HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani |
  Cerca
L'AGNELLO E LA CICORIA PER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattere SOSTIENE LARA LUPO, QUANTO CI COSTI A UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS francese ISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANA C'ERA UNA VOLTA... LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!! Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italiane TABU' LUPO FIRMAMENTO SOCIAL ALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSO LUPO. ATTENDIAMO LUMI CHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIA Cos’è la caccia La ri-proposta Cuore di beccaccia Cacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardi LA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scoperta CARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODA Osservatori regionali, avanti! Ungulati: una risorsa preziosa La mia prima volta al cinghiale: onore alla 110! Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibile ANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTI TORDI TORDI STANNO TUTTI BENE ETERNA APERTURA TANTE MAGICHE APERTURE CI SIAMO! LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONE LA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTE ANCH'IO CACCIO MIGRATORIA, MA DI CHI? Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio francese REWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTURO Lasciate la carne ai bambini Uccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi.... CINGHIALI D'UNA VOLTA DATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRA MONTAGNA, 22 ANNI DOPO Elegia per un vecchio signore LA GRANDE BUFALA Animali & Co: un problema di comunicazione LUPO O CINGHIALE? Papa Francesco: gli animali dopo l'uomo Le allodole, mia nonna e le vecchiette La caccia e gli chef UNGULATI CHE PASSIONE PARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIA Le beccacce e il lupo QUESTIONE DI PROSPETTIVA La cinofilia ufficiale. Parte seconda con scuse PROBLEMA LUPO Bisturi facili. Cuccioli? No grazie Perché ho scelto il setter inglese? Galletti fa mea culpa Questa è la cinofilia ufficiale C'era una volta il cinghiale Bracconieri di speranze Gip, amor di cacciatore. Il piccolo francese SAVETHEHUNTERS, MATTEO TROMBONI SFIATATI I sistemi elettronici di addestramento GUANO CAPITALE In principio era una Dea C'era una volta l'orso bianco che campava di caramelle UNA TERRA DIVERSA MEMORIE. Da regina a regina informAZione? Iniziazione del cucciolone UNIONE AL PALO? LA PARABOLA DI CECIL CROCCHETTE VEGANE L'ecoturismo fa danni ALLODOLE PER SEMPRE TRUE LIES CI SIAMO? Natura. Madre o matrigna? LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPO UN’APERTURA DA FAVOLA I cuccioli di oggi MACCHE' PREAPERTURA CACCIA, PROVE E VARIA UMANITA' Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiere FORMAZIONE, FORMAZIONE! I cani da ferma oggi Arlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNA Prima informarsi, poi farsi un'opinione Effetto Flegetonte Il cane domestico (maschio) Il valore della caccia Chi è diavolo, chi acquasanta? CANDIDATI ECCELLENTI PUBBLICO O PRIVATO? LA FRANCIA E I MINORI A CACCIA REGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATI Caccia vissuta “Se questa è etica” QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PERO Le contraddizioni dell'Expo QUESTIONE DI CORPO L'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloni Calendari venatori: si riparte DOVE ANCORA MI PORTA IL VENTO LUCI E OMBRE DI UN PROGETTO CANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIO CHIUSO UN CICLO... A patti col diavolo... e poi? BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZO MISTERI DELLA TELE CANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILE E' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SA Tordi e beccacce tra le grinfie della politica Donne cacciatrici piene di fascino predatorio Italiani confusi su caccia e selvaggina Storia di una particella cosmica Vegani per moda Anime e animali MUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur Smith CHI LA VUOLE COTTA, E CHI.... Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsa ZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA! E se anche le piante provassero dolore? PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMA Momenti che non voglio scordare Anticaccia? Parliamone CACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELE CATIA E LA PRIMA ESPERIENZA CHIARI AVVERTIMENTI PIU' VIVA E PIU' AMATA ECCE CANEM DE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTI IL CATALOGO E' QUESTO.... CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIA ISPRA. UN INDOVINO MI DISSE... MIGRATORI D'EUROPA L'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggio MIGRATORISTI GRANDE RISORSA Fauna ungulata e vincolismo ambientale Decreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTRO Ai luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIO SPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHI DOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVE Biodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLA Le specie invasive ci libereranno dall'animalismo EUROPEE: SCEGLIAMOLI BENE La rivoluzione verde è nel piatto La caccia al tempo di Facebook SOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposo COSE SAGGE E MERAVIGLIOSE AMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDO C'ERO UNA VOLTA ALL'EXA QUESTA E' LA CACCIA! EUROPA AL RISVEGLIO TOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLA CACCIA LAZIO: quali certezze? ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTI UNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILE LO DICO COL CUORE IL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E' I veri volontari dell'ambiente DIAMOGLI CREDITO PROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIA Ambientalisti italiani, poche idee ma confuse Anche National Geographic America conquistato dalle cacciatrici Più valore alla selvaggina e alla caccia Il cinghiale di Colombo Porto di fucile - NON C'E' MALE! PAC & CACCIA LILITH - LA CACCIA E' NATURALE Effetto protezionismo Ispra: il caso beccaccia Il grande bluff dei ricorsi anticaccia COME FARE COSA FARE Supermarket society Romantica Tipi di comunicazione: C'E' MURO E MURO Ambientalisti sveglia! Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggiose SPRAZZI DI SERENO POINTER E NON PIU' SOGNO DI CACCIATORE UN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPO RIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORI LA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOON ALLA FIERA DELL'EST VOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNA IL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI “Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunistico CACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISI Partiamo dalla Toscana ITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la caccia C’ERA UNA VOLTA… I cacciatori nel regno delle eterne emergenze Gli ambientalisti e la trave nell'occhio Addio alle rondini? L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato) ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI..... SUCCEDE ANCHE QUESTO BASTA ASINI AMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di Diana TOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTO ALLARME DANNI DANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga… STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA “L'ipocrisia delle coscienze pulite” UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALE CACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA' ZONE UMIDE: CHI PAGA? Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDA SPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLE La Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’albero A SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo così NEORURALI DE NOANTRI FRANCIA MON AMOUR LA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIA TERRA INCOGNITA L’Italia a cui vorrei fosse affidata la caccia La marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVE COLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI? DIVERSA OPINIONE IN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALE Opinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!! A CACCIA A CACCIA!!! PROVOCAZIONI Estate di fuoco MISTIFICAZIONI SICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTO Sostenibili e consapevoli! COLPI DI SOLE COLPI DI CALORE Aiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti! TECNOCRATI? NO ESPERIENTI LA RICERCA DIMENTICATA PARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'! Orgoglio di contadino Campagna o città? CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRI CALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERE CONFRONTO FRA GENERAZIONI LA CACCIA CHE SI RESPIRA Rapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNO MUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà? Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga... DELLE COSE DELLA NATURA Cultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'Italia Il nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalisti LA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀ PAC IN TERRIS UCCELLI D'EUROPA GIRA GIRA..... STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNA TOCCA A NOI! CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLO IL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIA VERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTO PROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZA BECCACCE DI BEFANA CACCIA, FASE DUE PROVOCAZIONI DI FINE D’ANNO RICERCA RICERCA SPIGOLATURE DI NATALE Dai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONE NON ERA AMORE Finalmente autunno Il paradosso dell'Ispra IL PIANETA DEI CACCIATORI Le caste animali A CACCIA ANCHE DOMANI A CACCIA SI, MA DOVE? ORGOGLIO DI CACCIATORE Per il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIA APRE LA CACCIA! Amico cacciatore, guarda e passa Riforma sui Parchi in arrivo? E i cuccioli umani? MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATE LA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenza Il Pointer e la caccia Col cane dalla notte dei tempi Contarli, certo, ma come? Questa è una passione! IL PENTOLONE LA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDE NON SOLO STORNO QUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICI La lezione di Rocchetta di Vara BASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITI CORONA L'ERETICO Cacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medaglia Deroghe: non è una missione impossibile AMBIENTALISMO E' CULTURA RURALE Sei il mio cane ALLE RADICI DELLA CACCIA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIA COME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA... BOCCONCINI PRIMAVERA CACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERE COMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIO QUESTIONE DI CALENDARIO LA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIA PRENDIAMO IL MEGLIO BELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZA TUTTI A TAVOLA RIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRE LA CACCIA SERVE. ECCOME! METTI UNA SERA A CENA Urbanismo e Wilderness: un confronto impari CONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEET GIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANI IL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in Italia Accade solo in Italia? L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranza FRA STORIA E ATTUALITA' Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro “Solo” una passione Tra ideologia e strategia politica IL CATALOGO E' QUESTO TORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTO DA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro Brambilla Italiani ignoranti della caccia CACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNA Ed il giorno arriva DEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE! PRE-APERTURA DI CREDITO Domani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONE Alcune riflessioni sulla caccia in Italia Divagazioni per una rivoluzione culturale La senatrice Adamo va alla guerra PERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci) Calendari venatori. Le bugie degli ambientalisti Un'arte chiamata caccia AREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLA Animalismi e solitudini In un vecchio armadio STAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODO Belli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI! Ieri, mille anni fa, io caccio Cosa mangiano gli animali degli animalisti? SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURA C'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIA MOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVO ORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICO Aerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo” ALL'ARIA APERTA! Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIA IPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOI IN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA! RIFLESSIONI DI UN PEONE IL PAESE PIU' STRANO DEL MONDO Fuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALE E Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTO L'Enpa insulta i cacciatori SELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIA America: un continente di vita selvaggia LA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezione LA CACCIA COME LA NUTELLA? LUPO, CHI SEI? Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no? TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGE A caccia con L'arco... A caccia con la storia... Interpretazioni e commenti di nuova concezione 10 domande ai detrattori della caccia IL BRIVIDO CHE CERCHIAMO La caccia come antidoto alla catastrofe climatica Per una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNARO CONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIA Caccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perduta Allarmismo e vecchi trucchetti Ancora Tozzi ? REALISMO, PRIMA DI TUTTO Le invasioni barbariche APERTURA E DOPO. COSA COME QUANDO Piombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquatici Di altro dovremmo arrabbiarci I GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecnici Un rinascimento ambientale è possibile Gelosi e orgogliosi delle nostre tradizioni LA CACCIA SALVATA DALLE DONNE? Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars Venandi Tutto e il contrario di tutto DALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO... IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATO La voce dei protagonisti sui cinghiali a Genova Tutti insieme... magicamente Ambiente: una speranza nella caccia SOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTA La Caccia ha bisogno di uomini che si impegnano LA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDO Il capanno: tra architettura rurale e passione infinita DONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANA EUROPA EUROPA VICINI ALLA VERITA' Beccaccia sostenibile CACCIA E SOCIETA' Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNI PARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidato CACCIA ALL'ORSI ORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORI UN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORI Ridiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevole Il cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia. 157: PENSIERI E PAROLE MA COS'E' QUESTA CACCIA? 157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONE MIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARE CINGHIALI CHE PASSIONE La cultura cinofila ATC DIAMOCI DA FARE Il vitello che mangi non è morto d'infarto! Ripensare la caccia? PER UN FUTURO DELLA CACCIA QUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONA PUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAM Un nuovo corso per gli ungulati Siamo noi le Giubbe Verdi Ruralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvaggina La caccia secondo Giuliano, umorista de La Repubblica Questa è la caccia Il cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumi La cinegetica e la caccia col cane Gestione e tradizione BASTA TESSERE AMAR...TORD E il beccafico perse la via del nord Dimostriamo credibilità Apertura passione serenità editoriale - Fucili italiani come le ferrari Orgoglio di Cacciatore I Tordi e le Beccacce La Caccia è Rock

