Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Rifacciamoci la boccaLa natura nel mondo delle fiabeDa ieri a oggi. E domani?Uno scatto d'orgoglio per recuperare rispettoLa bellezza salverà il mondoDove vai, se la caccia non ce l'haiNell’anno delle allodole*Tutela biodiversità? Ben venga!Diamoci da fareIeri le tortoreA caccia, ieri, oggi, domaniKC. La scienza bizzarraCaccia futura - Parte l'iniziativa BigHunter "Io ci sono!"L'animalista antiscientificoProviamoci, almenoEmergenze o indulgenze?Forza ragazzi! Forza ragazze!Moriglione, pavoncella e la polvere sotto il tappeto Ambientalisti in discesaLa giusta battaglia dei circhiIl pane … e la cacciaCacciatori e piccoli passiGli animali sono animaliAvanti tutta in EuropaAmbientalista? Sì, cacciatore!QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMOSelvaggina, la via della filieraGiovani. Cacciatori. NaturalistiEuropa Europa!Padule di Fucecchio. Fatti non p.Diamo una mano alla starnaTornare ai tempi della naturaRitorniamo al mitoGreta e la terra I Restoni non sono “quelli che restano”Riprendiamoci la naturaDiscorso sulla coturnice, ma non soloLa piaga dei ParchiBentornata ExaHorror naturaProvocazioni e fermezzaMaestra montagnaSPORT O PASSIONE?Un contratto a uso del manovratoreCol cinghiale al casello, ma non soloCinghiale. Il ricercatore svela la bufalaCambiamenti climatici e migrazioneScelta di campo e arie partenopeeIl nostro futuro è in EuropaLa mia Flyway è differenteIl futuro potrebbe essere la gestione adattativa?Un amoreAmbientalismo de noantriAria fresca e un pensierino alla SerraIl caso Leopold LipuUna sbiadita stellaViva la caccia!Questione di passioneIl mondo che verràIl senso della Lipu per i passeriArmi. Le nuove regoleSi va per l'aperturaLa tentazione di riprovarciIncendi. Il presente, il futuroAmbiente. Vogliamo parlare dei Parchi?SOGNO DI UN'ELISA DI MEZZA ESTATELa nostra frontieraCerusici e norciniSaggezza cinotecnicaUn ministro smarritoMa dov'era la Lipu quando ci rubavano gli habitat?E se si ripartisse dalla pernice?ISTINTO VENATORIO DEL CANE DA FERMAAntibracconaggio, a che punto siamo?Nuovo Governo. Un limite, un'opportunitàCronaca di una passioneDotti, medici e sapientiDiamoci una mossaE' giusto essere amici degli animali, ma oggi è meglio difendere gli uominiOrnitologo sarà lei! - Ornitologia “accademica” vs. Ornitologia “venatoria”Battistoni. Ambientalista cacciatore, con un occhio alla migratoriaEmozioni di una capannistaBruzzone, è ora di riformeCaccia richiamo profondoCalo uccelli e agricoltura. La resa dei conti Le visioni di lupo Gianroberto e i tre grilliniAttesaVaghe stelle del sudLa caccia come la vedo ioELEZIONI 4 MARZO: CHI VOTARE E CHI NOUn primato sconosciutoLa carica degli ungulatiIl sabato del cacciatoreSpeciale elezioni: Un voto per la cacciaAndare a votare e votare beneOH QUANTE BELLE FIGLIE...A testa altaDella beccaccia e del suo patrimonioCi vuole più coraggioDove va la caccia secondo SimonaDove va la caccia? "Lo decidiamo noi"A futura memoria per l'umanità di domaniIl futuro dipenderà da noiInsostenibili sarete voi!Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIOrsi, sono troppi?L'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?E GALLETTI FECE IL SORDOLA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaEUROPEI A META'Donne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

Nell’anno delle allodole*


lunedì 30 settembre 2019
    

 
 
Tra la narrativa venatoria francese di fine Ottocento, ho trovato un pittoresco racconto di caccia alle allodole. Nel racconto, si narra che nel 1887 si verificò un giorno di passo di allodole talmente eccezionale per la sua intensità da essere considerato un vero e proprio evento biblico, uno spettacolo della Natura di non comune evenienza.

