HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIL'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata caccia AREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA


lunedì 17 luglio 2017
    

Paolo Viezzi Leggo un recente intervento sulla caccia della Consigliera regionale del Friuli Venezia Giulia Del Zovo del M5S, le sue lezioni di morale, i tanti commenti volgari dei suoi sostenitori e mi viene in mente la prospettiva della vittima alla quale non importa nulla di chi sia il suo carnefice, se cacciatore o dolce gattino.

Hemingway si dissetò di caccia raccontando le sue emozioni fino a raccogliere il premio Nobel e nessuno pensò di definirlo di pessimo gusto; Faulkner impresse l’immagine della caccia negli occhi di un bambino di tredici anni e con lui raccolse il premio Nobel. Nessuno ebbe l’ardire di apostrofarlo “ignobile e vergognoso”. Rigoni Stern, compianto da tutti, intellettuali, politici, giornalisti scrisse quasi soltanto di caccia e nessuno ebbe mai il coraggio di scolpire la sua storia come “cosa grave e brutta”. Mocchiutti, straordinario pittore del novecento accompagnò suo nonno “bracconiere” nelle notti e nei campi friulani e lì plasmò la sua sensibilità e la sua arte con le precise forme delle civette, delle lepri, dei fucili e dei colpi nello scuro. Nessuno ha mai creduto che le sue opere dovessero essere bruciate nei roghi dell’inquisizione del terzo millennio.

Gli uccellatori come i pescatori, i cacciatori, gli agricoltori, gli allevatori e gli uomini legati alla terra, hanno tutti in comune, unitamente alla consapevolezza delle proprie passioni, il bisogno della natura e la necessità imprescindibile di preservare il territorio perché dello stesso sono i primi ed autentici fruitori. Negli ultimi anni, purtroppo hanno anche in comune le difficoltà per una società stravolta, una società dove il tempo non si conta più con la cadenza delle stagioni ma con le aperture di borsa ed i suoi listini, in cui gli odori non sono più quelli dei campi, ma quelli che si acquistano in profumeria, in cui la terra non è più quella madre che ci nutre ma ciò che sporca le strade e le mani.

L’ambiente, il territorio e la fauna non sono più elementi del reale contesto in cui si vive, bensì l’astratta immagine di un dogma con il quale riempire il contenitore di un’apparente coscienza ambientale.

Si è giunti all’assurdo per cui picchiare un cane si fa comportamento gravissimo (delitto) punibile non diversamente che se fosse stato picchiato un uomo, ma proprio quello stesso cane non può frequentare una spiaggia o entrare in un ristorante, perché i suoi escrementi, nel primo caso o il suo odore nel secondo, sono quelli di una bestia intutelabile e sgradita.

La cultura contadina, il vivere paesano, così come l’uccellagione, la pesca, l’agricoltura, gli animali e la terra sono componenti, nel loro essere reale, sempre più distanti dalla “società consumistica” e sempre più distorte nella ricostruzione iconoclastica dell’immaginario collettivo.

Il pollo non è ciò che vive e razzola nelle aie, bensì quel prodotto rosa incelofanato che si trova nelle scansie di un negozio di passeggio. E’ così che il cane non è più un animale che abbaia ed uccide le prede nel rimando genetico della volpe e del lupo, bensì il suo simulacro, quello che assume, -nella più folle delle rappresentazioni - languidi interroganti occhi di bimbo.

L’uccellatore non è più colui che conscio ed insieme partecipe di quel dramma che è la vita e la morte (che peraltro riguarda ogni specie ogni giorno) insegue una propria emozione complessa ma naturale ed antica, bensì un deplorevole cittadino che con prepotenza si appropria del patrimonio pubblico e per sollazzo cattura ed uccide tutto ciò che si muove.

In questo disordine culturale, chiunque abbia un pensiero, dal più sciocco al più intelligente, ha spazio mediatico per esprimerlo senza alcun pudure e quel che è peggio senza che nessuno, giornalista o lettore, si scandalizzi di quanto viene scritto o mostrato.

