Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIL'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

MIGRATORI D'EUROPA


lunedì 28 luglio 2014
    

Ho ritrovato un interessante opuscoletto sulla Caccia in Europa, ricco di dati raccolti quattro-cinque anni fa da Federico Merli. Me lo sono riletto. Molto interessante. Fa grossomodo il punto della caccia nei vari paesi della UE, e insieme ai dati, molti, anche se a volte frammentari, incompleti, per mancanza di fonti oggettive, propone qualche considerazione, più o meno condivisibile. Sicuramente qualcosa nel frattempo sarà cambiato, ma le informazioni e le riflessioni che se ne possono trarre danno secondo me un'idea abbastanza chiara di come stanno le cose.

Volere o volare, facendo i raffronti, non si può negare che rispetto ad altri paesi europei, i nostri cacciatori risultano oggettivamente penalizzati. Soprattutto se si valutano gli indici demografici e territoriali, ovvero il rapporto fra il numero dei cacciatori, la popolazione, e la superficie agricola a disposizione. Sulla base di questi parametri, il paese che ha  più cacciatori in assoluto è l'Irlanda, con un indice dell'8,3% di cacciatori rispetto alla popolazione e 20 ettari a disposizione per ognuno.

In proporzione, in Italia la caccia  non la pratica nessuno (indice 1,2% della popolazione con 42 ettari a testa). In ottima posizione, invece, dopo Finlandia (5,9%) e Cipro (5,6%), si classificano nell'ordine Malta (3,8% con - pensate - 2 ettari a testa), Svezia, Grecia, Spagna, Portogallo, Francia.

La quale Francia, ricordiamolo ancora una volta, surclassa tutti in fatto di specie cacciabili (86, mentre in Italia sono 50, con 48 specie di migratori: in Italia ce ne consentono 25, in qualche regione anche meno). In fatto di calendari, spicca il periodo consentito nei diversi paesi d'Europa per la caccia alla beccaccia. Che in Cecoslovacchia chiude alla fine di febbraio, come in Grecia e Romania, mentre in Francia Portogallo e Cipro si prolunga comunque fino al 20.

Per i tordi, ancora, fra i sette paesi che ne prevedono la caccia, ben sette chiudono oltre i 31 gennaio, prima e seconda decade, con Grecia e Spagna che in alcune regioni ne prolungano l'attività venatoria fino al 28 febbraio. Curiosi i periodi segnalati dai dati dei Key Concept (migrazione prenuziale e periodo di riproduzione), che stranamente non rispettano nè latitudini nè fasce climatiche.

Analizzandoli, quelli del tordo, sembrerebbe infatti che l'Italia (con quaranta giorni di differenza, in anticipo ovviamente, rispetto alla media) fosse molto più a sud dell'Africa equatoriale, mentre Grecia, Cipro, Romania, appaiano più a nord di Belgio, Germania, Danimarca. E Italia, ovviamente. Ridicolo. E poi dicono che quella praticata dall'Ispra è una scienza  esatta. A meno che non sia colpa di una frenetica attività delle macchie solari - ormai quando qualcosa non torna si chiama in causa questo tumultuoso fenomeno - è molto più probabile che il sole, o la luna, incidano sulle sinapsi cerebrali di certi cosiddetti scienziati. Idem per le anatre selvatiche.

Anomalie che poi contribuiscono ovviamente a rendere ancora più penalizzata la la caccia italiana.  Spicca per esempio la felice condizione dei francesi rispetto al colombaccio (ma anche nel Regno Unito non se la passano male), alle anatre e alla beccaccia, ma soprattutto ai turdidi.

Argomento d'attualità quello dei richiami vivi e del loro uso.  Specialmente in queste agitate giornate parlamentari, che segnano un grande spreco di energie e di tempo, per consentire le vergognose sceneggiate degli animalisti, con una campagna montata ad arte da una lobby, dietro la quale sembra nascondersi ancora un noto ministro dell'ambiente, sconfessato dalla storia, a cui evidentemente risponde ancora qualche suo devoto portaborse.

