HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
  Cerca
Serra uno di noi. L'animalista coi baffi Cacciatore o lupo cattivo? IL CINGHIALE SALVA LA CACCIA Brambusconi, "che figata" ETICA O ETICHETTA? DUE CHIOSE ALLO STORICO CARTA VINCE CARTA PERDE Cacciatori e no L'AGNELLO E LA CICORIA PER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattere SOSTIENE LARA LUPO, QUANTO CI COSTI A UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS francese ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANA C'ERA UNA VOLTA... LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!! Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italiane TABU' LUPO FIRMAMENTO SOCIAL ALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSO LUPO. ATTENDIAMO LUMI CHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIA Cos’è la caccia La ri-proposta Cuore di beccaccia Cacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardi LA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scoperta CARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODA Osservatori regionali, avanti! Ungulati: una risorsa preziosa La mia prima volta al cinghiale: onore alla 110! Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibile ANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTI TORDI TORDI STANNO TUTTI BENE ETERNA APERTURA TANTE MAGICHE APERTURE CI SIAMO! LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONE LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE ANCH'IO CACCIO MIGRATORIA, MA DI CHI? Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio francese REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO Lasciate la carne ai bambini Uccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi.... CINGHIALI D'UNA VOLTA DATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRA MONTAGNA, 22 ANNI DOPO Elegia per un vecchio signore LA GRANDE BUFALA Animali & Co: un problema di comunicazione LUPO O CINGHIALE? Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo Le allodole, mia nonna e le vecchiette La caccia e gli chef UNGULATI CHE PASSIONE PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA Le beccacce e il lupo QUESTIONE DI PROSPETTIVA La cinofilia ufficiale. Parte seconda con scuse PROBLEMA LUPO Bisturi facili. Cuccioli? No grazie Perché ho scelto il setter inglese? Galletti fa mea culpa Questa è la cinofilia ufficiale C'era una volta il cinghiale Bracconieri di speranze Gip, amor di cacciatore. Il piccolo francese SAVETHEHUNTERS, MATTEO TROMBONI SFIATATI I sistemi elettronici di addestramento GUANO CAPITALE In principio era una Dea C'era una volta l'orso bianco che campava di caramelle UNA TERRA DIVERSA MEMORIE. Da regina a regina informAZione? Iniziazione del cucciolone UNIONE AL PALO? LA PARABOLA DI CECIL CROCCHETTE VEGANE L'ecoturismo fa danni ALLODOLE PER SEMPRE TRUE LIES CI SIAMO? Natura. Madre o matrigna? LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPO UN’APERTURA DA FAVOLA I cuccioli di oggi MACCHE' PREAPERTURA CACCIA, PROVE E VARIA UMANITA' Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiere FORMAZIONE, FORMAZIONE! I cani da ferma oggi Arlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNA Prima informarsi, poi farsi un'opinione Effetto Flegetonte Il cane domestico (maschio) Il valore della caccia Chi è diavolo, chi acquasanta? CANDIDATI ECCELLENTI PUBBLICO O PRIVATO? LA FRANCIA E I MINORI A CACCIA REGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATI Caccia vissuta “Se questa è etica” QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PERO Le contraddizioni dell'Expo QUESTIONE DI CORPO L'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloni Calendari venatori: si riparte DOVE ANCORA MI PORTA IL VENTO LUCI E OMBRE DI UN PROGETTO CANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIO CHIUSO UN CICLO... A patti col diavolo... e poi? BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZO MISTERI DELLA TELE CANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILE E' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SA Tordi e beccacce tra le grinfie della politica Donne cacciatrici piene di fascino predatorio Italiani confusi su caccia e selvaggina Storia di una particella cosmica Vegani per moda Anime e animali MUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur Smith CHI LA VUOLE COTTA, E CHI.... Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsa ZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA! E se anche le piante provassero dolore? PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMA Momenti che non voglio scordare Anticaccia? Parliamone CACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELE CATIA E LA PRIMA ESPERIENZA CHIARI AVVERTIMENTI PIU' VIVA E PIU' AMATA ECCE CANEM DE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTI IL CATALOGO E' QUESTO.... CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIA ISPRA. UN INDOVINO MI DISSE... MIGRATORI D'EUROPA L'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggio MIGRATORISTI GRANDE RISORSA Fauna ungulata e vincolismo ambientale Decreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTRO Ai luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIO SPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHI DOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVE Biodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLA Le specie invasive ci libereranno dall'animalismo EUROPEE: SCEGLIAMOLI BENE La rivoluzione verde è nel piatto La caccia al tempo di Facebook SOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposo COSE SAGGE E MERAVIGLIOSE AMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDO C'ERO UNA VOLTA ALL'EXA QUESTA E' LA CACCIA! EUROPA AL RISVEGLIO TOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLA CACCIA LAZIO: quali certezze? ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTI UNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILE LO DICO COL CUORE IL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E' I veri volontari dell'ambiente DIAMOGLI CREDITO PROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIA Ambientalisti italiani, poche idee ma confuse Anche National Geographic America conquistato dalle cacciatrici Più valore alla selvaggina e alla caccia Il cinghiale di Colombo Porto di fucile - NON C'E' MALE! PAC & CACCIA LILITH - LA CACCIA E' NATURALE Effetto protezionismo Ispra: il caso beccaccia Il grande bluff dei ricorsi anticaccia COME FARE COSA FARE Supermarket society Romantica Tipi di comunicazione: C'E' MURO E MURO Ambientalisti sveglia! Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggiose SPRAZZI DI SERENO POINTER E NON PIU' SOGNO DI CACCIATORE UN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPO RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORI LA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOON ALLA FIERA DELL'EST VOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNA IL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI “Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunistico CACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISI Partiamo dalla Toscana ITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la caccia C’ERA UNA VOLTA… I cacciatori nel regno delle eterne emergenze Gli ambientalisti e la trave nell'occhio Addio alle rondini? L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato) ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI..... SUCCEDE ANCHE QUESTO BASTA ASINI AMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di Diana TOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTO ALLARME DANNI DANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga… STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA “L'ipocrisia delle coscienze pulite” UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALE CACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA' ZONE UMIDE: CHI PAGA? Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA SPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLE La Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’albero A SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo così NEORURALI DE NOANTRI FRANCIA MON AMOUR LA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIA TERRA INCOGNITA L’Italia a cui vorrei fosse affidata la caccia La marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVE COLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI? DIVERSA OPINIONE IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE Opinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!! A CACCIA A CACCIA!!! PROVOCAZIONI Estate di fuoco MISTIFICAZIONI SICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTO Sostenibili e consapevoli! COLPI DI SOLE COLPI DI CALORE Aiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti! TECNOCRATI? NO ESPERIENTI LA RICERCA DIMENTICATA PARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'! Orgoglio di contadino Campagna o città? CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRI CALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERE CONFRONTO FRA GENERAZIONI LA CACCIA CHE SI RESPIRA Rapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNO MUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà? Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga... DELLE COSE DELLA NATURA Cultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'Italia Il nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalisti LA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀ PAC IN TERRIS UCCELLI D'EUROPA GIRA GIRA..... STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNA TOCCA A NOI! CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLO IL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIA VERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTO PROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZA BECCACCE DI BEFANA CACCIA, FASE DUE PROVOCAZIONI DI FINE D’ANNO RICERCA RICERCA SPIGOLATURE DI NATALE Dai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONE NON ERA AMORE Finalmente autunno Il paradosso dell'Ispra IL PIANETA DEI CACCIATORI Le caste animali A CACCIA ANCHE DOMANI A CACCIA SI, MA DOVE? ORGOGLIO DI CACCIATORE Per il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIA APRE LA CACCIA! Amico cacciatore, guarda e passa Riforma sui Parchi in arrivo? E i cuccioli umani? MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATE LA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenza Il Pointer e la caccia Col cane dalla notte dei tempi Contarli, certo, ma come? Questa è una passione! IL PENTOLONE LA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE NON SOLO STORNO QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI La lezione di Rocchetta di Vara BASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITI CORONA L'ERETICO Cacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medaglia Deroghe: non è una missione impossibile AMBIENTALISMO E' CULTURA RURALE Sei il mio cane ALLE RADICI DELLA CACCIA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIA COME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA... BOCCONCINI PRIMAVERA CACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERE COMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIO QUESTIONE DI CALENDARIO LA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIA PRENDIAMO IL MEGLIO BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA TUTTI A TAVOLA RIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRE LA CACCIA SERVE. ECCOME! METTI UNA SERA A CENA Urbanismo e Wilderness: un confronto impari CONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEET GIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANI IL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in Italia Accade solo in Italia? L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza FRA STORIA E ATTUALITA' Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro “Solo” una passione Tra ideologia e strategia politica IL CATALOGO E' QUESTO TORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTO DA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro Brambilla Italiani ignoranti della caccia CACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNA Ed il giorno arriva DEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE! PRE-APERTURA DI CREDITO Domani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONE Alcune riflessioni sulla caccia in Italia Divagazioni per una rivoluzione culturale La senatrice Adamo va alla guerra PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci) Calendari venatori. Le bugie degli ambientalisti Un'arte chiamata caccia AREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLA Animalismi e solitudini In un vecchio armadio STAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODO Belli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI! Ieri, mille anni fa, io caccio Cosa mangiano gli animali degli animalisti? SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA MOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVO ORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICO Aerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo” ALL'ARIA APERTA! Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIA IPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOI IN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA! RIFLESSIONI DI UN PEONE IL PAESE PIU' STRANO DEL MONDO Fuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALE E Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTO L'Enpa insulta i cacciatori SELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIA America: un continente di vita selvaggia LA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezione LA CACCIA COME LA NUTELLA? LUPO, CHI SEI? Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no? TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGE A caccia con L'arco... A caccia con la storia... Interpretazioni e commenti di nuova concezione 10 domande ai detrattori della caccia IL BRIVIDO CHE CERCHIAMO La caccia come antidoto alla catastrofe climatica Per una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNARO CONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIA Caccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perduta Allarmismo e vecchi trucchetti Ancora Tozzi ? REALISMO, PRIMA DI TUTTO Le invasioni barbariche APERTURA E DOPO. COSA COME QUANDO Piombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquatici Di altro dovremmo arrabbiarci I GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecnici Un rinascimento ambientale è possibile Gelosi e orgogliosi delle nostre tradizioni LA CACCIA SALVATA DALLE DONNE? Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars Venandi Tutto e il contrario di tutto DALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO... IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATO La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova Tutti insieme... magicamente Ambiente: una speranza nella caccia SOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTA La Caccia ha bisogno di uomini che si impegnano LA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDO Il capanno: tra architettura rurale e passione infinita DONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANA EUROPA EUROPA VICINI ALLA VERITA' Beccaccia sostenibile CACCIA E SOCIETA' Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNI PARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidato CACCIA ALL'ORSI ORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORI UN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORI Ridiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevole Il cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia. 157: PENSIERI E PAROLE MA COS'E' QUESTA CACCIA? 157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONE MIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARE CINGHIALI CHE PASSIONE La cultura cinofila ATC DIAMOCI DA FARE Il vitello che mangi non è morto d'infarto! Ripensare la caccia? PER UN FUTURO DELLA CACCIA QUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONA PUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAM Un nuovo corso per gli ungulati Siamo noi le Giubbe Verdi Ruralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina La caccia secondo Giuliano, umorista de La Repubblica Questa è la caccia Il cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumi La cinegetica e la caccia col cane Gestione e tradizione BASTA TESSERE AMAR...TORD E il beccafico perse la via del nord Dimostriamo credibilità Apertura passione serenità editoriale - Fucili italiani come le ferrari Orgoglio di Cacciatore I Tordi e le Beccacce La Caccia è Rock

