HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
L'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEO TROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA


lunedì 17 maggio 2010
    
Scienza coscienza culturaUn approccio serio ai temi della gestione che pure la 157 e le leggi regionali di recepimento hanno messo al centro, deve porsi alcuni interrogativi sul perché si faccia ancora oggi tanta fatica a procedere lungo quella strada, come peraltro evidenzia il singolare gioco al rialzo che ha caratterizzato e continua a trapelare da buona parte del dibattito sulle modifiche.

Chiedete ai veneti, gran propugnatori di liberalizzazioni, se in casa loro, sono state prodotte normative di accoglienza capaci di bilanciare le loro richieste in uscita..
 
Serve la crescita e la maturazione di un costume da accompagnare al disegno di un modello operativo; ma se si vuole evitare di rimanere inchiodati alle petizioni di principio, bisogna capire quali “vizi” capitali debbono essere rimossi.

La scienza. La consapevolezza del ruolo che scienza e tecnica debbono svolgere nel determinare gli orientamenti che presiedono al prelievo è una battaglia ancora da vincere. In Toscana, ad esempio, come ha mostrato anche la recente Conferenza sulla caccia, l'adozione di ricerche finalizzate ha messo a disposizione di chi è chiamato a scegliere una messe di dati ed informazioni forse ancora insufficiente, ma decisamente superiore al passato. Quello che interessa è che tutto questo indica una strada corretta, anche se non deve poi indurre a delegare ai tecnici le scelte di merito.

Insomma, è giusto chiedere risposte e sostegno alla scienza, ma non pensando di delegare ad essa scelte che spettano invece alla politica. La scienza inoltre, al di là di analisi e ricerche di grande scala per le quali ha bisogno comunque di dati e rilevazioni sul campo talvolta anche di dettaglio, il suo aiuto alla elaborazione e conduzione di equilibrate politiche gestionali può darlo solo se messa in condizione di relazionarsi con le situazioni reali e, per esse, con i soggetti, istituzionali e non, cui sono affidate responsabilità di programmazione e gestione. La scienza intesa come la bocca di un oracolo da interpellare aspettandosi risposte valide per tutti ed in ogni circostanza, credo sia una concezione invisa per primi agli scienziati. E' un principio generale che vale sino al livello più basso, fino al ruolo che si intende affidare ai tecnici negli ATC; la politica deve porre le domande che servono per dirimere questioni e problemi sul tappeto ed è in questo processo che si collocano i contributi della tecnica e della scienza.
 
Le risorse. In questo quadro la questione risorse è decisiva e costituisce anche una delle più importanti cartine di tornasole per la verifica della volontà politica sul settore.

La caccia è gestione ambientale, faunistica, venatoria con ricadute sulla realtà territoriale, sociale, produttiva; tale gestione è la traduzione operativa della programmazione e pianificazione definite dalle Istituzioni elettive che decidono le politiche del territorio; la competenza delle politiche del territorio è delle Regioni, e se vi sono incertezze nell’attribuzione, vanno risolte positivamente in tal senso.

Diamo per acquisito, anche se non sempre abbastanza sottolineato e perseguito, l’obiettivo di recuperare le tasse di concessione governativa sulla caccia: alla fine del 2000 infatti venne approvata in finanziaria una specifica misura dedicata alla tassa di concessione governativa per il porto d’armi ad uso caccia, che stabiliva di ristornare subito quote di questo cespite d’entrata, fmo a giungere, a regime nel 2005, a destinare alle Regioni il 50% delle somme riscosse.

Gli ultimi soldi riscossi, in Toscana, ma il problema ha dimensioni nazionali, portano la data del 2003: si tratta di 698.000 euro circa, dopodiché più niente.

Ma i ragionamenti attorno a questo tema debbono vederci andare più a fondo.
Per capitoli, degni ciascuno di occasioni di lavoro ed approfondimento.

L’ottimizzazione dell’uso delle risorse disponibili, integrando le attività di gestione dentro i piani di sviluppo, rurali e quant’altro. La Conferenza regionale sulla caccia ha destato in Toscana (e non solo) molte attese. Il Consiglio Regionale ha prodotto una buona legge frutto di convergenze bipartisan, cosa non secondaria, considerati i tempi che corrono.

