HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
  Cerca
MERAVIGLIOSA BECCACCIA Serra uno di noi. L'animalista coi baffi Cacciatore o lupo cattivo? IL CINGHIALE SALVA LA CACCIA Brambusconi, "che figata" ETICA O ETICHETTA? DUE CHIOSE ALLO STORICO CARTA VINCE CARTA PERDE Cacciatori e no L'AGNELLO E LA CICORIA PER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattere SOSTIENE LARA LUPO, QUANTO CI COSTI A UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS francese ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANA C'ERA UNA VOLTA... LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!! Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italiane TABU' LUPO FIRMAMENTO SOCIAL ALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSO LUPO. ATTENDIAMO LUMI CHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIA Cos’è la caccia La ri-proposta Cuore di beccaccia Cacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardi LA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scoperta CARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODA Osservatori regionali, avanti! Ungulati: una risorsa preziosa La mia prima volta al cinghiale: onore alla 110! Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibile ANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTI TORDI TORDI STANNO TUTTI BENE ETERNA APERTURA TANTE MAGICHE APERTURE CI SIAMO! LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONE LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE ANCH'IO CACCIO MIGRATORIA, MA DI CHI? Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio francese REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO Lasciate la carne ai bambini Uccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi.... CINGHIALI D'UNA VOLTA DATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRA MONTAGNA, 22 ANNI DOPO Elegia per un vecchio signore LA GRANDE BUFALA Animali & Co: un problema di comunicazione LUPO O CINGHIALE? Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo Le allodole, mia nonna e le vecchiette La caccia e gli chef UNGULATI CHE PASSIONE PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA Le beccacce e il lupo QUESTIONE DI PROSPETTIVA La cinofilia ufficiale. Parte seconda con scuse PROBLEMA LUPO Bisturi facili. Cuccioli? No grazie Perché ho scelto il setter inglese? Galletti fa mea culpa Questa è la cinofilia ufficiale C'era una volta il cinghiale Bracconieri di speranze Gip, amor di cacciatore. Il piccolo francese SAVETHEHUNTERS, MATTEO TROMBONI SFIATATI I sistemi elettronici di addestramento GUANO CAPITALE In principio era una Dea C'era una volta l'orso bianco che campava di caramelle UNA TERRA DIVERSA MEMORIE. Da regina a regina informAZione? Iniziazione del cucciolone UNIONE AL PALO? LA PARABOLA DI CECIL CROCCHETTE VEGANE L'ecoturismo fa danni ALLODOLE PER SEMPRE TRUE LIES CI SIAMO? Natura. Madre o matrigna? LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPO UN’APERTURA DA FAVOLA I cuccioli di oggi MACCHE' PREAPERTURA CACCIA, PROVE E VARIA UMANITA' Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiere FORMAZIONE, FORMAZIONE! I cani da ferma oggi Arlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNA Prima informarsi, poi farsi un'opinione Effetto Flegetonte Il cane domestico (maschio) Il valore della caccia Chi è diavolo, chi acquasanta? CANDIDATI ECCELLENTI PUBBLICO O PRIVATO? LA FRANCIA E I MINORI A CACCIA REGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATI Caccia vissuta “Se questa è etica” QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PERO Le contraddizioni dell'Expo QUESTIONE DI CORPO L'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloni Calendari venatori: si riparte DOVE ANCORA MI PORTA IL VENTO LUCI E OMBRE DI UN PROGETTO CANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIO CHIUSO UN CICLO... A patti col diavolo... e poi? BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZO MISTERI DELLA TELE CANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILE E' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SA Tordi e beccacce tra le grinfie della politica Donne cacciatrici piene di fascino predatorio Italiani confusi su caccia e selvaggina Storia di una particella cosmica Vegani per moda Anime e animali MUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur Smith CHI LA VUOLE COTTA, E CHI.... Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsa ZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA! E se anche le piante provassero dolore? PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMA Momenti che non voglio scordare Anticaccia? Parliamone CACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELE CATIA E LA PRIMA ESPERIENZA CHIARI AVVERTIMENTI PIU' VIVA E PIU' AMATA ECCE CANEM DE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTI IL CATALOGO E' QUESTO.... CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIA ISPRA. UN INDOVINO MI DISSE... MIGRATORI D'EUROPA L'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggio MIGRATORISTI GRANDE RISORSA Fauna ungulata e vincolismo ambientale Decreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTRO Ai luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIO SPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHI DOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVE Biodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLA Le specie invasive ci libereranno dall'animalismo EUROPEE: SCEGLIAMOLI BENE La rivoluzione verde è nel piatto La caccia al tempo di Facebook SOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposo COSE SAGGE E MERAVIGLIOSE AMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDO C'ERO UNA VOLTA ALL'EXA QUESTA E' LA CACCIA! EUROPA AL RISVEGLIO TOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLA CACCIA LAZIO: quali certezze? ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTI UNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILE LO DICO COL CUORE IL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E' I veri volontari dell'ambiente DIAMOGLI CREDITO PROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIA Ambientalisti italiani, poche idee ma confuse Anche National Geographic America conquistato dalle cacciatrici Più valore alla selvaggina e alla caccia Il cinghiale di Colombo Porto di fucile - NON C'E' MALE! PAC & CACCIA LILITH - LA CACCIA E' NATURALE Effetto protezionismo Ispra: il caso beccaccia Il grande bluff dei ricorsi anticaccia COME FARE COSA FARE Supermarket society Romantica Tipi di comunicazione: C'E' MURO E MURO Ambientalisti sveglia! Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggiose SPRAZZI DI SERENO POINTER E NON PIU' SOGNO DI CACCIATORE UN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPO RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORI LA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOON ALLA FIERA DELL'EST VOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNA IL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI “Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunistico CACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISI Partiamo dalla Toscana ITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la caccia C’ERA UNA VOLTA… I cacciatori nel regno delle eterne emergenze Gli ambientalisti e la trave nell'occhio Addio alle rondini? L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato) ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI..... SUCCEDE ANCHE QUESTO BASTA ASINI AMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di Diana TOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTO ALLARME DANNI DANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga… STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA “L'ipocrisia delle coscienze pulite” UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALE CACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA' ZONE UMIDE: CHI PAGA? Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA SPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLE La Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’albero A SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo così NEORURALI DE NOANTRI FRANCIA MON AMOUR LA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIA TERRA INCOGNITA L’Italia a cui vorrei fosse affidata la caccia La marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVE COLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI? DIVERSA OPINIONE IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE Opinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!! A CACCIA A CACCIA!!! PROVOCAZIONI Estate di fuoco MISTIFICAZIONI SICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTO Sostenibili e consapevoli! COLPI DI SOLE COLPI DI CALORE Aiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti! TECNOCRATI? NO ESPERIENTI LA RICERCA DIMENTICATA PARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'! Orgoglio di contadino Campagna o città? CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRI CALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERE CONFRONTO FRA GENERAZIONI LA CACCIA CHE SI RESPIRA Rapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNO MUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà? Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga... DELLE COSE DELLA NATURA Cultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'Italia Il nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalisti LA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀ PAC IN TERRIS UCCELLI D'EUROPA GIRA GIRA..... STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNA TOCCA A NOI! CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLO IL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIA VERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTO PROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZA BECCACCE DI BEFANA CACCIA, FASE DUE PROVOCAZIONI DI FINE D’ANNO RICERCA RICERCA SPIGOLATURE DI NATALE Dai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONE NON ERA AMORE Finalmente autunno Il paradosso dell'Ispra IL PIANETA DEI CACCIATORI Le caste animali A CACCIA ANCHE DOMANI A CACCIA SI, MA DOVE? ORGOGLIO DI CACCIATORE Per il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIA APRE LA CACCIA! Amico cacciatore, guarda e passa Riforma sui Parchi in arrivo? E i cuccioli umani? MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATE LA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenza Il Pointer e la caccia Col cane dalla notte dei tempi Contarli, certo, ma come? Questa è una passione! IL PENTOLONE LA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE NON SOLO STORNO QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI La lezione di Rocchetta di Vara BASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITI CORONA L'ERETICO Cacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medaglia Deroghe: non è una missione impossibile AMBIENTALISMO E' CULTURA RURALE Sei il mio cane ALLE RADICI DELLA CACCIA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIA COME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA... BOCCONCINI PRIMAVERA CACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERE COMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIO QUESTIONE DI CALENDARIO LA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIA PRENDIAMO IL MEGLIO BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA TUTTI A TAVOLA RIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRE LA CACCIA SERVE. ECCOME! METTI UNA SERA A CENA Urbanismo e Wilderness: un confronto impari CONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEET GIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANI IL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in Italia Accade solo in Italia? L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza FRA STORIA E ATTUALITA' Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro “Solo” una passione Tra ideologia e strategia politica IL CATALOGO E' QUESTO TORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTO DA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro Brambilla Italiani ignoranti della caccia CACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNA Ed il giorno arriva DEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE! PRE-APERTURA DI CREDITO Domani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONE Alcune riflessioni sulla caccia in Italia Divagazioni per una rivoluzione culturale La senatrice Adamo va alla guerra PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci) Calendari venatori. Le bugie degli ambientalisti Un'arte chiamata caccia AREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLA Animalismi e solitudini In un vecchio armadio STAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODO Belli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI! Ieri, mille anni fa, io caccio Cosa mangiano gli animali degli animalisti? SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA MOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVO ORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICO Aerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo” ALL'ARIA APERTA! Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIA IPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOI IN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA! RIFLESSIONI DI UN PEONE IL PAESE PIU' STRANO DEL MONDO Fuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALE E Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTO L'Enpa insulta i cacciatori SELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIA America: un continente di vita selvaggia LA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezione LA CACCIA COME LA NUTELLA? LUPO, CHI SEI? Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no? TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGE A caccia con L'arco... A caccia con la storia... Interpretazioni e commenti di nuova concezione 10 domande ai detrattori della caccia IL BRIVIDO CHE CERCHIAMO La caccia come antidoto alla catastrofe climatica Per una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNARO CONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIA Caccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perduta Allarmismo e vecchi trucchetti Ancora Tozzi ? REALISMO, PRIMA DI TUTTO Le invasioni barbariche APERTURA E DOPO. COSA COME QUANDO Piombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquatici Di altro dovremmo arrabbiarci I GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecnici Un rinascimento ambientale è possibile Gelosi e orgogliosi delle nostre tradizioni LA CACCIA SALVATA DALLE DONNE? Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars Venandi Tutto e il contrario di tutto DALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO... IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATO La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova Tutti insieme... magicamente Ambiente: una speranza nella caccia SOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTA La Caccia ha bisogno di uomini che si impegnano LA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDO Il capanno: tra architettura rurale e passione infinita DONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANA EUROPA EUROPA VICINI ALLA VERITA' Beccaccia sostenibile CACCIA E SOCIETA' Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNI PARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidato CACCIA ALL'ORSI ORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORI UN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORI Ridiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevole Il cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia. 157: PENSIERI E PAROLE MA COS'E' QUESTA CACCIA? 157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONE MIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARE CINGHIALI CHE PASSIONE La cultura cinofila ATC DIAMOCI DA FARE Il vitello che mangi non è morto d'infarto! Ripensare la caccia? PER UN FUTURO DELLA CACCIA QUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONA PUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAM Un nuovo corso per gli ungulati Siamo noi le Giubbe Verdi Ruralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina La caccia secondo Giuliano, umorista de La Repubblica Questa è la caccia Il cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumi La cinegetica e la caccia col cane Gestione e tradizione BASTA TESSERE AMAR...TORD E il beccafico perse la via del nord Dimostriamo credibilità Apertura passione serenità editoriale - Fucili italiani come le ferrari Orgoglio di Cacciatore I Tordi e le Beccacce La Caccia è Rock

