HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
  Cerca
Serra uno di noi. L'animalista coi baffi Cacciatore o lupo cattivo? IL CINGHIALE SALVA LA CACCIA Brambusconi, "che figata" ETICA O ETICHETTA? DUE CHIOSE ALLO STORICO CARTA VINCE CARTA PERDE Cacciatori e no L'AGNELLO E LA CICORIA PER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattere SOSTIENE LARA LUPO, QUANTO CI COSTI A UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS francese ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANA C'ERA UNA VOLTA... LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!! Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italiane TABU' LUPO FIRMAMENTO SOCIAL ALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSO LUPO. ATTENDIAMO LUMI CHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIA Cos’è la caccia La ri-proposta Cuore di beccaccia Cacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardi LA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scoperta CARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODA Osservatori regionali, avanti! Ungulati: una risorsa preziosa La mia prima volta al cinghiale: onore alla 110! Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibile ANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTI TORDI TORDI STANNO TUTTI BENE ETERNA APERTURA TANTE MAGICHE APERTURE CI SIAMO! LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONE LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE ANCH'IO CACCIO MIGRATORIA, MA DI CHI? Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio francese REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO Lasciate la carne ai bambini Uccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi.... CINGHIALI D'UNA VOLTA DATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRA MONTAGNA, 22 ANNI DOPO Elegia per un vecchio signore LA GRANDE BUFALA Animali & Co: un problema di comunicazione LUPO O CINGHIALE? Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo Le allodole, mia nonna e le vecchiette La caccia e gli chef UNGULATI CHE PASSIONE PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA Le beccacce e il lupo QUESTIONE DI PROSPETTIVA La cinofilia ufficiale. Parte seconda con scuse PROBLEMA LUPO Bisturi facili. Cuccioli? No grazie Perché ho scelto il setter inglese? Galletti fa mea culpa Questa è la cinofilia ufficiale C'era una volta il cinghiale Bracconieri di speranze Gip, amor di cacciatore. Il piccolo francese SAVETHEHUNTERS, MATTEO TROMBONI SFIATATI I sistemi elettronici di addestramento GUANO CAPITALE In principio era una Dea C'era una volta l'orso bianco che campava di caramelle UNA TERRA DIVERSA MEMORIE. Da regina a regina informAZione? Iniziazione del cucciolone UNIONE AL PALO? LA PARABOLA DI CECIL CROCCHETTE VEGANE L'ecoturismo fa danni ALLODOLE PER SEMPRE TRUE LIES CI SIAMO? Natura. Madre o matrigna? LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPO UN’APERTURA DA FAVOLA I cuccioli di oggi MACCHE' PREAPERTURA CACCIA, PROVE E VARIA UMANITA' Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiere FORMAZIONE, FORMAZIONE! I cani da ferma oggi Arlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNA Prima informarsi, poi farsi un'opinione Effetto Flegetonte Il cane domestico (maschio) Il valore della caccia Chi è diavolo, chi acquasanta? CANDIDATI ECCELLENTI PUBBLICO O PRIVATO? LA FRANCIA E I MINORI A CACCIA REGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATI Caccia vissuta “Se questa è etica” QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PERO Le contraddizioni dell'Expo QUESTIONE DI CORPO L'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloni Calendari venatori: si riparte DOVE ANCORA MI PORTA IL VENTO LUCI E OMBRE DI UN PROGETTO CANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIO CHIUSO UN CICLO... A patti col diavolo... e poi? BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZO MISTERI DELLA TELE CANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILE E' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SA Tordi e beccacce tra le grinfie della politica Donne cacciatrici piene di fascino predatorio Italiani confusi su caccia e selvaggina Storia di una particella cosmica Vegani per moda Anime e animali MUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur Smith CHI LA VUOLE COTTA, E CHI.... Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsa ZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA! E se anche le piante provassero dolore? PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMA Momenti che non voglio scordare Anticaccia? Parliamone CACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELE CATIA E LA PRIMA ESPERIENZA CHIARI AVVERTIMENTI PIU' VIVA E PIU' AMATA ECCE CANEM DE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTI IL CATALOGO E' QUESTO.... CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIA ISPRA. UN INDOVINO MI DISSE... MIGRATORI D'EUROPA L'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggio MIGRATORISTI GRANDE RISORSA Fauna ungulata e vincolismo ambientale Decreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTRO Ai luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIO SPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHI DOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVE Biodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLA Le specie invasive ci libereranno dall'animalismo EUROPEE: SCEGLIAMOLI BENE La rivoluzione verde è nel piatto La caccia al tempo di Facebook SOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposo COSE SAGGE E MERAVIGLIOSE AMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDO C'ERO UNA VOLTA ALL'EXA QUESTA E' LA CACCIA! EUROPA AL RISVEGLIO TOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLA CACCIA LAZIO: quali certezze? ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTI UNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILE LO DICO COL CUORE IL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E' I veri volontari dell'ambiente DIAMOGLI CREDITO PROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIA Ambientalisti italiani, poche idee ma confuse Anche National Geographic America conquistato dalle cacciatrici Più valore alla selvaggina e alla caccia Il cinghiale di Colombo Porto di fucile - NON C'E' MALE! PAC & CACCIA LILITH - LA CACCIA E' NATURALE Effetto protezionismo Ispra: il caso beccaccia Il grande bluff dei ricorsi anticaccia COME FARE COSA FARE Supermarket society Romantica Tipi di comunicazione: C'E' MURO E MURO Ambientalisti sveglia! Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggiose SPRAZZI DI SERENO POINTER E NON PIU' SOGNO DI CACCIATORE UN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPO RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORI LA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOON ALLA FIERA DELL'EST VOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNA IL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI “Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunistico CACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISI Partiamo dalla Toscana ITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la caccia C’ERA UNA VOLTA… I cacciatori nel regno delle eterne emergenze Gli ambientalisti e la trave nell'occhio Addio alle rondini? L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato) ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI..... SUCCEDE ANCHE QUESTO BASTA ASINI AMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di Diana TOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTO ALLARME DANNI DANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga… STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA “L'ipocrisia delle coscienze pulite” UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALE CACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA' ZONE UMIDE: CHI PAGA? Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA SPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLE La Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’albero A SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo così NEORURALI DE NOANTRI FRANCIA MON AMOUR LA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIA TERRA INCOGNITA L’Italia a cui vorrei fosse affidata la caccia La marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVE COLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI? DIVERSA OPINIONE IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE Opinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!! A CACCIA A CACCIA!!! PROVOCAZIONI Estate di fuoco MISTIFICAZIONI SICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTO Sostenibili e consapevoli! COLPI DI SOLE COLPI DI CALORE Aiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti! TECNOCRATI? NO ESPERIENTI LA RICERCA DIMENTICATA PARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'! Orgoglio di contadino Campagna o città? CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRI CALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERE CONFRONTO FRA GENERAZIONI LA CACCIA CHE SI RESPIRA Rapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNO MUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà? Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga... DELLE COSE DELLA NATURA Cultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'Italia Il nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalisti LA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀ PAC IN TERRIS UCCELLI D'EUROPA GIRA GIRA..... STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNA TOCCA A NOI! CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLO IL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIA VERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTO PROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZA BECCACCE DI BEFANA CACCIA, FASE DUE PROVOCAZIONI DI FINE D’ANNO RICERCA RICERCA SPIGOLATURE DI NATALE Dai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONE NON ERA AMORE Finalmente autunno Il paradosso dell'Ispra IL PIANETA DEI CACCIATORI Le caste animali A CACCIA ANCHE DOMANI A CACCIA SI, MA DOVE? ORGOGLIO DI CACCIATORE Per il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIA APRE LA CACCIA! Amico cacciatore, guarda e passa Riforma sui Parchi in arrivo? E i cuccioli umani? MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATE LA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenza Il Pointer e la caccia Col cane dalla notte dei tempi Contarli, certo, ma come? Questa è una passione! IL PENTOLONE LA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE NON SOLO STORNO QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI La lezione di Rocchetta di Vara BASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITI CORONA L'ERETICO Cacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medaglia Deroghe: non è una missione impossibile AMBIENTALISMO E' CULTURA RURALE Sei il mio cane ALLE RADICI DELLA CACCIA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIA COME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA... BOCCONCINI PRIMAVERA CACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERE COMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIO QUESTIONE DI CALENDARIO LA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIA PRENDIAMO IL MEGLIO BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA TUTTI A TAVOLA RIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRE LA CACCIA SERVE. ECCOME! METTI UNA SERA A CENA Urbanismo e Wilderness: un confronto impari CONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEET GIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANI IL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in Italia Accade solo in Italia? L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza FRA STORIA E ATTUALITA' Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro “Solo” una passione Tra ideologia e strategia politica IL CATALOGO E' QUESTO TORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTO DA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro Brambilla Italiani ignoranti della caccia CACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNA Ed il giorno arriva DEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE! PRE-APERTURA DI CREDITO Domani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONE Alcune riflessioni sulla caccia in Italia Divagazioni per una rivoluzione culturale La senatrice Adamo va alla guerra PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci) Calendari venatori. Le bugie degli ambientalisti Un'arte chiamata caccia AREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLA Animalismi e solitudini In un vecchio armadio STAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODO Belli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI! Ieri, mille anni fa, io caccio Cosa mangiano gli animali degli animalisti? SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA MOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVO ORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICO Aerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo” ALL'ARIA APERTA! Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIA IPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOI IN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA! RIFLESSIONI DI UN PEONE IL PAESE PIU' STRANO DEL MONDO Fuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALE E Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTO L'Enpa insulta i cacciatori SELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIA America: un continente di vita selvaggia LA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezione LA CACCIA COME LA NUTELLA? LUPO, CHI SEI? Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no? TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGE A caccia con L'arco... A caccia con la storia... Interpretazioni e commenti di nuova concezione 10 domande ai detrattori della caccia IL BRIVIDO CHE CERCHIAMO La caccia come antidoto alla catastrofe climatica Per una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNARO CONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIA Caccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perduta Allarmismo e vecchi trucchetti Ancora Tozzi ? REALISMO, PRIMA DI TUTTO Le invasioni barbariche APERTURA E DOPO. COSA COME QUANDO Piombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquatici Di altro dovremmo arrabbiarci I GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecnici Un rinascimento ambientale è possibile Gelosi e orgogliosi delle nostre tradizioni LA CACCIA SALVATA DALLE DONNE? Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars Venandi Tutto e il contrario di tutto DALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO... IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATO La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova Tutti insieme... magicamente Ambiente: una speranza nella caccia SOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTA La Caccia ha bisogno di uomini che si impegnano LA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDO Il capanno: tra architettura rurale e passione infinita DONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANA EUROPA EUROPA VICINI ALLA VERITA' Beccaccia sostenibile CACCIA E SOCIETA' Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNI PARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidato CACCIA ALL'ORSI ORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORI UN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORI Ridiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevole Il cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia. 157: PENSIERI E PAROLE MA COS'E' QUESTA CACCIA? 157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONE MIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARE CINGHIALI CHE PASSIONE La cultura cinofila ATC DIAMOCI DA FARE Il vitello che mangi non è morto d'infarto! Ripensare la caccia? PER UN FUTURO DELLA CACCIA QUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONA PUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAM Un nuovo corso per gli ungulati Siamo noi le Giubbe Verdi Ruralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina La caccia secondo Giuliano, umorista de La Repubblica Questa è la caccia Il cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumi La cinegetica e la caccia col cane Gestione e tradizione BASTA TESSERE AMAR...TORD E il beccafico perse la via del nord Dimostriamo credibilità Apertura passione serenità editoriale - Fucili italiani come le ferrari Orgoglio di Cacciatore I Tordi e le Beccacce La Caccia è Rock

