Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
I Restoni non sono “quelli che restano”Riprendiamoci la naturaDiscorso sulla coturnice, ma non soloLa piaga dei ParchiBentornata ExaHorror naturaProvocazioni e fermezzaMaestra montagnaSPORT O PASSIONE?Un contratto a uso del manovratoreCol cinghiale al casello, ma non soloCinghiale. Il ricercatore svela la bufalaCambiamenti climatici e migrazioneScelta di campo e arie partenopeeIl nostro futuro è in EuropaLa mia Flyway è differenteIl futuro potrebbe essere la gestione adattativa?Un amoreAmbientalismo de noantriAria fresca e un pensierino alla SerraIl caso Leopold LipuUna sbiadita stellaViva la caccia!Questione di passioneIl mondo che verràIl senso della Lipu per i passeriArmi. Le nuove regoleSi va per l'aperturaLa tentazione di riprovarciIncendi. Il presente, il futuroAmbiente. Vogliamo parlare dei Parchi?SOGNO DI UN'ELISA DI MEZZA ESTATELa nostra frontieraCerusici e norciniSaggezza cinotecnicaUn ministro smarritoMa dov'era la Lipu quando ci rubavano gli habitat?E se si ripartisse dalla pernice?ISTINTO VENATORIO DEL CANE DA FERMAAntibracconaggio, a che punto siamo?Nuovo Governo. Un limite, un'opportunitàCronaca di una passioneDotti, medici e sapientiDiamoci una mossaE' giusto essere amici degli animali, ma oggi è meglio difendere gli uominiOrnitologo sarà lei! - Ornitologia “accademica” vs. Ornitologia “venatoria”Battistoni. Ambientalista cacciatore, con un occhio alla migratoriaEmozioni di una capannistaBruzzone, è ora di riformeCaccia richiamo profondoCalo uccelli e agricoltura. La resa dei conti Le visioni di lupo Gianroberto e i tre grilliniAttesaVaghe stelle del sudLa caccia come la vedo ioELEZIONI 4 MARZO: CHI VOTARE E CHI NOUn primato sconosciutoLa carica degli ungulatiIl sabato del cacciatoreSpeciale elezioni: Un voto per la cacciaAndare a votare e votare beneOH QUANTE BELLE FIGLIE...A testa altaDella beccaccia e del suo patrimonioCi vuole più coraggioDove va la caccia secondo SimonaDove va la caccia? "Lo decidiamo noi"A futura memoria per l'umanità di domaniIl futuro dipenderà da noiInsostenibili sarete voi!Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIOrsi, sono troppi?L'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

jeep saldi

Editoriale

A testa alta


lunedì 15 gennaio 2018
    


Dove va la caccia? Inchiesta di BigHunter.it. Parlano i giovani. La parola a Daniele Pedranghelu

"Orgogliosamente sardo", anche se attualmente vive in Piemonte (ad Alessandria), agente di Polizia, Daniele pratica ormai da diversi anni la caccia col cane da ferma, dedicandosi in via preferenziale alla selvaggina migratoria minore cacciabile appunto col cane da ferma. Saltuariamente dedica alcune mattinate alla caccia d'appostamento alla migratoria maggiore (anatre in particolar modo, ma anche colombacci).

Curioso, singolare, l'aneddoto che racconta.

"A volte capita di incontrare donne a caccia. - dice - ma in questo caso si tratta di due agenti della LAC in divisa e distintivo  in bella evidenza. Ci conosciamo già, almeno con una.

Un dialogo tranquillo
"Nulla?"
"Giornata finita quando sole tramontare..."
"Il cane ha il microchip?"
"Controlla!"
"No, lo so che non ti frego! Lo tieni in un box di un metro per uno?"
"Vieni a casa e vedi dove sta e come sta!"
Risate.
Si chiacchiera del più e del meno. Non sono esacerbate contro la caccia come credevo. Quella che non conosco racconta di aver subito minacce e più di una volta ha raccolto coppi e vetri rotti dalle fucilate ravvicinate o ha curato i suoi animali feriti.
"Purtroppo le mele marce sono ovunque. Io ho visto macchine e strutture di proprietà spaccate da animalisti!"
"Noi con quelli non ci abbiamo niente a che fare. In certi casi sono meglio i cacciatori che certi estremisti!".