Editoriale

Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo


lunedì 23 maggio 2016
    

E' una questione di priorità. Vogliamo bene agli animali certo, teniamoli con noi, rispettiamoli e facciamogli vivere una vita dignitosa. Ma con giudizio. Bisogna sempre avere la lucidità di saper scindere l'amore per le bestie da quello, ben più importante, che ci lega ai nostri simili. E' questo che probabilmente intendeva Papa Francesco, travolto dalle polemiche animaliste, di cui di solito non si cura (vedi l'infinita polemica sugli agnelli pasquali), quando ha ammonito chi ama gli animali e poi si scorda del vicino che muore di fame. “La pietà non va confusa con la compassione che proviamo per gli animali che vivono con noi – ha detto Francesco -; accade, infatti, che a volte si provi questo sentimento verso gli animali, e si rimanga indifferenti davanti alle sofferenze dei fratelli. Quante volte vediamo gente tanto attaccata ai gatti, ai cani, e poi lasciano senza aiutare il vicino, la vicina che ha bisogno… Così non va” ha detto all'assemblea giubilare di due sabati fa.

Gli animalisti, o alcuni di loro, sono dunque serviti al Papa come pretesto per parlare dell'ipocrisia di chi ignora la sofferenza del prossimo, salvo poi avere una grande compassione per le sorti del tal cagnolino o tal altro animale indifeso. E ci ha preso in pieno, visto che una delle critiche più frequenti rivolte alle persone che abbracciano questa filosofia, è proprio quella di tenere più agli animali che alle persone. Come dimenticare del resto l'oscuro dibattito sulle sperimentazioni scientifiche e i tanti insulti indirizzati alla malata Caterina Simonsen perché, da amante degli animali, aveva dichiarato di mettere, a malincuore, la sua salute e quella di tanti sofferenti come lei, davanti alle sorti delle cavie da laboratorio?

Chissà se Papa Bergoglio lo ha fatto di proposito, viene da chiedersi, visto che è dal suo insediamento a San Pietro che viene ammorbato dagli animalisti, eccitati fin da subito di avere finalmente un Papa francescano, tenuto conto che notoriamente San Francesco è identificato come il massimo difensore degli animali nella cerchia dei santi illustri. Iconograficamente la cosa potrebbe avere un senso. San Francesco che parla con il lupo, che capisce il linguaggio degli uccellini e che si circonda di pace e serenità in completa armonia con la natura. Ma la teologia cattolica ha sempre qualcosa di più profondo di ciò che si vede in superficie. Ed ha sempre e irrimediabilmente a che fare con l'uomo al centro del creato. Che si serve della natura e degli animali, creati da Dio per l'umanità.

