Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
A futura memoria per l'umanità di domaniIl futuro dipenderà da noiInsostenibili sarete voi!Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIL'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

Natura. Madre o matrigna?


lunedì 28 settembre 2015
    

Dopo la rivoluzionaria enciclica di Papa Francesco, "Laudato si'...", con la quale il Santo Padre prende definitivamente le distanze da un modello di sviluppo irresponsabile, che provoca danni irreparabili alla nostra casa comune, la terra, e invita a un ritorno a uno stile di vita più sobrio, meno legato alla tecnologia e alla finanza (causa secondo lui del palese fallimento delle attuali politiche ambientali), per "una profonda conversione interiore”, adesso anche Barak Obama si è dichiarato folgorato sulla via di Damasco e - molto più pragmaticamente - ha preso impegno per il suo paese a modificare l'utilizzo di prodotti inquinanti e perniciosi per la stessa sopravvivenza della nostra specie sulla terra, come il carbone.

Ci sono - ha detto Obama - tempeste sempre più violente, incendi sempre più frequenti, i ghiacciai si stanno riducendo e questo cambia la geografia del nostro pianeta" ma rappresenta anche "un rischio immediato per la sicurezza nazionale".
Il suo obiettivo è quello di "garantire che ci sia acqua e aria pulita e un futuro per i nostri figli". "Siamo la prima generazione a sentire gli effetti del cambiamento climatico e l'ultima a potere fare qualcosa a riguardo". "Se non agiamo - sentenzia -  potremmo non essere in grado di invertire la rotta".

Ecco quindi che, con due pezzi da novanta planetari come Barak e Francesco, qualcosa si potrebbe muovere sulla strada del difficile recupero di un diverso rapporto fra uomo e ambiente naturale.
Nel perseguire speditamente questo ambizioso obiettivo, a mio modestissimo parere, si dovrebbe prima di tutto recuperare culturalmente quell'idea di natura che ha guidato le nostre comunità negli ultimi millenni. Sempre in bilico fra buona e malvagia.
Interessanti, al proposito, i contenuti di un recente dialogo fra Umberto Galimberti, uno dei nostri più lucidi pensatori, e un lettore di un magazine ("R. Donna"), a proposito della non ancora acquisita etica che si faccia carico della salvezza della natura. Conseguente all'allarme salvifico lanciato dal Papa, ma anche all'impegno di Obama.

In questa ricerca, quel lettore mette subito in evidenza che aldilà delle belle parole di cui ci siamo riempiti la bocca in quest'ultimo mezzo secolo e più, il fine ultimo è... puramente egoistico. Dopo aver bellamente contrapposto la natura madre ("suolo, acqua, montagne, tutto è carezza di Dio") alla natura matrigna (catastrofi, malattie, sofferenze che portano alla perdita della dignità umana),  noi salviamo la terra - dichiara - "per salvare noi stessi".

Al che, Galimberti, da par suo, ne conferma il semplice ma terribile assunto ("La natura non è né buona né cattiva. Semplicemente è"). Richiamandosi prima di tutto alla nostra matrice culturale greca. Secondo Eraclito, ci spiega, "questo cosmo che è davanti a noi e che è lo stesso per tutti non lo fece nessuno degli dei, né degli uomini, ma fu sempre, ed è, e sarà fuoco sempre vivente, che divampa secondo misure e si spegne secondo misure". Questi "spazi cosmici" che ignorano la vicenda umana (Pascal: "Non mi conoscono"). In altre parole: alla natura, che noi ci siamo, si viva o si muoia, poco importa. Terribile anche la citazione di Goethe: "Natura. Da essa siamo circondati e avvinti, né ci è dato uscirne e penetrarvi più a fondo. Senza farsi pregare e senza avvertire, ci rapisce nel vortice della sua danza e si lascia andare con noi, finché siamo stanchi e le cadiamo dalle braccia. La vita è la sua invenzione più bella e la morte è il suo artificio per avere molta vita. Non conosce né passato né futuro. Il presente è la sua eternità".