Trasecolo.
 



 
Mi viene spesso da pensare che ci facciamo del male da soli e tantissime volte è fin troppo vero. La nostra è una passione antica, una passione forte e sanguigna, non sanguinaria, ma che va tenuta sotto controllo in tanti sensi. Questa nostra passione comporta privilegi e responsabilità. Occorre ormai mettere dei paletti seri: ci sono errori e cavolate nell'esercizio della nostra passione che possono costarci caro. Gli eccessi, invece, quelli vanno bocciati senza appello. Cerchiamo di viverla con serenità, con quella giusta dose di entusiasmo controllato, il giusto habitus mentale in campagna. Modi da campagna e alto profilo sempre.

Siamo certi che con un diverso comportamento non ci saremmo evitati almeno qualcuno contro?

Se in un'assolata domenica in periodo di caccia, un cacciatore ancora "in tenuta" e due dichiaratamente "anti", vegane, etc., trovano il tempo per fare una piacevole chiacchierata, perchè non trovare, almeno alla base, punti di contatto? Alla base intendo, perchè è ovvio che con un'associazione che si chiama Lega Anti Caccia, in sedi istituzionali credo sia impossibile... Intanto, per parte mia, ho segnalato il problema dell'inquinamento nella zona, utilizzata a discarica e mi hanno promesso che vigileranno.

"Poi voi gli animali li ammazzate però...".
"Ne ammazza più l'inquinamento!"
"Tutto fa..."
"Già, ma se fai il giro non vedi un'anatra, una gallinella d'acqua, una nutria. Tutte sterminate dai cacciatori?"
"No, hai ragione!"

Ora potrebbe essere che ho trovato io i soli ragionanti o forse no, chissà!

Ah, sul più bello delle argomentazioni, un maschio di fagiano si è staccato dal bordo della strada provinciale senza nessun disturbo, ci è passato sulle teste e si è rimesso in un campo di pannelli fotovoltaici.
"Ci sei rimasto male?"
"No, non sarei mai andato così vicino ad una strada. E per la prossima volta ho un animale in più da venire a cercare!"
Ovviamente soffocando improperi e blasfemie varie.

Ma non credo di essere tornato a casa col carniere vuoto...

Divertente, Daniele. Secondo lui, il rapporto con la società è profondamente mutato causa la profonda antropizzazione dell'ambiente rurale e in alcuni casi, per l'incapacità di molti cacciatori nel sostenere battaglie dialettiche con chi è contrario alla caccia. Ad esempio, dice, "per me è chiaro e naturale il perchè vado a caccia e dire che amo la natura e gli animali; ma se non sono in grado di tradurre in parole quello che provo, faccio la figura del minus habens"...

E' l'antropizzazione - afferma - "che prima ha portato ad una profonda modifica dell'ambiente che si ripercuote ovviamente anche sulla fauna. Il moltipliplicarsi delle colture intensive, il progressivo ridursi degli ambienti, la sparizione delle zone umide, l'utilizzo di prodotti chimici in agricoltura, la distruzione  di boschi e siepi costituiscono ferite non facilmente rimarginabili. E queste solo per citarne alcune".

Per questo "la caccia si è già trasformata. La proliferazione di ungulati ne ha agevolato la trasformazione. E questo anche grazie ai mutamenti ambientali. E ad una certa politica che avvantaggia certi tipi di caccia e minaccia altri. E le prospettive non sono buone: la legge quadro 157/92 - Daniele è categorico -  ha fallito in toto il suo mandato. Non è riuscita ad impostare un lavoro per un miglioramento ambientale che pure era previsto. Gli ATC non sono in grado di provvedere a quello che la normativa chiede loro. Occorre un profondo, radicale cambiamento nella normativa e prima ancora, nella mentalità dei cacciatori".

Per lui il principale punto critico sta nelle divisioni. "Siamo divisi tra noi, come in fazioni. Tra queste fazioni si introducono gli anti. Che invece sono uniti, eccome!".

Punti di forza?