Editoriale

Storia di una particella cosmica


lunedì 22 dicembre 2014
    

Sono una particella cosmica. Sento di vivere in meravigliosa armonia, in equilibrio, e sono infinitamente piccola e indistruttibile, senza inizio né fine. La mia essenza è unica. Vago per milioni di anni all'interno di un corpo celeste. Sono spirito e materia. Sono spazio e tempo. Immutabile nel mio divenire. Nel mio mondo non esiste il male e cammino oltre l'amore, la libertà e la bellezza. Prima di arrivare sulla terra facevo parte di una stella. Un cuore incandescente che proveniva dai primordi della Creazione, quando tutto era buio o fuoco compresso. Lì ho dormito per ere ed ere finché mi sono staccata con un frammento di stelle, ho attraversato spazi immensi, corpi celesti inimmaginabili, galassie lontane anni luce, oceani infiniti, nubi di polvere stellare, per eoni interi, superando deserti infiniti di spazio. Infine, mi sono approssimata a quell'angolo di universo in cui si stava formando il sistema solare, in mezzo a forze potentissime, cataclismi cosmici, inconcepibili illuminazioni interstellari. Quando sono arrivata qui questo evento prodigioso era ancora ben lontano dall'avverarsi. Occorrevano ancora molte trasformazioni infinitesimali, l'opera del caso e il soffio dello Spirito.

I cambiamenti erano incessanti e drammatici. La terra non aveva atmosfera, era formata da un oceano di roccia fusa bombardato da corpi celesti che arrivavano senza ostacoli sollevando enormi ondate di magma. Io ho fatto parte di quell'inferno. Poi cominciò a raffreddarsi come infiniti altri corpi, in obbedienza a leggi cosmiche che iniziarono a dominare nell'universo. Era conclusa la fase del parossismo, l'inconcepibile caos dei primi tempi, e ancora una volta io, piccola particella cosmica, ero lì. Nuvole gassose produssero una prima atmosfera, che cominciò a costituire un primo, debole, stato di protezione dalla superficie del pianeta. Improvvisamente prese a piovere. Piovve per secoli, per millenni. Un diluvio continuo, violentissimo, che accompagnava la nascita di un elemento raro e preziosissimo: l'acqua. E io c'ero, io ero lì, sotto quel diluvio infinito che riempì ogni cavità fredda, che raffreddò distese immense, deserti caldi, alzando nuvole spessissime che ricadevano con grandi gocce calde. Mi ritrovai sopra una grande massa magmatica che stava per esplodere. Quella grandissima piramide di fuoco guadagnava il cielo ancora corrusco, con i suoi colori abbaglianti, dominando, nella notte astrale, la valle sottostante. E la particella cosmica che proveniva dalle origini si trovò dentro alla montagna che eoni dopo sarebbe diventata famosa per la sua bellezza, il Monte Cervino. La piramide di Dio.

Dopo milioni di anni parte della montagna venne sommersa dall'acqua; io ero lì, alla sua base, e così mi parve di vedere la formazione dei primi esseri viventi in un paesaggio marino incantevole e terribile come tutto ciò che è ancestrale. Col tempo le acque si ritirarono in oceani limpidi e azzurri. Il Cervino, che già si ergeva in cima alla valle, era molto più alto di come lo vediamo oggi. Milioni di anni di venti e piogge non l'avevano ancora eroso. Era intatto, smagliante, potente. Ai suoi piedi un'enorme distesa di ghiaccio bianco-azzurro, spesso centinaia di metri, aveva invaso la vallata ed emanava bagliori adamantini che riflettevano il cielo. Il grande ghiacciaio percorreva la valle fino a incontrare i ghiacciai delle altre vallate e con questi confliggeva sprigionando gemiti e scricchiolii. Lassù, in alto, una fantastica palla di fuoco, circondata da pianeti e altri corpi celesti, sprigionava la sua potenza con l'energia della sua luce e dei suoi colori luminescenti. Ci sarebbero state molte altre glaciazioni e molti altri disgeli, ma durante una di queste vicende si produsse, in un modo che ancora oggi è misterioso, la vita.

Il ghiaccio si sciolse lentamente. Si formarono molti ruscelli, torrenti, e laghi piccoli e grandi. Le acque scappavano da tutte le parti inondando la terra, scaldata dal sole e accarezzata da venti più dolci di quelli violentissimi di millenni prima. Venti “nutrienti”, portatori delle molecole della vita e dei primi esseri monocellulari che si erano prodotti negli oceani.

