HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
UNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTO ALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

A CACCIA ANCHE DOMANI


lunedì 17 ottobre 2011
    
La caccia di domaniNella sempiterna gestione dell'emergenza, tipica di questo periodo, anche il mondo della caccia difetta di iniziative di lungo respiro, le uniche utili a rigenerarlo e garantirne un futuro nel medio e lungo periodo. La trasformazione rapida della società, anche  italiana, presuppone un collegamento stretto alle avanguardie, per percepire e anticipare i cambiamenti.
 
Lo strumento più adatto per quest'azione sono i giovani, che non brillano per la loro presenza nelle schiere dei cacciatori. La gerontocrazia diffusa che alberga nelle nostre classi dirigenti, trova un buon terreno di coltura anche nella caccia. Le nostre associazioni venatorie, pur sorrette anche da quarantenni/cinquantenni, rispecchiano l'andazzo, e a volte fanno fatica a esprimere idee innovative. Pur tenendo conto di questo, è irrimandabile un'azione di sollecitazione sull'insieme dei soggetti interessati (dirigenze venatorie, agricole, produttive, ambientaliste, istituzionali) per favorire  un clima più disteso che favorisca un'evoluzione positiva, un processo di riavvicinamento fra i vari soggetto interessati, l'assunzione di responsabilità che andando per gradi comprenda tutta la problematica. La presa di coscienza, insomma,  della necessità di riformare il contesto normativo e comportamentale, per risolvere un problema, quello del territorio, che altrimenti è condannato ad aggravarsi ulteriormente.

Falliti tutti i tentativi di costituire tavoli di portatori d'interessi, occorre mettere mano a un nuovo progetto per rimettere in moto un meccanismo che si è miseramente arenato, magari attivando un soggetto terzo.

Abbandonando l'idea delle ammucchiate a volte evidenziatesi innaturali, sarebbe bene optare per un  primo approccio interno. Dato per acquisito che la conflittualità interna non fornisce a nessuno alcun vantaggio duraturo, bisognerà prima di tutto convincersi   che, nel rispetto dei diversi punti di vista, è indispensabile raggiungere una sintesi preliminare che salvaguardi gli interessi dell'intera categoria. Prima di tutto, quindi, salvaguardare i principi generali su cui concordare, compreso un patto di rispetto reciproco; dopodichè entrare nel merito delle questioni particolari, ovvero dei punti inderogabili, su cui non ci potrà essere mediazione. E, solo successivamente, forti di un'intesa, magari formalmente condivisa, si potrà dare la disponibilità ad aderire all'approccio successivo, che tenendo conto di sensibilità diffuse (frutto di altre culture e di diverse responsabilità), arrivi a elaborare una piattaforma con il mondo agricolo. Un passaggio cruciale, che dovrebbe fare la sintesi fra i reciproci interessi di cacciatori e agricoltori, per proceder infine a riflessioni più estese che coinvolgano le istituzioni e  i territori (rappresentanze ambientaliste comprese, se lo vorranno).

Un percorso del genere comporta una navigazione a vista, a modulazione variabile, che abbia ben chiaro l'obiettivo: i cacciatori italiani sono un patrimonio sociale, culturale ed economico che nel suo processo rigenerativo va salvaguardato.

Un approccio diverso, quindi, che superi l'attuale dicotomia sempre più radicalizzata fra chi vorrebbe tornare al passato (ante 157) e chi spinge per ridurre e contenere il fenomeno venatorio, proponendo in teoria principi conservativi ma provocando inevitabilmente a una (pericolosa?) deriva verso la privatizzazione totale della caccia. O meglio, del patrimonio faunistico e del territorio. Non si tratta più  ahinoi soltanto del proprietario terriero che intende sfruttare a fini di caccia la selvaggina che vive o transita sui suoi terreni, no, non è più solo lui; sta avanzando anche e con protervia il borghesotto (proprietario o temporaneamente affittuario) che nel  week-end  non vuole intrusi nel cortile della sua casetta di campagna (fenomeno ormai noto col nome di  NIMBY: Not In My BackYard, non nel mio cortile). Sono reazioni che in qualche modo necessitano di una risposta. E se il mondo va come deve andare, ovvero la società contemporanea non implode trascinando con sé anche la caccia e tutti i legittimi interessi ad essa collegati, bisognerà girare pagina, valutare le diverse opzioni, tenendo conto dei nuovi e diversi interlocutori. In ogni caso,  una deregulation totale non è ipotizzabile. Non ha riscontro nemmeno nelle proposte di legge più criticate, che giacciono ormai da anni - impantanate -  nei due rami del Parlamento. E comunque, se non riusciremo a far percepire l'attività venatoria come qualcosa di ancora attuale, contemporaneo, il problema si consuma da sè: la media dell'età dei cacciatori è lì a confermarcelo. Solo  se saremo in grado di rilanciare in un contesto più vasto, extravenatorio, i pur tanti valori  positivi della caccia, si potrà pensare che la famiglia, la scuola e la società propongano con nuova attenzione un approccio simpatico verso la caccia, da parte delle  giovani generazioni. E sono quelle che a noi mancano.

