un sentimento, ancor di più credibile, se alludiamo ai sentimenti. Se invece fosse il tormentone usuale, sul tipo: io aborrrrroooo, io addorrrooo... allora i sentimenti non disturbiamoli. Buona serata.

da Fromboliere 21/01/2013 19.37

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Bravo Ezio, migliorarsi. Ma potevi dire qualcosa di più? hai detto ":Però non ha fatto cenno alla carne di selvaggina, si è tenuto sul ...largo. Comunque un buon intervento, anche se a volte poco realistico. E' pur vero che lui il contadino non lo fa di professione ed allora, forse, gli sfugge qualcosetta." Cosa si può capire se non altro che valga solo il tuo giudizio? poco realistico, Slow Food? mi spieghi perché dovrei prenderlo per buono così poco, quando giudichi una persona di questo calibro? Io non capisco, se non sei in grado di spiegarmi meglio quali sono i concetti del essere contadino o poco realistici in una organizzazione di tale grandezza. Come dice Fiore, velocità è affanno, disordine, coercizione, spinta a consumare, quindi produrre Nemmeno fai tempo a consumare ciò che hai comprato che già sei spinto a desiderare altro e di più, sempre di più: così rimarrai un eterno insoddisfatto e finalmente sarai influenzabile da ogni impulso che studieranno per condizionarti sempre di più. Più carte di credito, più consumismo, più debiti. S F rappresenta, nel modello alimentare, una minaccia a queste logiche, che se dovesse prevalere comprometterebbe aspirazioni monopolistiche, le solite dei soliti noti. Multinazionali e banche. Affari e capitali. C' è del Grillismo in tutto questo, è vero.

da Fromboliere 21/01/2013 19.05

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Nessun estremista seguirà le orme di Nerone per degli umani che muoiono, fossero pure bambini. Mi pare infatti che da qualche annetto qualche decina di miagliaia di bambini muoia OGNI GIORNO per banali malattie o penuria di cibo o acqua. Eppure, per questo, non è stato consegnato a nessuno neppure un tapiretto di bronzo.

da Ezio 21/01/2013 19.03

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Come avevo detto, ribadisco il "nonostante tutto", ovvero nessuno capisce nulla tranne lui. Nessuno sa nulla tranne lui.... Non è che alla fine si scopre che è Grillo in persona???!! Questo si che sarebbe il top del top!! Ri-ribadisco che per me rimane un punto di arrivo, di riferimento, uno stimolo continuo a migliorarmi ...."nonostante tutto". :-)) Fiore invece è un Amico.

da Ezio 21/01/2013 18.35

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Slow Food, Fast Food, guardando bene ci si può trovare la verità assoluta in queste semplici azioni, la natura com'è noto è slow infatti i cambiamenti intesi come evoluzione della specie avvengo molto ma molto lentamente, questo per dare tempo di interagire a tutte le componenti e mantenere sempre il giusto equilibrio, basta osservare un pò l'ambiente o leggersi un pò Darwin . Mentre la cosi detta civilizazione c'ha portati dalle mondine alle veline dall'erba della paura alla medicina nucleare, in un tempo assai breve, certo dicono che l'età media si è allungata ( a chi non muore di cancro a 30 anni) ma com'è noto l'età che si è allungata non può essere che la terza e tutti sanno che i quell'età sono molte più i dolori che le gioie, e non voglio entrare nel merito delle crisi finanziarie perchè anche quelle sono l'effetto della velocità.

da fiore 21/01/2013 18.24

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

caro fromboliere,questa mi e' nuova amare.. e' un vanto? grazie per la risposta..e' proprio vero..nella vita non si smette mai di imparare.ciao!

da rondine 21/01/2013 18.14

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

...nessun depistaggio, se mi amano, sanno bene perché! mi conoscono nei fatti della vita. Come gli amici, come la mia famiglia, i miei fratelli, mia moglie, i miei figli e alcune altre persone. Chi non mi conosce non può esprimere sentimenti che abbiano lo stesso valore dell' amore, come dell' odio. Sentimenti che niente altro appaiono che come un vanto. Non siamo in un super market dove si entra per prendere dagli scaffali ciò che piace, come merce in vendita, per questo preferisco l' odio... e il ribrezzo. Garanzia di libertà. Per la Smith, parlo dell' Argentina dei protocolli statali, che sono costati la vita a 14 bambini, non date fuoco a Roma comunque, a parte Montecitorio, non serve a niente.... ;-)

da Fromboliere 21/01/2013 18.06

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

caro fromboliere,perche' vuoi depistare la semplice, concisa, precisa domanda che ti ho rivolto..e se ti amano?... probabilmente perché esaminandola bene..non esiste una sola risposta inequivocabilmente giusta (o sbaglio)...green hill non e' chiuso (magari)..hai ragione la "signora" glaxo smith kline in africa "ha creato" un nuovo vaccino per la malaria, nome in codice "RTS,S/ASO2"..indovina chi e'spalleggia per portare avanti questo bel programma di sperimentazione? nientemeno che l'esercito degli USA noto per le sue aggressioni "umanitarie" ai danni dei paesi di mezzo mondo...caro fromboliere non mi sentirei per nulla in colpa, se qualche "cattivo estremista" decidesse di seguire le orme di ...nerone;-))))

