HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani |
  Cerca
ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANA C'ERA UNA VOLTA... LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!! Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italiane TABU' LUPO FIRMAMENTO SOCIAL ALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSO LUPO. ATTENDIAMO LUMI CHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIA Cos’è la caccia La ri-proposta Cuore di beccaccia Cacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardi LA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scoperta CARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODA Osservatori regionali, avanti! Ungulati: una risorsa preziosa La mia prima volta al cinghiale: onore alla 110! Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibile ANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTI TORDI TORDI STANNO TUTTI BENE ETERNA APERTURA TANTE MAGICHE APERTURE CI SIAMO! LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONE LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE ANCH'IO CACCIO MIGRATORIA, MA DI CHI? Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio francese REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO Lasciate la carne ai bambini Uccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi.... CINGHIALI D'UNA VOLTA DATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRA MONTAGNA, 22 ANNI DOPO Elegia per un vecchio signore LA GRANDE BUFALA Animali & Co: un problema di comunicazione LUPO O CINGHIALE? Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo Le allodole, mia nonna e le vecchiette La caccia e gli chef UNGULATI CHE PASSIONE PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA Le beccacce e il lupo QUESTIONE DI PROSPETTIVA La cinofilia ufficiale. Parte seconda con scuse PROBLEMA LUPO Bisturi facili. Cuccioli? No grazie Perché ho scelto il setter inglese? Galletti fa mea culpa Questa è la cinofilia ufficiale C'era una volta il cinghiale Bracconieri di speranze Gip, amor di cacciatore. Il piccolo francese SAVETHEHUNTERS, MATTEO TROMBONI SFIATATI I sistemi elettronici di addestramento GUANO CAPITALE In principio era una Dea C'era una volta l'orso bianco che campava di caramelle UNA TERRA DIVERSA MEMORIE. Da regina a regina informAZione? Iniziazione del cucciolone UNIONE AL PALO? LA PARABOLA DI CECIL CROCCHETTE VEGANE L'ecoturismo fa danni ALLODOLE PER SEMPRE TRUE LIES CI SIAMO? Natura. Madre o matrigna? LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPO UN’APERTURA DA FAVOLA I cuccioli di oggi MACCHE' PREAPERTURA CACCIA, PROVE E VARIA UMANITA' Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiere FORMAZIONE, FORMAZIONE! I cani da ferma oggi Arlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNA Prima informarsi, poi farsi un'opinione Effetto Flegetonte Il cane domestico (maschio) Il valore della caccia Chi è diavolo, chi acquasanta? CANDIDATI ECCELLENTI PUBBLICO O PRIVATO? LA FRANCIA E I MINORI A CACCIA REGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATI Caccia vissuta “Se questa è etica” QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PERO Le contraddizioni dell'Expo QUESTIONE DI CORPO L'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloni Calendari venatori: si riparte DOVE ANCORA MI PORTA IL VENTO LUCI E OMBRE DI UN PROGETTO CANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIO CHIUSO UN CICLO... A patti col diavolo... e poi? BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZO MISTERI DELLA TELE CANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILE E' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SA Tordi e beccacce tra le grinfie della politica Donne cacciatrici piene di fascino predatorio Italiani confusi su caccia e selvaggina Storia di una particella cosmica Vegani per moda Anime e animali MUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur Smith CHI LA VUOLE COTTA, E CHI.... Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsa ZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA! E se anche le piante provassero dolore? PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMA Momenti che non voglio scordare Anticaccia? Parliamone CACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELE CATIA E LA PRIMA ESPERIENZA CHIARI AVVERTIMENTI PIU' VIVA E PIU' AMATA ECCE CANEM DE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTI IL CATALOGO E' QUESTO.... CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIA ISPRA. UN INDOVINO MI DISSE... MIGRATORI D'EUROPA L'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggio MIGRATORISTI GRANDE RISORSA Fauna ungulata e vincolismo ambientale Decreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTRO Ai luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIO SPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHI DOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVE Biodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLA Le specie invasive ci libereranno dall'animalismo EUROPEE: SCEGLIAMOLI BENE La rivoluzione verde è nel piatto La caccia al tempo di Facebook SOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposo COSE SAGGE E MERAVIGLIOSE AMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDO C'ERO UNA VOLTA ALL'EXA QUESTA E' LA CACCIA! EUROPA AL RISVEGLIO TOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLA CACCIA LAZIO: quali certezze? ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTI UNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILE LO DICO COL CUORE IL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E' I veri volontari dell'ambiente DIAMOGLI CREDITO PROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIA Ambientalisti italiani, poche idee ma confuse Anche National Geographic America conquistato dalle cacciatrici Più valore alla selvaggina e alla caccia Il cinghiale di Colombo Porto di fucile - NON C'E' MALE! PAC & CACCIA LILITH - LA CACCIA E' NATURALE Effetto protezionismo Ispra: il caso beccaccia Il grande bluff dei ricorsi anticaccia COME FARE COSA FARE Supermarket society Romantica Tipi di comunicazione: C'E' MURO E MURO Ambientalisti sveglia! Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggiose SPRAZZI DI SERENO POINTER E NON PIU' SOGNO DI CACCIATORE UN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPO RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORI LA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOON ALLA FIERA DELL'EST VOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNA IL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI “Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunistico CACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISI Partiamo dalla Toscana ITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la caccia C’ERA UNA VOLTA… I cacciatori nel regno delle eterne emergenze Gli ambientalisti e la trave nell'occhio Addio alle rondini? L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato) ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI..... SUCCEDE ANCHE QUESTO BASTA ASINI AMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di Diana TOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTO ALLARME DANNI DANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga… STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA “L'ipocrisia delle coscienze pulite” UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALE CACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA' ZONE UMIDE: CHI PAGA? Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA SPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLE La Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’albero A SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo così NEORURALI DE NOANTRI FRANCIA MON AMOUR LA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIA TERRA INCOGNITA L’Italia a cui vorrei fosse affidata la caccia La marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVE COLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI? DIVERSA OPINIONE IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE Opinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!! A CACCIA A CACCIA!!! PROVOCAZIONI Estate di fuoco MISTIFICAZIONI SICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTO Sostenibili e consapevoli! COLPI DI SOLE COLPI DI CALORE Aiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti! TECNOCRATI? NO ESPERIENTI LA RICERCA DIMENTICATA PARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'! Orgoglio di contadino Campagna o città? CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRI CALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERE CONFRONTO FRA GENERAZIONI LA CACCIA CHE SI RESPIRA Rapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNO MUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà? Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga... DELLE COSE DELLA NATURA Cultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'Italia Il nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalisti LA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀ PAC IN TERRIS UCCELLI D'EUROPA GIRA GIRA..... STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNA TOCCA A NOI! CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLO IL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIA VERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTO PROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZA BECCACCE DI BEFANA CACCIA, FASE DUE PROVOCAZIONI DI FINE D’ANNO RICERCA RICERCA SPIGOLATURE DI NATALE Dai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONE NON ERA AMORE Finalmente autunno Il paradosso dell'Ispra IL PIANETA DEI CACCIATORI Le caste animali A CACCIA ANCHE DOMANI A CACCIA SI, MA DOVE? ORGOGLIO DI CACCIATORE Per il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIA APRE LA CACCIA! Amico cacciatore, guarda e passa Riforma sui Parchi in arrivo? E i cuccioli umani? MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATE LA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenza Il Pointer e la caccia Col cane dalla notte dei tempi Contarli, certo, ma come? Questa è una passione! IL PENTOLONE LA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE NON SOLO STORNO QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI La lezione di Rocchetta di Vara BASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITI CORONA L'ERETICO Cacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medaglia Deroghe: non è una missione impossibile AMBIENTALISMO E' CULTURA RURALE Sei il mio cane ALLE RADICI DELLA CACCIA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIA COME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA... BOCCONCINI PRIMAVERA CACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERE COMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIO QUESTIONE DI CALENDARIO LA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIA PRENDIAMO IL MEGLIO BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA TUTTI A TAVOLA RIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRE LA CACCIA SERVE. ECCOME! METTI UNA SERA A CENA Urbanismo e Wilderness: un confronto impari CONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEET GIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANI IL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in Italia Accade solo in Italia? L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza FRA STORIA E ATTUALITA' Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro “Solo” una passione Tra ideologia e strategia politica IL CATALOGO E' QUESTO TORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTO DA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro Brambilla Italiani ignoranti della caccia CACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNA Ed il giorno arriva DEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE! PRE-APERTURA DI CREDITO Domani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONE Alcune riflessioni sulla caccia in Italia Divagazioni per una rivoluzione culturale La senatrice Adamo va alla guerra PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci) Calendari venatori. Le bugie degli ambientalisti Un'arte chiamata caccia AREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLA Animalismi e solitudini In un vecchio armadio STAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODO Belli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI! Ieri, mille anni fa, io caccio Cosa mangiano gli animali degli animalisti? SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA MOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVO ORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICO Aerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo” ALL'ARIA APERTA! Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIA IPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOI IN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA! RIFLESSIONI DI UN PEONE IL PAESE PIU' STRANO DEL MONDO Fuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALE E Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTO L'Enpa insulta i cacciatori SELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIA America: un continente di vita selvaggia LA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezione LA CACCIA COME LA NUTELLA? LUPO, CHI SEI? Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no? TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGE A caccia con L'arco... A caccia con la storia... Interpretazioni e commenti di nuova concezione 10 domande ai detrattori della caccia IL BRIVIDO CHE CERCHIAMO La caccia come antidoto alla catastrofe climatica Per una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNARO CONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIA Caccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perduta Allarmismo e vecchi trucchetti Ancora Tozzi ? REALISMO, PRIMA DI TUTTO Le invasioni barbariche APERTURA E DOPO. COSA COME QUANDO Piombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquatici Di altro dovremmo arrabbiarci I GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecnici Un rinascimento ambientale è possibile Gelosi e orgogliosi delle nostre tradizioni LA CACCIA SALVATA DALLE DONNE? Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars Venandi Tutto e il contrario di tutto DALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO... IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATO La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova Tutti insieme... magicamente Ambiente: una speranza nella caccia SOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTA La Caccia ha bisogno di uomini che si impegnano LA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDO Il capanno: tra architettura rurale e passione infinita DONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANA EUROPA EUROPA VICINI ALLA VERITA' Beccaccia sostenibile CACCIA E SOCIETA' Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNI PARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidato CACCIA ALL'ORSI ORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORI UN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORI Ridiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevole Il cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia. 157: PENSIERI E PAROLE MA COS'E' QUESTA CACCIA? 157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONE MIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARE CINGHIALI CHE PASSIONE La cultura cinofila ATC DIAMOCI DA FARE Il vitello che mangi non è morto d'infarto! Ripensare la caccia? PER UN FUTURO DELLA CACCIA QUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONA PUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAM Un nuovo corso per gli ungulati Siamo noi le Giubbe Verdi Ruralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina La caccia secondo Giuliano, umorista de La Repubblica Questa è la caccia Il cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumi La cinegetica e la caccia col cane Gestione e tradizione BASTA TESSERE AMAR...TORD E il beccafico perse la via del nord Dimostriamo credibilità Apertura passione serenità editoriale - Fucili italiani come le ferrari Orgoglio di Cacciatore I Tordi e le Beccacce La Caccia è Rock