E per ora, dunque, nei confronti del mondo esterno, ma anche  al nostro interno, prima ancora di affrontare gli argomenti relativi a specie cacciabili, tempi di caccia, modi di prelievo, quantità etc,, sarà importante   adoperarsi per riacquisire su larga scala quell'assunto che un tempo, nella società contadina, era assolutamente condiviso. E cioè che la caccia, i cacciatori,  sono un valore aggiunto per la consistenza del patrimonio faunistico nostrano. Anzi, che per tutti quelli che tengono a un patrimonio naturale integro, alla larga dai pericoli dell'odierno progresso, i cacciatori sono uno dei pochi baluardi su cui contare.
Ci riusciremo?


Enrico Parretti

Leggi altri Editoriali

15 commenti finora...

Re:A CACCIA ANCHE DOMANI

e aboliamo finalmente 'sto art. 842 del CC! è roba da komunisti!

da vecchio cedro 20/10/2011 14.21

Re:A CACCIA ANCHE DOMANI

In risposta a HOLD Hunter ; che il discorso sia lungo ed articolato questo è fuori di dubbio, anzi è stata la mia premessa principale. Ma ad ogni buon conto il P. H. che intendo io di cui l’Europa è piena, è oltre che accompagnatore il vero organizzatore della caccia. Ha una vera azienda alle spalle, che, escluso il viaggio aereo (di solito), organizza l’alloggio, la ristorazione, le licenze di caccia temporanee, l’assicurazione, l’affitto di fucili e cani, la fornitura di cartucce, e poi anche l’accompagnatore. Alcuni di questi P.H. Italiani hanno anche comprato delle Farms con relativi terreni per esempio Inghilterra o Irlanda, altri hanno in gestione solo dei terreni o piccole isole. La loro mansione è relativa alla gestione del territorio e della fauna, poi se ti accompagnano pure ben venga.In Italia non è possibile tutto questo perché su di noi cacciatori, nonostante la nostra misera minoranza rispetto al resto dei cittadini, ruotano interessi spaventosi. Le miriadi di associazioni ambientaliste e non, che vivono grazie alla caccia, finirebbero di esistere.

da nino da Bari 20/10/2011 11.44

Re:A CACCIA ANCHE DOMANI

Caro Nino da Bari, quando dici che si dovrebbe istituzionalizzare la figura del Professional Hunter in Italia, sono perfettamente daccordo con te. E già sarebbe un GRANDE passo avanti. Anche se il Professional a cui tu fai riferimento è solo un accompagnatore, mentre quello che proponevo io è un qualcosa di molto più vasto ed articolato che non il mero "accompagnatore". Per quanto riguarda il "patrimonio indisponibile dello Stato" invece non vedo questi problemi : come lo Stato, a fronte del pagamento di tasse e balzelli vari, concede a te, privato cittadino, di esercitare un certo tipo di prelievo venatorio, egualmente sarebbe per il Professional, ovviamente e giustamente a fronte di un esborso superiore, con limitazioni e controlli mirati su questa figura. No, in realtà non vedo alcun problema legislativo in merito, è solo una questione di volontà. Invece il discorso "riserva" esula completamente da quel che pensavo io, il Professional, nella mia visione, caccia in territorio libero, non solo in riserva. Anzi, lo scopo del gioco è che egli spazi il più possibile sul teritorio in modo da averne la migliore conoscenza possibile ... Il discorso sarebbe lungo ed articolato, e non si può risolvere così, con 10 righe in un post.