da rondine 21/01/2013 17.46

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Carlo 62, argomenti, tralasciamo i titoli, io non insulto, critico! Ezio c'è una cosa della quale ancora non sei riuscito a farti una ragione: io non sono qui per farmi ragioni su me stesso, bensì sono ormai certo di aver capito che nessuno di voi ha ancora accettato l' idea, ne la vorrà mai accettare, che la democrazia non si ottiene in regalo, o per intercessione dall' "alto", bensì ce la dobbiamo conquistare, anche attraverso modelli che con la caccia hanno poco a che vedere. Dall' alto ci è piombata addosso solo la dittatura, spuntata da dietro le belle cosce della Brambilla, che molti di voi hanno votato per le sue auto reggenti, che vi interessavano più della caccia....Petrini, ieri sera, da Fazio, me lo sono perso e dire che ero dietro ad una polenta alla Slow Food, peccato!!! Ma vedo, Ezio, che non migliori mai, non puoi rinfacciargli di non fare un sacco di cose, sempre dio in persona volete dalla vostra parte. Però devo dire che ti sbagli,Petrini il contadino l' ha fatto eccome e ancora lo fa, come sempre continuerà a farlo, per vocazione. Sei tu che non sai cosa vuol dire fare il contadino, o continui a nutrire concetti ormai d' altri tempi, associando questo ruolo ad una figura incapace di essere anche colta, inventiva, ma sopratutto rivoluzionaria. Basterebbe questo a farcelo gradire al di sopra di qualsiasi altra posizione, o colore politico.... magari? Voglio continuare il discorso, scommetto che tra qualche commento anche il Petrini finirà sotto la macina del comune disprezzo, per aver fatto troppo poco per la caccia... :-))))))))))))

da Fromboliere 21/01/2013 17.05

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Perchè mai deluderlo......ignorante forse ma stupido no.

da Carlo 62 21/01/2013 16.43

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

rondine... un argomentino da esame: avete fatto chiudere Green Hill, siete contrari alle sperimentazioni sugli animali e bla bla, bla bla. Sai ora che la Glaxo Smith Kline sperimenta, generosamente, "vaccini ecc ecc", direttamente sulle popolazioni disagiate del 3 mondo. Ma voi che fate, non gli avete ancora dato fuoco, a quando?....

da Fromboliere 21/01/2013 16.38

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Per quel nulla che conta, per ME, Fromboliere sei un punto di arrivo. Nonostante tutto! :-)) I numeri uni comunque stanno simpatici a molti e ad altrettanti, o forse più, stanno sui maroni, Se non te la sei già fatta, come credo sia, fattene una ragione. Ieri sera Petrini era da Fazio. Però non ha fatto cenno alla carne di selvaggina, si è tenuto sul ...largo. Comunque un buon intervento, anche se a volte poco realistico. E' pur vero che lui il contadino non lo fa di professione ed allora, forse, gli sfugge qualcosetta.

da Ezio 21/01/2013 16.38

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

rondine... perché mai deludere Carlo 62? Carlo perché la gente mi cerca, nel mio commento, è scritto chiaro, ma che sto sulle balle a più di uno ce lo hai proprio voluto aggiungere spassionatamente, quanto, peraltro assolutamente giustamente... su Slow Food nessuno ha più niente da dire? una guerra internazionale, fuori da ogni interesse reale dei cacciatori italiani. Nel nostro contesto conta ...solo la peppola. E non volete essere criticati!!!

da Fromboliere 21/01/2013 16.25

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Se mi odiano, bene, vuol dire che ho svolto il mio lavoro al meglio......ma se invece TI AMANO?

da rondine 21/01/2013 16.00

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Allora se la gente ti cerca, non farlo sapere a tutti, perchè inevitabilmente leggi anche il mio di commento

da Carlo 62 21/01/2013 15.49

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

...consiglio per gli acquisti: favorite, sempre, in ogni occasione la “rivoluzione del seme libero” prediligendo produzioni che a scapito del maggiore rendimento preferiscono qualità, salubrità e peculiarità locale e individuale. Fatelo e contemporaneamente darete una mano a Slow Food, nella grande lotta che svolge contro le multinazionali monopolistiche, contro gli ogm e contro il prof. Veronesi… @ Carlo la considerazione non può che essere altro che Tua, maiuscolo per il rispetto che ti devi, per la maggior ragione che non sai bene di cosa parlo, non puoi saperlo. "Se mi odiano, bene, vuol dire che ho svolto il mio lavoro al meglio (C. B.)". Ringrazio anche te per la considerazione

