Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Massimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIL'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?LA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaDonne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA


lunedì 31 gennaio 2011
    
Bellezza e AmbienteL'ambiente e la bellezza, per dirla ancora con Hans Magnus Enzensberger, sono beni preziosi. E ancor più preziosi saranno nel prossimo, prossimissimo futuro. Soprattutto per noi, che per la caccia viviamo. Lo voglio ricordare, richiamandomi di nuovo alle recenti note di Stefano Masini,  perchè mi dispiacerebbe trovarmi fra non molto a rimpiangere un passato, trascorso ad arrabattarmi nella ricerca - in gran parte inutile - di quella felicità che oggi tutti noi tocchiamo, assaporiamo ogni volta che fucile in spalla lasciamo la macchina e ci immergiamo in un sogno. Chi con il cane, chi col binocolo, chi in un capanno, chi in botte.

La bellezza, dicevo. E mi viene in mente, come a tutti noi, la tavolozza dell'alba. La luce prima tenue e poi sempre più decisa che fa da contrasto ai contorni scuri dei monti, dell'orizzonte lontano, delle fronde di un albero. E quella del tramonto. Nel rosso infuocato che tutto brucia fino a precipitarsi in un azzurro profondo punteggiato dagli astri, nostri compagni nella notte. E prima dell'alba, e dopo il tramonto, i mille suoni del silenzio. Il vento, un soffio tenue, leggero, una carezza che ci richiama dal torpore. Una folata impetuosa, fredda, pungente, carica di acqua, di ghiaccio, che ci lega a una stagione forse solo a noi veramente grata. I richiami di uccelli nascosti. L'esplosione della primavera di un tordo in gabbia, lo schiamazzo di una gallinella nel canneto, il ragliare delle anatre alla cavezza nel chiaro. Il soffio di ali misteriose che ci fanno sobbalzare alla ricerca di un frullo. Il chioccolare di un merlo. Il bramito profondo di un cervo. Un mestolone che soffia, un marzolo che sgretola. L'allodola che pigola al sole. La starna che richiama i compagni. Non è bellezza questa? 

E i colori? Quelli sgargianti dei maschi, gli altri tenui delle femmine. Le piume di un fringuello, la marezzatura del dorso della beccaccia, le teste sgargianti dei fagiani, dei fischioni, dei germani, dei moriglioni, il contrasto della livrea bianconera nella linea elegante di un codone. La pupilla di una lepre, l'ovatta delle piume di un gufo, lo zuccotto tabacco di un frosone, il petto screziato di una tordela.

Una bellezza, quella della natura, che canta le lodi del creato in ogni angolo della terra, nelle profondità degli abissi, in tutte le espressioni dolci e tragiche della vita. Una leonessa che carezza i suoi cuccioli, una pantera che insegue la sua gazzella, una pupa che diventa farfalla, un pellegrino che ghermisce un colombaccio. Un bosco che ingiallisce. Un leccio che muore nella morsa di un'edera crudele.
 
Ricordo un vecchio film di fantascienza. In una realtà futuribile, ma molto probabile, su un pianeta ormai coperto dall'acciaio e dal cemento, il cibo scarseggia. Il governo mondiale promuove  l'eutanasia per riciclare la carne umana in “polpette”. Uno dei tanti anziani è perplesso, non se la sente di morire prima del tempo. Lo convinceranno non con l'ultimo pasto, ma con la proiezione di un documentario “proibito”, con le immagini di una terra che, molto tempo prima, da giovane, era stata per lui il cibo dell'anima. Visioni  incantate, dove ognuno di noi, oggi ancora riconosce le meraviglie indicibili drammaticamente e intimamente impastate del sudore dell'uomo. L'armonia del paesaggio, cioè, l'insieme di natura e cultura, i boschi, i campi, le messi, quella selvaggina, fino a poco tempo fa definita “pregiata”. Una messe anch'essa, da raccogliere nella giusta stagione. Nel rispetto dello stretto legame tra uomo e territorio, tra territorio e animali.

Una verità che noi conosciamo da sempre, ma per il quale, per spiegarlo alle odierne masse inconsapevoli si inventano nuove definizioni. Biodiversità, per esempio. Una parola di cui tutti si riempiono la bocca, spesso collegandola a una cultura rurale, che oggi purtroppo è stata stravolta, lontana  anni luce da quella di un mondo, il nostro di un tempo, in gran parte sacrificato sull'altare della modernità. Dell'industria agricola, che ha eliminato siepi, piallato i campi terrazzati, cementificato gli alvei di fossi e ruscelli, disconosciuto le sagge pratiche millenarie della regimazione delle acque, della diversificazione delle colture (l'orto, il campo, la vigna, l'oliveto, il canneto, i salici lungo il fosso, la quercia in cima a un poggio, il filare di cipressi per reggere una proda, una strada, il bosco, la carbonaia; il podere “formato famiglia”), deturpato il paesaggio. Trasformato radicalmente l'ambiente rurale, regola antica del respiro della terra.

