Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
A futura memoria per l'umanità di domaniIl futuro dipenderà da noiInsostenibili sarete voi!Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIL'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

Interpretazioni e commenti di nuova concezione


lunedì 16 novembre 2009
    
In cinofilia, tutto quello che c’era da scrivere è stato scritto, e tutto quello che c’era da fare è stato fatto. Le cose che noi possiamo dire, sono solo una furbesca ripetizione di quanto ci è stato tramandato, con l’aggiunta di qualche piccola modifica, e di qualche personale considerazione.

I nostri articoli, se vuoti di osservazioni e puntualizzazioni, non suscitano alcuna curiosità e non meritano di essere letti, perché non fanno altro che ripetere nozioni già ben note e conosciute. Mi sembra quindi almeno conveniente, fare un piccolo sforzo per cercare di capire i contenuti ed i concetti di quelle definizioni tanto precise che descrivono i caratteri etnici in funzione del lavoro.

Spero di riuscire ad esprimere con sufficiente chiarezza queste mie considerazioni che, frutto di una diversa interpretazione, hanno il solo scopo di confrontarsi con quelle convinzioni radicate ed ampiamente diffuse che, a mio giudizio, non entrano pienamente nel merito, ed in alcuni casi sono addirittura superficiali.

Giovanni Pastrone, regista cinematografico e cinotecnico di chiara fama, incaricato dal Congresso Cinologico di Parigi nel 1937 di commentare gli standard di setter e pointer, tratteggiò con profonda cognizione i comportamenti, le caratteristiche e gli atteggiamenti dei cani, nelle varie fasi del lavoro. Cultore intransigente dello stile, le sue descrizioni -che sono a mio avviso un patrimonio culturale di immenso valore per gli appassionati di queste razze- rivelano uno spiccato temperamento d’artista. Qualità che gli fu riconosciuta dai più illustri personaggi del tempo, quali Solaro e Colombo.

Mi sono sempre emozionato alla lettura di quelle sue note e, come un bambino che leggendo il romanzo preferito rivive con la fantasia le gesta dei suoi eroi, la suggestiva immagine di quel setter elegantissimo, flessuoso e felino che, con galoppo rapido e spigliato, scivola veloce attraversando un’ampia distesa di grano, non mi ha più abbandonato e non riesco ad ammirare un ideale spazio di campagna, senza che il miraggio della sua inconfondibile sagoma mi appaia. Pur sapendo che le indicazioni suggerite da questi testi sono state nella loro sostanza recepite, ed i criteri di giudizio a queste adeguati, è mia convinzione non siano state comprese le ragioni e le più sottili sfumature che, in sintonia con la psiche, favoriscono e impongono per una migliore funzione quelle manifestazioni di stile che non sono solo piacevoli a vedersi, ma utili e vantaggiose a conseguire il rendimento. Proverò ad entrare nei dettagli delle caratteristiche di lavoro del setter inglese, con considerazioni che non hanno la pretesa di mettere in discussione la giustezza degli standard, ma intendono darne una diversa chiave di lettura e sfatare alcune opinioni che a mio avviso si sono imposte più per tradizione e consuetudine, che per convincimento. I paragoni con il pointer, per rimarcarne le differenze, sono numerosi e riguardano morfologia,  temperamento, comportamenti e atteggiamenti, che in maniera particolarmente evidente, nell’andatura, in filata, nella ferma e in guidata, rimarcano decisamente lo stile di razza, e sono tali da essere individuati anche da un occhio inesperto.

Gli aggettivi spigliato, elegantissimo e rapido, con l’aggiunta di quel “non impetuoso”, sono appropriati e altamente descrittivi, da soli rendono molto bene l’immagine del galoppo setter, ma le successive argomentazioni, con l’analisi di forme, regioni e misure, non solo lo configurano, ma ne spiegano e giustificano scientificamente il suo comportamento nelle varie fasi del lavoro.

“A parità di lunghezza del tronco, si svolge secondo una linea più presso terra (rasente)”. Appare evidente che, caratteristica tipica e specifica dell’andatura, sia la radenza, condizione influenzata dalla psiche e imposta sotto il profilo meccanico dalla brevità dell’avambraccio, che è un dato di fatto inoppugnabile, mentre la maggior lunghezza del tronco in rapporto all’altezza al garrese, è solo consequenziale a questa particolarità che condiziona in maniera evidente, l’angolatura degli arti in stazione e in movimento. Perfino la sua maggior pieghevolezza che gli fa assecondare in souplesse anche le lievi ondulazioni del terreno, viene evidenziata da questa caratteristica tipicamente setter, che merita di essere analizzata in tutti i suoi aspetti e nei numerosi effetti.