Ricordo anni fa una manifestazione di ambientalisti che mi ha colpito in modo particolare per un cartello sul quale c’era scritto “cacciatori sparatevi fra di voi”, e quel cartello mi ha fatto tornare alla memoria una frase detta da un signora di Pordenone intervenuta telefonicamente ad una trasmissione di Telefriuli che rivolgendosi al sottoscritto disse “le auguro di poter sparare ai suoi figli” e quella frase mi ha ricordato le azioni delittuose di alcuni personaggi disturbati che hanno messo a fuoco e ripetutamente danneggiato un ristorante responsabile solo di chiamarsi “al cacciatore” e quelle azioni mi hanno ricordato altre vicende ed altri reati.

Non si scopre certo ora che la nostra società sta subendo una deriva pericolosa, nella quale l’educazione, la cultura e la sensibilità lasciano sempre più di frequente il passo al rancore, alla violenza, alla demagogia populista ed alla profonda ignoranza, ma devo osservare che nei confronti della caccia, o meglio nei confronti degli uomini che praticano la caccia, sempre meno sono le persone che cercano di costruire degli argini di normalità.

Il valore della vita di un animale è nell’immaginario collettivo un valore più grande della vita di un uomo al punto da rivendicare la sopravvivenza di un capriolo augurando la morte di un individuo.

Qualcuno potrebbe opinare che i casi appena citati siano estremi gesti che non rappresentano la voce ambientalista o (Grillina) quella della società civile, ma allora, se così fosse, perché  nessuno li ha stigmatizzati, condannati ed espulsi dalla scena pubblica? Perché tutti i giornali hanno consentito che quelle immagini e quelle frasi fossero ripetutamente esposte ed impresse nell’immaginario collettivo ?
Nessuno si è scandalizzato, nessuno si è sentito offeso e nessuno si è sentito violato nella sua sensibilità.

Che pochi, poi, ricordino che la caccia è stata la vita di personaggi riconosciuti univocalmente come straordinari oltre che patrimonio dell’umanità è cosa evidente ed in fondo ineluttabile, data la trascuratezza culturale nella quale sta cadendo la società; che poche persone abbiano mantenuto capacità critica ed equilibrio nell’affrontare le vicende che accadono è cosa ancora più evidente; ma che nel pensare diffuso si sia giunti a sostenere con favore azioni rilevanti da un punto di vista penale e quindi cariche di evidente disvalore sociale anche da parte di soggetti investiti di cariche pubbliche, è deriva assolutamente intollerabile.

Bisogna comprendere e farsi ragione consapevole, da parte di tutti, politici, intellettuali, amministratori o semplici cittadini che il non reagire o il mantenere indifferenza di fronte a tanta assurdità, anche se si discute di un argomento all’apparenza marginale come la caccia, significa consentire l’apertura di una ferita indelebile nello scudo sociale rappresentato dai valori fondanti il vivere democratico, civile e culturale del nostro paese.

Quella ferita oggi è talmente viva e sanguinolenta da consentire ad un autorevole esponente invitato in una trasmissione televisiva a diffusione nazionale, di affermare, senza pudore alcuno e nell’insensibilità generale (colloquiando di uno dei tanti conflitti esistenti nel mondo) che “il numero dei morti non è e non è mai stato un argomento politico”.

Ora se è questo ciò che noi cacciatori dobbiamo affrontare, se è questo odio, questa stupidità e questa irrazionalità (in fondo pericolosa per tutti) il nostro attuale contraddittore sociale, allora abbiamo il dovere di scandalizzarci, abbiamo il dovere civico di difendere la nostra passione e di difendere il nostro modo di viverla poiché è anche uno dei modi possibile che abbiamo per difendere i valori fondanti del vivere democratico, civile e culturale del nostro paese.

Paolo Viezzi

Leggi altri Editoriali

32 commenti finora...

