Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Greta e la terra I Restoni non sono “quelli che restano”Riprendiamoci la naturaDiscorso sulla coturnice, ma non soloLa piaga dei ParchiBentornata ExaHorror naturaProvocazioni e fermezzaMaestra montagnaSPORT O PASSIONE?Un contratto a uso del manovratoreCol cinghiale al casello, ma non soloCinghiale. Il ricercatore svela la bufalaCambiamenti climatici e migrazioneScelta di campo e arie partenopeeIl nostro futuro è in EuropaLa mia Flyway è differenteIl futuro potrebbe essere la gestione adattativa?Un amoreAmbientalismo de noantriAria fresca e un pensierino alla SerraIl caso Leopold LipuUna sbiadita stellaViva la caccia!Questione di passioneIl mondo che verràIl senso della Lipu per i passeriArmi. Le nuove regoleSi va per l'aperturaLa tentazione di riprovarciIncendi. Il presente, il futuroAmbiente. Vogliamo parlare dei Parchi?SOGNO DI UN'ELISA DI MEZZA ESTATELa nostra frontieraCerusici e norciniSaggezza cinotecnicaUn ministro smarritoMa dov'era la Lipu quando ci rubavano gli habitat?E se si ripartisse dalla pernice?ISTINTO VENATORIO DEL CANE DA FERMAAntibracconaggio, a che punto siamo?Nuovo Governo. Un limite, un'opportunitàCronaca di una passioneDotti, medici e sapientiDiamoci una mossaE' giusto essere amici degli animali, ma oggi è meglio difendere gli uominiOrnitologo sarà lei! - Ornitologia “accademica” vs. Ornitologia “venatoria”Battistoni. Ambientalista cacciatore, con un occhio alla migratoriaEmozioni di una capannistaBruzzone, è ora di riformeCaccia richiamo profondoCalo uccelli e agricoltura. La resa dei conti Le visioni di lupo Gianroberto e i tre grilliniAttesaVaghe stelle del sudLa caccia come la vedo ioELEZIONI 4 MARZO: CHI VOTARE E CHI NOUn primato sconosciutoLa carica degli ungulatiIl sabato del cacciatoreSpeciale elezioni: Un voto per la cacciaAndare a votare e votare beneOH QUANTE BELLE FIGLIE...A testa altaDella beccaccia e del suo patrimonioCi vuole più coraggioDove va la caccia secondo SimonaDove va la caccia? "Lo decidiamo noi"A futura memoria per l'umanità di domaniIl futuro dipenderà da noiInsostenibili sarete voi!Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIOrsi, sono troppi?L'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

Cambiamenti climatici e migrazione


lunedì 24 dicembre 2018
    

 
Quasi tutto il mondo della Caccia e della Ricerca si sta domandando se i cambiamenti climatici stanno influenzando le migrazioni degli Uccelli ed i loro connessi comportamenti migratori. Basta immettere alcune parole-chiave sui motori di ricerca in Internet e si trovano numerosi articoli ed indicazioni di Lavori scientifici specifici, e da questi emergono analisi, interpretazioni ed anche molti aspetti controversi.

Tra le controversie di base devono anche esser tenuti presenti i differenti addebiti come cause e/o concause dei cambiamenti climatici  se da riferire più a cause astronomiche (posizione, rotazione della Terra rispetto al Sole e relativi cicli epocali), o se da riferire a cause antropogeniche (l’uomo e l’inquinamento atmosferico e della Terra tutta), o se ad ambedue in varie proporzioni.