Una ricchezza intima, interiore, che noi cacciatori forse  più di qualsiasi altro, sappiamo essere sempre più rara, nel momento stesso in cui ci accorgiamo che gli altri, quelli che a gran voce ne denunciano la scomparsa, occupati nella ricerca di un colpevole a basso costo, in verità ben poco fanno perchè ciò non accada.
 
Un appello? Continuiamo a vivere con entusiasmo la nostra passione. Siamo nel giusto quando ci adoperiamo per difendere le scelte dei nostri padri. Impegniamoci ancora per  una caccia seria, equilibrata, consapevole. Andiamo alla radice del problema. Denunciamo le storture di un modo di vivere, di un mondo  che si professa  ambientalista, ma che ci sta guidando verso il disconoscimento di quella profonda umanità della nostra cultura millenaria, ricca di tradizioni, di saggezza, di  conoscenza delle leggi che regolano la natura. Una natura ormai non più wilderness (selvaggia), da tempo immemorabile, ma orientata invece verso un uso sapiente, responsabile, che fino ad oggi ci ha consentito di raccogliere gli interessi e di salvaguardare il capitale.
Leggi altri Editoriali

15 commenti finora...

Re:BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA

Grande!! Giuliano e non c'è vegan che tenga,poi il coraggio di esporre il nome propro no?

da Vittorio Cavaliere-Bari. 02/02/2011 19.35

Re:BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA

CHE BELLO IL MONDO RURALE!! CHE TRISTEZZA E INVIDIA CHE HA VERSO DI NOI IL MONDO METROPOLITANO!

da ATTILIO 02/02/2011 19.29

Re:BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA

Purtroppo: Purtroppo non sovvien nulla allo stolto, la cui mente giace nel baratro dell’ignavia e solo un verso pietoso gli può dar vita.

da Fromboliere 02/02/2011 11.10

Re:BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA

suguito: Le piante, in prossimità di forti temporali, secernono una sostanza che rende più flessibili i loro rami, e ciò avviene proprio perché, grazie ad una informazione sensoriale proveniente dall'esterno (mutamenti atmosferici) si determina in esse l'emozione che provoca una reazione fisiologica atta a secernere questa sostanza. Tutto ciò avviene per istinto di conservazione, proprio di tutti gli esseri viventi. : Dott. Valerio Sanfo Presidente di A.E.ME.TRA. Associazione Europea di Medicine Tradizionali Via Principessa Clotilde, 77 10144 Torino Tel. e fax 0114375669 info@aemetra-valeriosanfo.it Per vegan ecco la risposta ad una tua compagna di "merende"

da Nato cacciatore 02/02/2011 8.44

Re:BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA

Cara stefania fai bene a non rispondre, eviti di dire sciocchezze. <> LA MACCHINA CHE FA PARLARE LE PIANTE Ogni volta che una pianta deve modificare il suo comportamento fisiologico, ad esempio aprire maggiormente gli stami per aumentare la traspirazione, deve obbligatoriamente valutare il grado di umidità presente nell'ambiente, elaborarlo e reagire di conseguenza. Tutto ciò è possibile solo con la presenza di una coscienza ambientale. Lo stato di coscienza è legato sempre e comunque ad una comparazione e ad una emozione. Quindi il regno vegetale, al pari di quello animale, vive di gratificazioni e di penalizzazioni. Sappiamo che ad ogni stato emozionale (per l’attività elettrochimica) corrsiponde una variazione di differenza di potenziale e di conseguenza anche di resistenza elettrica. Se si collega una pianta ad un comune Biofeedback si notano delle reazioni bioelettriche, proprio come nell'animale e nell'uomo. Queste, per deduzione, possono essere positive o negative; così lo stato emozionale che si instaura in un cane dandogli il cibo, viene sicuramente interpretato come di piacere, al contrario invece, se si malmenasse l'animale. Come negli animali, così anche nelle piante avvengono delle modificazioni fisiologiche che rendono l'essere adattabile all’ambiente che lo circonda.

da Nato cacciatore 02/02/2011 8.40

Re:BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA

Purtroppo nella caccia non c'e' poesia.....solo animali braccati,uccisi.

da Vegan 02/02/2011 5.33

Re:BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA

Lo vedremo mai un ATC, che oltre a comprare polli colorati, si costituisce in giudizio contro una cava abusiva, un bracconiere oun abusivista edile ? Fatti, non chiacchere, così si può gridare a testa alta.