Ma, avverte anche Galimberti, secondo la cultura giudaico-cristiana, la natura è una creatura di Dio e perciò stesso è "buona". Oggi però, conclude il nostro filosofo, in sintonia con Francesco, i disastri più grandi sono prodotti dalla tecnica e dagli interessi economici per perseguire i quali non ci si cura delle sorti della terra.
E a questo, sempre secondo il modestissimo parere del sottoscritto, dovrebbero porre attenzione tutte quelle sedicenti associazioni ambientaliste che nell'immagine di cieli azzurri, acque limpide, terre selvagge, prestano sempre più spesso il loro simbolo - (immacolato?), a pagamento (la chiamano "sponsorizzazione") - a campagne che di naturale, di ecologico, hanno ben poco. Su questa contraddizione, inviterei anche tutti i cacciatori di buona volontà e i loro autorevoli dirigenti, a riflettere. E' poca cosa, lo so, ma da qualche punto si dovrà pure cominciare, se vogliamo smascherare le mistificazioni di questi ecologisti/animalisti, a mio parere veri e propri nemici della natura. E, quindi, nemici della nostra stessa specie.


Vito Rubini

Leggi altri Editoriali

19 commenti finora...

Re:Natura. Madre o matrigna?

dove vai?, son cipolle! ovvero confondere fischi per fiaschi. e martin perse la cappa. del resto a bologna balanzone ama parlare ed elargire pareri di nessun valore.

da B(arak)e(o)rgoglio 04/10/2015 16.25

Re:Natura. Madre o matrigna?

Puoi collocare tutte le etnie che vuoi ma una cosa è certa. Nel DNA della maggior parte dei nostri politici è palese l'etnia ROM voi perchè nomadi in transumanza da un partito all'altro, vuoi perchè sono dediti al furto.

da IO 04/10/2015 12.52

Re:Natura. Madre o matrigna?

Commento rimosso. Si invitano tutti gli utenti ad utilizzare un linguaggio consono e civile. La Redazione

da Martino Bologna 03/10/2015 13.59

Re:Natura. Madre o matrigna?

vero che le galere sono piene di questi poveracci, vero anche che ci stanno poco, perchè le nostre leggi sono piuttosto lasche. vero. proprio perchè sono leggi made in italy, fatte da certi italiani, che per evitare la galera le impongono così, piene di spifferi, salvo poi lamentarsi quando dalla galera escono quei poveracci brutti, sporchi e cattivi. la statistica, poi, non è markeing, che è cosa diversa. la statistica è una scienza, che quanto ad argomenti sociali, demografici e planetari è abbastanza uniforme in tutto il pianeta, appunto. e allora, da lì, si possono estrapolare le ragioni di una certa realtà. e non sono le banalità del marketing, oggi sempre più utilizzate anche dai partiti per dimostrare tutto e il contrario di tutto. scopro con stupore, sorpresa, e anche lieta beatitudine, che siamo tutti italiani da tempo immemorabile. avevo sempre pensato che in sicilia fossero soprattutto arabi e normanni, a seconda dell'antichità della stirpe, in puglia albanesi, a Krotone greci, a napoli spagnoli/arabi, in sardegna assiri, in toscana etruschi/turchi, in padania krukki, a venezia slavi (ovvero "schiavi", da cui il saluto "ciao!") a milano anche spagnoli, nelle valli, fino a roma, un po' lanzichenecchi, un po' scoti, un po' franchi, un po' franchi e anche un po' unni. Il seme anche dopo generazioni si riconosce. quella della purezza della razza italica comunque mi mancava. grazie. aggiungo: qualche neretto ormai settantenne ce l'abbiamo anche noi, frutto di semi dell'ultima guerra, estrusi da femmine di pura razza italiana incappate in maschietti indiani (inglesi) e exafricani (americani). fatemi sapere

da Pippo 02/10/2015 11.57

Re:Natura. Madre o matrigna?

x vero italiano: 168 italiani in galere per reati finanziari di che tipo: la solita INCREDIBILE evasione fiscale ( 68% di tasse alle imprese) oppure VERI REATI AL PATRIMONIO DEI RISPARMIATORI banche , assicurazioni , ecc. ecc? lo fai tu il populismo RIDICOLO FRITTO E RIFRITTO TIPICO DEI POLITICI ...sei un assessore?? Complimenti a made in Italy approvi tutto!

da Sergio 01/10/2015 16.26

Re:Natura. Madre o matrigna?