Editoriale

Contarli, certo, ma come?


lunedì 18 luglio 2011
    
Danilo Liboi “I caprioli sono troppi” oppure “non ce ne sono più, sono troppo pochi”. Quante volte abbiamo sentito queste asserzioni? Ma che cosa vuole dire troppi o troppo pochi? Rispetto a cosa? Ma più che altro, quali sono stati gli strumenti utilizzati per poter fare queste affermazioni? Il più delle volte queste frasi vengono ripetute solo perché sentite nei soliti discorsi da bar, pronunciate dai soliti tuttologi, che approfittando del livello di conoscenza e di cultura, tragicamente tendente al ribasso, diventano degli opinion leader, facendo un sacco di danni.
 
La stima delle consistenza delle popolazioni è il fiore all’occhiello, il principio fondante della caccia di selezione. Malgrado una (per fortuna oggi sempre meno diffusa) tendenza molto tipica del Nord-Est italiano a non effettuare censimenti (meglio definirli stime numeriche), “adattando” il piano di prelievo al numero dei soci della riserva e basandolo sulle serie storiche e sul rapporto numero di capi prelevato/numero delle uscite effettuate (metodo pagato a caro prezzo), il conteggio del numero degli animali è un dovere sia nei confronti di noi stessi, sia della cosiddetta “società civile” che, giustamente, pretende di essere informata sull’andamento e sulla gestione di un bene comune (ricordiamo sempre che la fauna selvatica è patrimonio indisponibile dello Stato). Non può esistere caccia di selezione senza stime numeriche, questo è assodato, ma è altrettanto importante effettuare conteggi che offrano risultati il più possibile veritieri, che diano un quadro realistico della situazione.
 
Le stime effettuate per avvistamento diretto sempre dallo stesso numero di operatori e di stazioni, nei medesimi giorni dell’anno, è vero che possono offrire un trend demografico (non il numero reale, ma l’andamento della popolazione), ma è altrettanto vero che se sono intervenuti cambiamenti sostanziali nella destinazione del territorio (colture, rimboschimenti naturali e non ecc.), se sono aumentate altre specie in competizione territoriale e alimentare, se sono ricomparsi i predatori naturali come il lupo e, in misura molto minore, la lince, se la pressione venatoria stessa ha modificato le abitudini delle specie, è necessario adattare il modo con cui vengono effettuate le stime numeriche all’attuale situazione. Vero, più lunghe sono le serie storiche e più risultano attendibili; ma a che cosa serve una serie storica lunga se i metodi di conteggio non sono più consoni ai cambiamenti subiti dal territorio e non sono più adatti a monitorare l’andamento di specie che hanno profondamente mutato il proprio comportamento adattandolo alle nuove realtà? Dopo decenni di prelievi effettuati quasi tutti a carico della popolazione più visibile, quella abituata a frequentare assiduamente le zone aperte (perché faticare quando si possono tirare i caprioli vicino alle strade o direttamente “dalle” strade?) è piuttosto ovvio che, anche sul cosiddetto “primo verde”, non vedremo più lo stesso numero di caprioli di un tempo. Abbiamo involontariamente (ma credo avrebbe potuto essere previsto) influenzato la selezione naturale, agevolando i caprioli abituati a vivere la maggior parte del tempo in bosco e penalizzando i soggetti abituati a frequentare spazi aperti. A questa “selezione” ha contribuito fortemente il ritorno del lupo, che in pochi anni ha cambiato radicalmente le abitudini degli animali, in particolar modo dei caprioli, abbassandone drasticamente l’osservabilità oltre che, in misura molto minore, il numero. Il momento di criticità che sta vivendo in molte zone il capriolo è certamente anche dipeso dall’aumento esponenziale del cervo, che continua a essere gestito in modo scandaloso in troppi distretti di caccia, in particolar modo nell’arco alpino occidentale. Ma tornando al lupo, ormai additato come principale responsabile della diminuzione del capriolo, come possiamo non affermare che è proprio questo predatore l’unico a effettuare una selezione vera sulle popolazioni? Ci lamentavamo che i caprioli erano troppi, che “fare” dieci o venti caprioli a testa aveva trasformato la caccia in un lavoro. Ora ci lamentiamo che sono troppo pochi, che è diventato difficile trovarli.
 
Ci lamentiamo sempre. Ma a prescindere dalle contraddizioni che da sempre caratterizzano il mondo venatorio e che ci rendono sempre meno credibili e affidabili agli occhi del mondo, una realtà nuova ha assunto un’importanza vitale: le abitudini dei caprioli sono cambiate ed è necessario adattare i metodi di effettuazione delle stime numeriche per poterci basare su dati attendibili. E in questa operazione non può che assisterci il mondo scientifico, con l’apporto determinante del sapere di tecnici faunistici preparati e competenti, mirato alla gestione faunistico-venatoria: quando si ritiene di avere un problema si va da uno specialista non da un tuttologo. Una nuova sfida ci attende: mettiamo da parte gli interessi di bottega e contribuiamo attivamente alla gestione con i mezzi che individualmente possiamo mettere in campo, perché è in gioco la nostra credibilità e con essa la nostra sopravvivenza.

Leggi altri Editoriali

27 commenti finora...

Re:Contarli, certo, ma come?

Gentile Sig. Enrico, lei ha ragione, però in rete può succedere di tutto e , in fondo, è anche bello che questo accada. Anche al sottoscritto( che ci mette la faccia) sono state mosse delle offese poco simpatiche ma , fa parte del gioco. Giustamente, l'amico Danilo , non ha cancellato nessun intervento e questo gli fa molto onore sopratutto ,perchè, è molto preparato in materia e non teme di certo i confronti con nessuno. Saluti Marco in rete tutto è possibile e poi non mi sembra che siano state dette cose cosi brutte.

da Marco Fabbri 25/07/2011 17.56

Re:Contarli, certo, ma come?

