Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Diamoci da fareIeri le tortoreA caccia, ieri, oggi, domaniKC. La scienza bizzarraCaccia futura - Parte l'iniziativa BigHunter "Io ci sono!"L'animalista antiscientificoProviamoci, almenoEmergenze o indulgenze?Forza ragazzi! Forza ragazze!Moriglione, pavoncella e la polvere sotto il tappeto Ambientalisti in discesaLa giusta battaglia dei circhiIl pane … e la cacciaCacciatori e piccoli passiGli animali sono animaliAvanti tutta in EuropaAmbientalista? Sì, cacciatore!QUELLO CHE ERAVAMO, QUELLO CHE SIAMOSelvaggina, la via della filieraGiovani. Cacciatori. NaturalistiEuropa Europa!Padule di Fucecchio. Fatti non p.Diamo una mano alla starnaTornare ai tempi della naturaRitorniamo al mitoGreta e la terra I Restoni non sono “quelli che restano”Riprendiamoci la naturaDiscorso sulla coturnice, ma non soloLa piaga dei ParchiBentornata ExaHorror naturaProvocazioni e fermezzaMaestra montagnaSPORT O PASSIONE?Un contratto a uso del manovratoreCol cinghiale al casello, ma non soloCinghiale. Il ricercatore svela la bufalaCambiamenti climatici e migrazioneScelta di campo e arie partenopeeIl nostro futuro è in EuropaLa mia Flyway è differenteIl futuro potrebbe essere la gestione adattativa?Un amoreAmbientalismo de noantriAria fresca e un pensierino alla SerraIl caso Leopold LipuUna sbiadita stellaViva la caccia!Questione di passioneIl mondo che verràIl senso della Lipu per i passeriArmi. Le nuove regoleSi va per l'aperturaLa tentazione di riprovarciIncendi. Il presente, il futuroAmbiente. Vogliamo parlare dei Parchi?SOGNO DI UN'ELISA DI MEZZA ESTATELa nostra frontieraCerusici e norciniSaggezza cinotecnicaUn ministro smarritoMa dov'era la Lipu quando ci rubavano gli habitat?E se si ripartisse dalla pernice?ISTINTO VENATORIO DEL CANE DA FERMAAntibracconaggio, a che punto siamo?Nuovo Governo. Un limite, un'opportunitàCronaca di una passioneDotti, medici e sapientiDiamoci una mossaE' giusto essere amici degli animali, ma oggi è meglio difendere gli uominiOrnitologo sarà lei! - Ornitologia “accademica” vs. Ornitologia “venatoria”Battistoni. Ambientalista cacciatore, con un occhio alla migratoriaEmozioni di una capannistaBruzzone, è ora di riformeCaccia richiamo profondoCalo uccelli e agricoltura. La resa dei conti Le visioni di lupo Gianroberto e i tre grilliniAttesaVaghe stelle del sudLa caccia come la vedo ioELEZIONI 4 MARZO: CHI VOTARE E CHI NOUn primato sconosciutoLa carica degli ungulatiIl sabato del cacciatoreSpeciale elezioni: Un voto per la cacciaAndare a votare e votare beneOH QUANTE BELLE FIGLIE...A testa altaDella beccaccia e del suo patrimonioCi vuole più coraggioDove va la caccia secondo SimonaDove va la caccia? "Lo decidiamo noi"A futura memoria per l'umanità di domaniIl futuro dipenderà da noiInsostenibili sarete voi!Anche gli ambientalisti calano. Eccome!Referendum e autonomieSulla legge del salmì e altre meraviglieQuestione di DnaMarco Ciarafoni: Giovani, giovani e unitàMassimo Zaratin: far conoscere a chi non saSparvoli: il futuro nel cacciatore ambientalistaCacciatori, è nato WeHunter! BANA. MIGRATORISTA PER...TRADIZIONECRETTI. LA CACCIA E' SEMPRE DOMANIHUNTER FOREVERSORRENTI: GUARDARE AVANTI CON OTTIMISMOFiere degli uccelli: ecco dove sbagliano gli animalistiAmici ambientalisti chiedete la chiusura della caccia e fatela finita!ETTORE ZANON. EUROPA EUROPA!INCENDI E SICCITA'. FACCIAMO CHIAREZZAMASSIMO MARRACCI. ATTENTI AI BISTICCIOrsi, sono troppi?L'ultimo beneUNA SOCIETÀ ALLA DERIVATORDO, TORDELLA, BIBÌ, BIBÒ E CAPITAN COCORICÒLibro Origini – Iscrizioni recordMERAVIGLIOSA BECCACCIASerra uno di noi. L'animalista coi baffiCacciatore o lupo cattivo?IL CINGHIALE SALVA LA CACCIABrambusconi, "che figata"ETICA O ETICHETTA?DUE CHIOSE ALLO STORICOCARTA VINCE CARTA