Per meglio definire questo concetto, si ritorna al confronto con il pointer, già chiamato in causa per la sua riconosciuta maggior velocità. “L’omero del pointer, più corto per rispetto al radio, diminuisce le possibilità angolari, e forse la distanza di appoggio degli arti anteriori”. Nel setter, l’omero è più lungo dell’avambraccio, e l’articolazione tra queste due ossa avviene più vicino a terra. La sua lunghezza e inclinazione, arrivando -nel momento di massima estensione- a mettersi sull’asse della spalla, favorisce un’oscillazione più lunga dell’arto, ed una più lunga sgambata. Questa leggerissima differenza nella distanza di appoggio degli arti anteriori, il pointer la compensa ampiamente con una spinta più potente, che lo proietta più in alto ed in avanti.

“Il posteriore, poi, è costruito per la sgroppata poderosa, ed i due arti posteriori danno la spinta propulsiva in due tempi si, ma più serrati e si protendono maggiormente indietro.” Visti di profilo sono un po’ fuori di sé  avendo le dita dei piedi circa tre cm. dietro alla perpendicolare abbassata dalla punta della natica a terra.

“Nel setter inglese invece, i tempi sono più larghi, e gli arti posteriori lavorano più separatamente”; mentre la perpendicolare che si abbassa dalla punta della natica a terra, sfiora la punta delle dita, ed il posteriore lavora più sotto di sé, protendendosi meno all’indietro.
Queste note, a mio parere molto ben fatte, dovrebbero indicare e suggerire in modo inequivocabile, i criteri di giudizio da adottare. Sostanzialmente, sono entrate nello spirito degli appassionati, ed anche se alcune storture -diventate di uso corrente- sono impiegate impropriamente, la cosa non è grave, perché di norma il difetto viene rilevato, ma sarebbe meglio essere più chiari e precisi usando definizioni corrette, in sintonia con quanto riportato dagli standard.

È incomprensibile come si sia potuto equivocare un concetto tanto chiaro e importante nella valutazione dell’andatura. L’affermazione che nel setter i tempi sono più larghi, è riferita esclusivamente al posteriore, nel senso che gli arti posteriori sono meno simultanei nella battuta, infatti ribadisce che lavorano più separatamente, e forse questo contribuisce ad evidenziare la morbidezza del movimento. Nel pointer, invece, la spinta propulsiva avviene in due tempi si, ma più serrati, è quindi chiaro che si tratta di una questione riguardante esclusivamente la maggiore o minore contemporaneità di spinta degli arti posteriori. Dall’incomprensione che ritiene “i tempi più larghi” siano invece riferiti all’intervallo che passa dalla propulsione degli arti pelvici, all’appoggio dell’anteriore, è nata la convinzione che il setter inglese non debba essere rapido, e vengono addirittura penalizzati e bollati con questo aggettivo -che è invece qualificativo nella descrizione del galoppo- soggetti che, per costruzione inadeguata, hanno sgambata di ridotta ampiezza, non coprono terreno e, per sostenere velocità, il ritmo con cui si succedono i passi diventa frenetico e gli appoggi frequentissimi. Sono spesso causa di questi inconvenienti: collo corto, angolo scapolo-omerale troppo aperto, spalla e braccio corti… che sono difetti ben più gravi e vanno condannati con severità.

Per rimarcare questo preoccupante problema, vorrei ricordare che ha ben ragione l’amico Zurlini, quando afferma che la più semplicistica, diffusa e sbagliata schematizzazione sia pensare che gli arti pelvici provvedono alla spinta, la groppa a trasmetterla al tronco e gli arti anteriori “a prendere terreno”. Cita poi, in un lungo elenco, le altre regioni che concorrono alla propulsione, e conclude: per quel che concerne l’arto anteriore, a chi avesse a dubitare del suo rilevante contributo alla spinta, basterebbe, per convincersene, osservare come si muove arrancando un cane in salita.

