HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
UNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATI I sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIA ISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

MIGRATORIA E SELEZIONE


lunedì 23 agosto 2010
    

Migratoria e selezioneMa la migratoria, si può cacciare col sistema della selezione? Una domanda malposta? Chissa! Il fatto è che se dobbiamo affrontare la questione della caccia futura, da noi, in Italia, l’argomento sarà sempre più di stretta attualità.

Il dibattito di questi giorni, innescato dal recente editoriale di Big Hunter, pone seriamente il dilemma. E l’interrogativo che riecheggia fra monti e valli è proprio questo: che futuro avremo, noi cacciatori italiani, migratoristi per eccellenza, se da una parte  si continua con l’andazzo delle virulente posizioni  anticaccia e dall’altra si prospetta il modello o quantomeno il riferimento  mitteleuropeo come unica chance per  un domani neanche tanto lontano?

LA RISPOSTA, tanto per venire al sodo, a dispetto di molti che  fanno finta che quella della caccia sia una categoria avulsa dal tempo e dallo spazio, la risposta – dicevo – E’ CULTURALE E POLITICA.

Perché culturale?

L’Italia è una lunga penisola, sbarrata al nord da una catena montuosa, le Alpi, e  attraversata per tutta la sua lunghezza da un’altra più lieve catena montuosa, gli Appennini . Nel neanche paio di migliaia di chilometri che occupa, da nord a sud, esprime un’infinità di paesaggi, climi, situazioni ecologiche e ambientali. Non si sbaglia se si dice che quanto a “biodiversità” (termine oggi alla moda) non ci manca davvero niente. Insieme ai tremila chilometri di coste, con lagune, paludi, tomboli, pinete, tratti rocciosi, sabbie, la fatica dell’uomo ha modellato e conservato pianure fertili, una rigogliosa macchia mediterranea, ampie estensioni di frutteti, vigneti e oliveti in collina, alpeggi boschi e foreste in montagna. Frutto non solo della natura, lo ricordino i patiti del wilderness (letterale: ambiente selvaggio), ma soprattutto della sapienza, dell’ingegno e dell’impegno dell’uomo.

L’homo italicus, la nostra gente, che – pure - non è un tutt’uno, da diverse migliaia di anni si è adoperato per rendere la natura il più possibile vicina  ai suoi bisogni, a sua dimensione. Uomo, che in questi secoli, grazie alla sua operosità, grazie ai commerci, anche per le  ricchezze e le bellezze di questa terra, ha prodotto un crogiuolo di etnie, di tradizioni, di contaminazioni. Fenici, greci, cartaginesi, nordafricani da sotto e franchi, celti, longobardi, normanni, da sopra hanno plasmato quello che oggi con un solo aggettivo viene definito nazione italiana. Bella, bellissima cosa, la nostra identità di nazione. Ma se vai a leggere nei volti, negli occhi, sulla pelle, nei modi dei nostri connazionali, vedrai che la “diversità” è ancora ben riscontrabile. E l’insieme di queste diversità, naturali (clima, paesaggio) e antropologiche portano a dare una risposta chiara anche alle diverse tradizioni di caccia. Che sono figlie, anch’esse, della loro storia. La “caccia alta” (cervi, et similia) ai signori, la “caccia bassa” (lepri fagiani starne e migratoria) ai borghesi e ai “villani”. In sostanza, quando si parla di caccia popolare, legata alla tradizione, si parla soprattutto di caccia alla piccola selvaggina, e in particolare di caccia alla migratoria. Il progresso e il benessere diffuso, in questi ultimi cinquant’anni, hanno fatto il resto, creando anche molta confusione.

Perché politica?

Anche qui, il progresso e il benessere degli ultimi cinquant’anni hanno fatto la differenza. Nel dopoguerra, i nostri cacciatori erano in sostanza i “signori di campagna”, che cacciavano soprattutto per diletto, e i“contadini”, che occupavano il poco tempo libero e nello stesso tempo integravano la dieta della famiglia insidiando lepri, pernici, tordi, beccafichi. L’inurbamento, conseguenza dell’abbandono delle campagne per il lavoro in fabbrica, portò anche squilibri esistenziali. L’operaio (o l’impiegato), col salario sicuro e il portafoglio un po’ più gonfio, mantenne i legami con i suoi luoghi d’origine e con le sue abitudini. Nel frattempo, però, il diffondersi dei mezzi di trasporto e il “bisogno” di svago contagiò le masse, per cui la campagna, prima appannaggio di chi ci viveva stabilmente e di una sparuta minoranza di “cittadini”, portò milioni e milioni di persone a sciamare senza un briciolo di consapevolezza per boschi, prati e sentieri. Ecco che oggi, a mezzo secolo di distanza, il territorio extraurbano un tempo esclusivo dominio di poche persone che si erano fatte una cultura naturalistica e sperimentando direttamente i misteri e le meraviglie del creato, si trova invaso da milioni di ignoranti che si dicono naturalisti solo perché hanno fatto indigestione delle storielle che raccontano personaggi come Tozzi o come la Colò.