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

Big e Colchico e Vecchio Cedro state sognando. Non basta copiare per diventare come loro. Altrimenti sarebbe facile: basterebbe adottare la legislazione del Canton Ticino (senza tradurla...) e l'Italia diventerebbe la Svizzera...

da S4 23/07/2017 8.14

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

Chi sa dove sta il ministro dell’ambiente? Se per caso lo incontrate informatelo di questo. http://tg24.sky.it/cronaca/2017/07/21/discarica-falda-acquifera-casalnuovo-di-napoli.

da io 21/07/2017 19.20

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

Concordo con quanto ben descritto da Colchico e big. E allora cambiamo!!! Resistenza al cambiamento? Dalla ignoranza dei cacciatori, dagli interessi particolari delle aa vv, dalla politica di basso livello.

da Vecchio cedro 21/07/2017 17.12

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

La societa' e' alla deriva che sssi'',una societa che erige un monumento ad un certo delinquente giuliani che voleva fracassare la testa ad un giovane carabiniere e che indaga e vuole far passare per assassino chi sie' solamente e giustamente difeso,lo credo bene che siamo alla deriva.

da LINO muSSO 21/07/2017 16.44

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

Di solito è vero che la caccia privata è meglio gestita. Ma anche la caccia sociale, scaturita dall'evolversi dei regimi comunsiti dell'est europa, non è tanto male. Resta il fatto, che ovunque, tranne che in Italia, la caccia è vissuta e gestita come attività a prevalenza economica. Il che vuol dire che, quale che sia il sistema, è considerata una risorsa, in sintonia col mondo rurale. Poi, a seconda del paese e della cultura, è più o meno elitaria, è più o meno esclusiva. In Italia, che la caccia sia un'attività dai risvolti economico-commerciali lo sanno solo i cacciatori, che spesso ci lucrano all'italiana. Prima con la migratoria (ma restano ancora sacche di commercio di vario genere in quasi tutte le regioni, dalle valli venete alle torderie pugliesi e calabresi, ai capanni ai colombi della maremma), oggi con gli ungulati, che alla chetichella risolvono l'approvigionamento di carne (e di portafoglio) di molte famiglie (di cinghialai ma anche e soprattutto di selettori). Dei supermarket dei supermarket dei fagiani non parlo.

da Colchico 21/07/2017 15.36

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

la caccia privata è sicuramente meglio gestita e seguita. Il modello Alto Adige ( non trentino) è un sistema che si tramanda da generazioni non esiste silenzio venatorio , i calendari sono diversi ma rispettati, se vuoi andare a caccia fai un permesso di due minuti e non ti rompe le scatole nessuno prova in ATC se sei capace . In Spagna compri la concessione di una riserva a vai a caccia tranquillamente ( noi siamo in dieci e ogni anno rinnoviamo) in Inghilterra ( io caccio solo in Scozia) con due bottiglie di vino e un buon inglese risolvi il problema pagando la licenza che differenzia dalla carabina alla canna liscia. In Francia non lo so.

da big 21/07/2017 14.29

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

Conosco molto bene molte realtà estere. Anche in italia il modello è molto differenziato:Sud Tirolo molto simile a quello austriaco, Sardegna non hanno neanche gli ATC!!! Comunque volevo evidenziare che in tutta Europa la caccia è strettamente collegata all'economia, mentre da noi la "caccia sociale" è pressochè omologata ad un'attività "sportiva". A mio avviso è questo il problema, difatto che la "gestione venatoria" sia buona o lasciata al caso, come nella maggior parte del territorio, non interessa a nessuno.

da vecchio cedro 21/07/2017 9.45

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

Prima di scrivere gravi imprecisioni, sarebbe meglio documentarsi. La caccia in germania è totalmente diversa dalla caccia in Francia, come in Spagna, Inghilterra, ecc. Ogni paese ha le sue regole sedimentate nel tempo. Quelle che più si potrebbero avvicinare alle nostre sono quelle francesi. Con tutti i distinguo del caso. Primo fra tutti che siamo italiani, unici anche nella caccia, e forse non è una considerazione positiva.