Editoriale

Calendari venatori: si riparte


lunedì 30 marzo 2015
    

Sui calendari venatori è già battaglia. Tanto è vero che le associazioni ambientaliste, ormai sempre più animaliste, da settimane hanno iniziato la loro martellante opera di logoramento. Ringalluzzite da ciò che è successo alla fine della scorsa stagione venatoria, ovvero il Ministro dell'Ambiente che si comporta come fosse un militante della Lac e approfitta di una richiesta di informazioni dall'Ue per anticipare la fine della stagione di caccia in sei regioni dissidenti, quest'anno non si sono date freni, chiedendo la chiusura anticipata a tutto ciò che vola, se proprio non è possibile evitarne l'apertura.

Se pensate che sia un'esagerazione, avrete di che ricredervi. Tanto per essere chiari, si chiede l'esclusione dalla lista dalle specie cacciabili delle 5 classificate da Birdlife come SPEC 2 (pernice rossa, coturnice, pavoncella, combattente, moriglione) e delle 14 specie come SPEC 3 (fagiano di monte, pernice sarda, starna, canapiglia, moretta, codone, mestolone, marzaiola, beccaccino, frullino, quaglia, beccaccia, tortora e allodola), argomentando il fatto che sono necessari piani di gestione e che in assenza di questi, la caccia debba di fatto essere vietata. Falso. E smentito ripetutamente dai Tar. Le altre richieste: chiusura al 31 dicembre per beccaccia, al 10 gennaio per tordo bottaccio, sassello, cesena; al 20 gennaio per folaga, combattente, germano reale, alzavola, codone, canapiglia, marzaiola, mestolone, moriglione, moretta, beccaccino, pavoncella, porciglione, gallinella d’acqua, frullino. E già che c'erano, apertura generale della stagione venatoria al 1° ottobre, per evitare ogni forma di preapertura. Il plotone anticaccia vede schierate questa volta Lipu, Wwf, Lav, Lac ed Enpa, assente quindi Legambiente (forse il primo [benefico?] effetto dell'accordo con il mondo venatorio?).

A scrivere la letterina di desideri impossibili non è la Lega per l'abolizione della caccia ma la Lipu a nome di tutte le altre, che, vale la pena ribadirlo, in Italia è rappresentante di Birdlife International, niente meno che l'organizzazione ambientalista che, sulla base delle tante evidenze scientifiche disponibili, fa accordi a livello europeo con la FACE, concedendo periodi di caccia lunghi anche quattro mesi alle specie che qui si vorrebbero off limits. Quella Lipu, che riferisce in questi giorni di almeno 200 milioni di uccelli migratori in arrivo sul nostro paese e del calo numerico di tutti gli uccelli tipici delle aree rurali (su 28 specie tipiche dell’ambiente, 14 sono in sofferenza, tra cui i passeri, l’allodola e la calandrella, queste ultime due negli ambienti pseudo steppici), spiegandone anche i motivi: perdita degli habitat, agricoltura intensiva e cambiamenti climatici. Caccia, come al solito non pervenuta, dato che tutte le specie sottoposte a pressione venatoria sono anche in buono stato, o comunque non stanno male come decine di specie che nessuno tocca da decenni. C'è poi Wwf, guidata dall'incoerenza sfacciata di Donatella Bianchi, passata d'amblée dai banchi di pesce che boccheggia di Linea Blu ai comunicati animalisti.

Perchè hanno alzato il tiro? E' presto detto. Se fino ad ora a giudicare il buon operato delle Regioni nel discostarsi dalla Guida Ispra c'è stata la giurisprudenza amministrativa (Tar), che ha dato quasi sempre ragione a quest'ultime, ora, grazie alla denuncia italiana fatta all'UE, sfociata in un caso Eu Pilot, e in un perentorio atto del Governo, pensano di aver vinto la partita. Ma non hanno fatto i conti con la determinazione delle Regioni (Liguria e Umbria hanno già deliberato disconoscendo il potere sostitutivo del Governo), e con tutti i nodi che stanno venendo al pettine, portati a galla dalle cause che il mondo venatorio ha attivato per ristabilire la verità.