Editoriale

BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZO


lunedì 16 febbraio 2015
    

Lorenzo De' Medici Anche noi cacciatori abbiamo i nostri eroi. Un Pantheon piuttosto affollato, che spazia in tutte le epoche. Principi e regnanti, artisti, ma anche gente comune assurta a modello di comportamento. Anche non cacciatori, che hanno riconosciuto nella caccia valori e comportamenti da proporre come modello. Con questo primo intervento, Bighunter ha deciso di dare inizio alla costituzione di un vero e proprio Pantheon di personaggi che hanno fatto grande la caccia. La nostra galleria degli eroi  sarà arricchita periodicamente, anche con il vostro personale contributo. Il primo fra tutti, personaggio unico del Rinascimento italiano, rappresentante di un modo elegante e colto di vivere la caccia, lo abbiamo voluto rappresentare in Lorenzo il Magnifico. In omaggio a una terra che per la caccia italiana rappresenta ancora oggi un importante punto di riferimento.

La Redazione di Bighunter


LORENZO DE' MEDICI. “IL MAGNIFICO”.
 
Così fu definito, “Il Magnifico”, il più famoso Signore della Firenze Rinascimentale. Colui che forse più di chiunque altro dette sostanza al Rinascimento. Di ricchissima famiglia di commercianti e banchieri, mecenate, amante del bello, raccolse alla sua corte i più grandi artisti del tempo. Letterati come Pico della Mirandola, Angelo Poliziano, Marsilio Ficino. Pittori e scultori come Antonio Pollaiolo, Filippino Lippi, Sandro Botticelli e il giovane Michelangelo. Aprì l'Università di Firenze dove si stampò la prima edizione dell'Odissea di Omero. Fece riaprire l'Università di Pisa, rese ancora più bella più ricca e più colta la città del Giglio.