Vero italiano Ma per omicidi stradali causa ubriachezza, stupri, rapine, accattonaggio, accoltellamenti etc..etc.. sono gli italiani i portabandiera?

da Leggere non sfogliare i quotidiani 01/10/2015 9.57

Re:Natura. Madre o matrigna?

bravo made in Italy

da nino da Bari 30/09/2015 18.45

Re:Natura. Madre o matrigna?

made in Italy 29/09/2015 8.23, condivido anche le virgole, lo stato tutela ogni delinquente invasore, ma se un Italiano onesto sbaglia di un minimo lo mazzolano, noi dobbiamo rispettare ogni genere di legge cretina che si inventano, gli invasori fanno che cosa vogliono.

da Stanzialista DOC 29/09/2015 15.14

Re:Natura. Madre o matrigna?

Bravo Pino ,il papa parla di armi militari..contro la pena di morte ,quella umana..La pesca, la caccia ,l'agricoltura e la raccolta di frutti boschivi la APPROVA in Laudato si.

da toni el cacciator 29/09/2015 12.23

Re:Natura. Madre o matrigna?

made in Italy ti approvo vi è da aggiungere anche che loro vivono in dieci in una casa in condizioni igeniche discutibili, mentre noi abbiamo abitudini più salubri, e molti lavori gli italiani non li vogliono fare perchè poco pagati mentre gli exstra con die soldi li pagano, sono più un danno che una risorsa, hanno avvantaggiato quegli imprenditori approffittatori ad abbassare l'offerta di lavoro, per non parlare delle patologie che portano con loro, comunque sto aspettanto il momento di quando smetteranno di dargli i 35 euro poi voglio vedere chi se li accolla, e quando la gente ha fame ........

da dardo 29/09/2015 10.39

Re:Natura. Madre o matrigna?

Scusate poi si scopre che dieci anni fa si sono avute (NON hanno avute) le stesse condizioni meteo.

da Ernesto 29/09/2015 8.27

Re:Natura. Madre o matrigna?

inshalla , bevi meno che ti fa male e scrivi meno cazzate! io SONO ITALIANO PURO DALLA NOTTE DEI TEMPI, ho 5 figli e lo stato non mi ha mai dato NIENTE ! ai tuoi amici extracomunitari gli pagano anche l'affitto! NON FACCIAMO FIGLI? certo perchè voi i figli li buttate come bestie in mezzo alla strada NOI FORMIAMO PEROSNE PER BENE...mentre i figli degli extracomunitari il 70 per cento finisce in galera i nostri giovani INVECE al 70% se vanno all'estero dove la DEMOCRAZIA esiste e i rumeni ladri, i magrebini spacciatori,gli albanesi mafiosi, i neri violentatori QUANDO LI PRENDONO NON ESCONO PIU DI GALERA! non come in Italia che mettono in galera un artigiano e rispettano uno spacciatore assassino! lA TUA PREVISONE è UN Pò azzardata perchè c'è l'incognita SOLLEVAZIONE POPOLARE e il popolo ha sempre ragione !

da made in Italy 29/09/2015 8.23

Re:Natura. Madre o matrigna?

E’ notorio che in inverno faccia la neve meno prevedibile che la faccia in Agosto. Che sia poi più o meno rigido e neve a volontà anche nella capitanata (tavoliere della Puglia) è a discrezione e riservato gli umori dei vari “mazzieri”. Estate torride, inverni glaciali negli untimi cinquantenni, poi si scopre che dieci anni fa si hanno avute le stesse condizioni meteo. Come sempre poi nel nostro insignificante, mediocre pensare c’è sempre qualcuno che la butta in politica come l’amico che tira in ballo il Salvini e quanti figli ha, come se il fatto avesse una rilevanza universale e anche la presenza in sua squadra di extra come salvezza e universalità della caccia al cinghiale tralasciando magari che la culla dei terrestri sia stata l’Africa. Che i terrestri forse stanno rientrando nelle primordiali origini? Anche se ancora non si sa con certezza i vari colori che spaziano dal rosso indiano, al giallo cinese, al bianco europeo da dove sono scaturiti del perché del per come, anche queste teorie buttate la a seconda dagli umori e discrezione dei vari “mazzieri” tanto per fare cassa. Voliamo bassi anzi rasoterra perchè l’universo se ne sbatte le p@@e dei nostri umori e fa quel che c@@@@ gli viene più comodo caccia o non caccia.

da Ernesto 29/09/2015 8.22

Re:Natura. Madre o matrigna?