PERDECacciatori e noL'AGNELLO E LA CICORIAPER ELISA - La dolce passione di una cacciatrice di carattereSOSTIENE LARALUPO, QUANTO CI COSTIA UN PASSO DAL PARADISO - Dopo l' ISPRA ecco l'ONCFS franceseISPRA: C'ERA UNA VOLTA IL LABORATORIO PER NON PERDERE LA TRAMONTANAC'ERA UNA VOLTA...LUPO: CHE BOCCA GRANDE CHE HAI!!!Altro che caccia. Ecco quali sono le vere infrazioni italianeTABU' LUPOFIRMAMENTO SOCIALALTRO CHE CACCIA! E' L'HABITAT CHE RISCHIA GROSSOLUPO. ATTENDIAMO LUMICHI DICE PARCHI DICE PORCHI, E... NOTERELLE SUL CANE DA CACCIACos’è la cacciaLa ri-propostaCuore di beccacciaCacciatori in Europa. Un'azienda da 16 miliardiLA GRANDE CUCINA DELLA SELVAGGINA Una bella scopertaCARI AMBIENTALISTI, NON SI COMINCIA DALLA CODAOsservatori regionali, avanti!Ungulati: una risorsa preziosaLa mia prima volta al cinghiale: onore alla 110!Il cinghiale nel mirino. Braccata e selezione: una convivenza possibileANIMALISTI. LA DEBOLEZZA DEI VIOLENTITORDI TORDISTANNO TUTTI BENEETERNA APERTURATANTE MAGICHE APERTURECI SIAMO!LA SFIDA DELLA COMUNICAZIONELA SANA DIETA DEL CACCIATORE CELESTEANCH'IO CACCIOMIGRATORIA, MA DI CHI?Biodiversità e specie opportuniste: l'esempio franceseREWILDING ECONOMY – IL PASSATO PROSSIMO VENTUROLasciate la carne ai bambiniUccellacci e uccellini, chi ce la fa e chi....CINGHIALI D'UNA VOLTADATEMI UN'APP, SOLLEVERO' L'ISPRAMONTAGNA, 22 ANNI DOPOElegia per un vecchio signoreLA GRANDE BUFALAAnimali & Co: un problema di comunicazioneLUPO O CINGHIALE?Papa Francesco: gli animali dopo l'uomoLe allodole, mia nonna e le vecchietteLa caccia e gli chefUNGULATI CHE PASSIONEPARCHI E AREE PROTETTE: ECCO LA FRANCIALe beccacce e il lupoQUESTIONE DI PROSPETTIVALa cinofilia ufficiale. Parte seconda con scusePROBLEMA LUPOBisturi facili. Cuccioli? No graziePerché ho scelto il setter inglese?Galletti fa mea culpaQuesta è la cinofilia ufficialeC'era una volta il cinghialeBracconieri di speranzeGip, amor di cacciatore. Il piccolo franceseSAVETHEHUNTERS, MATTEOTROMBONI SFIATATII sistemi elettronici di addestramentoGUANO CAPITALEIn principio era una DeaC'era una volta l'orso bianco che campava di caramelleUNA TERRA DIVERSAMEMORIE. Da regina a reginainformAZione?Iniziazione del cuccioloneUNIONE AL PALO?E GALLETTI FECE IL SORDOLA PARABOLA DI CECILCROCCHETTE VEGANEL'ecoturismo fa danniALLODOLE PER SEMPRETRUE LIESCI SIAMO?Natura. Madre o matrigna?LA CACCIA, PROTAGONISTA INCONFESSATA DI EXPOUN’APERTURA DA FAVOLAI cuccioli di oggiMACCHE' PREAPERTURACACCIA, PROVE E VARIA UMANITA'Emergenza cinghiali ovvero: la sagra delle chiacchiereFORMAZIONE, FORMAZIONE!I cani da ferma oggiArlecchino o Pinocchio? LA SANZIONE DELLA VERGOGNAPrima informarsi, poi farsi un'opinioneEffetto FlegetonteIl cane domestico (maschio)Il valore della cacciaChi è diavolo, chi acquasanta?CANDIDATI ECCELLENTIPUBBLICO O PRIVATO?LA FRANCIA E I MINORI A CACCIAREGIONALI 2015: SCEGLIAMO I NOSTRI CANDIDATICaccia vissuta“Se questa è etica”QUANDO GLI AMBIENTALISTI CADONO DAL PEROLe contraddizioni dell'ExpoQUESTIONE DI CORPOL'ultimo lupo e l'ignoranza dei nostri soloniCalendari venatori: si riparteDOVE ANCORA MI PORTA IL VENTOLUCI E OMBRE DI UN PROGETTOCANE DA FERMA: ADDESTRIAMOLO PURE, MA CON GIUDIZIOCHIUSO UN CICLO...A patti col diavolo... e poi?BIGHUNTER'S HEROES: LE MAGNIFICHE CACCE DI LORENZOMISTERI DELLA TELECANI E BECCACCE: UN RAPPORTO DIFFICILEE' IL TORDO CHE TARDA. MA GALLETTI NON LO SATordi e beccacce tra le grinfie della politicaEUROPEI A META'Donne cacciatrici piene di fascino predatorioItaliani confusi su caccia e selvagginaStoria di una particella cosmicaVegani per modaAnime e animaliMUSICA E NUVOLE L'uomo è cacciatore: parola di Wilbur SmithCHI LA VUOLE COTTA, E CHI....Nutria: un caso tutto italiano - un problema e una risorsaZIZZAGA, GALLETTI, ZIZZAGA!E