Per la caccia agli acquatici, per esempio, consultando l'opuscoletto di Merli, non c'è pressochè paese europeo che non li preveda, i richiami.  Anche selvatici, anche di cattura, anche con reti. Tant'è vero che al Parlamento Europeo è stato sventato un attacco, sferrato dai verdi (con Bouvet capofila. Ma i cacciatori francesi, da quanto abbiamo letto, l'aspettano a casa).

Pericolo momentaaneamente passato, sembra, sia a Bruxelles sia in Italia. E quindi,  i turdidi sono tuttora cacciabili con l'uso dei richiami vivi in Italia Spagna Francia e Malta; le oche in Francia, la pavoncella in Francia e Italia, come l'allodola. A Malta anche i fringillidi, e ancora per anni, malgrado lo stupefatto stupore - immagino io - dell'Ispra e di quei sicofanti tardoburocrati della commissione UE e del nostro ministero dell'ambiente.  In alcuni paesi è consentita tuttora la caccia con le reti (colombacci, allodole, turdidi e fringillidi). Per gli ortolani, in Francia, si consentono ancora le "schiacce".

Ma allora, visto che  malgrado tutto siamo ancora tutti europei, perchè tante differenziazioni? La diversa latitudine, ovviamente, incide. Ognuno ha difeso e difende le sue perogrative, che al circolo polare sono diverse che nel Mediterraneo. Tuttavia, mentre al nord se la sono cavata alla grande, dalle nostre parti c'è chi sta bene (Francia, Spagna, Grecia, Malta) e chi sta male. Noi, soprattutto.

Perchè allora proprio noi? Sicuramente perchè quaggiù certi  peccati sul fronte ambientale (oggi sotto gli occhi di tutti, perchè, ahinoi, molto diffusi) hanno costretto i diversi governi (anche attraverso ben orchestrate campagne di stampa) ad accentuare l'attenzione nei confronti dell'anello debole della catena, la caccia, ovvero, e quegli assassini dei cacciatori italiani.

In più, il regime normativo italiano riguardo alla proprietà della selvaggina, in termini relativi e assoluti, ha fatto il resto. Con l'aiuto, anche qui, di questi venditori di fumo e di (eco)balle, sollecitati dietro le quinte, calorosamente, da certi cosiddetti stakeholders, che valutano nella caccia e soprattutto nella selvaggina una fonte aggiuntiva di reddito, di certo non indifferente, visto che abbiamo un patrimonio faunistico che farebbe invidia anche a Filippo d'Inghilterra, noto e apprezzato cacciatore. Infatti, mentre come in qualsiasi parte del mondo, e anche in Francia, che è la madre di tutte le libertà - lo ricorda anche Merli, "Nessuno ha il diritto di cacciare sulla proprietà altrui senza il consenso del proprietario o dei suoi aventi diritto" - da noi la selvaggina è "proprietà indisponibile dello Stato", ovvero, di tutti e di nessuno. Con tutto quello che ne consegue.

E su questo, c'è da scommetterci, visto che sembra gli sia andata male anche questa volta, a questi servi dei di sopra citati stakeholders, si consumeranno i prossimi mesi e i prossimi anni. Con ulteriori polemiche, conflitti, e .... per  dirla con la chiarissima allocuzione adoperata venerdì da un senatore nel corso del dibattito in aula sul decretro 91, .... tante rotture di scatole ai poveri cacciatori italiani.

Ma noi terremo duro. Ci potete giurare.

Renzo Albrici

Leggi altri Editoriali

40 commenti finora...

Re:MIGRATORI D'EUROPA

"...sanzionare pesantemente...".... Fare che?? A Gennarì, ma se questo è il sistema ove più si è furbi e/o delinquenti e meglio si campa!!! Piuttosto gli onesti e le persone per bene devono stare sempre attenti!! Dai su....

da Ezio 02/08/2014 10.01

Re:MIGRATORI D'EUROPA

Chi sa!!! forse se ne trarrà profitto. La concorrenza è stata da sempre l'anima del commercio. Basta sanzionare pesantemente chi fa cartello e si caccia la dove la gestione è più seria e offre più opportunità. Investire ancora denaro,tempo,sudore sui fallimentari Atc, i loro falliti gestori, e le fallite varie aaw oltre ad essere degli irresponsabili e anche da coyotes. Chi si arricca sono quelli che hanno la mani in pasta gli altri, la base, se la prende come sempre riccamente in c@@@. Qundo la base capirà quanto, forse ci sarà un futuro per la caccia.