Inevitabile che i nostri rappresentanti pubblici, sempre meno pervasi di ideali e sempre più intrisi di sete di potere, abbiano fiutato il vento e si siano confezionata una “fedina” politica verde come le cravatte di Bossi. Bossi, le cui schiere, peraltro, sono le uniche che nella loro rusticità (a volte deleteria, come nel caso della rovinosa vicenda della  Comunitaria) si professano ancora totalmente collegate alla campagna, alla caccia e ai cacciatori (sottosegretario Martini, esclusa, ovviamente). Mentre gli altri schieramenti, dai bianchi agli azzurri ai rossi (i Verdi sono scomparsi, ma sarebbe meglio dire che si sono infiltrati negli altri partiti), si professano amici della natura e soprattutto degli animali, distinguendo però fra buoni (i cuccioli di capriolo, per esempio) e cattivi (le zanzare, per esempio). La politica, quindi, farà la differenza nei prossimi anni: noi siamo sempre meno, e il popolo bue che rumina ambientalismo televisivo sarà sempre di più. Hai voglia che fare lobby, hai voglia che organizzarti. Se non t’inventi una strategia nuova, una cultura nuova, una filosofia nuova, l’orizzonte è quello!

E’ indubbio però, che sostituire le nostre tradizioni venatorie con quelle della mitteleuropea, oltre che una sciagura, è materialmente impossibile. Una cosa invece è possibile. Rivitalizzare il nostro popolo, rinfrescare le nostre menti di cacciatori mediterranei facendo tesoro però delle sensibilità, dei metodi e dei comportamenti di chi – a casa sua – gode di buona stampa. Al contrario di noi, che siamo additati come gli unici reprobi che attentano all’integrità del patrimonio naturale del nostro paese.

Qui intanto si deve perentoriamente sostenere una realtà dai soliti furbi sottaciuta. La fauna selvatica italiana non corre alcun pericolo. Almeno a causa della caccia. Colti o incolti che si possa essere definiti, grazie a noi cacciatori e alle leggi che regolano la nostra attività, in Italia abbiamo la percentuale più alta di territorio interdetto alla caccia. Con punte che in Abruzzo sfiorano il 70% e mediamente si aggirano al di sopra del 35-40%. Della selvaggina stanziale non è neanche il caso di parlare: molte regioni si stanno attrezzando per considerarla “dannosa” all’agricoltura. Sfido invece chiunque a sostenere che specie migratorie come quelle oggetto delle nostre tradizioni di caccia, con tanto territorio protetto distribuito uniformemente per tutta la penisola, non trovino sosta e alimentazione a sufficienza e la necessaria tranquillità anche nel periodo della riproduzione.

Fatta la premessa, veniamo al conquibus.