se anche le piante provassero dolore?PASSO O NON PASSO, QUESTO E' IL DILEMMAMomenti che non voglio scordare Anticaccia? ParliamoneCACCIATRICI SI NASCE. UN'APERTURA AL TEMPO DELLE MELECATIA E LA PRIMA ESPERIENZACHIARI AVVERTIMENTIPIU' VIVA E PIU' AMATAECCE CANEMDE ANIMALISTIBUS ovvero DEGLI ANIMALISTIIL CATALOGO E' QUESTO....CINOFILIA E CINOTECNIA QUALCHE SASSO IN PICCIONAIAISPRA. UN INDOVINO MI DISSE...MIGRATORI D'EUROPAL'ipocrisia anticaccia fomenta il bracconaggioMIGRATORISTI GRANDE RISORSAFauna ungulata e vincolismo ambientaleDecreto n. 91 del 24 giugno 2014: CHI PIANGE PER E CHI PIANGE CONTROAi luoghi comuni sulla caccia DIAMOCI UN TAGLIOSPENDING REVIEW, OVVERO ABBATTIAMO GLI SPRECHIDOPO LE EUROPEE: VECCHI PROBLEMI PER NUOVE PROSPETTIVEBiodiversità: difendetela dagli ambientalisti GUARIRE DALLA ZAMBILLALe specie invasive ci libereranno dall'animalismoEUROPEE: SCEGLIAMOLI BENELa rivoluzione verde è nel piattoLa caccia al tempo di FacebookSOSTIENE PUTTINI: Pensieri e sogni di un addestratore cinofilo a riposoCOSE SAGGE E MERAVIGLIOSEAMBIENTE: OCCHIO AL GATTOPARDOC'ERO UNA VOLTA ALL'EXAQUESTA E' LA CACCIA!EUROPA AL RISVEGLIOTOPI EROI PER I BAMBINI DELLA BRAMBILLACACCIA LAZIO: quali certezze?ISPRA, I CALENDARI QUESTI SCONOSCIUTIUNITI PER LA BIODIVERSITÀ E LA CACCIA SOSTENIBILELO DICO COL CUOREIL LUPO E' UN LUPO. SENNO' CHE LUPO E'I veri volontari dell'ambienteDIAMOGLI CREDITOPROMOZIONE GRATUITA PENSIERINI DEL DOPO EPIFANIAAmbientalisti italiani, poche idee ma confuseAnche National Geographic America conquistato dalle cacciatriciPiù valore alla selvaggina e alla cacciaIl cinghiale di ColomboPorto di fucile - NON C'E' MALE!PAC & CACCIALILITH - LA CACCIA E' NATURALEEffetto protezionismo Ispra: il caso beccacciaIl grande bluff dei ricorsi anticacciaCOME FARE COSA FARESupermarket societyRomanticaTipi di comunicazione: C'E' MURO E MUROAmbientalisti sveglia!Crisi e Parchi, è l'ora di scelte coraggioseSPRAZZI DI SERENOPOINTER E NON PIU'SOGNO DI CACCIATOREUN CLICK E SEI A CACCIA FINALMENTE SI SCENDE IN CAMPORIPRENDIAMOCI LA NOSTRA DIGNITA' DI CACCIATORILA FAUNA SELVATICA: COME UN GRANDE CARTOONALLA FIERA DELL'ESTVOGLIO UNA CLASSE DIRIGENTE MODERNAIL NUOVO PARTITO DEI VECCHI TROMBATI“Caccia è cultura, amore e tradizione” L'assurda battaglia al contenimento faunisticoCACCIA PERMANENTE CACCIATORI DIVISIPartiamo dalla ToscanaITALIA: un paese senza identità. Nemmeno per la cacciaC’ERA UNA VOLTA…I cacciatori nel regno delle eterne emergenzeGli ambientalisti e la trave nell'occhioAddio alle rondini?L’Europa “boccia” l’articolo 842 (e la gestione faunistica di Stato)ITALIA TERRA DI SANTI, POETI... SAGGI.....SUCCEDE ANCHE QUESTOBASTA ASINIAMBIENTALISMO DA SALOTTO E CONTROLLO DELLA FAUNA Siamo tutti figli di DianaTOSCANA: ALLEVAMENTO DI UNGULATI A CIELO APERTOALLARME DANNIDANNI FAUNA SELVATICA: Chi rompe paga…STALLO O NON STALLO CI RIVEDREMO A ROMA“L'ipocrisia delle coscienze pulite”UN DIFFICILE VOTO INTELLIGENTE SALVAGENTE CINGHIALECACCIA DIECI VOLTE MENO PERICOLOSA DI QUALSIASI ALTRA ATTIVITA'ZONE UMIDE: CHI PAGA?Lepri e lepraioli QUESTA SI CHE E' UN'AGENDASPENDING REVIEW E CERTEZZA DELLE REGOLELa Caccia, il futuro è nei giovani – Un regalo sotto l’alberoA SCUOLA NON S'INVECCHIA I nuovi cacciatori li vogliamo cosìNEORURALI DE NOANTRIFRANCIA MON AMOURLA CACCIA E' GREEN? Stupidità... stasera che si fa? NUOVA LINFA PER LA CACCIATERRA INCOGNITAL’Italia a cui vorrei fosse affidata la cacciaLa marcia in più della selvaggina EPPUR SI MUOVECOLLARI ELETTRICI: LECITI O ILLECITI?DIVERSA OPINIONEIN PRIMA PERSONA PER DIFENDERE IL PATRIMONIO NATURALEOpinioni fuori dal coro - VACCI TU A MANNAIL!!!A CACCIA A CACCIA!!!PROVOCAZIONI Estate di fuocoMISTIFICAZIONISICUREZZA A CACCIA, PRIMA DI TUTTOSostenibili e consapevoli!COLPI DI