Il racconto si snoda sull'avventura di un giovane appassionato cacciatore e tutto inizia, quando questi rovistando in soffitta tra gli oggetti di caccia del nonno, trova un diario della sua vita venatoria; leggendo avidamente le pagine dell’avo, si accorse che anche il nonno, come lui aveva innata una forte passione per la caccia al capanno alla piccola selvaggina migratoria e come lui, aveva spesso unito alla caccia un profondo studio sulla biologia e sulle abitudini degli uccelli. Anche il nonno scorrendo le polverose pagine dei libri antichi del secolo precedente, aveva appreso fatti interessanti, scoprendo come alcuni autori nel corso della loro vita di appassionati seguaci di Diana avessero notato e verificato una strana e accertata ciclicità nel passo dei piccoli migratori e in particolare delle allodole.

Il diario ifatti riferiva nelle sue pagine come il nonno avesse constatato a sua volta che le annate del 1821 e 1854 furono due anni di passo eccezionale per le allodole e ottimo per le pispole, le calandre e gli strillozzi, poi a queste due annate da lui vissute e quindi verificate di persona si aggiungeva “per sentito dire” il 1788, anno in cui in base ai racconti tramandati dai vecchi cacciatori francesi, in Camargue, sarebbero state compiute eccezionali catture notturne di allodole e pispole cacciando con le reti, il campano di bronzo ed i fanali ad acetilene.

Questi dati tratti dal diario del nonno allertarono il nostro giovane scrittore e cacciatore che constatata subito una ciclicità di 33 anni tra le annate eccezionali sopra riportate si preparò per l’incipiente anno 1887 procurandosi una ottima doppietta a spillo Lefechaux calibro 16 e un paio di migliaia di cartucce con pallini del. N. 10 francese ( circa il nostro n. 11).

Il giovane signorotto completò la sua preparazione alla caccia facendo approntare in una larga attentamene selezionata, un basso capannello di canne palustri e falasco accuratamente costruito dal suo contadino dentro un fossetto di scolo e facendogli inoltre addestrare alla perfezione come zimbelli due giovani civette catturate ai primi di settembre.

Venne ottobre e con la metà del mese il nostro nobile giovanotto iniziò a frequentare tutte le mattine di bel tempo il suo capanno ottenendo spesso carnieri soddisfacenti (40-50 allodole) ma non proprio eccezionali , finchè il 21 del mese arrivò la giornata da lui tanto attesa e sperata.

Era quella una mattina tersa e serena, i primi raggi di sole brillavano di una penetrante luce gialla e una brezza di tramontana leggera ma frizzante, spirava a tratti, “gli ordini”, ovvero le condizioni metereologiche come vengono abitualmente chiamate in valle, erano quelli ottimali per il passo.

Nell’attesa, immerso nell’odore dolciastro della canna inumidita dalla rugiada notturna, con le luci radenti e chiare del nuovo giorno lo sguardo giungeva lontano, molto lontano e si perdeva all’orizzonte fluttuando nell’aria pulita e fresca della mattina senza un filo di foschia, quando finalmente giunse il primo acuto trillo e la prima lodola curò la strega impastoiata sul suo fungo di sughero.
Alla salita del Sole il passo iniziò a manifestarsi con una intensità crescente mai vista, le ondate dei branchetti aumentavano e si susseguivano proprio come descritto dal nonno sul suo diario...

I branchetti arrivavano dall’alto e curando la civetta si avvicendavano al gioco anche a più di uno alla volta; le candide pancine delle “alouette” si stagliavano contro lo sfondo azzurro del cielo mentre tutto attorno altre decine di queste bellissime farfalle color ocra “danzavano” sul gioco e sulla sua testa senza un solo attimo di tregua.

Dopo ogni sparo. i branchetti dispersi dall’eco delle fucilate si allontanavano soltanto di poche decine di metri e subito guidate dai trilli del fischio d’osso sapientemente suonato e dal sobbalzare della civetta ritornavano confidenti sul gioco, punto o poco spaventate.

Pur assaporando con grande nobiltà questo raro spettacolo, e gustandolo come un rarissimo evento naturale, senza mai eccedere in barbare e villiche scariche di fucileria il nostro “amico” sparando bene e raccogliendo diligentemente tutte le allodole abbattute, giunto a mezzogiorno contò davanti a sé più di duecentocinquanta prede allineate sul prato all’ombra del capanno.

Era giunta l’ora del desinare ed anche se il passo non accennava a terminare o a diminuire, il giovane cacciatore si ritenne soddisfatto e molto signorilmente smise di cacciare.

In seguito apprese anche dagli altri cacciatori che in tutta la regione il passo quel giorno del 21 di Ottobre era stato di una consistenza e continuità rare e mai viste al punto che quella data venne ricordata nel tempo e per molti anni dai vecchi cacciatori come “il giorno dell’imperatore” .