ATC piccoli o grandi, quale mobilità e come, quanto pagare? Che il gatto sia nero o bianco, poco importa, basta che acchiappi i topi. Se l’obiettivo è una migliore gestione, certo sarà importante capire come reperire le risorse, come spenderle meglio spostando sugli interventi per il territorio il grosso del bilancio. Partirei da qui per capire se il modello emiliano ha qualcosa da insegnare a quello toscano o viceversa.
 
E’ dunque ora di cambiare. E' necessario che il confronto si svolga sui fatti e non sugli slogan; quando si dice che si vuole andare a caccia come in Europa, ad esempio, si trascura il dettaglio che nella maggior parte degli altri Paesi l’accesso ai fondi costa e non poco. Aggiungiamo al quadro i blog che rigurgitano di prese di posizione e richieste di luna nel pozzo, difficilmente riconducibili ad un percorso virtuoso fondato sulla gestione e vedrete che si torna al punto di partenza. Il commediografo latino Plauto diceva che “l’uomo è un lupo per l’uomo” (homo homini lupus) e rischia di comportarsi da lupo anche con la natura, fino a spogliarla ed esaurirne il capitale.

E’ decisamente l’ora di cambiare marcia e pensare ed affrontare il futuro usando al meglio  tutti gli strumenti. Non solo per la caccia, ovviamente. 
 
 Si diceva che, in questi ultimi tempi, tiene banco sui blog, sui siti e nelle pagine di qualche testata di settore, la ricorrente richiesta di mettere al passo la caccia del nostro Belpaese con quella Europea.
Non sempre chi alza la voce per reclamare l’omologazione del sistema italiano a quello delle altre nazioni parla con sufficiente cognizione di causa.

Non è questa la sede per un esame di dettaglio dei diversi modelli, ma una considerazione di fondo la dobbiamo fare; c’è, nella maggior parte dei modelli evocati, un dato che afferisce al differente status della fauna: in Italia, patrimonio indisponibile dello Stato, è data in concessione secondo precise modalità; altrove appartiene ai proprietari dei fondi o, in altri casi, è res nullius.

In termini più semplici: un cervo od un capriolo, od un cinghiale (altri esempi sono meno eclatanti ma pur sempre significativi), in Europa possono costare migliaia di euro; al contrario, qualche centinaio di euro, equivalenti al costo della tassa di concessione governativa, tassa regionale e iscrizione ad un Atc, in Italia.

Modelli diversi, con tempi, specie ed ampiezza di carnieri in calendario differenti, in cui la tasca ed il portafoglio svolgono, in molti dei casi a cui ci si vorrebbe omologare, il ruolo centrale.
 
Qual è e quale dovrebbe essere il nostro modello di riferimento?

Nessuna idea deve essere criminalizzata a priori, ma il dibattito deve partire da presupposti di grande chiarezza, se lo si vuole produttivo e capace di traghettare la caccia nel terzo millennio..

A fronte dei compiti enormi che ricadranno sui cacciatori, occorre rimodellare l’Associazione, meglio, l’associazionismo magari tornando agli anni 50/60 quando l’associazione, allora unica, si dedicava anima e corpo alla,gestione: zone di ripopolamento e cattura, una per ogni campanile, catture e immissioni, controllo dei predatori... Tutte cose che erano nel nostro DNA prima che subentrasse la concorrenza sfrenata tra associazioni venatorie e prendesse campo la politica con il trasferimento dei compiti alle Province (ATC).

Abbiamo perso queste buone abitudini ed è sbocciata la rivendicazione sindacale anche al nostro interno tra specifiche forme di caccia. Non voglio apparire superficiali perché molte e ben altre sono le ragioni concorrenti.

Però gradualmente sono cresciute le difficoltà di convivenza dei cacciatori con il Paese, molto più che nel resto d’Europa.

Vedo non sufficientemente appoggiata, sorretta, spinta da tutta l’associazionismo l’azione delle nostre delegazioni negli ATC; comunque appare più un rapporto di delega che non di comune elaborazione tra gruppo dirigente delle associazioni e dei nostri rappresentanti in quelle strutture. La burocrazia ha preso la mano e occupato il posto della concertazione. Certe volte appare come una anonima presa di distanza dal lavoro degli ATC, più preoccupati da eventuali conseguenze critiche che incidano sul tesseramento. Si potrebbe discutere e dissertare a lungo sul deficit di democraticità di una siffatta posizione.