Gli ambientalisti nostrani

L’amore per la natura, la tutela della fauna e del territorio, la condizione di naturalista, fino a mezzo secolo fa era esclusivo appannaggio dei cacciatori. Senza andare indietro fino a Federico II, basta leggere le riviste venatorie,  a partire dall’ottocento,  per rendersene conto. Lì, in quelle riviste, si trovano anche tutte le ragioni delle nostre diverse tradizioni di caccia. Diverse fra loro e diverse da quelle di gran parte degli altri paesi d’Europa. La spaccatura ha una data. Quella della fondazione del WWF Italia, conseguente sì alla minaccia di nuovi e diversi pericoli per la fauna e l’ambiente, ma figlia di interessi ben precisi. Uno fra tutti, il diritto di caccia, allora come oggi regolato dall’art 842 del C.C. Con la massa dei cacciatori decisa a eliminare le riserve di caccia, e i riservisti ovviamente impegnati a difenderle, insieme al patrimonio faunistico di cui erano ricche, e probabilmente già in grado di ipotizzare che un numero così alto di cacciatori avrebbe potuto costituire una nuova fonte di reddito per l’impresa agricola che registrava i primi segni di crisi. La riprova? I fondatori del WWF erano praticamente tutti cacciatori. Anche qui, basta scorrere le pagine di “Diana” dell’epoca per scoprire le cronache venatorie dell’ineffabile Fulco Pratesi (poi disse di essere stato folgorato sulla via di Damasco, anche se c’era chi giurava che continuasse in tutta riservatezza a praticare la caccia) insieme ai suoi roboanti inviti ad aderire alla nuova associazione ambientalista. I successivi e reiterati tentativi legislativi e referendari, tutti sostenuti dal WWF, non miravano infatti all’abolizione della caccia nel Belpaese, ma semplicemente – in maniera più o meno chiara – all’abrogazione dell’842.  Poi anche qui subentrò la politica. Nacquero nuove sigle ambientaliste, legate a questo o a quel partito. Era cominciata la battaglia per l’accaparramento delle coscienze e dei voti.

La tradizione. E di conseguenza le cacce tradizionali.

C’è chi sostiene che certe cacce ai piccoli uccelli non fanno parte della tradizione, perché troppo giovani; fino a un paio di secoli fa – dicono -il fucile da caccia non c’era: gli uccelletti si insidiavano con altri mezzi, trappole, reti, panie, lacci (oggi tutte pratiche proibite). Per la stessa ragione, allora, non si dovrebbe parlare nemmeno delle “tradizioni” venatorie mitteleuropee, anch’esse fino a prova contraria praticate con armi da fuoco. Legate alla tradizione fino nell’anima, quindi, le nostre cacce ai piccoli migratori, come testimoniano già i latini, duemila anni fa, e sù sù fino a noi, attraverso i secoli. Il testo più noto è quello dell’Olina, del Seicento, che ne illustra le diverse tecniche, riprese da numerosissimo autori. Famoso, nella seconda metà del Novecento, “Il Capanno” dei fratelli Santini. Col boom economico, alle vecchie pratiche (appostamento, richiami vivi in gabbia, richiami a bocca o a mano, zimbelli, fissi o mobili, comuni anche alla caccia agli acquatici e ai colombacci, specchietti e altri marchingegni), si sono aggiunte quelle dei cosiddetti “bruciasiepi” (al secolo: i migratoristi vaganti) che altro non sono che quei cacciatori dei secoli trascorsi che battevano siepi ripe e boschetti con reti e altre diavolerie (frugnolo, diluvio, diavolaccio), oggi sostituite dal moderno “automatico”. Quanto alla “divisa”, platealmente ostentata dai cacciatori della mitteleuropea e oggi anche da parte dei nostri “selettori”, quella altro non è che un comune costume locale di una bell’epoque campagnola, che sicuramente circonda chi lo indossa di un indubbio alone di nobiltà, e in ogni caso evidenzia un chiaro collegamento con la tradizione e la cultura del posto.

Ma perché, allora, da noi questo bisogno di vestirsi tutti uguali non esiste? Perché, in ogni caso, visto che di certo serve a darsi un’identità, non proviamo una volta per tutte a ipotizzare una soluzione? Una risposta  esauriente, definitiva  - come al solito – non esiste. D’altra parte – chi può smentirlo? - anche in altri paesi d’Europa, Francia, Spagna, Grecia, Inghilterra, una divisa vera e propria non esiste. Molti vestono casual, altrettanti vestono country, ma niente divisa. Si assiste invece, come da noi del resto, ad un affinamento del gusto, dello stile, che rispecchia la moda. E su quello bisogna insistere. D’altra parte, anche se ci volessimo collegare agli abiti dei nostri cacciatori dell’Ottocento (vestirsi come i Borbone, sarebbe davvero ridicolo), dal Veneto alla Sicilia le fogge sarebbero ben diverse. E non mancano, al sud come in Maremma, vecchie sartorie specializzate in abiti “da campagna”, che i nostri contemporanei più abbienti e più sensibili allo stile non mancano di sfoggiare a caccia e nel dopocaccia. In sostanza, ormai non c’è cacciatore italiano che non abbia un suo stile anche nel vestire, più o meno ostentato. Il resto, la qualità, il gusto, il segno “aristocratico”, l’identità local, col tempo arriveranno. Ultima annotazione, tempo fa ci fu una levata di scudi per un bambino con un fischio da anatre in bocca e un vestitino da caccia in tessuto mimetico. Ma cos’è la verde divisa dei nobili cacciatori delle Alpi, se non una “mimetica”? Non richiama forse la foggia e i colori degli stessi “Alpen schutzen”, piuma di gallo forcello inclusa?

