Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Specie invasive, la prassi è consolidataRiflessioni sull'animalismo anticacciaLa prima beccacciaRicordi di gioventù: le ricariche per piccoli calibriChioccolo, facciamo chiarezzaTortore di gioventùAltro autogol degli anticacciaIncendi, la nostra partePesticidi. Si cambia musica? Slowfood ci contaAmbientalismo alla sbarraEuropa. Una firma per la cacciaQuestione di naso...Roma, i rifiuti, i cinghiali e la PSAAnimalismo e ciberneticaIl lamento del chiurloHa da venì...Cinghiali, Parchi ed effettiva conservazioneCercando DavidStarna. La volta buona?Cominciamo dalle parole d'ordineNoi e le morte stagioniStorie semplici di uomini e animali. Una bellissima giornata di caccia alla lepreAmore beccacciaioCaccia, cane da caccia e beccacceLa lepre di Lilla - Il racconto di una vitaIl mio cane è differenteTravolti da un insolito destino nell'azzurro mare dell'ElbaLa caccia è utile o no?Ode per Lea. Amor di cacciatorePeste suina - un approccio scientifico non c'è!Cos'è la caccia oggi?A che serve?Difendo l'uovo di mia nonnaOnore ai padulini veriViva la campagna vera!Le vere cause della diminuzione di alcuni uccelli comuniSciocchezze muflonicheUn referendum illegaleAddio Wilbur Smith. Principe dell'avventuraMa il pianeta come lo salviamo?Esercizi di memoriaDella caccia di una voltaReferendum. Uno strumento pericolosoIl ritorno delle donniccioleSiamo i garanti della biodiversitàE se dessimo un senso alla Cabina di regia?Quo usque tandem?Se l’agricoltura è un problema*Inglesi fra ferma e guidataQuestione di bicchiereUn legame, tanti valori *Ma quale referendum!Ricordando ColumellaOltre il GulashLo scoglio dei sedici anniFra binocolo e zappaManifesto, Ergo SumQuando la caccia è pura gioiaIl sapore della cacciaOcchio alla pennaLe smanie per il cinghialeFavoleFollie dell'altro mondoParliamo di cose serieMistificazioniPunto (e virgola) sulla migratoriaQuando il cane era lupoL'etica animale, l'etica della caccia e l'etica nella cacciaIo la penso cosìTempi rottiChe il futuro ci sia... MiteCaccia e next generationAvviso ai navigantiCacciatrici, ma quale novità!Come riportare la natura nella nostra vitaLe memorie corteUn sognoLa caccia francese scende in campoDalle Alpi alle piramidi. Un auspicioCaput mundi de che?La caccia e la fabbrica dei sogniIl catalogo è questoIl cane è intelligente?Punto cinghiale. Ma non soloMa vi pare possibile?Paesi tuoiIl cane "appadronato"Una. Un primo passo verso il riscattoCosa non fa la Lipu?Sui cinghiali di RomaAnche i papi nel loro piccolo s'in...dignanoForza ragazzi!No all’estremismo animalistaRecovery HuntE caccia sia!Barbera o Champagne?Ancora a caccia con entusiasmoMeglio quando c’era TiburziFrancia. Così si faConto alla rovesciaPer una costituente della cacciaDi qua e di là dalle AlpiForza cacciatoriUn salutoIl futuro remotoCronache dalla savanaServono ideeAmati sentieriAddio Taddeo!Parchi "U.S.A & caccia"Le verità sepolteLe magnifiche sorti e progressiveBenedetto cinghialeConsiderazioni sulla beccacciaTorniamo intorno al caminoLettere ai tempi del CoronavirusLa lepre del... preteLa penultima spiaggiaViva la campagnaNuove sfidePer un nuovo buongovernoA carte scoperteCovid-19 con prudenza operosaIl mio caro Münsterländer e altre esortazioniRitorno a cinghialandiaTanto fumo e poco...Animali e ParlamentoC'era una volta un saggio. Anzi: tanti saggiBeccacce e tanta passioneLa Sinfonia PerfettaDaini Circeo. Scienza contro panzaTra tofu e fanatismoAnche Manhattan è naturaAmbientalismo: scienza o compassione?FILIERA: i primi passiCinghia - Lex & C.Rural SuasionMeglio i tordiUngulati, questi sconosciutiNessuno tocchi l'ambiente. Ci basta il paesaggioRifacciamoci la boccaLa natura nel mondo delle fiabeDa ieri a oggi. E domani?Uno scatto d'orgoglio per recuperare rispettoLa bellezza salverà il mondoDove vai, se la caccia non ce l'haiNell’anno delle allodole*Tutela biodiversità? Ben venga!Diamoci da fareIeri le tortoreA caccia, ieri, oggi, domaniKC. La scienza bizzarraCaccia futura - Parte l'iniziativa BigHunter "Io ci sono!"L'animalista antiscientificoProviamoci, almenoEmergenze o indulgenze?Forza ragazzi! Forza ragazze!Moriglione, pavoncella e la polvere sotto il tappeto Ambientalisti in discesaLa giusta battaglia dei circhiIl pane … e la cacciaCacciatori e piccoli passiGli animali sono animaliAvanti tutta in EuropaAmbientalista? Sì, cacciatore!QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMOSelvaggina, la via della filieraGiovani. Cacciatori. NaturalistiEuropa Europa!Padule di Fucecchio. Fatti non p.Diamo una mano alla starnaTornare ai tempi della naturaRitorniamo al mitoGreta e la terra I Restoni non sono “quelli che restano”Riprendiamoci la naturaDiscorso sulla coturnice, ma non soloLa piaga dei ParchiBentornata ExaHorror naturaProvocazioni e fermezzaMaestra montagnaSPORT O PASSIONE?Un contratto a uso del manovratoreCol cinghiale al casello, ma non soloCinghiale. Il ricercatore svela la bufalaCambiamenti climatici e migrazioneScelta di campo e arie partenopeeIl nostro futuro è in EuropaLa mia Flyway è differenteIl futuro potrebbe essere la gestione adattativa?Un amoreAmbientalismo de noantriAria fresca e un pensierino alla SerraIl caso Leopold LipuUna sbiadita stellaViva la caccia!Questione di passioneIl mondo che verràIl senso della Lipu per i passeriArmi. Le nuove regoleSi va per l'aperturaLa tentazione di riprovarciIncendi. Il presente, il futuroAmbiente. Vogliamo parlare dei Parchi?SOGNO DI UN'ELISA DI MEZZA ESTATELa nostra frontieraCerusici e norciniSaggezza cinotecnicaUn ministro smarritoMa dov'era la Lipu quando ci rubavano gli habitat?E se si ripartisse dalla pernice?ISTINTO VENATORIO DEL CANE DA FERMAAntibracconaggio, a che punto siamo?Nuovo Governo. Un limite, un'opportunitàCronaca di una passioneDotti, medici e sapientiDiamoci una mossaE' giusto essere amici degli animali, ma oggi è meglio difendere gli uominiOrnitologo sarà lei! - Ornitologia “accademica” vs. Ornitologia “venatoria”Battistoni. Ambientalista cacciatore, con un occhio alla migratoriaEmozioni di una capannistaBruzzone, è ora di riformeCaccia richiamo profondoCalo uccelli e agricoltura. La resa dei conti Le visioni di lupo Gianroberto e i tre grilliniAttesaVaghe stelle del sudLa caccia come la vedo ioELEZIONI 4 MARZO: CHI VOTARE E CHI NOUn primato sconosciutoLa carica degli ungulatiIl sabato del cacciatoreSpeciale elezioni: Un voto per la cacciaAndare a votare e votare beneOH QUANTE BELLE FIGLIE...A testa altaDella beccaccia e del suo patrimonioCi vuole più coraggioDove va la caccia secondo SimonaDove va la caccia? "Lo decidiamo noi"A futura memoria per l'umanità di domaniIl futuro dipenderà da noiInsostenibili sarete voi!Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIOrsi, sono troppi?L'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?E GALLETTI FECE IL SORDOLA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaEUROPEI A META'Donne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARERomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrari Orgoglio di CacciatoreI Tordi e le Beccacce