Per esempio la chiara omissione di Governo e Ispra circa la possibilità, difesa dalle Regioni, di discostarsi dai Key Concepts nazionali (mai aggiornati dal 2001), grazie all'uso del paragrafo 2.7.10 della Guida alla disciplina della caccia della Direttiva Uccelli, oggetto anche della causa dell'Atc Gr8 e dello studio Bruni di Firenze. Quella causa tira in ballo direttamente la Francia per evidenziare la violazione del Diritto dell'UE, non da parte dell'Italia, ma dei cugini d'Oltralpe, che hanno utilizzato lo stesso parametro concesso anche dai Tar italiani (e dai Consigli di Stato). E cerca quindi implicitamente, ma neanche troppo, di smascherare i responsabili di questa ingiustizia subita dall'Italia, visto che verosimilmente la Francia non subirà alcuna infrazione per colpa dell'Atc grossetano e che allora il confronto tra i due paesi, dal momento che la Francia non viola la Direttiva, sarà inevitabile.

Sin dall'inizio la direzione fauna selvatica di Ispra è stata responsabile di uno squilibrio di fondo tra la caccia italiana e quella europea, avendo utilizzato metodi vetusti (per non dire falsati) per il calcolo dei Key Concepts nazionali, ed è per questo motivo, e appellandosi proprio a queste determinazioni, che il mondo venatorio italiano subisce dal 92 una situazione eccessivamente restrittiva per tempi e specie. Occorre ricordare che Ispra, per dovere istituzionale (lo dice la 157/92) dovrebbe fornire pareri sulla base di dati aggiornati di anno in anno e non redarre una guida ogni tanto, come è stato fatto nel 2009 e mai più. Eppure (fino a ufficiale smentita, che non arriva) risulta addirittura che il Ministero avrebbe preferito inviare alla Commissione UE proprio la guida del 2009, che non ha alcun valore, piuttosto che le motivazioni scientifiche delle Regioni, basate sui più recenti dati disponibili. Dati provenienti da Università e centri accreditati, e di recente pubblicati su riviste scientifiche (vedi tordi Lazio di Avifauna Migratoria Fidc). Ad Ispra basterebbe un uso coerente dei propri studi, visto che arriva ad ignorare i propri aggiornamenti sulle ricatture, che dimostrano per esempio l'inizio della migrazione primaverile a febbraio per le cesene.

Ispra e Ministero dell'Ambiente, dai tempi dell'Infs, emettono pareri politici sulla caccia. Lo dimostra il fatto che fino al 2010 Ispra considerava corrette le date di chiusura della caccia a turdidi e acquatici al 31 gennaio. Come ha fatto a cambiare idea se da allora non ci sono stati aggiornamenti sui dati relativi alle migrazioni e non c'è stato alcun cambiamento della Direttiva Uccelli sui Key Concepts? Perchè Ispra continua ad omettere la possibilità, contemplata dalla direttiva di utilizzare dati regionali a supporto di scelte difformi dagli stessi Key Concepts? E perché il Ministero dell'Ambiente non ha mai menzionato le tante sentenze che hanno confermato la corretta applicazione della Direttiva Uccelli (e della legge 157) da parte delle Regioni? Probabilmente perché allora si sarebbe resa chiara l'illegittimità dell'utilizzo del potere sostitutivo per chiudere in anticipo la caccia, anziché portare semplici informazioni su come e perché è stata applicata la legge da parte dell'Italia.

E' su questi argomenti che si basa il ricorso presentato al Tar del Lazio da Fidc, Anuu Migratoristi Arcicaccia, Enalcaccia contro l'uso del potere sostitutivo da parte del Governo (mentre la Libera Caccia ne ha presentato un altro relativo alla Regione Toscana). A presentarlo, anche qui, è lo studio Bruni Morbidelli di Firenze, che, in un lavoro coerente con la denuncia all'Ue, cerca il riconoscimento della validità dei calendari venatori della scorsa stagione, e di ristabilire l’autonomia costituzionale delle Regioni. Di fronte a queste evidenze d'ora in poi c'è da augurarsi che sia sempre più duro per l'istituto nazionale di ricerca ambientale nascondere la propria schizofrenica condotta nei confronti di tutto ciò che riguarda la caccia.

E alla Lipu, rappresentante in Italia di Birdlife International, raccomandiamo di rapportarsi un po' più organicamente ai documenti ufficiali che qui, gratuitamente, rammentiamo.

Cinzia Funcis
 
 
 

Leggi altri Editoriali

35 commenti finora...