La conca di quello che gli uomini chiameranno Breuil si copriva di verde. I dinosauri occuparono ogni nicchia ecologica e poi morirono, forse per un cambiamento climatico, forse per un asteroide, un supervulcano, chissà... Ma la vita non terminò: ai dinosauri si sostituirono come dominatori insetti, rettili, e mammiferi. Le acque alimentavano ruscelli e fontane che formavano cascate d'argento, animando le rocce e i dirupi in una vita sempre più rigogliosa. La terra divenne come la conosciamo noi oggi. Forse il colore del cielo cambiò. Forse l'uomo non esisteva ancora o forse sì, non sappiamo in quale forma.

Arbusti, rododendri, stelle alpine, genziane, tantissimi fiori colorati si univano, più in basso, alle prime piante che l'evoluzione aveva prodotto: gli abeti, i larici, i cirmoli e tante altre varietà. Al centro della Valle si ergeva sempre la piramide di Dio a osservare un paesaggio meraviglioso. Una fata aveva una grande grotta accanto a creature fiabesche che cavalcavano cervi, camosci, stambecchi e altri animali che non esistono più, come le tigri dai denti a sciabola che un tempo vivevano certamente da queste parti, assieme agli orsi, ai lupi e persino ai mammut. Nel cielo volavano aquile, corvi imperiali, draghi parlanti. In questo mondo arcaico regnavano la pace, l'amore, la serenità. Era l'Eden, il paradiso terrestre. Col tempo, all'alba di una nuova epoca, mi mescolai a un filo d'erba, crebbi fra le rocce, assorbendo gli umori della terra, le sostanze nutrienti, i minerali, e producendo gli zuccheri che il sole mi donava. Rimasi chissà quanto, forse millenni, accanto a bellissimi fiori color argento. In questi luoghi vivevano animali preistorici dotati di enormi corna arcuate che saltavano giocosi fra le rocce con agilità. Un giorno, uno di loro si chinò e tranciò con i denti il filo d'erba. Non provai né dolore né sofferenza. Fu in questo passaggio, assimilandomi all'organismo dell'animale che che si cibò di me, che divenni, finalmente, carne.

Probabilmente vissi per alcuni millenni nel grembo pulsante della vita animale. L'esemplare di cui facevo parte, uno stambecco primitivo, non aveva coscienza della propria esistenza. Conduceva una vita splendida e libera. Viveva fra rocce e superbi dirupi, brucava fiori e licheni, ai piedi di montagne inviolate, tra l'abbacinante biancore di ghiacciai perenni. Per lui la lotta per la sopravvivenza non si fermava mai. S'acquietava all'ombra di una roccia, al fresco di un ghiacciaio, s'abbeverava a una pozza e all'improvviso poteva essere attaccato da belve feroci e aquile urlanti. D'inverno la neve, il freddo e il gelo mettevano a dura prova la sua resistenza fisica. Combattimenti ancestrali fra maschi adulti garantivano, attraverso la vittoria del più forte, la continuità della specie,  mentre le femmine e i piccoli pascolavano indisturbati. Finchè un giorno, dopo l'ultimo, estremo, durissimo combattimento, lo stambecco affaticato ed esausto vide, verso l'imbrunire, sull'ultimo colle per la prima volta un essere, ritto sulle due gambe, con nelle mani una lancia rudimentale di legno dalla punta acuminata. Lo stambecco, incuriosito, lo guardò, poi si sdraiò addormentandosi alla luce delle stelle. Come sempre. Quella volta però andò diversamente: un'arma, una lancia mortale ne trafisse il cuore e il sangue caldo bagnò la terra fredda. Successe in una notte stellata o in un'alba appena fatta, quando il cielo era ancora viola. Il più terribile predatore della terra s'inchinò e bevve quel sangue. Era l'essere umano o un ominide progenitore. Alzò la lancia al cielo in segno di sfida e di dominio e un urlo lacerante infranse il silenzio della notte. L'uomo era comparso. Si cibò dell'animale. Così per la seconda volta entrai a far parte della sostanza di un altro essere vivente.