da Gennarino 02/08/2014 7.03

Re:MIGRATORI D'EUROPA

Abolire l'art 842 significa consegnare proprietà e destino della fauna selvatica al proprietario dei fondi ivi inclusa la possibilità di farsi giustizia x evitare o contenere i danni, sopratutto venendo meno i mattoni della gestione faunistico venatoria ossia le Province. .. e una cosa del genere non credo verrà mai accettata dai moderni animalisti! Quindi non abbocchiamo x qualche coyote che ulula alla luna tipo il Fulco nazionale et similia!

da massimo marracci 01/08/2014 19.16

Re:MIGRATORI D'EUROPA

Noto che a volte alcuni, molti o pochi non so, invece di impegnarsi con tutte le forze per far si che funzioni al meglio ciò che hanno, sognano tempi passati o come sarebbe bello se fosse così o cosà. Nel caso specifico faccio riferimento a chi vede nell'abolizione dellart 842 come la soluzione di tutti i problemi. Ebbene dal mio modesto punto di vista in astratto se accadesse potrebbe anche essere un fatto se non positivo neppure negativo. Molte potrebbero essere le soluzioni per continuare ad andare a caccia, una quelle delle riserve comunali o di più comuni, ed ovviamente la prima quella di pensare a far felici i contadini di vederci con il fucile sulle loro spalle sui loro territori a cacciare la loro selvaggina. Remunerandoli quanto più profumatamente possibile! E se riusciremo a renderli veramente tanto felici magari riusciranno a farci sorridere anche un pochetto a noi. Ma al di la di questo, ciò che invece mi preoccupa parecchio non è tanto, come ho già scritto, l'avvento di tale nuova normativa ma piuttosto come sarà applicata una legge del genere in ....ITALIA! E soprattutto in QUESTA ITALIA!!!!

da Ezio 01/08/2014 17.14

Re:MIGRATORI D'EUROPA

caro nostalgico, a firenze si dice: chi vive sperando (o sognando) muore a montecatini (cioè cacandosi nelle mutande). il mondo è cambiato, te ne sei accorto o fai il grullo? la caccia in italia, se vogliamo tutelare anche le nostre tradizioni, deve funzionare come funziona in quelle parti del mondo dove funziona. primo problema il territorio (quanto ti sei battuto te, per difenderlo?), secondo la proprietà della selvaggina. a casa mia mi insegnavano che quando qualcosa è di tutti, è come se fosse di nessuno, e questo andazzo tipicamente italiano è oggi sotto gli occhi di tutti. se non stiamo attenti ci stanno per rubare anche le mutande. tanto per tornare al motto di montecatini

da termeliberepertutti 01/08/2014 16.55

Re:MIGRATORI D'EUROPA

I nostri peggiori nemici sono le paure e le diffidenze di alcuni nostri dirigenti venatori!!!!! Siate attenti!!!! Sempre!!!!Combattete all'interno delle vostre AV affinchè certe inutili masturbazioni mentali vengano relegate definitivamente al passato!!!

da Ezio 01/08/2014 12.08

Re:MIGRATORI D'EUROPA

Caro MAX, sono quasi 50 le mie licenze. Pensa si cacciava anche nel mese di maggio. I tesserini erano tabù. C'era un calendario che indicava l'inizio e la fine, non esistevano silenzi venatori. Si girava in tutta Italia, rispettando le leggi. Allora, nelle Marche, esistevano delle Oasi di ripopolamento e cattura che davano selvaggina vera che si riproducevano in abbondanza.Oggi ci sono gli ATC, sono la rovina della caccia, non servono assolutamente a niente soltanto a fare divisioni è un magna magna. Purtroppo sono rimasti soltanto ricordi e mi piacerebbe molto poter tornare, quasi, come una volta. Purtroppo quando in qualsiasi posto entra la POLITICA tutto finisce, le Associazioni devono stare ai loro ordini. Però leggendo quà e là qualche politico si è espresso a favore. Hai visto mai...........Comunque io fino a che ce la faccio andrò sempre a caccia con i miei cani. Ciao.