Ovviamente le influenze sulle Migrazioni riguardano le condizioni del clima rapportate all’ambiente tutto, ai cicli stagionali delle vegetazioni (in particolare foreste e culture agricole), alla biosfera (insetti, microrganismi, polveri organiche ed inorganiche ecc.). Se il clima determina danni alle fonti di cibo, già di per sé incide negativamente sulle migrazioni sia a livello di comportamenti migratori (lunghezza del percorso migratorio, “timing” delle partenze-soste-arrivi, stop-over, rotte preferenziali, territori di svernamento ecc.). Di certo comunque le variabili atmosferiche, o più propriamente meteorologiche contingenti influiscono sul viaggio migratorio per le date di partenze,per le scelte dei percorsi stagionali in condizioni meteo favorevoli/sfavorevoli, anche estreme.

Nel caso di “Beccaccia e Colombaccio” – i due “migratory game-birds” più seguiti da molti Cacciatori Italiani – queste influenze “clima-migrazione” vengono quasi quotidianamente chiamate in causa per interpretare successi o insuccessi venatori, per incidere o meno sulle legislazioni venatorie nazionali e regionali a tutela delle Specie: ciò avviene troppo spesso con irrazionale spirito catastrofistico e senza corrette basi scientifiche.
 
Ci si domanda se le Beccacce abbiano cambiato abitudini di arrivo, di scelte di lunghe o brevi soste,di svernamento e se questi supposti cambiamenti siano rapportabili a mutamenti climatici: Beccacce più o meno nervose più o meno cacciabili.

Ci si domanda se l’evidente aumento delle popolazioni di Colombacci in migrazione in Europa ed in Italia in particolare, sia in relazione ad influenze del clima tali favorevoli sulle maturazioni vegetative (ghiande e frutti di bosco, cereali in culture agricole intensive ecc.) nelle aree di nidificazione, di stop-over, di svernamento, oppure influenze negative sui territori come desertificazione, allagamenti ,anche associate ad interventi umani (antenne, fattorie eoliche, dighe, deforestazioni, antropizzazione nel suo insieme).
 
Non abbiamo al momento chiare risposte scientifiche, anche se alcuni aspetti paradossali vanno rilevati: di fronte agli assiomi (Università di Cambridge UK

indagine 2018 su 77 specie di migratori) che  indicano l’aumento della lunghezza dei percorsi migratori di molti uccelli come conseguenza dei cambiamenti climatici, noi osserviamo ( Italian Journal Woodpigeons Research – papers 2018 ) un reale accorciamento delle distanze tra aree di origine ed aree di svernamento, quale ben documentato in questi ultimi anni (Francia,Italia, Balcani). E per la Beccaccia abbiamo ora l’ineccepibile documentazione (monitoraggio gps pluriennale) di uccelli migratori che dopo anni di migrazione, non migrano più e diventano residenti stazionari, come se i cambiamenti climatici e conseguentemente ambientali riducessero od annullassero l’istinto migratorio.
Ma queste sono solo osservazioni incidentali.

Non mancano quindi argomenti utili alla discussione, alle analisi specifiche ( Beccaccia,Colombaccio), alle eventuali proposizioni di Ricerca. Per questi aspetti in Italia la Ricerca ci appare decisamente carente.

Può quindi essere utile una breve nota di recensione di un Lavoro abbastanza recente (2014) che ben si offre come base speculativa per meglio cercare di comprendere i fenomeni legati ai cambiamenti dei comportamenti clima-dipendenti .

Questo Lavoro ( D.W.Winkler e co-Autori  < Cues, strategies, and outcomes: how migrating vertebrates track environmental change> Movenent Ecology 2,10,2014) – che a nostro avviso ha una sua valenza di filosofia interpretativa sulla Migrazione – oltre ad evidenziare precisi schemi di analisi a tutto campo, mette anche in risalto la complessità delle problematiche tuttora irrisolte e quindi aperte alla Ricerca. 

Diciamo subito che questo Lavoro – non facile da leggere nelle sue sfaccettature profondamente scientifiche – affronta le problematiche “clima-migrazione” per tutto il mondo animale dei Vertebrati (pesci, mammiferi, uccelli) anche se più approfonditi appaiono i riferimenti all’ Avifauna migratrice.