Anche San Francesco non fa eccezione. Dalla rete, a difesa del Papa dalle critiche animaliste, scopriamo qualcosa di interessante. Per esempio che il poverello di Assisi mangiava carne. Il che lo depenna definitivamente dall'elenco degli animalisti ante litteram. Nella biografia del santo, di Tommaso da Celano, si legge:"Un giorno i frati discutevano assieme se rimanesse l'obbligo di non mangiare carne, dato che il Natale quell'anno cadeva in venerdì. Francesco rispose a frate Morico: Tu pecchi, fratello, a chiamare venerdì il giorno in cui è nato per noi il Bambino. Voglio che in un giorno come questo anche i muri mangino carne, e se questo non è possibile, almeno ne siano spalmati all'esterno". Il cantico delle creature stesso, manifesto della filosofia francescana, contempla gli animali in quanto risorse al servizio dell'uomo. In tal senso Bergoglio è definito coerente da alcuni animalisti critici, quando per esempio dichiarò di amare il film "Il pranzo di Babette", dove si mangia brodo di tartaruga e quaglie arrosto.

A spiegare, teologicamente, la posizione antianimalista del Papa, è padre Enzo Fortunato, direttore della sala stampa del Sacro Convento di Assisi. “Per san Francesco è centrale l’uomo e solo dopo ci sono gli animali e l’ambiente, il creato. Troppi amano, come ha detto il Papa, cani e gatti, ma ignorano i vicini. Il Pontefice ha evidenziato la centralità dell’uomo, dei figli, dei vicini, guardando al futuro dell’umanità”.
 
Sul sito degli Amici Domenicani, si fa presente che è la bibbia a dissipare i dubbi. Qui emerge in maniera inequivoca che Dio stesso ha concesso all’uomo di nutrirsi anche delle carni degli animali. Sebbene in un primo momento avesse dato all’uomo la possibilità di nutrirsi di ogni erba vivente (cfr.: “Dio disse: «Ecco, io vi do ogni erba che produce seme e che è su tutta la terra, e ogni albero fruttifero che produce seme: saranno il vostro cibo”. Gn 1,29). dopo il diluvio ha concesso anche la carne degli animali. “Dio benedisse Noè e i suoi figli e disse loro: “Siate fecondi e moltiplicatevi e riempite la terra. Il timore e il terrore di voi sia in tutti gli animali della terra e in tutti gli uccelli del cielo. Quanto striscia sul suolo e tutti i pesci del mare sono dati in vostro potere. Ogni essere che striscia e ha vita vi servirà di cibo: vi do tutto questo, come già le verdi erbe” (Gn 9,1-3).

Sono dunque due mondi inconciliabili quello cattolico/cristiano e quello animalista. Nel loro piccolo anche gli amici degli animali hanno dei dogmi intoccabili (la carne non si mangia, gli animali non si uccidono, ecc.). Nel loro piccolo, anche loro negano, per analogia, che la terra è rotonda e che gira intorno al sole e non viceversa (disconoscendo per esempio la necessità di regolare la fauna), proprio come se si trattasse di una religione. La battaglia è comunque persa in partenza. I nuovi precetti animalisti non potranno mai scalfire quelli ultra millenari della religione più diffusa al mondo, di cui per oltre la metà dei fedeli,  il Papa è il sommo rappresentante, e il messaggero diretto di Dio. Si rassegnino pure.

Cinzia Funcis

Leggi altri Editoriali

40 commenti finora...

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

??????????????

da ? 30/05/2016 13.29

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

x Francy "la vera armonia" quella grazia interiore che puo' dare solo lo Spirito Santo, ha un rapporto molto forte con il denaro... il denaro e' nemico dell'armonia, il denaro e' egoista..ahhh scoppiata a ridere!!fare i conti in tasca al Vaticano e' impresa disperata...io penso agli animali,tu stai attento a seguire piu' da vicino,il figlio del tuo vicino,a buon intenditor poche parole :)

da Elena Nervi 29/05/2016 18.02

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

in questo caso la si pensa ugualmente

da sandro 27/05/2016 17.02

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

in questo caso la si pensa ugualmente

da sandro 27/05/2016 17.02

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

Quanto striscia sul suolo e tutti i pesci del mare sono dati in vostro potere. Ogni essere che striscia e ha vita vi servirà di cibo: vi do tutto questo, come già le verdi erbe” (Gn 9,1-3)......già era "nostro" un tempo.....ora è dei solo dei Direttori dei parchi :-):-)

da Festinalente 27/05/2016 17.00

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

Papa Francesco è un grande in tutti i sensi.Gli animalisti credono che San Francesco fosse animalista ma, se avessero letto bene il suo percorso ed il cantico alle creature cercando di capire cosa volesse trasmettere...nooo sto dicendo stupidaggini,bisogna avere una certa elasticità mentale e profondità d'animo,sopratutto verso la natura,argomento che ignorano.

da W Papa Francesco 26/05/2016 22.24

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

X unavergogna se ti vergogni di nome tu perché fai riferimento agli altri? Non so cosa dovrei rileggermi....firmati sempre con lo stesso nome se vuoi farti capire sul serio....ciao ciao

da Mauro ( Roma) 26/05/2016 18.01

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

x Mauro forse sarebbe meglio che ti rileggessi quello che hai scritto tu!