A differenza del primo, questo aveva coscienza della propria esistenza e della capacità di potersi evolvere. Era in grado di imparare, di migliorare partendo dai propri errori. Attraverso questo essere primitivo ero entrato in simbiosi con la vita umana. Dopo aver attraversato torrenti e ruscelli entrò in un grande bosco e timidamente si fermò davanti a un’enorme caverna. L’odore del selvatico richiamò l’attenzione dei cavernicoli che uscirono dalla grotta con le braccia alzate in segno di vittoria. La ricerca del cibo attraverso la caccia, la pesca, la raccolta di erbe e radici, rappresentava l’attività dominante della tribù. Durante l’estate nella vallata c’era un clima mite, nel periodo invernale invece il freddo era intenso e la neve cadeva abbondante. Gli ominidi stavano raccolti attorno al fuoco, bruciando, giorno dopo giorno, le cataste di legna accumulate nel periodo estivo. Il freddo e la fame mietevano vittime. Anche se ricoperti da un folto pelo su tutto il corpo, si difendevano dal freddo avvolgendosi nella pelliccia degli animali cacciati. Le pelli più ambite, soprattutto dalle femmine e dai cuccioli, erano quelle morbide e delicate di ermellini, donnole, volpi, linci. I membri delle tribù comunicavano fra di loro con gesti, versi, ma soprattutto con il pensiero. La telepatia era molto sviluppata e veniva utilizzata per comunicare con il mondo animale e vegetale e con le divinità.
 
La valle era frequentata dalla tigre delle nevi, molto temuta per la sua mole, forza e aggressività; i suoi occhi fiammanti e il suo mantello argentato le conferivano un aspetto affascinante e quando correva con balzi veloci come il vento le grida degli uccelli annunciavano il suo arrivo. Per  difendersi da questa, i capi delle tribù avevano stipulato un’alleanza con il capobranco dei lupi e una volta all’anno tutti si trovavano per dividersi i territori di caccia. Quando era necessario cacciavano insieme e non di rado un lupo si affezionava a un cacciatore diventando il suo
fedele compagno.

In primavera orsi giganteschi, dopo il letargo invernale, uscivano dalle tane cibandosi di erbe e radici ma anche di pesci, entrando così in competizione con gli ominidi nella cattura di trote e variopinti salmerini che popolavano i ruscelli scintillanti e i laghetti verdi e azzurri disseminati nella vallata. Le tribù primitive frequentavano i territori compresi fra il Cervino e il Monte Rosa dai quali si diramavano valli meravigliose discendenti verso la Valle d’Aosta, il Piemonte e la Svizzera. Le montagne erano molto più grandi di quelle di adesso e i ghiacciai penetravano all’interno delle foreste. I boschi erano pieni di vita e accanto agli animali selvatici vivevano, forse, entità fiabesche. Questo perlomeno ci dicono le antiche saghe e le leggende di tutto il mondo. Draghi con le bocche fiammeggianti che, di tanto in tanto, comparivano in alto nel cielo, compiendo razzie nella valle. E poi gnomi ed elfi che si aggiravano indisturbati frequentando il fitto dei boschi e il mondo sotterraneo alla scoperta di caverne ricoperte di gemme, cristalli, pietre preziose scintillanti fra ruscelli e fontane d’acque diamantine. Anche fate e creature malvagie e stregonesche contribuivano ad animare questo mondo fiabesco e misterioso. La flora della vallata era ricca e varia in base al periodo dell’anno. I bucaneve segnavano l’arrivo della primavera, seguiti dalle viole, dalle genziane e poi dai rododendri, mentre più in alto fra le rocce le stelle alpine salutavano incuriosite il passaggio di branchi di camosci. Il cacciatore di stambecchi nei periodi di tranquillità saliva la montagna per raccogliere erbe selvatiche, bacche, mirtilli e miele saporitissimo prodotto dalle api che si nutrivano del polline di fiori dai mille colori. Scrutava il sole e i pianeti che si intersecavano nel cielo, e quando giungeva ai piedi di un gigantesco larice millenario considerato sacro, si inginocchiava a pregare e parlare con la grande pianta che lo ascoltava in silenzio, inchinandosi leggermente come per salutarlo. Abbracciava infine la pianta e così le due anime, quella umana e quella vegetale, si fondevano diventando parte dell’anima cosmica.