Risposta secca: "La passione, quella vera, incoercibile; l'impatto economico che questa attività fornisce, siacome gettito allo stato, sia comelavoro e guadagno a tutto ciò che gravita attorno al settore; e poi quella che possiamo definire come consapevolezza del diritto, ovvero quella consapevolezza che occorra essere cittadini con la fedina penale linda per essere cacciatori e che deve farci andare sempre avanti a testa alta". 
 
 
 
 
 

Leggi altri Editoriali

20 commenti finora...

Re:A testa alta

Basta con sto buonismo! Sono dei rompi co....oni! Che vadano a lavorare sul serio

da passatore 21/01/2018 20.40

Re:A testa alta

ZERO:.... Ancora ci stanno vendendo. Con il nemico, nessun dialogo, parlo per esperianza!...

da s.g. 20/01/2018 21.15

Re:A testa alta

Si ma belin anche con la dialettica, confutando le contestazioni punto per punto ...... ti ritrovi un verbale in mano , e vai in Provincia ( se esiste più ) e presenti scritti e sucessiva audizione, e vai da un avvocato per impugnare la sanzione e vai davanti ad un giudice e prendi ragione ( tipo il fatto non sussiste ) chi ti ripaga di notti insonni tempo e DENARO perso???????? ( un'altro "processo" che può finire dopo anni con oneri ed onori si equivalgono?

da ZERO ASSOLUTO + breton INOX 19/01/2018 17.53

Re:A testa alta

Bravo Pedro. In ongi caso, se sei a posto, anche con le sinapsi, non c'è anticaccia che tenga. A costo di andare, pacatamente, nel rispetto delle leggi, fino all'ultimo grado di giudizio. Quello che manca a molti cacciatori di oggi, è la consapevolezza delle proprie responsabilità nella societa contemporanea.

da amen 19/01/2018 12.01

Re:A testa alta

Quando si posta un pezzo col proprio nome ci si sottopone a quello che nel mondo giornalistico viene chiamato “Principio di Responsabilità”. In sostanza ci si espone. A carezze e a scappellotti, beninteso. E tutto questo è buono e giusto. Non sto a spiegarvi lo smaccato piacere che provo quando un mio pezzo viene letto e analizzato, anche se, come spesso capita, spiace notare che molto spesso si guarda al dito e non alla luna che indica. Il fatto che una persona mi conosca, non dà per certo che conosca la mia professione, come invece è nota alla re dazione. Chi conosce non solo la mia professionalità ma anche il mio modo di essere, sa bene che non mi sognerei mai di anteporre la mia qualifica per evitare qualsiasi tipo di controllo. Al di là di queste considerazioni, quello che attraverso questo pezzo mi preme dimostrare è che un minimo di preparazione dialettica, unita a quella ovvia e specifica in materia, consente di togliersi soddisfazioni impensabili e di assurgere a una dimensione da togliere il fiato per i punti guadagnati con una mezzoretta spesa bene in chiacchiere. Un caro saluto a tutti!

da Daniele Pedranghelu 19/01/2018 1.04

Re:A testa alta

FORZACACCIA 18/01/2018 10.26:Spero che il suo intervento sia puramente casuale, frutto di una idea liberista, altrimenti posso dire che noi cacciatori siamo arrivati proprio alla frutta. Si ricordi, conosciuti o no, decreto X oppure Y, lor signori non possono più permettersi di controllare, ma che dico, avvicinarsi ad un cacciatore!

da s.g. 18/01/2018 13.21

Re:A testa alta

togliamo il 5x1000 a queste associazioni di pseudo poptezionisti ma di veri accattoni e vedrete come farebbero presto a scomparire. Questi personaggi non sono autorizzati a nessun controllo , possono segnalare alle forze dell'ordine riconosciute eventuali anomalie rilevate e nulla di più.