Ora facendo un rapido calcolo matematico appare evidente che nel XX° Secolo le annate eccezionali dovrebbero essere state il 1920, il 1953 ed il 1986; dei primi due anni non ci sono noti riscontri, li sto cercando, ma del 1986 ho saputo da vecchi cacciatori che vi furono alcune mattinate eccezionali, in particolare una mattina serena e molto tersa di metà ottobre che seguì ad alcuni giorni successivi di pioggia e brutto tempo. Chi mi ha raccontato di questi giorni diceva che per la straordinaria pulizia dell’aria quel giorno dalla pianura erano ben visibili le Prealpi e gli Appennini.

Diana Novembre 1930Quel cacciatore pur ammettendo di non aver sfruttato pienamente la giornata sia per la sua poca malizia e capacità in questa caccia e sia per l’inadeguatezza dei richiami, mi disse che quel giorno prese sparando sullo specchietto oltre 70 allodole; tale numero considerando le scarse capacità tecniche e di tiratore del personaggio deve essere coinciso effettivamente con un passo eccezionale.

Bene, i trentatre anni del ciclo periodico alaudifero scadono quest’anno, A.D. 2019 e quindi se le nostre considerazioni sono corrette e tutti noi accomunati da questa caccia saremo in perfetta salute e manterremo la nostra tradizionale antica passione, dovremo attenderci un fine ottobre e inizio novembre di caccia memorabile. In bocca al lupo!
 

Gianluca Garolini



* Per gentile concessione dell'autore

Leggi altri Editoriali

28 commenti finora...

Re:Nell’anno delle allodole*

Quanto mi manca la caccia alle allodole ! Ho iniziato ,come tanti proprio con loro ,ora praticamente sono estinte ,come il pollo sultano e l otarda , ci vado una o due volte per nostalgia ,passo 2,3 ore senza sparare un colpo e mi viene un forte abbattimento .Perche non passano piu ? La causa principale é questa : una mattina di 10 anni fa , levai un branchetto di 5, 6 ,sparai un colpo e ne cadde una ,ma a terra trovai quella piu altre due fredde e morte per avvelenamento !!! Che tristezza !!

da Big hunter 05/10/2019 19.15

Re:Nell’anno delle allodole*

Condivido in pieno quello che dice Marcello,i migratori ci sono ma non si fermano piu perché non c'è più l habitat.io cacciò le allodole da 35 anni ma quello che ho visto il 23 10 2016 non l ho mai visto, centinaia di stormi(con stormi che superavano le migliaia) di lodole passare per un intero pomeriggio fino al giorno seccessivo,per non parlare della prima settimana di novembre dello scorso anno con passo ottimo e costante, il problema però è che il tutto si riduce a pochi giorni non trovando cibo sostano e ripartono subito

da allodolaiomatto 04/10/2019 12.58

Re:Nell’anno delle allodole*

X lucas anch'io ho la licenza dal 1981 la caccia si chiudeva a marzo...bei tempi....Comunque x come la vedo io è che il PASSO è cambiato radicalmente adesso sono buoni 2/3 giorni(l'anno scorso sono passati di venerdì era pieno il cielo il giorno dopo presi 5 tordi e 3 merli poi chiuso) x TORDI MERLI E ALLODOLE è propio l'HABITAT che non c'è più x le ALLODOLE dove sono i campi di semina?E'cambiato TUTTO in peggio qui passano e all'estero gli menano perchè fanno gli habitat apposta x questo migratore....un ibal x la stagione.

da MARCELLO64 04/10/2019 11.21

Re:Nell’anno delle allodole*

REDAZIONE BIGHUNTER.IT COMMENTO RIMOSSO

da Marcello 04/10/2019 10.25

Re:Nell’anno delle allodole*

Continuiamo a darcele fra di noi, mentre dovremo prendere coscienza che i problemi della caccia non derivano dalla caccia, ma da questo "progresso" che CONSUMA inesorabilmente quel poco di natura che avevamo fino a ieri conservato. La prima cosa che dovremmo fare è combattere questo modello di sviluppo e le vere cause del depauperamento del territorio, agricoltura moderna, industria senza regole, inquinamento umano nelle città, eccetera eccetera...Siamo noi gli ambientalisti, la caccia è compatibile, come è sempre stata, con un modello dis viluppo a dimensione umana. Gli enormi guadagni dell'alta finanza dovrebbero essere impiegati per ripristinare un modo di vivere più...vivibile!