Migratoria di selezione.

Sembra un eresia, ma è quello che fanno da sempre i migratoristi italiani. La prima selezione avviene sul territorio. Se più di un terzo è interdetto alla caccia, ecco già dimensionato a un terzo il “capitale”, ovvero il patrimonio di biodiversità faunistica su cui anche gli ambientalisti, anche gli animalisti dovrebbero porre la loro attenzione. E anche i popoli del nord Europa che a ogni primavera si fanno infinocchiare dai loro mezzi d’informazione, quando invitano i loro concittadini a non frequentare più le spiagge ne a visitare i musei di un popolo che distrugge i “loro” uccelli canori. Ma la questione, come è chiaro da tempo,  puzza più di sapiente, spietata e ben orchestrata campagna di marketing, per dirottare altrove  i flussi turistici. Trappola in cui peraltro i nostri concittadini dell’Unione non cadono, se è vero come è vero che a Rimini o a Lignano Sabbia d’Oro in estate si parla ancora tedesco, danese, svedese, olandese. E il merito non è certo della Brambilla… Mentre le nostre aree protette, interdette alla caccia, sono le migliori in quanto a qualità ambientali. E quindi consentiranno ai migratori, di passaggio o in sosta, “nostri” e “loro”, di riposarsi e rifocillarsi, meglio che a casa della stessa Brambilla. La seconda selezione la fa la legge. Che permette solo ed esclusivamente carnieri limitati. Bastaa dire che negli ultimi vent’anni i cacciatori sono più che dimezzati, i carnieri sono stati sempre più ridotti da leggi, leggine e regolamenti, (nota: tanto che la “piccola quantità” non è più ascrivibile alle deroghe, ma alla caccia ai migratori in sé e per sé) e le aree di non caccia sono cresciute a dismisura, ingiustamente e senza vantaggi per nessuno. La terza selezione è un fatto di tutela e protezione degli habitat. La  facciamo noi stessi, cacciatori,  che non siamo quegli assetati di sangue come certuni ci vogliono far apparire.  Che anche con la partecipazione agli ATC ci preoccupiamo di tutelare l’ambiente, garantirlo integro (per tutti, non solo per noi), mantenerlo ricco di pasture per la selvaggina, mantenere laghi e paludi per anatre e trampolieri, rimborsare i danni agli agricoltori: frutteti, oliveti, orti,  campi, sono saccheggiati non solo da tortore tordi, colombacci, corvidi ma anche e soprattutto dagli storni, che com’è noto da noi, e solo da noi, non sono oggetto di caccia, grazie a cervellotiche decisioni di sedicenti scienziati nostrani. Fra parentesi, gli ATC ci preservano dai mai sopiti tentativi di abrogazione dell’842. Il problema non è quindi eliminarli, ma semmai farli funzionare meglio. E con l’avvento della rete, chissà che presto non si possa rispolverare anche il vecchio concetto di “bella vita vagabonda”, tanto caro a Eugenio Barisoni, Gin Bardelli, Piero Pieroni. Di questa tutela attiva avrebbero dovuto occuparsi anche i nostri governanti, i nostri amministratori, i nostri serafici ambientalisti, all’indomani dell’acquisizione nel nostro ordinamento legislativo della Direttiva comunitaria “Uccelli” (noto anche come 409/79). Che dettava, ricordiamolo, e detta soprattutto obiettivi di ripristino e manutenzione ambientale per la conservazione della fauna selvatica. E invece, demagogicamente, hanno pensato bene di porre limiti ai prelievi. Solo ed esclusivamente limiti.