Enrico garelli non è nessuno di importante...Il punto è che dietro una tastiera anonima son sempre tutti professori e fenomeni...

da Enrico Garelli 25/07/2011 17.29

Re:Contarli, certo, ma come?

e chi è enrico garelli ??

da Claudio 25/07/2011 17.21

Re:Contarli, certo, ma come?

Grande Ettore! Tra l'altro, qui, tutti "mart" "pirt" "zizì" e zazà"... Evidentemente metterci la faccia con nome e cognome è più complicato...

da Enrico Garelli 25/07/2011 16.19

Re:Contarli, certo, ma come?

@ mart. Grazie per il ragazzetto, segno che i miei 44, quasi 45, li porto benino. Qualora scendendo dai monti mi perdessi e non funzionasse il navigatore... la contatterò. "Andare in natura" di Franco Perco è un libro impegnativo. Che sia lungimirante e saggio lo scoprirà prima o poi anche lei, temo con qualche anno di ritardo...

da Ettore Zanon 25/07/2011 12.42

Re:Contarli, certo, ma come?

Giornalisti...mezzi cacciatori... tutti !

da mart 25/07/2011 11.02

Re:Contarli, certo, ma come?

Liboi e quelli come lui rovinano la caccia. Finalmente avete spostato in archivio questo inutile per non dire ridicolo editoriale

da SONY 25/07/2011 10.37

Re:Contarli, certo, ma come?

gentile francesco...lei ha citato tre personaggi che dire faziosi è dir poco...il perco poi ha scritto un libro sulla "fruizione" della montagna che è un delirio...zannon chi è? un ragazzetto che se scende dalle montagne neppure riconosce la strada di casa... meneguz... non si è mai visto in appennino... lei parla di dieci anni fà...ma lei dove va a caccia?? ma sa quanti siamo auementati? la situazione è la stessa siamo più cacciatori...si metta a contare anche lei...per favore! saluti

da mart 25/07/2011 10.09

Re:Contarli, certo, ma come?

Che dire, realta fotografata bene se non ottimamente dall'editoriale ! come al solito escono commenti deliranti, che dicono : " non è vero non è cambiato nulla"..." questo chi è , che si permette di scrivere cosi"...ecco qui se uno non sa chi è Danilo, è una persona poco informata..preciso ; ogniuno di noi che si vuole aggiornare, oltre ai corsi nuovi da frequentare , terra d'okkio anche la stampa specializzata , visto che escono in continuazione articoli scientifici di Perco ,Meneguz ecc Zannon ecc ..oltre a quelli tecnici..Cosi facendo sei anche conscio delle battaglie che questi signori portanio avanti, anche per te che non lo conosci caro amico , magari decidi di dargli il tuo appoggio, a volte lo critichi anche perchè non sei in sintonia totale con loro...ma se il tutto è fatto in maniera civile si può fare....Però caro amico( riferito a chi non è in sintonia , liberissimo di essere e farlo, con l'editoriale )fai cosi, permettimi di darti un consiglio; LA pulce nell'orecchio ti è stata messa , si ? allora controlla dai un occhio , se è tutto come 10 anni fa o è cambiato , ricontrolla i tuoi appunti guarda gli animali che hai avvistato anni fa , e confrontali con quelli dell'anno scorso...poi tira le somme !! ecritica pure se non noti nulla di diverso, sara un tuo diritto . Pero onestamente penso che di critiche ne avrai da fare ben poche ...un cordiale saluto a tutti

da Francesco G 25/07/2011 8.50

Re:Contarli, certo, ma come?

SIGNORI GUARDATE E DIVULGATE ECCO IL LEADER DI CENTOPERCENTOANIMALISTI.COM http://imageshack.us/photo/my-images/9/aahhhz.jpg :D

da Alex 24/07/2011 22.39

Re:Contarli, certo, ma come?