da Fromboliere 21/01/2013 15.15

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Da lettore e partecipante a questi blog, penso che qualc'uno più che amore viscerale ha voglia di farti il mazzo (come si dice dalle mie parti), la tua loquacia e il tuo modo di pensare spesso e volentieri suscita prurito, se si comportano così stai sicuramente sulle balle a più di uno........Spero di sbagliare, prendila come una Mia considerazione personale.Carlo

da Carlo62 21/01/2013 15.00

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

… mi è stato comunicato che verso la mia persona esiste un interesse che mi lascia sconcertato. Tentare di comprendere quale sia la meccanica che induca aspettative, nemmeno chiaramente identificabili, espresse da certe gentili persone, che comunque ringrazio per il loro interessamento, mi è precluso tanto risulti palese, nemmeno immaginabile, ogni altra possibilità relazionale che non sia quella che già cortesemente ci viene fornita, in forma pubblica, dal portale B H. Nel caso dovessi cambiare idea lo renderò pubblico dichiarando, al posto del mio nick name, nome cognome , indirizzo e numero telefonico.

da Fromboliere 21/01/2013 11.02

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

decrepito sarai tu, CO-GLIO-NE TE-STA DI CAZ-ZO

da consuelo 20/01/2013 23.31

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

@ doccia fredda... buona notte!

da rondine 20/01/2013 22.08

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

"....ne approfitto per scriverti,che conosco animaliste/i che la pensano come me...." .... Se con questo intendi che NON ODIANO i cacciatori ma che hanno soltanto un diverso modo di sentire e vedere le "cose" del mondo, mi fa piacere e mi dai persino qualche speranza in un futuro migliore.

da Ezio 20/01/2013 18.53

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

@ ezio,ti sbagli nessun vittimismo..era solo un po' di sano umorismo...ne approfitto per scriverti,che conosco animaliste/i che la pensano come me..Viva i centenari,adoro..i"super-anziani"

da super 68 20/01/2013 18.32

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Brava Elena, anche se ...credo .... hai fatto solo un'azione normale. E' pur vero che le azioni ed i pensieri normali ormai in questo Paese hanno un non so che di ...eroico, però... E non fare la vittima! Sai bene tu stessa che non sei un'animalara fondamentalista e per questo persino molti di noi ti vogliono un gran bene!! ;-))

da Ezio 20/01/2013 17.25

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

caro fromboliere,buona domenica...sono appena tornata da una stazione dei carabinieri( non sto scherzando)...sulla tangenziale in mezzo alla strada..sotto l'acqua..ho incontrato una signora anziana,si e' fidata a salire in macchina( ha rischiato,la macchina di un'animalara estremista)non sapeva dove andare..cosa fare,chi era? gli anziani hanno dentro, un vento di confusi ricordi..difficoltose guerre. e gioie infinite.a sentirla parlare, pareva una bambina birichina...era scappata dall'ospizio;-)))..questi nonnini sono tremendi!!!!!

da elena 68 20/01/2013 15.49

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

...ci siamo fatti venire un' idea, per merito della citazione "Slow Food", nell' editoriale: Un breve invito tra amici, un bel camino acceso e stasera una polentata di mais, bianco perla, con una sminuzzata di 'osei' disparati, alcuni pure sparati,una beccaccia,cinque colombacci, tre cesene, altri, come le quaglie domestiche, no! Io naturalmente ci metto le quaglie, il camino, il bugliolo, la casa e il vino: ma che ci volete fare, ho più di cento anni e la caccia l' è quella che l' è. Poi, da domani con gli avanzi, polenta concia in ogni modo, col latte al mattino, coi formaggi alla sera, da levarsi la voglia. Almeno le donne di casa riposano, dopo la fatica a rovistar nel bugliolo per mezzo pomeriggio... Buona domenica, a molti di voi... ma non a tutti :-)))))))

da Fromboliere 20/01/2013 12.50

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

buona notte!

da Fromboliere 19/01/2013 23.22

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

tutti abbiamo le ali, ma vola solo chi sa sognare..ciao;-)))