I cacciatori e la società

Come coprire allora questo gap che ci divide da un’opinione pubblica ostile? Perché altrove, in Europa, anche in quella mediterranea, i cacciatori sono considerati “amici” e da noi invece abbiamo un indice di gradimento piuttosto scarso? Riusciremo a far valere le nostre ragioni? Non è impossibile, anche perché le percentuali sbandierate da certi sondaggi animalisti non stanno in piedi. Non trovano riscontro sul territorio, dove invece, soprattutto in provincia, la caccia è tollerata dalla stragrande maggioranza dei nostri concittadini e da molti ancora apprezzata. Chi ci conosce sa che per l’ambiente se non ci diamo da fare noi, arricchendo sensibilmente le schiere del volontariato, non c’è storia. Il problema è che chi non vive stabilmente in campagna conosce solo la realtà che gli viene propinata ogni giorno dalla televisione. E in televisione prolificano le sirene anticaccia, i loro sorrisi, le loro minacce. Le loro balle stratosferiche. Ma di questo oltre che a dolerci, ci dobbiamo render conto. La calunnia è un venticello che s’insinua lentamente nei pensieri della gente e quando esce allo scoperto ormai è tardi. Si fa fatica a ristabilire la verità. Soprattutto nel breve periodo. Occorre adottare una strategia di medio termine, che imposti un’azione avvolgente nei confronti di tutti gli strati della società, utilizzando al meglio tutti i mezzi con cui oggi si orientano le opinioni. Ma soprattutto, bisogna essere in grado di vendere un prodotto (la caccia e i cacciatori italiani) appetibile, che dia l’idea di quello che siamo. Per ora non ci siamo riusciti. Perdipiù le recenti contrapposizioni hanno fatto precipitare la situazione. L’avversario, subdolo come chiunque sia in palese malafede, è pericoloso. Dispone di “armi” più moderne delle nostre. E le sa adoperare. Per questo,   dobbiamo prima di tutto fornirci di strumenti altrettanto sofisticati. Di nuovi metodi, di nuovi cervelli, di nuove strategie, di nuovi convincimenti. Prima ci renderemo conto dei nostri handicap, prima saremo in grado di superarli. Con coraggio. Se lo sapremo fare, le nostre buone ragioni non resteranno misconosciute.

Guido Monaco

Leggi altri Editoriali

32 commenti finora...

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

REDAZIONE BIGHUNTER MAGAZINE. Messaggio per il sig. Alessandro Cannas: ci piacerebbe che si mettesse in contatto con la redazione tramite l'indirizzo mail redazione@bighunter.it. Cordialità.

da REDAZIONE BIGHUNTER MAGAZINE 27/08/2010 17.08

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

X ANTICACCIA...Almeno noi non censuriamo...Su molti siti ambientalisti se scrivi un link dove c'è le notizie vere viene sempre censurato...Se vuoi ti dico il sito e link dove sono stato censurato con la scusa che per il sito ambientalista quel sito non era affidabile o forse perchè era scomodo

da Asterione 27/08/2010 12.39

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

X Anticaccia. Io non accuso nessuno. Mi limito a leggere i "vostri" commenti, e non solo qui....

da Ezio 25/08/2010 19.26

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

uccelli paduli, come al solito, pare.....

da mig 25/08/2010 15.56

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

cosa vola?

da peppone 25/08/2010 12.14

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

haidetto bene Hunter,TU la ami a fatti e non a parole come fanno LORO(non tutti fortunatamente)!

da Luca 24/08/2010 12.03

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

Io ho un'idea fissa, da sempre. Cosa succederebbe, cari sig.ri anticaccia, se a tutti i Cacciatori veri, seri, ma soprattutto appassionati e ligi alle leggi, improvvisamente venisse negata la possibilità di andare legalmente a caccia ? Provate a pensarci ... Pensate a tutti quelli che non accetterebbero questo ! Quanti "bracconieri forzati" crerebbe la vostra smania ? Io temo troppi, ben più di quel che potete immaginare ! Anche in considerazione che i controlli ... Ma quali controlli ? Pochissima gente, pochissimi mezzi ... O vi illudete che tutti gli anticaccia a parole diventino improvvisamente dei guardiacaccia ? Di notte ? Al freddo, sotto la pioggia ? In un territorio che non conoscono ? Meditate, gente, meditate. Anche se sò di non essere certo "politically correct" a dire questo, è quel che penso, che temo. Perché allora sì che la "non caccia" diventerebbe indiscriminato sterminio : tanto, cosa ci sarebbe da perdere ? No, non ci voglio nemmeno pensare. Perché prima della Caccia, amo la Natura. A fatti, non a parole.