Scittore e poeta egli stesso, la sua Quant’è bella giovinezza/che si fugge tuttavia!/Chi vuol esser lieto, sia:/del doman non c’è certezza, fu ed è un inno alla gioia, alla giovinezza, alla spensieratezza.

Appassionato cacciatore, scrisse anche un poemetto, Uccellagione di Starne, più noto come La Caccia col Falcone, dove descrisse in magnifiche rime lo svolgimento di una battuta di caccia alle starne.

Eccolo nella sua versione integrale:


1

Era già rosso tutto l'orïente
e le cime de' monti parean d'oro;
la passeretta schiamazzar si sente
e 'l contadin tornava al suo lavoro;
le stelle eran fuggite, e già presente
si vedea quasi quel ch'amò l'alloro;
ritornavansi al bosco molto in fretta
l'allocco, el barbagianni e la civetta.

2

La volpe ritornava alla sua tana
e 'l lupo ritornava al suo deserto:
era venuta e sparita Dïana,
però forse sarìa suto scoperto;
avea già la sollecita villana
alle pecore e' porci l'uscio aperto;
netta era l'aria, fresca e cristallina,
e da sperar buon dì per la mattina.

3

Quando io fu' desto da certi romori
di buon' sonagli e allettar di cani:
-- Or sù, andianne presto, uccellatori,
perché gli è tardi e ' luoghi son lontani;
el canattier sia el primo ch'esca fuori
acciò che i piè de' cavalli stamani
non ci guastassin di can' qualche paio.
Deh, vanne avanti presto, Cappellaio! --

4

Adunque el Cappellaio 'nanzi cammina.
Chiama Tamburo e Pezzuolo e Martello,
la Foglia, la Castagna e la Guercina,
Fagiano, Fagianin, Rocca e Cappello,
e Frizza e Biondo e Balocco e Rossina,
Ghiotto, la Corta, Vïuola e Pestello,
Zambracco e Sacco e 'l mio Buontempo vecchio
e Staccio, Burattel, Fuso e Pennecchio.

5

Quando i cani han di campo preso un pezzo,
quattro seguiron con quattro sparvieri:
Guglielmo, che per suo antico vezzo
sempre quest'arte ha fatta volentieri,
Giovan Francesco, e Dïonigi è 'l sezzo,
ch'innanzi a lui cavalca il Foglia Amieri.
Ma, perch'egli era a buon'or la mattina,
per riverenza Dïonigi inchina.

6

E la Fortuna, che ha sempre piacere
di far diventar brun quel ch'è più bianco,
dormendo Dïonigi fa cadere
appunto per disgrazia al lato manco,
sicché, cadendo addosso allo sparviere,
ruppegli un'alia e macerogli 'l fianco;
questo gli piacque assai, benché nol dica,
ché la sua dama è la poca fatica.

7

Non cadde Dionigi, anzi rovina,
e, come debbi creder, toccò fondo,
ché, come un tratto egli ha preso la china,
presto lo truova come un sasso tondo.
Disse fra sé: « Meglio era stamattina
restar nel letto come fe' Gismondo,
scalzo e 'n camicia in su le pocce al fresco:
ma non c'incappo più, se di questa esco!

8

Io ebbi pure un poco del cucciotto
a uscire staman per tempo fuori,
ché, s'io mi stavo, come il Birria, sotto,
facea per me e per gli uccellatori,
ché si saria meglio ordinato e cotto
e la tovaglia coperta di fiori:
meglio è straccar la coltrice e 'l piumaccio
che 'l cavallo, e guastar l'uccello in braccio ».

9

Intanto lo sparvier vuol rimpugnare,
ma egli è sì rotto che non può far l'erta,
perché i frascon' cominciano a cascare
e da l'un lato pendea la coverta;
pur Dïonigi il voleva aiutare;
ma, rassettando la manica aperta,
la man ghermigli, onde sotto se 'l caccia,
saltògli addosso e fanne una cofaccia.

10

Restano adunque tre da uccellare;
e drieto a questi andava molta gente,
chi per piacere e chi pur per guardare:
Bartolo e Ulivier, Braccio e 'l Parente,
che mai non vide più starne volare;
e io mi messi con lor; similmente
Piero Alamanni e 'l Portinar Giovanni,
che pare in su la nona un barbagianni.