da rondine 19/01/2013 22.38

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

x Frombo Vedo che hai capito quello che intendevo dire.ciao

da Bekea 19/01/2013 14.43

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Bekea, sarai presto accusato di essere me stesso, che mi scrivo da solo. Come Rondine, che poveretta, per darmi cordone, ha messo a rischio la sua identità e ora nemmeno ha più il coraggio di farsi sentire, forse per paura che la redazione rottami questo editoriale. Le considerazioni che fai, sull' esperienza diretta nella vita di campagna, è certamente condivisibile, se sopratutto intendi che essa sia utile alla formazione, non del cacciatore affine a se stesso, bensì a quella filosofia esistenziale che caratterizza la semplicità nel vivere... e nel consumare, sopratutto, (SF). Se poi, indifferentemente, tu raggruppi i tre differenti tipi di persone che hai citato, vedresti che, ovviamente a parte il cacciatore, gli altri due sarebbero probabilmente d' accordo e meglio disposti verso l' attività venatoria di altre disparate persone, cittadini ad es. Inoltre non c' è nessuna ragione da parteggiare, Martino non ha potuto esprimere alcun concetto pertinente al tema. Gli riesce sempre impossibile. Ciao Bekea. A chiunque interessi sapere il nome sotto al n° del mio PA, può stare tranquillo: è Fromboliere! Non scambiatelo per il n° del mio telefono.... per farmi telefonate "annonime", capito mi haiiiii???? Uaaahhahahhahhhhhaaaaa

da Fromboliere 19/01/2013 11.01

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

.... ma quale cacciatore è così bischero da divulgare in pubblico il numero di porto d'armi per rispondere alla provocazione di uno sconosciuto in un blog??.... mi sa che il signor martino voleva dimostrare che il signor fromboliere gli è uno che perde la testa facilmente, e c'è riuscito benissimo!!.... sul campo di caccia i tipi che hanno i nervi poco saldi sono pericolosì per se e per gli altri!!!

da cinghialaio pistoiese 19/01/2013 10.02

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Gustoso il siparietto fra il Frombo e stò Martino, sia chiaro io parteggio per Frombo che leggo da tempo e per le sue analisi sul rapporto fra S F , caccia e ambiente.E il modo di commentare questo editoriale è derivato dalla nostra cultura rurale,che è differente se uno è nato e vissuto in campagna, magari lavorando la terra e accudendo gli animali,da uno che la ruralità l'ha scoperta dopo aver fatto la licenza di caccia, da uno che vive in campagna senza essere agricoltore.Nessun modo di intendere la ruralità è sbagliato secondo mè,ma il punto di partenza, fatto di esperienza personale è differente.Quindi difficile anche stabilire da che parte prevale la ragione, sui commenti fatti.

da Bekea 19/01/2013 0.03

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

l' ultimo tuo alibi è crollato ora: pensavi veramente di farmi paura!?!! uhhhhahhahhahahhahaaaaaa,

da Fromboliere 18/01/2013 15.10

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

E il pescatore diventò pesce e abboccò all'amo. Complimenti volpone :D

da Martino, Bologna 18/01/2013 15.07

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

...come non accontentarti.... poi, mi raccomando, argomenti Martino! N° mio PA, 165666-N. N° Licenza idem del libretto. Dicci, finalmente, qualcosa di creativo, prima che mi addormenti... sei una biocca peggio della cattiva digestione.... ma non credo che riuscirai a produrre altro che.... il crollo di ogni altro tuo alibi, dopo che anche questo, del mio PA, è crollato

da Fromboliere 18/01/2013 15.02

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Prendi la licenza e poi ne riparliamo, signor verbosetto capziosetto ;)

da Martino, Bologna 18/01/2013 14.48

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Retorica e pure da quattro soldi," iniziamo dalla nostra vita personale", basta volerlo ma tu Martino, o quelli come te, vuoi fare credere che lo vuoi, quando hai già sufficientemente espresso che l' unico modo per cambiare è farlo a spese degli altri: con l' aiuto di un 'sano bullismo', a botte per dirla in breve?!? In quanto alla strada indicata dall' amico Lari, spiegami meglio, perché non vedo indicazioni, materiali, per intendere suggerimenti, a parte anche qui, sana retorica, ma sempre retorica. Inoltre dissento dal paragone tra Slow Food e Wilderness, gli stessi nomi spiegano la sostanziale differenza dei loro intenti. Wilderness non istituisce la caccia nelle zone dove essa è preclusa. Slow Food, sempre secondo la logica del nutrimento biologico, pone come sempre possibile, la promozione venatoria senza preclusioni dalla vocazione del territorio. Il vero problema sta nel creare la compatibilità tra prodotti, territorio e produttori, cosa che ad esempio si potrebbe fare, con la creazione di cooperative e relativi consorzi aggregati, sostenuti da iniziative politiche che semplifichino l' acquisizione dei necessari componenti, compresa l' introduzione della selvaggina nel mercato delle merci alimentari, con una penetrazione maggiore di quanto già non stia succedendo ora. Ma di base rimane il fatto che simili iniziative avranno solo una spinta privata e quindi soggettiva, realizzabile dietro una precisa volontà e quindi a macchia di leopardo. Niente di simili iniziative potrà mai riguardare la trasformazione degli ATC, nemmeno attraverso un miracolo divino, ma se potesse succedere... per lo meno non entro i prossimi 5/10 anni....