da OLD_Hunter 24/08/2010 10.21

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

PERCHE BIGHUNTER LASCIA PASSARE POST CHE INSULTANO NOI CACCIATORI? CHE SENSO HA? I NOSTRI POST VENGONO BANNATI DAI BLOG ANTICACCIA!! BIGHUNTER, BANNA GLI ANTICACCIA, SUBITO!

da GIANNI 24/08/2010 9.21

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

Anticaccia se la caccia chiudesse si risolverebbe un problema o il suo problema? Non mi dia risposta, non mi interessa più il mio tempo per lei quì finisce, e visto che lei esiste solo se noi le rispondiamo da oggi per me è trasparente e i suoi discorsi mi scivoleranno addosso senza minimamente interessarmi, come sempre del resto. E così spero facciano tutti gli altri.

da Silvano B. 24/08/2010 9.12

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

senza polemiche, anticaccia, che non servono a niente, ma ti sei dimenticato di quei cacciatori che non rinnovano più la licenza in Italia e invece vanno all'estero. E sono tanti, eccome! Meglio sarebbe, per la nostra bilancia dei pagamenti, e per lo Stato, e per te e per tutti coloro che godono dei soldi dei cacciatori investiti in parchi e iniziative pro-ambiente, che questi soldi restassero in Italia.

da roberto doni 24/08/2010 8.59

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

iniziassero a pagare parchi oasi e zone protette cioe il restante terzo? a quanto si andrebbe per i danni all'agricoltura?ce lo dica l'anticaccia

da verremaremmano 23/08/2010 22.57

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

hahahahaha...chi è che insulta a destra e a manca???hahahahahaha.....cosi sei pure un po simpatico!!!

da Luca 23/08/2010 22.31

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

hahahahaha...chi è che insulta a destra e a manca???hahahahahaha.....cosi sei pure un po simpatico!!!

da Luca 23/08/2010 22.30

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

se volete essere apprezzati mi sa che dovete cambiare radicalmente modo di fare.Non fate altro che insultare a destra e a manca, di sicuro non verrete apprezzati, tutt'altro.

da ANTICACCIA 23/08/2010 22.01

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

x ANTICACCIA certo che non hai proprio niente da fare durante il giorno sei sempre qui a rompere le pal..,ma vai nei tuoi siti anticaccia a dire le tue cose ai stufato, ti sei reso conto che sei solo te ci sarà un motivo?ciao da federico fiero di essere cacciatore come tutta la mia famiglia

da federico 23/08/2010 22.00

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

X ROBERTO DONI:IL 99% NON VA A CACCIA, NON IL 97. x ezio:accusi noi di "falsità, insulti, ipocrisia ed integralismo", bel coraggio!queste sono proprio le caratteristiche del vostro modo di agire, di comportarvi, di parlare.Bugie, poi, ne dite una valanga.

da ANTICACCIA 23/08/2010 20.36

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

Complimenti all'autore per la attenta e completa analisi. Il punto finale in cui tutti noi che scriviamo di caccia andiamo a sbattere è: - come rendersi visibili dalla pubblica opinione che di caccia non si occupa ? - Come sfondare le porte chiuse dei mezzi di informazione di massa ? . Tempo fa proposi, lo rivendico e lo estendo a big hunter di renderci VISIBILI. A volte basta poco, in piccolo gesto, una presenza, una testimonianza, che moltiplicat per 800.000 diventa enorme. Ho proposto a tutti i cacciatori di farsi vedere, come ? Basta un semplice ADESIVO sul retro della nostra auto con scritto " IO AMO LA CACCIA,CONOSCO E AMO L'AMBIENTE E LE TRADIZIONI DELLA MIA TERRA" . Big hunter spedisci ai tuoi clienti questa piccola frase e ampia la mia idea. Bisogna uscire dalle nostre tane, partecipare, esserci, farsi vedere, sentire e testimoniare. Abbiamo le palle per farlo ? Tutti !

da grifonenero 23/08/2010 17.17

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

Cannas...magari con l'abolizione dell'art.842...essendo responsabile il proprietario del fondo di tutto ciò che transita (selvaggina)andrebbe a far decadere l'art 1 della 157..."patrimonio indisponibile dello Stato"...eheheh...utopia?..acuto?

da fabio 23/08/2010 16.49

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

Cannas, se aumenti la licenza di ulteriori 350 euro a testa mi sa che se rimangono 200.000 cacciatori è grasso che cola. A quel punto potranno spazzarvi via con un attimo e capirai che qualsiasi categoria che ha pochi numeri non conta un ca@@o.