da OLD_Hunter 20/10/2011 9.33

Re:A CACCIA ANCHE DOMANI

BRAVO NINO DA BARI. CHE GLI ALTRI LO PRENDANO A MODELLO. L'AMORE QUANDO E' AMORE NON DEVE CHIEDERE NIENTE IN CAMBIO, BASTA SOLO POTERLO ESPRIMERE. ALTRIMENTI E' BARATTO, MERCIMONIO. LEGITTIMO SI, MA E' UN'ALTRA COSA

da VIERI P. 19/10/2011 10.07

Re:A CACCIA ANCHE DOMANI

Caro Nino come lavoro mi occupo di ortofrutta, nei campi all'aperto ci vado quasi tutti i giorni, amo la natura le albe i tramonti e non posso comunque costringere e nemmeno invogliare i miei figli di gustarsi quelle nostre albe e tramonti con un fucile in mano perchè più temòpo passa e più sento solo un peso sul mio braccio. Saluti Nino e non amo le mattanze, ma la caccia meno stressata di oggi..!!

da Adamo - Foggia 18/10/2011 19.47

Re:A CACCIA ANCHE DOMANI

x nino di bari:per essere così,bisognerebbe avere i valori che si sono persi da tempo!Da quando la miseria costringeva a lavorare di gomiti.Oggi si lavora in camicia e cravatta,non si comprende perchè alcuni sudano quando lavorano!

da nino ag. 18/10/2011 16.40

Re:A CACCIA ANCHE DOMANI

Per rispondere a hold hunter ti dico che la figura del professional hunter in Italia non è possibile per almeno due motivi. Intanto occorrerebbe legalizzarla e istituirla, cosa non facile, e poi a differenza degli altri paesi europei, e non solo, occorre abolire la legge che prevede la fauna patrimonio indisponibile dello stato, e di conseguenza far ricadere la proprietà della fauna al proprietario del terreno. Diversamente potresti praticare tale professione in una riserva, se hai soldi per acquistare almeno 500 ettari di terreno, pagando 15 euro a ettaro l’anno di concessioni, o affittare dei terreni e renderli fondi chiusi, pagando oltre la concessione l’affitto ai proprietari. Sono dieci anni che stiamo tentando di realizzare qualcosa di simile ma per molteplici motivi tra cui economici non ci siamo riusciti. Gli italiani professional hunter esistono ma praticano all’estero e sono anche tanti. Per Adamo di Foggia vorrei dirti che io i figli li coinvolgerei comunque, perchè l’ambiente rurale la vita all’aria aperta la contemplazione del paesaggio naturale dalle prime luci dell’alba fino al tramonto, valgono la pena di essere vissute, per noi e i nostri figli, indipendentemente dai carnieri. I miei figli ritornando a casa, se non abbiamo abbattuto nulla, riferiscono alla loro madre che hanno visto le tracce fresche di cinghiali, hanno avvistato stuoli di anatre che passavano alte e anche quelle che col buio sibilavano in aria con le loro ali. Commentano il lavoro dei cani, o la bellezza dei boschi, i frutti selvatici, le visite che facciamo presso gli amici massai per comprare la ricotta. Non gli ho abituati alla competizione venatoria, alle gare a chi abbatte più prede, come abitualmente succede tra alcuni cacciatori. Io andrò a caccia sempre,anche per un solo giorno all’anno.

da nino da Bari 18/10/2011 15.44

Re:A CACCIA ANCHE DOMANI

Certo, la figura del Cacciatore Professionista si sposerebbe molto bene con la caccia agli ungulati, che tutti sappiamo essere in fortissimo aumento un po' dappertutto ( e non mi riferisco solo al cinghiale, che è ormai un problema in tante zone e che tale figura potrebbe contribuire a limitare ) piuttosto che alle caccie tradizionali dei volatili, ma non le esclude a priori. Proviamo a pensarci, Signori : forse non è proprio un'idea del tutto strampalata. Vorrei sentire il vostro pensiero