Questo Lavoro –firmato da nomi illustri dell’Ornitologia USA ( Cornell University-Itaca-New York) –  introduce il concetto che gli animali migratori ( probabilmente anche la specie Uomo )  stanno affrontando sfide davvero uniche di fronte ai cambiamenti climatici, inclusi quelli addebitabili all’Uomo, potendo usufruire di sistemi decisionali della migrazione basati sulla flessibilità somatica e funzionale (ecologia sensitiva).

Una maggior conoscenza dei fattori che controllano la flessibilità comportamentale dei migratori è importante sia per la Scienza sia per la conservazione degli animali.

Tre sono gli obiettivi di studio su questi temi:

– la miglior conoscenza dei meccanismi di risposta corporea;
– le variazioni del “timing”, le date della migrazione;
–l’identificazione e conoscenza degli stimoli alla migrazione e le risposte ai medesimi.

La flessibilità – come già ben definito carattere dominante – di fronte ai cambiamenti climatici si concretizza con varie strategie che implicano le funzioni biologiche e le loro basi anatomiche, e le basi evolutive delle singole Specie e non ultime le capacità cognitive ( quasi una simil-intelligenza).

Se i “sistemi” decisionali migratori sono vari, integrati e flessibili, nei “sistemi” gli stimoli o comunque specifici graduali impulsi migratori sono essi stessi vari e capaci di modificarsi e modificare, nelle modalità di avvio e di risposte.

Ai fini del successo della migrazione il fattore più importante è certamente il “decision-making” della partenza. (Ebbene questa affermazione di autorevoli Ricercatori dela comunità Ornitologica Internazionale ci colpisce particolarmente per i nostri personali interessi di studio circa l’importanza dell’Organo Para-timpanico di Vitali ovvero Barometro biologico nel momento decisionale dei grandi involi di massa – Italian Journal Woodpigeon Research- novembre 2018 ).

Sottolineando sempre – all’esame di ogni elemento proprio del fenomeno migratorio - il carattere di flessibilità e plasticità fenotipica delle risposte, non ultime vanno considerate le potenzialità evolutive dei geni, la plasticità del DNA, e quindi una capacità di trasformare fenologicamente la struttura propria dei geni di una specie migratoria, un processo questo comunque lungo ma che può essere anche breve come nel caso del Fringuello delle Galapagos (Darwin) .

– E’ come dire che una Beccaccia può modificare il suo carattere migratorio ( e relativa uscita dall’”input” ereditario della “deriva dei Continenti”) e divenire stanziale .

– E’ come dire che qualche esemplare di comunità di Colombacci propriamente migratori , “capisce” che è più semplice rimanere nei parchi di grandi Città e divenire stanziale, riprodursi e moltiplicarsi come residente fisso .
 
Le strategie ottimali si finalizzano al benessere corporeo, propriamente fisico e programmato per la riproduzione, da realizzarsi nei modi più convenienti, specie se le condizioni ambientali cambiano o stanno mutando in fasi più o meno temporanee. Rimane comunque intoccabile l’obiettivo finale cioè la “conservazione della specie” così come è nel concetto de “la deriva dei Continenti”.

Se i cambiamenti climatici saranno un fatto temporaneo e reversibile, la capacità di essere flessibili nell’adattameno ambientale si esplicheranno a difendere il principio di “sopravvivenza della specie”.

Se i cambiamenti climatici diverranno stabili e definitivi pur nella multifattoriale abbondanza di numerose “variabili”, le specie migratorie – Uccelli compresi – sapranno adattarsi. Così come è stato dopo le Epoche glaciali. Ciò varrà ancor più in un possibile complesso fenomeno evolutivo che implica mutazioni genetiche (Darwin). Ma nella nostra realtà – verosimilmente temporanea in termini di cambiamenti del clima – saranno prevalenti solo i cambiamenti dei comportamenti dei migratori.

