Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Forza cacciatoriUn salutoIl futuro remotoCronache dalla savanaServono ideeAmati sentieriAddio Taddeo!Parchi "U.S.A & caccia"Le verità sepolteLe magnifiche sorti e progressiveBenedetto cinghialeConsiderazioni sulla beccacciaTorniamo intorno al caminoLettere ai tempi del CoronavirusLa lepre del... preteLa penultima spiaggiaViva la campagnaNuove sfidePer un nuovo buongovernoA carte scoperteCovid-19 con prudenza operosaIl mio caro Münsterländer e altre esortazioniRitorno a cinghialandiaTanto fumo e poco...Animali e ParlamentoC'era una volta un saggio. Anzi: tanti saggiBeccacce e tanta passioneLa Sinfonia PerfettaDaini Circeo. Scienza contro panzaTra tofu e fanatismoAnche Manhattan è naturaAmbientalismo: scienza o compassione?FILIERA: i primi passiCinghia - Lex & C.Rural SuasionMeglio i tordiUngulati, questi sconosciutiNessuno tocchi l'ambiente. Ci basta il paesaggioRifacciamoci la boccaLa natura nel mondo delle fiabeDa ieri a oggi. E domani?Uno scatto d'orgoglio per recuperare rispettoLa bellezza salverà il mondoDove vai, se la caccia non ce l'haiNell’anno delle allodole*Tutela biodiversità? Ben venga!Diamoci da fareIeri le tortoreA caccia, ieri, oggi, domaniKC. La scienza bizzarraCaccia futura - Parte l'iniziativa BigHunter "Io ci sono!"L'animalista antiscientificoProviamoci, almenoEmergenze o indulgenze?Forza ragazzi! Forza ragazze!Moriglione, pavoncella e la polvere sotto il tappeto Ambientalisti in discesaLa giusta battaglia dei circhiIl pane … e la cacciaCacciatori e piccoli passiGli animali sono animaliAvanti tutta in EuropaAmbientalista? Sì, cacciatore!QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMOSelvaggina, la via della filieraGiovani. Cacciatori. NaturalistiEuropa Europa!Padule di Fucecchio. Fatti non p.Diamo una mano alla starnaTornare ai tempi della naturaRitorniamo al mitoGreta e la terra I Restoni non sono “quelli che restano”Riprendiamoci la naturaDiscorso sulla coturnice, ma non soloLa piaga dei ParchiBentornata ExaHorror naturaProvocazioni e fermezzaMaestra montagnaSPORT O PASSIONE?Un contratto a uso del manovratoreCol cinghiale al casello, ma non soloCinghiale. Il ricercatore svela la bufalaCambiamenti climatici e migrazioneScelta di campo e arie partenopeeIl nostro futuro è in EuropaLa mia Flyway è differenteIl futuro potrebbe essere la gestione adattativa?Un amoreAmbientalismo de noantriAria fresca e un pensierino alla SerraIl caso Leopold LipuUna sbiadita stellaViva la caccia!Questione di passioneIl mondo che verràIl senso della Lipu per i passeriArmi. Le nuove regoleSi va per l'aperturaLa tentazione di riprovarciIncendi. Il presente, il futuroAmbiente. Vogliamo parlare dei Parchi?SOGNO DI UN'ELISA DI MEZZA ESTATELa nostra frontieraCerusici e norciniSaggezza cinotecnicaUn ministro smarritoMa dov'era la Lipu quando ci rubavano gli habitat?E se si ripartisse dalla pernice?ISTINTO VENATORIO DEL CANE DA FERMAAntibracconaggio, a che punto siamo?Nuovo Governo. Un limite, un'opportunitàCronaca di una passioneDotti, medici e sapientiDiamoci una mossaE' giusto essere amici degli animali, ma oggi è meglio difendere gli uominiOrnitologo sarà lei! - Ornitologia “accademica” vs. Ornitologia “venatoria”Battistoni. Ambientalista cacciatore, con un occhio alla migratoriaEmozioni di una capannistaBruzzone, è ora di riformeCaccia richiamo profondoCalo uccelli e agricoltura. La resa dei conti Le visioni di lupo Gianroberto e i tre grilliniAttesaVaghe stelle del sudLa caccia come la vedo ioELEZIONI 4 MARZO: CHI VOTARE E CHI NOUn primato sconosciutoLa carica degli ungulatiIl sabato del cacciatoreSpeciale elezioni: Un voto per la cacciaAndare a votare e votare beneOH QUANTE BELLE FIGLIE...A testa altaDella beccaccia e del suo patrimonioCi vuole più coraggioDove va la caccia secondo SimonaDove va la caccia? "Lo decidiamo noi"A futura memoria per l'umanità di domaniIl futuro dipenderà da noiInsostenibili sarete voi!Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIOrsi, sono troppi?L'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?E GALLETTI FECE IL SORDOLA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaEUROPEI A META'Donne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