da NANNI 30/07/2014 19.48

Re:MIGRATORI D'EUROPA

scusate Nanni e Nostalgico,ma da quanto tempo avete il porto d'armi....si perché qualche anno addietro,primo i calendari non erano uniformi ma ogni provincia ne emanava uno.secondo,se ero di una regione e volevo andare in un altra,dovevo fare il tesserino.la rovina della caccia Italiana,oltre alle aavv che non sono altro come il sindacato al servizio del padrone,è l'art 842 del c.c.se in Italia la caccia fosse svolta come in tutti gli altri paesi,questa miriade di problemi non li avremmo,a cominciare dal territorio cacciabile.

da max 60 30/07/2014 16.10

Re:MIGRATORI D'EUROPA

fasciocomunisti voleva essere una battuta. Comunque il tempo passato non tornerà più: o ci adeguiamo ai nuovi contesti o i cacciatori faranno la fine dei dinosauri (siamo già sulla buona strada!)

da vecchio cedro 30/07/2014 16.02

Re:MIGRATORI D'EUROPA

BRAVO NOSTALGICO, ANCHE IO LA PENSO COME TE. LA CACCIA DEVE RITORNARE LIBERA IN TUTTO PER TUTTO. VIA GLI ATC, E' LA PIU' GROSSA CAZZATA CHE SI E' FATTA. CALENDARIO UNICO IN TUTTA ITALIA. COME HAI VECCHI TEMPI DOVE LE COSE FUNZIONAVANO VERAMENTE.

da NANNI 30/07/2014 13.44

Re:MIGRATORI D'EUROPA

Si era a conoscenza di un tavolo di lavoro al quale partecipavano le Associazioni venatorie, I Ministeri delle Politiche Agricole e dell'Ambiente e l'Ispra, le attività dei componenti avrebbe dovuto porre una verifica di attendibilità sui risultati dei key concept italiani e sulle modalità e gli studi che ne hanno permesso la realizzazione ed eventualmente aggiornarne le attuali conclusioni. Qualcuno è a conoscenza delle fasi dei lavori allo stato attuale ? A Renzo Albrici il riconoscimento di un'analisi moderata e soprattutto puntuale.

da Geppo70 30/07/2014 8.33

Re:MIGRATORI D'EUROPA

Si era a conoscenza di un tavolo di lavoro al quale partecipavano le Associazioni venatorie, I Ministeri delle Politiche Agricole e dell'Ambiente e l'Ispra, le attività dei componenti avrebbe dovuto porre una verifica di attendibilità sui risultati dei key concept italiani e sulle modalità e gli studi che ne hanno permesso la realizzazione ed eventualmente aggiornarne le attuali conclusioni. Qualcuno è a conoscenza delle fasi dei lavori allo stato attuale ? A Renzo Albrici il riconoscimento di un'analisi moderata e soprattutto puntuale.

da Geppo70 30/07/2014 8.33

Re:MIGRATORI D'EUROPA

Italia,fiore all'occhiello Europeo per quanto riguarda canari,gattari e limitazioni alla caccia.per il resto,quello che facciamo dalla tazza del cesso è cioccolata.

da max 60 29/07/2014 17.35

Re:MIGRATORI D'EUROPA

ma .....esistono ancora i fascisti e comunisti?? magari qualche fascista, ma comunisti più andati, ora il pd è la nuova dc, e poi basta con questo classificare, siamo cacciatori punto e basta! magari ci fosse un credo genuino come tempi andati, ma.......

da dardo 29/07/2014 16.31

Re:MIGRATORI D'EUROPA

Caro vecchio cedro per me essere definito fascista o comunista e' un vanto e un onore dato che erano ideologie magari sbagliate ma genuine che non prendevano ordini dalle multinazionali che ci hanno ridotto in queste condizioni. Io stavo benissimo quando in URSS c'era BREZNEV in Spagna Franco in Cile Pinochet e in Italia Andreotti. Oggi io, e con me il 99% degli italiani, sto infinitamente peggio. Tienitelo te il liberismo e questa economia di rapina. W l'art. 842 e la caccia libera e gratuita.