Ho riportato questa autorevole opinione per far capire che più l’oscillazione dell’arto è lunga, e più ampia la sgambata, maggiore sarà il suo contributo alla spinta. Un galoppo allungato si regge più a lungo agile e sciolto mantenendo inalterate, la respirazione e l’ossigenazione, mentre con passo  raccorciato lo sforzo diventa eccessivo e ci si affatica presto, impoverendo anche le capacità dell’apparato respiratorio e di quello olfattivo. In queste condizioni, la bellezza dell’andatura setter è seriamente compromessa, e non può certamente apparirci spigliata, elegantissima e nemmeno di radente souplesse. “Rapido”, invece, oltre al suo importante significato, non solo non sminuisce il corredo delle altre qualità di galoppo, ma lo accresce di prestigio per il suo coefficiente di difficoltà. Un conto è dimostrare al rallentatore pieghevolezza, radenza e morbidezza, altro -e ben più difficile- farlo a giusta velocità, ed è qui che sta la massima tipicità del Laverack. A sostegno di questo concetto, trascrivo il seguente brano tratto da I Setters di Enrico Oddo:

“Invero nessun altro galoppatore come il setter inglese sa andar via rasente a terra morbido e rapido come se questa elastica andatura fosse già il preludio di una risalita d’emanazione”.

Merita inoltre una particolare attenzione la descrizione del portamento di coda, che oltre a rispecchiare reazioni ed emozioni, è l’espressione più evidente del carattere e della natura dei cani. Ad una lettura superficiale, può sembrare che lo standard non dia indicazioni corrette su questo punto. Proverò a citarne i passi più significativi ed a fare alcune riflessioni: “La coda è portata secondo il prolungamento della linea renale, con tendenza al basso (mai più alta) ben viva e nervosa, nei rettilinei a grande velocità, oscilla solo dall’alto in basso”.

Questo è il comportamento di base, sono poi elencate alcune circostanze, in cui ragioni concomitanti, ne alterano la compostezza: “la tendenza ad una maggior analisi -i facilissimi distacchi dai rettilinei, ove la coda frangiata gli è efficacissimo timone- i continui lievissimi rallentamenti con immediata ripresa dell’azione... Per queste ragioni, mentre nei grandi trialler si notano oscillazioni dall’alto in basso spesso combinate con moti trasversali che si traducono in rotazioni contenute, ritmiche con il galoppo, ora verso destra, ora verso sinistra, in dipendenza della rotazione del tempo di galoppo, i soggetti lenti, tenuto conto della loro natura, che chiara si rileva, battono allegramente la coda in cerca”.

Sono trascorsi settanta anni dal commento di queste caratteristiche, che erano corredo dei setter di quel tempo e ancora oggi sono presenti in gran parte dei soggetti impiegati assiduamente e a lungo, in caccia, tanto da essere gradite da molti cacciatori, che più il dimenio di coda è accentuato, più si eccitano convinti di essere in prossimità del selvatico. La rigida selezione operata su questo aspetto, l’esasperazione di una prestazione concentrata e condensata in brevissimo tempo, ha privilegiato nei soggetti da prova, quelli che costantemente la mantengono tesa ed immobile, non solo durante il galoppo, ma anche nel delicato momento dell’accertamento e della risoluzione d’emanazione.

In ultima analisi, vorrei soffermarmi sui comportamenti e gli atteggiamenti, che il Laverack assume a contatto d’emanazione, in base all’intensità dell’effluvio e alla distanza più o meno ravvicinata da cui proviene. Il temperamento cauto e sospettoso, fa sì che, trovandosi all’improvviso a ridosso di selvatico, per poca che sia l’erba, sparisca a terra come inghiottito per incanto, fermando in pose contratte, spasmodiche, rigidissime. Trovandosi in questa inconveniente emergenza, nel disperato tentativo di non far volare, senza per questo rinunciare al suo esuberante ardore, può scattare in ferma a terra, anche il pointer. Compiono entrambi la stessa azione, ma con la diversa modalità che la razza impone: il primo scivola, il secondo schianta; in entrambi i casi è un modo per rimediare ad una difficile circostanza (a mali estremi, estremi rimedi). “Quando invece entra in una zona lievemente impregnata  di effluvio, rimonta nel vento, seguendo l’emanazione il più direttamente possibile e se s’accorge della presenza del selvatico, rallenta e s’irrigidisce in ferma. È preferita in questo caso la ferma in piedi”.