Cinghia - Lex & C.


lunedì 16 dicembre 2019
    

Cinghiale
 
Nell'imminente sconquasso della Brexit, che svilupperà i suoi  effetti probabilmente in parallelo con la rivoluzione green promessa in questi giorni dalla Ursula Von der Leyen, altrettanto probabilmente stimolata dalla terribile GRETA, sbertucciata da un lunare Bolzonaro sorretto dal "riportone biondo che governa il mondo" che sta in cagnesco col suo dirimpettaio muscolare apparentemente "tranquillone cinese", sembra che in Italia l'unica emergenza che sollecita una smodata attenzione sia l'esubero ungulati.

Tralascerei per un attimo quella rossa che parcheggia il porcone davanti al portone di Montecitorio come se fosse un'Abarth,  mentre verrebbe da sollecitare una prece (fra  un'invettiva e l'altra a Basaglia) per quegli anticaccia di complemento che ne hanno fatto un mestiere, inviterei tutti noi a una piccola riflessione sulle ragioni, quelle vere secondo me, che ci hanno portato a disputare anche fra di noi su cosa fare e come sostenere la posizione più adatta all'interesse della caccia, oltre che all benessere dei nostri territori.

Non sembra almeno per ora che ci siano ricette ampiamente condivise, tutti hanno le loro, a volte estemporanee, compreso le associazioni agricole e venatorie, che affrontano il tema secondo il loro "particulare", ostentando a volte come un pregio la loro palese miopia. Soprattutto quando, quasi in competizione, si accampano interessi di parte e si nascondono sotto il tappeto più concrete cause di una situazione di una complessità incoffessata.

Sulle cause, se si vuole davvero trovare un minimo di soluzione, credo che sia giunto il momento di fare una riflessione più articolata. Proviamo.


Tutto nasce, è inutile nascondercelo, dalla stagione dei referendum. Che non mettevano in discussione la caccia in quanto tale, ma miravano all'abrogazione dell'art. 842 del Codice Civile, che consente, seppur regolamentato dalla legge, l'accesso dei cacciatori ai fondi privati. Aspettativa non ancora sopita, quella dell'abrogazione di tale diritto, se si fa una disamina delle proposte di legge che a vario titolo sono state depositate in Parlamento in questo trentennio. Non ultima, seppur edulcorata, mascherata, questa campagna che punta a ridurre - per legge - l'impatto degli ungulati sul territorio. Cinghiali ma non solo. Chi propone come al solito l'intervento delle  autorità di pubblica sicurezza, provinciali adesso regionali, ex forestali, guardie ecologiche, guardie giurate, chi  un corpo di killer stipendiati, chi il diretto intervento degli operatori agricoli, chi un'assicurazione che copra le spalle agli amministratori pubblici e alla collettività, tutto per evitare che si possa anche lontanamente far passare l'idea che i cacciatori, ben orientati da disposizioni chiare, non cervellotiche, sono la soluzione migliore, più economica, e più "naturale" al problema.