da Nostalgico concreto 29/07/2014 15.06

Re:MIGRATORI D'EUROPA

Tornando a bomba, abolire l'842: dove si è mai vista la caccia libera e gratuita? Fasciocomunisti!

da vecchio cedro 29/07/2014 14.48

Re:MIGRATORI D'EUROPA

mamma mia sentendoti mi sembra di essere davanti ad uno specchio, mi leggi nel pensiero? come molti sono stufo di queste tiritere si deve svoltare l'angolo e sono daccordissimo, ma credimi non c'è piombo che possa sotterrare le infamie che hanno fatto e bada bene faranno questi adoratori del danaro, si dovrebbe prendere politico per politico e metterli a vivere con milleduecento euro al mese senza i loro benefit, e vedere poi che tipo di leggi farebbero sti impuniti....altro che uccellino, tre colpi, divieto di richiami, avrebbero ben altro a cui pensare, ......

da dardo 29/07/2014 14.07

Re:MIGRATORI D'EUROPA

Dardo se l'economia continua così il prossimo sarà l'ultimo autunno del vecchio sistema. Ti consiglio di lubrificare i fucili e fare una discreta scorta di cartucce a pallettoni perché temo che a breve finiremo come in Libia. I tiranni saranno eliminati a schioppettate e dopo un periodo difficile tornerà la speranza. Altro che Renzi e Grillo.

da Nostalgico concreto 29/07/2014 13.57

Re:MIGRATORI D'EUROPA

x Nostalgico concreto, sei un sognatore come chi ti scrive, mi piacerebbe pure a me quanto da te scritto, ma credo non sia possibile, prima di tutto perchè siamo governati dalle banche, e la signora germanica sa benissimo che se Renzi minacciasse di uscire dall'europa cadrebbe anch'ella nella cacca, poi tornare alla lira....beh dopo un primo collasso di un paio di anni si avrebbe più esportazione della cina, ma...le materie prime quanto costerebbero, petrolio, energia ecc..ecc.. beh tutto sommato ci starei, ma il sistema che è in italia, europa, tutto il mondo, non lo permetterebbe, perchè è vero che ci sono votazioni e politici che credono di governare, ma dietro di loro c'è un sistema creato da persone che neppure vediamo..ma hanno i fili in mano e gestiscono tutto e più di tutto, credo sia sotto gli occhi di tutti , o no!

da dardo 29/07/2014 12.56

Re:MIGRATORI D'EUROPA

Greg io sono per la caccia gratuita e per libera caccia in libero territorio, no atc, migratoria libera in tutta Italia, via tesserino e via martedì e venerdì di silenzio venatorio....apertura 18/8 e chiusura 31/3...ah, dimenticavo, via l'Italia dalla UE, ritorno alla lira.

da Nostalgico concreto 29/07/2014 11.46

Re:MIGRATORI D'EUROPA

Paolò, voi troppo, e dai??!!

da JK6 29/07/2014 11.41

Re:MIGRATORI D'EUROPA

Il quadrumvirato venatorio oltre all'assicurazione unica ha mai provato a impugnare i KC italiani rifacendosi a quelli europei e sbattere i pugni a Bruxelles per farli accettare o sono felicemente sposati e ostaggi dell'ispra portatrice di pantaloni con relativi attributi?

da Paolone 29/07/2014 11.15

Re:MIGRATORI D'EUROPA

Il cacciatore indipendente dice, si capisce dove vuole andare a parare, non lancia provocazioni e lascia agli addetti ai lavori il compito di operare al meglio constatato che, si sono scelti l'onere di farlo.Quello che sconcerta, scandalizza inquieta, è lo scarica barile tra ispra,842,157, 394, politica, burocrazia, agricoltura, cementificazione, inquinamento industriale, ecc. mai che si senta qualche pezzo grasso delle ass. ven che recita il mia culpa ed arrossire per come è stata impostata, portata avanti e si continua a portare ancora avanti,la caccia in questo paese.