SOLE COLPI DI CALOREAiutati che il Ciel ti aiuta! Insieme saremo Forti!TECNOCRATI? NO ESPERIENTILA RICERCA DIMENTICATAPARCHI: RIFORMA-LAMPO DE CHE'!Orgoglio di contadinoCampagna o città?CACCIA: UNA RISORSA PER TUTTI. PRENDIAMO ESEMPIO DAGLI ALTRICALENDARI VENATORI CON LEGGE REGIONALE: UN'OPINIONE CHE FA RIFLETTERECONFRONTO FRA GENERAZIONILA CACCIA CHE SI RESPIRARapporto Lipu: specie cacciabili in ottima salute GLI SMEMORATI DI COLLEGNOMUFLONE E CAPRIOLO IN ASPROMONTE: un sogno o una possibile realtà?Piemonte: Salta il camoscio/tuona la valanga...DELLE COSE DELLA NATURACultura Rurale: una soluzione per far ripartire l'ItaliaIl nodo delle specie aliene che fa capitolare gli ambientalistiLA CACCIA NELLA STORIA, PASSIONE E NECESSITÀPAC IN TERRISUCCELLI D'EUROPAGIRA GIRA.....STORIA SEMPLICE DI UNA CACCIATRICE LAMENTO DI UN GIOVANE ERRANTE PER LA CAMPAGNATOCCA A NOI!CRISI. SOLUZIONE ALLA GRILLOIL SENSO DELLA CACCIA DI SILVIAVERITA' E CERTEZZA DEL DIRITTOPROCEDURE D’INFRAZIONE E DEROGHE: UN CONTRIBUTO ALLA CHIAREZZABECCACCE DI BEFANACACCIA, FASE DUEPROVOCAZIONI DI FINE D’ANNORICERCA RICERCASPIGOLATURE DI NATALEDai pomodori alle lampadine LA RUMBA DEL CINGHIALONENON ERA AMOREFinalmente autunnoIl paradosso dell'IspraIL PIANETA DEI CACCIATORILe caste animali A CACCIA ANCHE DOMANIA CACCIA SI, MA DOVE?ORGOGLIO DI CACCIATOREPer il nostro futuro copiamo dai colleghi europei FINALMENTE A CACCIAAPRE LA CACCIA!Amico cacciatore, guarda e passaRiforma sui Parchi in arrivo?E i cuccioli umani?MEDITATE, AMBIENTALISTI, MEDITATELA FARSA DEI CALENDARI Armi, la civiltà fa la differenzaIl Pointer e la cacciaCol cane dalla notte dei tempiContarli, certo, ma come?Questa è una passione!IL PENTOLONELA LOGICA DELLA PICCOLA QUANTITA' SOLDI E AMBIENTE. DIECI DOMANDENON SOLO STORNOQUEL CHE RESTA DELLA CACCIA AGLI ACQUATICILa lezione di Rocchetta di VaraBASTA CON LA STERPAZZOLA CON LO SCAPPELLAMENTO A DESTRA MIGRATORI TRADITICORONA L'ERETICOCacciatori e Agricoltori, due facce della stessa medagliaDeroghe: non è una missione impossibileAMBIENTALISMO E' CULTURA RURALESei il mio caneALLE RADICI DELLA CACCIACORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO: IMPORTANTE SENTENZA A FAVORE DELLA CACCIACOME DIREBBE LO STORNO, DEL DOMAN NON V'E' CERTEZZA...BOCCONCINI PRIMAVERACACCIA, PASSIONE, POCHE CHIACCHIERECOMUNITARIA: RIMEDIARE AL PASTICCIOQUESTIONE DI CALENDARIOLA BAMBINA CHE SOGNAVA LA CACCIAPRENDIAMO IL MEGLIOBELLEZZA E AMBIENTE. LA NOSTRA RICCHEZZATUTTI A TAVOLARIFLETTERE MA ALLO STESSO TEMPO AGIRELA CACCIA SERVE. ECCOME!METTI UNA SERA A CENAUrbanismo e Wilderness: un confronto impariCONFESSIONI DI UNA TIRATRICE DI SKEETGIOVANI, GIOVANI E ANCORA GIOVANIIL CAPRIOLO POLITICO NO - Per una visione storicistica della caccia in ItaliaAccade solo in Italia?L’ambientalismo tra ecologia profonda e profonda ignoranzaFRA STORIA E ATTUALITA'Non sono cacciatore ma la selvaggina fa bene. Intervista a Filippo Ongaro“Solo” una passioneTra ideologia e strategia politicaIL CATALOGO E' QUESTOTORNIAMO A SVOLGERE UN RACCONTODA DONNA A DONNA: IL MALE DEL TURISMO. Lettera aperta di Lara Leporatti al Ministro BrambillaItaliani ignoranti della cacciaCACCE TIPICHE E VITA IN CAMPAGNAEd il giorno arrivaDEROGHE E CACCIA ALLA MIGRATORIA: DA RISOLVERE. UNA VOLTA PER TUTTE!PRE-APERTURA DI CREDITODomani sarà un altro giorno MIGRATORIA E SELEZIONEAlcune riflessioni sulla caccia in ItaliaDivagazioni per una rivoluzione culturaleLa senatrice Adamo va alla guerraPERCHE’ NON SCENDI, PERCHE’ NON RISTAI? ( versi di G. Carducci)Calendari venatori. Le bugie degli ambientalistiUn'arte chiamata cacciaAREZZO SCONFESSA LA BRAMBILLAAnimalismi e solitudiniIn un vecchio armadioSTAGIONE VECCHIA NON FA BUON BRODOBelli, matti ed inguaribili SIAMO LIGURI!Ieri, mille anni fa, io