da lucas 23/08/2010 16.37

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

Parla per te. Non credo che ce ne siano molti che la pensano così, ma potrei sempre sbagliare. In ogni caso sono fantasie. Il problema è quello di trovare una soluzione che ci porti a convivere e a esserer apprezzati dal 97 per cento che non va a caccia. Agricoltori,ambientalisti e opinione pubblica in genere. E quei trecentocinquanta euri li devi dare comunque, non penserai mica che la licenza e i tesserini te li regalino.

da Roberto Doni 23/08/2010 16.27

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

Noi ne offriamo 265 milioni all'all'anno..Che dici??? Che moltiplicato per 7 anni fa 1.837.500.000.,oo

da Alessandro Cannas 23/08/2010 15.59

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

Il contributo totale del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo agricolo per il periodo 2007-2013 per l'Italia è di 8.292 mln euro. 8.292/7= 1.200.000.000 ogni anno....fai te. Considera che ad ogni aumento corrisponde un calo dei cacciatori......

da GIANNI 23/08/2010 15.46

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

Credi che possano bastare 350,00 euri a testa che moltiplicati per 750.000 cacciatori danno 265.500.000,00?

da Alessandro Cannas. 23/08/2010 15.38

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

Alessandro, certo che è solo questione di soldi, come sempre......ma lo sai quanto riceveva l'agricoltura italiana da Bruxelles??? E sai quanto dovrebbero pagare i cacciatori al fondo che ipotizzi per sostituire i contributi europei??? Alcune decine di migliaia di euro a testa!!!!

da GIANNI 23/08/2010 15.16

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

Il problema nasce in virtu' della fine dei fondi europei per l'agricoltura nel 2013.Non serve abolire l'842..Basta solo creare una concessione agricola economica da versare direttamente alle associazioni agricole.E solo questione di soldi.

da Alessandro Cannas 23/08/2010 15.12

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

seguito- Nella mia regione vi sono atc meno appetiti di altri, percui è ovvio vi siano un numero altissimo di domande per le due più richieste,tale situazione pone in essere meccanismi idonei affinchè persone poco oneste, ne ricavino un guadagno illecito nella concessione delle suddette autorizzazioni, stesso discorso vale per compagni di caccia di lunga data, i quali,non sono sicuri di avere lo stesso atc, a meno che…..e la percentuale cresce in modo esponenziale che ad uno venga concessa e all’altro no oppure venga negato ad entrambi, richiedendo l’atc nella regione limitrofa. vero è che insieme al mi amico non faccio più richieste nelle regioni vicine. Col passare degli anni la situazione sta diventando via via sempre più insostenibile, vuoi per il lievitare dei costi degli atc, vuoi per i sempre più variabili criteri per l’assegnazione degli stessi, tanto che allo stato attuale non ti viene garantito nemmeno la concessione dell’atc nativo e della tua residenza civile, questo è almeno quello che è successo e succede nella mia regione. Ora si sta dando un altro spallata, alfine di ottenere una ulteriore scrematura, e 842 o non 842 resteranno solo coloro che potranno accedere alla caccia a pagamento, e si ritornerà di nuovo alla caccia per i ceti sociali più ambienti e danarosi, la casta moderna e attuale di “nobili”. In quanto alla selezione sulla migratoria, mi viene da pensare a poco più del secolo scorso, se qualcuno avesse asserito che di li a poco si sarebbe andati sulla luna, sicuramente lo avrebero internato come soggetto pericoloso.

da Nato cacciatore 23/08/2010 14.47

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

E che cosa cambia? Nulla..Di fatto esiste gia' una selezione sulla migratoria, consolidata scientificamente,che la caccia e' mortalita' sostitutiva,e la mortalita' additiva,viene, di fatto fermata dal sistema territoriale diviso in percentuali,protette e fruibili... Non vedo l'uovo di Colombo in questo....Anche sull'842 (?)Posso anche dirti un'altra cosa i proprietari terrieri,con la concessione agricola,non avrebbero piu' motivo di mediazione sui danni, la paghiamo direttamente a loro, annualmente..E' un non probblema....Il resto e' storia gia ampiamente conosciuta....