da Cacciatore indipendente 29/07/2014 10.55

Re:MIGRATORI D'EUROPA

il cacciatore indipendente dice e non dice, poco si capisce di dove vuole andare a parare, anche perchè lancia provocazioni ma non suggerisce soluzioni. sui dati scientifici a disposizione, in Italia, dove vige la legge del diritto e del rovescio, se ne potrebbero dire un'infinità, anche di fregnacce. però la questione non sta lì, ma nei meandri della burocrazia dove chi ha il potere di firma (vedi l'Ispra) si rifugia dietro cavilli per dimostrare quello che ha già deciso di dimostrare, prima ancora di operare un'analisi. a bruxelles, poi, non ci aiutano, perchè anche lassù ci riempiono di scartoffie da riempire, non sapendo che con quelle invitano a nozze i nostri burocrati. l'842, volere o volare, è da sempre il nostro cruccio (e il nostro vanto). siamo cresciuti negli ultimi cinquant'anni col mito della caccia GRATUITA, questo grazie soprattutto all'arcicaccia, che per decenni ha contestato i padroni. in questa operazione populista ci si sono applicati altrettanto anche le altre associazioni, visto che il concetto di...libera caccia in libero territorio l'hanno sposato un po' tutti, anche se per ragioni diverse. i bei tempi andati sono andati, l'abbondanza della selvaggina, soprattutto migratoria, dipende dall'ambiente. domanda: ma tutti voi che girate per le campagne e siete buoni osservatori della natura, ma non vi siete accorti che le pratiche agricole, le condizioni del territorio sono profondamente cambiate? anche ai miei tempi si cacciava di tutto e di più, lodole in abbondanza, ma indulgere ai peana retorici ("come si stava bene quando si stava male"::) non ha senso. e soprattutto è tempo perso.

da greg 29/07/2014 8.40

Re:MIGRATORI D'EUROPA

Quando si ha una cattiva reputazione e molto difficile riacquistare credibilità soprattutto se si continua a sostenere caparbiamente dati e date che cozzano con la scienza.A fronte di evidenti anomalie tutte italiane continuare a sostenere ostinatamente certe posizioni conservazioniste è un non senso. Questo non vuol dire fare terra bruciata ma nemmeno essere presi per i c@@@o da certe ass ven. che agiscono solo per ripicche politiche mostrando il fianco al nemico con le conseguenza che tutti conosciamo. Sbagliare è umano perseverare ancora con queste strategie soprattutto chiedere e pretendere l'unità di tutti i cacciatori, è da irresponsabili. Se e quando dimostreranno di aver lascito alle spalle certe congetture, all'ora e solo all'ora, potranno richiedere il lasciapassare ai cacciatori.

da Cacciatore indipendente 29/07/2014 6.08

Re:MIGRATORI D'EUROPA

Quando si fanno i fatti è evidente che le cose cambiano o quantomeno si evita l'esagerazione, questo lo si è visto con la mossa che si sono dati tutti con la legge sui richiami che non so ( perchè io non li uso) se è stata una vittoria o meno, ma comunque si sono mossi politici, associazioni e cacciatori. Per quanto riguarda gli studi si stanno facendo ottime cose con il GPS e se ne faranno sicuramente molte altre mettendoli su molte specie di uccelli a parte il fatto che di studi seri già ce ne sono, ma vengono usati dalle altre nazioni !! E’ come sempre da noi non vengono presi in considerazione, come per esempio per la beccaccia che viene riportata come specie in buono stato di conservazione, ma da noi si continua a stringere con divieti che attualmente vengono messi in atto anche nelle zone natura 2000 ZPS, SIC PSIC, ( adesso le hanno messe anche fuori dai parchi) che vietano di cacciare la beccaccia oltre le ore dodici, fino al 31 dicembre e ad esclusione anche del lunedì, come succede da noi in Campania. Per cui… Altri divieti sorti da poco tempo, ma di questo nessuno ne parla, come nessuno ne parla della legge 394 sui parchi con tutto il territorio preso da questi e come se non bastasse hanno avuto la faccia di vietare anche nelle aree contigue la caccia ai non residenti della stessa provincia, ma di questo nessuno ne parla e non ci si fa in quattro per evitare questi salassi che stiamo subendo noi del SUD come è stato fatte per i richiami vivi, che alla fine migliaia di tessere le paghiamo anche noi alle associazioni, che per i richiamo si sono mossi e per questo no. Ma che ci vuoi fare, siamo in Italy il paese della cuccagna per gli altri del continente, noi siamo le formiche e gli altri le cicale. Cordialit