da bretone 18/01/2018 12.03

Re:A testa alta

PER I CONTROLLORI, LA GIURISPRUDENZA SEMBRA CHIARA. nELLO SPECIFICO, BISOGNA VEDERE CASO PER CASO. TUTTO E' POOSSIBILE. DIPENDE DAL DECRETO CHE HANNO E DA QUELLO CHE LO STESSO AUTORIZZA. COMUNQUE, QUANDO CI SI COMPORTA SECONDO LA LEGGE E SIAMO TUTTI D'UN PEZZO ABBIAMO LA POSSIBILITà DI CONTROBATTERE ANCHE IN TRIBUNALE. CI VUOLE TEMPO, MA SICURAMENTE PAGA. SE FACCIAMIO FINTA DI NULLA E PROTESTIAMO AL BAR O QUI E BASTA, ANDIAMO POCO LONTANO

da FORZACACCIA 18/01/2018 10.26

Re:A testa alta

Giovanni Aiello 17/01/2018 11.07: Leggo,nel suo "la legge da facoltà anche a loro e, anche se non si può essere contenti purtroppo è la legge e quelle guardie hanno il titolo di Pubblici Ufficiali ricordiamo sempre il vecchio detto dura lex, sed lex. Noi comportiamoci educatamente e stessa cosa pretendiamo da tutti i controllori." Scusi, ci vuole rivendere ancora come merce di scambio? Credo la misura sia colma. Si ricordi, questi non hanno alcun titolo per controllare un cacciatore, già ma si conoscono!!!!.....

da s.g. 17/01/2018 13.02

Re:A testa alta

Bravo Daniele, dove sta scritto che con gli anticaccia, nello specifico due guardie, bisogna per forza avere lo scontro? Penso che serva molto il dialogo ove possibile e con chi è possibile. Ho diversi amici che non amano la caccia, ma non per questo ce l'hanno con chi ci va.Persone intelligenti di certo che non si sognerebbero mai di additarci come i distruttori della fauna e dell'ambiente così come fanno i più tra gli anti. Per chi dice che gli agenti Lac non hanno titolo di controllo su di noi, ripsondo che è si, la legge da facoltà anche a loro e, anche se non si può essere contenti purtroppo è la legge e quelle guardie hanno il titolo di Pubblici Ufficiali ricordiamo sempre il vecchio detto dura lex, sed lex. Noi comportiamoci educatamente e stessa cosa pretendiamo da tutti i controllori.

da Giovanni Aiello 17/01/2018 11.07

Re:A testa alta

Certo,l antropizzazione esiste perche il Parco del Po vercellese Alessandrino con zps e contigue è enorme, migliaia e migliaia di ettari........se fosse ridotto parleremmo di altro, magari di Caccia nn per pochi eletti o in Afv e Atv.....nn proprio in linea con con i loro propositi di legge......caro Daniele.

da Annibale 16/01/2018 19.23

Re:A testa alta

Buonasera Daniele ,secondo mio personale parere ,si approcciano in maniera "soft" a te ,perché ti conoscono e sanno che sei un poliziotto,sarei curioso di valutare il loro atteggiamento con altri cacciatori.......magari mi sbaglio.....adiosu

da Lisandru 16/01/2018 17.50

Re:A testa alta

Vero, ma anche in quel caso, la Liberacaccia si oppose, se non ricordo male. Ma anche questo fa parte del doppiogiochismo degli italiani. Si spera che a cambiare siano gli altri. Intanto si continua a protestare e raccogliamo lo scontento, poi si vedrà. Il lavoro sporco facciamolo fare ad altri. Fin che dura.m E fin che la barca va, come dice orietta berti che oggi mi ricorda che da nazionalpopolare voterà Cinquestelle, per il suo amico Grillo. Che non è mio amico. Ovviamente.

da Cacciatore convinto 16/01/2018 17.36

Re:A testa alta

Per gli smemorati. La 157 è (fu) il frutto di un accordo preliminare al referendum, la cui alternativa era (sarebbe styata) l'abrogazione dell'art. 842 e la privatizzazione della caccia. Stime di allora davano per assodato che con quella alternativa, i cacciaatori sarebbero scesi immediatamente a 300-400mila unità. I-m-m-e-d-i-a-t-a-m-e-n-t-e. La decisione e l'accordo fu consapevole. Ovviamente. Oggi abbiamo ancora più di seicentomila licenze. Se nel frattempo non sianmo stati in grado di dare quel colpo d'ala e di quel voltare pagina (come fu definito da uno dei leader di allora) dobbiamo solo cercare le responsabilità al nostro interno. Come anche dichiarazioni recenti di dirigenti venatori confermano (più populistiche che popolari), le frange "liberistiche" fanno la differenza. Secondo me, a danno della categoria.

