HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
  Cerca
MERAVIGLIOSA BECCACCIA Serra uno di noi. L'animalista coi baffi Cacciatore o lupo cattivo? IL CINGHIALE SALVA LA CACCIA Brambusconi, "che figata" ETICA O ETICHETTA? DUE CHIOSE ALLO STORICO CARTA VINCE CARTA PERDE Cacciatori e no L'AGNELLO E LA CICORIA PER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattere SOSTIENE LARA LUPO, QUANTO CI COSTI A UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS francese ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANA C'ERA UNA VOLTA... LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!! Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italiane TABU' LUPO FIRMAMENTO SOCIAL ALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSO LUPO. ATTENDIAMO LUMI CHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIA Cos’è la caccia La ri-proposta Cuore di beccaccia Cacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardi LA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scoperta CARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODA Osservatori regionali, avanti! Ungulati: una risorsa preziosa La mia prima volta al cinghiale: onore alla 110! Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibile ANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTI TORDI TORDI STANNO TUTTI BENE ETERNA APERTURA TANTE MAGICHE APERTURE CI SIAMO! LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONE LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE ANCH'IO CACCIO MIGRATORIA, MA DI CHI? Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio francese REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO Lasciate la carne ai bambini Uccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi.... CINGHIALI D'UNA VOLTA DATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRA MONTAGNA, 22 ANNI DOPO Elegia per un vecchio signore LA GRANDE BUFALA Animali & Co: un problema di comunicazione LUPO O CINGHIALE? Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo Le allodole, mia nonna e le vecchiette La caccia e gli chef UNGULATI CHE PASSIONE PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA Le beccacce e il lupo QUESTIONE DI PROSPETTIVA La cinofilia ufficiale. Parte seconda con scuse PROBLEMA LUPO Bisturi facili. Cuccioli? No grazie Perché ho scelto il setter inglese? Galletti fa mea culpa Questa è la cinofilia ufficiale C'era una volta il cinghiale Bracconieri di speranze Gip, amor di cacciatore. Il piccolo francese SAVETHEHUNTERS, MATTEO TROMBONI SFIATATI I sistemi elettronici di addestramento GUANO CAPITALE In principio era una Dea C'era una volta l'orso bianco che campava di caramelle UNA TERRA DIVERSA MEMORIE. Da regina a regina informAZione? Iniziazione del cucciolone UNIONE AL PALO? LA PARABOLA DI CECIL CROCCHETTE VEGANE L'ecoturismo fa danni ALLODOLE PER SEMPRE TRUE LIES CI SIAMO? Natura. Madre o matrigna? LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPO UN’APERTURA DA FAVOLA I cuccioli di oggi MACCHE' PREAPERTURA CACCIA, PROVE E VARIA UMANITA' Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiere FORMAZIONE, FORMAZIONE! I cani da ferma oggi Arlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNA Prima informarsi, poi farsi un'opinione Effetto Flegetonte Il cane domestico (maschio) Il valore della caccia Chi è diavolo, chi acquasanta? CANDIDATI ECCELLENTI PUBBLICO O PRIVATO? LA FRANCIA E I MINORI A CACCIA REGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATI Caccia vissuta “Se questa è etica” QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PERO Le contraddizioni dell'Expo QUESTIONE DI CORPO L'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloni Calendari venatori: si riparte DOVE ANCORA MI PORTA IL VENTO LUCI E OMBRE DI UN PROGETTO CANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIO CHIUSO UN CICLO... A patti col diavolo... e poi? BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZO MISTERI DELLA TELE CANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILE E' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SA Tordi e beccacce tra le grinfie della politica Donne cacciatrici piene di fascino predatorio Italiani confusi su caccia e selvaggina Storia di una particella cosmica Vegani per moda Anime e animali MUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur Smith CHI LA VUOLE COTTA, E CHI.... Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsa ZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA! E se anche le piante provassero dolore? PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMA Momenti che non voglio scordare Anticaccia? Parliamone CACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELE CATIA E LA PRIMA ESPERIENZA CHIARI AVVERTIMENTI PIU' VIVA E PIU' AMATA ECCE CANEM DE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTI IL CATALOGO E' QUESTO.... CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIA ISPRA. UN INDOVINO MI DISSE... MIGRATORI D'EUROPA L'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggio MIGRATORISTI GRANDE RISORSA Fauna ungulata e vincolismo ambientale Decreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTRO Ai luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIO SPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHI DOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVE Biodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLA Le specie invasive ci libereranno dall'animalismo EUROPEE: SCEGLIAMOLI BENE La rivoluzione verde è nel piatto La caccia al tempo di Facebook SOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposo COSE SAGGE E MERAVIGLIOSE AMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDO C'ERO UNA VOLTA ALL'EXA QUESTA E' LA CACCIA! EUROPA AL RISVEGLIO TOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLA CACCIA LAZIO: quali certezze? ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTI UNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILE LO DICO COL CUORE IL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E' I veri volontari dell'ambiente DIAMOGLI CREDITO PROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIA Ambientalisti italiani, poche idee ma confuse Anche National Geographic America conquistato dalle cacciatrici Più valore alla selvaggina e alla caccia Il cinghiale di Colombo Porto di fucile - NON C'E' MALE! PAC & CACCIA LILITH - LA CACCIA E' NATURALE Effetto protezionismo Ispra: il caso beccaccia Il grande bluff dei ricorsi anticaccia COME FARE COSA FARE Supermarket society Romantica Tipi di comunicazione: C'E' MURO E MURO Ambientalisti sveglia! Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggiose SPRAZZI DI SERENO POINTER E NON PIU' SOGNO DI CACCIATORE UN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPO RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORI LA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOON ALLA FIERA DELL'EST VOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNA IL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI “Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunistico CACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISI Partiamo dalla Toscana ITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la caccia C’ERA UNA VOLTA… I cacciatori nel regno delle eterne emergenze Gli ambientalisti e la trave nell'occhio Addio alle rondini? L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato) ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI..... SUCCEDE ANCHE QUESTO BASTA ASINI AMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di Diana TOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTO ALLARME DANNI DANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga… STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA “L'ipocrisia delle coscienze pulite” UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALE CACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA' ZONE UMIDE: CHI PAGA? Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA SPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLE La Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’albero A SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo così NEORURALI DE NOANTRI FRANCIA MON AMOUR LA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIA TERRA INCOGNITA L’Italia a cui vorrei fosse affidata la caccia La marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVE COLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI? DIVERSA OPINIONE IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE Opinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!! A CACCIA A CACCIA!!! PROVOCAZIONI Estate di fuoco MISTIFICAZIONI SICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTO Sostenibili e consapevoli! COLPI DI SOLE COLPI DI CALORE Aiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti! TECNOCRATI? NO ESPERIENTI LA RICERCA DIMENTICATA PARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'! Orgoglio di contadino Campagna o città? CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRI CALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERE CONFRONTO FRA GENERAZIONI LA CACCIA CHE SI RESPIRA Rapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNO MUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà? Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga... DELLE COSE DELLA NATURA Cultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'Italia Il nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalisti LA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀ PAC IN TERRIS UCCELLI D'EUROPA GIRA GIRA..... STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNA TOCCA A NOI! CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLO IL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIA VERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTO PROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZA BECCACCE DI BEFANA CACCIA, FASE DUE PROVOCAZIONI DI FINE D’ANNO RICERCA RICERCA SPIGOLATURE DI NATALE Dai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONE NON ERA AMORE Finalmente autunno Il paradosso dell'Ispra IL PIANETA DEI CACCIATORI Le caste animali A CACCIA ANCHE DOMANI A CACCIA SI, MA DOVE? ORGOGLIO DI CACCIATORE Per il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIA APRE LA CACCIA! Amico cacciatore, guarda e passa Riforma sui Parchi in arrivo? E i cuccioli umani? MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATE LA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenza Il Pointer e la caccia Col cane dalla notte dei tempi Contarli, certo, ma come? Questa è una passione! IL PENTOLONE LA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE NON SOLO STORNO QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI La lezione di Rocchetta di Vara BASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITI CORONA L'ERETICO Cacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medaglia Deroghe: non è una missione impossibile AMBIENTALISMO E' CULTURA RURALE Sei il mio cane ALLE RADICI DELLA CACCIA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIA COME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA... BOCCONCINI PRIMAVERA CACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERE COMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIO QUESTIONE DI CALENDARIO LA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIA PRENDIAMO IL MEGLIO BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA TUTTI A TAVOLA RIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRE LA CACCIA SERVE. ECCOME! METTI UNA SERA A CENA Urbanismo e Wilderness: un confronto impari CONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEET GIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANI IL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in Italia Accade solo in Italia? L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza FRA STORIA E ATTUALITA' Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro “Solo” una passione Tra ideologia e strategia politica IL CATALOGO E' QUESTO TORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTO DA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro Brambilla Italiani ignoranti della caccia CACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNA Ed il giorno arriva DEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE! PRE-APERTURA DI CREDITO Domani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONE Alcune riflessioni sulla caccia in Italia Divagazioni per una rivoluzione culturale La senatrice Adamo va alla guerra PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci) Calendari venatori. Le bugie degli ambientalisti Un'arte chiamata caccia AREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLA Animalismi e solitudini In un vecchio armadio STAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODO Belli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI! Ieri, mille anni fa, io caccio Cosa mangiano gli animali degli animalisti? SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA MOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVO ORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICO Aerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo” ALL'ARIA APERTA! Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIA IPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOI IN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA! RIFLESSIONI DI UN PEONE IL PAESE PIU' STRANO DEL MONDO Fuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALE E Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTO L'Enpa insulta i cacciatori SELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIA America: un continente di vita selvaggia LA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezione LA CACCIA COME LA NUTELLA? LUPO, CHI SEI? Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no? TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGE A caccia con L'arco... A caccia con la storia... Interpretazioni e commenti di nuova concezione 10 domande ai detrattori della caccia IL BRIVIDO CHE CERCHIAMO La caccia come antidoto alla catastrofe climatica Per una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNARO CONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIA Caccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perduta Allarmismo e vecchi trucchetti Ancora Tozzi ? REALISMO, PRIMA DI TUTTO Le invasioni barbariche APERTURA E DOPO. COSA COME QUANDO Piombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquatici Di altro dovremmo arrabbiarci I GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecnici Un rinascimento ambientale è possibile Gelosi e orgogliosi delle nostre tradizioni LA CACCIA SALVATA DALLE DONNE? Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars Venandi Tutto e il contrario di tutto DALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO... IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATO La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova Tutti insieme... magicamente Ambiente: una speranza nella caccia SOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTA La Caccia ha bisogno di uomini che si impegnano LA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDO Il capanno: tra architettura rurale e passione infinita DONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANA EUROPA EUROPA VICINI ALLA VERITA' Beccaccia sostenibile CACCIA E SOCIETA' Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNI PARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidato CACCIA ALL'ORSI ORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORI UN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORI Ridiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevole Il cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia. 157: PENSIERI E PAROLE MA COS'E' QUESTA CACCIA? 157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONE MIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARE CINGHIALI CHE PASSIONE La cultura cinofila ATC DIAMOCI DA FARE Il vitello che mangi non è morto d'infarto! Ripensare la caccia? PER UN FUTURO DELLA CACCIA QUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONA PUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAM Un nuovo corso per gli ungulati Siamo noi le Giubbe Verdi Ruralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina La caccia secondo Giuliano, umorista de La Repubblica Questa è la caccia Il cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumi La cinegetica e la caccia col cane Gestione e tradizione BASTA TESSERE AMAR...TORD E il beccafico perse la via del nord Dimostriamo credibilità Apertura passione serenità editoriale - Fucili italiani come le ferrari Orgoglio di Cacciatore I Tordi e le Beccacce La Caccia è Rock