da Siamo noi gli ambientalisti 04/10/2019 9.07

Re:Nell’anno delle allodole*

REDAZIONE BIGHUNTER.IT COMMENTO RIMOSSO

da Carlo 03/10/2019 21.15

Re:Nell’anno delle allodole*

...No, basta caccia all'ollodola in Romania era l'unica via rimasta per potere vederne ancora qualcuna dalle mie parti. Solo l'ingordigia di qualche famelico usuraio ha fatto sì che venga chiuda quell'autostrada!

da s.g. 03/10/2019 21.07

Re:Nell’anno delle allodole*

sono tornato dalla Romania ieri, abbiamo fatto dei carnieri di allodole ottimi ! le allodole non si fermano passano dalle 7 30 fino alle 11 poi fine. Media di 60/70 pezzi al giorno a testa. Cosa vuoi di piu???

da marcello 03/10/2019 19.51

Re:Nell’anno delle allodole*

Purtroppo bisogna dire le cose come stanno ,capisco colleghi cacciatori che sia triste da ammettere ma di allodole non se ne vede piu' una pavoncelle sparite e la cacciagione puzza di pesce eì la triste verita' ,gli storni dei primi anni 80 erano una delizia assieme ai tordi grassi come maiali , adessogli storni puzzano di mrrda da vomitare e i tordi rinsecchiti scheletrici. Lo scorso anno presi qualche beccaccia facevano0 schifo secche e insipide.

da kirghiu4 03/10/2019 18.04

Re:Nell’anno delle allodole*

Va chiusa a varie specie fra cui l’allodola e aperta a oche tortore bianche piccioni

da Remo 03/10/2019 14.47

Re:Nell’anno delle allodole*

Ho la licenza di caccia dal 1985 e le allodole sono drasticamente diminuite da circa vent'anni. I branchetti di tanti anni fa sono un lontano ricordo e sono diminuiti anche i cacciatori che si dedicano all'allodola proprio per la mancanza di materia prima. Addirittura non ci sono praticamente più le "pasturone", ossia le allodole stanziali che restavano tutto l'anno e a primavera deliziavano con il loro canto le pianure della valle del Tevere.

da lucas 03/10/2019 14.21

Re:Nell’anno delle allodole*

Le allodole e' triste a dire... ma sono completamente sparite in provimcia di roma!!!!!!Se ne vedi qualcuna ti dispiace anche a sparargli quanto son rare.

da henry 02/10/2019 20.26

Re:Nell’anno delle allodole*

El cid fatti dare una guardata al cervello,cambiamo il caviale con la m...a?

da allodolaiomatto 02/10/2019 7.27

Re:Nell’anno delle allodole*

Va chiusa alla allodola! Non c’è ne sono più! E rimessi storno tortora dal collare e piccione torraiolo.

da El Cid 01/10/2019 18.12

Re:Nell’anno delle allodole*

Ricordo che prima che chiudessero la caccia in Albania facevo la media di circa 100/150 allodole al giorno senza troppi problemi "una media canna" ho visto babbo e figlio romagnoli fare 750 allodole in un solo giorno!! Poi hanno chiuso. Fortunatamente. Forse anche noi ( io per primo) abbiamo qualche colpa. da allora non vado più ad allodole preferisco i colombacci ma mi mancano quelle belle giornate di camminate nelle "stoppie" !

da Francesco 01/10/2019 15.04

Re:Nell’anno delle allodole*

Vi siete fatti abbindolare dalle chiacchiere di quattro falsi ambientalisti, le allodole sono sempre le stesse,sicuramente sono cambiati gli habitat, le nostre coste sono diventate tanti alberi di Natale, le nostre campagne ormai sono ricoperte per lo piu da nylon, ecc...

da allodolaiomatto 01/10/2019 13.44

Re:Nell’anno delle allodole*

Ho praticato la caccia alle allodole da una vita, con carnieri modesti ma soddisfacenti. Da qualche lustro non vedo più stuoli di alaudidi entrare dall'Adriatico e salire l'Italia. Che tristezza! Ci sarà una ragione?

da Amante della Natura. 01/10/2019 9.27

Re:Nell’anno delle allodole*

Mi chiedo se nei posti di nidificazione la quantità delle allodole è costante, perchè la presenza nei posti di passo significa poco. Qui nell' altopiano ibleo nel passato c'era una presenza massiccia di allodole, accompagnata anche dalla presenza di cacciatori del nord.Oggi sono scomparse sia le prime che i secondi.