Questo mondo primitivo dominato da un’armonia ancestrale durò per centinaia di migliaia di anni, forse per milioni. Mi pare di sentirne, nel profondo del mio essere, il silenzio inverosimile, l’aria pulita come appena uscita dalla sua creazione; e i suoni che oggi sembrerebbero così poco familiari, così strani, così arcani.

Durò fino a quando un tremito terribile fece vibrare la terra scuotendo le montagne che sembravano sgretolarsi scaricando massi e detriti lungo le vallate. Fragore e boati uditi milioni di anni prima quando erano scomparsi i dinosauri, ormai affondati nella memoria di ogni essere vivente, scatenarono il terrore.

Tutti fuggivano all’impazzata, cercando rifugio nei luoghi che sembravano più sicuri. Una pioggia di meteoriti e asteroidi stava cadendo sulla terra. Terremoti ed esplosioni si diffondevano ovunque. Il clima si trasformò improvvisamente. Temporali, burrasche, venti impetuosi, tempeste di neve flagellavano il pianeta.

Enormi meteoriti piombarono nei mari e negli oceani provocando onde gigantesche che inondarono parte della terra. Il cacciatore di stambecchi aveva radunato a fatica tutta la tribù in una foresta dove erano cresciuti alberi grandissimi con radici solide e ben ancorate nella profondità del terreno. Il bosco tempestato da venti e bufere seppe reggere la violenza inaudita che si era scatenata dal cielo e dalla montagna. Il cataclisma durò alcuni anni e le acque dei mari, spinte da onde impazzite, raggiunsero i piedi della montagna percorrendo la vallata e travolgendo tutto quanto si trovava nel loro passaggio. Quell’inconcepibile tempesta ancestrale non aveva avuto la forza della catastrofe che aveva provocato l’estinzione dei giganti antichi, ma ci era andata molto vicina.

L’acqua si fermò proprio davanti alla foresta e i massi distaccatisi dalla montagna non riuscirono a penetrarla. Molti animali si salvarono, nascosti in ripari sicuri e nelle cavità della terra. Le creste delle montagne, in seguito al terremoto, si erano abbassate e tutta la catena del Cervino e del Monte Rosa aveva assunto un aspetto molto simile a quello attuale. Il cacciatore di stambecchi salì sulle vette più alte di queste montagne per conoscere la nuova conformazione della roccia e del terreno. Ma ormai il clima era cambiato. Completamente. L’inizio di una nuova glaciazione era alle porte. Espandendosi lungo le valli, i ghiacciai spingevano le tribù e gli altri esseri viventi, i sopravvissuti alla catastrofe, verso la pianura. Lassù il cacciatore di stambecchi, solo, ormai vecchio, ricoperto di peli bianchi e con una folta barba, all’interno della sua caverna, buttava nel fuoco gli ultimi rami secchi. Aveva deciso che sarebbe rimasto lì, avvolto dal ghiaccio e dalla neve a riposare nella sua terra, nella sua montagna. Credo esistesse davvero una sorta di armonia fra gli esseri allora. Il capobranco dei lupi gli si avvicinò per convincerlo a scendere a valle, qualche guaito, uno sguardo, un raspare delle zampe. Ma quello, ormai stanco e affaticato, preferì rimanere e così morì di fame e di freddo.

Il lupo pianse a lungo. Uscì dalla caverna e il suo ululato di dolore lacerò l’aria di quella notte fredda e stellata. Arrivarono gli altri lupi e tutti gli altri esseri viventi delle valli. Gli stambecchi schierati in prima fila si erano inchinati per rendere omaggio all’eterno nemico. Giunsero anche la tigre delle nevi e i draghi, gli esseri fatati tutti… Il cacciatore di stambecchi non c’era più. Con lui scomparve il mondo incantato degli gnomi, degli elfi, delle fate, delle streghe e dei draghi con cui sapeva comunicare.

La caduta degli asteroidi aveva provocato l’estinzione di massa di molte creature. Soltanto poche tribù primitive, insieme ad alcune specie animali, sopravvissero popolando le pianure e le colline ai piedi dei grandi ghiacciai. Anche parte del mondo vegetale era sopravvissuto e anch’io, piccola particella cosmica, continuavo la mia vita nei discendenti del cacciatore di stambecchi.
 