da OLD_Hunter 18/10/2011 9.52

Re:A CACCIA ANCHE DOMANI

Voglio lanciare una pietra nello stagno ... E se provassimo a pensare alla figura di un Cacciatore PROFESSIONISTA ? Una persona che fa della Caccia la sua professione, che ci vive con essa, vendendo la carne della selvaggina in modo LEGALE, accompagnando professionalmente altri cacciatori, tenendo corsi e conferenze sulla Caccia, facendo consulenze professionali per Aziende Venatorie, Provincie, Regioni, ATC e quant'altro. Insomma, un vero e proprio "Guru", serio ed affidabile. Io sono convinto che una simile figura farebbe certamente da traino per tutta una serie di innovamenti, sarebbe un punto di riferimento non solo per noi "cacciatori dilettanti" ma anche per tutti quelli che in un modo o nell'altro vogliono avvicinarsi a questo mondo e non sanno a chi rivolgersi. Ma non solo. Nella mia idea, il Professionista dovrebbe essere non solo uno che vive di caccia, ovviamente rispettando tutta una serie di regole ferree, che a lui sarebbero assai facilmente applicabili proprio per il fatto che è un Professionista, ma anche un attento controllore del territorio, un assiduo contrasto al bracconaggio, un attento "censore" (nel senso di uno che fa i censimenti) delle popolazioni animali. Una persona la cui parola dovrebbe avere un peso preponderante in tutte le sedi dove vengono prese decisioni riguardanti la nostra passione. Certo, non potrebbe essere uno qualunque, egli dovrebbe superare rigorosi esami di zoologia, ecologia, gestione del territorio, balistica, tiro, trattamento e conservazione delle spoglie. Esami SERI, fatti da chi VERAMENTE ne sà della materia, non certo da improvvisati "professori" che nulla sanno se non della loro boria. Insomma, una figura assolutamente NUOVA nel panorama venatorio italiano. Perché in altri paesi tali figure, in una certa maniera (certamente molto più "commerciale"), esistono già, basta leggere il blog dell'amico Benecchi sull'Alce. E stiamo parlando di Europa, non di Africa !

da OLD_Hunter 18/10/2011 9.43

Re:A CACCIA ANCHE DOMANI

Condivido a pieno tutto quello che ha scritto il Signor Nino da Bari, però comprendo benissimo tutti quei tesserini non rinnovati per i parchi e zone vastissime dove non è più possibile praticare "solo" la caccia, le giornate fisse, carnieri ridicoli, zone zps dove puoi entrarci massimo due volte a settimana su tre, mesi sottratti per alcune specie cacciabili solo a marzo o da iniziare nella seconda quindicina di agosto, cosa vogliamo pretendere che i cacciatori rinnovino cosa? Ho visto litigare in due parti diverse cacciatori perchè non c'era posto dove appoggiare i piedi tenendosi distanti non più di 100 metri uno dall'altro, zona San Nicandro Garganico per essere specifico, ora voi che leggete ditemi il perchè ( a parte la forte passione per chi ancora sopporta )un cacciatore abituato ad un certo tipo di caccia OGGI dovrebbe ancora aver voglia di rinnovare? e perchè dovrebbe coinvolgere i figli a questo schifo? Personalmente ho pagato per andare la sola domenica a caccia, il mercoledì e sabato lavoro, potevo il giovedì ma grazie al Signor Stefano e Vendola sono limitato, forse l'anno prossimo meno uno, chissà..!!!

da Adamo - Foggia 17/10/2011 20.26

Re:A CACCIA ANCHE DOMANI

Quindi è colpa della società, che cambia in peggio, e quindi anche colpa nostra che non facciamo abbastanza per evitare che cambi in peggio. Un tempo nove su dieci andavano a caccia a due passi da casa. Arrivata l'automobile non ci sono più distanze. Prima si sparava una cartuccia solo se ne valeva la pena, oggi chi se ne frega, anche le cartucce al tungsteno, che costano più di un caffè, si sparano a prescindere dal risultato. Si protesta perchè non si va a caccia come prima, ma si fa finta di non sapere che il carniere medio di un cacciatore (in termini di massa di proteine ma anche in termini numerici) è più ricco di un tempo. Nel secondo dopoguerra, col boom economico, si è dato credito a uno sviluppo senza limiti della ricchezza, per tutto e per tutti, caccia compresa, oggi è sotto gli occhi di tutti che questo sogno è fallito. Si deve riprogrammare il futuro. Aldilà dei messaggi di sventura, ci salveremo - e la caccia con noi - solo se riusciremo a ripensare i nostri comportamenti. E quelli dei nostri figli. Ci dobbiamo riuscire.