caccioCosa mangiano gli animali degli animalisti?SCIENZA, CONOSCENZA, CULTURAC'ERA UNA VOLTA UNA SCIMMIAMOVIMENTO STATICO, ANZI NO, REGRESSIVOORSI. COMUNITARIA. PROVVEDIMENTO ZOPPO MA CON SICURO VALORE SIMBOLICOAerei e trasporto munizioni - La situazione della caccia oggi: “Io speriamo che me la cavo”ALL'ARIA APERTA!Contro ogni tentazione. PORTIAMOLI A CACCIAIPSOS FACTO! DIAMOCI DEL NOIIN FINLANDIA SI', CHE VANNO A CACCIA!RIFLESSIONI DI UN PEONEIL PAESE PIU' STRANO DEL MONDOFuoco Amico PER UNA CULTURA RURALE. MEGLIO: PER UNA CULTURA DELLA CACCIA CHE AFFONDA LE SUE RADICI NELLA TRADIZIONE RURALEE Jules Verne diventò anticaccia CULTURA RURALE E CULTURA URBANA A CONFRONTOL'Enpa insulta i cacciatoriSELVAGGINA IN AIUTO DELL’ECONOMIAAmerica: un continente di vita selvaggiaLA LIBERTA’ DI STARE INSIEME A chi giova la selezioneLA CACCIA COME LA NUTELLA?LUPO, CHI SEI?Le fonti energetiche del futuro: nucleare si o no?TOSCANA: ARRIVA LA NUOVA LEGGEA caccia con L'arco... A caccia con la storia...Interpretazioni e commenti di nuova concezione10 domande ai detrattori della cacciaIL BRIVIDO CHE CERCHIAMOLa caccia come antidoto alla catastrofe climaticaPer una educazione alla natura E' IL TEMPO. GRANDE, LA BECCACCIA IL CAPRIOLO MANNAROCONSIDERAZIONI E PROPOSTE PER IL FUTURO DELLA CACCIA IN ITALIACaccia - anticaccia: alla ricerca della ragione perdutaAllarmismo e vecchi trucchettiAncora Tozzi ?REALISMO, PRIMA DI TUTTOLe invasioni barbaricheAPERTURA E DOPO. COSA COME QUANDOPiombo e No Toxic: serve un nuovo materiale per le cartucce destinate agli acquaticiDi altro dovremmo arrabbiarciI GIOVANI E IL NUOVO AMBIENTALISMO Cinofili, cinologi e cinotecniciUn rinascimento ambientale è possibileGelosi e orgogliosi delle nostre tradizioniLA CACCIA SALVATA DALLE DONNE?Nuovo catalogo BigHunter 2009 – 2010: un omaggio all' Ars VenandiTutto e il contrario di tuttoDALL'OLIO: UNITA' VO' CERCANDO...IL VECCHIO CANE: RICORDIAMOCI DI TUTTE LE GIOIE CHE CI HA DONATOLa voce dei protagonisti sui cinghiali a GenovaTutti insieme... magicamenteAmbiente: una speranza nella cacciaSOLO SU BIG HUNTER: DALL’OLIO, PRIMA INTERVISTALa Caccia ha bisogno di uomini che si impegnanoLA COMUNICAZIONE NON E' COME TIRARE A UN TORDOIl capanno: tra architettura rurale e passione infinitaDONNE ...DU DU DU... DI-DI-DI I..... IN CERCA DI DIANAEUROPA EUROPAVICINI ALLA VERITA'Beccaccia sostenibileCACCIA E SOCIETA'Wilbur Smith, scrittore da best seller innamorato della caccia BAGGIO, CON LA CACCIA DALL’ETA’ DI CINQUE ANNIPARLAMENTO EUROPEO - Fai sottoscrivere un impegno per la caccia al tuo candidatoCACCIA ALL'ORSIORGOGLIOSI DI ESSERE CACCIATORIUN DOCUMENTARIO SENZA SORPRESE, ALMENO PER I CACCIATORIRidiamo il giusto orgoglio al cacciatore moderno e consapevoleIl cane con il proprio olfatto è il vero ausiliare dell'uomo, anche oltre la caccia.157: PENSIERI E PAROLEMA COS'E' QUESTA CACCIA?157 CACCIA: LA SINTESI ORSI E' UNA BOZZA DI DISCUSSIONEMIGLIORARE LE RAZZE? SI PUO’ FARECINGHIALI CHE PASSIONELa cultura cinofilaATC DIAMOCI DA FAREIl vitello che mangi non è morto d'infarto!Ripensare la caccia?PER UN FUTURO DELLA CACCIAQUANTO CI COSTI, BELLA TOPOLONAPUCCINI CACCIATORE E AMBIENTALISTA ANTE - LITTERAMUn nuovo corso per gli ungulatiSiamo noi le Giubbe VerdiRuralità e caccia fra cultura, tradizione ed economia Rilanciamo il consumo alimentare della selvagginaLa caccia secondo Giuliano, umorista de La RepubblicaQuesta è la cacciaIl cane oggetto: attenzione alla pericolosa tendenza della civiltà dei consumiLa cinegetica e la caccia col caneGestione e tradizione BASTA TESSEREAMAR...TORDE il beccafico perse la via del nordDimostriamo credibilitàApertura passione serenitàeditoriale - Fucili italiani come le ferrariOrgoglio di CacciatoreI Tordi e le BeccacceLa Caccia è Rock