novità Bionatura: sabot, sandali, infradito

Editoriale

Incendi, la nostra parte


lunedì 27 giugno 2022
    

 
Se ben difficile è vedere uno spiraglio in fondo all'inesorabile tunnel del cambiamento climatico, sul quale sicuramente abbiamo una parte di colpa tutti noi con i nostri stili di vita ormai consolidati, ben più concreta e plausibile è la lotta contro un’altra piaga ambientale ad esso correlata: gli incendi boschivi.

Partiamo dal fatto che il fenomeno è tutt’altro che sotto controllo. E' di queste ore la notizia di un devastante incendio in Puglia che ha già interessato 250 ettari di bosco. Altri roghi sono stati segnalati un po' ovunque. La stagione estiva 2021, come prima quella del 2017, in Italia è stata purtroppo teatro di una devastazione record: 160 mila ettari di territorio sono andati in fumo. Il che significa su per giù aver superato di 4 volte la media di quanto annualmente è bruciato dal 2008 al 2020. E non sono certo stati fenomeni naturali. Gli incendi, la maggior parte almeno, ce lo sentiamo ripetere da sempre, sono di origine dolosa. Il fenomeno delittuoso è particolarmente evidente in Sicilia, Calabria, Campania e Sardegna, dove ogni anno si raggiungono cifre preoccupanti in termini di numero di roghi e superficie percorsa dal fuoco. 
 

Tabella numero incendi 2020

I dati sono tratti dal Sistema Europeo di Informazione sugli incendi boschivi (EFFIS), ottenuti dal monitoraggio dei satelliti della Nasa e del progetto europeo Copernicus, che li rende particolarmente attendibili, precisi e confrontabili a livello globale. L’ultimo rapporto EFFIS, riferito all’annata 2020, tra cifre e statistiche, riporta in particolare l’esempio virtuoso della Regione Toscana, dove, grazie alla strategia coordinata con piani di prevenzione specifici sulle aree a rischio e l’attivazione di una rete di volontariato, si stanno mettendo in atto misure di prevenzione e di monitoraggio all’avanguardia. Vedi video
 

 

 
Gli incendi hanno un forte impatto non solo sulla qualità dell’aria che tutti respiriamo e di tutte le altre risorse (suolo, acqua, ecc.) ma sono una delle maggiori preoccupazioni per la perdita di biodiversità. Il bosco impiega decenni per tornare allo splendore e alla complessità biologica preesistente, particolarmente se pensiamo alle foreste di latifoglie e conifere o alle pinete. Se non oggetto di una lungimirante opera di rimboschimento molte bellezze naturalistiche del nostro bel paese potrebbero finire per essere solo un lontano ricordo, scalzate da una vegetazione spontanea che, causa clima attuale e condizioni mutate del terreno, non torneranno più ad avere le peculiarità di un tempo. Ne consegue anche un impoverimento della qualità faunistica, con la scomparsa di specie animali che da sempre hanno caratterizzato determinati luoghi. 

Proprio a tutela di flora e fauna un ruolo cruciale lo hanno quanti direttamente e concretamente frequentano i boschi. I cacciatori soprattutto.  A migliaia hanno contribuito - e lo fanno in maniera sempre più coordinata e riconosciuta finalmente dalle autorità - a bloccare sul nascere tantissimi incendi, grazie ad un costante monitoraggio (le cosiddette sentinelle dei boschi) e a prevenire la propagazione delle fiamme, grazie ad interventi di manutenzione degli ambienti rurali che purtroppo pochi altri si prendono l’onere di portare avanti.
 
In questo il contributo dei cacciatori singoli e associati è fondamentale e dà la misura dell’enorme potenziale ambientalista della categoria. Attivismo concreto e sul campo, senza pari. In Sardegna i volontari cacciatori dei comuni della zona di Oliena (vicino a Nuoro e Dorgali) hanno fatto la differenza. Da quando hanno coordinato un servizio di volontariato, il territorio è stato interessato solo marginalmente dalla piaga degli incendi e i pochi casi verificatisi non hanno creato danni di sorta. Abbiamo già accennato al ruolo importante dei cacciatori in Toscana, coordinato dalla CCT. Esempi simili percorrono tutta Italia, da nord a sud. 
 