Dall'esito della madre di tutti i referendum, 3 giugno 1990, deriva più o meno direttamente il "combinato disposto" fra la legge sui parchi e le aree protette (394 del  6 dicembre 1991) che vieta espressamente qualsiasi attività di caccia in quelle aree e rende pressochè impossibili anche certe forme di prelievo, e la legge 157 dell'11 febbraio 1992, per la protezione della fauna selvatica e il prelievo venatorio, che all'art. 1 sancisce che "La fauna selvatica è patrimonio indisponibile dello Stato ed è tutelata nell'interesse della comunità nazionale ed internazionale". Un destro-sinistro che ha steso al tappeto non solo i cacciatori ma l'intero sistema ambientale che si reggeva su un meditato equilibrio frutto di competenze secolari. Peraltro con palesi contraddizioni fra le due leggi, che per sequenza di approvazione avrebbero dovuto far prevalere la seconda (157/92) sulla prima (394/91), regola che invece è stata stranamente e pervicacemente disattesa.

Da questo bisticcio-pasticcio sono discesi una serie di fatti e di conseguenze che hanno favorito una complessa evoluzione a vantaggio della consistenza soprattutto degli ungulati, ma anche di altre specie selvatiche che un tempo venivano definite "nocive" (termine ancora in uso in altri paesi d'Europa più... civili), oggi considerate "opportuniste".

Prima e determinante causa: i parchi e le aree protette (intorno al 10% del territorio utile, che per effetto della 157/92 si allarga almeno fino al 20% ma potenzialmente fino al 30%, con province e a occhio e croce regioni che superano abbondanrtemente anche questo limite massimo. Effetto che può non dispiacere alla categoria del punto-rosso e dei cannocchialuti (cinghialai e selettori) ma che per altri versi può anche preoccupare agricoltori (per i danni, per ora a macchia di leopardo e probabilmente in diversi casi sovrastimati) e amministrazioni pubbliche per i sempre più frequenti attraversamenti di strade e autostrade da parte di ungulati, per le invasioni nei centri abitati, per certe aggressioni nei confronti di malcapitati mella mente dei quali persiste nonostante tutto l'idea disneyana di natura e di animali selvatici.

Seconda causa: la crisi economica. Spalmata sul paese come la nutella sul pane da ormai più di un decennio, ha accentuato la "crisi delle licenze di caccia", figlia delle due leggi sopra citate, nel frattempo sempre più avvelenate da una pelosa caccia all'untore, a cui le consorterie venatorie hanno blandamente reagito, arroccandosi in difesa, impegnate com'erano a competere fra di loro per una tessera in più, incuranti di quelle tessere in meno che avrebbero dovuto allarmare il sistema, che ha continuato invece a spacchettarsi a  destra e a sinistra, sulla scorta di  improvvidi legami a modelli venatori palesemente inconciliabili fra loro e sicuramente ormai inattuali, così come li si vorrebbero coniugare.

Aree protette e calo dei cacciatori hanno provocato questo abnorme sviluppo della fauna ungulata, che per un certo tempo ha evocato sentimenti di giubilo. Soprattutto per il sempre più  ricco patrimonio di ungulati, alla consistenza del quale, terza causa, ha contribuito l'abbandono dell'Appennino, che copre metà della superficie del nostro paese. Con una postilla: l'abbondanza degli ungulati e la riduzione del fila dei cacciatori, ancor più violentemente additati come il male estremo sia perchè sparano sia perchè sono la causa dell'esubero faunistico, hanno provocato - grazie al combinato disposto legislativo di cui sopra - l'arrivo di certi predatori (anche favorito da immissioni, come ancora qualcuno sostiene), lupo e canidi (?) non meglio intesi, che dalle lande appenniniche, ormai "atri muscosi e fori cadenti" hanno spinto a valle cinghiali caprioli e anche cervi, a intasare il traffico urbano ed estraurbano, depredare e  ribaltare cassonetti dell'immondizia fin nella capitale, allietare la vita di afflitti degenti di nosocomi metropolitani.

Nella Toscana ormai accinghialata, si susseguono cronache di battute all'interno dell'Ospedale di Careggi (per di più Centro universitario) e intorno all'Ospedale di Pistoia, dove alla vista di telecamere dei principali media TV della Nazione è stata recentemente celebrata in pompa magna una complessa operazione di cattura della metà della popolazione di caprioli (una quarantina) che lì s'erano rifugiati. Al proposito, qualcuno pensa che i primi sedici, liberati in montagna (nella riserva naturale protetta dell'Acquerino), abbiano fatto la gioia per almeno una settimana dei tanti lupi che lassù risiedono stabilmente. Come sappiamo, in Italia ne abbiamo da benedire e santificare, probabilmente oltre il quindici per cento di tutta la popolazione europea (17.000)  e nella sola Toscana contingenti che superano i cinquecento esemplari.