Editoriale

Il futuro potrebbe essere la gestione adattativa?


lunedì 26 novembre 2018
    

 
Importata in Europa da una decina d'anni dal Nord America e già sperimentata con successo per le oche in Danimarca (da cui ha preso il via il progetto internazionale promosso dall'Aewa, African-Eurasian Migratory Waterbirds), la gestione adattativa del prelievo può realmente costituire la chiave di volta di un nuovo approccio scientifico della caccia agli uccelli migratori? Fra tanti dubbi, vediamo di che si tratta.

In termini generali, il processo di gestione adattativa del prelievo è un modo per garantire la caccia sostenibile. In pratica si tratta di stabilire i livelli del prelievo venatorio reali, sulla base di un sistema coordinato di monitoraggio, di analisi dei dati, in un processo decisionale all’interno e tra i Paesi in cui le specie sono presenti. Sulla carta dunque qualcosa di granitico e inappuntabile, che quindi potrebbe rendere inutili – qui da noi - gli sforzi (maliziosi?) dell'Ispra per ridurre significativamente le date di prelievo venatorio. Ispra infatti, cosa alquanto bizzarra per un Istituto scientifico, per molte specie oggetto di caccia non monitora e non censisce, malgrado il fatto che i cacciatori potrebbero (come del resto cercano di fare) fornire ampia messe documentale. Scientifica, ovviamente. E, proprio in forza di questi dati mancanti, chiede continue e a detta di molti pretestuose riduzioni dei tempi e dei carnieri. Un circolo vizioso e viziato che svilisce la figura del cacciatore, costantemente buttato in pasto ad un'opinione pubblica a cui si presentano rischi di depauperamento delle popolazioni migratorie che spesso non sono reali e che non hanno nulla a che fare con la caccia.

Sulla base di questi censimenti, e dei raffronti con gli stati confinanti, dunque sarebbe possibile prevedere un livello di prelievo accettabile dal punto di vista ecologico, sociale ed economico e adeguare le normative nazionali e regionali in maniera dinamica. Il che ovviamente presuppone anche  una stretta collaborazione fra Stati, per dar vita ad un coordinamento internazionale in grado di rispondere alla fluttuazioni delle popolazioni, specie quando costituiscono un danno per l'agricoltura, come lo è stato in particolare per il caso delle oche. Del resto, è quello che ha raccomadato (forse inascoltata) la direzione generale del Minambiente in occasione degli aggiornamenti dei KC.

Il dibattito su questa opzione è aperto ormai da anni in tutta Europa. In Francia per esempio è l'Onfcs, Office National de la Chasse et de la Faune Sauvage, con una propria pubblicazione, a far presente che si tratta di un mezzo di controllo moderno, efficace ed equo dell'attività venatoria, in particolare per gli uccelli migratori. Un metodo scientifico capace di adattarsi all'evoluzione dei problemi (pensiamo per esempio allo storno, oggi non cacciabile in Italia, e a quanti danni provoca). Di fronte all'aumento vertiginoso della popolazione si potrebbe rispondere con una strategia coordinata di gestione, sia a breve che a lungo termine. Il metodo infatti prevede il raffronto continuo tra i risultati attesi e quelli ottenuti. Le eventuali divergenze permettono di valutare la coerenza delle varie ipotesi ed affinare la comprensione dei processi che regolano le dinamiche del sistema. Secondo l'Ofncs è possibile applicare la gestione adattativa a una gamma molto ampia di situazioni, con il vantaggio di ottenere una migliore comprensione dei fenomeni legati alla consistenze delle specie, per stabilire le azioni di gestione più appropriate.

Un quadro di gestione adattativo ampiamente documentato, come dicevamo, è quello della caccia agli uccelli acquatici in Nord America. L'esperienza americana, l'unica testata già dagli anni '90, ha permesso, grazie ad una continua collaborazione tra gli scienziati, le associazioni dei cacciatori e l'ente governativo (United States Geological Survey e Fish & Wildlife Service) di affinare gradualmente la comprensione dei fattori che regolano le popolazioni (come la bassa densità dipendente dalla fertilità o l'effetto adattativo alla caccia). Tenendo conto del prelievo effettivo e della consistenza delle popolazioni, sono via via state definite le quote per la stagione successiva.

Il successo della gestione adattativa degli anatidi nel Nord America è infatti oggi ampiamente riconosciuto sia da un punto di vista conservativo, che da quello dei cacciatori, perché consente di mantenere l'opportunità di cacciare le cosiddette specie "sensibili" (ad esempio in declino o con uno stato di conservazione sfavorevole), modulando il raccolto, infine, sotto il profilo scientifico, poiché migliora costantemente la comprensione dei processi ecologici che regolano il sistema. Il che, ricordiamolo, è possibile solo se si ha una stima regolare e realistica della dimensione fattiva di una data popolazione (e qui rientrerebbe in gioco l'Ispra o chi per esso). Ma il nostro areale, si potrebbe obbiettare, è più vasto e irregolare di quelle delle Americhe, che hanno di qua e di là due oceani che incanalano i flussi migratori. Mentre l'Eurasia è più larga che lunga. Verissimo. Ma intanto si potrebbe cominciare a rifletterci su. Tenendo conto che - per esempio nel nostro paese - abbiamo già una discreta cognizione delle linee di spostamento delle popolazioni migranti e dei contingenti che ogni stagione si ripresentano. E soprattutto delle ragioni che ne determinano la presenza. Sempre grazie in gran parte ai cacciatori. Che, forse, individuando e sostenendo una via italiana al concetto in ipotesi, potrebbero essere ancora di più e meglio padroni del loro destino. Oggi in mano a un manipolo di teorici e salottieri.


Il dibattito è aperto.
 

Cinzia Funcis

  

Leggi altri Editoriali

22 commenti finora...

Re:Il futuro potrebbe essere la gestione adattativa?

Nilo io propongo le riserve per dementi: diventeresti subito il capo!

da X Nilo 02/12/2018 21.56

Re:Il futuro potrebbe essere la gestione adattativa?

HH Hh h h ahah ah ah ah ah a hah a ha h hahah ah ah ah ah ah .

da Risonte 02/12/2018 15.42

Re:Il futuro potrebbe essere la gestione adattativa?