Editoriale

LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE


lunedì 29 agosto 2016
    

Davanti a un Fabio Fazio sbigottito, imbarazzato, il mostro sacro dell'intellighenzia italiana, Roberto Calasso, snocciolava il suo verbo per una platea di nostri concittadini che i dati auditel dicono raggiunga  la bellezza di due-tre milioni di ascolti.

L'aveva invitato, il Fazio, magnifico conducator di "Che tempo che fa", a presentare la sua ultima fatica letteraria, ricca come sempre di rimandi di una erudizione unica, con garbo ma con fermezza. Una fermezza, feconda di certezze, a cui il campione del politicamente corretto - attònito ("lo stupore che mi ha colto, vorrei che arrivasse anche a casa"", ipse dixit) da tanta sapienza -  non riusciva a confutare neanche una virgola.

Ma andiamo per ordine.

Chi è Roberto Calasso. Per chi non lo sapesse,  è un grande intellettuale, raffinato scrittore, saggista, editore de l'Adelphi, una fra le più prestigiose case editrici del paese, che fra i 2500 titoli in catalogo propone grandi pensatori e scrittori, come Emanuele Severino, Milan Kundera, Jorge Luis Borges, Bruce Chatwin, Vladimir Nabokov, William Faulner, Joseph Roth, George Simenon, Friedrich Nietzsche, spaziando dai testi di fisica ai classici delle varie tradizioni letterarie euroasiatiche (esempio: il Mahabharata, ovvero "La grande storia dei discendenti di Bharata", uno dei più grandi poemi epici dell'India, che risale nella sua prima stesura a tremiladuecento anni avanti Cristo).

Ininterrottamente alla guida della casa editrice dal 1971, Calasso ha al suo attivo 14 opere monumentali, la più nota "Le nozze di Cadmo e Armonia", dove fa sfoggio della sua profonda conoscenza della storia e delle letteratura greca intrecciate con gli affascinanti miti che costituiscono tutt'oggi la piattaforma del nostro vivere in occidente.

La sua ultima fatica letteraria - si potrebbe dire: la pietra dello scandalo - s'intitola "Il Cacciatore Celeste".

Una breve sintesi delle certezze antropologiche di Calasso: "Ci fu un'epoca - si legge nel risvolto di copertina de "Il Cacciatore Celeste", che vi invito a leggere, ovviamente - in cui, se si incontravano altri esseri, non si sapeva con certezza se erano animali o dèi o signori di una specie o demoni o antenati. O semplicemente uomini. Un giorno, che durò molte migliaia di anni, Homo fece qualcosa che nessun altro aveva ancora tentato. Cominciò a imitare quegli stessi animali che lo perseguitavano: i predatori. E diventò cacciatore. Fu un processo lungo, sconvolgente e rapinoso, che lasciò tracce nei riti e nei miti, oltre che nei comportamenti, mescolandosi con qualcosa che nella Grecia antica fu chiamato "il divino", tò theìon, diverso ma presupposto dal sacro e dal santo e precedente perfino agli dèi. Numerose culture, distanti nello spazio e nel tempo, associarono alcune di queste vicende, drammatiche ed erotiche, a una certa zona del cielo, fra Sirio e Orione: il luogo del Cacciatore Celeste. Le sue storie sono intrecciate in questo libro e si diramano in molteplici direzioni, dal Paleolitico alla macchina di Turing, passando attraverso la Grecia antica e l'Egitto ed esplorando le connessioni latenti all'interno di uno stesso, non circoscrivibile territorio: la Mente".

Come dire: se noi siamo quello che siamo, e se vogliamo continuare ad esserlo, non possiamo tralignare dal nostro essere cacciatori, che nel salto evolutivo che ci ha affrancato dalla natura bruta ha  ritualizzato e sublimato la nostra essenza animalesca, predatoria. Siamo cioè diventati cacciatori, mangiatori di carne di selvaggina. Perchè in principio, come si potrebbe parafrasare dalla Bibbia, in principio - prima di essere homo sapiens (o sapiens sapiens) - eravamo frugivori raccoglitori e...mangiatori   di carogne, come le iene.
Così parlò Calasso.