Sta a voi renderne conto, anche su queste  pagine, sia come impegno preventivo sia come attività sul campo.  Inviateci le vostre esperienze, fatevi sentire e ne daremo conto. Sarà un ottimo biglietto da visita che il mondo della caccia potrà presentare all'opinione pubblica e alle istituzioni.
 

Cinzia Funcis
 

Leggi altri Editoriali

29 commenti finora...

Re:Incendi, la nostra parte

Intanto il buco dell'ozono si e richiuso. Qualche cassa cranica è ancora soggetta a tutte le intemperie.

da Peccato 02/07/2022 19.03

Re:Incendi, la nostra parte

Non so quanti anni hai, ma se vai a recuperare giornali quotidiani e settimanali degli anni ‘70 e ‘80 oltre a trasmissioni televisive troverai centinaia di articoli allarmistici sul buco nell’ozono che portò pure al divieto di utilizzo dei gas delle bombolette di insetticida. Ci fu un allarme globale SUL NULLA che ora molti fanno finta di non ricordare. Tutti parlavano di rischi enormi per il futuro del pianeta, oggi il buco nell’ozono non interessa più a nessuno Succederà così pure per la bufala del riscaldamento globale e per la siccità che sono fenomeni del tutto naturali, ma solo creando allarmi si vendono libri, si fanno ascolti in TV, si ottengono voti.

da ; 02/07/2022 15.27

Re:Incendi, la nostra parte

In migliaia di anni di storia quante volte i contadini hanno governato il mondo? Il buco nell’ozono ha avvelenato nessuno a meno che non ci siano persone che abitano nell’entroterra dell’Antartide. Se uno vuole informarsi basta un clic ma capisco che molte persone desiderano stare senza pensieri, credendo a quello che vogliono sentirsi dire e lavarsi le mani pensando che il resto sia “tutta una bufala inventata dai poteri forti”.

da Fabe 02/07/2022 12.17

Re:Incendi, la nostra parte

Come la bufala del BUCO NELL’OZONO che ci ha avvelenato la vita per almeno un decennio e ora non ne parla più nessuno. Fior di esperti del nulla che sono vissuti scrivendo libri falsi sul BUCO NELL’OZONO che ci avrebbe fatto morire tutti di tumore alla pelle. Molto meglio quando a governare il mondo vi erano contadini e cacciatori con la quinta elementare.

da X questo qua sotto 02/07/2022 8.30

Re:Incendi, la nostra parte

Lungi da me screditare un “collega” chimico come Battaglia, anzi mi dispiace sinceramente dirlo, ma lui e Zichichi non possono essere riportati come fonti autorevoli, almeno da qualche tempo a questa parte. La probabile origine (o al limite concausa) antropogenica del cambiamento climatico in corso è provata dalla velocità con cui questo sta avvenendo, che non si riscontra nelle curve cicliche che hanno caratterizzato il clima terrestre finora; inoltre l’andamento delle curve mostranti variazione della temperatura e concentrazione di gas serra in atmosfera coincidono quasi identicamente. Anche io desidero credere che non ci siano prove e che fra qualche hanno ci guarderemo indietro pensando che ci siamo presi in giro; d’altronde nella scienza tutto si basa su probabilità e non su certezze, resta innegabile che le prove esistono eccome. Sui commenti del solito statale probabilmente abbonato al fatto quotidiano non ho il bisogno di esprimermi.

da Fabe 01/07/2022 21.46

Re:Incendi, la nostra parte

Risto le hai indovinate tutte

da Lo statale 30/06/2022 22.44

Re:Incendi, la nostra parte

perchè Draghi è di destra secondo il tuo cervellino bacato? e il PD con il tuo amico mortadella prima ha rovinato l'Italia con l'europa e poi con la Cina che gli hanno aperto anche le porte di casa...e il tuo amico dalllleeeemmma ha fatto pure i baci con Putin ... Svegli e cammina è ora! statale del menga-------

da risto 30/06/2022 11.28

Re:Incendi, la nostra parte

Allora ho capito. Draghi è di sinistra. E il PD che sta chiaramente a sinistra fa finta di sostenere l'occidente, ma sotto sotto tifa Cina e Russia. E che Zichichi è uno scienziato.