da Enrico Turoni 17/10/2011 14.09

Re:A CACCIA ANCHE DOMANI

La colpa dell’attuale clima della caccia è dei cacciatori. La maggior parte dei padri non coinvolge i figli alla cultura rurale e al valore dell’ambiente. Il sabato e la domenica sono dedicati alla movida alle serate e quant’altro. Non esistono più le scampagnate in occasione delle pasquette. Adesso si va in agriturismo quando va bene, o ai ristoranti. Alcuni cacciatori che conosco poi, nelle discussioni sono pessimisti e qualunquisti, optano per altre attività (pesca o altro) perché non c’è più niente da cacciare, (dicono),o soprattutto criticano le sempre maggiori restrizioni in campo venatorio, per cui non vale più la pena adoperarsi più di tanto. In pratica fanno il gioco di chi vuole ridurre i cacciatori. In Puglia ogni anno i cacciatori che rinnovano diminuiscono di alcune centinaia. La parcomania ha fatto il resto, nei parchi in Puglia è vietata solo la caccia, poi si costruiscono capannoni industriali, ci sono cave, poligoni di tiro, si innalzano pale eoliche a sbafo, si può girovagare con le moto da cross per boschi, senza che nessuno controlli o protegga. Le famiglie e la scuola non si preoccupano se i giovani non sanno come viene prodotto un pollo ( non nel supermarket) o una ricotta, o da dove e da chi proviene la fettina di vitello, figuriamoci se si sognano di parlare di approccio alla caccia e al suo mondo, molto più nobile di quello che aspirano per i loro figli.

da nino da Bari 17/10/2011 11.49

Re:A CACCIA ANCHE DOMANI

Un' ottima riflessione; bisogna far emergere un racconto nuovo della caccia, altrimenti, come giustamente scrive l'autore, il problema "si risolve da sè". Prima di tempi, specie, modi di prelievo ecc., la caccia dovrebbe, tutta, impegnarsi a rendersi attrattiva nella società. Su questo terreno c'è un vuoto e un ritardo spaventoso. Colpa di gran parte del mondo venatorio e dei gruppi dirigenti che lo dirigono...ed anche, se proprio devo dire quel che penso fino in fondo, dei blog venatori, che su questo terreno, secondo me, hanno molto da "rimproverarsi", non avendo accettato la sfida per rilanciare e riqualificare la caccia, quanto semmai di aver assunto, magari inconsapevolmente, la semplice funzione di "megafoni" delle rivendicazioni più corporative della categoria ed avendo con ciò contribuito a divaricare la distanza tra il mondo venatorio e la società nel suo complesso.

da l.buccolini17@yahho.it 17/10/2011 11.31

Re:A CACCIA ANCHE DOMANI

Qualcuno dovrà cominciare, comunque. Perchè la caccia è troppo bella! E' inutile indignarsi, se poi non si fa niente. Ma l'avete visto quanti ristoranti e trattorie, anche famosi, hanno menù a base di selvaggina? Vuol dire che la cacciagione è apprezzata. facciamo girare il vento a nostro favore, cominciando a moltiplicare queste occasioni. Se hanno successo, come sembra, velocizzeranno il volano dell'economia e allora, se dai lavoro, se crei interessi concreti, qualcuno se ne accorgerà. E anche i giovani, che hanno bisogno di costrursi un futuro, capiranno che qui ci sono possibilità. Da qualche parte bisogna cominciare. proviamole tutte.

da Junior 17/10/2011 10.14

Re:A CACCIA ANCHE DOMANI

bello come intervento! ..peccato che la caccia è ormai prossima alla morte perchè è gestita da ottantenni a volte un pò rinco, che non vogliono mollare il loro piccolo potere e ritorno economico. Gli Atc come Novara non ti prendono se non hai più di 60 anni e quelli come il mio fanno lo sconto per gli altri ultra 70enni che sono iscritti all'ambito. Saluti da Milano.

da Matley00 17/10/2011 10.07