da Fromboliere 18/01/2013 14.38

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Vecchio Cedro, è vero che l'Italia è un pese per tanti versi "anomalo", ma è pur sempre la nostra nazione e serve a poco lamentarcene ogni giorno, anzi contribuisce a peggiorare le cose, perché il problema degli italiani è che non si amano. L'Italia è come una vecchia casa, brutta e sgangherata, che abbiamno ereditato dai nostri genitori: dobbiamo solo decidere se andarcene o provare ad aggiustarla. Magari non ne faremo mkai una reggia, ma un posto migliore forse sì. Credo che la strada indicata dall'amico Lari, che peraltro è molto affine allo spirito della "wilderness" da tanti di noi evocato e invocato, sia un buona direzione. Basta volerlo, basta iniziare dalla propria vita personale. Qualcosa cambierà In bocca al lupo a te e a tutti gli amici cacciatori.

da Martino, Bolognsa 18/01/2013 13.39

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

... perchè il vero problema dell' Italia sono anche gli italiani. Le polemiche, oggi, sono la vera spina dorsale del paese. Nessuno vuole assumersi responsabilità alcuna, eppure... rileggete il commento di pietro 2, un motivo sta dietro ad ogni evento. Il fatto è che qualcuno vuole che sia proibito criticare, peggio, vuole che le uniche critiche accettabili non siano rivolte ai cacciatori, preferirebbe che la polvere di casa nostra sia buttata sotto al tappeto e che la colpa sia sempre degli altri: in nome della caccia. Povera caccia.... preda dell' ipocrisia, della pervicacia e dell' ignoranza.

da Fromboliere 18/01/2013 13.28

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Tra Fromboliere e Martino,polemica inutile. I problemi restano e l'italia resta, non solo venatoriamente parlando, un'anomalia.

da vecchio cedro 18/01/2013 13.18

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

deformazione professionale?? no nnooo, io la chiamo proprio mania di autocentrismo: alla fine è sempre li che finisci. Vuoi sempre e solo parlare di te stesso

da Fromboliere 18/01/2013 12.52

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Non starò mai zitto... chiamala deformazione professionale. Io nell'informazione (di settore) ci lavoro, da sempre, e la "mia schelta di vita" è smascherare gli ipocriti, i provocatori e tutti coloro che danno loro sostegno. Giusto per intenderci ;)

da Martino, Bologna 18/01/2013 12.42

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Martino, se proprio devi parlare, dicci qualcosa che riallacci la relazione che potrebbe esistere tra la caccia ATC e Slow Food. Ti prego non ripetere sempre e solo: "Bellissimo articolo, condivido pienamente i valori espressi" da Martino, Bologna 12/01/2013

da Fromboliere 18/01/2013 12.41

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

...quindi stai zitto! :-

da Fromboliere 18/01/2013 12.27

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Non si può parlare di donne senza averle mai amate, non si può parlare di famiglia senza averne una, non si può parlare di caccia senza essere cacciatori. Tu sei buono solo a parlare. Gli amici siciliani chiamano "quaquaraqua" gli ometti che parlano e basta. Noi cacciatori di gente così ne abbiamo già in abbondanza negli ATC e nelle federazioni, non perché li mettiamo noi, ma perché ce li impongono. Non sappiamo che farcene dei vostri "argomenti" e delle vostre "scelte di vita". Andate a condividerli con la Brambilla e compagnia cantante; ai NOSTRI problemi ci pensiamo NOI senza bisogno di gente che ci faccia la lezione.

da Martino, Bologna 18/01/2013 12.26

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

...le scelte, nella vita, si fanno a seconda della capacità personale e della fede che si ha nella propria filosofia esistenziale. Io ho fatto le mie scelte, preferendole ad una vita piatta ed insipiente, come probabilmente sarà la tua. Sono e vivo, da sempre, come un cacciatore, poco conta quello che faccio. Lo sono dentro sempre. Tu solo quando indossi la mimetica, e solo quando pensi ai problemi tuoi, solo allora ti senti cacciatore e non capisco perché, te e quelli come te, si aspettino che sia un dovere altrui ed un diritto vostro, di non essere criticati. Per tutte le altre cose e le tue stupide allusioni (di frodo?) esprimono, come sempre, la tua pervicace ignoranza. Se questo è quello che penso, visto che sei tu che nutri pregiudizi di ogni tipo nel prossimo, non vedo perchè non dovrei esprimerlo. Hai un solo motivo per rammaricartene, che ti crollano tutti gli alibi....