 

Tratto dal libro

IL CACCIATORE DI LIBERTA' - Mondadori, 2014

 

 

 

 

Vai alla recensione su Bighunter.it

Leggi altri Editoriali

8 commenti finora...

Re:Storia di una particella cosmica

Rita, le opere da te citate ho avuto il piacere di leggerle. Se ho voglia di leggere certi testi, mi prendo un bel libro, non vengo in un blog di caccia, dove cerco altri tipi d'informazioni. Darmi surrettiziamente dello stupido facendo riferimento al mio apparato neuronale serve solo a mettere in mostra la tua scarsa educazione. Io non ho dato dello stupido ad Aimé Maquignaz, ho solo voluto dire che trovo eccessivamente lungo, prolisso e fuori luogo il suo scritto. Ti perdono, Rita, le tue offese non mi spostano la vita, sono solo un problema tuo.

da Martino, Bologna 28/12/2014 23.04

Re:Storia di una particella cosmica

Martino, a me sembri tu una palla pazzesca. Anche la divina commedia è una palla pazzesca, anche l'odissea o l'iliade. l'eneide, poi... e la saga di gilgamesh? e il Mahabharata? Prima di dire ovvietà, cerca di attrezzarti culturalmente. Ammesso che il tuo apparato neuronale te lo consenta.

da rita m. 28/12/2014 10.33

Re:Storia di una particella cosmica

Che palla pazzesca. Si poteva dire in molte meno righe.

da Martino, Bologna. 26/12/2014 17.09

Re:Storia di una particella cosmica

stare nella natura, a caccia, in silenzio. è come provare le stesse sensazioni del pastore errante nell'asia, quello di leopardi: che fai tu luna in ciel, dimmi che fai sinziosa luna... proviamo ogni tanto a distenderci sotto il tappeto di stelle, ad aspettare una stella cadente, a desiderare una carezza di un'amore sognato,a immaginare un volo magico di alzavole, un frullo di una beccaccia, la ferma scultorea del cane. tanta pace, un calcio alla tv, al telefonino, all'automobile. basta davvero poco per essere felici.

da mauro c. 23/12/2014 14.24

Re:Storia di una particella cosmica

pura poesia. una bella e tragica favoila natalizia. ci serve, a tutti noi, per capire quanto siamo messi male, quanto poco contiamo nel creato, quanto semplici sarebbero le soluzioni se - per esempio - seguissimo i semplici insegnamenti di papa francesco. in ogni caso, se ci comportassimo come ci hanno insegnato i nostri nonni, cacciatori, e davvero buoni padri di famiglia, senza rincorrere troppo il denaro, dando spazio all'essere e trascurando almeno un po' l'avere, daremo davvero una mano a questa sgangherata madre terra. soffermiamoci ogni tanto sul mistero dell'immensità dell'universo, e sulla altrettanto misteriosa impotanza di questa particicella infinitesimale, così meravigliosamente descritta da questo montanaro. ritroveremo probabilmente l'essenza della nostra anima.

da alberto e. 23/12/2014 11.09

Re:Storia di una particella cosmica

Bellissimo! .....Comunque caro "Amen" tutto ha un inizio, uno svolgimento ed un termine. Solo molti ominidi odierni paiono non saperlo o fanno finta di non saperlo.

da Ezio 22/12/2014 17.32

Re:Storia di una particella cosmica

E' stupendo ! Chi, come Lui, riesce a far volare la penna come fosse aliante tra le nuvole è un vero artista . Che si parta dal Cervino o dalla collina Senese poco importa, la particella cosmica risulta sempre e comunque NOSTRA . Bellissimo .

da Renzo 22/12/2014 12.59

Re:Storia di una particella cosmica

E' già accaduto e accadrà di nuovo. Quando le terra si sarà rotta i c@@@ di ospitare questa fetenzia umana, non ci saranno scienziati,politici,ladri,assassini, animalari, cacciatori che potranno impedirlo e ritornerà tutto come ai "vecchi " tempi.

da Amen 22/12/2014 11.54