da unavergogna 26/05/2016 14.23

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

Un Papa che si avvicina molto alla vera religione che Gesù manifestava tempo fa stando in mezzo al popolo. Grande Papa Francesco.

da jamesin 26/05/2016 14.22

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

la contraddizione è il pezzo forte di questa congiuntura. secondo me è figlia della società piaciona, si vorrebbe essere tutti simpatici, ma nello stesso tempo si vorrebbe dar da mangiare ai nostr egoismi. ecco allora che si mostrano i muscoli con i deboli e si fa i pecoroni con i prepotenti. peeraltro antico vizio italico. nessuno ricorda più perchè i nostri nonni se ne andarono dall'italia, nessuno ricorda più perchè e a spese di chi siamo in poco tempo diventati una delle prime potenze economiche del pianeta. si vorrebbe chiudere le frontiere, ma si vorrebbe mantenere la riccehzza che i nostri genitori ci hanno servita su un piatto d'argento. peccato che questa ricchezza, anch'essa, sia figlia di tante contraddizioni. il papa, che è figlio delle contraddizioni, quando invita i vescovi a liberarsi di tutti i patrimoni, è coerente con sè stesso, ma cozza ovviamente con la grettezza d'animo di tutti i potentati ecclesiastici e di chi ci lucra intorno, che spesso va a messa e si confessa, e poi da decenni vota proma dc poi lega oggi 5stelle per non pagare le tasse. l'ipocrisia è il mantello di cui ci si copre per nascondere i nostri egoismi. siamo tutti cristiani a parole, ma quando la pancia brontola, si mangerebbe anche un bambino

da van. verate 26/05/2016 11.39

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

Carissimo John Valente visto che sei cosi' buono di cuore nessuno ti impedisce di non rinnovare piu' il pda e con i 500 euro e tutti quelli che risparmierai potrai dare il tuo aiuto nei confronti di tutti i poveri che ci sono in Italia o ancora meglio potrai metterli a disposizione della chiesa che avra' qualcosaltro per ristrutturare il piccolo appartamento del cardinal Bertone o quello di qualche altra eminenza....Ovviamente il tuo cane potrai farlo sopprimere quando stara' male...ma vi leggete quando scrivete? Bhoooo

da Mauro ( Roma) 26/05/2016 8.26

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

Perché uno che si è venduto la patria può affermare che il papa è di destra? Forse è andato dentro il seggio a tenergli la mano anche se i sinistroidi ne sono capacissimi? Di una cosa si ha la certezza che la compagine rossa è la maggiore responsabile di questo schifo. Poi il papa vota come vuole è ha tutte le scusanti cattoliche cristiane per sostenere quello del tutti fratelli mentre la politica ha solo quella del potere, dei voti, e del lucro altrimenti tratterebbe connazionali e migranti con molta più cristianità.

da Marco 25/05/2016 22.56

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

Miracolo! Per certa gente è diventato comunista anche il Papa. L'intelligence negazionista sta indagando se il miracolo l'ha fatto lui medesimo, il Papa, o Carlo Marx che quidi risulterenbbe quanto meno santo, o direttamente MATTEO Salvini, CHE PER ALCUNI è IL PIù ACCREDITATO.

da KEGEBE 25/05/2016 16.26

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

John Valente, sono nipote di un immigrato è non lo dimentico anzi mi ricordo molto bene ciò che mi raccontava il nonno.Partito diciottenne dal paese per gli USA, con in tasca il passaporto e pochi soldi ma un regolare contratto di lavoro come minatore. Imbarcato a Marsiglia e sbarcato negli USA ad Ellis Island. Dopo i controlli sanitari per verificare che non portasse malattie problematiche per i nativi è stato inviato immediatamente al lavoro, senza rimanere neanche un giorno a bighellonare per strada.Terminato il contratto è stato imbarcato per il ritorno in Italia.Ecco vedi, un tipo di immigrazione così sarebbe accettata da tutti.

da Frank 44 25/05/2016 13.40

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

In Italia le pance piene sono rimaste solo quelle dei politici e faccendieri il restante se pranzano non cenano e alcuni nemmeno questo possono più fare e rovistano i cassonetti della spazzatura. Una nutrita fetta di popolo italiano ha rinunciato persino a curarsi, pensa a che punto hanno portato questo popolo e tu mi vieni a parlare di dudù, brambilla, salvini? Ma guarda piuttosto il tuo giorgio, matteo, elena, angelino, e tutta la cricca di sinistroidi che non avrai l’imbarazzo della scelta e non dimenticarti l’amico dei cacciatori gianluca visto che hai sottolineato salvini come nostro amico. Non dimenticarti -Domenica a Piazza S.Pietro- vestito da chierico e la bandiera rossa con a seguito tutti quelli che con i tuoi soldi mantenuti. Io guardo i miei connazionali meno abbienti, i loro figli che soffrono di malattie anche rare, anziano soli con pensioni da terzo mondo e faccio di tutto e di più (nel limite delle mie possibilità) per aiutarli, soffro con loro e per loro. Se questo mio fare significa essere fascisti, ONORATISSIMO di esserne etichettato.