Mangiatori di carne. Si. Siamo mangiatori di carne. Di selvaggina, per giunta. Macchè vegetariani, macchè vegani. Se non vogliamo che le nostre capacità intellettive degenerino, dobbiamo perseguire la nostra natura - magari con la moderazione necessaria per il contemporaneo. Oggi più che mai.

In Italia, ovunque, malgrado tutto, malgrado le vicende avverse, malgrado certe nostre inadeguatezze, la selvaggina è abbondante. Sta diventando un patrimonio, anche di carne pregiata, che in molti ci invidiano. Quale occasione dunque, se non quella di procedere nella razionalizzazione della cosiddetta filiera? Lo so, è complicato, è difficile, siamo al centro di infinite sollecitazioni di diversa provenienza. Le popolazioni di ungulati, soprattutto, e soprattutto il cinghiale, fanno gola - è il caso di dire - a tanti. Ecco che bisogna mettere ordine.

Da qualche parte bisogna cominciare. E non si può prescindere dai cacciatori. In molti sollecitano un percorso ordinato, che partendo dai singoli, organizzati in squadre di cacciatori di cinghiale,  selettori, controllori, porti alla formazione di un vero e proprio percorso virtuoso, che qualifichi il ruolo di chi effettua il prelievo (cacciatori, non ci sono alternative, se ne devono convincere tutti, anche i più scettici) e definisca un nuovo tragitto, che tenga conto degli interessi di chi - ancora i cacciatori, ma anche gli agricoltori e gli altri cosiddetti "portatori di interessi", appunto - questo patrimonio lo gestisce e lo cura amorevolmente, che non è un paradosso.

I buoni esempi ci sono. In altri paesi sono prassi comune. Solo da noi si fa di tutto per complicare le cose. Ma, questi siamo, e con noi stessi dobbiamo convivere.

La carne di selvaggina è la più sana, la più nutriente; non a caso Calasso - ma non soltanto lui, diciamolo - la pone alla base della nostra evoluzione, antropologica, ma soprattutto spirituale. Trascendentale, nelle diverse accezioni del termine.

Se ne stanno interessando da tempo centri di ricerca e organizzazioni che sono il fiore all'occhiello delle nostre eccellenze nell'agroalimentare.

Se andiamo in Trentino o in Alto Adige, senza nemmeno scollettare in Austria, Germania o Slovenia, anche il più sprovveduto gourmant torna con la sua bella confezione di prosciutto di cervo o di arista di camoscio. Non senza aver gustato su quelle aspre vette almeno uno stufato con polenta, che ricorda i fasti venatori di Ceccobeppe. Del resto, chi ha avuto modo in questi anni di passare dalla scuola di caccia del Latemar (Nova Levante - Bolzano) ha acquisito anche i primi rudimenti nel cosiddetto trattamento delle spoglie, che sta alla base per ottenere una carne di selvaggina (ungulati) come dio (o Zeus) comanda.

Personalmente non posso non ricordare la sapiente promozione del mio antico mentore Enrico Vallecchi, che associò alla sua attività di grande editore una testimonianza appassionata delle gioie della vita in campagna, delle nostre tradizioni, della buona cucina, della carne di selvaggina. Pubblicò una serie infinita di ricettari, antichi e moderni. Famoso "Il Girarrosto-Come si cucina la selvaggina", della marchesa toscana Maria Luisa Incontri Lotteringhi della Stufa, allevatrice di cani, appassionata di caccia, di pesca, cuoca per diletto, scrittrice per vocazione. Un sodalizio, il loro, che negli anni sessanta costituì un vero e proprio punto di riferimento per la gastronomia della caccia, a cui - più tardi, scusate l'ardire - detti anche il mio modesto contributo, favorendo fra l'altro la pubblicazione di una selezione di ricette artusiane a base di cacciagione e collaborando all'organizzazione della Settimana della Gastronomia della Caccia nella provincia di Firenze. Evento che fu ripreso in Lombardia e che tuttora prosegue con grande successo.Per non ricordare i primi "laboratori del gusto" promossi al Game Fair, con l'aiuto dei colombacciai di Amelia o del "padulino" Giovanni Franceschi.