da Amen 20/07/2017 18.52

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

Chi commenta dovrebbe firmarsi con nome e cognome grazie

da Nicola cicutti 20/07/2017 15.55

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

E' alla deriva si'!! Con tutti i dimostranti frequentatori dei che ccca pride lo credo bene con quella massa di depravati sporcaccioni.

da Sergio 20/07/2017 13.25

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

il frazionato il territorio può essere superato.per per la scarsa cultura (quasi nulla purtroppo)in materia di gestione della fauna e del territorio ci vorrebbero anni, il cacciatore medio italiano e molto lontano dalla cultura del cacciatore medio (ad es. sloveno, non parliamo di altri stati). Comunque anche la sanità "sociale" non esiste in italia. La caccia non può continuare ad essere esercitata sulle proprietà altrui senza coinvolgere i conduttori. Necessario introdurre dinamiche economiche che orientino verso gestioni del territorio compatibili con la fauna selvatica ( e quindi anche con l'uomo!)

da vecchio cedro 20/07/2017 12.57

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

Penso che abolire l'842 in Italia per come è frazionato il territorio .e per la scarsa cultura in materia di gestione della fauna e del territorio vedi agricoltori ,decreterebbe la fine definitiVa della caccia sociale .

da stefano 20/07/2017 11.27

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

Nella scuola la prima materia da insegnare fin dalla materna è l'educazione civica , questo sarebbe l'inizio per avere una società corretta senza estremismi.Purtroppo i ns. politicanti omuncoli di corte vedute preferiscono seguire l'onda emotiva di movimenti che possano portare qualche voto ma non certo giustizia sociale e questo ci mette nelle condizioni in cui siamo e purtroppo rimarremo per sempre a meno che si faccia della penisola italica una confederazione di almeno tre stati e allora forse potremmo decidere noi da chi farci governare e non dalle varie mafie come purtroppo è oggi.

da bretone 20/07/2017 10.08

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

Scusa il ritardo,Salvatore;non mi riferivo alle chiacch.... alle chicche...alle parole sensa senso insomma.

da Pietro 2 19/07/2017 23.26

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

non capsico il tuo post Pietro 2 ( ??? )

da salvatore 19/07/2017 11.53

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

Chissa',mi chiedo,se chi non riesce a firmarsi per due volte di seguito in italiano,saprebbe fare qualcosa o sa'ppia cosa fanno Silvano e Mario per la caccia;sicuramente sanno scrivere al contrario di.....

da Pietro 2 19/07/2017 11.20

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

vero Stefano non abbiamo più valori e questo il primo significativo problema nella caccia ma anche nella vita. tutto il resto conta poco , articolo 842, Germania , Francia ma anche Spagna dove cacciano diversamente che da noi

da Salvatore 19/07/2017 10.54

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

Lo credo bene che la societa' e' alla deriva con tutti i milioni di procioni che sfilano ai chehhhccha pride

da Antic 19/07/2017 8.52

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

Partiamo dalla fine : i valori fondanti del vivere democratico ,civile e culturale del nostro paese. ebbene in italia questi valori stanno inesorabilmente scomparendo .

da stefano 18/07/2017 22.49

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

in Francia ed in Germaniadove non esiste l'art. 842 del cc cacciano molto di più e molto meglio di noi!!!! domandatevi perchè.

da vecchio cedro 18/07/2017 14.32

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

Vai MarioP comincia tu.

da Le chiacchere stanno a zero 18/07/2017 14.11

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

Silvano ha perfettamente ragione. Quanti di quelli che criticano sono pronti a rimboccarsi le maniche e darsi da fare? Magari il tizio delle chicchere, probabilmente anticaccia?

da MarioP 18/07/2017 13.37

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

la caccia è stata rovinata da NOI che abbiamo dato alle ASS.VEN. troppo "spago" e loro hanno e fanno di tutto x ridurre la caccia se vogliamo riprenderci la nostra "PASSIONE"non facciamo più l'ass.con loro e diamo fiducia ai giovani....