Vorrei sottolineare che “ ferma in piedi”, non significa “ eretta”, ma che lo sterno non è appoggiato a terra, (o a pelle di leone, come qualcuno preferisce). A mio parere un setter che in ferma, anche con selvaggina a lunga distanza, sia completamente eretto, senza flessioni degli arti, non ha la giusta mentalità del Laverack. Non mi sembra corretto giustificarlo, perché considerata la lontananza del selvatico verrebbe a mancare la necessità di celarsi. Se così fosse, sarebbero a parer mio superflui, tutti quei comportamenti -come la marcata contrazione muscolare, scapole salienti, avanzare silenziosissimo, zampe trasformate in scorrevoli rotelle, pose da felino in caccia e gattonate striscianti- che sono manifestazioni di prudente personalità, e non avrebbero nessun significato d’esser messe in atto, se poi la ferma non dovesse rispecchiarle, con grande espressività.

Per maggiore chiarezza, vorrei richiamare l’attenzione dei lettori a quella straordinaria immagine della Caprice del Volo, che a mio parere rappresenta l’ideale. Alla ferma a terra prediligo sempre quella con posteriore molto flesso, anteriore più alto e leggermente inclinato. È una postura che lo presuppone più pronto alla guidata, mentre quella totalmente schiacciata, denota spesso un atteggiamento rinunciatario. A conferma di quanto suesposto, credo utile rileggere lo standard nella sua conclusione, che mi sembra molto bella ed appropriata:

“Quando il selvatico, al giungere del conduttore, tenta di allontanarsi pedonando, il setter inglese lo segue preoccupandosi di mai perdere il contatto, senza volontariamente abbandonarlo, per ritrovarlo nel vento, facendosi ora serpe ora pantera; allungandosi spesso inverosimilmente, sfoggiando le più svariate pose che l’orgasmo quasi voluttuoso del momento impone al suo corpo flessuoso e plastico”.
Mi sembra una descrizione fantastica, verrebbe da pensare che il merito sia tutto del setter, per la sua grande capacità ispiratrice, ma siccome anche quella del pointer è altrettanto straordinaria, credo proprio che dovremmo essere immensamente grati al suo raffinato autore, Giovanni Pastrone.

Ancora oggi mi commuovo alla lettura di questi brani, che configurano l’immagine meglio di un filmato, a volte la mente sa vedere meglio degli occhi.

“Si osservi che l’azione di gattonata è sempre tanto bassa e strisciante quanto più il setter ha timore d’essere visto dal selvatico (terreno scoperto). Quando, per contro, è assistito da buon vento decisamente favorevole, e da vegetazione sufficientemente sviluppata, allora tutto il lavoro è più alto a distanza, e meno sospettoso, e le ferme sono in piedi, con gli arti appena flessi.”

Senza nessuna pretesa di trarre conclusioni, lasciando ognuno libero di averne di proprie, e motivato dall’esclusivo desiderio di esprimere una personale opinione, mi sembra evidente che oltre alla straordinaria passione venatoria, il comportamento del setter in caccia e in prova, sia espressione di massima determinazione e intraprendenza, condizionate però da quella prudente ed accorta cautela, che in diversa misura, si manifesta comunque sempre durante la cerca, aumentando di intensità ed espressività, man mano che l’emanazione aumenta, fino a raggiungere il più alto significato in ferma ed ancor di più in guidata.

Ivo Geminiani

Leggi altri Editoriali

1 commenti finora...

Re:Interpretazioni e commenti di nuova concezione

queste sono le note che ci piacerebbe leggere più spesso su Big Hunter. Dobbiamo parlare di caccia, di cinotecnica, di cani. Come si faceva una volta. Gentiluomini che si confrontano sulla supremazia del ponter rispetto al setter, o viceversa, che elogiano le qualità dei continentali, che inneggiano al cane classico, disquisendo su ferme, guidate, velocità, olfatto. Macchè urlare, macchè imprecare con la politica. Torniamo alla caccia. Torniamo ai cani. Torniamo a riflettere sulle nostre qualità. Lasciamo perdere - almeno per un po' - le nostre miserie. Ci farebbe proprio bene.

da pasquino 17/11/2009 20.19