Un filone, quello vallecchiano, in parallelo al quale mosse  i primi passi Carlin Petrini, che - come lui stesso racconta - quando dette corpo alla sua grandiosa idea (la chiamò, come tutti sappiamo, Slow Food, "mangiar lento", in contrapposizione all'imperante  fast food di matrice americana), che concepì, udite udite, a Montalcino, ospite di suoi amici cacciatori e gastronomi di ArciGola, in occasione della fastosa Sagra del Tordo.

E Slow Food, anche recentemente persegue e dà forza alla teoria di Roberto Calasso, tant'è vero che la qualità e la bontà delle carni di selvaggina sono oggetto di un impegno per un progetto che l'Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (fondata a Bra-Cuneo proprio da Petrini) ha intrapreso con altre organizzazioni ed enti dei diversi settori interessati. Un progetto ("Selvatici e buoni") che si prefigge la valorizzazione della carne di selvaggina, attraverso la tracciabilità e la sicurezza alimentare "per garantire trasparenza e legalità" a questo patrimonio, che grazie all'impegno dei cacciatori acquisisce sempre più valore anche dal punto di vista economico.

E si susseguono iniziative del genere grazie ai territori, alcune da far invidia ai cugini austrungarici. Aumenta l'attenzione da parte di tanti chef pluristellati, come Igles Corelli, che proprio a partire dalla primavera ha intrapreso un tour che in autunno porterà nel tempio della sua scienza culinaria (Atman-Villa Rospigliosi di Lamporecchio, dove Lilia Orlandi con l'ATC di Pistoia, lo scorso anno ha lanciato  il primo corso per cacciatori abilitati nel trattamento delle carni di selvaggina) ben venticinque superprofessionisti, maestri di cucina in altrettante parti d'Italia, per dar vita a una kermesse di altissima gastronomia col solo limite di mettere a frutto la loro arte gastronomica, cimentandosi su pregiati e meno pregiati tagli di carne di selvaggina.

Ne sortirà una pubblicazione curata da Michele Milani, anche lui appassionato gastronomo e cacciatore.

Insomma, ci si sta avviando verso la costituzione di una filiera sempre più definita, che porterà all'individuazione di un marchio di qualità,  per dare sostanza anche al mirabile affresco di Roberto Calasso, che provocatoriamente ci erudisce: "Chi è il Grande cacciatore? - si chiede - Oltre a Zagreus - risponde - vi sono altri grandi cacciatori fra gli dèi. Zeus è il Grande Cacciatore. Un invisibile filo a piombo scende dall'alto del cielo, attraverso tutta la terra e sprofonda sino all'imo degli Inferi: è il Grande cacciatore. In nessuna parte il divino accetta di separarsi dal gesto dell'inseguire una preda. A nessuna altezza, nell'aria trasparente dell'Olimpo, nell'aria turbolenta della terra, nell'aria perennemente fosca dell'Ade, scompare il profilo aguzzo del Grande Cacciatore".

E se pure noi ci daremo da fare, prima o poi anche il più accanito sostenitore vegan dovrà capirlo.
 

Leggi altri Editoriali

13 commenti finora...