A corollario di questa serie di incidenti socio-politici-ambientali, anche per ragioni contrapposte, pure il mondo venatorio ha segnato il passo, indugiando soprattutto nel prendere in considerazione un'adeguata revisione dell'approccio fra caccia e società, in un mondo che è in continua e rapida trasformazione, con l'aggravio palese che il vento anticaccia è alimentato da interessi economici contrapposti, affari turistici, ambientalismo peloso. A questo punto, certi agricoltori, certi  industriali, certi speculatori di complemento hanno favorito la velocizzazione di questo trend, sollecitando l'accanimento contro l'anello più debole della catena, per distogliere l'attenzione dell'opinione pubblica (che vota) dai veri disastri che si susseguono nel nostro Belpaese.


Il futuro? Il vecchio Yoda, saggio Jedi di Guerre Stellari diceva "Sempre in movimento è il futuro", a cui, attingendo alle massime della stessa saga, si può però aggiungere: "Size matter not", le dimensioni non contano, una piccola entità può raccogliere in sè una potenza insospettabile;   "potente è la forza", soprattutto quella  delle IDEE. I lupi, i cinghiali, gli storni, per superare le loro specifiche difficoltà esistenziali fanno squadra. E noi?


Vito Rubini

 



Aggiunta in coda: Molte altre sarebbero le cause, più o meno secondarie, per dare un senso ancora più compiuto alla situazione. La caccia ai cacciatori, per esempio,  è anche figlia di una ignara cultura metropolitana. Anche in Italia, il progresso ha portato più della metà degli italiani a vivere in città, con tutto quello che ne consegue, compreso la perdita di quelle conoscenze che erano l'enorme patrimonio della civiltà rurale. Compreso pure quel "politicamente corretto" di quei fasulli ambientalisti da salotto. Le ultime indagini ci vogliono raccontare che mentre per il controllo dei cinghiali, pur con qualche maldipancia, anche i metropolitani non avrebbero soverchie obiezioni, dio ne guardi invece se ci azzarda a toccare un pelo al lupo, alle nutrie, o una penna alle taccole, alle cornacchie e peranco ai gabbiani. Che ai cacciatori, sia chiaro!, non interessano assolutamente, ma che contribuiscono a far sballare i delicati equilibri interspecifici in un ambiente fortemente antropizzato come il nostro. Viene in mente la legge del contrappasso di dantesca memoria. Quindi: dovremmo rimandare certe riflessioni alle prime, prossime,  scorribande di lupi a Villa Borghese o al Valentino? Non mancherà molto, c'è da immaginare. Ma se la saranno cercata.


Leggi altri Editoriali

9 commenti finora...

Re:Cinghia - Lex & C.

Il referendum del '90 era l'ultimo della serie. Frutto, tutti, di un attacco concentrico contro l'842. In parallelo, il mondo associazionistico venatorio giocava in difesa, perdendo pezzi anno dopo anno, per difenderlo. Con Arcicaccia che simpatizzava col...nemico. L'avremmo perso quel referendum se non ci avessero dato una mano i chimici e Coldiretti, in eterno conflitto con Confagricoltura, cioè i proprietari terrieri che ancora oggi tentano di appropriarsi della caccia. Prima o poi ci riusciranno e le polemiche anticaccia finiranno

da Così è 22/12/2019 21.22

Re:Cinghia - Lex & C.

Edoardo ? ma dove vai a caccia in E.R.? in selezione te lo tirano dietro la schiena! Riguardo la peste suina ma anche il recente virus Aujeszky che sta facendo stage di cani tra Rimini Cesena e Forlì si deve alzare la guardia contro questi suini che ( come tutti gli animali selvatici) sono portatori di gravi malattie ( anche per l'uomo) se non gestiti o controllati seriamente! mediate !

da Gino 18/12/2019 10.06

Re:Cinghia - Lex & C.

bravo!

da anonimo 17/12/2019 19.47

Re:Cinghia - Lex & C.