da Fromboliere 18/01/2013 12.03

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Il blog a cui ti riferisci è stato chiuso a causa del tuo continuo spamming, protratto accanitamente nel tempo con l'utilizzo di falsi nickname. Ma lasciamo perdere questa incresciosa vicenda. Il problema è che di buoni argomenti può tirarne fuori anche la mia setterina, non è questo il punto. Il punto è che tu non sei un cacciatore, non conosci i cacciatori, ignori i loro sentimenti, la loro mentalità e i loro problemi, evidentemente perché non sai neppure cosa sia camminare per i campi col fucile in spalla. Tu sai solo venire qui per fustigare il mondo venatorio, senza renderti conto che i cacciatori – buoni o cattivi, belli o brutti, colti o ignoranti che siano – sono le vittime di un sistema vessatorio, che favorisce solo agricoltori e animalisti. Invece tu ti compiaci di fare le pulci a noi che a caccia ci andiamo sul serio, dileggiando i vecchi cacciatori, che magari hanno la quinta elementare e non scrivono perfettamente in italiano, spesso insultando chi non la pensa come te, il tutto facendo sfoggio di un'erudizione da quattro soldi con cui cerchi di soddifare la tua vanità tribunizia. Sei ormai una macchietta, dovresti semplicemente toglierti dai coglioni, continuare a raccogliere coralli (di frodo?) e lasciare la caccia a chi la ama e la vive davvero.

da Martino, Bologna 18/01/2013 11.43

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

...argomenti Martino da Bologna, argomenti... che sono come la luna. Dire che sono confuso, non basta, come non basta additare il dito che indica la luna, ancor meno quando a dirlo è uno come te, che ti sei descritto da solo, nelle note salse, copiate ed incollate chilometricamente, hai dato un esempio deleterio dell' immagine del cacciatore medio italiano.... Ricominciate e vedrete che la redazione dovrà presto chiudere anche questo spazio... quindi Martino da Bologna.... argomenti!!

da Fromboliere 18/01/2013 11.27

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Fromboliere, non sei vecchio, sei solo un po' confuso, e soprattutto pieno di livore con noi cacciatori, per qualche misterioso motivo che mi sfugge.

da Martino, Bologna 18/01/2013 9.27

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

...questa si che è.... un' azienda!!!

da Fromboliere 17/01/2013 18.33

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Cedro….siccome invece io ho più di cento anni, non voglio deludere chi mi reputa vecchio, vorrei ribattere alcuni punti. Che ci fa alla caccia, quella odierna, Slow Food? loro dicono, ed è incontrovertibile, che un buon territorio, gestito secondo i parametri S F, non potrà fare altro che offrire ottima selvaggina. Grazie, la caccia italiana ve ne sarà eternamente grata. Ma ricordo che S F, alla fine, mette qualcosa nel piatto: il mezzadro, il latifondista, il produttore, che gestisce il territorio secondo parametri equilibrati, che si adegua ai disciplinari, che rinuncia alla produzione intensiva, affrontando studio, investimenti, e sperimentazione alla fine mette qualcosa nel piatto e ne vuole indietro il debito apprezzamento, sotto ogni aspetto. E il cacciatore che fa? si aspetta di avere a disposizione un territorio su cui scorazzare liberamente, cacciare, lepri, pernici e fagiani per poi portarseli a casa e si aspetta che qualcuno gli dica anche che la selvaggina è biologica, ma per merito delle fatiche proprie e dei propri sacrifici, ai quali certo il cacciatore non ha minimamente collaborato, anzi, troppo spesso viene perfino accusato di arrecare danni e devastazioni. Cacciagione e selvaggina nemmeno si possono avvalere della dignità di un mercato come quello ittico: oggi la ‘selvaggina’ che va sul mercato è di allevamento o non ha marchi che ne certifichino la garanzia che un territorio convertito a logiche S F possa garantire. Quindi la sinergia tra caccia e S F, mi pare allo stato attuale, non abbia altra scelta che arenarsi. Certo diverso sarebbe se la selvaggina venisse promossa dalla stessa azienda agricola che sia anche artefice della qualità dei suoi prodotti e del suo territorio. Ma allora, se è l’ imprenditore a metterla nel piatto, si deve anche capire che cambierebbe il rapporto produzione-economicità.

da Fromboliere 17/01/2013 13.44

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

http://corrierefiorentino. corriere.it/firenze/notizie/cronaca/2013/16-gennaio-2013/ io-inseguita-cinque-lupi-2113572185729.shtml

da A. 17/01/2013 13.35

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Sono noioso, lo so - non sono vecchio per niente - ma sono anche convinto che se l'attività venatoria non attiverà dinamiche economiche importanti come nel resto d'Europa, leggi reddito integrativo per gli agricoltori, non si otterrà nulla. Aboliamo quindi l'art. 842 del cc! Riviva St. Hubertus e Sant'Eustachio!