Re:Calendari venatori: si riparte

Pani, se un ti sbrighi arrivi dopo i fochi. Te l'hanno detto che su codesto fronte, che peraltro è casa tua, c'ha già pensato gente ben più preparata di te della marzalli e s Di Sparvoli messi insieme?

da google 06/04/2015 23.28

Re:Calendari venatori: si riparte

Pani,ma ancora con ste panzane di ricorsi a cui credono solo i 4 gatti dello svi ??se foste stati credibili visto che sono più di due anni che imperversate con comunicati inconcludenti su ogni portale avreste dovuto avere dei consensi che invece i numeri inesorabilmente vi negano.la mazzali??ma chi quella che tenta di vestirsi da caccia con gli stivali da equitazione con estention e le unghie ricostruite per andare al night col PDA sportivo??su via avete proprio voglia di rendervi ridicoli....perfetta disamina franceschiello

da Hulko 06/04/2015 19.19

Re:Calendari venatori: si riparte

Franceschiello io conosco Barbara Mazzali e non conosco te che nell'anonimato parli di "manovrine" atte a portare consenso alla sua presunta e mai per ora dimostrata campagna di consensi per farsi eleggere in non so quale parlamento o consiglio.Vedi, c'è chi ci mette la faccia e cerca di portare a casa qualcosa e poi ci sono gli spettatori che insinuano a cavolo interessi personali che,ove ci fossero,sarebbero concidenti con l'interesse generale dei cacciatori italiani.Ti preannuncio che stiamo studiando come SVI Lazio una azione legale contro la Regione Lazio che ha chiuso la caccia al 20 gennaio ai turdidi con decreto formato il 29.12.2014,circa un mese prima del famigerato decreto Galletti.Con tale azione si chiederà alla Regione la restituzione dei giorni " non goduti" a gennaio e a settembre per il colombaccio,in una specie di gioco delle tre carte con la quale Via della Pisana prima ha emesso un calendario venatorio in base al quale i cacciatori hanno pagato tasse e balzelli e poi a metà del guado ha cambiato le carte in tavola per i turdidi e per il colombaccio,la cui caccia è cominciata il 2 ottobre in previsione del posticipo di febbraio poi non concesso.Chiederemo un cotributo economico a tutti i caciatori,attivando anche il tesseramento SVI,contributo che servirà a ricordare alla la regione nelle aule giudiziarie i propri doveri:Mi aspetto anche il tuo contributo operoso al di là delle chiacchere e delle insinuazioni

da a.pani 05/04/2015 15.46

Re:Calendari venatori: si riparte

Ottima Cinzia come sempre, bravissima. ... x tutti gli altri e altre valga l'eccellente analisi di Franceschiello che non poteva essere più lucida. .. poi ciascun la pensi come vuole!

da massimo marracci 05/04/2015 11.27

Re:Calendari venatori: si riparte

leggo con molto piacere che una donna scriva per il mondo della caccia e con molto piacere leggo anche che è molto brava, chiara, precisa e molto informata. Veramente un sacco di complimenti.

da Vinix 04/04/2015 10.41

Re:Calendari venatori: si riparte

Spartano condivido, ma di fondo gli ATC non possono gestire la fauna come si dovrebbe proprio perchè la fauna è patrimonio dello Stato, in Europa e nel Mondo come sicuramente sa la fauna stanziale e migratoria cioè tutto quello che vive, sosta e transita sulla terra del proprietario terriero e direttamente lui il proprietario e responsabile, anche dei dei danni e non solo. Quindi il proprietario nel rispetto delle leggi che sancisce la gestione e prelievi, il proprietario senza cavilli burocratici, politici e politicanti, verdi e verdini e o animalisti e ambientalisti vari, attua i prelievi e il contenimento, e non per ultimo è fonte di reddito.

da Stefano De Vita 03/04/2015 13.28

Re:Calendari venatori: si riparte

Ho letto sulla pagina Facebook della Mazzali un nutrito contraddittorio frai suoi più o meno fans. L'andazzo che contraddistingue il dibattito è che lei, la Mazzali, sollecita a tutti approfondimenti. Il che fa pensare, dato che mette il "mi piace" a tutti a al contrario di tutti, che non avrebbe un'idea sua e che sposa ora questa di Pani, ora quella di Bosio, ora quella di Proietti (che è il più assennato, fra quelli) per acquisire adesioni che poi probabilmente utilizza per le sue manovrine che - come rileva soprattutto Proietti - non ottengono nulla, tranne il mantenerla sull'onda del consenso da parte dei suoi quattro gatti in fregola permanente. La verità è che abbiamo bisogno di unità e che l'unità si raggiunge con la mediazione, cosa che nè lei, nè Berlato, nè Sparvoli, cercano, perchè nel numero (e nelle idee perseguibili: inutile fare proposte che si sa già che non troveranno consenso), loro sarebbero tutti insieme una realtà insignificante. D'altra parte, anche leesperienze "parlamentari" che la signora vanta, passano attreverso la mallevadoria di tale senatore Carrara, che fu eletto nelle liste di Di Pietro e il giorno dopo l'insediamento in Parlamento - così mi pare di ricordare, ma se non è così sono prontissimo ad allinearmi - passò armi e bagagli nelle truppe del Berlusca, di cui facevano parte del resto anche Berlato, la Brambilla e i soliti furboni che non distinguono le insegne che hanno sulla casacca, anche perchè la cambiano spesso, come ci dicono le cronache. Infatti, uno su quattro, in questa legislatura, l'hanno fatto, spesso passando col presunto vincitore del momento. La sostanza, putroppo, è che i nostri dirigenti, a qualsiasi livello, chi più chi meno, contribuiscono a rendere attuale il motto che regola la nostra vita di tutti giorni. Quel motto, che ancora prima dell'unità d'Italia così cantilenava: "..o Francia o Spagna, purchè se magna"