da Pelagos 01/02/2011 18.08

Re:BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA

Si,sono sensazioni d'altri tempi. Che oggi sono racchiuse nel cuore di chi l'ha vissute o ne ha percepito l'essenza dagli occhi e dalle parole di chi gliel'ha raccontare. Giorni fa ho incontrato un giovane montanaro, figlio di montanari, che trascura il mondo per rifugiarsi nella sua malga. Vuole recuperare un'altra malga che fu degli antenati per farci una fattoria scolastica di montagna. Intanto, taglia il prato, decima il bsoco con l'aiuto di altri cacciatori, accoglie con cordialità i cacciatori che salgono fin lassù per fare un capo. E' circondato da camosci, cervi, caprioli, mufloni. Sogna di unire un movimento verde di base al mondo dei cacciatori. Sarà un folle, così lo considerano anche i suoi amici, forse un visionario, ma se non abbiamo gente così, non otterremo niente. Sia noi caciatori sia tutti coloro, noi compresi, che hanno a cuore il futuro delle nostre bellezze naturali. Chi ha letto il rapporto Eurispes appena uscito, vi trioverà ampie conferme. C'è bisogno di sognatori, di coraggiosi visionari, per fermare lo scempio che grazie anche alle fasulle congreghe di ambientalisti, animalisti e presunti amici della cultura rurale, viene quotidianamente perpetrato nei confronti della nostra sempre più fragile penisola, assediata dal cemento, dallo smog, dalla spazzatura.

da Ralf Daren 01/02/2011 16.06

Re:BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA

Perdonatemi il sentimentalismo. Di questi giorni, in cui il fondo pare non si possa mai raggiungere, è un sollievo rifugiarsi nella poesia e niente meglio di questi versi accondiscendono a quanto scritto nell'editoriale: Mi ricorderò di questo autunno Mi ricorderò di questo autunno splendido e fuggitivo dalla luce migrante, curva al vento sul dorso delle canne. La piena dei canali è salita alla cintura e mi ci sono immerso disseccato dalla siccità. Quando sarò con gli amici nelle notti di città farò la storia di questi giorni di ventura, di mio padre che a pestar l'uva s'era fatti i piedi rossi, di mia madre timorosa che porta un uovo caldo nella mano ed è più felice d'una sposa. Mio padre parlava di quel ciliegio piantato il giorno delle nozze, mi diceva, quest'anno non ha avuto fioritura, e sognava di farne il letto nuziale a me primogenito. Il vento di tramontana apriva il cielo al quarto di luna. La luna coi corni rosei, appena spuntati, di una vitella! Domani si potrà seminare, diceva mio padre. Sul palmo aperto della mano guardavo i solchi chiari contro il fuoco, io sentivo scoppiare il seme nel suo cuore, io vedevo nei suoi occhi fiammeggiare la conca spigata. (Leonardo Sinisgalli)

da Fromboliere 01/02/2011 12.52

Re:BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA

Parole giuste, Signor Incerpi, oltre che belle. Parole che vanno dritte come una freccia.... o come un colpo di fionda.

da Fromboliere 31/01/2011 20.47

Re:BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA

Cominciamo noi a dennuciare scempi ambientali, piani regolatori cementizi, sgorgamenti di m. nei fiumi e in mare. Ma facciamo anche sapere, con dati e documenti, quello che è il nostro impegno per tutelare animali e paesaggio. Potrebbe essere una risposta in positivo a questa critica che sicuramente dei fondamenti.

da Pierino 31/01/2011 15.05

Re:BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA

ben detto.... e ieri sera al TG tristezza infinita ho visto gente gioire....per una domenica senz'auto in città! ma!

da mauro 31/01/2011 11.21

Re:BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA

VERI NATURALISTI ROMANTICI, BRAVO GIULIANO.

da Guidali Gianfranco 31/01/2011 11.16

Re:BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA

La buona penna di Giuliano non si smentisce mai. Anchio sono sempre più convinto che difendere la caccia, come difendere qualsiasi altra attività umana legata alla cultura rurale, significhi difendere implicitamente anche i più alti principi e valori dell'uomo. Questa difesa dovrebbe diventare un preciso impegno morale per tutti noi...un obbligo, visti i tempi che corrono, dal quale non ci si può più sottrarre, per il bene dei nostri figli!

da massimo zaratin 31/01/2011 11.05

Re:BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA

Tutto vero, ma a denunciare gli scempi ambientali sono sempre e solo le associazioni ambientaliste. Mai, dico mai che una A.V si sia fatta promotrice, attraverso la creazione ad esempio di comitati, per bloccare i piani regolatori vergognosi che devastano l'Italia

da Tordo toscano 31/01/2011 11.03