da vecchio cedro 17/01/2013 12.05

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Fiore,ma che dici,scusa?Ma se qui,su questo sito di cacciatori,per cacciatori e frequentato per il 98% da cacciatori,TRA cacciatori leggi post da brivido quando si espongono le proprie idee politiche e ci si scanna solo per politica,affossando la caccia(che sempre passione è)in nome della politica!Ovvio:gli interessi che tocca la politica sono ben altri rispetto ad una passione,ma resta il fatto che in nome di una idea che(purtroppo)anche se sappiamo,a freddo, essere bacata(guarda quanti ripudiano a parole il voto dato in passato;vorrei essere una mosca per vedere quanti lo ridaranno alla stessa persona)siamo pronti a far fuori anche chi condivide le nostre stesse passioni(la caccia è solo un es.).Petrini,casomai,potrà fare molto per il suo(e di molti di noi) modo di rapportarsi con la vita,ma alla fine,se "qualcuno"deciderà che gli ogm debbono essere il nostro futuro(e ti assicuro,basta un esiguo numero di persone),potrebbero esserci 100 morti di tumore al giorno documentati,ma gli ohm li mangeremo a pranzo e cena!A meno che il letame non raggiunga quotazioni stellari;in quel caso anche televattelappesca ti dirà che mangiare me..da è la cosa più sana,giusta e salutare!

da pietro 2 17/01/2013 8.52

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Credo proprio che Petrini ha fatto molto bene a stare fuori dalla politica di oggi, sarà molto più utile ed efficace fuori, visto che se la genet la fai ragionare sulla base del quotidiano e del logico , si trova molto più consenso che avendo attaccato addosso un simbolo.

da fiore 16/01/2013 18.20

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

.... ai giovani non va cantato alcun canto, ancor meno quello delle sirene. L' impegno politico-riformista, nell' ambito ecoalimentare, che porti modifiche su larga scala nel mondo 'rurale', richiede una sola cosa: vocazione, che già di per se stessa è una parola che si presta a molteplici intendimenti, come i fatti dimostrano. Nei vini siamo diventati primi al mondo e certo a qualcuno ed a qualcosa il merito va riconosciuto. Ora, volendo ampliare il discorso ad altri generi, differenti ma sempre correlati, fino a coinvolgere anche la caccia, nessuno può essere legittimato ad aspettarsi che ci siano degli eroi disposti a sacrificare arte, tempo e denaro affinché si creino nuove riforme che, indistintamente, vadano a ricadere su un così ampio orizzonte, se non capiamo che è la privatizzazione e solo quella, a muovere motivazioni che mettano d' accordo, vocazione, arte tempo e... sopratutto, danarooooo!!

da Fromboliere 15/01/2013 14.41

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

E come non concordare con una simile, valorosa, quasi commovente per vitale semplicità lista delle cose da fare? E' vero che molti cacciatori (non tutti, che non mancano pure fra noi quelli che non vedono al di là del naso...) lo dicono, lo chiedono, lo vorrebbero da tanto tempo, ma è pure vero che non si riesce a trovare nessuno che voglia impegnarsi per raggiungere questi obiettivi. Il problema è che a pochi ormai piace l'idea di sporcarsi le mani, meglio stare al pc a scrivere - come pure io sto facendo ora - in una stanza riscaldata d'inverno o refrigerata d'estate, camminando sul comodo asfalto,col bar sotto l'ufficio per la pausa caffé, l'edicola dietro l'angolo per comprare un giornale cartaceo (per chi li legge ancora), liberi dal venerdì pomeriggio alla domenica sera per dedicarsi alle proprie passioni o interessi, ecc. La vita nell'agricoltura e per l'agricoltura non è esattamente così e anche se i trattori di oggi hanno l'aria condizionata, il gps, l'impianto stereo e forza motrice spaventosa, rimangono pur sempre trattori che si usano pur sempre per gli scopi per i quali venivano usati i loro predecessori apparsi nel secondo dopoguerra. Bisogna trovare il modo di attrarli nuovamente, i giovani, allettandoli con nuove possibilità e opportunità, affinché vincano il canto delle sirene cittadine e tornino un pò alle nostre recenti origini. O no? Comunque vada, bravo Carlin!

da Massimo Marracci 15/01/2013 13.38

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

in effetti c'è molto buon senso in certe proposte. quello che purtroppo manca quasi del tutto alla nostra classe politica

da aaa 15/01/2013 10.10

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Attività venatoria come reddito integrativo per gli agricoltori: aboliamo l'art. 842 del cc. Lo so che sono noioso, ma se non si attivano dinamiche economiche non si ottiene nulla. W St. Hubertus e Sant'Eustachio!

da vecchio cedro 15/01/2013 8.20

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

... dallo IOR i santi scappano! almeno quelli. Sant Uberto, sempre sia lodato... e magari votato! Lista Civica St. Uberto!!!!

da Fromboliere 14/01/2013 21.22

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Ti ringrazio Fromboliere della risposta. Comunque noi l'abbiamo il santo protettore dei cacciatori a cui siamo molto devoti, speriamo che la Santa Sede ne tenga conto. Un cordiale saluto.