da Alvaro 25/05/2016 11.56

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

JOHN VALENTE potrai non crederci ma non sono mai stato razzista fino a quando i sinistroidi mi hanno costretto ad esserlo. Loro con la loro politica ipocrita e scellerata hanno fatto si che questa gente invadesse l’ITALIA senza nessuna tutela per la Nazione ne per i suoi abitanti. I più onesti e volenterosi (pochi in verità) si sono ritagliati spazzi anche umilianti per tirare avanti nell’onestà. Altri parassiti, incapaci, inetti a casa loro, hanno scelto la via politica spronati e schierati nelle file sinistroidi umiliando e sputando sul piatto Italia. (l’europarlamentare “amica” di Cal ti ricorda qualcosa, anche se il Cal secondo me in quella circostanza aggi male?) Mentre la maggioranza è stata in (rari casi) costretta a buttarsi nella malavita perché la politica non ha offerto loro nulla, se non la strada. Quanto persi possa andare avanti, beneficenza, sussidio, accoglienza, di una nazione che ha stento riesce a gestire i servizi LAUTAMENTE ANTICIPATII dai suoi abitanti ed ora passati di mano a chi non ha contribuito minimamente sotto nessuna forma anzi rivendicando diritti, scioperi , manifestazioni, devastazioni,e rifiuto anche di cibo perchè secondo i loro è immangiabile prima che scoppi qualcosa di brutto ? Segue

da Alvaro 25/05/2016 11.55

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

PER CERTI COMMENTATORI CREDO CHE SIA GIUSTO CHE SI MERITINO LA BRAMBILLA, DUDù E TUTTI COLORO CHE CHIEDONO LA MUTA PER IL LORO CAGNOLINO (AFFETTO DA DIABETE), MENTRE SI GIRANO DALL'ALTRA PARTE SE VEDONO UN POVERACCIO, CHE SPESSO E' PPOVERACCIO PROPRIO PER CERTE NOSTRE DISSENNATE POLITICHE DA PANCIA PIENA. TUTTA GENTE CON LA MEMORIA CORTA, MOLTO PROBABILMENTE NIPOTI O PRONIPOTI DI EMIGRANTI CHE HANNO SOFFERTO LE STESSE PENE. VI MERITATE ANCHE SALVINI, CHE PUR SE "AMICO" DEI CACCIATORI, INGRASSA (POLITICAMENTE) ALLE NOSTRE E VOSTRE SPALLE.

da JOHN VALENTE 25/05/2016 10.08

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

Caro Alvaro, non e' che nella vita ti puoi prendere solo il meglio, io i giornali li leggo, come Te e come te mi arrabbio pure per questa situazione, ma ho visto questi poveri Siriani che non hanno scelto loro la guerra stavano meglio di noi con un lavoro e una famiglia, ma dico soltanto che uno nella vita deve fare la sua parte sia per aiutare questi rifugiati di guerra sia per non far passare altri che si spacciano per loro. Ti piace solo il bello? vorresti una riserva solo per te? non pagare le tasse? se trovi un posto cosi'... chiamami. saluti

da art 25/05/2016 8.53

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

sono pienamente d'accordo con voi con questo eccessivo buonismo verso questa scellerata immigrazione ,e sono concorde che sia piu' giusto aiutare i nostri poveri e soprattutto i nostri vecchietti che hanno contribuito ha mandare avanti l'ITALIA, ma a me avrebbero rotto le b....e anche questi animalisti padroni di quei cani che gli viene permesso tutto compreso cagare e pisciare nei centri commerciali.

da mb 24/05/2016 23.12

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

Art i disperados centrano e come, sono quelli che nomina e ne pretende pietà.Leggi mai la cronaca? E del degrado che versano le città, periferie, finanche parchi e boschi più a nord di Roma cosa ne pensi? L'americano,l'inglese,il tedesco per citarne alcuni vengono a comprare case, terreni, ville, castelli. Possono essere anche delinquenti ma certamente meno e meno pezzenti/ delinquenti degli ultimi arrivati Schengen e di quelli "variopinti".

da Alvaro 24/05/2016 18.36

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

Povero gigi con i pretini come te siamo andati avanti per secoli e ancora ci facciamo prendere in giro...pensala come ti pare e prenditi in casa il prossimo barcone di siriani che arriva io mi tengo il mio cane in casa che sta' da pascia'

da Mauro ( Roma) 24/05/2016 13.10

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

Povero Gigi con i pretini come te siamo andati avanti per secoli e ancora ci facciamo prendere in giro...pensala come ti pare e prenditi in casa il prossimo barcone di siriani che arriva io mi tengo il mio cane in casa che sta' da pascia'

da Mauro ( Roma) 24/05/2016 13.10

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

azz che bei commenti qui sotto!! in fondo il succo del discorso era rivolto all'amore verso il prossimo, poi vengono gli animali e l'ambiente, lasciamo stare la delinquenza e tutto il resto, che sono altri argomenti.