11

Strozzo drieto a costor, come maestro
di questa gente, andava scosto un poco,
come colui ch'all'arte è molto destro
e molte volte ha fatto simil giuoco.
E tanto va, chi a caval, chi pedestro,
che finalmente ei son venuti al loco,
il qual per uccellar fe' sol natura,
con tutta l'arte e ordine e misura.

12

E' si vedea una gentil valletta,
un fossatel con certe macchie in mezzo,
da ogni parte rimunita e netta:
sol nel fossato star posson al rezzo;
era da ogni lato una piaggetta,
che d'uccellar faria venir riprezzo
a un gottoso e cieco, tanto è bella:
el mondo non ha una pari a quella.

13

Scaldava il sole al monte già le spalle
e 'l resto della valle è ancora ombrosa,
quando giugnea la gente in su quel calle;
prima a vedere e disegnar si posa
e poi si spargon tutti per la valle;
e, perché a punto rïesca ogni cosa,
chi va co' can', chi alla guardia o a getto,
sì come Strozzo ha ordinato e detto.

14

Era da ogni lato uno sparviere,
alto, in buon luogo da poter gittare;
l'altro a capo ne va del canattiere,
ch'a la brigata lo vorrà scagliare;
era Bartolo al fondo; et Uliviere
et alcuni altri, per poter guardare,
a mezza piaggia, in una bella stoppia.
El canattiere a' can' leva la coppia.

15

Non altrimenti, quando la trombetta
sente alle mosse il lieve barberesco,
parte correndo o, vuoi dir, vola in fretta,
così quei can', che sciolti son di fresco;
e, se non pur che 'l canattier gli alletta,
chiamando alcuno e a chi scuote il pesco,
sarebbe il seguitargli troppa pena;
ma la pertica e 'l fischio gli raffrena.

16

-- Tira, buon can! Sù, tira, sù, cammina! »,
Andianne! andianne! Torna qui, te', torna!
Ah sciagurato, Tamburo e Guercina!
Abbiate cura a Sacco, che soggiorna:
ah, bugiardo, ah poltron! Volgi, Rossina!
Guata buon can, guata brigata adorna!
Te', Fagianino... oh che volta fu quella?
Vedila qui, quella starnina, vella!

17

State avveduti a Staccio... frulla! frulla! --
Ecco e' leva cacciando, l'amor mio;
ma io non veggo però levar nulla,
e n'ha pur voglia, e n'ha pur gran disio.
Guarda la Corta là che si trastulla.
Oh che romor faranno, già 'l sent'io;
chi salta e balla, e chi la leverà
di questi cani il miglior can sarà.

18

Io veggo che Buontempo è in sulla traccia;
ve' che le corre: e' le farà levare;
abbi cura a Buontempo, che le caccia;
parmi vederle e sentirle frullare;
benché sia vecchio, ancor non ti dispiaccia,
ch'io l'ho veduto e so qual ch'ei sa fare:
i' so che 'l mio Buontempo mai non erra.
-- Ecco, a te, Ulivier, guardale a terra!

19

Guarda quell'altra all'erta, una al fossato:
non ti dissi io che mi parea sentille?
Guardane una alla vigna, all'altro lato
guardane due e tre, guardane mille! --
Alla brigata prima avea gittato
Giovan Francesco, e rïempiea le ville
di grida e di conforti: -- Ah buono uccello! --,
ma, per la fretta, gittò col cappello.

20

-- Ecco, Guglielmo, a te una ne viene:
cava il cappello, et alzerai la mano;
non istar più, Guglielmo! Ecco, a te, bene! --
Guglielmo getta e grida: -- Ahi, villano! --
Fugge la starna, e drieto ben li tiene
quello sparvier, che mai non esce invano:
dettegli in aria forse cento braccia,
poi cadde in terra, e già la pela e straccia.

21

-- Garri a quel can! -- Guglielmo grida forte,
che corre per cavargliele di piè.
E, perch'a ciò le pertiche eran corte,
un sasso prese e a Guercina diè,
per riscampar sì buon uccel da morte;
e, quando presso allo sparvier più è,
non lo veggendo, cheto usava stare,
per veder se sentissi sonagliare.

22

E, così stando, gliel venne veduto:
-- Presto! -- grida -- a cavallo! E' l'ha pur presa! --
E poi s'accosta, destro e avveduto,
come colui che l'arte ha bene intesa;
presegli il geto e per quel l'ha tenuto;
dàgli il capo e 'l cervel, ché non gli pesa;
sghermito, e l'ugne e 'l becco gli avea netto;
poi rimisse il cappello e torna al getto.