da Franceschiello 03/04/2015 10.28

Re:Calendari venatori: si riparte

Sig De Vita,la politica,forse,un tempo era corretta,diversa,scevra da meccanismi clientelari,fondata sull'equilibrio delle cose e delle persone. Oggi e' un siparietto crepuscolare, e "arrogante".La 157,oggi con la riforma di assetto degli atc sul modello toscano a scaricato agli atc il peso economico e gestionale del sistema per non aver piu'problemi con assesti di bilanci.Non fornendo piu' l'erogazione economica agli atc,(danni ecc,) gli stessi provvedono aumentanto la quota economica d'iscrizione, per bilanciare la perdita.Anche se giuridicamente resta "caccia sociale" di facto, economicamente e' privata,visto che siamo noi a bilanciare la perdita di soldi statali..Cosa cambia da una azienda oggi? Nulla? ATC tra qualche anno avranno, costi molto vicini a quelli diuna riserva o di un viaggio all'estero.A quel punto due son le ipotesi,o ste forme di atc moriranno di consunzione(e per forsa di cose si potrebbe tornare a una sorta di 968 senza atc),o si fonderanno tra loro x recuperare la naturale perdita di flusso economico...con ungulati che balleranno la tarantella e moriranno di vecchiaia.

da Spartano. 03/04/2015 10.01

Re:Calendari venatori: si riparte

animalisti=merde

da beone 02/04/2015 18.17

Re:Calendari venatori: si riparte

Comunque X Spartano - ovviamente con l'attuale legge è chiaro che la caccia non potrà essere gestita privatamente come il resto d'Europa, di fatto la caccia sociale come nel nostro paese è un fallimento ed è sotto gli occhi di tutti. quindi se siamo in Europa che Europa sia per tutto. Quindi piena e corretta applicabilità delle Direttive comunitaria e sistema gestionale europeo. comunque a mio avviso nonostante le mille ragioni che abbiano, la politica farà in modo che sia sempre così, compreso pure per i KC, i calendari e tutto il resto. Manca la volontà politica.

da Stefano De Vita 02/04/2015 15.29

Re:Calendari venatori: si riparte

Quanta verità nelle parole di Paolo... Bello lo spunto di Cinzia ma che purtroppo resterà tale, vale a dire un semplice spunto, in grado di muovere i pensieri della gente e l'operatività degli addetti a legiferare, al pari di una "chiacchera da bar". Risultato, nulla di fatto. Come sempre del resto....

da Albertone 01/04/2015 17.33

Re:Calendari venatori: si riparte

Quanta verità nelle parole di Paolo... Bello lo spunto di Cinzia ma che purtroppo resterà tale, vale a dire un semplice spunto, in grado di muovere i pensieri della gente e l'operatività degli addetti a legiferare, al pari di una "chiacchera da bar". Risultato, nulla di fatto. Come sempre del resto....

da Albertone 01/04/2015 17.33

Re:Calendari venatori: si riparte

Il fiasco!, il fumo!, le pastiglie !!!!! tutta roba che fa male !!!!anche se nel pentolone non c'è nulla. Con tutti i problemi del paese tanto prima o poi si affonderà, i problemi sono questi, gli extra comunitari a 1300 € al mese alla faccia di quegli italiani che muoiono di stenti!!! CHE VADANO TUTTI A MORI' AMMAZZATI! O MEGLIO " A FA NCULO A PASSO DI LEPRE, tanto per rimanere in tema.

da falco 30/03/2015 19.22

Re:Calendari venatori: si riparte

Ma cosa ne capisce la mazzalli...nulla...moltiplicato nulla uguale nulla....

da vien dal mare. 30/03/2015 18.34

Re:Calendari venatori: si riparte

"Ma non hanno fatto i conti con la determinazione delle Regioni"...io che sono piemontese vedo una Regione determinatissima difatti...a chiudere l'intera stagione per alcune specie così a cazzo, senza dati scientifici (vedi lo scorso anno pernice bianca e lepre variabile) ed a parchizzare tutto il parchizzabile.

da 100%cacciatore 30/03/2015 18.34

Re:Calendari venatori: si riparte

la Mazzali si fa publicita' cerca forse una sedia

da piero roma 30/03/2015 18.23

Re:Calendari venatori: si riparte

mazzali chi?

da cacciatore umbro 30/03/2015 17.44

Re:Calendari venatori: si riparte

Venerdi scorso in una riunione dell'ANLC a SPOLETO,la Mazzali ha affermato erroneamente o appositamente,che anche LEGAMBIENTE era firmataria della richiesta di chiusura delle 17 specie sopracitate ed il relatore della serata ha affermato che ANLC era stata la prima ad aver fatto il ricorso al TAR del LAZIO (giustamente) e forse l'unica (erroneamente) svegliatevi cacciatori.