da Oh signur 29/06/2022 20.46

Re:Incendi, la nostra parte

dove arriva la sinistra al potere è la fine della democrazia . in Italia siamo governati da una manica di estremisti di sinistra ex-sovietici filo cinesi. Dopo la seconda guerra mondiale ancora esistono i kompagni una specie da eradicare come il lupo. Il bello è che sono tutti ricchi sfondati e fanno i KOMPAGNI ste mer....eeee e c'è ancora chi li vota PENSIONATI , STATALI E POLITICI il vero popola non vota piu.

da Cina 29/06/2022 9.44

Re:Incendi, la nostra parte

Che il cambiamento climatico sia opera delle attività umane è tutto da dimostrare, anzi, studiosi di chiara fama come Franco Battaglia e scienziati come Zichichi sostengono il contrario in numerose pubblicazioni. Che i cinesi abbiano intenzioni egemoniche e non democratiche con idee di controllo sociale terribili è cosa nota. Come è chiaro che ci siano qua in Occidente fior di minus habens che odiano a tal punto un paese che li ha storicamente sconfitti e si augurano che a prevalere sia la tirannia cinese. In realtà l’Occidente e gli USA sono ancora largamente in vantaggio sul resto del mondo e i dittatori saranno sconfitti sia pure a caro prezzo.

da Adam Smith 28/06/2022 18.09

Re:Incendi, la nostra parte

Primo: Negare cambiamenti climatici e problema degli incendi è come mettere la testa sotto la sabbia. Secondo: Non è che i cinesi sono venuti in Italia. Siamo noi che siamo andati in Cina a farci fare tutto quello che ci serve, mandando a casa i nostri lavoratori. Sarà stato il Governo, ma soprattutto le imprese (piccole e grandi) gestite da un'imprenditoria familistica che fa pena solo a parlarne in giro (salvo i pochi Del Vecchio e simili). Terzo: Con questi pensatori che scopro qua sotto, la caccia non ha un bel futuro. Ma non mi preoccupo per questo, mi dispiace per "il paese che amo"... in mano a Prenditori (sic, e non parlo solo dei percettori del reddito di cittandinanza, ma anche di qyelli che cercano lavoratori a 250 euro al mese) e fancazzisti tuttologi.

da S. Camelus 28/06/2022 16.50

Re:Incendi, la nostra parte

La Democrazia è il peggiore dei sistemi eccettuati tutti gli altri. W. Churchill.

da ; 28/06/2022 14.54

Re:Incendi, la nostra parte

siamo un paese senza balls...gli Inglesi se ne sono andati perchè non amano farsi comandare da tedeschi e francesi...noi invece a 90 gradi grazie al PD a tutta la sinistra ottusa i 5 stalle ma anhe Forza Italia , il bello è che questi non vincono mai ma comadano sempre...e poi il clima ALTRA CAZZATA mostruosa come il buco nell' ozono ...da sbellicarsi dalle risate... ma prendiamo a calci tutti questi buffoni liberiamoci di questi politici INCAPACI... e ladri... serve un'altro 68 !!!

da 68 28/06/2022 14.54

Re:Incendi, la nostra parte

Ah invece far passare il popolo come deficiente non è squallido? Un’enorme fetta della popolazione non è rappresentata dai politici perché non vota, e non vota proprio perché non si sente rappresentata da questi sfigati. Personalmente raramente mi sono astenuto dal votare ma comprendo benissimo quelli che lo fanno. Quando in un Paese c’è un astensionismo dilagante c’è qualcosa che non va e la gente si è stufata di votare sempre “il meno peggio”, così finisce che ci troviamo quei dementi dei pentastellati in parlamento. Inoltre io non ho votato nessuno dei rappresentanti europei di altri Paesi, quindi neanche essi mi rappresentano; non li conosco e non conosco le loro idee. Per quanto riguarda il premier tutto vero che serve la fiducia, ma resta comunque un soggetto individuato dal capo dello Stato e la fiducia viene data da persone che raramente rappresentano realmente la popolazione.