da jamesin 28/07/2014 21.47

Re:MIGRATORI D'EUROPA

P.G., siamo i più fortunati perchè siamo stati tra i primi a essere stati denigrati gratuitamente da chi stava impostando il nuovo "sistema" del non senso e pertanto abbiamo vissuto per primi sulla nostra pelle e delle nostre famiglie la nuova strategia della creazione del nemico da abbattere ad ogni costo ed in qualunque modo. Purtroppo è pur vero che molti dei nostri dirigenti di allora venivano da un "sistema" talmente diverso da quello che si stava profilando che non hanno compreso subito che una bugia reiterata nel tempo e con forza poteva diventare verità. E pertanto siamo stati ancora più fortunati che la maggioranza degli italiani si siano sempre, a parole e magari di fronte ad "interviste" confezionate ad arte, dimostrati anticaccia ed animalisti ma in realtà nel profondo del loro animo non lo sono mai stati veramente, altrimenti a questora era da mo' che ci avevano levato i porto d'armi a tutti quanti. Ora dobbiamo con fatica estrema ricostruire un percorso che sia però quanto più possibile credibile. Il tempo di presentarsi davanti a chiunque con il cappello in mano è finito ma dobbiamo fare in modo che le nostre parole siano sostenute da fatti o quantomeno da studi seri. Diversamente...

da Ezio 28/07/2014 20.17

Re:MIGRATORI D'EUROPA

SI DEVE RITORNARE COME AI VECCHI TEMPI CHE SI CACCIAVA FINO A MARZO. ALLORA C'ERANO TORDI, ALLODOLE, COLOMBACCI, ECC. E TUTTO ANDAVA A GONFIE VELE. MALGRADO SI E' VINTO IL REFERENDUM LA CACCIA E' ANDATA SEMPRE PEGGIO, LA CILIEGINA POI E' STATA LA CREAZIONE DEGLI ATC. SPERIAMO CHE QUALCHE POLITICO CI DIA UNA MANO.......................

da NANNI 28/07/2014 18.51

Re:MIGRATORI D'EUROPA

La verità fa più male di un pugno in pieno viso. Inutile parlare e cercare far capire, il sistema è marcio, la gente beve da rubinetti chiusi. Se si vuole aprire la finestra e far entrare nuova luce bisogna prima fare le pulizie altrimenti la polvere si accumula. Non so se i tempi siano maturi di certo la gente è stanca della polvere. La caccia è una grande risorsa peccato che a capirlo non siano in tanti...forse però siamo i più fortunati.

da P.G. 28/07/2014 18.33

Re:MIGRATORI D'EUROPA

L'art 842 c'entra poco o nulla con la corretta gestione faunistico/venatoria. Nel senso che quest'ultima si può fare bene o male sia che esista detto articolo, oppure no. Ribadisco che ad esempio in Grecia si caccia esattamente come da noi, spendendo molto meno, ed i migratori dal 20 di agosto come ad esempio la quaglia alla fine di febbraio la bekka. Perciò...come sempre e da sempre e sicuramente in Italy è questione di "chi" fa le "cose" come, piuttosto che di norme in assoluto ed in astratto.