Gentile signor Old Hunter, così come tutti i cacciatori del FVG; mi scuso per la mia mancata precisione (accolta però con un briciolo di coda di paglia da parte vostra...). Da cittadino del Nord Ovest (Piemonte), quando parlo di Nord Est non mi riferisco esclusivamente, come forse dovrei, al Triveneto, ma anche al Trentino Alto Adige. Lei scrive: "il nome Perco vi dice nulla?" certo, mi dice molto, in particolar modo quello di Franco Perco, che ho l'onore di poter definire un vero amico. E a questo proposito la invito a leggere l'articolo sulle stime numeriche (usare il termine censimenti è un po' pretenzioso, come lei ben saprà) apparso su Caccia Alpina proprio a firma di Franco Perco: alcuni spunti del mio editoriale (quelli riferiti al Nord Est) sono stati proprio ispirati dai suoi scritti. Se non riesce a trovarli me lo faccia sapere, in modo che possa trovare il modo di farglieli avere. Per tutti gli altri che hanno fatto interventi più o meno civili, più o meno maleducati (Bitossi, io non censuro nessuno, ma mi permetto e mi permetterò sempre di esprimere una mia opinione, che le piaccia oppure no) proprio non so che dire: nella gestione, in particolar modo dei caprioli, sono impegnato quasi a tempo pieno, quindi: se vogliamo aprire un dibattito su quali sono i problemi e le situazioni virtuoso ben felice e disponibile, se invece si tratta solo di dar aria alla bocca (meglio alla tastiera...) e parlare di cose che non si conoscono punto, il web è pieno di forum dove il livello è così basso che anche un incompetente può passare per un opinion leader... Buona serata a tutti.

da Danilo Liboi 24/07/2011 19.03

Re:Contarli, certo, ma come?

mah! Da come scrive questo Liboi mi par di capire che non ne sappia molto di cose di caccia. Forse ha scritto così per provocare il dialogo, boh!

da elio52 24/07/2011 17.36

Re:Contarli, certo, ma come?

Appunto sui piani censiti!! quali sono quelli reali? Lei fa confusione...

da mario 22/07/2011 17.14

Re:Contarli, certo, ma come?

Mi sembra che sia stata fatta una gran confusione Se taro il piano di abbattimento sui capi censiti non c'è nessun problema. Abbattere il 30% dei capi censiti non intacca mai il capitale Se ne censirò pochi ne avrò pochi da abbattere. Ma è chiaro che ,in condizioni normali, in pochi anni aumenteranno, e di conseguenza aumenteranno i capi censiti e i piani di abbattimento

da bosco64 22/07/2011 16.00

Re:Contarli, certo, ma come?

In Appennino i cacciatori a palla sono aumentati in modo molto esponienzale, forse - il Sig. Mario - non ha proprio tutti i torti. In ogni caso, per censire "abbastanza" correttamente una popolazione lo sappiamo tutti come dobbiamo procedere . Occorre molto più tempo, personale ,mezzi e tecnici. Il selecontrollore fa quello che può e , per me,lo fa bene. Poi ci sono province più organizzate dove il volontariato fa miracoli altre meno. In fondo per un paio di capi all'anno non è che si può chiedere la luna. Certo, forti della passione, dovremmo mettere tutto in seconda fila. Ma non tutti hanno la possibilità di bruciare pieni di benzina , tempo al lavoro, alla famiglia, ecc. Sulla bilancia mettiamo anche i problemi reali , della gente comune che dopo aver messo passione e lavoro , si vede decimare una popolazione di animali dagli assurdi e ridicoli piani di controllo in nome di due radicini e tre pomodori ! Chi legge i miei articoli , sa bene che sono contro questo tipo di intervento! se c'è un problema sono i selecontrollori che lo DEVONO risolvere , non le guardie o un mainipolo di "affecionados" ! Vabbè, lasciamo perdere. La situazione a cavallo delle marche - romagna , toscana e la situazione non mi sembra cosi drammatica, anzi. Il lupo, a mio avviso, non è un problema e mai lo sarà . Ciao Old!

da Marco Fabbri Caccia + 20/07/2011 14.13

Re:Contarli, certo, ma come?

In fatto di tuttologi, Liboi ne è il maggiore rappresentante. Ma mandatelo a lavorare una buona volta altro che sparare m@n@te!

da CACCIA FVG 20/07/2011 2.32

Re:Contarli, certo, ma come?