23

Giovan Francesco intanto avea ripreso
il suo sparviere e preso miglior loco;
pargli veder ch'a lui ne venga teso
uno starnone; e, com'è presso un poco,
aperta la man presto, il braccio steso,
gittò come maestro di tal giuoco;
giunse la starna, e, perch'ella è la vecchia,
si fe' lasciare e tutto lo spennecchia.

24

Invero egli era un certo sparverugio,
che somigliava un gheppio, e in un calappio
non credo che pigliassi un calderugio,
legato bene stretto con un cappio;
non avere' speranza nello indugio,
ch'a giuoco ne va poi come un fatappio;
e la cagion ch'a quel tratto non prese
fu che non v'avea il capo e non v'attese.

25

Intanto egli era uno starnone all'erta;
videlo il Foglia e fegli un gentil getto:
lo sparvier vola per la piaggia aperta
e présegnene innanzi, al dirimpetto.
Corre giù il Foglia e pargnene aver certa,
però che lo sparvier molto è perfetto:
preselo al netto, ove non era stecco
in terra, e insanguinogli i piedi e 'l becco.

26

E questo fe', ché lo sparviere è soro.
E intanto Ulivier forte chiamava:
-- Chiama giù il Cappellaio, chiama costoro!
E' n'è qui una -- (e col dito mostrava);
-- rilega i can', però che basta loro
la Rocca, che di sotterra le cava;
vien' giù, Guglielmo, non istare al rezzo,
e tu e 'l Foglia le mettete in mezzo. --

27

Così fu fatto; e, come e' sono in punto,
el canattier diceva: -- Sotto, Rocca!
Qui cadde, ve'. Ah! se tu l'arai giunto,
siesi tuo; torna qui, te' pogli bocca! --
Poi dice: -- Avetel voi guardato a punto? --
E in quel lo starnon del fondo scocca.
-- Ecco, a te, Foglia! -- Il Foglia grida e getta,
e simil fe' Guglielmo molto in fretta.

28

Lasciò la starna andarne lo sparvieri
e attende a fuggir quel che gli ha drieto.
Disse Guglielmo: -- Tu l'hai, Foglia Amieri! --
E, benché nol dimostri, ei n'è pur lieto.
-- Corri tu, che vi se' presso, Ulivieri! --
diceva il Foglia, e Guglielmo sta cheto.
Corse Ulivieri; e, com'egli è giù sceso,
vide che l'uno sparvier l'altro ha preso.

29

Quel del Foglia avea preso per la gorga
quel di Guglielmo, e crede che 'l suo sia;
par che a Guglielmo ta' parole porga:
« La tua è stata troppa villania!
Credo che 'l tuo sparvier massiccio scorga
a sparvier certo; e, per la fede mia,
tu pigli assai villani e stran' trastulli;
ma io pazzo a 'mpacciarmi con fanciulli!

30

Questa è stata, per Dio!, piacevol cosa,
che per la gorga è preso il mio sparviere ».
Disse Guglielmo: -- E' fanno alla franciosa! --
e non poteva le risa tenere,
ché così fa l'allegrezza nascosa.
Intanto più s'accosta il Foglia Amiere;
e, come agli sparvier' n'andò, di botto
vide che quel di Guglielmo è di sotto.

31

E getta presto il suo logoro in terra,
e lo sparvier di sùbito v'andava,
e, come vincitor di quella guerra,
gli fece vezzi, ché lo meritava.
Guglielmo intanto s'avvede ch'egli erra,
e lo sparvier suo guasto; onde gridava:
-- Tu se' pur, Foglia, stato tu il villano! --
e mancò poco e' nol disse con mano.

32

Ma 'l Foglia innanzi alla furia si leva,
e stassi cheto, et ha pur pazïenza:
altro viso e parole non aveva
quel ch'aspettava in favor la sentenza,
e poi subitamente la perdeva.
Disse Guglielmo: -- Io voglio usar prudenza:
ritroverrenci in luogo forse un tratto,
ch'io ti farò ben savio, s'tu se' matto! --

33

Già il sole in verso mezzogiorno cala
e vien l'ombre stremando e le raccorcia;
dà lor proporzïone e brutta e mala,
come a figura dipinta in iscorcia;
rinforzava il suo canto la cicala
e 'l mondo ardea, come fussi una torcia;
l'aria sta cheta e ogni fronde salda
nella stagion più dispettosa e calda.