Silvano pienamente d'accordo con te,il problema da noi non è se, ma quando arrivera' la PSA,e visto che in questo paese non si riescono a risolvere problemi meno gravi penso che ci sara' da preoccuparsi,sicuramente la prima soluzione che si adottera'sara' quella di chiudere la caccia.

da argo 17/12/2019 18.53

Re:Cinghia - Lex & C.

Per quel che mi riguarda l'emergenza cinghiale non esiste! E' una cavolo di bufala inventata dai media. Caccio di selezione in Emila Romagna dove è possibile farsi assegnare: caprioli, daini e cervi! Ma non il cinghiale! ...visto che il suide in questa regione è appannaggio esclusivo delle Squadre di Cinghialai, mentre la caccia di selezione per il suide è solo cartacea e non applicabile. Se ci fosse emergenza per questa specie verrebbe data la possibilità a tutti i cacciatori abilitati ed in regola la possibilità di cacciarli! Non è così! ...allora l'emergenza non esiste! E' una mera invenzione! Buona giornata a tutti!

da Edoardo 17/12/2019 11.46

Re:Cinghia - Lex & C.

bel intervento Silvano ! molto interessante.

da Paolo 16/12/2019 16.39

Re:Cinghia - Lex & C.

Il numero di cinghiali in Italia è in costante espansione, si parla di oltre 2 milioni di capi. E' una specie presente in tutte le regioni italiane. Va gestita in modo efficace ed efficiente, con due punti fermi: - piani di gestione che interessino in modo unitario i vari territori, incluso le aree protette; -ruolo primario dei cacciatori, protagonisti diffusi, esperti e a costo 0. Occorre semplificare le norme per renderle efficaci e applicabili in modo tempestivo pena la crescita dei danni all'agricoltura, la crescita degli incidenti stradali e il malcontento complessivo. Soprattutto rischiamo che arrivi la Peste Suina Africana (PSA), segnalata ultimamente in Serbia e a detta dei ns. Servizi Veterinari in rapido avvicinamento ai ns. Confini Orientali. La PSA provocata da un virus altamente infettivo e densità dipendente, rischierebbe se si diffondesse in Italia di arrecare danni enormi al ns. settore suinicolo la cui filiera fattura oltre 8 miliardi di euro all'anno. Il mondo agricolo, invece di cimentarsi in proposte strampalate, dovrebbe proporre un patto al mondo venatorio per operare tempestivamente a partire dalle ns. regioni orientali, per la gestione delle densità del suide, che in attesa di un improbabile vaccino orale, che se mai arriverà non sarà in tempi brevi, possa ridurre le densità negli areali a rischio. La PSA nel cinghiale determina mortalità iniziali di oltre il 70%, meglio prevenire noi, come cacciatori, che ciò accada d'intesa con le istituzioni, che al momento vedono in allerta solo quelle sanitarie.

da [email protected] 16/12/2019 11.15

Re:Cinghia - Lex & C.

Caro Vito hai scritto numerose inesattezze. Elenchiamole: I REFERENDUM DEL 3-6-1990 MIRAVANO ALLA CHIUSURA DELLA CACCIA ALTRI CHE 842! SI RILEGGA I QUESITI E NE AVRÀ CONFERMA GIÀ LA LEGGE PRECEDENTE (968/77) DEFINIVA LA FAUNA PATRIMONIO INDISPONIBILE DELLO STATO. LA 157/92 ANCHE DETTA LEGGE FERMARIELLO ROSINI PROCACCI HA SOLO ISTITUITO GLI ATC E LA SOECIALIZZAZIONE DELLA CACCIA PER IL RESTO OK. Infine: LE CHIACCHERE SE LE PORTA VIA IL VENTO ( e le biciclette i livornesi)

da Dario 16/12/2019 9.48

Re:Cinghia - Lex & C.

Editoriale interessante, come sempre. Avrei preferito un controllo più accurato dell’ortografia, ne va anche dell’immagine della categoria.

da Zuzzi 16/12/2019 9.17