No, il numero dei cacciatori è notoriamente in discesa, solo che molti di quelli che in passato cacciavano in tradizionale (ungulati compresi ...) si sono "convertiti" alla selezione. Il che non è certo un male. Ma che sia questo il problema, non credo proprio.

da OLD_Hunter 19/07/2011 17.51

Re:Contarli, certo, ma come?

oltre al cervo , il lupo , le linci , i bracconieri , i politici , gli amministratori... non è che i selecontrollori siano notevolente aumentati negli ultimi anni?? o no??

da mario 19/07/2011 16.00

Re:Contarli, certo, ma come?

Luca....chi è sto liboi dici, come non sai chi è liboi. è uno dei massimi esperti di caccia agli ungulati,in italai e all'estero, nonchè censore di foto che ritraggono personaggi a lui non simpatici.

da alessio bitossi 19/07/2011 15.01

Re:Contarli, certo, ma come?

Non è il lupo non cambia le abitudini dei caprioli ne il loro numero in modo significativo. Io penso che il vero problema sia il Cervo. Senza fare congetture, posso solo raccontare la mia esperienza diretta in una "famiglia" della vicina Slovenia (dove i censimenti li fanno ... nel continuo !). Premetto che in quelle zone (assolutamente NON urbanizzate) "sparare dalla strada" è sempre stata quasi prassi comune e comunque ampiamente tollerata. Questa la situazione una decina d'anni fa, quando ci arrivai. I caprioli abbondavano, in una mattina a zonzo con l'auto ne vedevi facilmente anche 30 o 40. Lupi e linci : il loro avvistamento era considerato un avvenimento. Cervi, zero. Situazione lo scorso anno. Urbanizzazione, come 10 anni prima. Situazione ambientale, intesa come rapporti bosco/prato/coltivo, praticamente immutata. Lupi e linci continuano ad essere un avvenimento. Cervi ? Quanti ne vuoi ! Ed i caprioli ? Si sono dimezzati ! Caprioli che, nonostante tutti gli "abbattimenti sul prato", continuano a frequentare sempre gli stessi prati, a farsi sparare sempre negli stessi posti e non hanno minimamente cambiato le loro abitudini. Intendiamoci, i piani di abbattimento (da sempre non proprio generosi) si fanno sempre, ma senza dubbio le difficoltà per il capriolo sono molto cresciute rispetto a 10 anni fa. In compenso, nel periodo del bramito, chi ha la casa vicino al bosco non dorme più, femmine e piccoli che ti attraversano la strada al mattino e di notte e trovare il "coronato" non è certo più un impresa. Peccato che i piani di abbattimento del cervo siano rimasti a livelli da ... specie in estinzione ! Questo lo trovo scioccamente scandaloso, ma è una realtà che ho riscontrato un po' dappertutto. Capisco che il Cervo sia un'animale ritenuto molto "nobile", ma rendiamoci conto che la sua presenza porta in breve tempo alla quasi scomparsa del capriolo. Con buona pace di lupi, linci, bracconieri ecc. ecc.

da OLD_Hunter 19/07/2011 12.18

Re:Contarli, certo, ma come?

Io ho visto gente esterna al mio ATC che senza aver visto un capriolo sulla scheda ne ha segnati 10, perforza che poi anche se non ci sono capi ne risulta un aumento a loro basta venire qui a caccia e pergiunta sparano non solo ai caprioli tanto durante la stagione cacciano a casa loro.

da Cacciatore Indignato 19/07/2011 11.47

Re:Contarli, certo, ma come?

i soliti fanatici giornalisti di serie C ..

da mart 19/07/2011 8.45

Re:Contarli, certo, ma come?

Scusate si mi intrometto nella dotta disquisizione,ma se i censimenti sono fatti in questa maniera cialtronesca, come mai ci sono sempre capi da abbattere ? forse tanto sbagliati non sono,o no ?

da vico 18/07/2011 20.43

Re:Contarli, certo, ma come?