Proporrei di istituire delle riserve per cacciatori, come furono istituite le riserve dei pellerossa, ed una volta l'anno consentire l'apertura della caccia di fantoziana memoria, così saremmo tutti felici e contenti.

da Nilo 02/12/2018 11.16

Re:Il futuro potrebbe essere la gestione adattativa?

vero Johnny un pagliativo per far finta di essere DEMOCRATICI mentre sono regimi autoritari a tutti gli effetti! ATC un vero schifo a spese del contribuente !!!

da Rio 30/11/2018 12.36

Re:Il futuro potrebbe essere la gestione adattativa?

Riguardo gli atc giornalieri, a me sembra che non ci sia la volontà di qualcuno a far cacciare altri nel proprio Atc. Basterebbe poco per rendere la domanda compilabile on line. Ognuno coltiva il proprio orticello, la creazione degli Atc ha fatto questo, ma non fa bene alla caccia

da Johnny 30/11/2018 7.49

Re:Il futuro potrebbe essere la gestione adattativa?

Credo che sia l'unica strada per consentire alla caccia di sopravvivere. Bisogna garantire però l'autorevolezza dei dati e dei censimenti e qui i cacciatori dovrebbero essere parte molto attiva. DA qui i piani di prelievo che dovrebbe significare che se ci toccano tre tordi a testa quelli sono e che però potrebbero toccarci 100 storni e cento fringueli etc ..credo di essermi spiegato. Non orientare da subito la pressione venatorio su specie che stanno in salute è un grosso errore che pagheremo caro..

da francesco 28/11/2018 17.32

Re:Il futuro potrebbe essere la gestione adattativa?

MIGRATORIA LIBERA !!! MALDETTI ATC DEL CAZZO!

da RIO 28/11/2018 17.17

Re:Il futuro potrebbe essere la gestione adattativa?

A me hanno detto che anche per un giorno ci vuole il tesserino. Piangete sempre che i soldi di tasse agli ATC non bastano e poi quando ve li vogliono dare li rifiutate. E' possibile che voi in Basilicata non trovate un modo per dare i permessi giornalieri (Euro 20 per la cronaca) senza che lo si venga a prendere alla sede ATC. Roba da mettere sul corriere dei piccoli. Pace e bene

da jamesin 28/11/2018 14.45

Re:Il futuro potrebbe essere la gestione adattativa?

Lanciamo uno spot : licenza stop: e vediamo che succede per 2 anni .

da Ilario 28/11/2018 13.10

Re:Il futuro potrebbe essere la gestione adattativa?

stessa cosa a Rovigo un permesso al giorno che devi andare a prendere il giorno prima io abito a 100 chilometri che faccio ? non posso andare e cosi i soliti mafiosetti ne approfittano !! la trasparenza e democrazia in Italia è UTOPIA!!

da GIOVANNI 28/11/2018 10.10

Re:Il futuro potrebbe essere la gestione adattativa?

Il fatto è che neanche se vuoi cacciare soldi per avere un permesso giornaliero ti facilitano il compito. Per avere un permesso giornaliero in ATC3 Basilicata (PZ) per la sola migratoria, da Salerno te lo devi andare a prendere alla sede ATC facendo 100 Km ad andare e 100 a tornare. Ma dico io per una sola giornata di caccia quanto mi deve costare questo permesso ? Non basterebbe fare un mandato su conto corrente indirizzato all'ATC. Care AAVV anche queste sono le cose che ci stanno facendo perdere la passione, per cui meglio una gestione UE, vanno molto meglio i selvatici, l'ambiente e i cacciatori, solo così si potrà riprendere la caccia. Pace e bene.

da jamesin 27/11/2018 12.51

Re:Il futuro potrebbe essere la gestione adattativa?

Con simile articolo ,io mi limito a scrivere..Oche a migliaia e in Italia non si cacciano.. Storni invasivi e si agirano le regole con ridicole deroghe e solo in qualche regione.Colombacci in alcune zone sono invasivi e dannosi in agricoltura ,andrebbero sparati come in Scozia,stanno sostituendo i torraioli a far dano sulle semine...Ma .....

da T el C 27/11/2018 9.04

Re:Il futuro potrebbe essere la gestione adattativa?

Iniziativa lodevole, ma che fine farebbero le sigle ambientaliste non potendo più interferire con le loro ricerche e numeri strampalati, di parte contro una gestione della fauna così concepita? La vedo molto dura se non si toglie la manopola del vapore a costoro che l'hanno voluta a spallate.

da giusva 27/11/2018 8.11

Re:Il futuro potrebbe essere la gestione adattativa?

Per dialogare si deve anche ascoltare, le nostre parole , gli studi sulla telemetria satellitare non li vogliono prendere in considerazione meglio far riferimento ai vecchi e obsoleti testi Ispra . L’articolo è interessante, l’applicazione solo in altri paesi con meno feudi

da Johnny 26/11/2018 21.48

Re:Il futuro potrebbe essere la gestione adattativa?