da Fabe 28/06/2022 14.36

Re:Incendi, la nostra parte

Nominati? Purtroppo per te il politologo conosce la Costituzione e sa che il governo e quindi il Premier per entrare in carica necessità della FIDUCIA cioè del voto favorevole di Deputati e Senatori ELETTI DAL POPOLO SOVRANO CHE AMA I PROPRI RAPPRESENTANTI DATO CHE LI ELEGGE. Uguale per i Deputati europei ELETTI IN LIBERE ELEZIONI SEMPRE DAL POPOLO SOVRANO. Cercare di far credere che il popolo sia onesto corretto e giusto mentre i politici che ELEGGE LIBERAMENTE siano dei delinquenti è quanto di più squallido ci sia. ELETTI ED ELETTORI PARI SONO. E CHI NON VOTA AVALLA LA SITUAZIONE.

da X questo qua sotto 28/06/2022 13.30

Re:Incendi, la nostra parte

E chi li ha eletti gli infelici al Parlamento europeo? Ed è un bel pezzo che i capi di governo sono nominati, non eletti. Sminuire la scienza e la maggioranza della popolazione affiliandola solo alla Greta è veramente molto poco intelligente, come la maggior parte delle cose scritte dal politologo finora.

da X il solito politologo 28/06/2022 12.46

Re:Incendi, la nostra parte

Tutti eletti dal popolo bue che segue Greta invece di prenderla a sonore pernacchie.

da X questo qua sotto 28/06/2022 12.32

Re:Incendi, la nostra parte

Non è colpa della gente che crede al cambiamento climatico se si sta assistendo al disgregamento della società occidentale ma dei cerebrolesi che compongono la classe dirigente e la loro mentalità buonista, globalista, bigotta e pseudoambientalista. Il problema non è odierno, è da tempo che bisognava intervenire e non è stato fatto. La gente smidollata che ci troviamo oggi è causa diretta delle politiche di ieri, che poi sono le stesse di oggi dato che non sono cambiate. Cina e India stanno attuando molte più azioni contro la crisi climatica degli USA, per dirne una, mentre l’occidente, guidato da vecchi rinc0glioniti dorme e alleva fannulloni. Personalmente nutro vero odio per Cina, India ed Europa perché il mio mestiere, a causa delle assurde leggi europee, finirà per essere trasferito tutto in Asia. Quindi risparmiate le frasi come “continuate a distruggere l’economia occidentale”, è già da un pezzo che la sta distruggendo sto branco di inebetiti in età geriatrica.

da X il politologo qua sotto 28/06/2022 12.29

Re:Incendi, la nostra parte

Continuate a credere alle balle del cambiamento climatico causato dall’uomo, continuate a distruggere l’economia dell’occidente e finirete esattamente come meritate: schiavi dei cinesi. Per fortuna mia ormai a me anche i cinesi mi fanno una bella s..a!

da X il climatologo de noantri qua sotto 28/06/2022 11.59

Re:Incendi, la nostra parte

Ma ci sei o ci fai? Secondo te la paleoclimatologia si basa su report storici delle temperature redatti dall’uomo? Si basa invece su molteplici analisi chimico-fisiche (ad esempio la ricerca di particolari isotopi) e archeologiche (fossili) di biosfera, litosfera e dei ghiacciai. Sappiamo che clima faceva milioni di anni prima della comparsa dell’uomo. Se non si conosce bene una materia meglio tacere e non scrivere.

da Fabe 28/06/2022 10.11

Re:Incendi, la nostra parte

si vabbè...ma chi se ne frega? gli incendi ci sono sempre stati e sempre ci saranno...piromani? incidenti? casualità? troppo calore? il problema è che ci sono troppi VERDI da salotto e pochi sul territorio .... spingono i bottoni ma non sanno nulla di cosa succede in natura...ma sono nella sala dei bottoni , un pò come i ragazzi con la playstation , una manica di deficenti targati PD e 5Stalle sono loro il cancro della natura. magari bruciasse mezza Italia cosi potremmo avere piu spazio per le coltivazioni !!!