Condivido quanto detto da OLD Hunter - Chi è sto Danilo Liboi che mette in dubbio la qualità dei censimenti fatti nel nord-est. Sicuramente ci sarà, come in tutte le cose, qualche mela marcia, ma ritengo che la stragrande maggioranza delle Riserve di caccia del Nord-Est, parlo del FVG, faccia censimenti corretti e altrettanto corretti prelievi, siano essi effettuati in caccia di selezione che in caccia con i cani da seguita. Ogni Distretto venatorio coordina i censimenti agli ungulati nelle varie Riserve di caccia e Aziende Faunistico Venatorie che vengono effettuati (da diversi cacciatori molte volte assieme ai Tecnici Faunisti della Regione e al Corpo Forestale Regionale) nelle stesse giornate ed orari in modo da non censire gli stessi animali in + Riserve o AFV. I prelievi vengono poi effettuati in base a precise stime sulla reale consistenza, e non in base ai Soci iscritti alle Riserve (basti pensare che Riserve di 50/60 Soci si trovano a prelevare 8/10 animali)inoltre i piani di abbattimento realizzati dalle Riserve e dalle Aziende Faunistico Venatorie corrispondono al 99,99 % con i piani di prelievo autorizzati. Ogni anno a fine stagione le varie commissioni verificano le mandibole dei capi abbattuti, che poi vengono esposte assieme ai trofei nelle varie mostre. Il tutto viene fatto con estrema diligenza ed eventuali difformità riscontrate vengono penalizzate nella successiva stagione sia sulle Riserve che sui cacciatori. Ritengo pertanto che prima di parlare o muovere inutili "accuse" bisognerebbe verificare le cose e non spararle a caso.

da Luca 18/07/2011 19.10

Re:Contarli, certo, ma come?

Da noi nell'ATC SV3 i cacciatori non residenti nell'ATC e arrivano da canicatti hanno distrutto un patrimonio che noi del posto avevamo sempre rispettato, ma visto che i censimenti oramai li fanno solo loro, perchè noi del posto ci siamo stufati di farci prendere in giro, ne vedono uno e ne segnano 10 e così stanno sterminando i caprioli.

da Cacciatore Indignato 18/07/2011 15.07

Re:Contarli, certo, ma come?

Eh, no ... Stavolta non ci stò ! Per cominciare vorrei ricordare a tutti quelli che se fossero scordato che la caccia di selezione è nata nel nord-est, nel Trentino Alto-Adige e nella provincia di Trieste, mutuando forma di caccia da sempre fatte nella limitrofa Austria e Slovenia, da sempre prese ad esempio di oculata gestione faunistica degli ungulati e che è stato proprio in questa realtà che si sono formati fior fiore di veri esperti ( il nome Perco vi dice nulla ?). E cosa devo leggere in un editoriale di un sito che stimo moltissimo dove, parlando di censimenti del capriolo, dice "Malgrado una (per fortuna oggi sempre meno diffusa) tendenza molto tipica del Nord-Est italiano a non effettuare censimenti (meglio definirli stime numeriche), 'adattando' il piano di prelievo al numero dei soci della riserva e basandolo sulle serie storiche e sul rapporto numero di capi prelevato/numero delle uscite effettuate (metodo pagato a caro prezzo)" ... Ma quando mai !!! ??? I censimenti nelle nostre riserve di diritto (che è cosa ben diversa dalle "riserve di caccia" a pagamento ...) si fanno da SEMPRE secondo i criteri che meglio si adattano alle singole realtà territoriali delle riserve stesse. Il che ci ha portato ad avere, in parecchie realtà come, p. es. il Carso triestino/sloveno, una sovrabbondanza di caprioli, altro che "metodo pagato a caro prezzo" ! Certo, come in tutte le realtà ci sono i casi virtuosi e quelli meno, ci sono riserve gestite meglio ed altre peggio, quelle dove il bracconaggio è praticamente inesistente e quelle dove invece è la norma, ma questo è nella naturalità delle cose. Vogliamo parlare di serie storiche ? Beh, io penso che siamo noi nel Nord-Est ad avere le serie storiche più lunghe di tutti ... Scusate lo sfogo, ma mi sono sentito davvero punto sul vivo !

da OLD_Hunter 18/07/2011 11.09

Re:Contarli, certo, ma come?

RAGAZZI AVETE VISTO TG2 DOSSIER SABATO SERA TARDI,PARLAVA DEL DISTRETTO ARMIERO DI BRESCIA,HANNO INTERVISTATO E FATTO VEDERE,BERETTA,PERAZZI,PEDERSOLI,E FIN LI TUTTO BENE,POI HANNO COMINCIATO A "SPARARE SULLA CACCIA",ROBA DA PAZZI,DAL SINDACATO DI POLIZIA,A TUTTE LE PSEUDO ONLUS,IL NUOVO PRESIDENTE DELLA LIPU HA PROPOSTO DI PAGARE 2 ANNI DI POLIGONI A CHI NON RINNOVA LA LICENZA,IMMANCABILI POI LE VITTIME DELLA CACCIA.....LI ABBIAMO TUTTI CONTRO,INCREDIBILE........

da max1964 18/07/2011 9.26