da nilo 01/10/2019 9.03

Re:Nell’anno delle allodole*

Secondo me, le stragi all'estero non c'entrano niente. Per le allodole, come per altri uccelli che frequentano i campi (e si cibano di granaglie), il problema sono le pratiche agricole, che fanno uso di abbondanti pesticidi. Ci sono ormai ampi rapporti (Birdlife & C.) che lo dimostrano. La caccia non c'entra niente, e chiuderla o tenerla aperta non fa alcuna differenza. Poi vi lamentate di Greta. Io credo invece che certe campagne per la moralizzazione del sistema economico prevalente (ormai anche nel cosiddetto terzo mondo) le dovremmo sostenere in primo luogo noi cacciatori. Ma come al solito, ci piace vincere facile. Il mondo, la terra nostra madre, se ne impipa, continuerà a vivere ancora per miliardi di anni, a sua insaputa. Nasceranno e si estingueranno altre migliaia di esseri. Il problema sarà per noi, per la nostra specie, e soprattutto per i nostri nipoti e pronipoti che non potranno godere, se sopravviveranno, di quelle bellezze di cui ci siamo alimentati noi, i nostri padri, i nostri antenati. E' vero, non più tardi di un secolo fa, la stragrande maggioranza dei nostri concittadini faceva fatica a vivere. La nostra generazione, del dopoguerra, ha avuto la fortuna di crescere e di non subire guerre. Grazie al patto fra europei. E ora ci sarebbe qualcuno, più di qualcuno purtoppo, che vorrebbe rompere questo sodalizio che ci ha regalato tre quarti di secolo ormai di benessere e di pace.

da Pace e caccia 01/10/2019 8.49

Re:Nell’anno delle allodole*

Purtroppo è come scrive Gio,l'innovazione dell'agricoltura porta a una riduzione continua dei migratori .Specie che non trovano più gli ambienti favorevoli a riprodursi.Sperare in un passo soddisfacente è come sperare in una elevazione culturale e tecnica dei ns. politici.

da bretone 01/10/2019 1.51

Re:Nell’anno delle allodole*

da quando la i paesi del est sono in europoa la migrazione di tutte le spicie sta calando , ma perchè nella grandi distese dove nidificano l europa a dato soldi per lavorare la terra non più con i cavalli ma trattori da 200 cavalli .E la colpa la danno a noi, per lavoro sono anni che giro quei paese credetemi sono cambiati con una velocita paurosa questo e il vero problema

da gio 30/09/2019 22.48

Re:Nell’anno delle allodole*

Abito in provincia di roma nord di allodole non ne trovi una nemmeno per sogno. Gli ultimi bei carnieri nel 2002 2005 ,poi sto le allodole sono state sterminate dai pesticidi e dalle stragi all'estero.

da kijiuju5 30/09/2019 18.20

Re:Nell’anno delle allodole*

E cosa cambia? Se una specie è in diminuzione la caccia va ridotta. Magari inserendo fra le cacciabili specie in salute. Ma questa operazione è troppo intelligente per questa Europa e questa Italia

da Luciano 30/09/2019 14.36

Re:Nell’anno delle allodole*

direi: solo a causa delle pratiche agricole e inquinamento!!!!!

da Mauro 30/09/2019 13.02

Re:Nell’anno delle allodole*

Le allodole sono in diminuzione anche per via delle pratiche agricole. Negarlo è assurdo

da Luciano 30/09/2019 11.53

Re:Nell’anno delle allodole*

in via d'estinzione sono i campi di pastura e riposo e quelli rimasti sono inquinati|!!!!e ad estinguersi al più presto deve essere ispra

da Mauro 30/09/2019 11.21

Re:Nell’anno delle allodole*

Adesso x trovare un campo seminato a ottobre è come fare 13 x non parlare dei "carnieri" qui da noi le dobbiamo vedere passare(come le tortore) e all'estero fanno stragi però sento dire"le allodole sono in via distinzione"ma andate a cagare come dicevo ricreiamo gli habitat e vedrete che le allodole si fermano altro che in via distinzione in Italia sembra la parola d'ordine x la MIGRATORIA......

da MARCELLO64 30/09/2019 10.22

Re:Nell’anno delle allodole*

Caro Gianluca il Pian di Spagna nell'alto lago di Como,era la zona dove venivano catturate più allodole queste venivavo distribuite per chi effettuava questa caccia come richiamo, a tutte le altre province lombarde,poi li vi istallarono la TELESPAZIO con le sue parabole; gam over per noi cacciatori. un caro saluto

da Fucino Cane 30/09/2019 9.43