Occorre invertire questa tendenza, sapendo che alla lunga la capacità di porsi in un ruolo propositivo pagherà; non pagherà per certo il persistere generale di questo comportamento che, salvo lodevoli eccezioni, è sin troppo diffuso.

Campi di lavoro prioritari sono:

  • funzionamento ZRC. Solo lepri e fagiani, obbligatorie le catture.
  • rispetto della legge per la gestione delle AFV e ATV. ‘
  • uniformità economica e normativa per la caccia di selezione. Controlli e censimenti obbligatori.
  • regolamentazione caccia al cinghiale rigidamente tesa a mantenere equilibrio, biodiversità e contenimento danni.
  • ZRC —ZRV: è necessario affrontare il tema della localizzazione e delle modalità per tenere fuori le specie antagoniste.

Ci riusciremo?

Romeo Romei

 

 

Leggi altri Editoriali

13 commenti finora...

Re:SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA

Se e quando riusciremo ad avere una sola associazione, fatta da cacciatori per i cacciatori, libera da ogni altro vincolo, allora si potrà combiare qualcosa a nostro favore e non mi riferisco solo ad allungare qualche decade, come preme tanto agli sparatori.

da martino.f 31/05/2010 11.43

Re:SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA

x martino. Alla fine quello che dici è il senso dell'editoriale. I problemi sono molti e sono disomogenei rispetto ad ognuno di noi, che vorremmo cambiare solo quello che non ci garba. Ma così, come stanno andando le cose, siamo troppo esposti al cambiar del vento. L'unione fa la forza, facile da dire più difficile da fare.

da Fromboliere 21/05/2010 10.09

Re:SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA

Purtroppo questa è la nuda a cruda realtà, tanti di noi sono disposti a spendere un sacco di soldi per poter portare a casa qualche preda e perfino a fare a botte, se non peggio, per contendersi una zona di caccia o una preda abbattuta e poi non sono capaci di muovere un dito per migliorare le cose anche a proprio favore. Sui modi sono daccordo con Fromboliere, ma sull'unità di intendi nutro i miei dubbi.

da martino.f 21/05/2010 9.31

Re:SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA

divagazioni retoriche: è arrivato il momento per i cacciatori di abbandonare la retorica, per quanto sana e di capire quali sono i problemi, come risolverli, ma sopratutto CHI li potrà risolvere. L'unità è il primo traguardo, un'unica unità è la risorsa dalla quale ripartire.

da Fromboliere 20/05/2010 10.52

Re:SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA

Tutte buone idee, ma io penso che la colpa è soprattutto dei cacciatori, che per piccoli interessi personali o semplicemente per pigrizia, non fanno niente per cambiare le cose, lasciano decidere gli altri e poi si lamentano e se la prendono con la politica, le associazioni e gli enti preposti. Prima di lanciare accuse ed anatemi, facciamoci un esame di coscienza.

da martino.f 20/05/2010 10.43

Re:SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA

a livello locale sarebbe più facile ottenere maggiore coesione. Basterebbe che gli assessori regionali o provinciali alla caccia pretendessero che i le associazioni venatorie fossero rappresentate da un unica voce. E' tanto difficile? Proviamo a sollecitarli su questo impegno

da ghigo 18/05/2010 16.48

Re:SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA

Caserta: la cultura venatoria a Ruralia... C'è un politico che sia disposto ad andarci? gli verrà consegnata la tessera di tutte le AAVV partecipanti