da art 24/05/2016 12.04

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

POvero mauro come sei corto di comprendonio. Con gente che ragiona come te si va davvero poco lontani.

da Gigi 24/05/2016 11.49

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

Quindi secondo il volere del Papa io dovrei lasciar morire il mio cane da caccia invece che curarlo per spendere quei soldi per aiutare gli immigrati i disadattati e tutti quelli che soffrono? Ottimi propositi sempreche' gli stessi venissero adottati anche da chi questi proclami li porta avanti ovvero dalla chiesa che dispone di miliardi di euro e grandissime proprieta' dove potrebbe accoglierli e custodirli nell'attesa che essi possano andare dove vogliono....e invece la realta' e' la solita, il Papa parla ma il vaticano se ne frega sono i poveri cittadini che si devono dare da fare, gli stati che devono garantire a questa gente di poter entrare e poco importa se poi non trovano lavoro ci devono ancora pensare i cittadini a tenerseli in casa magari ospitandoli....e bravo Papa sei sempre coerente con le tue idee ma molti di noi si sono rotti le scatole dei tuoi falsi insegnamenti.

da Mauro ( Roma) 24/05/2016 11.34

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

Bravo Manfredi, forse sarebbe bene che spiegassi loro che purtroppo siamo un Paese che non ha le risorse per garantire a tutti una vita dignitosa, indipendentemente dalla nostra buona volontà. Pensarla diversamente è ipocrisia, come è ipocrita dire " accogliamoli tutti ", naturalmente non nello Stato del Vaticano.Forse sono io poco aggiornato ma non mi risulta che in quello Stato vi siano centri di accoglienza come in Italia.Troppo comodo e ipocrita fare i buonisti con le risorse degli altri.A proposito Manfredi M. quanti profughi o presunti tali stai ospitando? Anche a me fa pena vedere certe scene, soprattutto quelle che coinvolgono bambini, ma sono sensibile anche alla vista di quei nostri vecchietti che sono costretti a visitare i cassonetti, in prossimità del mercato, per raccattare qualcosa che li aiuti a sbarcare il lunario. Assieme alla compassione poi cresce la rabbia se penso che quei vecchi hanno contribuito, col loro lavoro, a far progredire questo Paese che ora li ignora perchè è più " figo " fare gli accoglienti con lo straniero.

da Frank 44 24/05/2016 10.39

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

E invece bravo il Manfredi M.Infatti nemmeno io temo il vicino del pianerottolo o meglio, non lo temevo fino a quando chiesa,socialisti craxziani prima e comunisti travestiti poi, hanno permesso di occupare l'appartamento adiacente al mio da spacciatori,zingari,ladri,stupratori,tagliagola,assassini e l'un per certo di gente perbene. Poi per amor del cielo se lo vogliamo beatificare e fare santo perchè ha detto "prima l'uomo poi l'animale" lo si può fare ma è e resta solo un'ipocrisia di parte per assoluto bisogno di sdoganarci verso una società animalista che non ci guarda di buon occhio. Ci sono altre più serie e stringenti priorità oltre la caccia che turbano il quieto vivere quotidiano del popolo italiano. Il tutto grazie a questi personaggi che prima hanno creato il mostro sfruttando risorse,ignoranza, no anticoncezionali perchè si fa peccato mortale ecc..ecc.. poi hanno creato il business clero,onlus,coop,voto,volontariato, accoglienza,soccorso ecc...ecc...e li dobbiamo anche ringraziare? Lascia da parte il pietismo è fuori luogo, non li ho io sulla coscienza. Sono ben altri che dovrebbero prenderne coscienza a fatti e non parole ma se ne sbattono e li mettono a carico della collettività che spremono ogni giorno fino a aspirare l'ultima goccia di sangue e quella poca dignità italiana oramai rimasta.

da Paolo 24/05/2016 3.58

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

Questo papa eretico è l’ultima persona al mondo a cui dò ascolto. Per il resto, nessuna legge mi impone di amare indifferentemente il mio prossimo. Di certo, rispetto più un animale di un animalista.

da Martino, Bologna 24/05/2016 0.07

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

povero PAPA e' come predicare nel deserto facciamocene una ragione ,x ora siamo un popolo del menga.