34

Quando il mio Dïonigi tutto rosso,
sudando come fussi un uovo fresco,
disse: -- Star più con voi certo non posso.
Deh! vientene ancor tu, Giovan Francesco! --
Pietro Alamanni ancor disse: -- Io son mosso,
ché star qui più a me stesso rincresco,
ché pazzia è, ché par la terra accesa,
aspettar più, per pascer poi di presa. --

35

Diceva Dïonigi: -- Scalzo e scinto
a uno infrescatoio vo' starmi un'ora. --
E finalmente il partito fu vinto
di partir tutti, ché 'l sol gli divora.
El Cappellaio ne va che par sospinto,
co' bracchi ansando con la lingua fuora;
quanto più vanno, il caldo più raddoppia:
parea appiccato il fuoco in ogni stoppia.

36

Tornossi a casa, chi tristo e chi lieto,
e chi ha pieno il carnaiuol di starne;
alcun si sta sanza esse molto cheto,
e bisogna procacci d'altra carne.
Guglielmo viene dispettoso a drieto,
né può di tanta ingiuria pace farne;
Gioan Francesco già non se ne cura,
ch'uccella per piacer, non per natura.

37

-- Ov'è 'l Corona? Ov'è Giovan Simone? --
domanda' Braccio -- Ov'è quel del gran naso? --
Braccio rispose: -- A me consolazione
è che ciascun di costor sia rimaso.
Non prese mai il Corona uno starnone,
se per disgrazia non l'ha preso o a caso;
e più sparvier' ha morti già meschini
ch'Orlando non uccise Saracini.

38

Egli arà forse preso qualche grillo;
lasciàlo andar, ché questa è poca ingiuria,
ché me' sarebbe perder, che smarrillo:
menarlo meco i' m'ho recato a ingiuria.
Gioan Simone gli tocca un certo grillo,
sella il cavallo o (s'egli ha) mula a furia
e 'l sacco toglie, e questo è suo mal vecchio:
per mio consiglio e' non verrà a Fucecchio;

39

ché 'l ciambellotto ha già presa la piega
d'andarne sanza dire agli altri addio,
il cappelluccio, e vassene a bottega,
a un grembiule, ch'è 'l cucco e 'l suo desio;
lui già, quando il fiero naso spiega,
cani e cavalli aombra e fa restio;
né de' sentir della rosa l'odore,
se non conficca la punta nel fiore.

40

Lüigi Pulci anco rimaso fia:
e' se n'andò là oggi in un boschetto,
ch'aveva il capo pien di fantasia:
vorrà fantasticar qualche sonetto;
guarti, Corona, per la fede mia,
che borbottòe staman molto nel letto,
e' ricordava ogni volta il Corona,
e l'ha a cacciar in frottola o in canzona. --

41

Giungono a casa, e chi ripone il cuoio,
chi i can' governa e mette nella stalla;
poi, fatto cerchio a uno infrescatoio,
truovansi tutti co' bicchieri a galla.
Quivi si fa un altro uccellatoio,
quivi si dice un gru d'ogni farfalla;
e par trebbiano el vin, sendo cercone,
sì fa la voglia le vivande buone.

42

Il primo assalto fu sanza romore:
ognuno attende a menar le mascella;
ma poi, passato quel primo furore,
chi d'una cosa e chi d'altra favella;
ciascuno al suo sparvier dava l'onore,
cercando d'una scusa pronta e bella;
e chi molto non fe' col suo sparviere,
si sfoga or qui col ragionare e 'l bere.

43

Ogni cosa guastava la quistione
del Foglia e di Guglielmo finalmente;
ma Dïonigi con parole buone
dicea: -- Guglielmo, e' non si tiene a mente
a caccia nulla e a l'uccellagione:
basta che 'l Foglia del caso si pente;
fa' che tu sia, come fu' io, discreto,
ch'uccisi il mio e stommi in pace cheto. --

44

Ora ecco il sol ne l'ocëàn n'è ito.
E Lüigi? E Lüigi è già tornato,
e 'l Corona anche a desco è comparito;
Giovan Simone ha fatto al modo usato:
per arte di maiolica è sparito.
E, poi che molto si fu cicalato,
a letto tutti, e prima un centellino,
ché d'ogni cosa porta pena il vino.

45

Or quel che poi si sognassi la notte,
questo sarebbe bello a poter dire,
ch'io so ch'ognun rimetterà le dotte
e insino a terza vorranno dormire;
poi ce n'andreno in Sieve, a quelle grotte,
e qualche lasca farem fuori uscire.
E così passa, o compar, lieto il tempo,
con mille rime a zucchero e a tempo.