da Fromboliere 18/05/2010 11.57

Re:SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA

Mi permetto di porre all'attenzione un modello efficiente, tratto da news del sito: "Ecco come la caccia può concretamente operare in favore della biodiversità. L'Atc Lucca 12 ha messo in cantiere un'importante opera di recupero di alcune zone umide di interesse faunistico e venatorio per renderle più adatte alla sosta e all'attività trofica della fauna acquatica e al tempo stesso tutelare le tradizioni venatorie locali. E' quanto prevede il progetto di Alfonso Lenzoni, delegato provinciale di Acma Fidc, in collaborazione con le associazioni venatorie provinciali. Dai risultati della prima fase di pianificazione, curata dal professor N. Emilio Baldaccini, ordinario di Etologia all'Università di Pisa, dal dr. Lorenzo Vanni e dall’ing. Alfonso Lenzoni, emerge la priorità di creare habitat, differenziati per morfologia, vegetazione, colture e profondità delle acque, in grado di costituire ambienti naturali particolarmente idonei a numerose specie di uccelli, aperti ad una gestione programmata della caccia e ad iniziative didattico-naturalistiche. Si tratta quindi di recuperare terreni agricoli di non particolare pregio nel comprensorio di Massaciuccoli e nell'area del Lago di Bientina (con la loro trasformazione in aree stabilmente allegate). Miglioramenti sono previsti anche nelle aree di pre parco nel padule di Massaciuccoli (corretta gestione del canneto, piantumazione di idrofite e colture a perdere)."

da Fromboliere 18/05/2010 10.45

Re:SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA

"occorre rimodellare l’Associazione, meglio, l’associazionismo magari tornando agli anni 50/60 quando l’associazione, allora unica, si dedicava anima e corpo alla,gestione: zone di ripopolamento e cattura, una per ogni campanile, catture e immissioni, controllo dei predatori... Tutte cose che erano nel nostro DNA prima che subentrasse la concorrenza sfrenata tra associazioni venatorie e prendesse campo la politica con il trasferimento dei compiti alle Province (ATC)." Sacrosanto, dove mette piede la politica, non cresce più l'erba, ma oggi se vuoi riveder crescere qualcosa ti devi anche battere contro i ricorsi al tar, nelle giunte ti devi battere contro animalisti irriducibili, volta gabbana di partito che portano ad accordi che hanno sulla caccia l'effetto di un sedativo.

da Fromboliere 18/05/2010 9.45

Re:SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA

Amici, secondo voi, esiste il carrierismo associativo? Sia nelle AV che in quelle animaliste?

da Fromboliere 17/05/2010 19.00

Re:SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA

problemi nuovi, ma anche vecchi. irrisolto, anzi aggravato, per responsabilità diffuse, quello della mogratoria. E' possibile che non si trovi una sintesi per rendere meno burocratica possibile la cosiddetta mobilità? E' possibile che si continui ad essere accusati di responsabilità, come la eventuale (ma scarsamente valida)consistenza delle popolazioni ornitiche, quando più di un terzo del territorio è area protetta? Come mai nessuno dei nostri sostenitori fa propria con forza questa chiarissima verità? Forse perchè sperano ancora di recuperare alla caccia alla migratoria quei territori? Illusi.

da vanello 17/05/2010 12.03

Re:SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA

Sig. Romei, lei ha fatto un’analisi competente, un quadro che raramente capita di poter apprezzare. Le sue proposte sono ancor di più condivisibili e realistiche. Lei rinuncia, e con spirito di pacificazione e perché del suo editoriale non ne ha fatto la sede più adatta, ad essere critico, lo è appena velatamente. Nelle tante realtà da lei illustrate i sani meccanismi, localmente, non sempre funzionano, diciamo pure che è colpa di tutti, tanto per evitar di fare distinzioni viziose, ma questa considerazione non è sufficiente a sistemare le cose. Assumere un modello vincente, qualsiasi possa essere tra quelli esaminati, per renderlo nazionale, anche se debitamente adattato a realtà geograficamente diverse, a me, pare, giorno dopo giorno, sempre più utopico ed irragiungibile, se prima la caccia non riconquisterà l’immagine che merita, tornando ad avere il suo peso ’sociale’. Se esiste un processo simile, esso viene giorno dopo giorno, guastato, avvelenato e proprio dalla politica ondivaga, non solo statale, anche associativa Ed ecco quindi che il cane si morde la coda. Io penso che la causa abbia bisogno di persone come lei e mi auguro che lei ricopra, o possa ricoprire e quanto prima, un ruolo attuativo e decisionale nel programma che propone. Con stima la saluto.

da Fromboliere 17/05/2010 11.01

Re:SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA

Ci riusciremo? Con la politica NO

da Fromboliere 17/05/2010 9.53