da mb 23/05/2016 23.14

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

Preferisco vedere 1000 foche spellate invece di famiglie che soffrano la fame!gli animali son nati per esser mangiati non per fargli carezze.Dio ha creato gli animali per soddisfare le esigenze alimentari dell'uomo ,punto !Non mangiare carne e' decisamente contro natura

da Alfio f 23/05/2016 19.08

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

E adesso chi glielo dice ai falsi osservanti della moda del momento?Comunque una grande colpa ce' l'hanno sicuramente i mass media che danno spago e cavalcano l'onda del falso ambientalismo.Speriamo che con il passar del tempo anche questi giornalisti si ravvedano e inizino a prendere coscienza che la realtà è un altra cosa.Un saluto

da ettore1158 23/05/2016 18.49

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

Ebbravo Frank. Hai capito tutto. Anch'io credo che si debbano amare e soprattutto rispettare gli animali. Ma credo anche che non abbiamo più alibi di fronte alla nostra coscienza quando quotidianamente rimaniamo insensibili di fronte a quelle immagini della TV (che globalizza, frank, te l'ha mai spiegato nessuno?, in ogni caso sui problemi della globalizzazione e sugli scenari futuri prova a dare un'occhiata agli indicatori internazionali, pubbllici e privati), immagini che documentano bambini che muoiono di fame, bambini che affogano, che guardano spauriti nell'obiettivo, che non capiscono il perchè di tanta sofferenza; prova a peiegarcelo te. Forse sarebbe bene spiegarlo anche a tutti coloro che con i loro comportamenti favoriscono l'aumento del diabete nei gatti, come ci racconta lo stesso bighunter proprio oggi.

da Manfredi M. 23/05/2016 17.56

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

Povero Domenico S., non hai proprio azzeccato niente.Dici che avverserei la caccia ed invece sono un cacciatore che ama gli animali e soprattutto i suoi cani da caccia, che non ho mai abbandonato e mai li abbandonerei.Certi comportamenti è più facile riscontrarli in menti sognanti come tu mi sembri essere. La assoluta globalizzazione, in cui tu sembri credere ,è una masturbazione mentale che sta già dimostrando i suoi limiti.Sei tu un sognatore che crede nel " tutti vogliamoci bene " ma quando ti sveglierai dal tuo sogno ti renderai conto che la vita è tutta un'altra cosa.

da Frank 44 23/05/2016 17.36

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

Credo che tutto questo sia un contributo molto importante per fare chiarezza su tutte le menzogne che certa gente, animalista, vegana, qualunquista, opportunista, zoofila da strapazzo da tempo diffonde grazie anche alla disponibilità incontrollabile della rete. Credo anche che leggerò con molto interesse questo nuovo libro di Roberto Calasso. Il grande erudito non è mai una lettura facile, ma penso che das quanto ho sentito ieri sera su Rai3, da Fazio, di cose avvincenti in questo libro (Il cacciatore del cielo) ce ne devono essere tante, tantissime. L'evidente imbarazzo di Fazio, promotore di un animalismo tanto forbito quanto becero, mi fa di certo ben sperare. Mi sbaglierò, ma sarà un libro e un pensioero che dovremo prima assimilare bene e poi professare e promuovere al massimo.

da Giorgio S. 23/05/2016 16.43

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

Oggi ho imparato, da te Cinzia, altre cose interessantissime e soprattutto condivisibili. Grazie, Grazie per il tuo articolo quì pubblicato.

da Eugenio C. 23/05/2016 15.41

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

Frank sei patetico. Oggi,in un'era di assoluta globalizzazione, come insegna il papa (ma la chiesa l'ha sempre sostenuto), il tuo vicino è quello che ha bisogno. Non è necessario che abiti sul tuo pianerottolo. Il problema è che a te interessano (per interesse?) i pet, perchè sono sicuramente meno problematici e impegnano di meno. Poi, all'occorrenza, li lasci sull'autostrada, alla chetichella, e nessuno ti potrà dire niente. Non hai capito che questa società che tu intendi sostenere è frutto dell'alienazione, della disumanizzazione, dell'abbrutimento delle coscienze. Volete annullare l'ineluttabilità della morte, facendo finta che tutto sia rose e fiori nella vita - per questo avversate la caccia - ma soprattutto, inconsapevolmente, volete nascondere il vuoto che alberga nelle vostre anime.

da Domenico S. 23/05/2016 14.45

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

Il problema nasce quando il vicino non se lo merita.

da Frank 44 23/05/2016 12.51

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

GRAZIE CINZIA, W IL PAPA, W LA CACCIA E LA SUA NORMALITA'

da arturo 23/05/2016 10.51

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

Analisi molto coerente. che contribuisce a togliere i veli da certa agiografia anche consolidata. Credo che il colpo di grazia verrà da questa apoteosi dell'uomo cacciatore inquadrata come suo costume da Giuseppe Calasso, il grande intellettuale direttore editoriale di adelphi. "Il Cacciatore del Cielo", infatti, ultima sua fatica letteraria, dimostra incontrovertibilmente l'essenza più intima e più consolidata dell'uomo. Sono due milioni di anni che mangiamo carne, sono quattrocentomila anni che imitando i grandi predatori siamo cacciatori. E questo, checchè ne speri il Fazio, continuamente sbertucciato dalla Litizzetto per l'incostistenza della sua amorfa personalità, metterà fina alla moda tutta salottiera di proporre il vegetenarianesimo e il veganesimo come stile di vita supportato da costanti antropologiche e aspirituali, che in verità sono inesistenti.

da Levistrauss 23/05/2016 10.00

Re:Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo

Brava Cinzia

da massimo zaratin 23/05/2016 9.29