da Alessandro Cannas 23/08/2010 14.42

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

La scienza, la ricerca e la tecnologia potrebbero in un prossimo futuro, neanche tanto lontano, consentire piani di gestione su tutto l'areale, anche in tempo reale. In America, con oche e anitre, qualcosa già fanno da tempo. Ma non mi pare questo il tipo di selezione di cui si parla nell'articolo. Si fa riferimento invece alla "selezione naturale", o meglio sul territorio, articolandolo fra aree di caccia e aree di tutela. Quanto all'842, è la croce e la delizia della caccia italiana. Chi vuole una caccia privatizzata si faccia avanti. Io la preferisco così, regolamentata ma accessibile a tutti. Bisogna però ricordarsi che se non vanno avanti gli ATC, il nostro futuro di migratoristi sarà proprio quello. Chiedere il permesso al proprietario del fondo e pagare.

da p. indrizzi 23/08/2010 14.33

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

Ho fatto fatica a leggere,e mi son anche annoiato.Ma vediamo di chiarire una cosa.Se l'842 era un fastidio mal tollerato dalla politica e dagli animalisti,e dal popolo,che di fatto usufruisce di questo privilegio,nelle scampagnate e amori estivi tra le fratte, era gia morto e sepolto ben 18 anni fa,con l'avvento della 157,che gia' di fatto e' una legge con gestione semi-privata di II grado.Non cambierebbe un piffero se diventasse di I grado.Sia ben chiaro questo,non si rinuncia a soldono sonanti a favore di eventuali riserve locali,aumenta la domanda aumenta l'offerta a prezzi stracciati si chiama concorrenza.La selezione sulla migratoria? Gia avviene duranto il passo autunnale la caccia sostituisce la mortalita naturale,inseriamo di fatto una mortalita' sostitutiva...I parchi rendono di fatto nulla la mortalita'aggiuntiva.... Concessione agricola, erogazione diretta dei fondi=benessere per tutti.....

da Alessandro Cannas. 23/08/2010 13.55

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

Avete affrontatoun argomento delicatissimo. Fare il confronto fra Italia e altri paesi è fuorviante perchè da noi esiste l'art. 842 del codice civile che ci pone in situazione opposta agli altri stati del mondo. NON ESISTE UNA AVVERSIONE ALLA CACCIA DA PARTE DELLA OPINIONE PUBBLICA: ESISTE LA PIU' ASSOLUTA INDIFFERENZA COME DIMOSTRANO I REFERENDUM FALLITI PER MANCANZA DI QUARUM....CERTO CHE SE UN CITTADINO E' COSTRETTO A SCEGLIRE FRA CACCIA SI E CACCIA NO SCEGLIE CACCIA NO, TANTO NON CI PERDE NULLA.... Il "problema" caccia si risolve da se: l'età media dei cacciatori e il loro tramonto è nelle cose, una volta ridotti a 300.000 si potrà abolire l'842 e ridare il diritto di caccia ai proprietari dei fondi; da li può ripartire il fenomeno caccia in Italia o, in alternativa, il suo trasformarsi in abbattimento di animali dannosi e basta. Trasformare la caccia alla migratoria come la caccia di selezione E' IMPOSSIBILE in quanti IMPOSSIBILI sono i censimenti, BASE della caccia di selezione. Quel che afferma Zanon è in parte vero, ma è applicabile solo in certe zone e solo su certe specie.....PERCHE' SEGUENDO IL RAGIONAMENTO DI ZANON SAREBBE COME SPERARE CHE FACENDO ADOTTARE IL CODICE CIVILE SVEDESE ALLA TUNISIA IN POCHI MESI LA TUNISIA DIVENTI COME LA SVEZIA.....MENTRE PROFONDE SONO LE DIFFERENZE CULTURALI...

da GIANNI 23/08/2010 13.30

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

PER FAVORE NON IPOTIZZATE NEMMENO QUESTE STUPIDAGGINI, ALTRIMENTI QUALCHE DEMENTE CON L'ARIA CHE TIRA CI MANCA SOLO CHE GLI DATE LO SPUNTO PER QUESTE IDIOZIE!!!!

da GEO 60 23/08/2010 11.12

Re:MIGRATORIA E SELEZIONE

Confutare le tesi del "nemico" è facile, dal momento che si poggiano perlopiù su falsità, insulti, ipocrisia ed integralismo. Il difficile ancora oggi è far sentire una voce alla "massa" che non sia la sua, quella del "nemico" , per l'appunto... :-((

da Ezio 23/08/2010 11.03