Lo dicevamo già 5 anni fa, vedasi la data del post che avevo conservato. 11 gennaio 2014 alle 12:30 CALENDARIO VENATORIO EUROPEO BECCACCIA Art. 1) – E’ possibile cacciare detta specie esclusivamente in caccia vagante in non più di due persone per un periodo annuale continuativo e complessivo massimo di mesi CINQUE, che dovrà essere individuato da ogni stato aderente all’UE. Art. 2) – Si potrà cacciare tre giorni a scelta a settimana, con un carniere massimo giornaliero consentito TRE capi ed uno complessivo non superiore a trenta capi. Art. 3) – E’ fatto obbligo versare una somma pro-capite di euro 30 all’UNICA fondazione europea per la tutela della specie, che avrà l’obbligo di impiegarla, per non meno dell’85% dell’intero importo ricevuto annualmente, ai fini dello studio/monitoraggio della specie e della conservazione degli habitat di nidificazione e svernamento della stessa. 4)Il cacciatore che abbatta detta specie dovrà inviarne un’ala alla citata detta fondazione, previo compilazione di un modulo informativo generale inerente il capo prelevato, gratuitamente ottenibile sia tramite web o richiedendolo direttamente al nr. verde XXXXXXXXXX. Le spese di spedizione sono a carico della Fondazione. Art. 5) – E’ possibile effettuare l’addestramento cani su detta specie nei periodi in cui non risulti cacciabile e in periodi, individuabili da ogni stato appartenente all’UE, in cui non si arrechi disturbo alla riproduzione DURANTE Il periodo del corteggiamento, LA COVA, LA SCHUSA DELLE UOVA fino a quatro mesi da essa. Art. 5) – Chi viola gli articoli di cui sopra incorre nella sospensione della licenza di caccia per anni DUE.<<<<<<<<<<<<< Quello che ha scritto la cara Cinzia io lo farei già da domani, solo che ci vogliono persone disinteressate all'Euro. Pace e bene.

da jamesin 26/11/2018 14.32

Re:Il futuro potrebbe essere la gestione adattativa?

No, il dibattito è chiuso. Perché ISPRA non ci sente. Si potrà scrivere e dire tante belle cose ma finché ISPRA rimarrà un organo politicizzato e controllato dagli animalisti di Pecoraro Scanio non ci sarà trippa per gatti. Il buon senso e la ragionevolezza spesso non vanno d'accordo con l'ideologia. Non siamo in Francia, purtroppo.

da Si, buonanotte 26/11/2018 13.53

Re:Il futuro potrebbe essere la gestione adattativa?

Felicitazioni per la sentenza e piena solidarietà a Piero Catturich Ducco per un contributo scientifico che ISPRA neanche si sogna di poter produrre da qui ai prossimi 70 anni. Saluti

da ERMES74 26/11/2018 12.18

Re:Il futuro potrebbe essere la gestione adattativa?

Basterebbe comunque che alcune nazioni guida, come ad esempio francia spagna italia grecia decidessero di adottare a casa propria il metodo. la Face, che è guidata da queste nazioni, e le altre nazioni del nord che dal canto loro ne hanno interesse, potrebbero dare il via al meccanismo, nelle aree direttamente interessate. per le specie principali d'interesse mediterraneo, beccaccia, tordi, beccaccino, colombacci, tortore, pavoncelle, quaglie, non sarebbe neanche tanto difficile selezionare le principali aree di nidificazione e di provenienza. Basta volerlo. Ma, come leggo anche qui sotto, ci vorrebbero volontà di vertice che oggi latitano, soprattutto fra chi urla di più. Tant'è vero che alla Face ormai aderiscono solo un paio di associazioni italiane, impegnandosi anche a fornire tecnici esperti e ricerche. mentre le altre sproloquiano e basta.

da W. l'Avventura 26/11/2018 11.45

Re:Il futuro potrebbe essere la gestione adattativa?

le soluzioni semplici diventano le più difficili da attuare, troppi interessi diretti e indiretti ostacoleranno il tutto, non si riesce ad avere un accordo interno in una nazione immaginiamoci in tutta europa.-

da claudio 26/11/2018 11.15

Re:Il futuro potrebbe essere la gestione adattativa?

Cara Cinzia conoscerai la nota favole del lupo e dell’agnello che Pur essendo a valle fu accusato di intorbidire l’acqua al lupo che stava a monte. Questo per dire che qualunque cosa proporrai gli ambientalisti ladri di denaro pubblico che campano sulle spalle di chi lavora si mettteranno di traverso e i giornalisti puttane e venduti faranno da grancassa. Come se ne può uscire: SPUTTANANDO TUTTI RACCONTANDO COME STANNO LE COSE AD ESEMPIO CHI HA FATTO NASCERE E FINANZIATO LE PIÙ GRANDI ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE MONDIALI CHE SERVONO A COPRIRE CHI AVVELENA IL PIANETA. Altro che Stroppa è Striscia la Notizia. Ma le ns aavv sono in coma profondo

da Ladri di futuro 26/11/2018 11.15

Re:Il futuro potrebbe essere la gestione adattativa?

Il cambiamento, gentile Sig.ra Funcis, potrà avvenire solo se le rare menti illuminate, colte, intelligenti e capaci di comunicare in maniera intellegibile ai più come lei, comprenderanno che tanta capacità non può esimersi dall'assumere ruoli di primo piano nel traghettare le nuove generazioni verso una caccia ancora,scientificamente, possibile. Non solo attraverso i suoi illuminanti scritti, ma anche e soprattutto attraverso incarichi dirigenziali rappresentativi che, se lei fosse disponibile, qualcuno DOVREBBE affidarle. Con sentita stima

da Sergio Ventura 26/11/2018 10.44

Re:Il futuro potrebbe essere la gestione adattativa?

meritevole l'iniziativa che a mio parere porterebbe un valore aggiunto alla nostra passione. MA, siamo sicuri che nel nostro bel paese Italia ci possa essere una serena ed obbiettiva riflessione? gli animalisti e le Istituzioni (ISPRA) avranno un approccio scevro da retorica e demagogia? ho dei dubbi, il giro dei loro affari e cadreghe sono per loro troppo importanti. Spero che le AA.VV. veramente unite facciano qualcosa in tal senso e riflettano su questa possibilità (sarebbe ora) .

da Ettore 26/11/2018 10.40