Re:LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE

Si, il motto neorenziano (ormai si attribuisce tutto a lui, come succedeva per il duce, nel bene e nel male, ma di male, fortunatamente per lui e sfortunatamente per noi, lui ce n'ha trovato molto più di quello che gestisce attualmente, e qualcasa vorrà dire) è da condividre e da attribuire sia a Veneziano (che spesso leleggia su cime molto distanti dalla realtà che vorrebbe rappresentare), sia ad Alvaro, che vede una realtà che spesso è fantasia dovuta all'idealizzazione di un modello codificato a suo tempo da Froid. Cosa ben percepita da tutti i leader populisti (ormai la stragrande maggioranza) anche nella caccia. Una volta si diceva "epater le bourgeoise" (alla toscana: infinocchiare). Fra le nostre, potrei dare anche una modesta valutazioe: Federcaccia= sonnacchiosa; Enalcaccia=addormentata; Anuu=patetica; Arcicaccia, Anlc, CPA, Confavi ecc.=fuori di testa, chi per un verso chi per l'altro.

da Sigmund 02/09/2016 16.36

Re:LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE

Ho appena riletto su Bighunter l'intervista a Veneziano, in previsione del congresso Arcicaccia, e il commento di Alvaro, che critica chi a suo avviso calò le brache all'epoca del referendum e della 157. Non sarebbe male che Alvaro facesse un corsettino accelerato di sociologia e scienza della politica, e si tenesse un po' più aggiornato anche sull'attualità, con particolare attenzione alle vicende della società contemporanea, nazionale, europea e mondiale (almeno per quella occidentale). Dopodichè penso che potrebbe aggiornare anche i suoi punti di vista. Per quanto riguarda la caccia, vorrei comunque precisare che all'epoca l'Arcicaccia subalterna al PCI fu attraversata da un fermento peccaminoso, che la portò a invitare i propri cacciatori alla fine a votare secondo coscienza, e non come aveva chiesto Occhetto di schierarsi per il SI (noi cacciatori eravamo per il NO, ma la parola d'ordine fu l'astensione, con la quale che non avremmo certo potuto raggiungere da soli la maggioranza, visto che per questione di numeri - 3% in epoche d'oro - non possiamo pensare di esserlo; mai!). Quindi, inciuci ne ce ne furono, se non una trattaviva in Parlamento fra le diverse forze in campo e allora l'ecologismo purtroppo imperava come e più di adesso (anche purtoppo col contributo di Arcicaccia). Quanto ai fondi, di tutti i cacciatori, per ottenerne una quota parte non vedo come sarebbe potuto essere altrimenti, visto che lo stato può sostenere tutte le organizzazioni che si vuole, ma come minimo queste devono essere organizzate civilisticamente ed essere riconosciute ufficialmente. (Mi risulta che abbiano percepito fondi anche ANLC, che con Zaganelli, mi pare, si pose all'epoca sull'Aventino). Per tutto il resto, la penso come Renzi: "se la mi' nonna avea le rote, era un carretto..."

da Perlaprecisione 02/09/2016 15.35

Re:LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE

Il bravo Incerpi assume la difesa della caccia in ogni circostanza. Questa volta, a mio avviso, lo fa partendo da un cavillo: la valorizzazione della carne di selvaggina, in contrapposizione alle opposte posizioni di vegani e vegetariani, con il rischio di inasprire con loro rapporti già difficili. Ci fa piacere che autorità scientifiche classifichino la carne di selvaggina come sana e nutriente (mi sembrava tanto ovvio!), ma questo non credo contribuirà a ridurre la schiera dei nostri agguerriti avversari. Sinceramente, ancor meno tranquillo mi lascia il prendere atto di un crescente interesse economico in materia di carne di selvaggina che lascia intuire il rischio di immettere nel già non facile circuito della gestione faunistica, nuovi “portatori di interesse”, le cui posizioni avrebbero certamente un peso determinante sulle scelte politiche; meno prevedibili invece sono le conseguenze. Se il Divino “non accetta di separarsi dal gesto dell’inseguire una preda”, per noi poveri cacciatori, certamente rischiano di riuscirci le continue disposizioni cervellotiche e vessatorie, i divieti antitecnici, le restrizioni discutibili, la burocrazia asfissiante; basta guardare il diffuso malcontento, il contenzioso e il calo costante dei praticanti. Non mancano motivi, certo meno intellettuali ma più concreti, per assumere difese della caccia. Prima che sia troppo tardi.