da Vedete voi 16/01/2018 10.52

Re:A testa alta

Ma per favore!!!!!!!!!!!!!!!!!! Sceriffi/e con professionalità pari a .......... ZERO ASSOLUTO a controllare i cacciatori in nome di una associazione che si chiama LEGA ABOLIZIONE DELLA CACCIA, ma belin a parte che il volotariato lo potete fare anche con i city Angels a dare coperte e cibo ai bisognosi, allora perchè non fondate per il periodo estivo la LEGA CONTRO I BAGNI IN MARE AD AGOSTO E VERBALIZZATE BAMBINI CON FORMINE E NONNE SOTTO GLI OMBRELLONI?

da zero assoluto + BRETON inox 15/01/2018 17.00

Re:A testa alta

Al quarto commento dobbiamo fare autocritica,che bello ! Con la 157 siamo diventati meno di meta' ,abbiamo a disposizione meta' del terreno cacciabile rispetto al 95 data di entrata in vigore degli ATC,che ci obbliga a programmare ripristini ambientali e ripopolamenti cosi cita la legge veneta ,ridotto l'arco temporale di caccia, Contemporaneamente sfruttamento di suolo ,abbandono di campagne, monocultura smaltimento di rifuiti hanno cambiato la fisionomia del territorio.. Malgrado tutti moltissime specie si sono espante ungulati,canidi, uccelli che sono diventati nidificanti oche,colombacci ,cormorani,fenicotteri rosa ,corvidi ,?.cCon la riduzione dei cacciatori sono emersi dei dirigenti venatori non eletti dalla base che bisogna chiedersi oltre alla mania di protagonismo cosa hanno in testa ,Mai questi egocentrici che hanno sguazzato negli uffici statali quindi conoscono " chi conta" hanno organizzato un " confronto pubblico " con i nostri " nemici al punto che sono quasi convinto che a loro fanno gioco continuate voi

da toni el cacciator 15/01/2018 15.23

Re:A testa alta

Non mi sembra giusto concentrare tutto su critiche che possono avere anche un concreto fondo di verità. Quello che ci manca, secondo me, è proprio la capacità di fare autocritica prima di criticare gli altri. Siamo sicuri che noi non abbiamo responsabilità rispetto alla situazione in cui ci troviamo?

da Ringo 15/01/2018 14.41

Re:A testa alta

Quando ci si ritrova a colloquiare faccia a faccia con questi anti caccia senza scartarne nessuno di qualunque ente essi siano, l'unica cosa che sanno mettere sul tavolo è che i cacciatori uccidono ! Mentre sugli argomenti di natura ambientale e di protezione animale ( siamo i primi a proteggere) non possono fare altro che darci ragione. E' per questo caro Daniele che ci evitano di andare sulle varie TV e testate giornalistiche e non solo i contrari alla caccia a pensarci bene, capisci a me. Abbiamo bisogno di far conoscere la caccia in Italia a milioni di cittadini Italiani ed esteri e solo attraverso i media si può fare, ma sembra che non lo si capisce. Un cordiale saluto.

da jamesin 15/01/2018 14.25

Re:A testa alta

Ho letto ,chissa perche' ho provato un senso di irritazione. Lui agente o forse di piu' di PS e PG e pubblico ufficiale. Lui che conosce quella della Lipu e quindi conoscenza reciproca ,crede che il rapporto tra i soggetti sia lo stesso che quelle due hanno con gli sconosciuti?. Queste nei limiti del loro controllo esternano la loro avversione per la caccia? Si chieda se da poliziotto in servizio puo' esternare le sue convinzioni? Si ricorda dei due poliziotti che hanno ucciso il terrorista proveniente dalla Germania o il suo collega che criticava il nero in bici in autostrada.... Mi dispiace sono polemico ma...

da toni el cacciator 15/01/2018 14.09

Re:A testa alta

Balle! Credo qualcuno ci voglia vendendo per l'ennesima volta! Ps: Ma Daniele, quale titolo hanno per controllare un cacciatore?!...

da s.g. 15/01/2018 13.32