da hunter 30/03/2015 16.30

Re:Calendari venatori: si riparte

E VOI CONTINUATE PURE CON LA MAZZALI, BRUTTA COPIA PURTROPPO DELLA CARRETTA. CHE NON SA PIù A CHE SANTO VOTARSI PER SPIEGARE E RACCONTARE COSE DI CUI NON SA ASSOLUTAMENTE NIENTE. SOLO SPARVOLI LE DA' ANCORA RETTA. O E' LEI CHE DA RETTA A SPARVOLI? CHISSà CHI CE L'HA QUESTA VOLTA IL FONOFILL. GARA DURA. EPPURE, DI DONNE COMPETENTI COME CINZIA CE NE SONO TANTISSIME. GIOVANI E MENO GIOVANI, PREPARATE, SENSIBILI, RIFLESSIVE. SAREBBE L'ORA CHE QUALCUNA DI QUESTE SI DECIDESSE A PRENDERE LA BANDIERA E A TRASCINARE LE SINGOLE ECCELLENZE IN UN MOVIMENTO ORGANIZZATO. NON CE NE SAREBBE PER NESSUNO.

da Tramaglino 30/03/2015 15.39

Re:Calendari venatori: si riparte

Brava, brava Cinzia , come al solito concretezza , capacità di analisi e sintesi. Forse è questo il problema della caccia in Italia, Troppi uomini che ragionano poco.

da W le donne 30/03/2015 15.07

Re:Calendari venatori: si riparte

Semplice, chiara, difficilmente, anzi, alla "Cetto", "impossibilmente" confutabile. Cinzia Funcis c'è! :-) P.S.: Condivido la proposta di Toni, subito qui "sotto" espressa.

da Ezio 30/03/2015 14.51

Re:Calendari venatori: si riparte

Complimenti sig. Cinzia...e PC.(per conoscenza) al ministero dell'ambiente ???

da Toni el cacciator 30/03/2015 14.41

Re:Calendari venatori: si riparte

hunt 67..il discorso e' lungo,politico,e molto antipatico.....Il decreto galletti ha esaurito i suoi effetti al 30 di gennaio.Alcune regioni hanno disconosciuto il proprio operato.Altre oggi se ne fregano allegramente..e fanno bene.anche perche' son provvedimenti relativi a un precedente atto amministrativo. I dicasteri devono far uscire dal pantano kc, l'ente,sono entrambi in grandi difficolta...ci son verita ormai consolidate,non piu' celabili, con la scusa "l'europa lo chiede" hanno tentato una tarantella europea visto che in Italia non la spuntano piu con i tar...su via..Neanche mio nipote di 9 anni gli crede!!!

da Spartano. 30/03/2015 13.07

Re:Calendari venatori: si riparte

Sulla faziosità dell'ispra non abbiamo dubbi e la Sig.ra Funcis in maniera garbata (e determinata) ne ha fatto menzione. Eppure credevamo che con l'avvento di un politico molto giovane certe forme che appaiono proprio corrotte potessero venire (finalmente) meno. Invece proprio uno dei ministri di questo Governo ci ha molto delusi. Non possiamo che auspicare una risposta che definitivamente derima queste beghe (ricorsi al Tar) ma noi tutti, e dovremmo saperlo fare unitariamente, dovremmo condurre una contrapposizione che non si stanchi di far fare pessime figure a quei governanti di parte e tecnici millantatori.

da Giuseppe da Roma 30/03/2015 12.42

Re:Calendari venatori: si riparte

Mi complimento con Cinzia Funcis ce ne sarebbero almeno una decina come lei. Comunque tanto per mantenere fresche le memorie, con dei buoni avvocati e ripeto buoni avvocati, ce ne sarebbe da mandare qualcuno disoccupato e cambiare i KC con provvedimento immediato da parte della CE, ma tant'è... Cordialità

da jamesin 30/03/2015 12.31

Re:Calendari venatori: si riparte

Mi permetto di sottolineare un aspetto bizzarro a dir poco ma sicuramente in contraddizione  con quanto veniva affermato poco piu di un mese fa a seguito dell incontro tra le 6 regioni che non accettarono la richiesta di chiusura anticipata al 20 e i ministri galletti e martina richiesto dalle regioni proprio per far chiarezza e ribadire il loro buon operato, vedasi http://www.regione.marche.it/Home/Comunicazione/ComunicatiStampa/Comunicato.aspx?IdNews=24650  . A seguito dell incontro alcune frasi di seguito riportate da uno dei rappresentanti regionali partecipanti (Paola Giorgi - Marche) quali ad esempio “Si è aperto un confronto costruttivo con il governo nazionale" oppure  "  I ministeri si sono dimostrati disponibili alle richieste degli assessori regionali"... etc  facevano presupporre ad un inaspettato rientro e apparentemente risoluzione di una palese anomalia ma soprattutto il non ripetersi della stessa. Ciò premesso mi permetto pero di voler far chjarezza su una frase  di questo editoriale ossia "...Ma non hanno fatto i conti con la determinazione delle Regioni (Liguria e Umbria hanno già deliberato disconoscendo il potere sostitutivo del Governo)..." vera nella sostanza ma non nei fatti poiché la regione aveva deciso per una chiusura al 20 e solo per la volontà  e caparbietà  di un assessore cacciatore dopo 4 ore di discussione e ostruzionismo ha dovuto  declinare al 31. Si direbbe quindi che l opinione galetti in poco piu di un mese si sia trasformata in legge. In attesa che venga formulato anche il calendario delle marche vorrei a questo punto poter meglio comprendere quali  fossero gli aspetti ritenuti positivi di quell incontro