Si è fatto un largo giro per approdare alla banalità. Sono stati tirati per la giacchetta figure rosse “democratiche” tralasciando volutamente quelle dittatoriali da sempre fuori controllo per nascite ed ora anche per inquinamento ambientale. Che dire ? Quando gli studiosi non sono in grado di affermare un si o un no deciso, subentra il forse, e con esso contraddizione e teorie diversificate che l’una smentisce l’altra. Certo, il cappello potrebbe sembrare interessante, se non fosse che la scienza moderna barcolla nella penombra non potendo prevedere Tsunami, Terremoti, Eruzioni, Uragani e poco anche inondazioni, anche se la causa di quest’ultime è opera/ non opera, conseguenze, superficialità, dell’ uomo già verificata. Ma far passare l’idea che il tutto il negativo sia opera dei terresti, mi sembra una banalità al pari del rapporto caccia orticello, inquinamento, disastri ambientali quando l’età terrestre è un nanosecondo rispetto al resto dell’universo che ci circonda, e noi, un pulviscolo di polvere infinitesimale meritevoli di nessuna considerazione . Sfogliando poi la Cabala meteorologica si legge che quest’anno nella nostra latitudine avremmo un inverno rigidissimo e pieno di neve. Segue

da Ernesto 29/09/2015 8.20

Re:Natura. Madre o matrigna?

Tutta l'africa dobbiamo aiutare accogliamoli tutti nel nome di gessu'

da Francesco papa beddu 28/09/2015 18.28

Re:Natura. Madre o matrigna?

Il Papa in America: "Basta armi e pena di morte". Bravo, mi trova d'accordo su entrambe le cose.

da Pino 28/09/2015 16.04

Re:Natura. Madre o matrigna?

C'E' UNO SCENARIO CHE CIRCOLA PROPRIO IN QUESTI GIORNI IN MERITO ALLA NATALITà E ALLA CONSISTENZA DEMOGRAFICA DI EUROPA E ITALIA NEL PROSSIMI 20-50ANNI, SE NON RICORDO MALE. DICE CHE ENTRO POCO TEMPO DI ITALIANI VERI NE SALVEREMO POCO PIù POCO MENO CHE 45 MILIONI, COME ALLA FINE DELL'ULTIMA GUERRA. NON PERCHè SI SCAPPA O PERCHè SI MUORE DI MORTE VIOLENTA, MA PERCHè SIAMO IL POPOLO PIù VECCHIO D'EUROPA. (NON SI PROLIFICA, ALTRO CHE SBARCHI!) CI SALVEREMO, PER UN PO'. QUALCHE DECENNIO NON DI PIù, GRAZIE AGLI IMMIGRATI. CHE GIà ADESSO PRODUCONO IL 95% DI INDIVIDUI NATI IN ITALIA, FACENDO QUELLO CHE NOI ABBIAMO DIMENTICATO: OVVERO, FARE FIGLI. SIAMO TROPPO RICCHI, CHECCHè NE DICANO I GIORNALI. CERTO QUALCUNO è PIù POVERO DI PRIMA, E IL TREND SALE. MA SE NON ABBIAMO SANGUE FRESCO (ITALIANO, SALVINI: PER ESEMPIO, TU SALVINI QUANTI FIGLI HAI?) NON AVREMO INDIVIDUI DISPOSTI A METTERSI IN DISCUSSIONE, A RISCHIARE, A SCOMMETTERE SUL FUTURO A RIPENSARE CERTEZZE ORMAI VECCHIE. FIGURATEVI SE POTREMO, COSì IN QUESTE CONDIZIONI, RILANCIARE LA CACCIA. NELLA MIA SQUADRA DI CINGHIALAI FORTUNATAMENTE CI SONO SEMPRE PIù IMMIGRATI (RUMENI, MAGREBINI, ALBANESI, BLACK) CHE S'IMPEGNANO E SUPPLISCONO AI BUCHI CHE NEL FRATTEMPO IL TEMPO SCAVA NEI NOSTRI RANGHI. DIO LI SALVI.

da INSHALL 28/09/2015 16.01

Re:Natura. Madre o matrigna?

ci pensano gli arab e gli africani a regolare le nascite!!

da Bing 28/09/2015 14.33

Re:Natura. Madre o matrigna?

Cè ben poco da aggiungere o contestare,le cose stanno proprio così.Speriamo che l'uomo sappia in futuro regolare le nascite e i bisogni di chi abita questo ns. pianeta in maniera sostenibile .O non potrebbe esserci futuro per i ns. nipoti e pronipoti.

da bretore 28/09/2015 12.02