Ciò sarà valido per modificazioni nei “timing” stagionali di partenza, nei numeri e durate degli stop-over, nelle scelte di percorsi migratori, nelle scelte di momenti migratori pur nei mutamenti e variabilità potenziali della condizione atmosferica: altrimenti a dire l’atmosfera, l’aria, come ambiente proprio di vita per gli uccelli; l’acqua alle varie latitudini longitudini oceaniche per i pesci (salmoni ad esempio); le terre e geografie connesse per le migrazioni dei mammiferi quadrupedi ( renne, caribù, gnu ).

In conclusione tutte le decisioni – di fronte al mutar del clima e dell’ambiente usuale per ogni singola specie – saranno dipendenti da regole specifiche genetiche di Specie, ma anche da una flessibilità dei sistemi di risposta ( Ecologia fenologica), pur anche questa a volte diversa tra giovani al primo viaggio ed adulti esperti.

E’ chiaro che tutta questa fenomenologia è estremamente complessa, anche con sostanziali differenze tra specie di diversi uccelli, ed anche con caratterizzazioni estreme: le Pittime che dall’Alaska volano con un viaggio no-stop (7-10 gg) sino alla Nuova Zelanda con metà e metà del cervello che “dormono” alternativamente  e quindi quale più spettacolare flessibiltà funzionale estrema ?!
 
Non sappiamo se in questa breve ed incompleta sintesi siamo riusciti a trasmettere il senso “filosofico” e la raffinata ed approfondita comprensione della ecologia sensitiva alla quali si rifà il Lavoro di  D.Winkler e co-Autori.
Le nostre Beccacce ormai in buona parte ci sorprendono con nuovi imprevisti comportamenti, anche cognitivi  di fronte ai terribili mezzi tecnologici putroppo permessi (beeper,gps ecc.), ora intesi e cognitivamente identificati come presenza di predatori.

Non sappiamo se i nostri  Colombacci hanno deciso ora di seguire sempre di più la Flyway Mediterranea, imboccandola anche più da Nord per le popolazioni Scandinave ed altre nordiste  attraverso la Porta Morava sino ad Istria ed Adriatico e poi ad Ovest-Sud-Ovest, per motivi climatologici, e se eleggeranno questa via preferenziale definitiva come è stato – sembra – in questi ultimi due anni (“ La Migrazione autunnale del Colombaccio in Ialia“- CIC-  Aracne Editrice – Roma-2018).

Tutto a dire che l’impegno di Ricerca dei Cacciatori  – nei termini di Citizen Science e relativi studi di Monitoraggio delle Migrazioni  quale solo  i Cacciatori sono in condizione di fare compiutamente – potrà portare ancora importanti conributi a meglio comprendere queste complesse problematiche: conoscenze queste che sono utili all’Uomo nel suo – come sempre travagliato – percorso all’interno dell’Epoca Moderna scossa da importanti cambiameni climatici.
 

Enrico Cavina

 

 

Tratto da: Club Italiano del Colombaccio
www.labeccacciascientifica.it
Italian Journal Woodpigeon Research - Journal on-Line


 

Leggi altri Editoriali

14 commenti finora...

Re:Cambiamenti climatici e migrazione

Invito a non utilizzare il nome Gardena per prendere in giro

da Gardena (vero) 29/12/2018 14.49

Re:Cambiamenti climatici e migrazione

[email protected], disamina perfetta

da Condivido 28/12/2018 22.19

Re:Cambiamenti climatici e migrazione

Tesla hai ragioni. prova un po' anche a pensare, però, che cosa succede quando il risveglio ormonale s'ncrocia con qualche problemino dovuto non alla luce ma al calore, quello condiziona il clima e definisce la stagione. Può succedere che l'uccelletto, o l'uccellone, si trovi a passare in terre dove la pastura è indietro o avanti rispetto al...fotoperiodo. Che succede, allora? Succede che dopo un più o meno lungo smarrimento, la fame si darà da fare affinchè il malcapitato trovi sobocco alle gastriche sollecitazioni. Si alzerà o si abbasserà di quota, o si sposterà (a sud?, a nord?) in città? Boh. La natura, anche quella degli osei è complessa. Più complessa di quanto ognuno di noi (anche se ornitologi consumati) possa immaginare. Rifugiandomi nel Bardo, ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio (Tesla), di quante ne sogni la tua filosofia.