da jamesin 14/01/2013 20.09

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Urca!! Pure La Stampa mi boicotta!! Povero me!!! Quando vedo Petrini te lo saluto Fromboliere. Un po' di millanteria pare faccia fare carriera!! Ora o mai più!! :-))))

da Ezio 14/01/2013 19.49

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

@ jamesin: puoi verificare sul web, personalmente e sei anche libero di giudicare personalmente se trattasi di bufala o realtà. Oggi come oggi gli ispettori di Bankitalia sono nello IOR ad indagare sui sempre maggiori misteri che avvolgono queste degne 'istituzioni'. Per quanto riguarda 'Beretta' & Holding varie non è ravvisabile, comunque, alcun reato, e d' appunto che speravo che se alla caccia non ci pensa il buon Dio, chi potrebbe ormai???!!!

da Fromboliere 14/01/2013 19.11

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

come al solito il tuo link non si apre, Ezio: quando arriverai alla fine nel nostro secolo? meno male che metà del cibo prodotto viene gettato, essendo avvelenato! Vedi se 'miracolo verde' ti riporta alla mente qualcosa, dato che ci richiami l' India!!!!! niente popò di meno :-)))))))))

da Fromboliere 14/01/2013 18.46

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Frombo ma dove hai preso la notizia che il vaticano è uno dei maggiori azionisti della beretta ? E' una fonte certa ? Un cordiale saluto

da jamesin 14/01/2013 18.44

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

"...perenne, cronica, mancanza d' informazione dei cacciatori di B. H. ai quali è appena sufficiente alitare un qualsiasi argomento per scatenare fuochi di sbarramento a tutto campo, per esprimere sempre e solo continuativamente, la loro 'disperazione esistenziale' nell' eterno ritornello di chi vorrà fare qualcosa per la precaria situazione venatoria." ....... Fromboliere, mi pari un po' "assolutista", o sbaglio?? Comunque personalmente ribadisco che questa (vedere link) è una cosa oltre ogni vergogna per cui dovremo render conto al Padre Eterno, se credenti, oppure alla Natura se non credenti.Il fatto è che bisognerà spiegare, se non l'hanno già capito di loro, agli abitanti di India, Cina e Brasile che il nostro non è un modello vincente di società ...... http://www.lastampa.it/2013/01/10/societa/ la-meta-del-cibo-prodotto-finisce-nella-spazzatura- 6a2WDagGRO7HZO55eRnLFP/pagina.html

da Ezio 14/01/2013 18.26

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

... il Vaticano è uno dei maggiori azionisti della Beretta: perché non fanno qualcosa loro per la caccia italiana... se tanto tanto, le vie del Signore sono infinite?

da Fromboliere 14/01/2013 18.13

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

...perenne, cronica, mancanza d' informazione dei cacciatori di B. H. ai quali è appena sufficiente alitare un qualsiasi argomento per scatenare fuochi di sbarramento a tutto campo, per esprimere sempre e solo continuativamente, la loro 'disperazione esistenziale' nell' eterno ritornello di chi vorrà fare qualcosa per la precaria situazione venatoria. Il Carlin è una vita che si batte, anche politicamente, è stato consigliere comunale a Bra e fa parte dei 45 promotori del Comitato Promotore Nazionale del PD, per le cause nelle quali continua a credere da sempre. Oggi all' età di 64 anni, forse si aspetta che si facciano avanti i giovani, tanto decantati da sempre, che invece si fa fatica a trovare... o no?!

da Fromboliere 14/01/2013 17.06

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

EH NO ! NO Caro max 60.... lo dice anche una frase storica : questo è un piccolo passo per un uomo, ma un enorme balzo per l'umanità ( Amstrong ) Perche, mi domando, non si ha il coraggio di iniziare e si rimane schiavi delle catene ? Fino a quando ? Se non per noi, ma facciamolo per chi continuerà dopo noi

da renzo 14/01/2013 16.29

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

@Giovanni.giusto,ma domando.cosa può fare una goccia in mezzo al mare...

da max 60 14/01/2013 16.20

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

...il fatto è caro Renzo che la politica si cambia dal "di dentro", e Petrini...ha perso un'occasione..

da Giovanni59 14/01/2013 14.38

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

...più pani al pane e più vini al vino....

da Fromboliere 14/01/2013 14.06

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Cìè da dire che idee come queste rappresentano in toto quello che i cacciatori e le persone di buon senso hanno sempre affermato, anche se in maniera diversa e in diversi toni. Solo una considerazione: l Sig. Carlin Petrini non si candida ? Ma è OVVIO ! Come potrebbe candidarsi in Italia una persona che ha le idee chiare per il benessere stesso del paese ? Verrebbe relegato in un angolino dimenticato . Quindi, a che prò ?

da renzo 14/01/2013 11.48

Re: QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA

Io la penso esattamente così, magari si potesse tornare a questo tipo di politca, ma purtroppo c'è ancora troppa gente che "mangia sulla mangiatoia opposta" solo per interesse personale e ripurtroppo c'è ancora troppa gente che si fida di personaggi che fanno solo promesse da marinaio, con tutto il rispetto dei marinai....

da Calibro 20 14/01/2013 10.49