da MARCELLO64 18/07/2017 9.29

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

Vai Silvano, comincia a dare il buon esempio

da Le chicchere stanno a zero ! 17/07/2017 20.59

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

Viezzi fa un analisi romantica? Forse. Ma certo dice verità. La caccia è cultura. I cacciatori, io per primo, sono cani sciolti a proteggere la loro passione nello specifico; migratoristi, cinghialai, capannisti, stanzialisti e chi più ne ha più ne metta, giù tutti a dividere. Come se la posta in gioco fosse un tordo in più o battere la squadra antagonista del piccolo campanile dove si caccia il cinghiale. Avete mai visto un esercito di 700.000 persone con altrettanti generali? Non vi è possibilità di vincere neppure una battaglia. Unità! Formazione di una nuova classe dirigente giovane e preparata e ce ne sono di donne e uomini che lo sono, di questo e del come farlo dovremmo discutere. Litigare non serve proprio a niente, anzi fa capire la nostra stupità che messa insieme alla mancata comunicazione di chi veramente siamo, ci ha portato fin quì. Viezzi parla di ribellarsi a questo stato di fatto e riprendere la nostra dignità di uomini cacciatori. Ha ragione.

da Silvano 17/07/2017 19.16

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

Amen non diciamo eresie, in Germania cacciano in tutta tranquillità così come in Francia dove esistono AAVV non rapaci e che usano i soldi non per i rimborsi spese ai dirigenti. Piuttosto che pagare 500 euro e non andare mai meglio aver perso il referendum

da AAVV ? NO GRAZIE!! 17/07/2017 18.47

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

A certi sciagurati, bisognerebbe ricordare che in Germania (a parte certe storie, peraltro adesso abiurate)la caccia è totalmente privatizzata, tanto che due terzi dei cacciatori tedeschi, se vogliono andare a caccia, devono spostarsi in Ungheria. A Franco, sarebbe opportuno ricordare che Socrate intratteneva ottimi rapporti con i giovanotti e così è successo nel corso della storia che ha formato le nostre culture. Roma compresa, a cui il ...Duce attingeva per dare lustro alla propria (vana)gloria. Mi piacerebbe sapere infine cosa avreste fatto e detto se avessimo perso il referendum. Mio nonno diceva: a far del bene agli ignoranti, ci van dimezzo Cristo e i Santi.

da Amen 17/07/2017 18.31

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

Se 500 gattacci grassi riuscissero a sfamare della povera gente affamata ben vengano in salmi'.

da Salmo responsoriale 17/07/2017 17.07

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

Grande Franco, sante parole. Comunque tempo al tempo che l'ora del giudizio prima o poi arriva

da Skippy 17/07/2017 15.38

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

La societa' e' alla deriva da qualche anno non di piu'.. dla societa' e' alla deriva da quando si vuol far credere che due depravati dello stesso sesso siano cosa giusta e normale da accettare e far da insegnamento ai nostri figli ,la societa' e' alla deriva da quando si vuol far credere che la droga anche leggera non faccia cosi' male ,la societa' e' alla deriva da quando hanno iniziato a proporre alternative alla carne come se la carne non fosse la cosa piu' naturale giusta e sano alimento di cui nutrirsi ,certamente a patto che sia veramente naturale e non allevata in gabbia. La societa' e' alla deriva da quando vogliono farci credere che gli immigrati scappano dalle guerre e tanti italiani si son fatti ville e yact in tutto il mondo coi soldi che stanno guadagnando sulla immigrazione .La societa' in poche parole e' alla deriva da quando non c'e piu' MUSSOLINI !!!!!

da Franco 17/07/2017 14.39

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

Bell articolo......da girarsi senza indugio alla Federazione Italiana Delle Conserve.........Sott'Olio !!!!

da Annibale 17/07/2017 10.33

Re:UNA SOCIETÀ ALLA DERIVA

Caro Dottor Viezzi e secondo lei chi doveva far conoscere e difendere la cultura che oggi viene messa in discussione? E perché in altri paesi tipo Germania e Francia non succede? Si dia una risposta...io me la sono già data: chi doveva fare questo ha preferito i rimborsi spese e vivere sugli allori...

da AAVV ? NO GRAZIE! 17/07/2017 10.13