da Amlet 28/12/2018 9.00

Re:Cambiamenti climatici e migrazione

Le migrazioni sono sostanzialmente influenzate dagli stimoli ormonali indotti dalla variazione del fotoperiodo (durata del dì rispetto alla notte). O c'è ancora qualcuno che pensa che gli uccelli vanno via perchè fa freschetto ?

da Tesla 27/12/2018 18.47

Re:Cambiamenti climatici e migrazione

Speriamo che quanto sostenuto da Enrico Cavina, venga recepito anche da qualche tecnico faunistico UNTO DAL SIGNORE!!!!!!!!!!

da Fucino Cane 27/12/2018 13.25

Re:Cambiamenti climatici e migrazione

Tra le righe di questo pistolotto personalmente ho letto che tra non molto e per non molto tra il 2019/20 o 2020/21, quanto volete scommettere che beccaccia e colombacci passano da selvaggina migratoria a stanziale?

da Si accettano scommesse 26/12/2018 13.30

Re:Cambiamenti climatici e migrazione

Migrazione questa sconosciuta - Ogni volta che si fanno delle teorie puntualmente alcuni uccelli le smentiscono. Sicuramente gli uccelli fanno sempre più spostamenti oppottunisti e le loro rotte si stanno accorciando. Sul fatto che sia dovuto alle alte temperature ho i miei dubbi. Mi domando, perchè le beccacce non restano in Piemonte, che vede meno neve del passato, per andare fino in Sicilia? Perche in Tunisia è pieno di tordi?

da Johnny 26/12/2018 10.23

Re:Cambiamenti climatici e migrazione

Sa pure vero che i cambiamenti climati fanno vedere i loro effetti pero e phr vero pero e tanta disiformazzione e quel poco che si viene a sapere molte volte viene molto manipolato con iformazzioni di accopiamenti e fasi prenunziali completamete fuori corrente dalle vere realta. Tanti aguri a tutti coloro che piace la caccia ma soprattutto che rispettano l'ambiente anche al di fuori dei propi obbi

da Asso 25/12/2018 18.01

Re:Cambiamenti climatici e migrazione

BUON NATALE A TUTTI VIVA LA CACCIA

da MAURO 25/12/2018 6.36

Re:Cambiamenti climatici e migrazione

Fatevi consigliare dagli ambientalisti cosi potete tracciargli una rotta pure a loro x il deserto del sara

da Asso 25/12/2018 1.02

Re:Cambiamenti climatici e migrazione

Tanti auguri a tutti i cacciatori italiani...

da Enry 24/12/2018 23.10

Re:Cambiamenti climatici e migrazione

complimenti al mitico Prof Cavina ed al contempo auguri al caro amico Enrico.

da aldorin 24/12/2018 21.17

Re:Cambiamenti climatici e migrazione

I cambiamenti climatici influenzano fortemente le migrazioni e di questo tutti ce ne siamo accorti,e rimandando ulteriori osservazioni in merito , oggi 24 dicembre 2018 porgo i miei saluti e auguri a tutti i cacciatori e agli amanti della natura e della vita all'aria aperta.Ciao e ancora auguri a tutti.

da bretone 24/12/2018 18.41

Re:Cambiamenti climatici e migrazione

grandi tutti buone feste di cuore alle vostre famigli di un buon natale e auguri anche al re il mitico colombaccio grazie

da nappa 24/12/2018 12.48