da Pompeo Trombetta 02/09/2016 13.05

Re:LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE

Manca una vera governance politica, e non solo nella caccia.Spicca sempre su tutto e su tutti lo spirito salvifico di Papa Francesco. Probabilmente unico leader mondiale consapevole del rischio che ci sovrasta. Tornando a noi poveri mortali, è triste riconoscere che abbiamo perso qualsiasi riferimento di autoconservazione della specie. Sta prevalendo l'egoismo, concreto elemento a salvaguardia dei nostri geni, ma pericoloso se non contrastato dall'altro valore di origine genetica, Laltruismo, che consente la salvaguarduia dell'integrità sociale. Che voglio dire? Terra terra, sui cinghiali, l'aver affidato in toto la gestione del patrimonio cinghialaro a sqaudre e a Urca, ormai in contrapposizione fra loro, senza una sorveglianza dal di sopra di associazioni venatorie e mondo della politica, ci porterà a perdere di vista l'interesse comune e superiore. Capito?

da Capito? 02/09/2016 9.09

Re:LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE

Siam cacciatori, siamo una razza antica; siamo uomini in via d'estinzione. Il domani è degli apolidi, degli imbelli e degli invertiti.

da Martino, Bologna 01/09/2016 14.37

Re:LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE

Va riconosciuta a Fazio la decisione, non semplice, di aver proposto l'argomento, sicuramente "divisivo", e le ardite considerazioni contenute nella fatica letteraria e non solo di Roberto Calasso, di cui raccomando nuovamente la lettura.

da GIULIANO INCERPI 30/08/2016 10.31

Re:LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE

La questione è sicuramente fra le principali sul tavolo di chi ha responsabilità nella caccia di oggi e di domani. Purtoroppo si notano molte ritrosie, lo fa capire anche Incerpi, soprattutto fra i cacciatori. Secondo me abbiamo lasciato troppa briglia sciolta alle sqaudre di cinghiale, che hanno pensato, naturalmente, al proprio interesse diretto e immediato. Adesso è difficile tornare indietro, anche perchè i selettori, sedicenti soluzione virtuosa al problema, hanno come obiettivo principale, anche loro, la necessità di coniugare il pranzo con la cena, nel vero senso del termine. Per dirla chiara, anche molti selettori incaricati traggono recuperi dalla carne di cui dispongono; inserirla nella filera, molto spesso comporta rientri minori rispetto all'alternativa di affidarsi al mercato. Si dimentica però, in tutto questo, che abbiamo un'opinione pubblica che ci guarda e che - oggi più che mai - sollecita regole, etica, prcorsi condivisi.

da Alessandro M. 30/08/2016 8.57

Re:LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE

Comunque vada, due crostoni di beccaccia cotti sapientemente da mia moglie con contorno di patatine fritte e un buon dolcetto non me lo leva nessuno...buon appetito amici

da setter'63 29/08/2016 21.20

Re:LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE

Stasera.........colombacci in casseruolaaaaa !!!!

da Annibale 29/08/2016 18.16

Re:LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE

Complimenti! Ben scritto e assolutamente condivisibile. Peccato che la maggioranza dei cacciatori non si voglia render conto che il futuro della caccia dipenda quasi esclusivamente da questo.

da Claudio Nuti 29/08/2016 16.19

Re:LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE

Qualcuno ha voglia di aiutare sCOREONDO(!?), mi sa che ha ingoiato una carota intera. Comunque bell'articolo.

da MarioP 29/08/2016 14.06

Re:LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE

Prrrrrrrrrrrrrrrrr................PRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR.........................HA HA AH AH A A AHAH PRRRRRRRRRRRRRRRRRRR.

da sCOREONDO 29/08/2016 12.58

Re:LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE

Grande Incerpi speriamo non finisca come in alcuni ospedali ove L'OPERAZIONE ÈPERFETTAMENTE RIUSCITA MA IL PAZIENTE È DECEDUTO....

da Troppo tardi 29/08/2016 10.33