da HUNT 67 30/03/2015 12.00

Re:Calendari venatori: si riparte

Ottimo Cinzia, questa volta su questi argomenti dovranno chiarire se l'Italia è parte della comunità europea o assoggettata al continente africano. Altro punto non menzionato ma egualmente importante è la depenalizzazione dei piccoli reati venatori. Non dovremmo nemmeno parlarne , se si pensa che in Italia oramai solo l'omicidio volontario è perseguibile penalmente e ancora nulla si è fatto per modificare una legge (la 157/92)che in materia di sanzioni penali e amministrative equipara i cacciatori alle brigate rosse( anche se quelle erano appoggiate da una parte dello stato). Basta litigare fra di noi e basta immobilismo delle AAVV, semplicemente è ora di riprenderci un pezzo di storia che proietterà tutti in un futuro migliore. Non sono il primo a dirlo ma da sempre ci credo .... La caccia è una risorsa non un problema .

da P.G. 30/03/2015 11.44

Re:Calendari venatori: si riparte

AD OGNI PRESENTAZIONE DI RICORSO DOVREBBERO PAGARE UN VERSAMENTO FISSATO SULLA BASE DEI TEMPI E DEI MODI, TUTTO A PRESCINDERE DELL'ESITO, ALLORA SI CHE QUALCHE ASS. ANIMALISTA FAREBBE MARCIA INDIETRO SUBITO; TANTO VIVONO SOLO DI SOLDI CHE LO STATO E NOI CACCIATORI VERSIAMO SULLA NOSTRA PELLE.MEDITATE NON E' UNA COSA POI COSI' INIMMAGGINABILE

da PICO 69 30/03/2015 11.41

Re:Calendari venatori: si riparte

le oche le sparano le gaurdie a Bologna "piano di controllo"

da Geppo 30/03/2015 11.14

Re:Calendari venatori: si riparte

Pietro la cosa buffa,sulle oche,e' che sono presenti nell'allegato per l'Italia,come il piccione selvatico e la pettegola..Ma non cacciabili nella 157.... Paolo la 157 e' una forma mista di caccia, semi-privata..Non cambierebbe nulla.

da Spartano 30/03/2015 10.03

Re:Calendari venatori: si riparte

Può essere, Pietro, che Bighunter lo faccia proprio per ricordare che è una vergogna che i cacciatori italiani debbano andare a caccia all'estero per avere soddisfazioni venatorie nei confronti di una specie che in alcuni paesi (anche d'Europa, ma non solo), sono considerate di un qualche danno? Oltre ad avere una carne pregiata, delizia dei palati di molti gourmet.

da G. Marchesi 30/03/2015 10.01

Re:Calendari venatori: si riparte

Come scena sul titolo, un branco di oche, sono protette solo in Italia, e vengono mostrate quasi sempre, vergogna.

da Pietro 30/03/2015 9.17

Re:Calendari venatori: si riparte

Ma come mai non danno la colpa hai per pesticidi?ce stata tempo fa una discussione sui veleni tossici la cui commissione europea ha nascosto tutto o bruciato tutto.perché LIPU WWF BirdLife etc non incalzano questa truffa? Forse perché dietro c'è un giro di soldi? Hanno citato alcune specie in estinzione nemmeno cacciabili,hanno detto delle colture intensive,del troppo cemento,ma colpa ricade sempre su noi cacciatori.raccogliamo bossoli,almeno io cerco di tenere il più pulito possibile facendolo anche per gli altri e per non avere problemi ma non serve a niente.Penso proprio che sia arrivato il momento che qualcuno con le PALLE sempre se a questo mondo esiste faccia qualcosa.Ma non per noi cacciatori anche per le cazzate dette da queste persone e per le figuracce che facciamo con gli altri paesi.

da simo 30/03/2015 9.16

Re:Calendari venatori: si riparte

LEAST CONCERN. CHE DOVREBBE DIRE: SENZA ALCUNA PREOCCUPAZIONE http://www.birdlife.org/datazone/ speciessearchresults.php?cty=105&cri=LC&rec=N&vag=N&hdnAction=ADV_SEARCH Vorrei inserire la Lipu nella lista delle specie a rischio di estinzione. In testa alla lista, Mamone Capria. Soprattutto se continuano a ignorare la realtà.

da LIPULIFE 30/03/2015 8.57

Re:Calendari venatori: si riparte

troppi ambientalisti potenti. Nessuno abbraccia più la nostra causa ( siamo sempre di meno) anche le fabbriche delle armi preferiscono l'estero ( meno problemi). siamo soli, malvisti, abbandonati e non facciamo altro che litigare tra noi. Cinzia i calendari sono lo specchio della nostra società che in Italia è allo sfacelo in tutti i sensi proprio mentre la Ducati , Valentino e la Ferrari mostrano il meglio del PRIVATO IN ITALIA. dove c'è stato c'è inganno e INCOMPETENZA totale. Cinzia ma ci pensi se la caccia in Italia fosse PRIVATA quanto staremmo meglio tutti con un calendario unico nazionale suddiviso tra nord , centro e sud e isole. Un licenza nazionale e una gestione SERIA di TUTTE LE FORME DI CACCIA. la caccia sociale ha fallito e sarà sempre peggio.Ovviamente, parlo sopratutto per i cacciatori di migratori

da Paolo 30/03/2015 8.51