Leggi altri Editoriali

6 commenti finora...

Re:BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZO

SICURAMENTE LORENZO DE MEDICI è UN RIFERIMENTO CERTO PER I CACCIATORI. NE HA FATTE TANTE NELLA SUA VITA CHE NON CREDO CHE CI SIA QUALCUNO CHE INTENDA SVILLANEGGIARLO PERCHè APPASSIONATO CACCIATORE. D'ALTRA PARTE, ANCHE I SIGNORI DI FIRENZE CHE NEI SECOLI GLI SONO SUCCEDUTI, DELLA CACCIA HANNO SEMPRE AVUTO UN GRANDE RISPETTO. IL GRANDUCA CANAPONE ANDAVA AL CAPANNO IN PORTANTINA. PIù DI RECENTE, IL SINDACO GABUGGIANI, POI GOVERNATORE, POI SENATORE, AVEVA COSTRUITO LA SUA CARRIERA POLITICA PARTENDO DA PRESDIENTE PROVINCIALE DELLA FEDERCACCIA. E DICO POCO... ORA, DOPO RENZI, BUON AMICO DEI CACCIATORI, FINO ALLE ULTIME MAIALATE FIRMATE GALLETTI, NARDELLA PENSO CHE NON SAPPIA NEMMENO CHE A FIRENZE CI SIANO CACCIATORI. BOH. SIAMO IN EPOCA MALEDETTA, OGGI CORRONO I TAGLIAGOLE DELL'ISIS. TUTTO IL RESTO E' MONOTONIA LIBERAL, TUTTI POLITICAMENTE CORRETTI FINO A CHE NON DECIDERANNO DI SGANCIARE UNA BOMBA ATOMICA. MAGARI SARANNO ANCHE ANIMALISTI E VEGANI

da BALUBA 17/02/2015 17.43

Re:BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZO

Sono d'accordo anch'io, la caccia popolare, soprattutto nel centro nord d'Italia è la caccia ai piccoli uccelli. Un tempo con reti, roccoli, vischio, schiacce, filetti eccetera. Con i richiami in gabbia, oltre che grazie alla bravura dei chioccolatori. Oggi, da un paio di secoli, da quando c'è il fucile a pallini, la tradizione e quindi la storia della caccia popolare, è quella della caccia al capanno con le gabbie. Un po' meno quella a volte piuttosto consumistica dei bruciasiepi che mirano più al carniere che a mantenere la cultura dei padri. L'associazione dei migratoristi si è sempre adoperata per dare contributi anche sostanziali alla cultura della caccia e conoscenza, esperienza e manodopera (non manovalanza) alla ricerca, collaborando da sempre con il Laboratorio di Bologna, prima, l'INBS e l'INFS dopo, l'Ispra oggi. Penso anch'io che sia abbastanza per mettere sugli scudi questa gente e rendere a tutti loro, capi e truppa, l'onore che si meritano. Perchè è gente che fa dei fatti quando molti altri - banali quaqquaraqqua' - danno fiato alle loro bocche piene di niente.

da malebranche 17/02/2015 8.17

Re:BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZO

Invece c,azzecca e come, loro hanno dato e danno alla storia della caccia.

da g 16/02/2015 18.06

Re:BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZO

Caro g, mi spiace per te ma l'eccellenza di tantissime cose di cui si gode ancora oggi tutti noi italiani, va ricondotta al riniscimento pensato e praticato da personaggi del calibro di Lorenzo. Con Bana c'azzecca poco,soprattutto se si aprla di caccia. Lorenzo praticava la falconeria, i suoi contadini l'uccellagione. Senza togliere meriti ai chi questa specialità vorrebbe ancora praticare. Forse, g, non hai capito però che la caccia la si salva tutti insieme, e sarebbe un gravissimo errore pensare che abbiamo tanti cervelli eccelisi da poterci permettere di scaricarne qualcuno. Anche se poco dotato. ceryamente, invece, dovremo una buopna volta scaricare i disfattisti come te, che del bene alla caccia non lo fanno di sicuro.

da Piero C. 16/02/2015 14.36

Re:BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZO

da toscano devo dire:- BELLISSIMO!! a fatto piu' cose lui in un giorno che 10 anni del nostro governo.

da arturo 16/02/2015 14.14

Re:BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZO

Bene prossimo personaggio . Bana a.n.u.u.

da g 16/02/2015 10.17