da Ezio 28/07/2014 18.07

Re:MIGRATORI D'EUROPA

Tra i tanti consigli medici per avere una vita longeva e sana non è contemplato quella di esercitare la caccia. Ne consegue, caro Realista che se questa passione non te la puoi permettere, trovatene un'altra. Rinunciare a tempi e specie per mantenere in vigore l'art. 842 ed essere ricattato dalla politica,dall'animalismo della ass. ven, dagli stessi cacciatori dentro e fuori i confini regionali e quant'altro, se permetti, mi rompe tanto i c@@@i

da Cacciatore indipendente 28/07/2014 17.31

Re:MIGRATORI D'EUROPA

Guarda caso in tutti i paesi dove non esiste l'842 più tempi,piu specie e più caccia senza conflitti e interferenza di lobby ambientaliste che esistono da noi per colpa dellala caccia sociale,la fauna bene statale e la mala gestione della fauna derivante dal nostro sistema malato

da veritas 28/07/2014 17.27

Re:MIGRATORI D'EUROPA

FEDERICO MERLI E' NOTO ARCICACCIATORE DIOENDENTE DELLA PROVONCIA DI FIRENZE UFFICIO CACCIA CIRCONDARIO EMPOLI VALDELSA. IL PUNTO CRUCIALE CHE CI DIFFERENZIANDA TUTTI GLI ALTRI STATI E' L'ART. 842 DEL CODICE CIVILE CHE È' L ARCHITRAVE DELLA CACCIA ITALIANA, ALTRO CHE SUPERATO DAGLI ATC. IN CAMBIO DI QUELLO ALTRIVE HANNO PIÙ' TEMPI E PIÙ' SPECIE. CREDO CHE NON CI CONVERREBBE FARE A CAMBIO.

da Realista 28/07/2014 14.45

Re:MIGRATORI D'EUROPA

Sig.Renzo Albrici se da questo interessante testo evitava di cadere nelle polemiche e si atteneva ai dati ,usanze ,differenze tecnico- scientifiche in uso nei paesi Europei lo avrei ritenuto perfetto e da far divulgare fuori dal nostro contesto.

da Toni el cacciator 28/07/2014 14.33

Re:MIGRATORI D'EUROPA

no, siamo equiparati, solo che la bilancia ha pesato più sui soldi per altre cose (vedi anche vicenfda delle quote latte, ma non solo) che sulla caccia. insomma, fin dall'epoca di marcora (ai primordi della UE)ci hanno venduto sull'altare degli affari, con la scusa di dare un contentino alle anime sensibili (ambientaliste) dell'europa del nord. la verità era ed è che se facessimo meno i furbi (non sulla caccia, ma sul resto dell'agricoltura: abbiamo a volte anche commesso delle truffe belle e buone scapito dell'immagine dei nostri prodotti))che poi ovviamente ci hanno obbligato a concedere spazio su altri fronti, vedi la caccia mediterraanea. i francesi, invece, hanno agito diversamente, ma loro - forse - avevano più ragioni e meno torti da far valere.

da unopiùuno 28/07/2014 14.27

Re:MIGRATORI D'EUROPA

Sono anni che andiamo dicendo che siamo i cacciatori più tartassati/limitati/accusati di tutta Europa..... ma sembra proprio che a questa Europa più di qualcuno non ci vuole equiparare. Eppure siamo cittadini onesti/incensurati e di rinuncie ne abbiamo fatte già fin troppe. E' ORA DI FINIRLA PORCACCIALAMISERIA. anche

da UNASOLA ASSOCIAZIONEVENATORIA. 28/07/2014 11.27

Re:MIGRATORI D'EUROPA

Marcuse, la vita e la verità sono da sempre semplicissime. E' l'essere umano che le rende difficili e poco chiare.

da Ezio 28/07/2014 11.20

Re:MIGRATORI D'EUROPA

se la caccia costa e volete la risposta....votate Costa.....il professore.....

da hobbit. 28/07/2014 11.13

Re:MIGRATORI D'EUROPA

la vita è complicata, caro enzo. la realtà ha infinite sfaccettature. ognuno ne ritaglia il suo spicchio, che per lui assurge all'unica verità. ma il pensiero unico è un'inutile, a volte dannosa, fantasia.

da marcuse 28/07/2014 10.29

Re:MIGRATORI D'EUROPA

"...tante rotture di scatole ai poveri cacciatori italiani."... Quando queste mi arrivano da anticaccia ed animalisti le comprendo ...la vera tristezza è quando a crearle sono certi rappresentanti dei cacciatori. :-((

da Ezio 28/07/2014 10.13