da pier 28/06/2022 9.18

Re:Incendi, la nostra parte

Fenomenale quando scrivi “ Anche se in Europa faceva più caldo in epoca romana non si registrano temperature superiori alla media nello stesso periodo in altre parti del mondo”. Ti informo che in quell’epoca in America non si misuravano le temperature (dato che ancora non era stata scoperta), l’Africa al 90% era inesplorata e con l’Asia non esistevano contatti di alcun tipo. Continuate a inseguire Greta. Che così aiutate la Cina a mettervi il microchip nel buco del c…o. E stavolta per davvero.

da X questo qua sotto 28/06/2022 9.08

Re:Incendi, la nostra parte

Ah inoltre non esiste alcuna evidenza storica o archeologica che in Italia esistessero giraffe o leoni nell’antichità.

da Fabe 28/06/2022 7.13

Re:Incendi, la nostra parte

I fatti riportati non provano niente, si fa ancora confusione tra fenomeni localizzati e tendenze globali. I cambiamenti climatici ciclici ci sono sempre stati e seguono determinati periodi della durata di migliaia di anni; all’interno di questi cicli, con temperature medie globali che seguono una curva costante, possono esserci periodi in cui localmente si registrano anomalie termiche dovute a svariati fattori (cicli astronomici, eruzioni vulcaniche ecc..). Anche se in Europa faceva più caldo in epoca romana non si registrano temperature superiori alla media nello stesso periodo in altre parti del mondo, quindi globalmente la media climatica era la stessa. Oggi invece si assiste ad un repentino aumento delle temperature a livello mondiale, quindi il fenomeno è globale e probabilmente, data la sua velocità, ha anche cause antropiche. I periodi di siccità o eventi climatici estremi localizzati ci sono sempre stati, ma la frequenza con la quale si susseguono a livello globale è aumentata e continua ad aumentare; questo è l’effetto e nel contempo la prova del cambiamento climatico in atto.

da Fabe 28/06/2022 7.11

Re:Incendi, la nostra parte

Le annate di siccità ci sono sempre state e sempre ci saranno. Annibale attraverso’ le Alpi con gli elefanti e di sicuro non c’era la neve. In Italia erano presenti leoni e giraffe. I cambiamenti climatici fanno parte della storia della Terra. L’Europa emette anidride carbonica per l’8% del totale del mondo. Quando pioverà di nuovo diranno che pure la pioggia è colpa del cambiamento climatico causato dagli europei. Inseguono Greta è questo il dramma!

da X questo qua sotto 27/06/2022 22.29

Re:Incendi, la nostra parte

Non ho capito se e perché la siccità del 1985 a Firenze dovrebbe rappresentare una prova contro il cambiamento climatico. Ovviamente concordo sul fatto che bisogna migliorare l’efficienza della rete idrica nel nostro Paese.

da Fabe 27/06/2022 21.34

Re:Incendi, la nostra parte

Per evitare gran parte degli incendi basterebbe buttare i piromani nel fuoco da loro appiccato e non multe o arresti domiciliari.

da bretone 27/06/2022 18.53

Re:Incendi, la nostra parte

Cambiamento climatico? Nel 1985 Firenze in emergenza siccità dovette approviggionarsi di acqua da alcune cave poste a circa 7 km di distanza (Renai di Signa) tramite enorme tubo installato dalla Protezione Civile di Zamberletti. Abbiamo la memoria di un pesce rosso.

da E riparate gli acquedotti colabrodo 27/06/2022 12.45

Re:Incendi, la nostra parte

dopo quello che ci tirano addosso , non me la sento di fare servizio civile per la comunuità che non ama la nostra categoria di INCENSURATI ma preferisce gli ambientalsiti prepotenti che non vivo il territorio ma le città e l'opinone pubblica. La società "civile" non ci vuole come gran parte del Governo Italiano.

da Pablo 27/06/2022 10.58